of 37 /37
Dr. L. Guadagno Dip. di Prevenzione ASL1 Imperiese S.C. Igiene e Sanità Pubbli Sanremo 29.05.2008 AZIENDA USL 1 IMPERIESE - Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa: Igiene e Sanità Pubblica

Dr. L. Guadagno Dip. di Prevenzione ASL1 Imperiese S.C. Igiene e Sanità Pubblica Sanremo 29.05.2008 AZIENDA USL 1 IMPERIESE - Dipartimento di Prevenzione

Embed Size (px)

Text of Dr. L. Guadagno Dip. di Prevenzione ASL1 Imperiese S.C. Igiene e Sanità Pubblica Sanremo 29.05.2008...

  • Slide 1
  • Dr. L. Guadagno Dip. di Prevenzione ASL1 Imperiese S.C. Igiene e Sanit Pubblica Sanremo 29.05.2008 AZIENDA USL 1 IMPERIESE - Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa: Igiene e Sanit Pubblica
  • Slide 2
  • Slide 3
  • Quindi la risposta alla domanda La Legionella un problema per le Strutture recettive? :
  • Slide 4
  • Il problema in realt sottostimato infatti: Le Legionelle sono responsabili di una frazione compresa tra 1% e il 5% dei casi di polmonite comunitaria e di una quota che oscilla dal 3% al 20% di tutte le polmoniti nosocomiali
  • Slide 5
  • La legionella un batterio gram-negativo aerobio di cui sono state identificate pi di 50 specie, suddivise in 71 sierogruppi. Quella pi pericolosa, a cui sono stati collegati circa il 90% dei casi di legionellosi, la L. pneumophila. Il nome deriva dalla epidemia acuta che nel 1976 colp un gruppo di veterani della American Legion riuniti in un albergo di Filadelfia, causando ben 34 morti su 221 contagiati.batterioFiladelfia
  • Slide 6
  • Le condizioni pi favorevoli alla proliferazione sono: vive con una temperatura dell'acqua compresa tra i 5,7 e i 63 C; sviluppa con una temperatura dellacqua compresa tra i 25 e i 42 C; ambienti acidi e alcalini, sopportando valori di pH compresi tra 5,5 e 8,1. condizioni di stagnazione; presenza di incrostazioni e sedimenti;
  • Slide 7
  • BIOFILM Un biofilm costituito da aggregati di batteri, protozoi e miceti che aderiscono a irregolarit delle pareti interne di condutture ed altre strutture a contatto con lacqua, formando delle stratificazioni che hanno leffetto di corrodere le pareti stesse, facilitando depositi ed incrostazioni che sporgono e tendono ad occludere le tubazioni.
  • Slide 8
  • RESIDUI ALIMENTI GLICOCALICE SALI
  • Slide 9
  • STRUTTURE A RISCHIO Ospedali Case di riposo Alberghi - Campeggi Caserme Abitazioni private
  • Slide 10
  • I casi notificati in Italia sono circa 100- 150 allanno, dati ufficiali che vengono per ritenuti una sottostima della reale incidenza della patologia, infatti stime attendibili ritengono che lItalia presenti un numero di casi di malattia almeno 10 volte superiore ai casi notificati.
