Greenpeace vs Enel, la mappa dei 10 conflitti legali

  • View
    12.491

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of Greenpeace vs Enel, la mappa dei 10 conflitti legali

  • 7 La centrale Federico II di Cerano (Brindisi), pro-priet di ENEL se-

    condo lAgenzia Europea per lAmbiente limpianto industriale pi inquinante dItalia per emissioni atmosferiche 1.

    Porto Tolle Centrale ENEL

    Attivisti di Greenpeace rinviati a giudizio per reati di interruzione di servizio pubblico essenziale (di una centrale in quel momento non operativa e non in grado di produrre rispettando la normativa), danneggiamento e imbrattamento. I fatti risalgono al 2006. ENEL si costituita parte civile contro Greenpeace.

    Greenpeace, assieme ad altre associazioni, si costituita parte civile nel processo contro dirigenti ENEL per limpatto sanitario della centrale che non ha mai applicato le norme antinquinamento.

    Vado Ligure Centrale Tirreno Power

    Greenpeace si costituita parte civile, insieme ad altre associazioni, nel ricorso al TAR contro lapprovazione dellAutorizzazione Integrata Ambientale

    che autorizza lampliamento dellimpianto.

    Civitavecchia Centrale ENEL

    Alcuni attivisti di Greenpeace sono rinviati a giudizio per reati di arbitraria invasione di terreno industriale, danneggiamento e imbrattamento per

    unazione di protesta pacifica e non violenta, realizzata nel 2009 in concomitanza con il G8 tenutosi allAquila. Abbiamo notizia che

    ENEL alludienza del 21 giugno prossimo si costituir parte civile.

    Cerano (Brindisi) Centrale ENEL Federico II

    Greenpeace si costituita parte civile, in un processo attualmente in corso, contro i dirigenti della centrale ENEL di Cerano, indagati tra laltro per gettito pericoloso di cose e danneggiamento alle colture.

    Alcuni attivisti di Greenpeace sono imputati, in un processo che inizier alla fine del maggio 2013, per reati di interruzione di pubblico servizio, danneggiamento e imbrattamento, commessi secondo laccusa durante una dimostrazione pacifica e non violenta nel 2009, in concomitanza con il G8 tenutosi allAquila. ENEL reclama un danno pari a 1,2 milioni di euro per quella protesta.

    Saline Joniche Centrale Repower

    Greenpeace assieme ad altre associazioni si costituita parte civile nel ricorso contro la VIA.

    Milano Reclamo dellENEL per uso illegittimo del logo dellazienda fatto da Greenpeace su materiale cartaceo informativo. Le accuse: raccogliere fondi a scapito del marchio ENEL e voler favorire la societ cooperativa tedesca Greenpeace Energy.

    Roma Reclamo durgenza di ENEL contro la campagna di Greenpeace Facciamo luce su ENEL nella quale si accusa lazienda di provocare, in Italia, un morto al giorno con le emissioni delle sue centrali a carbone. Il Tribunale Civile di Roma ha rigettato il ricorso, condannando ENEL al pagamento delle spese processuali e affermando che il nucleo essenziale della notizia riportata da Greenpeace conforme a verit.

    Roma Sono attualmente in corso due indagini penali contro ignoti per il cortometraggio prodotto da Greenpeace Uno al giorno, regia di Mimmo Calopresti. Vi si denunciano gli impatti sanitari della produzione termoelettrica col carbone di ENEL.

    I cambiamenti climatici causano disastri, alluvioni, siccit, danni economici e morti. Greenpeace si batte per rivoluzionare il modo di produrre e consumare energia: passare dalle fonti fossili alle energie rinnovabili. questa la strada pi efficace per proteggere il clima.

    La fonte energetica pi distruttiva per il clima e nociva per la salute umana il carbone. A livello globale il carbone responsabile di oltre il 40% delle emissioni di gas serra. Dalla sua combustione vengono emesse sessanta differenti sostanze inquinanti, tra cui ossidi di zolfo, ossidi di azoto, metalli pesanti e isotopi radioattivi.

