Click here to load reader

A SCUOLA con LINUX e la Lavagna Multimediale IC. PAGANELLI Scuola Primaria Bauer Scuola Primaria Lincoln Scuola Primaria Sardegna by Carlo Crippa

  • View
    225

  • Download
    2

Embed Size (px)

Text of A SCUOLA con LINUX e la Lavagna Multimediale IC. PAGANELLI Scuola Primaria Bauer Scuola Primaria...

  • Slide 1
  • a SCUOLA con LINUX e la Lavagna Multimediale IC. PAGANELLI Scuola Primaria Bauer Scuola Primaria Lincoln Scuola Primaria Sardegna by Carlo Crippa
  • Slide 2
  • 2 LABORATORIO BAUER Come oggi
  • Slide 3
  • 3 Come era prima
  • Slide 4
  • 4 Dopo un anno di sperimentazione del software Fuss e di utilizzo sistematico del laboratorio di informatica possiamo trarre alcune considerazioni. Avere un laboratorio con installato il medesimo software offre loccasione di supportare e integrare le attivit curricolari. Il software didattico ha permesso lo svolgimento di attivit individuali, per coppie di aiuto e modeling tra pari Laccesso ad internet dalle aule costituisce una finestra sul mondo, un potente strumento didattico.
  • Slide 5
  • 5
  • Slide 6
  • 6
  • Slide 7
  • 7
  • Slide 8
  • 8
  • Slide 9
  • 9
  • Slide 10
  • 10
  • Slide 11
  • 11 una distribuzione specifica per la scuola sia Primaria che Secondaria di 1 Grado.
  • Slide 12
  • 12 Lanalisi dei numeri coinvolti ha portato molti osservatori del settore a ritenere FUSS come uno dei progetti di maggior importanza a livello europeo, oltre che a considerarlo come uniniziativa senza precedenti nel suo genere, soprattutto per la sua organizzazione e struttura in termini di elevato coinvolgimento degli insegnanti sotto il profilo partecipativo e della formazione tecnologica, che segna unevoluzione nei processi e nella storia dellutilizzo del software libero nella scuola in Italia
  • Slide 13
  • 13 La modularit: la distribuzione FUSS Soledad pu essere assemblata e scomposta per adeguarsi ai diversi ordini di scuola e ambiti formativi. Lindipendenza: la distribuzione stata progettata per essere gestita in maniera autonoma dalle scuole e dal personale scolastico. Ladattabilit, ovvero la capacit di evolversi nel tempo ed adeguarsi alle necessit in continua variazione della didattica. La replicabilit: i risultati ed il materiale prodotti possono essere impiegati in qualsiasi contesto didattico, di qualunque ordine anche al di fuori della Provincia altoatesina
  • Slide 14
  • 14
  • Slide 15
  • 15
  • Slide 16
  • 16 dalla Circolare sulladozione libri di testo Per le prime tre classi della scuola primaria, le istituzioni scolastiche valuteranno l'opportunit e la praticabilit della progressiva introduzione di libri di testo in versione on line o mista. A tale proposito, opportuno considerare che - come sottolineano autorevoli studi - il rapporto con la realt e l'approccio alla conoscenza dei cosiddetti "nativi digitali", ovvero i nostri piccoli e grandi studenti, sono ormai significativamente diversi da quelli dei "figli di Gutenberg".
  • Slide 17
  • 17
  • Slide 18
  • Lespressione digital natives, letteralmente nativi digitali, stata coniata da Marc Prensky, scrittore statunitense e ideatore di videogiochi didattici, per riferirsi alle generazioni nate dopo lavvento delle tecnologie digitali. Secondo Prensky, i nativi digitali si destreggiano con naturalezza tra computer, telefoni cellulari e Internet e padroneggiano i nuovi linguaggi della comunicazione proprio come una popolazione indigena nel suo ambiente originario: raccolgono informazioni da molte fonti differenti e le elaborano rapidamente, prediligendo i video e le immagini alla fruizione dei testi e organizzando la conoscenza in connessioni reticolari anzich in sequenza.
  • Slide 19
