Click here to load reader

ALLEGATO 3: IL CURRICOLO VERTICALE - 2° Circolo Mercato ... · 1 CURRICOLO VERTICALE Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria Sommario Il Profilo dello studente

  • View
    214

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of ALLEGATO 3: IL CURRICOLO VERTICALE - 2° Circolo Mercato ... · 1 CURRICOLO VERTICALE Scuola...

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Via Don Gaetano Fimiani, 1

(Fraz. SantAngelo) 84085 Mercato S. Severino (SA) Tel/Fax: 089/894822 C.F. 80038670651 C.M. SAEE0700V

Sognav

o

non c nulla che sia pi ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali

(Don Milani

Lettera ad Una

professoressa)

non c nulla che sia pi ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali

(Don Milani

Lettera ad Una

professoressa)

non c nulla che sia pi ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali

(Don Milani

Lettera ad Una

professoressa)

Sognavo di pote na

r un giorn

ALLEGATO 3: IL CURRICOLO VERTICALE

Voglio apprendere a vivere Edgar Morin

1

CURRICOLO VERTICALE

Scuola dellInfanzia e Scuola Primaria

Sommario

Il Profilo dello studente ............................................................................................................................................................................................................................... 3

Le competenze-chiave ................................................................................................................................................................................................................................. 4

Competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dellistruzione obbligatoria competenze chiave di cittadinanza .................................................................. 5

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELLINFANZIA ....................................................................................................................................................................................... 7

Il s e laltro ................................................................................................................................................................................................................................................. 8

Il corpo e il movimento .............................................................................................................................................................................................................................. 13

Immagini, suoni, colori .............................................................................................................................................................................................................................. 17

I discorsi e le parole ................................................................................................................................................................................................................................... 21

La conoscenza del mondo ......................................................................................................................................................................................................................... 25

Religione Cattolica ..................................................................................................................................................................................................................................... 30

Imparare ad imparare ................................................................................................................................................................................................................................ 35

Spirito di iniziativa e imprenditorialit ...................................................................................................................................................................................................... 39

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA ............................................................................................................................................................................................. 42

Italiano ....................................................................................................................................................................................................................................................... 43

Lingua Inglese ............................................................................................................................................................................................................................................ 62

Storia.......................................................................................................................................................................................................................................................... 74

Geografia ................................................................................................................................................................................................................................................... 82

Matematica ............................................................................................................................................................................................................................................... 89

Scienze ..................................................................................................................................................................................................................................................... 107

Musica ..................................................................................................................................................................................................................................................... 118

2

Arte e immagine ...................................................................................................................................................................................................................................... 123

Tecnologia ............................................................................................................................................................................................................................................... 130

Educazione Fisica ..................................................................................................................................................................................................................................... 141

Religione Cattolica ................................................................................................................................................................................................................................... 147

Imparare a Imparare ................................................................................................................................................................................................................................ 153

Competenze Sociali e Civiche .................................................................................................................................................................................................................. 159

Spirito di Iniziativa e Imprenditorialit (o Intraprendenza) ..................................................................................................................................................................... 166

Glossario .................................................................................................................................................................................................................................................. 170

3

Il Profilo dello studente Il profilo dello studente alla fine del primo ciclo composto da traguardi che si ispirano direttamente alle otto competenze chiave.

Il profilo descrive, in forma essenziale, le competenze riferite alle discipline di insegnamento e al pieno esercizio della cittadinanza, che un ragazzo

deve mostrare di possedere al termine del primo ciclo di istruzione. Il conseguimento delle competenze delineate nel profilo costituisce lobiettivo

generale del sistema educativo e formativo italiano.

Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola, lo studio personale, le esperienze educative vissute

in famiglia e nella comunit, in grado di iniziare ad affrontare in autonomia e con responsabilit, le situazioni di vita tipiche della propria

et, riflettendo ed esprimendo la propria personalit in tutte le sue dimensioni.

Ha consapevolezza delle proprie potenzialit e dei propri limiti, utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri,

per riconoscere ed apprezzare le diverse identit, le tradizioni culturali e religiose, in unottica di dialogo e di rispetto reciproco. Interpreta

i sistemi simbolici e culturali della societ, orienta le proprie scelte in modo consapevole, rispetta le regole condivise, collabora con gli altri

per la costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilit. Si impegna per portare a compimento il lavoro

iniziato da solo o insieme ad altri.

Dimostra una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessit, di esprimere

le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni.

Nellincontro con persone di diverse nazionalit in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese e di affrontare una

comunicazione essenziale, in semplici situazioni di vita quotidiana.

Utilizza la lingua inglese nelluso delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione.

Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analizzare dati e fatti della realt e di verificare lattendibilit

delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri. Il possesso di un pensiero razionale gli consente di affrontare problemi e situazioni

sulla base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni complesse che non si prestano

a spiegazioni univoche.

Si orienta nello spazio e nel tempo dando espressione a curiosit e ricerca di senso; osserva ed interpreta ambienti, fatti, fenomeni e

produzioni artistiche.

Ha buone competenze digitali, usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare e analizzare dati ed informazioni,

per distinguere informazioni attendibili da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di verifica e per interagire con

soggetti diversi nel mondo.

Possiede un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove

informazioni ed impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo.

Ha cura e rispetto di s, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. Assimila il senso e la necessit del rispetto della convivenza

civile. Ha attenzione per le funzioni pubbliche alle quali partecipa nelle diverse forme in cui questo pu avvenire: momenti educativi

informali e non formali, esposizione pubblica del proprio lavoro, occasioni rituali nelle comunit che frequenta, azioni di solidariet,

manifestazioni sportive non agonistiche, volontariato, ecc.

Dimostra originalit e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilit e chiede aiuto quando si trova in difficolt e sa fornire aiuto

a chi lo chiede.

In relazione alle proprie potenzialit e al proprio talento si impegna in campi espressivi, motori ed artistici che gli sono congeniali.

disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le novit e gli imprevisti.

4

Le competenze-chiave Il sistema scolastico italiano assume come orizzonte di riferimento verso cui tendere il quadro delle competenze chiave per lapprendimento

permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dellUnione europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE)).

Le competenze-chiave per lapprendimento permanente sono un insieme di conoscenze, abilit e attitudini appropriate al contesto.

In particolare sono necessarie per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva e linclusione sociale.

Limpegno a far conseguire tali competenze a tutti i cittadini europei, indipendentemente dalle caratteristiche proprie di ogni sistema scolastico

nazionale, non implica ladozione di ordinamenti e curricoli scolastici conformi ad uno stesso modello. Al contrario, la diversit di obiettivi specifici,

di contenuti e di metodi di insegnamento, cos come le differenze storiche e culturali di ogni paese, pur orientati verso le stesse competenze

generali, favoriscono lespressione di una pluralit di modi di sviluppare e realizzare tali competenze (Indicazioni nazionali per il Curricolo 2012).

Si riporta di seguito la definizione ufficiale delle otto competenze-chiave (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18

dicembre 2006 (2006/962/CE)).

1) La comunicazione nella madrelingua la capacit di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma

sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e

in modo creativo sul piano linguistico in unintera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica

e tempo libero.

2) La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilit richieste per la comunicazione nella madrelingua.

La comunicazione nelle lingue straniere richiede anche abilit quali la mediazione e la comprensione interculturale. Il livello di padronanza

di un individuo varia inevitabilmente tra le quattro dimensioni (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione

scritta) e tra le diverse lingue e a seconda del suo retroterra sociale e culturale, del suo ambiente e delle sue esigenze ed interessi.

3) La competenza matematica labilit di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni

quotidiane. Partendo da una solida padronanza delle competenze aritmetico - matematiche, laccento posto sugli aspetti del processo e

dellattivit oltre che su quelli della conoscenza. La competenza matematica comporta, in misura variabile, la capacit e la disponibilit a

usare modelli matematici di pensiero (pensiero logico e spaziale) e di presentazione (formule, modelli, schemi, grafici, rappresentazioni).

La competenza in campo scientifico si riferisce alla capacit e alla disponibilit a usare linsieme delle conoscenze e delle metodologie

possedute per spiegare il mondo che ci circonda sapendo identificare le problematiche e traendo le conclusioni che siano basate su fatti

comprovati. La competenza in campo tecnologico considerata lapplicazione di tale conoscenza e metodologia per dare risposta ai desideri

o bisogni avvertiti dagli esseri umani. La competenza in campo scientifico e tecnologico comporta la comprensione dei cambiamenti

determinati dallattivit umana e la consapevolezza della responsabilit di ciascun cittadino.

4) La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della societ dellinformazione per

il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa implica abilit di base nelle tecnologie dellinformazione e della comunicazione (TIC):

luso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonch per comunicare e partecipare

a reti collaborative tramite Internet.

