of 22 /22
Ulrich von Wilamowitz-Moellendorf „Der deutsche Kujawiak‘‘

Ulrich von Wilamowitz-Moellendorf „Der deutsche Kujawiakhome.bautz.de/neuerscheinungen-2016/pdf/9783959480963.pdf · storia e diritto romano, Theodor Mommsen,5 e il figlio ... 15.09.1936)

  • Author
    ngodiep

  • View
    216

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Ulrich von Wilamowitz-Moellendorf „Der deutsche...

Ulrich von Wilamowitz-Moellendorf Der deutsche Kujawiak

Studia Classica et Mediaevalia

Band 11

hrsg. von Paolo Fedeli und Hans-Christian Gnther

Accademia di studi italo-tedeschi, Merano

Akademie deutsch-italienischer Studien, Meran

Antonio Tibiletti

Ulrich von Wilamowitz-Moellendorf Der deutsche Kujawiak

Verlag Traugott Bautz GmbH

Bibliografische Information Der Deutschen Nationalbibliothek Die Deutsche Nationalbibliothek verzeichnet diese Publikation in der Deutschen Nationalbibliografie; detaillierte bibliografische Daten sind

im Internet ber http://dnb.d-nb.de abrufbar.

Verlag Traugott Bautz GmbH 99734 Nordhausen 2016 ISBN 978-3-95948-096-3

Erexi monumentum, equidem non aeque perenne

illius ac Venusini, autem mi testis apertus

ALOYSIO LEHNUS

VIRO DOCTO DISCENDI DOCENDI PERITO

DEBEO FERO

Indice

Premessa 9

Marian Plezia. Nota biografica 11

Marian Plezia,

Ulryk von Wilamowitz-Moellendorff, Strzelno 1983 15

Appendice

Cattedre di filologia classica nelle pi importanti

universit tedesche tra XIX e XX secolo 59

Bibliografia 67

Indice dei nomi 87

Fotografie 93

Crediti fotografici 95

Premessa

Questo libro nasce dalla domanda che due anni orsono posi al prof. Luigi

Lehnus, mio relatore per la laurea magistrale a Milano: esiste una biografia

di Wilamowitz?

La risposta immediata fu un no. In effetti non c documento

migliore per conoscere la vita del deutscher Kujawiak se non le sue

Erinnerungen. Da qualche decennio, poi, stata accantonata limpostazione

agiografica dello scrivere bioi per lasciare spazio agli scritti vivi e

parlanti, lettere, cartoline e annotazioni personali, alla pubblicazione dei

quali ormai da anni William Calder, primo tra tanti, dedica le sue energie.

Riflettendo qualche altro istante, al professore venne in mente

lopuscolo del polacco Marian Plezia, da lui mai scovato in alcuna delle

numerose biblioteche visitate. Ho avuto la fortuna di reperirlo in una

libreria antiquaria in Germania; un libretto di una quindicina di pagine

molto fitte, con qualche fotografia gi nota e niente pi. Ho ritenuto tuttavia

che valesse la pena divulgarne il contenuto, testimonianza della sincera

ammirazione dellautore per lillustre collega e conterraneo.

una biografia singolare; la definirei piuttosto un racconto della

vita e della persona di Wilamowitz con un marcato interesse per il suo

legame con la Polonia. A Plezia piace indugiare su aneddoti di geografia,

storia e cultura della sua terra, dalla descrizione del boschetto che accoglie

il piccolo cimitero della famiglia Wilamowitz ai diversi cenni di letteratura

e folklore locale: desidera, in somma, presentare Wilamowitz ai polacchi,

renderlo loro familiare. Le Erinnerungen, cos in modo affascinante

10

ricche di minuziose e accorate memorie, ne sono fonte, ispirazione,

ossatura; ulteriori notizie sono attinte dallAutobiografia giovanile del

1863, che Plezia pot leggere e conoscere sulla rivista Greek, Roman, and

Byzantine Studies del 1971.

Multum multis debeo. Sono grato innanzitutto al prof. Hans-

Christian Gnther che con favore ha accolto nella collana Studia Classica

et Mediaevalia questo umile contributo, e al presidente della Polskie

Towarzystwo Turystyczno-Krajoznawcze w Strzelnie, il sig. Zbigniew

Domaski, per averne acconsentita la pubblicazione. Grazie anche al prof.