  • Slide 11
  • In realt linsorgenza della patologia richiede che ci sia una elevata concentrazione di batteri patogeni nellacqua, che questa venga dispersa sotto forma di aerosol con dimensioni delle gocce, e meccanismi di trasporto che consentano linalazione da parte di persone suscettibili. Lelevata concentrazione di batteri in acqua segue un processo detto di proliferazione che avviene quando esistono condizioni ambientali adatte
  • Slide 12
  • Le legionelle sono ampiamente diffuse in natura dove si trovano principalmente associate a presenza di acqua, da qui possono colonizzare gli ambienti idrici artificiali che agiscono come amplificatori e disseminatori del microrganismo
  • Slide 13
  • Serbatoio e sorgente dinfezione: lambiente contaminato reti di distribuzione dellacqua calda sistemi di climatizzazione piscine fontane ornamentali il suolo umido apparecchi erogatori di aerosol apparecchi per la respirazione assistita Le persone malate non trasmettono linfezione
  • Slide 14
  • Piscine
  • Slide 15
  • Fontane decorative Sanremo Chiavari
  • Slide 16
  • Slide 17
  • Apparecchi medici per trattamenti respiratori
  • Slide 18
  • Via dingresso: le vie aeree, generalmente per inalazione di aerosol, talvolta di polveri Carica infettante: non nota ma si ritiene che concentrazioni di legionelle di 10 3 -10 4 /L dacqua siano sufficienti a provocare casi sporadici
  • Slide 19
  • 1)Temperatura 2)Sedimenti e biofilm 3)Stagnazione 4)Presenza di sostanze biodegradabili provenienti da parti di gomma o silicone
  • Slide 20
  • Evitare di installare tubazioni con tratti terminali ciechi Evitare formazione di ristagni d acqua e di nicchie biologiche Pulizia periodica degli impianti
  • Slide 21
  • Rimozione periodica dei sedimenti dei serbatoi d acqua calda e dei bacini di raffreddamento Controllare lefficienza dei separatori di gocce a valle degli umidificatori Controllare l efficienza dei filtri
  • Slide 22
  • Sino ad ora abbiamo focalizzato tutto soltanto sugli impianti Idraulici. Ma non sono da sottovalutare gli impianti Aeraulici (condizionatori daria) Dai quali siamo ormai circondati
  • Slide 23
  • Il condizionamento ha comunque influito sempre sulla mitigazione della bassa temperatura Allalta temperatura si sempre ovviato con lapertura di porte e finestre, con lutilizzo di strumenti e mezzi deputati ad aumentare lombra
  • Slide 24
  • Slide 25
  • Slide 26
  • ARIA ESTERNA Mentre la consapevolezza del rischio per la salute determinato dallinquinamento atmosferico esterno patrimonio comune
  • Slide 27
  • ARIA INDOOR difficile prendere in considerazione l'idea che negli ambienti chiusi (abitazioni, scuole, uffici, alberghi, case di riposo ecc. ecc.) si possano nascondere dei possibili rischi per la salute
  • Slide 28
  • ARIA INDOOR
  • Slide 29
  • ARIA INDOOR Consideriamo che proprio in questi luoghi che si trascorre fino al 90% del tempo della propria vita
  • Slide 30
  • Sono proprio i bambini e gli anziani coloro che passano la maggior parte del tempo in ambienti chiusi
  • Slide 31
  • INDOOR AIR QUALITY IAQ Ambienti confinati di vita e di lavoro non industriali - abitazioni, uffici pubblici e privati - strutture comunitarie (ospedali, scuole, caserme, alberghi etc.) - strutture per attivit ricreative e/o sociali (cinema,bar, ristoranti, negozi) - strutture sportive (palestre coperte pubbliche e private) - mezzi di trasporto pubblici e/o privati (treno, nave, aereo, auto)
  • Slide 32
  • Fattori di rischio ambientali Presenza di legionelle in concentrazione >1.000/L nellacqua Presenza di torri di raffreddamento degli impianti di climatizzazione Lavori di scavo
  • Slide 33
  • Fattori di rischio individuali Et avanzata Sesso maschile Alcolismo Tabagismo Broncopneumopatia cronica ostruttiva Neoplasie Insufficienza cardiaca Insufficienza renale terminale Diabete Immunodepressione
  • Slide 34
  • Casi acquisiti in comunit In occasione di mostre, fiere, congressi,case di cura,case di riposo,residenze per anziani, ecc. sono stati descritti episodi epidemici anche di vasta portata; mancano dati sulla frequenza dei casi acquisiti in ambiente domestico Casi correlati a viaggi e soggiorni fuori dalla propria abitazione Rete EWGLI: oltre 500 casi documentati in questi ultimi anni in persone residenti in Europa e che hanno soggiornato allestero in alberghi, campeggi, residenze turistiche ecc.
