of 86 /86
Curricolo verticale per lo sviluppo delle competenze secondo le nuove indicazioni a. s . 2016 -17 IC3 PARCO VERDE CAIVANO

Curricolo verticale Caivano

Embed Size (px)

Text of Curricolo verticale Caivano

Diapositiva 1

Curricolo verticaleper lo sviluppo delle competenze secondo le nuove indicazioni a. s . 2016 -17

IC3 PARCO VERDE CAIVANO

1

premessaIl curricolo elaborato dalla nostra scuola il frutto del processo di formazione, riflessione e rielaborazione avviato con ladesione alle Misure di Accompagnamento delle Indicazioni nazionali 2012 per il Curricolo della scuola dellInfanzia e del primo ciclo distruzione che tendono a promuovere le Competenze chiave europee definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio Europeo (18/12/2006). Pertanto, sulla base di detta normativa, in linea con le prospettive fissate nel POF e del PTOF dellIstituto, il gruppo di lavoro, costituito da docenti di scuola dellinfanzia, primaria e scuola secondaria, ha predisposto una progettazione pedagogica condivisa ed unitaria, capace di assicurare una piena espansione dei processi di crescita integrata e favorire lacquisizione di abilit, conoscenze e competenze per tutti e per ciascuno. Lobiettivo essenziale quello di garantire il rispetto delle caratteristiche del processo formativo individuale e motivare gli alunni, creando le condizioni per un apprendimento significativo e consapevole che consenta di sviluppare strategie cognitive efficaci, cogliere limportanza di ci che si impara e consenta di connotare la scuola come ambiente significativo di apprendimento, in modo da arginare e prevenire i fenomeni di insuccesso, disaffezione ed abbandono scolastico. Il Curricolo dIstituto il percorso che delinea un processo unitario, graduale e coerente, continuo e progressivo, verticale ed orizzontale, delle tappe e delle scansioni dapprendimento dellallievo, in riferimento alle finalit complessive del processo educativo, alle competenze da acquisire e ai traguardi in termini di risultati attesi. La progettazione di tale curricolo che si sviluppa a partire dalle parole chiave delle Indicazioni Nazionali, dai campi di esperienza della Scuola dellInfanzia alle discipline della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado, prevede, per ogni campo o disciplina, le opzioni metodologiche, le scelte organizzative, i Nuclei Fondanti dei saperi (conoscenze-abilit) e i Traguardi da raggiungere alla fine di ogni segmento scolastico, non pi ripartito per singole classi. Nella sua dimensione verticale, il curricolo scolastico elaborato, organizza i saperi essenziali delle discipline coniugandoli con le competenze trasversali di cittadinanza; fondendo i processi cognitivi disciplinari con quelli relazionali e finalizzando, quindi, lazione educativa alla formazione integrale del cittadino europeo in grado di trasferire le conoscenze scolastiche in contesti reali, nellinterazione emotivo affettiva e nella comunicazione sociale.

La progettazione di tale curricolo, si sviluppa in linea con le finalit delle Indicazioni Nazionali che ne definiscono natura, struttura e contenuti a partire dalla valorizzazione delle esperienze personali di ogni alunno e dal superamento della didattica disciplinare.Le Indicazioni chiariscono che il ruolo del sistema di istruzione non pu limitarsi alla trasmissione di un patrimonio culturale e valoriale, n alla preparazione dei giovani allinserimento nel mondo delle professioni e della vita lavorativa ma, rispetto alla dimensione dellapprendimento, deve garantire ad ogni persona la cura e laccompagnamento e in tal senso leducazione si configura come un incontro e si sviluppa nella relazione. Ci comporta necessariamente una radicale svolta sul terreno delle metodologie didattiche che devono affrontare sul serio i nodi irrisolti della dispersione e dellinnalzamento del livello complessivo degli studi, una svolta che richiede il cambiamento del rapporto insegnamento/apprendimento sancito dal passaggio da un impianto selettivo ad un impianto orientativo che cogliendo progressivamente le vocazioni, le potenzialit e le stesse difficolt di ogni giovane, riesca a condurlo al traguardo di uno specifico successo formativo. Quattro sono i grandi doveri che caratterizzano il compito che spetta al sistema educativo:a. insegnare ad apprendere - lacquisizione delle modalit per apprendereb. imparare a fare - lo sviluppo delle competenze necessarie per affrontare situazioni nuove e per lavorare con gli altric. insegnare a vivere insieme - comprendere gli altri, realizzare progetti comuni, valorizzare linterdipendenza positivad. insegnare ad essere - la scuola intesa come ambiente significativo. Lungo questi assi portanti la nostra azione formativa sar orientata : individuare i nessi che legano la realt educativa a tutte le altre realt presenti nello sviluppo personale e dei contesti; individuare la specificit educativa in grado di relazionarsi alle altre dimensioni dello sviluppo; individuare le forme di lavoro degli attori delleducazione con i soggetti del territorio adottando una metodologia complessa. Tutto ci segna il passaggio dallapproccio disciplinare (per argomenti sequenziali) a quello transdisciplinare (per problemi reticolari).

ORGANIZZAZIONE

Il Curricolo e lextrascuola5La progettazione delle attivit extrascolastiche terr conto dei principi richiamati dalle Indicazioni Nazionali, laddove si sottolinea che le problematiche educative poste dalla societ contemporanea stanno producendo una rivoluzione epocale nei modelli di formazione che esige labbandono del modello centrato sulla scuola come unica agenzia di formazione ed afferma il modello di formazione centrato sullapprendimento lungo lintero corso della vita (lifelong learning). La logica del lifelong learning, postula il diritto di tutti gli esseri umani alla produzione di saperi creativi e, quindi, i sistemi formativi non possono continuare a viaggiare come sistemi separati: essi hanno bisogno di integrarsi in una politica ed in una pratica formativa centrate sul pieno sviluppo del capitale umano, fondamentale nellattuale societ planetaria della conoscenza. Seguendo queste piste di senso la nostra scuola operer in modo da sviluppare, in ottica qualitativa, l'interazione con le famiglie e gli altri operatori territoriali per la condivisione degli intenti educativi, che in linea di massima saranno orientati a: la valorizzazione delle diversit con particolare riferimento alle disabilit e fragilit in ottica di integrazione con il territorio; il supporto psico-pedagogico per una genitorialit ed un agire educativo efficace; la progettazione e lo sviluppo di processi formativi sull'intercultura e lo sviluppo sostenibile; la promozione di un uso consapevole e diffuso delle nuove tecnologie per facilitare i processi di apprendimento ed arginare i nuovi fenomeni di emarginazione sociale; la realizzazione di percorsi formativi sul tema della creativit e delle emozioni, rispondenti alle inclinazioni personali; la realizzazione di percorsi formativi per la promozione delle capacit comunicative e delle competenze riferibili alla cittadinanza attiva e alla legalit; la realizzazione di percorsi formativi per il potenziamento e il recupero delle competenze di base (italiano, matematica, scienze, lingua straniera).; la partecipazione a tutte quelle iniziative co-finanziate che consentono di progettare interventi coordinanti con gli operatori specializzati del territorio.