Wodzimierz Appel e al sig. Jacek Sech, che si sono occupati della

rivalutazione del cimitero della famiglia Wilamowitz, senza la preziosa

collaborazione dei quali non avrei potuto raggiungere il traguardo.

La mia rinoscenza va infine al prof. Arnd Kerkhecker per la sua

guida feconda, i suoi consigli e la sua sempre generosa presenza, e al prof.

Luigi Lehnus, dal quale molto ho avuto il privilegio di imparare in materia

di storia della filologia e della cultura classica, sempre cos prodigo nel

condividere dettagli sui protagonisti della scienza dellantichit, tanto

curiosi e talvolta stravaganti quanto paradigmatici di una devozione e

dedizione alla filologia vissuta come Gesamtforschungswerk. A lui dedico

il libretto, paucum pro multo.

Berna, 21 Ottobre 2015 A. Tibiletti

Marian Plezia

Nota biografica

MARIAN PLEZIA (Cracovia 26.02.1917 03.11.1996) ottenne il dottorato

(1944) allUniversit Jagellonica di Cracovia con Tadeusz Sinko; fu un

filologo classico ed esperto di storia medievale polacca, membro della

Polska Akademia Umiejtnoci di Cracovia (PAU Accademia polacca

della Cultura) e della Polska Akademia Nauk di Varsavia (PAN

Accademia polacca delle Scienze). Qui fu professore dellInstytut Jzyka

Polskiego (Istituto di Lingue), e tra il 1953 e il 1988 editore del Lexicon

Mediae et Infimae Latinitatis Polonorum titolo polacco Sownik aciny

redniowiecznej w Polsce, IVIII [RSto], Wrocaw / Krakw / Warszawa

19532011, un dizionario della lingua latina in uso in Polonia tra il X e il

XVI secolo, comprendente finora circa settanta fascicoli: il sito internet di

riferimento www.scriptores.pl/lexicon.

Opere di carattere storico-culturale e letterario: Kronika

Galla na tle historiografii XII wieku, Krakw 1947; Palatyn Piotr

Wostowicz. Sylwetka z dziejow Slaska w XII wieku, Warszawa 1947 (sulla

figura storica e dai contorni leggendari del voivoda della Slesia Piotr

Wostowicz); Cronica Petri Commitis Poloniae wraz z tzw. Carmen

Mauri, Krakw 1951; Greckie i aciskie roda do najstarszych dziejow

Sowian, Pozna / Krakw 1952, una raccolta di fonti latine e greche per la

storia antica degli Slavi; Dookoa reformy szkolnej Stanisawa

Konarskiego: studia klasyczne pijarw polskich, Lublin 1953 (sulla riforma

scolastica attuata da Stanisaw Konarski nel XVIII secolo); Ancient culture

http://www.scriptores.pl/lexicon

12

in Poland: a Millennium, Eos 56 (1966) 138145; Sredniowieczne

ywoty i cuda patronow Polski, Warszawa 1987 (sulle vite e i miracoli dei

patroni polacchi nel Medioevo, con J. Pleziow); Mistrza Wincentego

zwanego Kadubkiem Kronika polska, Krakw 1994 (cronaca polacca di

Maestro Vincenzo); Jakub de Voragine. Zota legenda: wybor, Warszawa

2000 (con J. Pleziow); Dookoa sprawy witego Stanisawa: studium

rodoznawcze, Krakw 2003 (sulla storia di San Stanislao).

Studi critici su Aristotele e aristotelismo: De Ciceronis

Academicis dissertationes tres, Eos 37 (1936) 425449; 38 (1936) 1030

e 169186; De Andronici Rhodii studiis Aristotelicis, Cracoviae 1946; De

Hermippi vita Aristotelis, in K. Kumaniecki (ed.), Charisteria: Thaddaeo

Sinko oblata, Varsoviae 1951, 271287; De Aristotelis epistulis

observationes criticae, Eos 45 (1951) 7785; Aristotelis qui ferebatur

Liber de pomo, Varsoviae 1960; Aristotelis epistularum fragmenta cum

testamento, Varsoviae 1961; The human face of Aristotle, C&M 22

(1961) 1631; Supplementary remarks on Aristotle in the ancient

biographical tradition, Eos 51 (1961) 241249; De Ptolemaeo

pinacographo, Eos 63 (1975) 3742; Aristotelis privatorum scriptorum

fragmenta, Lipsiae 1977; Arystoteles i arystotelizm, Meander 34 (1979)

320; De quodam Aristotelis epistularum fragmento Arabice tradito, RF

27 (1979) 135139; De Aristotelis biographis, Meander 36 (1981) 481

493; De Ptolemaei vita Aristotelis, in J. Wiesner (ed.), Aristoteles. Werk

und Wirkung, I, Berlin / New York 1985, 111; Encore sur la Vie

dAristote de Ptoleme, LEC 54 (1986) 383385.

