Normativa antiriciclaggio e a contrasto del .Normativa antiriciclaggio e a contrasto del terrorismo

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Normativa antiriciclaggio e a contrasto del .Normativa antiriciclaggio e a contrasto del terrorismo

Normativa antiriciclaggio e

a contrasto del terrorismo

Coordinatore scientifico: Prof. Avv. Giuseppe Russo

D.Lgs.25 maggio 2017, n.90 1/2

Il 19 giugno 2017 stato pubblicato in Gazzetta

Ufficiale il D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 90, di attuazione

della Direttiva UE 849/2015 (Quarta Direttiva), relativa

alla prevenzione dell'uso del sistema finanziario a

scopo di riciclaggio dei proventi di attivit criminose e di

finanziamento del terrorismo. Il D.Lgs. 90/2017 ha

apportato significative modifiche alla disciplina in

materia di prevenzione delluso del sistema finanziario

ai fini di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo,

riscrivendo una parte consistente del D.Lgs. 231/2007.

D.Lgs.25 maggio 2017, n.90 2/2

Definizione e ampliamento del perimetro di Peps;

aggiornato lelenco dei soggetti obbligati;

eliminato lobbligo dellAUI;

novit relativamente alladeguata verifica del cliente,

agli obblighi di conservazione, alle segnalazione delle

operazioni sospette e alle sanzioni sia penali che

amministrative;

misure di controllo e monitoraggio per IP e IMEL;

gli obblighi di comunicazione degli organi di controllo

sono attenuati;

procedure volte ad incentivare segnalazioni interne da

parte del personale dipendente.

Definizione di Peps

Persone fisiche che occupano o hanno cessato di occupare da

meno di un anno importanti cariche pubbliche, nonch i loro

familiari e coloro che con i predetti soggetti intrattengono

notoriamente stretti legami.

Sono ricompresi in tale definizione anche: gli assessori regionali; i

Sindaci di citt metropolitane; i Sindaci di comuni con popolazione

non inferiore a 15 mila abitanti; i parlamentari europei; gli

esponenti di imprese controllate, anche indirettamente, in misura

prevalente o totalitaria da comuni capoluoghi di provincia e citt

metropolitane e da comuni con popolazione complessivamente

non inferiore a 15 mila abitanti; i direttori generali di ASL e di

aziende ospedaliere, di aziende ospedaliere universitarie e degli

altri enti del servizio sanitario nazionale.

Finalit e principi 1/3

Riciclaggio:

a) la conversione o il trasferimento di beni, effettuati essendo a

conoscenza che essi provengono da un'attivit criminosa o

da una partecipazione a tale attivit, allo scopo di occultare

o dissimulare l'origine illecita dei beni medesimi o di aiutare

chiunque sia coinvolto in tale attivit a sottrarsi alle

conseguenze giuridiche delle proprie azioni;

b) l'occultamento o la dissimulazione della reale natura,

provenienza, ubicazione, disposizione, movimento,

propriet dei beni o dei diritti sugli stessi, effettuati essendo

a conoscenza che tali beni provengono da un'attivit

criminosa o da una partecipazione a tale attivit;

Finalit e principi 2/3

c) l'acquisto, la detenzione o l'utilizzazione di beni

essendo a conoscenza, al momento della loro

ricezione, che tali beni provengono da un'attivit

criminosa o da una partecipazione a tale attivit;

d) la partecipazione ad uno degli atti di cui alle lettere a),

b) e c) l'associazione per commettere tale atto, il

tentativo di perpetrarlo, il fatto di aiutare, istigare o

consigliare qualcuno a commetterlo o il fatto di

agevolarne l'esecuzione.

Finalit e principi 3/3

Finanziamento del terrorismo: qualsiasi attivit diretta,

con ogni mezzo, alla fornitura, alla raccolta, alla provvista,

all'intermediazione, al deposito, alla custodia o

all'erogazione, in qualunque modo realizzate, di fondi e

risorse economiche, direttamente o indirettamente, in

tutto o in parte, utilizzabili per il compimento di una o pi

condotte, con finalit di terrorismo secondo quanto

previsto dalle leggi penali ci indipendentemente

dall'effettivo utilizzo dei fondi e delle risorse economiche

per la commissione delle condotte anzidette.