5) Imparare a imparare labilit di perseverare nellapprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione

efficace del tempo e delle informazioni, sia a livello individuale che in gruppo. Questa competenza comprende la consapevolezza del proprio

processo di apprendimento e dei propri bisogni, lidentificazione delle opportunit disponibili e la capacit di sormontare gl i ostacoli per

apprendere in modo efficace. Questa competenza comporta lacquisizione, lelaborazione e lassimilazione di nuove conoscenze e abilit

come anche la ricerca e luso delle opportunit di orientamento. Il fatto di imparare a imparare fa s che i discenti prendano le mosse da

quanto hanno appreso in precedenza e dalle loro esperienze di vita per usare e applicare conoscenze e abilit in tutta una serie di contesti:

5

a casa, sul lavoro, nellistruzione e nella formazione. La motivazione e la fiducia sono elementi essenziali perch una persona possa

acquisire tale competenza.

6) Le competenze sociali e civiche includono competenze personali, interpersonali e interculturali e riguardano tutte le forme di

comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla

vita in societ sempre pi diversificate, come anche a risolvere i conflitti ove ci sia necessario. La competenza civica dota le persone degli

strumenti per partecipare appieno alla vita civile grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitici e allimpegno a una

partecipazione attiva e democratica.

7) Il senso di iniziativa e limprenditorialit concernono la capacit di una persona di tradurre le idee in azione. In ci rientrano la

creativit, linnovazione e lassunzione di rischi, come anche la capacit di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. una

competenza che aiuta gli individui, non solo nella loro vita quotidiana, nella sfera domestica e nella societ, ma anche nel posto di lavoro,

ad avere consapevolezza del contesto in cui operano e a poter cogliere le opportunit che si offrono ed un punto di partenza per le abilit

e le conoscenze pi specifiche di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad unattivit sociale o commerciale. Essa dovrebbe

includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon governo.

8) Consapevolezza ed espressione culturale riguarda limportanza dellespressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in unampia

variet di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.

Competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dellistruzione obbligatoria competenze chiave

di cittadinanza Lelevamento dellobbligo di istruzione a dieci anni intende favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del s, di corrette e significative

relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realt naturale e sociale.

Imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalit di

informazione e di formazione (formale, non formale e informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del

proprio metodo di studio e di lavoro.

Progettare: elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attivit di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze

apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorit, valutando i vincoli e le possibilit esistenti, definendo strategie

di azione e verificando i risultati raggiunti.

Comunicare o comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessit diversa, trasmessi

utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e

multimediali)

o rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati danimo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi

diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici

e multimediali).

Collaborare e partecipare: interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacit,

gestendo la conflittualit, contribuendo allapprendimento comune ed alla realizzazione delle attivit collettive, nel riconoscimento dei

diritti fondamentali degli altri.

6

Agire in modo autonomo e responsabile: sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i

propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunit comuni, i limiti, le regole, le responsabilit.

Risolvere problemi: affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate,

raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline.

Individuare collegamenti e relazioni: individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra

fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la

natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica.

Acquisire ed interpretare linformazione: acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso

diversi strumenti comunicativi, valutandone lattendibilit e lutilit, distinguendo fatti e opinioni.

7

CURRICOLO VERTICALE

SCUOLA DELLINFANZIA

8

CURRICOLO VERTICALE

FASE DI PROGETTAZIONE

Competenze Chiave europee: Competenze sociali e civiche

Campo di esperienza:

Il s e laltro Competenze relative al campo di esperienza:

Manifestare il senso dellidentit personale, attraverso lespressione consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti,

controllati ed espressi in modo adeguato.

Conoscere elementi della storia personale e familiare, le tradizioni della famiglia, della comunit, alcuni beni culturali, per sviluppare il

senso di appartenenza.

Porre domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversit culturali, su ci che bene o male, sulla giustizia.

Riflettere sui propri diritti e sui diritti degli altri, sui doveri, sui valori, sulle ragioni che determinano il proprio comportamento.

Riflettere, confrontarsi, ascoltare, discutere con gli adulti e con gli altri bambini, tenendo conto del proprio e dellaltrui punto di vista,

delle differenze e rispettandoli.

Giocare e lavorare in modo costruttivo, collaborativo, partecipativo e creativo con gli altri bambini.

Individuare e distinguere chi fonte di autorit e di responsabilit, i principali ruoli nei diversi contesti; alcuni fondamentali servizi

presenti nel territorio.

Assumere comportamenti corretti per la sicurezza, la salute propria e altrui e per il rispetto delle persone, delle cose, dei luoghi e

dellambiente; seguire le regole di comportamento e assumersi responsabilit.

Conoscenze:

- Il ruolo delle persone presenti a scuola che partecipano alla vita scolastica. - Regole fondamentali di convivenza. - Significato della regola. - Usi e costumi del proprio territorio, del paese e di altri paesi.

ANNI3

Abilit Micro-Abilit

Esprimere i propri bisogni e le proprie esigenze in modo

comprensibile

Comunicare verbalmente in modo comprensibile necessit e bisogni

Raccontare i propri vissuti Raccontare episodi del proprio vissuto stimolato dalle domande

dellinsegnante

Rispettare le proprie cose e quelle altrui Rispettare le proprie cose, quelle dei compagni e della comunit

scolastica

9

Giocare con i compagni stabilendo accordi Giocare con i compagni scambiando informazioni e stabilendo accordi

anche se di breve durata

Impegnarsi a modificare comportamenti non corretti Osservare le routine della giornata e accettare le regole nel gioco e

nel lavoro

Partecipare alle attivit collettive Partecipare con interesse alle attivit collettive

Recepire e accettare le osservazioni delladulto Ascoltare e accettare le osservazioni delladulto impegnandosi a

modificare comportamenti non corretti

Porre domande su di s e sulla propria storia Porre domande su di s, sulla propria storia, sulla realt

Interagire nel piccolo gruppo Apportare contributi e collaborare nel piccolo gruppo

ANNI 4

Abilit Micro-Abilit

Esprimere sentimenti e stati danimo in modo pertinente e corretto Esprimere bisogni, stati danimo e sentimenti in modo pertinente e

con frasi strutturate correttamente

Raccontare episodi della propria storia Raccontare episodi conosciuti della propria storia personale e porre

domande su aspetti meno noti del proprio vissuto

Rispettare le regole nel gioco e nel lavoro Rispettare cose proprie e altrui, regole di gioco e di lavoro, assumersi

alcune responsabilit

Prestare aiuto ai compagni pi piccoli o in difficolt Prestare aiuto ai compagni pi piccoli e a quelli in difficolt su invito

delladulto

Distinguere situazioni e comportamenti pericolosi e impegnarsi ad

evitarli

Distinguere situazioni e comportamenti potenzialmente pericolosi e

impegnarsi ad evitarli

Partecipare attivamente al gioco simbolico e alle attivit collettive Partecipare attivamente al gioco simbolico e con interesse alle attivit

collettive e alle conversazioni, intervenendo in modo pertinente

Riconoscere il ruolo delladulto e impegnarsi a seguire le sue

osservazioni

Riconoscere il ruolo delladulto e lautorevolezza delle sue

osservazioni impegnandosi a seguirne le indicazioni

Conoscere alcune tradizioni della propria comunit Conoscere alcune tradizioni della propria comunit

Accettare compagni portatori di differenze e stabilire con loro

relazioni

Accettare compagni portatori di differenti provenienze, culture,

condizioni personali e stabilire con loro relazioni

ANNI 5

Abilit Micro-Abilit

Riconoscere ed esprimere verbalmente emozioni e sentimenti

propri e altrui in modo pertinente e con lessico appropriato

Esprimere stati danimo e opinioni con lessico appropriato e in modo

pertinente; formulare ipotesi e valutazioni rispondendo a domande

stimolo delladulto

Riferire aspetti caratterizzanti della propria storia personale Conoscere e riferire la propria storia personale evidenziandone aspetti

significativi

10

Accettare e gradualmente rispettare la regole, i ritmi e le turnazioni Accettare e rispettare le persone, le cose, le regole e gli ambienti;

motivare la necessit di comportamenti corretti, assumersi la

responsabilit delle violazioni

Manifestare interesse per i compagni: ascoltare, interagire nella

comunicazione

Interessarsi ai compagni ascoltando, scambiando informazioni,

prendendo accordi

Individuare ed evitare comportamenti rischiosi Individuare comportamenti potenzialmente rischiosi, impegnarsi ad

evitarli , suggerire comportamenti di prevenzione del pericolo

Interagire con i compagni nel gioco e nelle attivit, collaborando nel

lavoro di gruppo

Interagire positivamente con i compagni nel gioco e nelle attivit;

collaborare in modo proficuo nel lavoro di gruppo

Superare la dipendenza dalladulto, assumendo iniziative e

portando a termine compiti e attivit in autonomia

Assumere iniziative idonee, ma indipendenti dalladulto, portando a

termine attivit e compiti autonomamente

Conoscere lambiente culturale attraverso lesperienza di alcune

tradizioni

Conoscere e descrivere verbalmente e graficamente le maggiori feste

e tradizioni della propria comunit, riferendone aspetti caratterizzanti

a richiesta delladulto

Accettare e rispettare compagni portatori di differenze, le loro

modalit e i loro tempi e stabilire con essi relazioni

Accettare e rispettare compagni portatori di differenze di

provenienza, cultura, condizione personale e stabilire con loro

relazioni, coinvolgendoli nei giochi e nelle attivit

FASE DI OSSERVAZIONE

Evidenze Compiti significativi

Riferire propri stati danimo e riconoscerli sugli altri; esprimerli in

modo appropriato

Conoscere e riferire eventi della storia personale e familiare e

tradizioni e usanze del proprio ambiente di vita

Formulare ipotesi e riflessioni sui doveri e sui diritti, sulla giustizia,

sulla corretta convivenza, sulle regole

Collaborare nel gioco e nel lavoro, portare aiuto

Osservare le regole poste dagli adulti e condivise nel gruppo

Osservare comportamenti rispettosi della salute e della sicurezza,

delle persone, delle cose, degli animali e dellambiente

Osservare comportamenti rispettosi e di accoglienza verso i

compagni nuovi o portatori di elementi di diversit per

provenienza, condizione, lingua, etc.