  • 19
  • Slide 20
  • Slide 21
  • In opposizione ai digital natives, Prensky definisce digital immigrants (immigranti digitali), le generazioni che hanno appreso in et adulta a utilizzare le tecnologie digitali. Gli immigranti, abituati a lavorare su carta e non sullo schermo, adattano i loro comportamenti acquisiti al nuovo ambiente digitale: ad esempio stampano documenti digitati al computer per revisionarli oppure telefonano al destinatario di una mail per avere conferma della ricezione. La generazione degli immigranti preferisce avere poche fonti di informazione selezionate, da elaborare in sequenza, e privilegia il testo scritto utilizzando immagini e video solo come complemento. 21
  • Slide 22
  • Secondo Prensky, la tecnologia digitale ha prodotto una forte discontinuit, un gap generazionale che non circoscritto solo al gergo o alle mode, ma riguarda i processi di pensiero e di elaborazione dellinformazione. In ambito educativo, le differenze tra digital natives e immigrants rappresentano un problema da risolvere: gli insegnanti, in grande maggioranza immigranti, hanno difficolt a comunicare con gli studenti, a riconoscere e comprendere comportamenti e processi cognitivi nuovi e applicano, nella didattica e nella valutazione, criteri tradizionali che non prendono in considerazione le abilit necessarie per vivere in un mondo digitale. 22
  • Slide 23
  • 23 In The New Millenium Learner: Challenging our Views on ICT and Learning,The New Millenium Learner: Challenging our Views on ICT and Learning pubblicato nel 2006, l'OCSE definisce New Millennium Learners la generazione di studenti nati a partire dagli anni '80 e cresciuti in ambiente popolato da media digitali. I millenials prediligono l'accesso ai contenuti in formato elettronico, sono abituati a comunicare sempre e dovunque tramite computer e cellulari, apprendono meglio attraverso le immagini ed elaborano le informazioni secondo processi non lineari. Questa generazione che usa creativamente le tecnologie e ha sviluppato abilit di multitasking, ovvero capace di pensare e fare molte cose allo stesso tempo, rappresenta una sfida per i sistemi educativi ancora oggi basati prevalentemente sul testo scritto e su una rigida organizzazione di contesti formali. Ripensare la scuola per i millennials, secondo l'OCSE, implica una integrazione maggiore delle tecnologie digitali nell'ambiente di apprendimento in favore delle aspettative e delle abilit cognitive delle giovani generazioni.
  • Slide 24
  • 24 Per i digital immigrants: Lingua digitale = L2 (spesso appresa da grandi) Per i digital natives: Lingua digitale = L1 (ma naturalmente bilingui)
  • Slide 25
  • 25 Statistiche Pi di 9 giovani europei su 10 dichiarano di utilizzare gli strumenti di ricerca molto frequentemente La posta elettronica utilizzata dal 69% di loro 7 giovani su 10 usano programmi di messaggeria istantanea 60% dei giovani dichiara di scaricare materiali (soprattutto musica) dalla Rete 67% ascolta musica o la radio in Internet 18% dichiara di avere un blog; 18% un sito Web 95% degli adolescenti europei ha un cellulare personale Lo utilizzano pi come strumento per scrivere messaggi (79%) che per telefonare (65%). Comunicano soprattutto con i loro amici
  • Slide 26
  • 26 Notizie tratte da: www.slideshare.net www.scuola-digitale.it www.scuoladigitale.cefriel.it http://www.nova-multimedia.it/webTV/ Convegno: Nati digitali Digital media, dal consumo allintervento educativo Rivoltella Digital Kids, una razza in via di apparizione Ferri www. dschola.it /
  • Slide 27
  • 27 Segnalati al concorso nazionale il Sognalibro 2009 Premio Andersen Opera di: Dylan Limay Licia Sgarella Classe 2^A scuola Bauer Cinisello Balsamo