0258 mod047programmarev 1501 toscanapisa 1501

  • View
    230

  • Download
    3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

http://www.osdi.it/Uploads/Documento/_0258_mod047Programmarev_1501.ToscanaPisa_1501.doc

Text of 0258 mod047programmarev 1501 toscanapisa 1501

AMD

Mod. 047

PROGRAMMA EVENTO FORMATIVORevisione

Data emissione

Pagina: 00: 01/03/08: 1 di 7

OSDI

OPERATORI SANITARI DI DIABETOLOGIA ITALIANI

SCUOLA DI FORMAZIONE PERMANENTE O.S.D.I.Con il patrocinio della ASSOCIAZIONE MEDICI DIABETOLOGI

Organizza un

Corso pratico di aggiornamento continuo professionale

per Medici, Infermieri e Dietisti di DiabetologiaTitolo

Modalit operative per una gestione ottimizzata del diabete mellito tipo 1: alimentazione e insulina

Con il contributo non condizionante di Roche Diagnostics

Premessa

Nellapproccio tradizionale alla dieta del paziente diabetico una delle caratteristiche specifiche lintroduzione di una quota costante di carboidrati ai pasti.

Per molti decenni la dieta del paziente diabetico stata caratterizzata da una significativa riduzione dellapporto di carboidrati rispetto alla dieta di un soggetto non diabetico. Negli anni 20 il consumo consigliato era il 20% delle calorie totali; negli anni 50 salito al 40%; fino ad arrivare ai nostri giorni dove il quantitativo raccomandato di carboidrati compreso tra il 45 e il 60% delle calorie totali, in base alla valutazione nutrizionale ed agli obiettivi terapeutici.

Nel corso degli anni lattenzione degli specialisti in alimentazione si focalizzata sulluso delle liste di scambio, sistema basato sulla suddivisione in gruppi dei cibi con simile contenuto in carboidrati, proteine e grassi, in modo che gli alimenti di ciascun gruppo o lista - potevano essere sostituiti e scambiati con altri alimenti dello stesso gruppo. Successivamente nel 93 lAmerican Diabetic Association e lAmerican Diabetes Association Steering Commitee on Diabetes Nutrition Resources raccomandarono lo sviluppo e la pubblicazione di altri approcci nutrizionali. Uno di questi approcci il metodo basato sul calcolo dei carboidrati. Questo metodo ha ricevuto una consacrazione dallo studio DCCT, dove risultato essere efficace nel permettere il raggiungimento degli obiettivi glicemici garantendo una ampia flessibilit ai pasti.

I carboidrati presenti nellalimentazione rappresentano il principale fattore determinante il fabbisogno insulinico per ogni pasto effettuato. Anche se lescursione glicemica e la velocit della comparsa del glucosio differiscono da pasto a pasto, si ritiene che il 90-100% dei carboidrati penetri nel circolo ematico sotto forma di glucosio approssimativamente tra 20-90 minuti dopo lassunzione.

Nonostante anche parte di proteine e grassi vengano metabolizzate in glucosio, il loro apporto nella quantit di carboidrati assorbiti nel periodo post-prandiale relativamente scarso, influenzando molto poco il fabbisogno insulinico. Quindi, una stima abbastanza precisa del fabbisogno insulinico che un determinato pasto genera pu essere ricavata attraverso il semplice calcolo dei grammi di carboidrati contenuti in quel pasto.

Questo metodo pu rendere possibile un buon controllo delle glicemie post-prandiali anche in quei pazienti che utilizzano dosaggi insulinici flessibili, permettendo uno stile di vita senza troppe limitazioni alimentari.

Destinatari

quipe diabetologiche: medico e infermiera (quipe minima obbligatoria), ove possibile anche la dietista

N Partecipanti

36 per edizione

Modalit discrizioneTramite compilazione ed invio della scheda di iscrizione.Obiettivo Generale

Far nascere e sviluppare la consapevolezza che il counting dei carboidrati uno strumento irrinunciabile per la cura del paziente con diabete mellito tipo 1.

Dare gli strumenti alle quipe partecipanti per poter realizzare nella propria sede un corso sul counting dei carboidrati.

Obiettivi Specifici

Sapere

I Partecipanti dovranno sapere:

a) Cosa sono i carboidrati

b) In quali alimenti sono contenuti i carboidrati

c) Cos una dieta di scambio

d) Cos un diario alimentare

e) Cos il rapporto insulina-carboidrati

f) Cos il fattore di insulino-sensibilit

Saper fare

I partecipanti dovranno saper fare:

a) Analizzare un diario alimentare

b) Individuare gli alimenti contenenti carboidrati tra quelli scritti in un diario alimentare

c) Conteggiare i carboidrati presenti nei pasti di un diario alimentare

d) Sostituire uno o pi alimenti contenenti carboidrati con altri che contengono la stessa quantit di carboidrati

e) Individuare il rapporto insulina-carboidrati di ogni singolo pasto da consigliare al paziente

f) Calcolare il fattore di insulino-sensibilit di ogni singolo paziente

Saper essere

I partecipanti dovranno saper essere:

a) disponibili alla collaborazione efficace con il paziente

b) essere responsabili della creazione di un percorso di formazione sul counting dei carboidrati per il paziente con diabete mellito tipo 1

c) essere promotori del counting dei carboidrati come parte integrante del piano terapeutico