  • Slide 35
  • Fattori di rischio aggiuntivi nelle strutture turistiche (1) Particolarit delle strutture turistiche (1) - soggiorni brevi, variabilit nelluso in base alla stagione di intere sezioni o di tutto lalbergo - consumo di acqua concentrato in certe ore del giorno e notte (calo della T dellacqua e dellazione dei biocidi) - la qualit dellacqua erogata pu variare e dovrebbe essere monitorata pi frequentemente(specie se le fonti di approvvigionamento non sono le stesse)(es.fornitura a mezzo di cisterne)
  • Slide 36
  • Fattori di rischio aggiuntivi nelle strutture turistiche (2) Particolarit delle strutture turistiche (2) -in bassa stagione lo scarso consumo o lalbergo chiuso favoriscono il ristagno dacqua che facilita la formazione di biofilm - il sistema di distribuzione dellacqua molto complesso (ogni stanza ha il bagno) con percorsi lunghi dal sito di distribuzione ai rubinetti - la natura stagionale del settore turistico fa si che lo staff possa cambiare frequentemente rendendo difficile mantenere un nucleo di personale adeguatamente addestrato
  • Slide 37
  • Fattori di rischio aggiuntivi nelle strutture turistiche (3) Particolarit delle strutture turistiche (3) -Gli ingegneri degli alberghi spesso non hanno una sufficiente formazione sulle modalit progettuali da adottare per il controllo della Legionella nei sistemi idrici degli hotel/attivit produttive -Nel corso di crisi idriche le risorse non essenziali come bacini/piscine possono essere poste in quiescenza perch non possibile sostituire lacqua con abbastanza frequenza -Non perdere di vista(e di importanza) gli spruzzatori di acqua per lirrigazione
  • Slide 38
  • Il primo modo di ripararsi dal clima, dopo gli anfratti naturali, per luomo primitivo furono le capanne, ma ben presto inizi a condizionare il proprio microclima
  • Slide 39
  • CON COSA IL PRIMO UOMO HA INIZIATO A MODIFICARE IL PROPRIO MICROCLIMA?
  • Slide 40
  • PER ARRIVARE POI VIA VIA FINO AGLI INFISSI
  • Slide 41
  • Dopo aver visto con cosa il primo uomo ha modificato il microclima Vediamo quale stato il primo impianto di condizionamento
  • Slide 42
  • SINO A QUANDO NON SONO STATI COSTRUITI EDIFICI IN CUI LUNICA POSSIBILITA DI RICAMBIA LARIA SAREBBE STATA DETERMINATA DA IMPIANTI ELETTROMECCANICI SINO A QUANDO NON SONO STATI COSTRUITI EDIFICI IN CUI LUNICA POSSIBILITA DI RICAMBIA LARIA SAREBBE STATA DETERMINATA DA IMPIANTI ELETTROMECCANICI
  • Slide 43
  • Cos'e' una torre di raffreddamento? Una torre di raffreddamento un'installazione che preleva calore dall'acqua tramite evaporazione e conduzione.torre di raffreddamento L'acqua che deve essere raffreddata ha solitamente una temperatura compresa tra i 40 ed i 60C. Focalizziamo la nostra attenzione sul trattamento delle acque provenienti dalle torri di raffreddamento, poich - fra altri batteri - la Legionella costituisce ancora uno dei maggiori problemi nelle torri di raffreddamento.
