e20 rivista

  • View
    222

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of e20 rivista

  • E20 SECSERVIZISTRATEGIE E TECNOLOGIE PER IL CREDITO E LA FINANZA

    012015

    DAL DATA QUALITY ALLADATA GOVERNANCE:

    LESPERIENZA DI SEC SERVIZI

    Risultati raggiunti e scenari futuri

    SEC AUMENTALA PERFORMANCE:IL NUOVO MAINFRAME Aggiornamento dellhardware con nuove tecnologie

    EVOLUZIONEMULTICANALIT SEC Evoluzione dellinterazione Banca/Cliente

    LA CIRCOLARE 263Nuove Disposizioni

    di Vigilanza Prudenziale

    LA NUOVA FIRMAGRAFOMETRICA

    SU TABLET: la firma autografa elettronica

    con valore legale

    TARGET2 SECURITIESPiattaforma tecnica comuneper il regolamento contestualedelle transazioni in titoli

  • E20 03

    EDITORIALE

    Il 2015 sar un anno molto importante per SEC Servizi, un anno in cui lAzienda avr, ancora una volta, la possibilit di dimostrare la propria capacit di affrontare sfide importanti. Di fatto il difficile con-testo economico in cui ancora ci troviamo ad operare ed i profondi cambiamenti dellodierna societ ci spingono al cambiamento. Svi-luppare nuovi strumenti e nuove metodologie in grado di supporta-re il quotidiano lavoro dei nostri Clienti: sar questo lObiettivo. Oggi pi che mai mantenere alta la qualit dei servizi ad un prezzo com-petitivo risulta un must dal quale non possiamo prescindere. Le linee guida delineate per il prossimo futuro confermano lapproccio gi intrapreso negli ultimi anni, ponendo particolare attenzione allo sviluppo progettuale, allinnovazione e alle attivit di ottimizzazione interna in linea con le esigenze del mercato. Questi sono stati e sempre pi saranno i fattori di successo di domani.

    Presidente SEC SERVIZI

    Samuele Sorato

    Samummmmmmmmmm ele Sorato

    EDITORIALEUn anno di sfide e cambiamenti per SEC Servizi

    E20 SECSERVIZISTRATEGIE E TECNOLOGIE PER IL CREDITO E LA FINANZA

    012015

    DAL DATA QUALITY ALLADATA GOVERNANCE:

    LESPERIENZA DI SEC SERVIZI

    Risultati raggiunti e scenari futuri

    SEC AUMENTALA PERFORMANCE:IL NUOVO MAINFRAME Aggiornamento dellhardware con nuove tecnologie

    EVOLUZIONEMULTICANALIT SEC Evoluzione dellinterazione Banca/Cliente

    LA CIRCOLARE 263Nuove Disposizioni

    di Vigilanza Prudenziale

    LA NUOVA FIRMAGRAFOMETRICA

    SU TABLET: la firma autografa elettronica

    con valore legale

    TARGET2 SECURITIESPiattaforma tecnica comuneper il regolamento contestualedelle transazioni in titoli

    In copertina:

    Levoluzione digitale a portata di mano

    Samuele Sorato

    Presidente SEC Servizi

    EditoreSEC SERVIZI S.c.p.AVia Transalgardo, 1 - 35129 PadovaTelefono 049 2297570E-mail: segreteriagenerale@secservizi.itFax 049 2297550

    Direttore ResponsabileRobert Hassan

    Progetto editoriale e graficoSEC SERVIZI

    StampaCENTROOFFSET MASTERMestrino - Padova

    Hanno collaboratoAspergh Giada, Balzano Giuseppe, Beggiato Carlo, Biscaro Manuel, Cerreti Sergio, Cicognani Anna, Daniele Davide, Della Ratta Vincenzo, Esposito Scandaletti Martina, Fantin Ruggero, Fortini Francesca, Meggiato Silvia, Palma Mara, Quercia Antonio, Querini Pamela, Roberti Vittory Paolo, Signorelli Renato, Tarozzi Andrea, Zennaro Luigi, Zuppa Cesare.

    Autorizzazione del Tribunale n. 1690 del 5 Dicembre 2007

    E20STRATEGIE E TECNOLOGIE PER IL CREDITO E LA FINANZA

    01012015

    SECSERVIZI

  • sommE2020

    TARGET2 SECURITIESPiattaforma tecnica comune per il regolamento contestuale delle transazioni in titoli

    ...la collaborazione fra SEC Servizi e le

    proprie Banche Clienti/Socie la garanzia per il

    conseguimento degli obiettivi

    Nel luglio del 2008 la Banca centrale europea ha dato av-vio al progetto TARGET2-Securities (T2S), con lobiettivo di creare ed offrire a tutti i depositari centrali in titoli (CSD - Central Securities Depository), una piattaforma tecnica comune per il regolamento contestuale delle transazioni in titoli, domestiche e transfrontaliere, sia per la componente titoli sia per il controvalore in moneta di banca centrale. Attualmente ogni CSD regola secondo il proprio set up tecnico e rispettando le norme di legge nazionali. Linte-razione tra CSD inefficiente e costosa. Lavvio di T2S, previsto per la fine di giugno 2015, si prefigge tre principali finalit:

    consentire agli intermediari di regolare tutte le tran-sazioni in titoli concluse sui mercati europei utilizzan-do un unico conto di regolamento, con netti benefici in termini di gestione della propria liquidit;

    ridurre sensibilmente il costo di regolamento delle transazioni transfrontaliere, fino a renderlo uguale a quello delle transazioni domestiche;

    armonizzare le modalit operative e standardizzare i processi di regolamento, favorendo in tal modo la competizione tra i depositari centrali nellofferta di servizi a pi elevato valore aggiunto.