LE PAROLE CHIAVE DEL CURRICOLOContestualizzazione:elaborazione di specifiche scelte relative a contenuti, metodi, organizzazione e valutazione coerenti con i traguardi formativi previsti dal documento nazionale: profilo dello studente, traguardi per lo sviluppo delle competenze, obiettivi di apprendimento specifici per ogni disciplina.Aggregazione in aree:i docenti individuano le esperienze di apprendimento pi efficaci,le scelte didattiche pi significative, le strategie pi idonee, con attenzione allintegrazione fra le discipline e alla loro possibile aggregazione in aree, cos come indicato dal regolamento dellautonomia scolastica.Approccio transdisciplinare: lattivit didattica orientata alla qualit dellapprendimento di ciascun alunno e non ad una sequenza lineare, e necessariamente incompleta, di contenuti disciplinari. I docenti, in stretta collaborazione, promuovono attivit significative nelle quali gli strumenti e i metodi caratteristici delle discipline si confrontano e si intrecciano tra loro, evitando trattazioni di argomenti distanti dallesperienza e frammentati in nozioni da memorizzare.I Traguardi per lo Sviluppo delle Competenze: rappresentano dei riferimenti ineludibili per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da percorrere e aiutano a finalizzare lazione educativa allo sviluppo integrale dellallievo.Gli obiettivi di apprendimento: individuano campi del sapere, conoscenze e abilit ritenuti indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze. Sono utilizzati dalle scuole e dai docenti nella loro attivit di progettazione didattica, con attenzione alle condizioni di contesto, didattiche e organizzative mirando ad un insegnamento ricco ed efficace.Competenze: favorire lautonomia di pensiero degli studenti, orientando la propria didattica alla costruzione di saperi a partire da concreti bisogni formativi; far s che gli studenti acquisiscano gli strumenti di pensiero necessari per apprendere a selezionare le informazioni; promuovere la capacit di dare senso alla variet delle esperienze formative che gli allievi realizzano nei diversi contesti; superamento dei modelli tradizionali di trasmissione di conoscenze realizzazione di percorsi formativi rispondenti alle inclinazioni personali.

Al centro delle Indicazioni c la persona, titolare del diritto allistruzione e alleducazione. Non pi i programmi ministeriali o la figura del docente e ci vuol dire far attenzione alle motivazioni, al progetto di vita, alla passione per la conoscenza, alla curiosit che lesperienza sollecita. Tutto ci implica una maggiore attenzione da parte dei formatori, docenti e genitori, alla natura dellimparare, dello scoprire e dellinterrogarsi.La scuola deve conoscere il soggetto, infatti lIdentit Competente individuale riguarda le competenze scolastiche ed extrascolastiche presenti in ogni alunno, le strategie di apprendimento, gli stili cognitivi, le motivazioni, le passioni, gli hobby, le piccole specialit (profilo pedagogico).Se non c un adeguata attenzione ai ritmi e alle modalit di apprendimento degli allievi si finisce con limpostare una didattica massificante e con il privilegiare la trasmissivit.Lattenzione allo studente, alle sue motivazioni e al suo progetto di vita lunica pista possibile, in cui esercita un ruolo fondamentale il lavoro riflessivo.I tempi scolastici devono adattarsi ai tempi degli alunni, ai loro ritmi biologici, psicologici, di apprendimento. Centralit dellA persona

Le finalit della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende la definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarit e complessit di ogni persona, della sua articolata identit, delle sue aspirazioni La scuola si deve costruire come luogo accogliente La scuola deve porre le basi del percorso formativo dei bambini e degli adolescenti sapendo che esso proseguir in tutte le fasi successive della vita E importante che i docenti definiscano le loro proposte in una relazione costante con i bisogni fondamentali e i desideri dei bambini e degli adolescenti.E importante valorizzare simbolicamente i momenti di passaggio che segnano le tappe principali di apprendimento e di crescita di ogni studente.Particolare cura necessario dedicare alla formazione della classe come gruppo, alla promozione dei legami cooperativi, alla gestione degli inevitabili conflitti indotti dalla socializzazione.necessita elaborare strumenti di conoscenza necessari per comprendere i contesti nei quali gli studenti si trovano a vivereCentralit dellA persona

Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2006. Il Quadro europeo delle Qualifiche e dei Titoli contiene le seguenti definizioni:Conoscenza: linsieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro; le conoscenze sono descritte come teoriche e/o praticheAbilit:Indica la capacit di usare la conoscenza. E descritta come cognitiva (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratica (manualit, uso di metodi, materiali e strumenti)SapereFareSaperessereCompetenza:Indica la capacit di usare la conoscenza, abilit e capacit personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale; descritta in termini di responsabilit e autonomia

Il significato di competenza

Comunicazione nella madrelinguaComunicazione nelle lingue straniereCompetenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologiaCompetenza digitaleImparare ad imparareCompetenze sociali e civicheSpirito di iniziativa e imprenditorialitConsapevolezza ed espressione culturaleCOMPETENZE CHIAVE

Comunicazione nella madrelingua la capacit di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico nei diversi contesti culturali e sociali in cui si trova lalunno.Essa risulta dallacquisizione della madrelingua, che lo strumento dellindividuo di interpretare il mondo e relazionarsi con gli altri.Riguarda anche la capacit di cercare, raccogliere ed elaborare informazioni, esprimere proprie argomentazioni e quindi di partecipare a un dialogo critico e costruttivo con gli altri.

Comunicazione in lingue straniereCondivide essenzialmente le principali abilit richieste per la comunicazione nella madrelingua: capacit di comprendere, esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta in contesti sociali e culturali a seconda dei desideri o delle esigenze individuali.La comunicazione nelle lingue straniere richiede anche abilit quali la mediazione e la comprensione interculturale.

Competenza matematica e competenze di base in campo scientifico e tecnologicoLa competenza matematica labilit di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. Partendo da una solida padronanza delle competenze aritmetico- matematiche, laccento posto sugli aspetti del processo e dellattivit oltre che su quelli della conoscenza.La competenza matematica comporta la capacit e la disponibilit a usare modelli matematici di pensiero e di presentazione.La competenza in campo scientifico si riferisce alla capacit e alla disponibilit a usare linsieme delle conoscenze e delle metodologie possedute per spiegare il mondo che ci circonda sapendo identificare le problematiche e traendo conclusioni che siano basate su fatti comprovati.

Competenza digitale

La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della societ dellinformazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa supportata da abilit di base nelluso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonch per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

Imparare a imparare

Imparare a imparare labilit di perseverare nellapprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni, sia a livello individuale che in gruppo.Questa competenza comprende la consapevolezza del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni, lidentificazione delle opportunit disponibili e la capacit di superare gli ostacoli per apprendere in modo efficace.

Competenze sociali e civiche

Includono competenze personali, interpersonali e interculturali e riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla vita in societ sempre pi diversificate, come anche a risolvere i conflitti ove ci sia necessario.