- Osservare immagini di persone o personaggi che illustrino espressioni di sentimenti e stati danimo e individuare i sentimenti

espressi e ipotizzare situazioni che li causano

- Discutere insieme e poi illustrare con simboli convenzionali le regole che aiutano a vivere meglio in classe e a scuola.

- Verbalizzare le ipotesi relative alle conseguenze dellinosservanza delle regole sulla convivenza.

- Costruire cartelloni, tabelle servendosi di simboli convenzionali per rilevare differenze e somiglianze tra gli alunni.

- Costruire cartelloni per illustrare il corpo umano. - Realizzare compiti e giochi di squadre. - Laboratorio propedeutico musicale - Festa dellalbero - Giornata mondiale alimentazione - Laboratorio teatrale - Uscita guidate - Manifestazione finale

11

FASE DI VALUTAZIONE

Livelli di padronanza

1 2 3 4

Esprime i propri bisogni e le

proprie esigenze con cenni e

parole frasi.

Interagisce con i compagni nel

gioco prevalentemente in coppia

o piccolissimo.

Osserva le routine della giornata

su istruzioni dellinsegnante.

Rispetta le regole di convivenza,

le proprie cose, quelle altrui, e in

condizioni di tranquillit.

Partecipa alle attivit collettive

mantenendo brevi periodi di

attenzione.

Si esprime attraverso enunciati

minimi comprensibili; racconta

propri vissuti con domande

stimolo dellinsegnante.

Gioca con i compagni.

Osserva le routine della

giornata, rispetta le proprie cose

e quelle altrui, le regole nel

gioco e nel lavoro, in condizioni

di tranquillit e prevedibilit;

recepisce le osservazioni

delladulto.

Partecipa alle attivit collettive.

Pone domande su di s, sulla

propria storia.

Accetta le osservazioni

delladulto di fronte a

comportamenti non corretti e si

impegna a modificarli.

Si esprime con frasi brevi e

semplici, ma strutturate

correttamente.

Esprime sentimenti, stati

danimo, bisogni in modo

pertinente e corretto; interagisce

con i compagni nel gioco e nel

lavoro scambiando informazioni,

opinioni, prendendo accordi e

ideando attivit e situazioni.

Partecipa attivamente al gioco

simbolico; partecipa con

interesse alle attivit collettive e

alle conversazioni intervenendo

in modo pertinente su questioni

che riguardano lui stesso.

Collabora in modo proficuo al

lavoro di gruppo. Presta aiuto ai

compagni pi piccoli o in

difficolt su sollecitazione

delladulto.

Rispetta le cose proprie e altrui e

le regole nel gioco e nel lavoro,

assumendosi la responsabilit

delle conseguenze di

comportamenti non corretti

contestati dalladulto.

Riconosce lautorit delladulto,

sensibile alle sue osservazioni e

si impegna ad aderirvi.

Pone domande sulla propria

storia, ma ne racconta anche

Esprime le proprie opinioni e i

propri stati danimo in modo

pertinente e con lessico

appropriato, formulando anche

valutazioni e ipotesi sulle cause

e sulle azioni conseguenti da

intraprendere, rispondendo a

domande stimolo delladulto.

Partecipa alle conversazioni

intervenendo in modo pertinente

e ascoltando i contributi degli

altri.

Interagisce positivamente con i

compagni nel gioco e nel lavoro,

prendendo accordi, ideando

azioni, scambiando informazioni,

collaborando anche

proficuamente nel lavoro di

gruppo

Presta aiuto di propria iniziativa

a compagni pi piccoli o in

difficolt

Rispetta le regole, le persone, le

cose e gli ambienti e sa motivare

la ragione dei corretti

comportamenti, assumendosi la

responsabilit e le conseguenze

delle violazioni.

Conosce gli eventi salienti della

propria storia personale e le

maggiori feste e tradizioni della

propria comunit, sapendone

12

episodi che gli sono noti;

conosce alcune tradizioni della

propria comunit.

Accetta i compagni portatori di

differenze di provenienza,

cultura, condizione personale e

stabilisce relazioni con loro come

con gli altri compagni.

Distingue le situazioni e i

comportamenti potenzialmente

pericolosi e si impegna ad

evitarli.

riferire anche aspetti

caratterizzanti, a richiesta

delladulto.

Individua i comportamenti

potenzialmente rischiosi, si

impegna ad evitarli, sa riferirli ai

compagni, suggerendo anche i

comportamenti preventivi.

Accetta i compagni portatori di

differenze di provenienza,

cultura, condizione personale e

stabilisce relazioni con loro come

con gli altri compagni; coinvolge

nei giochi e nelle attivit i nuovi

venuti e presta loro aiuto,

autonomamente o su richiesta

delladulto.

13

CURRICOLO VERTICALE

FASE DI PROGETTAZIONE

Competenze Chiave europee: consapevolezza ed espressione culturale

Campo di esperienza:

Il corpo e il movimento Competenze relative al campo di esperienza:

Conoscere il proprio corpo; padroneggiare abilit motorie di base in situazioni diverse

Partecipare alle attivit di gioco e di sport, rispettandone le regole; assumere responsabilit delle proprie azioni e per il bene comune

Utilizzare gli aspetti comunicativo - relazionali del messaggio corporeo

Utilizzare nellesperienza le conoscenze relative alla salute, alla sicurezza, alla prevenzione e ai corretti stili di vita

Conoscenze:

- Il corpo e le differenze di genere - Regole di igiene del corpo e degli ambienti - I pericoli dellambiente e i comportamenti sicuri e corretti

ANNI 3

Abilit Micro-Abilit

Alimentarsi e vestirsi Vestirsi e svestirsi da solo con indumenti privi di asole, bottoni o

lacci; mangiare da solo

Riconoscere segnali del proprio corpo Chiedere di accedere ai servizi igienici; osservare le principali

abitudini digiene personale

Individuare e nominare le principali parti del proprio corpo Indicare e nominare le parti del proprio corpo; individuare le

differenze di genere

Controllare schemi motori statici e dinamici Controllare schemi motori statici e dinamici di base: sedersi,

camminare, correre, saltare, saltellare, strisciare, rotolare; seguire

semplici ritmi

Individuare alcune situazioni di pericolo Individuare alcune situazioni di pericolo ed evitarle

Controllare la coordinazione in attivit motorie Controllare la coordinazione oculo-manuale in attivit grosso-motorie

e sommariamente nella manualit fine

Interagire con i compagni Partecipare ai giochi in coppia e collettivi e interagire con i compagni

Esercitare le potenzialit del corpo Esercitare le potenzialit sensoriali, conoscitive, relazionali ed

espressive del corpo

14

Rispettare le regole dei giochi Rispettare le regole dei giochi

ANNI 4

Abilit Micro-Abilit

Alimentarsi e vestirsi Vestirsi e svestirsi da solo maneggiando bottoni e asole di grandi

dimensioni; mangiare correttamente

Riconoscere i segnali del proprio corpo Osservare in autonomia pratiche digiene personali

Individuare e nominare le parti del corpo Indicare e nominare le parti e le principali funzioni del proprio corpo;

riconoscere le differenze di genere; disegnare lo schema corporeo

Padroneggiare gli schemi motori statici e dinamici di base Controllare schemi motori statici e dinamici di base: sedersi,

camminare, correre, saltare, saltellare, strisciare, arrampicarsi,

rotolare, stare in equilibrio; muoversi seguendo accuratamente ritmi

Individuare situazioni pericolose presenti nellambiente di vita Individuare situazioni pericolose presenti nellambiente di vita,

indicarle ai compagni e alladulto ed evitarle

Controllare la coordinazione in attivit motorie che implicano luso di

attrezzi

Controllare la coordinazione oculo-manuale in compiti di manualit

fine che non richiedono movimenti di elevata precisione (tagliare,

colorare, punteggiare, piegare)