  • Slide 44
  • MICROCLIMA clima degli ambienti confinati FATTORI MICROCLIMATICI dell ARIA : TEMPERATURA UMIDITA UMIDITA VENTILAZIONE VENTILAZIONE CALORE RADIANTE CALORE RADIANTE Valori consigliati (per attivit moderate) 18/20C UR 25/70% Vel. Aria < 0.12 m/sec
  • Slide 45
  • CONSEGUENZE DI UN MICROCLIMA ALTERATO SBS : SICK BUILDING SYNDROME Insieme di sintomi accusati dagli occupanti di un edificio correlati al tempo di permanenza nello stesso ma non collegati ad alcuna patologia specifica Insieme di sintomi accusati dagli occupanti di un edificio correlati al tempo di permanenza nello stesso ma non collegati ad alcuna patologia specifica BRI : BUILDING RELATED ILLNESS Stato patologico presentante sintomi collegabili direttamente a contaminanti presenti nell aria ambiente Stato patologico presentante sintomi collegabili direttamente a contaminanti presenti nell aria ambiente SBS : SICK BUILDING SYNDROME Insieme di sintomi accusati dagli occupanti di un edificio correlati al tempo di permanenza nello stesso ma non collegati ad alcuna patologia specifica Insieme di sintomi accusati dagli occupanti di un edificio correlati al tempo di permanenza nello stesso ma non collegati ad alcuna patologia specifica BRI : BUILDING RELATED ILLNESS Stato patologico presentante sintomi collegabili direttamente a contaminanti presenti nell aria ambiente Stato patologico presentante sintomi collegabili direttamente a contaminanti presenti nell aria ambiente PATOLOGIE DI DIVERSA GRAVITA DA : PATOLOGIE DI DIVERSA GRAVITA DA : Virus L.pneumophila St.aureus - Miceti Virus L.pneumophila St.aureus - Miceti
  • Slide 46
  • SORGENTI DI INQUINAMENTO INTERNO Attrezzature Indoor Presenza umana Locali adiacenti Condotte dell Impianto di Condizionamento
  • Slide 47
  • EFFETTI NEGATIVI SULLA SALUTE SINUSITI acute e croniche ASMA nell adulto e peggioramento della sintomatologia in bambini asmatici Tutte le forme morbose causate da Bacilli Gram - aerobi del genere Legionella Nuovi casi di ASMA nei bambini ALLERGIE da IAQ scadente ASPERGILLOSI e STACHIBOTRICOSI
  • Slide 48
  • una muffa nera-verdastra responsabile di mal di testa, reazioni allergiche e, addirittura, perdita di memoria Prolifera tra le mattonelle dei bagni, si nasconde nelle guarnizioni degli impianti di condizionamento ma, spesso, nelL angolo di casa, buio e umido a causa delle infiltrazioni d'acqua. Negli Stati Uniti, (dove ne e' stata rilevata una forte presenza nel legno utilizzato come materiale di costruzione) stata battezzatta con il nome una muffa nera-verdastra responsabile di mal di testa, reazioni allergiche e, addirittura, perdita di memoria Prolifera tra le mattonelle dei bagni, si nasconde nelle guarnizioni degli impianti di condizionamento ma, spesso, nelL angolo di casa, buio e umido a causa delle infiltrazioni d'acqua. Negli Stati Uniti, (dove ne e' stata rilevata una forte presenza nel legno utilizzato come materiale di costruzione) stata battezzatta con il nome "muffa tossica" STACHIBOTRICOSI (Stachybotrys Chartarum)
  • Slide 49
  • Lo Stachybotrys Chartarum, che si annida nelle abitazioni calde, umide e con scarsa ventilazione, provoca seri danni alla nostra salute. Lo Stachybotrys Chartarum, che si annida nelle abitazioni calde, umide e con scarsa ventilazione, provoca seri danni alla nostra salute. Si raccomanda pertanto di far entrare aria e luce in casa, di non lasciare moquette, tappeti o parti di legno umidi (specialmente in cucina o nel bagno) e, se il problema persiste, ricorrere ad interventi strutturali e all'utilizzo di sostanze antifungine. Si raccomanda pertanto di far entrare aria e luce in casa, di non lasciare moquette, tappeti o parti di legno umidi (specialmente in cucina o nel bagno) e, se il problema persiste, ricorrere ad interventi strutturali e all'utilizzo di sostanze antifungine.