Senso di iniziativa e di imprenditorialit

Il senso di iniziativa e limprenditorialit concernono la capacit di una persona di tradurre le idee in azione. In ci rientrano la creativit, linnovazione e lassunzione di rischi, come anche la capacit di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. una competenza che aiuta gli individui, non solo nella loro vita quotidiana, nella sfera domestica e nella societ, ma anche nel posto di lavoro, ad avere consapevolezza del contesto in cui operano e a poter cogliere le opportunit che si offrono.

Consapevolezza ed espressione culturali

Consapevolezza dellimportanza dellespressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in unampia variet di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.La conoscenza culturale presuppone una consapevolezza del retaggio culturale locale, nazionale ed europeo e della sua collocazione nel mondo. Essa riguarda una conoscenza di base delle principali opere culturali, comprese quelle della cultura popolare contemporanea.

COLLABORARE e PARTECIPARE COMUNICAREACQUISIRE ED INTERPRETARE LINFORMAZIONECOMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZAIMPARARE AD IMPARAREAGIRE IN MODO AUTONOMO RISOLVERE PROBLEMIINDIVIDUARECOLLEGAMENTIPROGETTAREERELAZIONI

Imparare ad imparare

Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalit di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro.

Progettare

Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attivit di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorit, valutando i vincoli e le possibilit esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti.

Comunicarecomprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessit diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali);rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali).

Collaborare e partecipare

Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacit, gestendo la conflittualit, contribuendo allapprendimento comune ed alla realizzazione delle attivit collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri.

Risolvere problemi

Affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline.

Individuare collegamenti e relazioni

Individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica.

Acquisire ed interpretare linformazione

Acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone lattendibilit e lutilit, distinguendo fatti e opinioni.

Agire in modo autonomo e responsabileSapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunit comuni, i limiti, le regole, le responsabilit.

APPROCCI METODOLOGICISTRATEGIE VALUTATIVENODI PROBLEMATICISCHEMA DI SINTESI CURRICOLO VERTICALEPROFILI IN USCITANUCLEI PROBLEMATICI ANNUALIFASI OPERATIVE

IPOTESI CURRICOLO VERTICALECENTRALITA DEL SOGGETTO CHE APPRENDETRANSDISCIPLINARIETADIDATTICA PARTECIPATIVA

1

NODO PROBLEMATICOIO E GLI ALTRILA FAMIGLIA GLI AMICIIL TEMPO LIBEROLA SCUOLAIO CHI SONO?IDENTITANODO PROBLEMATICO2NODO PROBLEMATICO

3

IO NARRATOREI RACCONTI TRA FANTASIA E REALTANODO PROBLEMATICO4

IO NEL MONDO LA TRASFORMAZIONE DELLUOMO NODO PROBLEMATICO5IO E IL MONDO LUMANESIMO PLANETARIO6NODO PROBLEMATICONODO PROBLEMATICO

IO E LALTRO I PROCESSI COMUNICATIVI E LETICA DEL GENERE UMANOIL MIO MONDO INTERIORESENSAZIONI,EMOZIONI,SENTIMENTI7

INDICAZIONI METODOLOGICHELe impostazioni metodologiche di fondo indicate nel Curricolo d Istituto vengono definite a partire dai criteri proposti dalle Indicazioni Nazionali; criteri non prescrittivi, ma utili nel definire gli ambienti di apprendimento pi rispondenti alle diverse esigenze della classe e allo svolgimento delle attivit, sempre nellassoluto rispetto della libert di insegnamento di ogni docente.Tali scelte metodologiche si propongono infatti di rispondere alla doppia esigenza di:costruzione dellidentit cognitiva, culturale, sociale, valoriale del soggetto che apprende;realizzazione di un contesto relazionale positivo reale: spazio per star bene con se stessi e con gli altri, in situazione di apprendimento.

METODOLOGIA

Il profilo dello studente linsieme delle competenze che un ragazzo deve possedere al temine del primo ciclo distruzioneLO STUDENTE:Inizia ad affrontare in autonomia e con responsabilit le situazioni tipiche della sua et, esprimendo la propria personalit in tutte le dimensioni.E consapevole delle proprie potenzialit e dei propri limiti.Utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, riconosce e apprezza diverse identit, tradizioni culturali e religiose. Interpreta i sistemi simbolici e culturali della societ, orienta le proprie scelte consapevolmente, rispetta regole condivise, collabora con gli altri, si impegna a portare a termine il lavoro intrapreso da solo o con altri.Dimostra padronanza della lingua italiana.Si esprime ad un livello elementare in lingua inglese che impiega anche nellutilizzo delle tecnologie.Ha conoscenze matematiche e scientifico- tecnologiche sufficienti ad analizzare dati e fatti della realt e a verificare lattendibilit di analisi quantitative e statistiche proposte da altri. Possiede un pensiero razionale per far fronte a situazioni complesse.Si orienta nel tempo e nello spazio; osserva e interpreta ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.Ha buone competenze digitali, usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione, analizza criticamente lattendibilit delle fonti.Possiede conoscenze e sa ricercarne di nuove autonomamente.Ha cura e rispetto di s, assimila il senso e la necessit della convivenza civile.Dimostra originalit e spirito di iniziativa. Sa assumersi le proprie responsabilit. Sa chiedere e offrire aiuto.

APPROCCIO METODOLOGICOTRANSDISCPLINARIETARICERCA-AZIONE-PARTECIPATIVAPROFILO IN USCITA INFANZIARiconosce ed esprime le proprie emozioni, consapevole di desideri e paure, avverte gli stati danimo propri e altrui.Ha un positivo rapporto con la propria corporeit, ha maturato una sufficiente fiducia in s, progressivamente consapevole delle proprie risorse e dei propri limiti, quando occorre sa chiedere aiuto.Manifesta curiosit e voglia di sperimentare, interagisce con le cose, lambiente e le persone, percependone le reazioni ed i cambiamenti.Condivide esperienze e giochi, utilizza materiali e risorse comuni, affronta gradualmente i conflitti e ha iniziato a riconoscere le regole del comportamento nei contesti privati e pubblici.Ha sviluppato lattitudine a porre e a porsi domande di senso su questioni etiche e morali.Coglie diversi punti di vista, riflette e negozia significati, utilizza gli errori come fonte di conoscenza.Sa raccontare, narrare, descrivere situazioni ed esperienze vissute, comunica e si esprime con una pluralit di linguaggi, utilizza con sempre maggiore propriet la lingua italiana.Dimostra prime abilit di tipo logico, inizia ad interiorizzare le coordinate spazio-temporali e ad orientarsi nel mondo dei simboli, delle rappresentazioni, dei media, delle tecnologie.Rileva le caratteristiche principali di eventi, oggetti, situazioni, formula ipotesi, ricerca soluzioni a situazioni problematiche di vita quotidiana. attento alle consegne, si appassiona, porta a termine il lavoro, diventa consapevole dei processi realizzati e li documenta.Si esprime in modo personale, con creativit e partecipazione, sensibile alla pluralit di culture, lingue, esperienze.