13

Storia della filologia classica: Ulryk von Wilamowitz-

Moellendorff, Strzelno 1982 (trad. tedesca a c. di K. Fuhrmann fr den

internen Gebrauch in Forschung und Lehre Philologisches Seminar der

Eberhard-Karls-Universitt Tbingen 1988); Z dziejw filologii klasycznej

w Polsce, Warszawa 1993.

Miscellanea: Scripta Minora, acina redniowieczna i Wincenty

Kadubek, Krakw 2001.

Su M. Plezia: J. Gra, Jeeli jest si inteligentem: Jan Gora OP

rozmawia z wujem, prof. Marianem Plezia, Pozna 1997; K. Pawowski,

Wykaz prac naukowych Mariana Plezia, Meander 52 (1997) 343375

(elenco delle pubblicazioni). Nel medesimo numero della rivista sono

raccolti diversi contributi su persona, vita e studi di Marian Plezia.

Marian Plezia, Ulryk von Wilamowitz Moellendorff, Strzelno 1983

Diese Kultur ist eine Einheit []. Die Aufgabe der Philologie ist, jenes

vergangene Leben durch die Kraft der Wissenschaft wieder lebendig zu machen,

das Lied des Dichters, den Gedanken des Philosophen und Gesetzgebers, die

Heiligkeit des Gotteshauses und die Gefhle der Glubigen und Unglubigen,

das bunte Getriebe auf dem Markte und im Hafen, Land und Meer und die

Menschen in ihrer Arbeit und in ihrem Spiele. Auch hier wie in aller

Wissenschaft [] ist das Verwundern ber das Unverstandene der Anfang; das

reine beglckende Anschauen des in seiner Wahrheit und Schnheit

Verstandenen ist das Ziel. Weil das Leben, um dessen Verstndnis wir ringen,

eine Einheit ist, ist unsere Wissenschaft eine Einheit. (Gesch. der Phil. 1)

A sud-ovest di Inowrocaw, nel bosco che separa i paesini di Markowice e

di Wymysowice, si trova un cimitero ormai dimenticato e al quale non

facile arrivare senza laiuto di una guida. Non un cimitero di guerra,

quanto piuttosto un luogo privato un tempo oggetto di accurata

manutenzione, appartenuto a una famiglia di Markowice e oggi coperto di

vegetazione, con lapidi parzialmente divelte e logorate dal morso del

tempo. Si erge, in discreto stato di conservazione, una stele quadrilaterale

alta pi di due metri, semplice, fatta di pietre di campo;1 reca una scritta in

tedesco: Giacciono qui i resti di Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff,2

nato 22.12.1848, morto 25.09.1931, e Maria von Wilamowitz-Moellendorff

1 W. Appel (1994) 427430. Vd. fotografie a pp. 9394. 2 Ulrich Friedrich Wichard Enno von Wilamowitz-Moellendorff (Markowice 22.12.1848 Berlino 25.09.1931), figlio di Arnold e Ulrike von Calbo, fratello di Hugo

Theodor Wichardt (18.06.1840 21.08.1905), Tello (15.03.1843 02.07.1903), Marie

Margaretha (16.11.1847 24.11.1847) e Georg Wichard (23.04.1852 02.07.1910). Per

la vita, vd. almeno Calder (1971) 561577; (1974) 1726; (1979) 151157; (1981) 34

51; Solmsen (1979) 89122; ma principalmente U. von Wilamowitz-Moellendorff,

Erinnerungen 18481914, Leipzig 1928, 19292 [WB2 791, 804]. Bibliografia completa in

AmstrongBuchwaldCalderLffler (20122) [WB2].