Soggetti obbligati 1/5

Intermediari bancari e finanziari: a)banche; b) Poste italiane S.p.a.; c) IMEL; d) IP;

e) societ di intermediazione mobiliare; f) societ di gestione del risparmio; g)

societ di investimento a capitale variabile, h) societ di investimento a capitale

fisso, mobiliare e immobiliari; i) agenti di cambio; l) intermediari iscritti nell'albo

previsto dall'articolo 106 TUB; m) Cassa depositi e prestiti S.p.a.; n) le imprese di

assicurazione, che operano nei rami vita; o) gli intermediari assicurativi (agenti,

broker e produttori diretti) che operano nei rami vita; p) i soggetti eroganti micro-

credito; q) i confidi e gli altri soggetti di cui all'articolo 112 TUB; r) i soggetti di cui

all'articolo 2, comma 6, della legge 30 aprile 1999, n. 130, con riferimento alle

operazioni di cartolarizzazione di crediti disciplinate dalla medesima legge; s) le

societ fiduciarie; t) le succursali insediate di intermediari bancari e finanziari e di

imprese assicurative, aventi sede legale e amministrazione centrale in un altro

Stato membro o in uno Stato terzo; u) gli intermediari bancari e finanziari e le

imprese assicurative aventi sede legale e amministrazione centrale in un altro

Stato membro, stabiliti senza succursale in Italia; v) i consulenti finanziari e le

societ di consulenza finanziaria.

Soggetti obbligati 2/5

Altri operatori finanziari: a) societ fiduciarie, diverse da quelle

iscritte nell'albo previsto ai sensi dell'articolo 106 TUB, di cui

alla legge 23 novembre 1939, n. 1966; b) mediatori creditizi

iscritti nell'elenco previsto dall'articolo 128-sexies TUB; c)

agenti in attivit finanziaria iscritti nell'elenco previsto

dall'articolo 128-quater, commi 2 e 6, TUB; d) soggetti che

esercitano professionalmente l'attivit di cambio valuta,

consistente nella negoziazione a pronti di mezzi di pagamento

in valuta, iscritti in un apposito registro tenuto dall'Organismo

previsto dall'articolo 128-undecies TUB.

Soggetti obbligati 3/5

Professionisti (in forma individuale, associata o societaria): a) soggetti

iscritti nell'albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e

nell'albo dei consulenti del lavoro; b) ogni altro soggetto che rende i

servizi forniti da periti, consulenti e altri soggetti che svolgono in maniera

professionale, anche nei confronti dei propri associati o iscritti, attivit in

materia di contabilit e tributi, ivi compresi associazioni di categoria di

imprenditori e commercianti, CAF e patronati; c) notai e avvocati quando,

in nome o per conto dei propri clienti, compiono qualsiasi operazione di

natura finanziaria o immobiliare e quando assistono i propri clienti nella

predisposizione o nella realizzazione di operazioni particolari []; d) i

revisori legali e le societ di revisione legale con incarichi di revisione

legale su enti di interesse pubblico o su enti sottoposti a regimi

intermedio; e) i revisori legali e le societ di revisione senza incarichi di

revisione su enti di interesse pubblico o su enti sottoposti a regimi

intermedio.

Soggetti obbligati 4/5

Altri operatori non finanziari: a) prestatori di servizi relativi a societ e

trust, ove non obbligati in forza delle previsioni di cui ai commi 2 e 4,

lettere a), b) e c); b) soggetti che esercitano attivit di commercio di

cose antiche; c) soggetti che esercitano l'attivit di case d'asta o

galleria d'arte; d) operatori professionali in oro; e) agenti in affari che

svolgono attivit in mediazione immobiliare in presenza dell'iscrizione

al Registro delle imprese; f) soggetti che esercitano l'attivit di

custodia e trasporto di denaro contante e di titoli o valori a mezzo di

guardie particolari giurate; g) soggetti che esercitano attivit di

mediazione civile; h) soggetti che svolgono attivit di recupero

stragiudiziale dei crediti per conto di terzi; i) prestatori di servizi

relativi all'utilizzo di valuta virtuale, limitatamente allo svolgimento

dell'attivit di conversione di valute virtuali da ovvero in valute aventi

corso forzoso.

Soggetti obbligati 5/5

Prestatori di servizi di gioco: a) operatori di gioco on line che

offrono, attraverso la rete internet e altre reti telematiche o di

telecomunicazione, giochi, con vincite in denaro, su

concessione dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli; b)

operatori di gioco su rete fisica che offrono, anche attraverso

distributori ed esercenti, a qualsiasi titolo contrattualizzati,

giochi, con vincite in denaro, su concessione dall'Agenzia delle

dogane e dei monopoli; c) soggetti che gestiscono case da

gioco, in presenza delle autorizzazioni concesse dalle leggi in

vigore e del requisito di cui all'articolo 5, comma 3, del decreto-

legge 30 dicembre 1997, n. 457, convertito, con modificazioni,

dalla legge 27 febbraio 1998, n. 30.

Adeguata verifica della clientela 1/3

Si procede alladeguata verifica della clientela:

a) in occasione dell'instaurazione di un rapporto continuativo o del

conferimento dell'i