  • Slide 50
  • CONCLUSIONI Tenendo conto della vastit dei problemi connessi con l attivit in ambiento indoor e mirando contemporaneamente alla salvaguardia della salute di tutti coloro che ivi svolgono tale attivit, la Legge Regionale n.24 del 02.07.2002, sulla base di quanto descritto nelle Linee Guida per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati offre, a tutti coloro che operano nel campo dell installazione e nel controllo degli impianti di condizionamento, un sistema valido e preciso su come affrontare e risolvere i problemi finora descritti. Tenendo conto della vastit dei problemi connessi con l attivit in ambiento indoor e mirando contemporaneamente alla salvaguardia della salute di tutti coloro che ivi svolgono tale attivit, la Legge Regionale n.24 del 02.07.2002, sulla base di quanto descritto nelle Linee Guida per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati offre, a tutti coloro che operano nel campo dell installazione e nel controllo degli impianti di condizionamento, un sistema valido e preciso su come affrontare e risolvere i problemi finora descritti.
  • Slide 51
  • Slide 52
  • Definizione di cluster Quando si verificano 2 casi di malattia dei Legionari nella stessa struttura recettiva nellarco degli ultimi 2 anni
  • Slide 53
  • E UROPEAN S URVEILLANCE S CHEME F OR T RAVEL A SSOCIATED L EGIONNAIRES D ISAESE EWGLI
  • Slide 54
  • European Working Group for Legionella Infections (EWGLINE T) Cos? E un sistema europeo di sorveglianza della Legionellosi associata ai viaggi. E un sistema europeo di sorveglianza della Legionellosi associata ai viaggi. Qual lobiettivo? Raccogliere informazioni sui casi di Malattia dei Legionari che si verificano nei viaggiatori in modo da poter identificare le strutture recettive associate con pi di un caso ed informare le Autorit competenti del Paese Raccogliere informazioni sui casi di Malattia dei Legionari che si verificano nei viaggiatori in modo da poter identificare le strutture recettive associate con pi di un caso ed informare le Autorit competenti del Paese
  • Slide 55
  • Chi partecipa? Spagna Francia Inghilterra Spagna Francia Inghilterra Belgio Olanda Lussemburgo Belgio Olanda Lussemburgo Svizzera Italia Germania Svizzera Italia Germania Austria Rep. Ceca Slovacchia Slovenia Ungheria Polonia Austria Rep. Ceca Slovacchia Slovenia Ungheria Polonia Romania Estonia Russia Turchia Norvegia Irlanda Scozia Islanda Finlandia Romania Estonia Russia Turchia Norvegia Irlanda Scozia Islanda Finlandia
  • Slide 56
  • Perch importante EWGLI per le strutture recettive? Perch a questo Centro che ha sede a Londra confluiscono: a) tutte le notifiche (denunce e rapporto preliminare entro due settimane dal caso) dei cluster, tramite ASL, Regioni e ISS b) tutta linformativa delle azioni intraprese a seguito del caso conclamato e quindi la notizia della definitiva bonifica della struttura interessata dalla colonizzazione.
  • Slide 57
  • Se, a seguito di un secondo episodio le azioni intraprese fossero inadeguate, o se non fossero comunque state comunicate entro i termini previsti (4 settimane dopo il rapporto preliminare quindi 6 settimane dalla prima segnalazione dellISS) la struttura recettiva viene segnalata sul Sito Web dello EWGLI a cui fanno oramai riferimento tutti i maggiori Tour Operator delle Nazioni aderenti al Progetto EWGLI con evidenti ripercussioni negative a carico della struttura interessata.
  • Slide 58