16

della famiglia Mommsen,3 nata 28.06.1855, morta 15.09.1936. Sul lato

opposto, in rilievo, il ritratto di un giovane: Tycho von Wilamowitz-

Moellendorff,4 nato 16.11.1885, ucciso il 15.10.1914 nei pressi di

Ivangorod. Sono nomi celebri nel panorama culturale europeo: Ulrich fu

professore di fama mondiale nelle Universit di Greifswald, Gottinga e

Berlino; Maria, sua moglie, era figlia di un non meno noto studioso di

storia e diritto romano, Theodor Mommsen,5 e il figlio Tycho si era

3 Maria Mommsen (28.06.1855 15.09.1936) era la figlia maggiore di Theodor

Mommsen e moglie di Wilamowitz. Vd. Kpf (2004). 4 Tycho von Wilamowitz-Moellendorff (16.11.1855 15.10.1914) era il figlio

maggiore di Ulrich. Per lui i genitori avevano scelto il nome del fratello di Maria (FM

258: diedi il suo nome [di Tycho Mommsen] al primo dei miei figli ed egli rispose

nobilmente, con un verso di Pindaro. Tyche la salvatrice [Pind. Ol. 12,2

], da lui invocata, ha mandato al giovinetto fiducioso ancora nella vittoria una morte

precoce sul campo dellonore [morto in battaglia a Ivangorod / Dblin], proprio come

fanno gli dei con i loro prediletti). Eduard Fraenkel ne ammir moltissimo la tesi di

dottorato (1913) Die dramatische Technik des Sophokles, Berlin 1917 [WB2 582],

postuma: cfr. Lloyd-Jones (1972) 214228. Su Tycho vd. CalderBierl (1991c) 257283

e Lehnus (1996) 203210. 5 Christian Matthias Theodor Mommsen (30.11.1817 01.11.1903), storico romano,

professore di diritto romano allUniversit di Zurigo (dal 1852) e di Breslavia (dal 1854).

Nel 1858 divenne membro dellAccademia delle Scienze di Berlino e professore di storia

romana allUniversit di Berlino (1861-1887). Animatore del Corpus Inscriptionum

Latinarum, lavor ai Monumenta Germaniae Historica (di cui cur la sezione degli

Auctores Antiquissimi), pubblic il Corpus Iuris Civilis di Giustiniano e il Codex

Theodosianus. Nel 1902 ottenne il Premio Nobel per la Letteratura grazie allopus

maximus Rmische Geschichte, IIII, Leipzig 18541856: 5 libri in 3 volumi dalle

origini di Roma alla battaglia di Tapso. Il quinto volume (libro 8) venne pubblicato con il

sottotitolo Die Provinzen von Caesar bis Diokletian, Berlin 1885, mentre il quarto

volume mancante, sulla Roma imperiale, oggi disponibile nellopera A. Demandt,

Theodor Mommsen. Rmische Kaisergeschichte, Mnchen 1992, edizione degli appunti

presi da Sebastian e Paul Hensel alle lezioni di Mommsen negli anni 18821886 (parte I:

da Augusto a Vespasiano; parte II: da Vespasiano a Diocleziano; parte III: da

Diocleziano ad Alarico): cfr. Busche (1982) 25; Calder (1983) 295299 e Calder

Schlesier (1985) 161163. Su Mommsen vd. Rebenich (2002). Per il fitto scambio

epistolare con Wilamowitz, vd. W.M. Calder III R. Kirstein, Aus dem Freund ein

17

distinto come studioso del dramma greco prima di essere ucciso, ancora in

giovane et, durante la prima guerra mondiale. Che motivo ha una tomba

tedesca di trovarsi in un bosco polacco vicino a Strzelno in Kuyavia?

Poco pi a est da Strzelno correva il confine della spartizione russo-

prussiana che tagli in due la Kuyavia polacca per un secolo, dal 1815 al

1915.6 Verso la fine del XVIII secolo il podere di Markowice era propriet

della famiglia Malczewski7 e da essa fu venduto nel 1801 a W.

Kosmowski; costui a sua volta lo cedette, tre anni dopo, a Norbert

Zieliski,8 colonnello durante la rivolta di Kociuszko nonch padre del

poeta Gustaw Zieliski, nato nel 1809 a Markowice. Nel periodo

precedente alle guerre napoleoniche il governo prussiano concedeva crediti

alla szlachta (nobilt) polacca, e con lapertura dei porti sul Baltico per

lesportazione di cereali, questo port alla Wielkopolska (cio la Grande

Sohn. Theodor Mommsen und Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff. Briefwechsel.