PROFILO IN USCITAPRIMARIAHa una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati, di raccontare le proprie esperienze e di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni. in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese e di affrontare una comunicazione essenziale in semplici situazioni di vita quotidiana.Utilizza le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche per trovare e giustificare soluzioni a problemi reali. Usa le tecnologie in contesti comunicativi concreti per ricercare dati e informazioni e per interagire con soggetti diversi.Si orienta nello spazio e nel tempo; osserva, descrive e attribuisce significato ad ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.Possiede un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed in grado di ricercare ed organizzare nuove informazioni.Utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere le diverse identit, le tradizioni culturali e religiose, in unottica di dialogo e di rispetto reciproco. In relazione alle proprie potenzialit e al proprio talento si esprime negli ambiti motori, artistici e musicali che gli sono congeniali.Dimostra originalit e spirito di iniziativa. in grado di realizzare semplici progetti. Ha consapevolezza delle proprie potenzialit e dei propri limiti. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri. Rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la costruzione del bene comune.Si assume le proprie responsabilit, chiede aiuto quando si trova in difficolt e sa fornire aiuto a chi lo chiede. Ha cura e rispetto di s, degli altri e dellambiente come presupposto di un sano e corretto stile di vita.

PROFILO IN USCITASECONDARIA DI PRIMO GRADOHa una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessit, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni.Nellincontro con persone di diverse nazionalit in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese e di affrontare una comunicazione essenziale, in semplici situazioni di vita quotidiana, in una seconda lingua europea. Utilizza la lingua inglese nelluso delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione.Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analizzare dati e fatti della realt e di verificare lattendibilit delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri. Il possesso di un pensiero logico-scientifico gli consente di affrontare problemi e situazioni sulla base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni complesse che non si prestano a spiegazioni univoche.Usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare e analizzare dati ed informazioni, per distinguere informazioni attendibili da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di verifica e per interagire con soggetti diversi nel mondo.Si orienta nello spazio e nel tempo dando espressione a curiosit e ricerca di senso; osserva ed interpreta ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni ed impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo.Utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le diverse identit, le tradizioni culturali e religiose, in unottica di dialogo e di rispetto reciproco. Interpreta i sistemi simbolici e culturali della societ.In relazione alle proprie potenzialit e al proprio talento si esprime in ambiti motori, artistici e musicali che gli sono congeniali.Dimostra originalit e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilit, chiede aiuto quando si trova in difficolt e sa fornire aiuto a chi lo chiede. disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le novit e gli imprevisti.Ha consapevolezza delle proprie potenzialit e dei propri limiti. Orienta le proprie scelte in modo consapevole. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri.Rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilit.Ha cura e rispetto di s, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. Assimila il senso e la necessit del rispetto della convivenza civile. Ha attenzione per le funzioni pubbliche alle quali partecipa nelle diverse forme in cui questo pu avvenire: momenti educativi informali e non formali, esposizione pubblica del proprio lavoro, occasioni rituali nelle comunit che frequenta, azioni di solidariet, manifestazioni sportive non agonistiche, volontariato, ecc.

I

PROGETTAZIONE TRANSDISCIPLINARE SCUOLA DELLINFANZIAChi sono ioIl nostro corpoLa casaIl giocoIl ciclo delle stagioni

La famigliaLa scuola Le feste.IL SE E LALTROIL

IL CORPO E IL MOVIMENTOCONOSCENZA DEL MONDOI DISCORSI E LE PAROLEIMMAGINI SUONI E PAROLE

TRAGUARDI SVILUPPO DELLE COMPETENZEINFANZIA(Indicazioni Nazionali)IL S E LALTRO

Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini.Sviluppa il senso dellidentit personale, percepisce le proprie esigenze e i propri sentimenti, sa esprimerli in modo sempre pi adeguato.Sa di avere una storia personale e familiare, conosce le tradizioni della famiglia, della comunit e le mette a confronto con altre.Riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini e comincia e riconoscere la reciprocit di attenzione tra chi parla e chi ascolta.Pone domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversit culturali, su ci che bene o male, sulla giustizia, e ha raggiunto una prima consapevolezza dei propri diritti e doveri, delle regole del vivere insieme.Si orienta nelle prime generalizzazioni di passato, presente, futuro e si muove con crescente sicurezza e autonomia negli spazi che gli sono familiari, modulando progressivamente voce e movimento anche in rapporto con gli altri e con le regole condivise.Riconosce i pi importanti segni della sua cultura e del territorio, le istituzioni, i servizi pubblici, il funzionamento delle piccole comunit e della citt.

TRAGUARDI SVILUPPO DELLE COMPETENZEINFANZIA(Indicazioni Nazionali)IL CORPO E IL MOVIMENTOIl bambino vive pienamente la propria corporeit, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo, matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola.Riconosce i segnali e i ritmi del proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo e adotta pratiche corrette di cura di s, di igiene e di sana alimentazione.Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con luso di piccoli attrezzi ed in grado di adattarli alle situazioni ambientali allinterno della scuola e allaperto.Controlla lesecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella musica, nella danza, nella comunicazione espressiva.Riconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento.

TRAGUARDI SVILUPPO DELLE COMPETENZEINFANZIA(Indicazioni Nazionali)IMMAGINI, SUONI, COLORI

Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilit che il linguaggio del corpo consente.Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attivit manipolative; utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialit offerte dalle tecnologie.Segue con curiosit e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, visivi, di animazione ); sviluppa interesse per lascolto della musica e per la fruizione di opere darte.Scopre il paesaggio sonoro attraverso attivit di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.Sperimenta e combina elementi musicali di base, producendo semplici sequenze sonoro-musicali. Esplora i primi alfabeti musicali, utilizzando anche i simboli di una notazione informale per codificare i suoni percepiti e riprodurli.

TRAGUARDI SVILUPPO DELLE COMPETENZEINFANZIA(Indicazioni Nazionali)I DISCORSI E LE PAROLE

Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati.Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative.Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra i suoni e i significati.Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare attivit e per definirne regole.Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralit dei linguaggi, si misura con la creativit e la fantasia.Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media.

41

TRAGUARDI SVILUPPO DELLE COMPETENZEINFANZIA(Indicazioni Nazionali)LA CONOSCENZA DEL MONDO

Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune propriet, confronta e valuta quantit; utilizza simboli per registrarle; esegue misurazioni usando strumenti alla sua portata.Sa collocare le azioni quotidiane nel tempo della giornata e della settimana.Riferisce correttamente eventi del passato recente; sa dire cosa potr succedere in un futuro immediato e prossimo.Osserva con attenzione il suo corpo, gli organismi viventi e i loro ambienti, i fenomeni naturali, ac-corgendosi dei loro cambiamenti.Si interessa a macchine e strumenti tecnologici, sa scoprirne le funzioni e i possibili usi.Ha familiarit sia con le strategie del contare e delloperare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi, e altre quantit.Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro, so- pra/sotto, destra/sinistra, ecc; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.