Articolazione del Corso

20-21 febbraio 2009 (Firenze)06-07 marzo 2009 (Genova)03-04 aprile 2009 (Quarto dAltino)18-19 settembre 2009 (Lucera)12-13 marzo 2010 (Pisa)

19-20 marzo 2010 (Roma)

09-10 aprile 2010 (Cologno al Serio)

In questa fase la formazione sar effettuata con lalternanza di lezioni teoriche (25%) e di lavori di gruppo (75%).

Gruppo di progetto

Responsabile di progetto:

Rosangela Ghidelli

Responsabile Scientifico:

Luigi Sciangula

Equipe di progetto:

Donata Richini, Giuseppe Marelli, Alessandra Ciucci, Silvana Pastori, Elisa Bellini, Adele Tono.

Conduttori e relatori

Relatori: Alessandra Ciucci, Giuseppe Marelli, Donata Richini, Luigi Sciangula, Silvana Pastori, Adele Tono, Elisa Bellini, Rosangela Ghidelli, Cristiana Baggiore, Maria Calabrese, Enrico Torre, Guglielmo Ghisoni, Luciano Zenari, Roberta Assaloni, Mauro Cignarelli, Vincenzo Nicastro, Fabrizio Quadri, Michele Aragona, Francesco Chiaramonte, Sergio Leotta, Regina Dagani, Elena Meneghini.Tutors: Rosangela Ghidelli, Elisa Bellini, Silvana Pastori, Adele Tono, Alessandra Ciucci, Giuseppe Marelli, Donata Richini, Luigi SciangulaSottolineati i relatori ed i tutors che saranno impegnati nella presente edizione.PROGRAMMA

Venerd

10.00 - 11.00Registrazione dei partecipantiSegreteria

11.00 - 11.30Saluto ai partecipanti

Presentazione del corso: freccia di processoSessione

InterattivaRosangela Ghidelli

Presidente Regionale OSDI Presidente Regionale AMD

Luigi Sciangula30 min

11.30 - 11.50RELAZIONE 1

Il Diabete mellito tipo 1 in Italia e nelle Regioni ospitanti: epidemiologia, aspetti organizzativi/gestionali, PDTALezione frontaleFabrizio Quadri20 min

11.50 12.20RELAZIONE 2

Il counting dei carboidrati - Principi nutritivi e glicemia postprandiale "Lezione frontaleAlessandra Ciucci

30 min

12.20 12.30Contratto daulaSessione InterattivaAdele TonoSilvana PastoriRosangela Ghidelli10 min

12.30 - 13.301 LAVORO DI GRUPPO

Alla ricerca dei carboidrati Gioco interattivoTutti

Tutors di gruppo60 min

13.30 14.30Pranzo

14.30 15.00RELAZIONE 3

La dieta di scambio nel counting dei carboidratiLezione frontaleDonata Richini30 min

15.00 16.302 LAVORO DI GRUPPO :

Scambiamo i carboidratiGioco interattivoTutti

Tutors di gruppo90 min

16.30 17.00Coffee break

17.00 19.003 LAVORO DI GRUPPO:

Conto i carboidratiSessione

InterattivaTutti

Tutors di gruppo120 min

19.00 19.30Plenaria: incontro con gli espertiSessione

InterattivaTutti30 min

21.00Cena

Sabato

08.00 08.30Contestualizzazione: freccia di processoSessione

InterattivaTutti

Luigi Sciangula30 min

08.30 - 09.00RELAZIONE 4

Il fattore di insulino-sensibilit e il rapporto insulina-carboidratiLezione frontaleLuigi Sciangula30 min

09.00 10.304 LAVORO DI GRUPPO:

Il fattore di insulino-sensibilit e il rapporto insulina-carboidratiSessione

InterattivaTutti

Tutors di gruppo90 min

10.30 11.005 LAVORO DI GRUPPO:

La valutazione dei diari e la stima del peso (prima parte)Giro di tavoloTutti

Tutors di gruppo30 min

11.00 11.30Coffee break

11.30 13.005 LAVORO DI GRUPPO:

La valutazione dei diari e la stima del peso (seconda parte)Giro di tavoloTutti

Tutors di gruppo90 min

13.00 14.00Pranzo

14.00 - 14.20RELAZIONE 5

Lesperienza di Mariano ComenseLezione frontaleRosangela Ghidelli20 min

14.20 - 14.40RELAZIONE 6

Il Counting dei CHO nella nostra regione: esperienze ed aspetti organizzativiLezione frontaleMichele Aragona20 min

14.40 15.00Discussione finale

Compilazione questionari finali e questionario ECM- Chiusura del corsoSessione

InterattivaTutti20 min

Codice progetto 0014-N-05