1872-1903, Hildesheim 2003. 6 La prima spartizione avvenne il 5 agosto 1772: la Polonia fu divisa tra Russia (Livonia

e Bielorussia), Prussia (Varmia, Prussia Reale, Pomerania senza Danzica, parti della

Grande Polonia con la Kuyavia) e Austria (parti della Piccola Polonia e Galizia). La

seconda spartizione risale al 23 gennaio 1793: solo un terzo della popolazione rimase

allora in terra polacca. Lanno successivo Tadeusz Kociuszko (vd. infra n. 8) tent una

rivolta, subito regolata dallesercito russo-prussiano. Il 24 ottobre 1795 si procedette alla

terza spartizione fra i tre stati egemoni. Dopo le guerre napoleoniche il Congresso di

Vienna stabil una quarta spartizione dei territori tra Russia e Prussia, decretando lo

smembramento del Ducato di Varsavia e la nascita del Regno del Congresso (vd. infra n.

26). 7 FM 69. 8 Norbert Zieliski prese parte alla rivolta di Kociuszko (17461817) nel 1794. Il figlio

Gustaw (18091881), pittore, partecip alla Rivolta di Novembre, nota anche come

Rivoluzione Cadetta (18301831), e dopo la vittoria di Varsavia (25 gennaio 1831) fu

nominato ufficiale. Marci contro la Prussia sotto il comando del generale Maciej

Rybiski (17841874), che fu in seguito accusato della capitolazione di Varsavia nel

settembre 1931.

18

Polonia) un certo miglioramento economico, ma contemporaneamente

contribu alla speculazione e alla cessione ripetuta dei terreni da proprietari

ad acquirenti. Zieliski acquist Markowice con alcune altre aree vicine gi

cariche di ipoteche. Gli anni di liberazione della Grande Polonia dal

governo prussiano e la sua annessione al Ducato di Varsavia (18071815)

gravarono ulteriormente sulla condizione economica del paese, rendendo di

fatto insostenibili le spese per gli interventi bellici. Dopo il Congresso di

Vienna (1815) e la restituzione delle terre alla Prussia, gli istituti di credito

tedeschi gestirono con assoluta spregiudicatezza i beni che nel frattempo si

erano accresciuti. Markowice era indebitata con lOffizierswitwenkasse

(Associazione delle vedove degli ufficiali prussiani)9 con sede a Berlino,

che nel 1820 ne decret il sequestro; quattro anni dopo la cittadina fu

venduta allasta (sembra per pochi spiccioli) e riacquisita dallo stesso

istituto di credito. Amministrata in malo modo, gi nel 183610 la propriet

di Kuyavia fu rivenduta a uno szlachcic ventitreenne originario di

Wittemberg, Arnold Wilamowitz:11 questi era stato convinto a trasferirsi in

9 Fondata nel 1775 con il nome Kniglich Preuische Allgemeine Witwen-

verpflegungsanstalt e operante fino al 1882, provvedeva al pagamento di una pensione a

vedove (Witwengeld) e orfani (Waisengeld) di guerra. 10 FM 36. 11 Arnold Eugen Theodor Heinrich Tello Erdmann von Wilamowitz-Moellendorff (28.06.1813 02.01.1888, Frhr. 1864), fratello minore di Hugo Friedrich Erdmann

(29.12.1806 14.06.1865, Gf. 1857) e Ottokar Hans Theodor Erdmann (1811 1867,

Frhr. 1864), nati dal matrimonio tra Henriette Ernestine von Bonin e Theodor Daniel von

Wilamowitz (+ 1837), era padre di Ulrich.

19

Kuyavia dalla sorella maggiore Emma coniug. Schwanenfeld,12 che poco

tempo prima aveva vissuto nel non lontano paese di Kobylnik.