Interagire con i compagni Interagire con i compagni proficuamente prendendo accordi e

ideando nuovi giochi

Esercitare le potenzialit del corpo Esercitare le potenzialit sensoriali, conoscitive, relazionali ed

espressive del corpo

Rispettare le regole dei giochi Rispettare le regole dei giochi e accettare larbitrato e le osservazioni

delladulto

ANNI 5

Abilit Micro-Abilit

Aver cura di s in autonomia Aver cura di s: svestirsi e vestirsi, lavarsi e mangiare in autonomia,

maneggiare asole e bottoni; mangiare compostamente

Riconoscere i segnali del proprio corpo con buona autonomia Osservare le pratiche quotidiane di igiene e pulizia personale e

indicarle ai compagni pi piccoli

Nominare, indicare, rappresentare le parti del corpo ed individuare le

diversit di genere

Individuare, nominare, indicare e disegnare il corpo; descrivere le

funzioni delle sue parti; distinguere le diversit di genere

Controllare gli schemi motori di base statici e dinamici Controllare schemi motori statici e dinamici di base: sedersi,

camminare, correre, saltare, saltellare, strisciare, arrampicarsi,

rotolare, stare in equilibrio e valutare la propria forza; muovere il

corpo seguendo ritmi ed eseguendo semplici danze

Distinguere azioni e comportamenti potenzialmente dannosi alla

sicurezza e alla salute

Individuare, evitare e indicare a compagni e adulti situazioni

pericolose e comportamenti dannosi per la salute presenti

nellambiente di vita

15

Coordinare i movimenti in attivit che implicano luso di attrezzi Controllare la coordinazione oculo-manuale in attivit motorie che

richiedono luso di attrezzi e controllare in maniera accurata alcune

operazioni di manualit fine: colorare, piegare, tagliare seguendo

una linea, seguire una riga in un foglio riproducendo sequenze

grafiche o il proprio nome

Interagire con i compagni Interagire con i compagni proficuamente prendendo accordi e

ideando nuovi giochi, coordinare i propri movimenti con quelli dei

compagni nei giochi di gruppo evitando rischi per s e per gli altri

Esercitare le potenzialit del corpo Esercitare le potenzialit sensoriali, conoscitive, relazionali ed

espressive del corpo, esprimere messaggi intenzionali attraverso il

corpo con danze, giochi mimici e ritmici, drammatizzazioni,

espressioni di sentimento

Rispettare le regole dei giochi Rispettare le regole dei giochi e accettare eventuali sconfitte

FASE DI OSSERVAZIONE

Evidenze Compiti significativi

Individuare e nominare le parti del proprio corpo e descriverne le

funzioni; individuare e riconoscere segnali del proprio corpo

(respirazione, battito cardiaco, fame, sete, dolore, ecc.)

Individuare elementi connessi alle differenze di genere

Individuare semplici norme di igiene e di salute per proprio corpo e

osservarle

Gestire in autonomia alcune azioni di routine di vita quotidiana:

mangiare utilizzando le posate, vestirsi, svestirsi, utilizzare i servizi

igienici

Padroneggiare gli schemi motori di base statici e dinamici

Controllare la motricit fine in operazioni di routine: colorare,

piegare, tagliare, eseguire semplici compiti grafici

Controllare i propri movimenti per evitare rischi per se e per gli altri;

osservare comportamenti atti a prevenire rischi

Esprimere intenzionalmente messaggi attraverso il corpo:

espressione non verbale, danze, drammatizzazioni, giochi di mimo

Eseguire giochi di movimento individuali e di squadra rispettando i

compagni, le cose, le regole.

- Individuare e disegnare il corpo e le parti guardando i compagni o guardandosi allo specchio; denominare parti e funzioni; eseguire

giochi motori dellindividuazione, accompagnati da giochi sonori

(canzoncine, ritmi) per la denominazione.

- Ideare ed eseguire danze per esercitare diverse parti del corpo: camminate su un piede, saltellare; accompagnare una filastrocca

o un ritmo con un gioco di mani, ecc.

- Eseguire esercizi e danze con attrezzi - Eseguire semplici giochi di squadra, rispettando le regole date - In una discussione con i compagni, individuare nellambiente

scolastico potenziali ed evidenti pericoli e ipotizzare

comportamenti per prevenire i rischi; individuare comportamenti

di per s pericolosi nel gioco e nel movimento e suggerire il

comportamento corretto

- In una discussione di gruppo, individuare, con il supporto dellinsegnante, comportamenti alimentari corretti e nocivi; fare

una piccola indagine sulle abitudini potenzialmente nocive

presenti nel gruppo. Ipotizzare una giornata di sana

alimentazione (colazione, merenda, pranzo, merenda, cena)

- Laboratorio propedeutico musicale - Festa dellalbero

16

- Giornata mondiale alimentazione - Laboratorio teatrale - Uscita guidate - Manifestazione finale

FASE DI VALUTAZIONE

Livelli di padronanza

1 2 3 4

Si tiene pulito; chiede di

accedere ai servizi.

Si sveste e si riveste con

lassistenza delladulto o di un

compagno; si serve da solo delle

posate e maneggia il coltello con

la sorveglianza delladulto.

Partecipa a giochi in coppia o in

piccolissimo gruppo.

Indica le parti del corpo su di s

nominate dallinsegnante.

Controlla alcuni schemi motori di

base: sedere, camminare,

correre, rotolare.

Evita situazioni potenzialmente

pericolose indicate

dallinsegnante o dai compagni.

Si tiene pulito; osserva le

principali abitudini di igiene

personale.

Si sveste e si riveste da solo con

indumenti privi di asole, bottoni

o lacci.

Chiede aiuto allinsegnante o ai

compagni se in difficolt.

Mangia correttamente

servendosi delle posate; esprime

le proprie preferenze alimentari

e accetta di provare alimenti non

noti.

Partecipa ai giochi in coppia e

collettivi; interagisce con i

compagni e rispetta le regole.

Indica e nomina le parti del

proprio corpo e ne riferisce le

funzioni principali

Individua alcune situazioni

potenzialmente pericolose e le

evita.

Controlla schemi motori statici e

dinamici: sedersi, camminare,

saltellare, saltare, correre,

rotolare, strisciare.

Segue semplici ritmi attraverso il

movimento

Controlla la coordinazione oculo-

manuale in attivit grosso-

Osserva in autonomia le pratiche

routinarie di igiene e pulizia

personale.

Si sveste e si riveste da solo

maneggiando anche asole e

bottoni, purch di adeguate

dimensioni.

Mangia correttamente e

compostamente; distingue gli

alimenti pi indicati per la

salvaguardia della salute e

accetta di mangiarli.

Interagisce con gli altri

compagni proficuamente,

ideando anche giochi nuovi e

prendendo accordi sulle regole

da seguire.

Rispetta le regole in condizioni di

tranquillit e accetta le

osservazioni e larbitrato

delladulto.

Individua situazioni pericolose

presenti nellambiente di vita, le

indica alladulto e ai compagni e

le evita.

Padroneggia schemi motori

statici e dinamici di base:

sedersi, camminare, saltellare,

saltare, correre, rotolare,

Osserva le pratiche quotidiane di

igiene e pulizia personale e le sa

indicare ai compagni pi piccoli.

Maneggia anche indumenti con

asole e bottoni e aiuta i compagni

pi piccoli a lavarsi, vestirsi e

svestirsi.

Mangia compostamente.

Partecipa ai giochi rispettando le

regole e accettando anche le

sconfitte incontestabili.

Rispetta le regole e sa spiegarne il

motivo, accettando le

conseguenze delle violazioni.

In presenza di situazioni

potenzialmente pericolose, adotta

comportamenti preventivi e li

indica ai compagni; ipotizza

semplici misure di riduzione della

pericolosit.

Controlla i propri movimenti,

valuta la propria forza, coordina i

movimenti con attrezzi.

Controlla in maniera accurata

alcune operazioni di manualit

fine: colorare, piegare, tagliare

lungo una riga, seguire una riga in

un foglio riproducendo sequenze

grafiche o il proprio nome

17

motorie; sommariamente nella

manualit fine.

strisciare, arrampicarsi, stare in

equilibrio.

Si muove seguendo

accuratamente ritmi.

Controlla la coordinazione oculo-

manuale in attivit motorie che

richiedono luso di attrezzi e in

compiti di manualit fine che

implicano movimenti di non

elevata precisione (tagliare,

piegare, puntinare, colorare).

Muove il corpo seguendo ritmi ed

esegue semplici danze.

Esprime messaggi attraverso il

movimento: drammatizzazioni,

espressioni di sentimenti, attivit

mimiche.

Distingue espressioni corporee

che comunicano sentimenti.

Conosce alcuni comportamenti e

situazioni dannosi per la salute

(alimentazione, fumo, contatto

con sostanze pericolose, ecc.) e

adotta soluzioni alla sua portata

per farvi fronte, ridurne il rischio,

evitarli.

