Click here to load reader

RASSEGNA STAMPA - noidellafidas.com · RASSEGNA STAMPA Mercoledì 6 maggio 2015 Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria

  • View
    218

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of RASSEGNA STAMPA - noidellafidas.com · RASSEGNA STAMPA Mercoledì 6 maggio 2015 Rassegna...

RASSEGNA STAMPA

Mercoled 6 maggio 2015

Rassegna Associativa 2

Rassegna Sangue e Emoderivati

Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 9

Prime Pagine 11

Sommario:

Rassegna associativa FIDAS

UNIMONDO.ORG 54 Congresso Nazionale FIDAS: etica e cultura della donazione di sangue

Mercoled, 06 Maggio 2015

Seduto in prima fila al 54 Congresso Nazionale della Federazione Italiana Associazioni

Donatori Sangue (FIDAS), ospitato dal 1 al 3 maggio al Gran Teatro Giacomo Puccini di Tor

del Lago a Viareggio, mi rendo conto per la seconda volta (qui la prima) quanto lavoro stia die-

tro la donazione di quel prodotto biologico di origine umana che il sangue. Una parte di

questo lavoro, che va ben oltre lorganizzazione e il prelievo del sangue ai donatori,

nelle mani della FIDAS, una federazione di 73 associazioni di donatori volontari spar-

se per lItalia, che dal 1959 garantisce un contributo qualificato ad ogni iniziativa socio-politica

ed umana che impegna il volontariato italiano del sangue. Un impegno che nel 2014 ha potuto

contare su 286.186 donatori periodici, con un incremento del 7,79% rispetto al 2013 e del

6.8% dei giovani donatori ha ricordato nel suo intervento il presidente di FIDAS Aldo Ozino

Caligaris.

Ma quello della FIDAS in un contesto, quello italiano, che registra un generale calo delle dona-

zioni non un miracolo. La Federazione parte di una rete trasfusionale nazionale che

in sinergia con il Ministero della Salute, il Centro Nazionale Sangue(CNS) e quelli regio-

nali, assieme alla Societ Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematolo-

gia (SIMTI) ha capito che il volontariato un bene non solo perch fa qualcosa di buono, ma

perch lo fa bene ha spiegato Caligaris. Come ha ricordato dal palco del Congresso FI-

DAS Valentina Molese direttore del Centro Regionale Sangue della regione Toscana, anche se

non mancano le difficolt, in primis una "scarsa omogeneit nella gestione del sangue a livello

nazionale" oltre al "crollo verticale delle donazioni, occorre, come continua a fare come la

FIDAS, non perdere fiducia e non smettere di investire nel bene comune che rappre-

senta il sangue una volta donato. Saper accogliere al meglio chi ci offre il suo tempo e il

suo sangue e promuovere uno stile di vita sano - ha concluso la Molese - oggi un fondamen-

tale contributo del volontariato alla gratuit del nostro sistema sanitario.

Quello della FIDAS, anche per il presidente nazionale del SIMTI Claudio Velati, intervenuto

al Congresso, un contributo fondamentale nella costruzione del sistema del volontariato

basato sulletica del dono capace di dare motivazione ai volontari donatori e sulla

cultura del dono, che non altro che la condivisione e la diffusione delletica che la

sottende. Forse proprio grazie a questa cultura del volontariato, diffuso anche dallimpe-

gno delle federate FIDAS sparse per l'Italia e ben rappresentate nella sala del Gran Teatro Puc-

cini di Tor del Lago, se per Giuliano Grazini, direttore del CNS, Il sistema sanitario ita-

liano ancora tra i primi 6 al mondo nonostante i ripetuti tagli. FIDAS in questo

senso unimportante eccellenza - ha aggiunto Grazini - che superando narcisismi e particolari-

smi regionali e locali deve farsi forza trainate a livello nazionale di unidea di sangue unico e

indivisibile a disposizione di chiunque nel Paese ne abbia bisogno, capace di modulare la do-

nazione e gestirla in modo sempre pi efficiente.

http://www.fidas.it/in-primo-piano/1035-54d-congresso-nazionale-fidas-http://www.fidas.it/http://www.fidas.it/http://www.unimondo.org/Notizie/Il-donatore-di-sangue-volontario-responsabile-e-non-remunerato-146348http://www.salute.gov.it/portale/home.htmlhttp://www.centronazionalesangue.it/http://www.simti.it/Index.aspxhttp://www.simti.it/Index.aspxhttp://www.unimondo.org/Guide/Politica/Volontariatohttp://www.unimondo.org/Guide/Economia/Beni-comuni

Lobiettivo oggi di FIDAS e delle altre 3 principali realt di volontariato del sangue che operano nel no-

stro Paese (Avis, Croce Rossa e Fratres) per Grazzini stabilizzare la donazione del sangue e

renderla ancora pi sicura nonostante i livelli gi eccellenti raggiunti dallItalia, un obiettivo

che per Maria Rita Tamburrini, Dirigente dell ufficio VIII Sangue e Trapianti del Ministero della Sa-

lute , era una delle battaglie anche della dottoressa Isabella Sturvi alla quale FIDAS ha dedicato anche

questanno il V Premio Giornalistico FIDAS-Isabella Sturvi, un riconoscimento nazionale riservato ai

temi del volontariato e della donazione del sangue, patrocinato dall'Ordine Nazionale dei Giornalisti,

dalla Federazione Nazionale della Stampa, dal CNS e dalla SIMTI e consegnato proprio durante la prima

giornata del Congresso. Ad aggiudicarsi questanno il premio, ricordato anche dal Ministro della Salu-

te Beatrice Lorenzin in una nota inviata alla FIDAS in occasione dell'apertura dei lavori, sono stati per

la sezione stampa/web Donatella Barbetta de Il Resto del Carlino-La Nazione-Il Giorno e come ha ricor-

dato la nostra redazione il sottoscritto Alessandro Graziadei per Unimondo.org con larticolo Il do-

natore di sangue: volontario, responsabile e non remunerato uscito in occasione della scorsa giornata

del donatore. Giuseppe Guglielmo di Rai 3 Calabria ha ricevuto invece il premio per la sezione TV/

Radio.