OBIETTIVI Di APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse terza( Indicazioni Nazionali)

ITALIANOAscolto e parlato

Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando i turni di parola.Comprendere largomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe.Ascoltare testi narrativi ed espositivi mostrando di saperne cogliere il senso globale e riesporli in modo comprensibile a chi ascolta.Comprendere e dare semplici istruzioni su un gioco o unattivit conosciuta.Raccontare storie personali o fantastiche rispettando lordine cronologico ed esplicitando le informazioni necessarie perch il racconto sia chiaro per chi ascolta.Ricostruire verbalmente le fasi di unesperienza vissuta a scuola o in altri contesti.Lettura

Padroneggiare la lettura strumentale (di decifrazione) sia nella modalit ad alta voce, curandone lespressione, sia in quella silenziosa.Prevedere il contenuto di un testo semplice in base ad alcuni elementi come il titolo e le immagini; comprendere il significato di parole non note in base al testo.Leggere testi (narrativi, descrittivi, informativi) cogliendo largomento di cui si parla e individuando le informazioni principali e le loro relazioni.Comprendere testi di tipo diverso, continui e non continui, in vista di scopi pratici, di intrattenimento e di svago.Leggere semplici e brevi testi letterari, sia poetici sia narrativi, mostrando di saperne cogliere il senso globale.Leggere semplici testi di divulgazione per ricavarne informazioni utili ad ampliare conoscenze su temi noti.Scrittura

Acquisire le capacit manuali, percettive e cognitive necessarie per lapprendimento della scrittura.Scrivere sotto dettatura curando in modo particolare lortografia.Produrre semplici testi funzionali, narrativi e descrittivi legati a scopi concreti (per utilit personale, per comunicare con altri, per ricordare, ecc.) e connessi con situazioni quotidiane (contesto scolastico e/o familiare).Comunicare con frasi semplici e compiute, strutturate in brevi testi che rispettino le convenzioni ortografiche e di interpunzione.Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo

Comprendere in brevi testi il significato di parole non note basandosi sia sul contesto sia sulla conoscenza intuitiva delle famiglie di parole.Ampliare il patrimonio lessicale attraverso esperienze scolastiche ed extrascolastiche e attivit di interazione orale e di lettura.Usare in modo appropriato le parole man mano apprese.Effettuare semplici ricerche su parole ed espressioni presenti nei testi, per ampliare il lessico duso.Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della linguaConfrontare testi per coglierne alcune caratteristiche specifiche (ad es. maggiore o minore efficacia comunicativa, differenze tra testo orale e testo scritto, ecc.).Riconoscere se una frase o no completa, costituita cio dagli elementi essenziali (soggetto, verbo, complementi necessari).Prestare attenzione alla grafia delle parole nei testi e applicare le conoscenze ortografiche nella pro- pria produzione scritta.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)

ITALIANOAscolto e parlatoInteragire in modo collaborativo in una conversazione, in una discussione, in un dialogo su argomenti di esperienza diretta, formulando domande, dando risposte e fornendo spiegazioni ed esempi.Comprendere il tema e le informazioni essenziali di unesposizione (diretta o trasmessa); comprendere lo scopo e largomento di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini ...).Formulare domande precise e pertinenti di spiegazione e di approfondimento durante o dopo lascolto.Comprendere consegne e istruzioni per lesecuzione di attivit scolastiche ed extrascolastiche.Cogliere in una discussione le posizioni espresse dai compagni ed esprimere la propria opinione su un argomento in modo chiaro e pertinente.Raccontare esperienze personali o storie inventate organizzando il racconto in modo chiaro, rispettando lordine cronologico e logico e inserendo gli opportuni elementi descrittivi e informativi.Organizzare un semplice discorso orale su un tema affrontato in classe con un breve intervento preparato in precedenza o unesposizione su un argomento di studio utilizzando una scaletta.LetturaImpiegare tecniche di lettura silenziosa e di lettura espressiva ad alta voce.Usare, nella lettura di vari tipi di testo, opportune strategie per analizzare il contenuto; porsi domande allinizio e durante la lettura del testo; cogliere indizi utili a risolvere i nodi della comprensione.Sfruttare le informazioni della titolazione, delle immagini e delle didascalie per farsi unidea del te- sto che si intende leggere.Leggere e confrontare informazioni provenienti da testi diversi per farsi unidea di un argomento, per trovare spunti a partire dai quali parlare o scrivere.Ricercare informazioni in testi di diversa natura e provenienza (compresi moduli, orari, grafici, mappe ecc.) per scopi pratici o conoscitivi, applicando tecniche di supporto alla comprensione (quali, ad esempio, sottolineare, annotare informazioni, costruire mappe e schemi ecc.).Seguire istruzioni scritte per realizzare prodotti, per regolare comportamenti, per svolgere unattivit, per realizzare un procedimento.Leggere testi narrativi e descrittivi, sia realistici sia fantastici, distinguendo linvenzione letteraria dalla realt.Leggere testi letterari narrativi, in lingua italiana contemporanea, e semplici testi poetici cogliendone il senso, le caratteristiche formali pi evidenti, lintenzione comunicativa dellautore ed esprimendo un motivato parere personale.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)

ITALIANOScrittura Raccogliere le idee, organizzarle per punti, pianificare la traccia di un racconto o di unesperienza. Produrre racconti scritti di esperienze personali o vissute da altri che contengano le informazioni essenziali relative a persone, luoghi, tempi, situazioni, azioni. Scrivere lettere indirizzate a destinatari noti, lettere aperte o brevi articoli di cronaca per il giornalino scolastico della scuola, adeguando il testo ai destinatari e alle situazioni.Esprimere per iscritto esperienze, emozioni, stati danimo sotto forma di diario.Rielaborare testi (ad esempio: parafrasare o riassumere un testo, trasformarlo, completarlo) e redigerne di nuovi, anche utilizzando programmi di videoscrittura.Scrivere semplici testi regolativi o progetti schematici per lesecuzione di attivit (ad esempio: regole di gioco, ricette, ecc.).Realizzare testi collettivi per relazionare su esperienze scolastiche e argomenti di studio.Produrre testi creativi sulla base di modelli dati (filastrocche, racconti brevi, poesie).Sperimentare liberamente, anche con lutilizzo del computer, diverse forme di scrittura, adattando il lessico, la struttura del testo, limpaginazione, le soluzioni grafiche alla forma testuale scelta e inte-grando eventualmente il testo verbale con materiali multimediali.Produrre testi sostanzialmente corretti dal punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale, ri-spettando le funzioni sintattiche dei principali segni interpuntivi.Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivoComprendere ed utilizzare in modo appropriato il lessico di base (parole del vocabolario fondamentale e di quello ad alto uso).Arricchire il patrimonio lessicale attraverso attivit comunicative orali, di lettura e di scrittura e attivando la conoscenza delle principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze, differenze, appartenenza a un campo semantico).Comprendere che le parole hanno diverse accezioni e individuare laccezione specifica di una parola in un testo.Comprendere, nei casi pi semplici e frequenti, luso e il significato figurato delle parole.Comprendere e utilizzare parole e termini specifici legati alle discipline di studio.Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione.Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della linguaRelativamente a testi o in situazioni di esperienza diretta, riconoscere la variabilit della lingua nel tempo e nello spazio geografico, sociale e comunicativo.Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole (parole semplici, derivate, composte).Comprendere le principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze, differenze, appartenenza a un campo semantico).Riconoscere la struttura del nucleo della frase semplice (la cosiddetta frase minima): predicato, sog-getto, altri elementi richiesti dal verbo.Riconoscere in una frase o in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, riconoscerne i principali tratti grammaticali; riconoscere le congiunzioni di uso pi frequente (come e, ma, infatti, per- ch, quando)Conoscere le fondamentali convenzioni ortografiche e servirsi di questa conoscenza per rivedere la propria produzione scritta e correggere eventuali errori.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse terza( Indicazioni Nazionali)