    La campagna di Greenpeace contro il carbone e contro ENEL, che ne il maggiore utilizzatore in Italia e tra i maggiori in Europa, diventata una vicenda giudiziaria complessa. Difendere il clima e la salute unattivit che conduce frequentemente nelle aule di tribunale.

    La centrale ENEL di Porto Tolle un vecchio impianto a olio combustibile nel Parco regionale del Delta del Po, un luogo di grande valore ambientale a livello internazionale, che lazienda vorrebbe convertire a carbone. I vertici di ENEL, in relazione al funzionamento di quella centrale, sono gi stati condannati per emissioni moleste, danneggiamento allambiente, al patrimonio pubblico e privato e violazione della normativa in materia di inquinamento atmosferico; per quella stessa centrale tutto il management risulta oggi rinviato a giudizio per omissione dolosa di cautele contro disastri.

    La centrale di Vado Ligure un impianto della Tirreno Power. Operante attualmente con due gruppi da 330 MW, verr ampliata con la realizzazione di un terzo gruppo da 460 MW6.

    La centrale ENEL di Civitavecchia il pi moderno ed efficiente tra gli impianti a carbone dellENEL in Italia. Nel 2012 la centrale di Civitavecchia stata tra i 20 maggiori impianti industriali in Europa per emissioni di CO23.

    SEI S.p.A., societ affiliata di Repower, sta progettando la realizzazione di una centrale a carbone a Saline Joniche (Reggio Calabria), in unarea industriale dismessa. Sarebbe costituita da due gruppi di 660 MW di potenza ciascuno.

    Greenpeace ha avviato nel 2012 una campagna contro ENEL per spingere lazienda a ridurre, fino ad azzerare, luso del carbone. Lassociazione ambientalista ha deciso di rivolgersi alla multinazionale italiana perch realizza in Italia i tre quarti della produzione elettrica con il carbone. ENEL, a livello europeo, il terzo emettitore assoluto di CO2: le emissioni delle sue centrali a carbone causano, in Italia, una morte prematura al giorno e danni stimabili in circa 2 miliardi di euro lanno; mentre in Europa quella stessa produzione causa quasi 1.100 casi di morti premature lanno e danni per 4,3 miliardi di euro.

    85 M

    ORTI

    234

    Mln

    10 M

    ln C

    0 2

    54 M

    ORTI

    250

    Mln

    3,7

    Mln

    C0 2

    2,9

    Mln

    C0 2

    126

    Mln

    13 M

    ORTI

    707

    Mln

    13 M

    ln C

    0 2

    44 M

    ORTI

    357

    Mln

    7,6

    Mln

    C0 2

    = 50 milioni di euro di danni economici

    = 10 casi di mortalit prematura lanno

    = 1 milione di tonnellate di CO2 lanno

    1. Revealing the costs of air pollution from industrial facilities in Europe2. Pi delle citt di Roma, Milano e Torino messe insieme. Rapporto Cittalia 2010 - cittadini sostenibili, ANCI3. http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2012/clima/Enel-Il-carbone-costa-un-morto-al-giorno.pdf4. http://www.greenpeace.org/italy/it/ufficiostampa/rapporti/Porto-Tolle-analisi-comparativa-dellimpatto-sanitario5. http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2012/clima/Enel-Il-carbone-costa-un-morto-al-giorno.pdf6. http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2012/clima/Enel-Il-carbone-costa-un-morto-al-giorno.pdf7. http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/file/2012/clima/Nota%20Saline%20Joniche%20ottobre%202012.pdfNO

    TE

    LEGE

    NDA

    IN EUROPA

    IN ITALIA

    1093 MORTI LANNO4,3 MILIARDI DI EURO DI DANNI5

    366 MORTI LANNO1,8 MILIARDI DI EURO DI DANNI

    2 4

    Dati 2009. La centrale stata in funzione circa tre mesi. Le emissioni, i danni economici e gli impatti sa-nitari, a pieno regime, sono quindi ben pi ingenti.

    119

    MOR

    TI