    A regime pertanto T2S sar determinante per superare la complessit e frammentazione dellattuale infrastrut-tura del mercato europeo, composto di oltre 30 diversi sistemi di regolamento titoli, aumentando la trasparenza e la concorrenza fra CSD europei.La data di go-live della prima wave (ne sono pianifica-te quattro entro il 6/2/2017) prevista per il 22 giugno 2015, e comprende i depositari centrali di Italia, Grecia, Malta, Romania e Svizzera.

    20 | TARGET2 SECURITIES Piattaforma tecnica comune per il regolamento contestuale delle transazioni in titoli

    E20 17

    MULTICANALIT

    EVOLUZIONE MULTICANALIT SECEvoluzione dellinterazione Banca/Cliente

    definire un piano evolutivo delle

    Multicanalit

    Nellattuale contesto bancario osserviamo una graduale evolu-zione del rapporto Banca-Cliente che impone di rivedere in ma-niera strutturata il modo in cui viene oggi analizzato, compreso e di conseguenza servito il Cliente stesso. Tale evoluzione rappre-senta anche unimportante opportunit per il sistema Bancario Italiano ed Internazionale che, con strategie differenti, le Banche Italiane stanno cogliendo e sviluppando. Sempre di pi i canali alternativi alla Filiale sono utilizzati dai clienti per operazioni informative/dispositive, nonostante il ruolo della Filiale rimanga ancora cruciale soprattutto sui temi di advisory:

    Si riduce drasticamente loperativit in Filiale (circa il 15% annuo in meno) con parallela crescita nellutilizzo dei canali self service (ATM, Internet Banking e Mobile Banking in testa circa il 40% in pi dei versamenti totali veicolati su ATM); il contatto umano rimane cruciale per la vendita di prodotti complessi (in Italia circa l80% delle vendite ancora esegui-to in Filiale mentre in Europa anche la vendita si sposta sui canali remoti);

    Cresce il ruolo dei canali diretti nella fase di prevendita, diven-tando sempre pi importante per contattare e coinvolgere il Cliente (+4% nel 2013 lincremento dei clienti che utilizzano il web per cercare informazioni prima di acquistare un prodotto finanziario in Italia);

    Il Cliente diventa sempre pi inter-canale e orientato alle nuove tecnologie (circa l80% delle interazioni Banca-Clien-te avviene al di fuori del canale Filiale e circa il 25% dei clienti effettua oltre il 90% delle operazioni attraverso i canali diretti).

    La trasformazione digitale dei consumatori italiani ormai evi-dente e anche i clienti delle Banche sono ormai sempre pi abi-tuati a relazionarsi con la Banca stessa, attraverso nuovi canali dinterazione:

    17 | EVOLUZIONE MULTICANALIT SEC Evoluzione dellinterazione Banca/Cliente

    E20 13

    LEAN THINKING

    LAPPLICAZIONE DEI PRINCIPI LEAN

    AL GOVERNO DEI PROGETTIFilosofia del fare

    percorso di apprendimento organizzativo e miglioramento del

    rendimento aziendale

    Come anticipato in precedenti articoli, Lean Thinking non solo un metodo organizzativo e lavorativo che mira a sviluppare dei processi snelli, cio liberati da ogni spreco e a valore ma una filosofia del fare orientata al miglioramento continuo. Que-sto approccio quanto mai appropriato nel mondo di oggi, che pu vivere solo attraverso uneconomia sostenibile: non c pi margine per sprecare, occorre fare sempre meglio.Per il settore dei servizi, e in particolare dei servizi finanziari (Banche e Assicurazioni) in cui la qualit e i costi del servi-zio, ma anche linnovazione, dipendono dalla robustezza dei processi e dei progetti ad essi associati questa fase diventa fondamentale e costituisce un percorso privilegiato di appren-dimento organizzativo e di miglioramento delle performance aziendali.Lesperienza evidenzia che il vantaggio competitivo basa-to solamente sulle tecnologie risulta efficace solo nel breve termine. Per realizzare una reale sostenibilit fondamentale sviluppare idee, misurare e gestire efficacemente gli asset in-tangibili, ovvero le competenze aziendali, il lavoro di squadra, la flessibilit, la corretta comunicazione.SEC Servizi ha iniziato la diffusione operativa del Lean attra-verso cantieri. Dopo il primo finalizzato al miglioramento della gestione del demand ordinario, si iniziato un nuovo cantiere nello sviluppo dei progetti. Lanalisi della situazione attuale ha consentito di individua-re chiari punti di miglioramento lavorando direttamente nel Gemba col team:

    Affidabilit delle specifiche, ossia necessit di avere chiara comprensione delle esigenze del cliente.

    Visione non sempre integrale dei progetti complessi. Possibilit di migliorare la sincronia tra i differenti attori del

    progetto (azienda, fornitori, clienti interni ed esterni).

    13 | LAPPLICAZIONE DEI PRINCIPI LEAN AL GOVERNO DEI PROGETTI Filosofia del fare

    E2008

    Nel corso degli ultimi anni il tema del Data Quality stato uno dei pi trattati nel settore bancario: lesigen-za di avere informazioni affidabili e tempestive una necessit derivante sia dalle richieste del business (Governo aziendale e modelli evoluti di Risk Mana-gement, Pianificazione, Marketing