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIAAscolto (comprensione orale)Comprendere vocaboli, istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano, pronunciati chiaramente e lentamente relativi a se stesso, ai compagni, alla famiglia.Parlato (produzione e interazione orale)Produrre frasi significative riferite ad oggetti, luoghi, persone, situazioni note.Interagire con un compagno per presentarsi e/o giocare, utilizzando espressioni e frasi memorizzate adatte alla situazione.Lettura (comprensione scritta)Comprendere cartoline, biglietti e brevi messaggi, accompagnati preferibilmente da supporti visivi o sonori, cogliendo parole e frasi gi acquisite a livello orale.Scrittura (produzione scritta)Scrivere parole e semplici frasi di uso quotidiano attinenti alle attivit svolte in classe e ad interessi personali e del gruppo.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIAAscolto (comprensione orale)Comprendere brevi dialoghi, istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano se pronunciate chiara- mente e identificare il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti.Comprendere brevi testi multimediali identificandone parole chiave e il senso generale.Parlato (produzione e interazione orale)Descrivere persone, luoghi e oggetti familiari utilizzando parole e frasi gi incontrate ascoltando e/o leggendo.Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale, integrando il significato di ci che si di- ce con mimica e gesti.Interagire in modo comprensibile con un compagno o un adulto con cui si ha familiarit, utilizzando espressioni e frasi adatte alla situazione.Lettura (comprensione scritta)Leggere e comprendere brevi e semplici testi, accompagnati preferibilmente da supporti visivi, cogliendo il loro significato globale e identificando parole e frasi familiari.Scrittura (produzione scritta)Scrivere in forma comprensibile messaggi semplici e brevi per presentarsi, per fare gli auguri, per ringraziare o invitare qualcuno, per chiedere o dare notizie, ecc.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse terza( Indicazioni Nazionali)STORIA

Uso delle fontiIndividuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunit di appartenenza.Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato.Organizzazione delle informazioniRappresentare graficamente e verbalmente le attivit, i fatti vissuti e narrati.Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneit, durate, periodi, cicli temporali, mutamenti, in fenomeni ed esperienze vissute e narrate.Comprendere la funzione e luso degli strumenti convenzionali per la misurazione e la rappresentazione del tempo (orologio, calendario, linea temporale ).Strumenti concettualiSeguire e comprendere vicende storiche attraverso lascolto o lettura di testi dellantichit, di storie, racconti, biografie di grandi del passato.Organizzare le conoscenze acquisite in semplici schemi temporali.Individuare analogie e differenze attraverso il confronto tra quadri storico-sociali diversi, lontani nel- lo spazio e nel tempo.Produzione scritta e oraleRappresentare conoscenze e concetti appresi mediante grafismi, disegni, testi scritti e con risorse di- gitali.Riferire in modo semplice e coerente le conoscenze acquisite.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)STORIA

Uso delle fontiProdurre informazioni con fonti di diversa natura utili alla ricostruzione di un fenomeno storico.Rappresentare, in un quadro storico- sociale, le informazioni che scaturiscono dalle tracce del passato presenti sul territorio vissuto.Organizzazione delle informazioniLeggere una carta storico- geografica relativa alle civilt studiate.Usare cronologie e carte storico- geografiche per rappresentare le conoscenze.Confrontare i quadri storici delle civilt affrontate.Strumenti concettualiUsare il sistema di misura occidentale del tempo storico (avanti Cristo dopo Cristo) e comprendere i sistemi di misura del tempo storico di altre civilt.Elaborare rappresentazioni sintetiche delle societ studiate, mettendo in rilievo le relazioni fra gli elementi caratterizzanti.Produzione scritta e oraleConfrontare aspetti caratterizzanti le diverse societ studiate anche in rapporto al presente.Ricavare e produrre informazioni da grafici, tabelle, carte storiche, reperti iconografici e consultare testi di genere diverso, manualistici e non, cartacei e digitali.Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina.Elaborare in testi orali e scritti gli argomenti studiati, anche usando risorse digitali.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse terza( Indicazioni Nazionali)GEOGRAFIAOrientamentoMuoversi consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi attraverso punti di riferimento, utilizzando gli indicatori topologici (avanti, dietro, sinistra, destra, ecc.) e le mappe di spazi noti che si formano nella mente (carte mentali).Linguaggio della geograficitRappresentare in prospettiva verticale oggetti e ambienti noti (pianta dellaula, ecc.) e tracciare per- corsi effettuati nello spazio circostante.Leggere e interpretare la pianta dello spazio vicino.PaesaggioConoscere il territorio circostante attraverso lapproccio percettivo e losservazione diretta.Individuare e descrivere gli elementi fisici e antropici che caratterizzano i paesaggi dellambiente di vita della propria regione.Regione e sistema territorialeComprendere che il territorio uno spazio organizzato e modificato dalle attivit umane.Riconoscere, nel proprio ambiente di vita, le funzioni dei vari spazi e le loro connessioni, gli interventi positivi e negativi delluomo e progettare soluzioni, esercitando la cittadinanza attiva.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)GEOGRAFIA

OrientamentoOrientarsi utilizzando la bussola e i punti cardinali anche in relazione al Sole.Estendere le proprie carte mentali al territorio italiano, allEuropa e ai diversi continenti, attraverso gli strumenti dellosservazione indiretta (filmati e fotografie, documenti cartografici, immagini da telerilevamento, elaborazioni digitali, ecc.).Linguaggio della geograficitAnalizzare i principali caratteri fisici del territorio, fatti e fenomeni locali e globali, interpretando carte geografiche di diversa scala, carte tematiche, grafici, elaborazioni digitali, repertori statistici relativi a indicatori socio-demografici ed economici.Localizzare sulla carta geografica dellItalia le regioni fisiche, storiche e amministrative; localizzare sul planisfero e sul globo la posizione dellItalia in Europa e nel mondo.Localizza le regioni fisiche principali e i grandi caratteri dei diversi continenti e degli oceani.PaesaggioConoscere gli elementi che caratterizzano i principali paesaggi italiani, europei e mondiali, individuando le analogie e le differenze (anche in relazione ai quadri socio-storici del passato) e gli elementi di particolare valore ambientale e culturale da tutelare e valorizzare.Regione e sistema territoriale