Proprio la moglie di Arnold, Ulrike della famiglia Calbo13 (di cui

lillustre figlio prese il nome), fond nel bosco di Markowice il piccolo

cimitero familiare, in modo che i padroni della tenuta e la loro servit, di

fede protestante, non dovessero essere sepolti nel cimitero polacco

appartenente alla chiesa.14 Ancora quarantanni fa il cimitero dei

Wilamowitz conservava un aspetto sontuoso; era un quadrato perfetto

circondato da muri, nel mezzo del quale correva un vialetto con vecchie

12 FM 35: a Kobelnik risiede il proprietario di numerosi poderi che gi prima erano

sotto lamministrazione di un Tedesco, finch un certo giovane von Schwanenfeld

[Johann] che viveva a Varsavia acquist la propriet nel 1789. Uno dei suoi discendenti

era ciambellano prussiano e spos la sorella maggiore di mio padre, Emma; da lei il

maggiore dei miei fratelli ha ereditato la propriet e vi ha costruito la nuova casa

padronale. Cfr. FM 67 e diffusamente 8184, dove Wilamowitz ricorda con gratitudine

la zia: poich con mio padre aveva fatto le veci di una madre, per sua moglie era un po

come una suocera e per tutti noi la persona a cui si doveva il massimo rispetto. [] Si

sentiva proprio come una sovrana, come un sole intorno al quale tutto il resto doveva

ruotare. 13 Ulrike Charlotte von Calbo (05.06.1820 26.06.1874), della quale il figlio prese il

nome. Cfr. Calder (1971) 566: erzog mich meine Mutter, deren Name ich trage (sie

heisst Ulrike) und ihr am hnlichsten bin, ganz allein, ohne zu commandieren und zu

himmeln,, wohl aber indem sie mich lehrte Gott und den Menschen zu gefallen zu

streben. FM 7374 ricorda con stima ed affetto la madre, menziona la sua malattia,

morte e sepoltura (Lo presi [scil. il vicario cattolico] da parte nel roseto e gli dissi: Se

non fa suonare le campane, la cerimonia avr luogo la mattina del giorno di San Pietro e

Paolo [] e vedremo dove andranno i suoi fedeli, se da Lei o dalla loro signora. Le

parole ebbero effetto: fece suonare le campane come volevo. Il corteo fu immenso), e

parla della famiglia von Calbo. 14 FM 7374.

20

thuje americane.15 Venuti a mancare i padroni, con il passare del tempo il

boschetto di Markowice invase il territorio del cimitero, le tombe

sprofondarono e furono coperte dalla vegetazione; oggi pochi sanno che in

quel luogo riposa uno dei pi grandi umanisti degli anni a cavallo tra XIX e

XX secolo. Eppure qualche tempo fa la gente vi si recava per onorare la

memoria del noto studioso; uno di questi pellegrinaggi stato descritto

dal prof. Witold Klinger,16 che l si era recato nel 1937 con un gruppo di

studenti dellUniversit di Pozna.

I Wilamowitz erano una famiglia di origine polacca: ne conferma

il cognome con il tipico suffisso polacco -ic(z), quale si riscontra nelle

parole staroc-ic, wojewodz-ic, pan-icz. Tale suffisso esprime il

patronimico: come Piotrowicz tempo fa significava figlio di Piotr e

Klemensiewicz figlio di Klemen, cos il nome Wilamowic definiva il

figlio di Wilam, cio Wilhelm.17 Wilamowice vale a dire i discendenti

di Wilam nome di pi duna citt in Polonia. I Wilamowitz esibivano il

blasone polacco Ogoczyk18 (prima della guerra lo si poteva intravedere

nella tenuta di Markowice, oggi non pi esistente); essi appartenevano a

una famiglia lituano-polacca che nel XVIII secolo si era trasferita

15 Klinger (1937) 74. La Thuja una conifera della famiglia delle Cupressaceae, noto in

America con il nome di Arborvitae; qui, in particolare, ci si riferir alla specie

occidentalis, originaria del Nord America e del Canada. 16 Witold Wincenty Szymon Klinger (28.10.1875 05.05.1962), filologo classico,

professore dellUniversit di Pozna e studioso di storiografia greca e di lirica greca e

latina. Cfr. Klinger (1937) 7280. 17 FM 85 n. 22. 18 Stemma condiviso da diverse famiglie della szlachta polacca: cfr. Znamierowski

(2004).