Ma a ricordare che donare il sangue oggi non solo un valore aggiunto per il sistema sanitario, ma un

valore sociale ci hanno pensato domenica 3 maggio, alla chiusura del congresso FIDAS, pi di 10.000

membri della Federazione Italiana Associazioni Donatori Sangue riuniti a Viareggio per

la 34 Giornata Nazionale del donatore. I volontari hanno sfilato nel lungomare della citt con stri-

scioni, magliette e cappellini in un lungo serpentone colorato che ha attraversato la citt fino a piazza

Belvedere dove la manifestazione culminata con la Santa Messa. A fare da padroni di casa Burlamac-

co e Ondina, maschere ufficiali del Carnevale di Viareggio, che hanno dato il benvenuto a tutto questo

popolo di donatori volontari, responsabili e non remunerati, rappresentanti di una societ civi-

le capace oggi di sostenere la sanit pubblica e diffondere letica e la cultura della donazione

di sangue. Adesso questo prodotto biologico di origine umana basta solo continuare o iniziare a do-

narlo, perch il sangue non si produce in laboratorio ed il fabbisogno annuo in Italia di 2.400.000 uni-

t di sangue intero e pi di 1.000.000 litri di plasma. Troppo doloroso? Troppo impegnati? Tanto lo do-

na un altro? Ci vuole pi coraggio a trovare una scusa che a donare il sangue ci ricorda la Fidas.

http://www.avis.it/http://www.cri.it/homehttp://www.fratres.it/http://www.salute.gov.it/portale/home.htmlhttp://www.salute.gov.it/portale/home.htmlhttp://www.odg.it/http://www.fnsi.it/Contenuti/Home.asphttp://www.centronazionalesangue.it/http://www.simti.it/http://www.unimondo.org/Notizie/Quando-l-informazione-di-qualita-viene-premiata-150664http://www.unimondo.org/Chi-siamo/Autori/Alessandro-Graziadeihttp://www.unimondo.org/http://www.unimondo.org/Notizie/Il-donatore-di-sangue-volontario-responsabile-e-non-remunerato-146348http://www.unimondo.org/Notizie/Il-donatore-di-sangue-volontario-responsabile-e-non-remunerato-146348http://www.fidas.it/in-primo-piano/1051-domenica-3-maggio-la-34d-giornata-del-donatorehttp://www.unimondo.org/Guide/Politica/Societa-civilehttp://www.unimondo.org/Guide/Politica/Societa-civile

STRETTOWEB.COM Palizzi (Rc): i calciatori diventano donatori per lAdspem Lautoemoteca parcheggiata in piazza Martiri a Palizzi ha accolto la squa-dra di calcio locale e tanti altri giovani disposti a donare il proprio sangue per i pazienti emopatici

5 maggio 2015 15:38 | Valentina Ferrandello

I calciatori della squadra del Palazzi, si sono messi a disposizione per uniniziativa benefica rilevante, quella della donazione del sangue.In piazza Martiri infatti, lAssociazione donatori di sangue per il paziente emopatico (Adspem), ha svolto il servizio per la raccolta di sangue, a bordo di unattrezzatissima autoemoteca. Anche questa volta, come nella donazione organiz-zata nel gennaio scorso, i risultati per lAssociazione sono stati positivi; questa volta, sono sta-ti coinvolti i calciatori della squadra di calcio locale, grazie alla disponibilit dei due copresi-denti Giuseppe Minniti e Giovanni Morello ed i giocatori, alla proposta dei propri copresiden-ti , sono stati felici di compiere questo gesto cos semplice e poco invasivo ma quanto rilevan-te per la comunit e la salute del prossimo.

L Associazione, presieduta da Tina Mafrica, stata soddisfatta dei risultati raggiunti, anche perch lobiettivo di coinvolgere sempre pi giovani nellattivit di donazione di sangue fon-damentale ed il fatto che i calciatori si sono prestati a questo gesto non far che convincere i giovani della comunit a rendersi disponibili, consci che anche i loro beniamini sportivi lo hanno fatto in tutta sicurezza. A bordo dellautoemoteca i prelievi sono stati realiz-zati dalla dott.ssa Mandalari ed il suo team di collaboratori, sul posto era anche presente unambulanza, pronta per qualunque evenienza. Tina Mafrica ha sottolineato come gli ottimi risultati raggiunti possono ulteriormente migliorare con un lavoro di squadra, ovvero coordi-nandosi con le altre sezioni del basso jonio reggino, come riportato su La Gazzetta del Sud di stamani.

http://www.strettoweb.com/author/valentina-ferrandello/

Rassegna medico-scientifica e

politica sanitaria

Prima pagina