Acquisire il concetto di regione geografica (fisica, climatica, storico-culturale, amministrativa) e utilizzarlo a partire dal contesto italiano.Individuare problemi relativi alla tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale, proponendo soluzioni idonee nel proprio contesto di vita.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse terza( Indicazioni Nazionali)MATEMATICANumeriContare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, ...Leggere e scrivere i numeri naturali in notazione decimale, avendo consapevolezza della notazione posizionale; confrontarli e ordinarli, anche rappresentandoli sulla retta.Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calco- lo.Conoscere con sicurezza le tabelline della moltiplicazione dei numeri fino a 10. Eseguire le operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi scritti usuali.Leggere, scrivere, confrontare numeri decimali, rappresentarli sulla retta ed eseguire semplici addizioni e sottrazioni, anche con riferimento alle monete o ai risultati di semplici misure.Spazio e figurePercepire la propria posizione nello spazio e stimare distanze e volumi a partire dal proprio corpo.Comunicare la posizione di oggetti nello spazio fisico, sia rispetto al soggetto, sia rispetto ad altre persone o oggetti, usando termini adeguati (sopra/sotto, davanti/dietro, destra/sinistra, dentro/fuori).Eseguire un semplice percorso partendo dalla descrizione verbale o dal disegno, descrivere un per- corso che si sta facendo e dare le istruzioni a qualcuno perch compia un percorso desiderato.Riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche.Disegnare figure geometriche e costruire modelli materiali anche nello spazio.Relazioni, dati e previsioniClassificare numeri, figure, oggetti in base a una o pi propriet, utilizzando rappresentazioni opportune, a seconda dei contesti e dei fini.Argomentare sui criteri che sono stati usati per realizzare classificazioni e ordinamenti assegnati.Leggere e rappresentare relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.Misurare grandezze (lunghezze, tempo, ecc.) utilizzando sia unit arbitrarie sia unit e strumenti convenzionali (metro, orologio, ecc.).

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)MATEMATICA

NumeriLeggere, scrivere, confrontare numeri decimali.Eseguire le quattro operazioni con sicurezza, valutando lopportunit di ricorrere al calcolo mentale, scritto o con la calcolatrice a seconda delle situazioni.Eseguire la divisione con resto fra numeri naturali; individuare multipli e divisori di un numero.Stimare il risultato di una operazione.Operare con le frazioni e riconoscere frazioni equivalenti.Utilizzare numeri decimali, frazioni e percentuali per descrivere situazioni quotidiane.Interpretare i numeri interi negativi in contesti concreti.Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta e utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.Conoscere sistemi di notazione dei numeri che sono o sono stati in uso in luoghi, tempi e culture diverse dalla nostra.Spazio e figureDescrivere, denominare e classificare figure geometriche, identificando elementi significativi e simmetrie, anche al fine di farle riprodurre da altri.Riprodurre una figura in base a una descrizione, utilizzando gli strumenti opportuni (carta a quadretti, riga e compasso, squadre, software di geometria).Utilizzare il piano cartesiano per localizzare punti.Costruire e utilizzare modelli materiali nello spazio e nel piano come supporto a una prima capacit di visualizzazione.Riconoscere figure ruotate, traslate e riflesse.Confrontare e misurare angoli utilizzando propriet e strumenti.Utilizzare e distinguere fra loro i concetti di perpendicolarit, parallelismo, orizzontalit, verticalit, parallelismo.Riprodurre in scala una figura assegnata (utilizzando, ad esempio, la carta a quadretti).Determinare il perimetro di una figura utilizzando le pi comuni formule o altri procedimenti.Determinare larea di rettangoli e triangoli e di altre figure per scomposizione o utilizzando le pi comuni formule.Riconoscere rappresentazioni piane di oggetti tridimensionali, identificare punti di vista diversi di uno stesso oggetto (dallalto, di fronte, ecc.).

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)MATEMATICA

Relazioni, dati e previsioniRappresentare relazioni e dati e, in situazioni significative, utilizzare le rappresentazioni per ricavare informazioni, formulare giudizi e prendere decisioni.Usare le nozioni di frequenza, di moda e di media aritmetica, se adeguata alla tipologia dei dati a disposizione.Rappresentare problemi con tabelle e grafici che ne esprimono la struttura.Utilizzare le principali unit di misura per lunghezze, angoli, aree, volumi/capacit, intervalli temporali, masse, pesi per effettuare misure e stime.Passare da ununit di misura a unaltra, limitatamente alle unit di uso pi comune, anche nel contesto del sistema monetario.In situazioni concrete, di una coppia di eventi intuire e cominciare ad argomentare qual il pi probabile, dando una prima quantificazione nei casi pi semplici, oppure riconoscere se si tratta di eventi ugualmente probabili.Riconoscere e descrivere regolarit in una sequenza di numeri o di figure.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse terza( Indicazioni Nazionali)SCIENZEEsplorare e descrivere oggetti e materialiIndividuare, attraverso linterazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualit e propriet, descriverli nella loro unitariet e nelle loro parti, scomporli e ricomporli, riconoscerne funzioni e modi duso.Seriare e classificare oggetti in base alle loro propriet.Individuare strumenti e unit di misura appropriati alle situazioni problematiche in esame, fare misure e usare la matematica conosciuta per trattare i dati.Descrivere semplici fenomeni della vita quotidiana legati ai liquidi, al cibo, alle forze e al movimento, al calore, ecc.Osservare e sperimentare sul campoOsservare i momenti significativi nella vita di piante e animali, realizzando allevamenti in classe di piccoli animali, semine in terrari e orti, ecc. Individuare somiglianze e differenze nei percorsi di sviluppo di organismi animali e vegetali.Osservare, con uscite allesterno, le caratteristiche dei terreni e delle acque.Osservare e interpretare le trasformazioni ambientali naturali (ad opera del sole, di agenti atmosferici, dellacqua, ecc.) e quelle ad opera delluomo (urbanizzazione, coltivazione, industrializzazione, ecc.).Avere familiarit con la variabilit dei fenomeni atmosferici (venti, nuvole, pioggia, ecc.) e con la periodicit dei fenomeni celesti (d/notte, percorsi del sole, stagioni).Luomo i viventi e lambienteRiconoscere e descrivere le caratteristiche del proprio ambiente.Osservare e prestare attenzione al funzionamento del proprio corpo (fame, sete, dolore, movimento, freddo e caldo, ecc.) per riconoscerlo come organismo complesso, proponendo modelli elementari del suo funzionamento.Riconoscere in altri organismi viventi, in relazione con i loro ambienti, bisogni analoghi ai propri.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)SCIENZE

Oggetti, materiali e trasformazioniIndividuare, nellosservazione di esperienze concrete, alcuni concetti scientifici quali: dimensioni spaziali, peso, peso specifico, forza, movimento, pressione, temperatura, calore, ecc.Cominciare a riconoscere regolarit nei fenomeni e a costruire in modo elementare il concetto di energia.Osservare, utilizzare e, quando possibile, costruire semplici strumenti di misura: recipienti per misure di volumi/capacit, bilance a molla, ecc.) imparando a servirsi di unit convenzionali.Individuare le propriet di alcuni materiali come, ad esempio: la durezza, il peso, lelasticit, la trasparenza, la densit, ecc.; realizzare sperimentalmente semplici soluzioni in acqua (acqua e zucchero, acqua e inchiostro, ecc).Osservare e schematizzare alcuni passaggi di stato, costruendo semplici modelli interpretativi e provando ad esprimere in forma grafica le relazioni tra variabili individuate (temperatura in funzione del tempo, ecc.).