CURRICOLO VERTICALE

FASE DI PROGETTAZIONE

Competenze Chiave europee: Consapevolezza ed espressione culturale

Campo di esperienza:

Immagini, suoni, colori Competenze relative al campo di esperienza:

Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici, visivi, multimediali (strumenti e tecniche di

fruizione e produzione, lettura)

Conoscenze:

- Elementi essenziali per la produzione di elaborati grafici, plastici e musicali - Tecniche di rappresentazione grafica, plastica, corporea - Principali forme di espressione artistica

ANNI 3

Abilit Micro-Abilit

18

Riconoscere i colori fondamentali e denominarli Realizzare segni, scarabocchi e prodotti grafici, pittorici e plastici

Scoprire materiali naturali e comporli Realizzare composizioni con materiali naturali (rametti, sassi, foglie)

e di recupero

Discriminare i suoni in base ad alcuni criteri Associare ad ogni oggetto il rumore che produce

Sperimentare tecniche espressive su consegna Cercare di imitare i versi degli animali e i suoni pi noti

ANNI 4

Abilit Micro-Abilit

Riconoscere i colori derivati e denominarli Esprimersi attraverso il disegno libero

Sperimentare tecniche costruttive Lavorare in gruppo per realizzare composizioni con materiali naturali

(rametti, foglie, ecc.) e di recupero

Discriminare i suoni in base ad alcuni criteri Confrontare e riprodurre i versi degli animali e di alcuni suoni

Usare in autonomia tecniche diverse Associare ad ogni oggetto il rumore che produce

ANNI 5

Abilit Micro-Abilit

Conoscere ed utilizzare correttamente i colori Colorare con precisione.

Esplorare le valenze emozionali dei colori

Esplorare i materiali a disposizione e utilizzarli in modo personale Utilizzare in modo creativo i materiali di recupero

Discriminare i suoni in base ad alcuni criteri Collegare ritmo ed intensit: suoniamo veloce e forte; veloce e

piano; lento e forte; lento e piano.

Associare ad ogni oggetto il rumore che produce e riprodurlo

Avvalersi di tecniche in modo originale Produrre suoni con il corpo, con la voce, con oggetti e strumenti

musicali

Osservare e descrivere unopera darte esprimendo opinioni Osservare commentare e riprodurre unopera darte

FASE DI OSSERVAZIONE

Evidenze Compiti significativi

Riferire in forma orale per sommi capi il contenuto generale di

spettacoli, film, documentari

Illustrare racconti, film, spettacoli

Drammatizzare racconti, narrazioni, filmati

Realizzare giochi simbolici

Realizzare manufatti plastici e grafici con accuratezza e utilizzando

diverse tecniche manipolative e coloristiche

Esprimere semplici valutazioni su opere darte viste nel territorio,

fotografate o riprese

Ascoltare brani musicali, seguirne il ritmo col corpo, eseguire

semplici danze

- Rappresentare situazioni attraverso il gioco simbolico o lattivit mimico gestuale

- Drammatizzare situazioni, testi ascoltati - Rappresentare oggetti, animali, situazioni, storie, attraverso il

disegno, la manipolazione, utilizzando tecniche e materiali

diversi; descrivere il prodotto

- Copiare opere di artisti; commentare loriginale - Ascoltare brani musicali, muoversi a ritmo di musica. - Produrre sequenze sonore e semplici ritmi a commento di giochi,

situazioni, recite e giustificarle con semplicissime argomentazioni

rispetto alla pertinenza con la storia o la situazione

19

Esprimere valutazioni e impressioni su brani musicali ascoltati

Riprodurre ritmi, fenomeni sonori e note musicali con la voce, con

strumenti non convenzionali e semplici strumenti convenzionali

(tamburello,

triangolo, tastiera)

Partecipare al canto corale

- Esplorare il paesaggio sonoro circostante; classificare i suoni; operare corrispondenze tra i suoni e le possibili fonti di emissione

(macchine, uccelli, persone che parlano, acqua che scorre, vento,

ecc.

- Commentare verbalmente, con disegno, con attivit di drammatizzazione spettacoli o film visti.

- Ideare semplici storie da drammatizzare, accompagnare col canto e con sequenze sonore o semplici sequenze musicali eseguite con

strumenti convenzionali

- Laboratorio propedeutico musicale - Festa dellalbero - Giornata mondiale alimentazione - Laboratorio teatrale - Uscita guidate - Manifestazione finale

FASE DI VALUTAZIONE

Livelli di padronanza

1 2 3 4

Segue spettacoli per bambini

mantenendo lattenzione per

brevi periodi.

Esegue scarabocchi e disegni

schematici senza particolare

finalit espressiva.

Comunica attraverso la mimica e

i gesti i propri bisogni e stati

danimo.

Colora su aree estese di foglio.

Riproduce suoni ascoltati e

frammenti canori.

Riproduce semplici ritmi sonori.

Segue spettacoli per bambini

con buon interesse per brevi

periodi, partecipando alle

vicende dei personaggi.

Si esprime intenzionalmente

attraverso il disegno, spiegando

cosa voleva rappresentare.

Usa diversi tipi di colori: matite,

pennarelli, colori a dita,

tempere su spazi estesi di

foglio e rispettando

sommariamente contorni

definiti.

Riproduce suoni, rumori

dellambiente, ritmi.

Produce sequenze sonore con la

voce o con materiali non

strutturati.

Segue spettacoli teatrali, filmati,

documentari con interesse,

partecipando alle vicende e

sapendole riferire.

Si esprime attraverso il disegno

o le attivit plastico-

manipolative con intenzionalit e

buona accuratezza. Si sforza di

rispettare i contorni definiti nella

colorazione che applica con

discreto realismo.

Usa diverse tecniche coloristiche.

Partecipa con interesse al gioco

simbolico portando contributi

personali.

Produce sequenze sonore e ritmi

con la voce, con il corpo, con

Segue spettacoli teatrali, filmati,

documentari con interesse,

sapendone riferire per sommi

capi il contenuto e

rielaborandolo in forma grafica e

sotto forma di

drammatizzazione.

Manifesta interesse e

apprezzamento per le opere

darte e i beni culturali del

proprio territorio visti in foto e

documentari, valutandoli

secondo il proprio gusto estetico

personale e li rappresenta sotto

forma di disegni.

Nella coloritura, realizzata con

diverse tecniche coloristiche e

realismo cromatico, riesce a

20

Canta semplici canzoncine. materiali non strutturati, con

strumenti semplici.

Canta semplici canzoncine anche

in coro e partecipa con interesse

alle attivit di drammatizzazione.

rispettare i contorni delle figure

con sufficiente precisione.

Partecipa al gioco simbolico con

interesse e contributo personale

originale.

Produce sequenze sonore e ritmi

con materiali e strumenti

strutturati.

Canta canzoncine

individualmente e in coro e

partecipa alle attivit di

drammatizzazione con interesse,

portando contributi personali

originali.

21

CURRICOLO VERTICALE

FASE DI PROGETTAZIONE

Competenze Chiave europee: Comunicazione nella madrelingua

Campo di esperienza:

I discorsi e le parole Competenze relative al campo di esperienza:

Padroneggiare gli strumenti espressivi e lessicali indispensabili per gestire linterazione comunicativa verbale in vari campi di esperienza

Comprendere testi di vario tipo letti da altri

Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento

Conoscenze:

- Principali strutture della lingua italiana - Diverse modalit di interazione verbale (ascoltare, prendere la parola, dialogare, spiegare) - Principali connettivi logici

ANNI 3

Abilit Micro-Abilit

Interagire con gli altri comunicando bisogni e stati danimo in modo

comprensibile.

Presentarsi utilizzando frasi semplici. Scoprire il nome dei compagni,

degli adulti e il loro ruolo nella scuola.

Prestare attenzione ai discorsi di gruppo

Partecipare a conversazioni guidate da domande stimolo (dove,

come, quando).

Raccontare, con domande stimolo dellinsegnante, avvenimenti

legati al proprio vissuto con brevi frasi di senso compiuto

Partecipare a conversazioni a tema: la mia famiglia, cosa faccio

prima di addormentarmi, momenti belli e momenti brutti, le mie

paure, ecc.

Familiarizzare con i libri e leggerne le immagini.

Riconoscere i personaggi principali di una storia allinterno di

immagini.

Riconoscere i protagonisti di una storia. Individuare in un racconto ascoltato i personaggi positivi e quelli

negativi e nominarli.

Ascoltare racconti e storie cogliendone il senso globale. Ascoltare racconti e storie con partecipazione e interesse.

ANNI 4

Abilit Micro-Abilit

Interagire con gli altri comunicando, esprimendo sentimenti e

bisogni, ponendo domande.

Collaborare con i compagni in attivit ludiche finalizzate alla

conoscenza reciproca.

22

Intervenire, su sollecitazione dellinsegnante, ai discorsi di gruppo Partecipare a conversazioni a tema: la mia famiglia, cosa faccio

prima di addormentarmi, momenti brutti momenti belli, le mie paure,

ecc.

Raccontare propri vissuti in modo pertinente, con frasi di senso

compiuto.

Raccontare propri vissuti partendo dalla raccolta di foto e oggetti

relativi al proprio passato.

Confrontare scritte e formulare ipotesi di lettura. Associare fonemi e immagini.

Inventare, individualmente, brevi storie. Costruire una storia guardando immagini.

Ricostruire, a partire da sequenze, un racconto per sommi capi. Ricostruire la trama di un racconto osservando le sequenze illustrate.

ANNI 5

Abilit Micro-Abilit

Interagire con gli altri mostrando fiducia nelle proprie capacit

comunicative, ponendo domande, esprimendo sentimenti e bisogni,

comunicando azioni e avvenimenti.