21

attraverso la Slesia in Prussia, dove si era infine germanizzata. Acquis la

seconda parte del cognome, Moellendorff, dal vecchio Feldmarschall

federiciano W. von Moellendorff,19 che dopo la seconda spartizione (1793)

era insediato in Wielkopolska. Il nonno dellacquirente di Markowice

(Arnold) non conosceva il tedesco,20 suo figlio Theodor (padre di Arnold)

si era distinto sotto la bandiera prussiana nella battaglia di Iawa (1807)21

contro Napoleone.

Arnold nonostante si ritenesse tedesco e onorasse fedelmente la

dinastia degli Hohenzollern che regn in Prussia fino al 1918 conservava,

a quanto pare, non poche caratteristiche dello szlachcic polacco: si

occupava di cavalli22 e di agricoltura e scambiava con i vicini polacchi (o

almeno con alcuni di essi) i tre baci di saluto;23 non riusc mai a perdonare

al figlio la scelta di intraprendere la professione di studioso piuttosto che

diventare un ufficiale di cavalleria come il fratello maggiore Tello.24 La

conferma dei buoni rapporti con il vicinato polacco arriv nel 1848 quando,

durante la Primavera dei Popoli, il governo prussiano in Wielkopolska fu

19 Wichard Joachim Heinrich von Moellendorff (Lindenberg 07.01.1704 Havelberg

28.01.1816), Generalfeldmaschall prussiano, nel 1813 adott la famiglia dei

Wilamowitz. Cfr. NDB 17 (1994) 629. Per il ramo familiare dei Moellendorff, cfr.

almeno NDB 17 (1994) 628. 20 Cfr. Calder (1971) 565 n. 15. 21 Battaglia di Eylau (8 febbraio 1807). Per il ricordo del maresciallo di campo che

aveva vinto combattendo per il vecchio Fritz la battaglia di Leuthen e del Grovater

Wilamowitz da lui adottato, cfr. FM 85. 22 FM 87. 23 FM 49. 24 FM 87.

22

improvvisamente sconvolto e molti occupanti tedeschi lasciarono di

conseguenza quelle terre. Ai Wilamowitz era stata assegnata una guardia

polacca, non tanto per sorvegliarli, quanto per proteggerli.25 La situazione

si rovesci nuovamente ed ebbero luogo persecuzioni contro gli insorti: la

moglie di Arnold ebbe cuore daiutare un conoscente polacco inseguito

dalle truppe prussiane a fuggire nel Regno26 attraverso il vicino confine.27

Per tutti questi motivi i Wilamowitz si potevano considerare gi allora

patrioti prussiani, e al figlio trasmisero gli stessi sentimenti.

Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff nacque il 22.12.184828 a

Markowice, dove trascorse linfanzia fino allet di quattordici anni,

quando i genitori lo mandarono al rinomato ginnasio di Schulpforte sul

fiume Saale;29 nella sua cittadina torn spesso, seppur per brevi periodi,

25 FM 48. 26 Il Regno del Congresso, in polacco Krlestwo Polskie Kongresowe (18141831),

nacque in seguito alla dissoluzione del Ducato di Varsavia (18071815) e venne

associato allimpero russo. 27 FM 4849. 28 Calder (1971) 564: Am 22ten December 1848 bin ich, Ulrich Friedrich Wichard von

Wilamowitz-Moellenforff geboren, und zwar Mittags Schlag zwlf, und das eines

Freitags []. Mein Geburtsort ist nmlich das Gut meines Vaters, Markowitz, zu

Deutsch Garbenheim benamset.In den noch heut verrufnen Wldern Kujaviens belegen,

hat es mit seinen Nachbarfluren das gemeinsam, dass es keinen Wald hat, den kaum

irgendwo ist solcher Holzmangel als im Netzdistrict, welcher circa 80 q.Meiln gross

allenfalls doch die Bedeutung hatte, bei der ersten Theilung Polens miterwhnt zu

warden, zum Beispiel Ostfriesland bertrifft er an Grsse, Fruchtbarkeit und Bedeutung

fr die preussische Geschichte. 29 Sugli anni a Pforta, cfr. FM 91117 e le giovanili memorie dellAutobiografia del

1867 pubblicata da Calder (1971) 569571. In particolare Wilamowitz annota nei suoi

ricordi (pp. 9192): voglio solo descrivere la scuola, testimoniare ad essa e ai miei

amati professori la mia gratitudine. Alcuni anni fa usc un libro che conteneva una

raccolta di commenti personali sugli anni di scuola: rifiutai di collaborarvi, spinto dal