Esprimere la propria opinione su un fatto narrato o realmente

accaduto.

Intervenire autonomamente nei discorsi di gruppo. Partecipare a conversazioni a tema esprimendo opinioni, preferenze e

stati danimo.

Descrivere e raccontare eventi personali e storie e stati danimo in

modo pertinente, utilizzando un repertorio linguistico appropriato.

Dialogare con i compagni e linsegnante su un testo letto o

unesperienza vissuta e riconoscere le proprie emozioni nominandole

Formulare ipotesi sulla lingua scritta e sperimentare le prime forme

di comunicazione attraverso la scrittura.

Riconoscere e confrontare i nomi dei compagni. Individuare i suoni

iniziali e finali del proprio nome. Discriminare e riprodurre lettere e

parole. Riconoscere la sillaba iniziale uguale di parole diverse.

Partecipare attivamente allinvenzione di storie. Ascoltare una storia e inventare nuovi finali.

Ricostruire la trama di un racconto a partire da sequenze illustrate e,

viceversa, illustrare le sequenze di un racconto.

Ascoltare un racconto e rielaborarlo verbalmente e graficamente in

sequenze.

FASE DI OSSERVAZIONE

Evidenze Compiti significativi

Usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, fa

ipotesi sui significati, inventa nuove parole, cerca somiglianze e

analogie tra i suoni e i significati.

Comprende parole e discorsi, ascolta e comprende narrazioni.

Si esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti,

argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in

differenti situazioni comunicative.

Racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il

linguaggio per progettare attivit e per definirne regole; sperimenta

rime, filastrocche, drammatizzazioni.

- Inventare una storia, illustrarla e drammatizzarla. - A partire da un testo letto dallinsegnante, riassumerlo in una

serie di sequenze illustrate; riformularlo a partire da queste e

drammatizzarlo.

- Ricostruire verbalmente le fasi di un gioco, di unesperienza realizzata (ad esempio un semplice esperimento) e illustrarne le

sequenze.

- A partire da una storia narrata o letta da un adulto, ricostruire le azioni dei protagonisti e individuare i sentimenti da essi vissuti

nelle fasi salienti della storia, mediante una discussione di

gruppo.

23

Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce

e sperimenta la pluralit dei linguaggi, si misura con la creativit e la

fantasia.

Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme d

comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le

tecnologie digitali e i nuovi media.

- A partire da immagini di persone o personaggi di fumetti che illustrano espressioni di sentimenti e stati danimo, individuare i

sentimenti espressi e ipotizzare situazioni che li causano.

- Laboratorio propedeutico musicale - Festa dellalbero - Giornata mondiale alimentazione - Laboratorio teatrale - Uscita guidate - Manifestazione finale

Fase di valutazione

Livelli di padronanza

1 2 3 4

Si esprime attraverso cenni,

parole frasi, enunciati minimi

relativi a bisogni, sentimenti;

nomina oggetti noti.

Racconta vissuti ed esperienze,

se supportato da domande

precise e strutturate da parte

dellinsegnante, ma non riferite a

dimensioni temporali definite.

Esegue consegne elementari:

prendere un oggetto nominato e

indicato; alzarsi; recarsi in un

posto noto e vicino, ecc.

Interagisce con i compagni

attraverso parole frasi, cenni e

azioni.

Ascolta racconti e storie

mostrando interesse e

partecipazione.

Racconta propri vissuti con

domande stimolo dellinsegnante.

Esegue consegne espresse, con

frasi molto semplici.

Ascolta narrazioni o letture

delladulto e individua

largomento generale del testo su

domande stimolo

dellinsegnante; pone domande

sul racconto e sui personaggi.

Esprime sentimenti, stati

danimo, bisogni, in modo

comprensibile; interagisce con i

pari scambiando informazioni e

intenzioni relative ai giochi e ai

compiti.

Racconta esperienze e vissuti in

modo comprensibile.

Esprime sentimenti, stati

danimo, bisogni in modo

pertinente e corretto; interagisce

con i compagni nel gioco e nel

lavoro.

Esegue consegne semplici

impartite dalladulto o dai

compagni.

Ascolta narrazioni o letture

dellinsegnante sapendo riferire

largomento principale e le

informazioni esplicite pi rilevanti

e raccontando per sommi capi la

vicenda, pur con incongruenze

nella costruzione della frase,

logiche e temporali.

Sa illustrare un breve racconto in

sequenze e lo drammatizza

insieme ai compagni.

Si esprime attraverso la lingua,

utilizzando frasi strutturate

correttamente e organizzate,

quando riferisce esperienze

personali, vissuti, chiede

informazioni, esprime bisogni.

Comprende e utilizza

correttamente i nessi temporali e

causali riferiti a esperienze

vissute o a narrazioni semplici.

Esprime le proprie opinioni e i

propri stati danimo in modo

pertinente e con lessico

appropriato, rispondendo a

domande stimolo delladulto.

Partecipa alle conversazioni

intervenendo in modo pertinente

e ascoltando i contributi degli

altri.

Riferisce in modo semplice, ma

coerente la trama sommaria di

un racconto ascoltato

24

A partire dalle sequenze,

ricostruisce per sommi capi il

racconto.

Distingue i simboli delle lettere

dai numeri.

Copia il proprio nome.

individuando le informazioni

esplicite.

Esegue consegne e indicazioni

anche di una minima complessit

(doppie) impartite

dallinsegnante e chiede

spiegazioni quando non ha

compreso.

Inventa, insieme ai compagni,

situazioni di gioco, storie, giochi

e passatempi; linterazione con i

pari ricca di scambi e di

informazioni.

Ricostruisce una trama a partire

da sequenze illustrate e,

viceversa, illustra un racconto

con sequenze o traducendo

largomento principale in unica

illustrazione.

Scrive da solo il proprio nome.

Nomina lettere e fa ipotesi sulla

scrittura di parole.

25

CURRICOLO VERTICALE

FASE DI PROGETTAZIONE

Competenze Chiave europee: Competenza di base in matematica, scienze e tecnologia.

Campo di esperienza:

La conoscenza del mondo Competenze relative al campo di esperienza:

Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare quantit; operare con i numeri; contare

Utilizzare semplici simboli per registrare; compiere misurazioni mediante semplici strumenti non convenzionati

Collocare nello spazio se stessi, oggetti, persone; orientarsi nel tempo della vita quotidiana; collocare nel tempo eventi del passato

recente e formulare riflessioni intorno al futuro immediato e prossimo

Individuare le trasformazioni naturali su di s, nelle altre persone, negli oggetti, nella natura

Osservare il proprio corpo, i fenomeni naturali e gli organismi viventi sulla base di criteri o ipotesi, con attenzione e sistematicit

Porre domande, discutere, confrontare ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni

Esplorare e individuare le possibili funzioni e gli usi degli artefatti tecnologici

Utilizzare un linguaggio appropriato per descriverne le osservazioni o le esperienze

Conoscenze:

- Concetti temporali: di successione, contemporaneit, durata - Linee del tempo - Periodizzazioni (giorno/notte, giorni, settimana, mesi, stagioni e anni) - Concetti spaziali e topologici (vicino, lontano, sopra, sotto, avanti, dietro, destra, sinistra) - Raggruppamenti - Seriazioni e ordinamenti - Serie e ritmi - Simboli, mappe e percorsi - Figure e forme - Numeri e numerazione - Strumenti e tecniche di misura

ANNI 3

Abilit Micro-Abilit

Esplorare gli spazi della scuola attraverso luso dei cinque sensi. Scoprire gli spazi della scuola utilizzando sensi diversi dalla vista.

26

Mettere in successione due eventi: prima-dopo. Mettere in successione temporale (prima-dopo) le azioni di routine.

Distinguere la successione temporale giorno-notte, cogliere il

passaggio delle stagioni riferito ai propri vissuti

Riconoscere immagini relative alle azioni quotidiane e collocarle nella

dimensione temporale giorno-notte; osservare lambiente esterno

(giardino, abbigliamento, abitudini) e comprendere le caratteristiche

delle stagioni.

Conoscere i concetti spaziali sopra-sotto e dentro-fuori. Collocare oggetti negli spazi corretti seguendo le indicazioni sopra-

sotto e dentro-fuori.

Ordinare e raggruppare oggetti in base a macro-caratteristiche

(grande-piccolo).

Ordinare materiale strutturato e non in base a determinate

caratteristiche.

Osservare e riconoscere le caratteristiche principali di una linea. Sperimentare con materiali di diverso tipo gli elementi che

compongono una forma piana come la retta (ad es. fili tesi per

realizzare segmenti e angoli).

Individuare soluzioni per risolvere semplici problemi. Partecipare a giochi e attivit con situazioni-problema da risolvere.

Percepire e riconoscere quantit (pochi, tanti) Partecipare a giochi per sperimentare e confrontare le quantit.

Eseguire percorsi. Seguire percorsi tracciati a terra.

ANNI 4

Abilit Micro-Abilit

Utilizzare i cinque sensi per acquisire una prima conoscenza

dellambiente naturale.

Partecipare ad attivit di esplorazione attraverso luso dei cinque

sensi.

Acquisire la capacit di utilizzare sequenze temporali: prima,

durante, dopo, infine.

Ordinare le fasi di un esperimento utilizzando sequenze temporali.

Riconoscere la successione temporale delle stagioni e collocare nel

tempo avvenimenti riferiti al presente e al passato.

Osservare lambiente esterno e confrontare le stagioni registrando le

caratteristiche che le contraddistinguono.

Interiorizzare i primi concetti spaziali: lontano-vicino, dentro-fuori,

sopra-sotto.

Individuare le posizione di oggetti in uno spazio circoscritto in base

agli indicatori sopra/sotto, dentro-fuori, lontano-vicino.

Ordinare e raggruppare oggetti in base al colore, alla forma e alla

dimensione.

Utilizzare e manipolare materiale, strutturato e non, per lesecuzione

di confronti e raggruppamenti in base a determinate caratteristiche.

Riconoscere le caratteristiche di una forma. Giocare con materiale di recupero (fili di vario tipo) per realizzare

quadrati, triangoli.

Individuare e usare strategie adeguate per risolvere problemi. Partecipare a giochi e attivit con situazioni-problema da risolvere.

Percepire e riconoscere quantit (pochi, tanti, uno, nessuno) Giocare con i numeri, contare con luso delle mani.

Eseguire percorsi noti. Partecipare ad attivit di esplorazione di spazi attraverso percorsi da

seguire.

ANNI 5

Abilit Micro-Abilit

Osservare ed esplorare il mondo naturale attraverso luso dei cinque

sensi e individuarne le caratteristiche.

Partecipare ad attivit di osservazione e di esplorazione diretta del

mondo naturale e registrare le caratteristiche.

27

Mettere in successione temporale fatti e fenomeni della realt. Riordinare in successione azioni della giornata, fasi di fenomeni

naturali (la crescita di una pianta, di un essere umano, di una pianta,

ecc.)

Collocare fatti e orientarsi nella dimensione temporale: giorno/notte,

giorni della settimana, le stagioni, scansione delle attivit legate al

trascorrere della giornata scolastica.

Costruire sequenze relative alle azioni della giornata, alla

successione temporale delle stagioni, ecc.

Stabilire le relazioni spaziali esistenti tra gli oggetti e le persone.

Raggruppare e seriare secondo vari attributi o caratteristiche. Scandire il trascorrere della giornata scolastica, i giorni della

settimana, delle stagione, il giorno e la notte.

Osservare, descrivere e confrontare le forme geometriche.

Individuare lesistenza di problemi e della possibilit di affrontarli e di

risolverli.

Partecipare ad attivit con situazioni problematiche da risolvere.

Registrare e confrontare quantit. Sperimentare alcuni aspetti del numero e alcune facili operazioni

attraverso attivit di gioco con i dadi, con le carte, tavole da gioco,

ecc.).

Comprendere mappe e percorsi. Interpretare mappe (ad es. la mappa della scuola) e cercare nella

realt ci che rappresentato nel disegno.

FASE DI OSSERVAZIONE

Evidenze Compiti significativi

Utilizzare organizzatori spaziali e temporali per orientarsi nel tempo e

nello spazio.

Mettere in corretta sequenza esperienze, azioni, avvenimenti (giorni,

mesi), eventi della propria storia anche nel raccontare; riferire le

fasi di una procedura con un semplice esperimento.

Osservare e individuare caratteristiche del proprio corpo,

dellambiente e del paesaggio e distinguerne le trasformazioni dovute

al tempo o allazione di agenti diversi.

Raggruppare, coordinare, seriare oggetti; effettuare corrispondenze

biunivoche, realizzare sequenze grafiche, ritmi, etc.

Utilizzare quantificatori, numerare.

Utilizzare semplici manufatti tecnologici e spiegarne la funzione e il

funzionamento.

Distinguere e individuare le caratteristiche dei materiali di uso

quotidiano.

Utilizzare semplici diagrammi e tabelle per organizzare dati.

- Mettere su una linea del tempo le attivit corrispondenti alle routine di una giornata.

- Costruire un calendario annuale raggruppando le stagioni e collocando in corrispondenza delle stagioni tratti tipici

dellambiente e delle attivit umane.

- Confrontare foto della propria vita e storia personale e individuare trasformazioni (nel corpo, negli abiti, nei giochi,

nelle persone) portando i reperti per confronto.

- Eseguire compiti relativi alla vita quotidiana che implichino conte, attribuzioni biunivoche oggetti/persone, etc.

- Eseguire semplici esperimenti scientifici derivanti da osservazioni e descrizioni, illustrarne le sequenze e

verbalizzarle.

- Eseguire semplici rilevazioni statistiche (sui cibi, sulle caratteristiche fisiche in classe, sul tempo).

28

- Raccogliere piante, oggetti e raggrupparli secondo criteri; spiegare i criteri; classificare gli animali noti secondo

caratteristiche, funzioni, attributi, relazioni.

- Laboratorio propedeutico musicale - Festa dellalbero - Giornata mondiale alimentazione - Laboratorio teatrale - Uscita guidate - Manifestazione finale

29

Fase di valutazione

Livelli di padronanza

1 2 3 4

Esegue in corretta sequenza

operazioni che riguardano il

proprio corpo, la cura personale,

lalimentazione e che seguono

routine note (mettersi gli

indumenti; lavarsi le mani,

sedersi a tavola, ecc.);

Ordina oggetti in base a macro

caratteristiche (mette in serie i

cubi dal pi grande al pi

piccolo), su indicazione

dellinsegnante

Costruisce torri e utilizza

correttamente le costruzioni.

Individua, a richiesta, grosse

differenze in persone, animali,

oggetti (il giovane e lanziano;

lanimale adulto e il cucciolo;

lalbero con le foglie e quello

spoglio,

ecc.)

Distingue fenomeni atmosferici

molto diversi (piove, sereno,

caldo, freddo).

Si orienta nello spazio prossimo

noto.

Esegue in autonomia le routine

apprese ordinando le diverse

azioni correttamente.

Sa riferire azioni della propria

esperienza collocandole

correttamente in fasi della

giornata nominate

dallinsegnante.

Ordina e raggruppa oggetti in

base a caratteristiche salienti

Riproduce ritmi sonori e grafici.

Si orienta con sicurezza nello

spazio dellaula e negli spazi pi

prossimi e noti della scuola.

Colloca gli oggetti negli spazi

corretti.

Individua differenze e

trasformazioni nelle persone,

negli oggetti, nel paesaggio e

pone domande sulle ragioni.

Rappresenta graficamente

fenomeni atmosferici servendosi

di simboli convenzionali

Colloca correttamente nel tempo

della giornata le azioni abituali e

le riferisce in modo coerente.

Colloca correttamente nel

passato, presente, futuro, azioni

abituali.

Individua e motiva trasformazioni

note nelle persone, nelle cose,

nella natura

Rappresenta graficamente

differenze e trasformazioni,

mostrando di distinguere gli

elementi caratterizzanti (una

persona anziana, un bambino, un

cucciolo, un oggetto vecchio e

rovinato, ecc.)

Si orienta correttamente negli

spazi di vita (casa, scuola,

pertinenze); esegue percorsi noti

con sicurezza; colloca

correttamente oggetti negli spazi

pertinenti.

Raggruppa oggetti per

caratteristiche e funzioni, anche

combinate (i bottoni grandi e

gialli).

Nomina le cifre e ne riconosce i

simboli; numera correttamente

entro il 10.

Opera corrispondenze biunivoche

con oggetti o con

rappresentazioni grafiche; ordina

sequenze.

Utilizza correttamente gli

organizzatori temporali prima,

dopo, durante, se riguardano

situazioni di esperienza

quotidiana o semplici sequenze

figurate.

Riordina in corretta successione

azioni della propria giornata;

racconta in maniera coerente

episodi della propria storia

personale ed esperienze vissute.

Individua trasformazioni naturali

nel paesaggio, nelle cose, negli

animali e nelle persone e sa

darne motivazione.

Ordina correttamente i giorni

della settimana; nomina i mesi e

le stagioni, sapendovi collocare

azioni, fenomeni ricorrenti

(estate=vacanze;

natale=inverno, ecc.)

Utilizza con propriet i concetti

topologici sopra/sotto;

avanti/dietro; vicino/lontano e si

orienta nello spazio con

autonomia.

Raggruppa e ordina oggetti

giustificando i criteri; opera con il

concetto di appartenenza/ non di

appartenenza.

Utilizza correttamente i

quantificatori alcuni, una

parte.

30

CURRICOLO VERTICALE

FASE DI PROGETTAZIONE

Religione Cattolica Competenze Chiave europee:

Imparare ad imparare Le competenze specifiche di I.R.C. legate a questa competenza chiave europea sono le seguenti:

Lalunno aperto alla scoperta di Dio e del mondo, sa interagire con gli altri attraverso la collaborazione e la condivisione, inizia a

costruirsi la propria identit religiosa.

Individua a partire dalla Bibbia i momenti pi importanti della vita e dellinsegnamento di Ges. Scopre la Chiesa come comunit di

persone unite nel nome di Ges.

Competenze civiche Le competenze specifiche di I.R.C. legate a questa competenza chiave europea sono le seguenti:

Inizia a confrontarsi con la complessit dellesistenza e impara a dare valore ai propri comportamenti, per relazionarsi in maniera

armonica con se stesso, con altri, con il mondo che lo circonda.

Consapevolezza ed espressione culturale; Le competenze specifiche di I.R.C. legate a questa competenza chiave europea sono le seguenti:

Riconosce i linguaggi espressivi della fede (simbolo, preghiera, riti, ecc.)

Competenze relative al campo di esperienza:

Il s e laltro

- Relativamente alla religione cattolica: Scopre nei racconti del Vangelo la persona e linsegnamento di Ges, da cui apprende che Dio Padre

di tutti e che la Chiesa la comunit di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di s e sperimentare relazioni

serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose.

Il corpo in movimento

- Relativamente alla religione cattolica: Riconosce nei segni del corpo lesperienza religiosa propria e altrui per cominciare a manifestare anche

in questo modo la propria interiorit, limmaginazione e le emozioni.

Utilizza correttamente i

quantificatori uno, molti, pochi,

nessuno.

Realizza semplici oggetti con le

costruzioni, la plastilina, utilizza

giochi meccanici ipotizzandone il

funzionamento.

Distingue e spiega le

caratteristiche dei materiali

impiegati quotidianamente.

Riferisce correttamente le fasi di

una semplice procedura o di un

piccolo esperimento.

Organizza informazioni in semplici

diagrammi, grafici, tabelle.

31

Immagini, suoni e colori

- Relativamente alla religione cattolica: Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani

(segni, feste, preghiere, canti, gestualit, spazi, arte), per poter esprimere con creativit il proprio vissuto religioso.

I discorsi e le parole

- Relativamente alla religione cattolica: Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i

contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso.

La conoscenza del mondo

- Relativamente alla religione cattolica: Osserva con meraviglia ed esplora con curiosit il mondo, riconosciuto dai cristiani e da tanti uomini

religiosi come dono di Dio Creatore, per sviluppare sentimenti di responsabilit nei confronti della realt, abitandola con fiducia e speranza

Conoscenze:

Il ruolo delle persone presenti a scuola che partecipano alla vita scolastica.

Regole fondamentali di convivenza.

Segni e simboli religiosi

Giochi di socializzazione, simbolici e drammatizzazione

Racconti biblici ed evangelici

Attivit grafico-pittoriche-manipolative individuali e di gruppo

Conversazioni guidate attraverso domande stimolo

Canti, filastrocche e poesie inerenti argomenti religiosi

Osservazione e lettura di immagini e di opere d'arte a tema religioso

32

ANNI3

Abilit Micro-Abilit

Imparare ad accettare le regole del vivere insieme Rispettare regole di convivenza

Accettare le altrui diversit Assumere atteggiamenti di solidariet e fratellanza

Conoscere l'insegnamento di Ges sull'amore al prossimo Dare spazio alla collaborazione e alla condivisione di esperienze

Riflettere sui propri diritti e sui diritti degli altri, sui doveri, sui valori,

sulle ragioni che determinano il proprio comportamento

Accettare di svolgere attivit nel piccolo e grande gruppo

Usare il corpo per esprimere le emozioni interiori e religiose: gioia,

gratitudine, stupore, amore, compassione

Esprimere le proprie emozioni

Scoprire il significato delle feste cristiane, attraverso i simboli che le

caratterizzano

Cantare e recitare poesie religiose

Riconoscere la Chiesa come luogo di preghiera e casa di tutti i cristiani Comprendere di far parte di una comunit

Ascoltare e conoscere alcuni avvenimenti principali della vita di Ges Esprimersi attraverso il disegno libero

Scoprire gli insegnamenti di Ges attraverso le parabole e i miracoli Raccontare episodi fondamentali inerenti gli insegnamenti di Ges

Ascoltare brani inerenti alla vita di Ges Drammatizzare brani biblici ed evangelici

Scoprire che il mondo un dono di Dio da difendere e rispettare Cogliere la bellezza e la grandezza del Creato

ANNI 4

Abilit Micro-Abilit

Comprendere ed imparare ad accettare le regole del vivere insieme Rispettare regole di convivenza

Riconoscere il valore dello stare insieme Confrontarsi e conversare con i compagni su temi religiosi e non

Conoscere l'insegnamento di Ges sull'amore al prossimo Amare e rispettare gli altri

Riflettere sui propri diritti e sui diritti degli altri, sui doveri, sui valori,

sulle ragioni che determinano il proprio comportamento

Fornire aiuto e cooperazione ai compagni

Usare il corpo per esprimere le emozioni interiori e religiose: gioia,

gratitudine, stupore, amore, compassione

Esprimere le proprie emozioni

Scoprire il significato delle feste cristiane, attraverso i simboli che le

caratterizzano

Dare spazio alla collaborazione e alla condivisione di esperienze

Ascoltare e conoscere alcuni avvenimenti principali della vita di Ges Esprimersi attraverso il disegno libero

Cantare e recitare poesie religiose

Scoprire gli insegnamenti di Ges attraverso le parabole e i miracoli Drammatizzare brani biblici ed evangelici

Ascoltare e raccontare brani inerenti alla vita di Ges Raccontare episodi fondamentali inerenti gli insegnamenti di Ges

Scoprire che il mondo un dono di Dio da difendere e rispettare Cogliere la bellezza e la grandezza del Creato

Riconoscere la Chiesa come luogo di preghiera e casa di tutti i cristiani Comprendere di far parte di una comunit

ANNI 5

33

Abilit Micro-Abilit

Comprendere ed imparare ad accettare le regole del vivere insieme Rispettare regole di convivenza

Riconoscere il valore dello stare con gli altri e accettare le altrui

diversit

Fornire aiuto e cooperazione ai compagni

Conoscere l'insegnamento di Ges sull'amore al prossimo Amare e rispettare gli altri

Porre domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversit culturali,

su ci che bene o male, sulla giustizia.

Confrontarsi e conversare con i compagni su temi religiosi e non

Riflettere sui propri diritti e sui diritti degli altri, sui doveri, sui valori,

sulle ragioni che determinano il proprio comportamento

Dare spazio alla collaborazione e alla condivisione di esperienze

Accettare di svolgere attivit nel piccolo e grande gruppo

Usare il corpo per esprimere le emozioni interiori e religiose: gioia,

gratitudine, stupore, amore, compassione

Esprimere le proprie emozioni

Scoprire il significato delle feste cristiane, attraverso i simboli che le

caratterizzano

Dare spazio alla collaborazione e alla condivisione di esperienze

Ascoltare e conoscere alcuni avvenimenti principali della vita di Ges Drammatizzare brani biblici ed evangelici

Cantare e recitare poesie religiose

Scoprire che il mondo un dono di Dio da difendere e rispettare Cogliere la bellezza e la grandezza del Creato

Scoprire gli insegnamenti di Ges attraverso le parabole e i miracoli Cogliere la bellezza e la grandezza del Creato

Ascoltare e raccontare brani inerenti alla vita di Ges Raccontare episodi fondamentali inerenti gli insegnamenti di Ges

Riconoscere la Chiesa come luogo di preghiera e casa di tutti i cristiani Comprendere di far parte di una comunit

FASE DI OSSERVAZIONE

Evidenze Compiti significativi

Riferire in forma orale per sommi capi i racconti biblici ed evangelici

ascoltati

Illustrare racconti ed episodi biblici ed evangelici

Drammatizzare racconti e narrazioni

Realizzare disegni attraverso varie tecniche pittoriche

Rappresentare situazioni attraverso il gioco simbolico o lattivit

mimico gestuale

Drammatizzare situazioni, testi religiosi ascoltati

Rappresentare storie bibliche ed evangeliche, attraverso il

disegno, la manipolazione, utilizzando tecniche e materiali

diversi; descrivere il prodotto

34

Ascoltare brani musicali, seguirne il ritmo col corpo, eseguire

semplici danze

Esprimere valutazioni e impressioni su brani religiosi ascoltati

Partecipare al canto corale

Drammatizzare

Commentare esperienze vissute attraverso la visione di cartoni

animati a tema religioso.

Ascoltare brani musicali, muoversi a ritmo di musica.

Commentare verbalmente, con disegno, con attivit di

drammatizzazione spettacoli o film visti.

Riproporre semplici storie evangeliche da drammatizzare, .

Laboratorio propedeutico musicale

Laboratorio pittorico

Festa dellalbero

Giornata mondiale alimentazione

Laboratorio teatrale

Uscita guidate

Manifestazione finale

FASE DI VALUTAZIONE

Livelli di padronanza

1 2 3 4

Ascolta racconti biblici ed

evangelici

Impara a collaborare con

gli altri

Esegue scarabocchi e

disegni

Drammatizza racconti

religiosi

Scopre segni e simboli

della Religione Cattolica

Impara a rispettare il

Creato

Comunica attraverso la

mimica e i gesti, i propri

bisogni, le proprie

emozioni e i propri stati

danimo.

Ascolta