Osservare e sperimentare sul campoProseguire nelle osservazioni frequenti e regolari, a occhio nudo o con appropriati strumenti, con i compagni e autonomamente, di una porzione di ambiente vicino; individuare gli elementi che lo caratterizzano e i loro cambiamenti nel tempo. Conoscere la struttura del suolo sperimentando con rocce, sassi e terricci; osservare le caratteristiche dellacqua e il suo ruolo nellambiente. Ricostruire e interpretare il movimento dei diversi oggetti celesti, rielaborandoli anche attraverso giochi col corpo.Luomo i viventi e lambienteDescrivere e interpretare il funzionamento del corpo come sistema complesso situato in un ambiente; costruire modelli plausibili sul funzionamento dei diversi apparati, elaborare primi modelli intuitivi di struttura cellulare.Avere cura della propria salute anche dal punto di vista alimentare e motorio. Acquisire le prime in- formazioni sulla riproduzione e la sessualit.Riconoscere, attraverso lesperienza di coltivazioni, allevamenti, ecc. che la vita di ogni organismo in relazione con altre e differenti forme di vita.Elaborare i primi elementi di classificazione animale e vegetale sulla base di osservazioni personali.Proseguire losservazione e linterpretazione delle trasformazioni ambientali, ivi comprese quelle globali, in particolare quelle conseguenti allazione modificatrice delluomo.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)MUSICAUtilizzare voce, strumenti e nuove tecnologie sonore in modo creativo e consapevole, ampliando con gradualit le proprie capacit di invenzione e improvvisazione.Eseguire collettivamente e individualmente brani vocali/strumentali anche polifonici, curando l intonazione, lespressivit e linterpretazione.Valutare aspetti funzionali ed estetici in brani musicali di vario genere e stile, in relazione al riconoscimento di culture, di tempi e luoghi diversi.Riconoscere e classificare gli elementi costitutivi basilari del linguaggio musicale allinterno di brani di vario genere e provenienza.Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali e di eventi sonori attraverso sistemi simbolici convenzionali e non convenzionali.Riconoscere gli usi, le funzioni e i contesti della musica e dei suoni nella realt multimediale (cinema, televisione, computer).

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)ARTE E IMMAGINEEsprimersi e comunicareElaborare creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni; rappresentare e comunicare la realt percepita;Trasformare immagini e materiali ricercando soluzioni figurative originali.Sperimentare strumenti e tecniche diverse per realizzare prodotti grafici, plastici, pittorici e multimediali.Introdurre nelle proprie produzioni creative elementi linguistici e stilistici scoperti osservando immagini e opere darte.Osservare e leggere le immaginiGuardare e osservare con consapevolezza unimmagine e gli oggetti presenti nellambiente descrivendo gli elementi formali, utilizzando le regole della percezione visiva e lorientamento nello spazio.Riconoscere in un testo iconico - visivo gli elementi grammaticali e tecnici del linguaggio visivo (li- nee, colori, forme, volume, spazio) individuando il loro significato espressivo.Individuare nel linguaggio del fumetto, filmico e audiovisivo le diverse tipologie di codici, le sequenze narrative e decodificare in forma elementare i diversi significati.Comprendere e apprezzare le opere darteIndividuare in unopera darte, sia antica che moderna, gli elementi essenziali della forma, del linguaggio, della tecnica e dello stile dellartista per comprenderne il messaggio e la funzione.Familiarizzare con alcune forme di arte e di produzione artigianale appartenenti alla propria e ad al- tre culture.Riconoscere e apprezzare nel proprio territorio gli aspetti pi caratteristici del patrimonio ambientale e urbanistico e i principali monumenti storico- artistici.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)EDUCAZIONE FISICAIl corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempoCoordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro inizialmente in forma successiva e poi in forma simultanea (correre / saltare, afferrare / lanciare, ecc).Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi esecutivi e successioni temporali delle azioni moto- rie, sapendo organizzare il proprio movimento nello spazio in relazione a s, agli oggetti, agli altri.Il linguaggio del corpo come modalit comunicativo- espressivaUtilizzare in forma originale e creativa modalit espressive e corporee anche attraverso forme di drammatizzazione e danza, sapendo trasmettere nel contempo contenuti emozionali.Elaborare ed eseguire semplici sequenze di movimento o semplici coreografie individuali e colletti- ve.Il gioco, lo sport, le regole e il fair playConoscere e applicare correttamente modalit esecutive di diverse proposte di gioco sport.Saper utilizzare numerosi giochi derivanti dalla tradizione popolare applicandone indicazioni e regole.Partecipare attivamente alle varie forme di gioco , organizzate anche in forma di gara, collaborando con gli altri.Rispettare le regole nella competizione sportiva; saper accettare la sconfitta con equilibrio, e vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti, accettando le diversit, manifestando senso di responsabilit.Salute e benessere, prevenzione e sicurezzaAssumere comportamenti adeguati per la prevenzione degli infortuni e per la sicurezza nei vari ambienti di vita.Riconoscere il rapporto tra alimentazione, ed esercizio fisico in relazione a sani stili di vita. Acquisire consapevolezza delle funzioni fisiologiche (cardio-respiratorie e muscolari) e dei loro cambiamenti in relazione allesercizio fisico.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTOPRIMARIAClasse quinta( Indicazioni Nazionali)TECNOLOGIAVedere e osservareEseguire semplici misurazioni e rilievi fotografici sullambiente scolastico o sulla propria abitazione.Leggere e ricavare informazioni utili da guide duso o istruzioni di montaggio.Impiegare alcune regole del disegno tecnico per rappresentare semplici oggetti.Effettuare prove ed esperienze sulle propriet dei materiali pi comuni.Riconoscere e documentare le funzioni principali di una nuova applicazione informatica.Rappresentare i dati dellosservazione attraverso tabelle, mappe, diagrammi, disegni, testi.Prevedere e immaginareEffettuare stime approssimative su pesi o misure di oggetti dellambiente scolastico.Prevedere le conseguenze di decisioni o comportamenti personali o relative alla propria classe.Riconoscere i difetti di un oggetto e immaginarne possibili miglioramenti.Pianificare la fabbricazione di un semplice oggetto elencando gli strumenti e i materiali necessari.Organizzare una gita o una visita ad un museo usando internet per reperire notizie e informazioni.Intervenire e trasformareSmontare semplici oggetti e meccanismi, apparecchiature obsolete o altri dispositivi comuni.Utilizzare semplici procedure per la selezione, la preparazione e la presentazione degli alimenti.Eseguire interventi di decorazione, riparazione e manutenzione sul proprio corredo scolastico.Realizzare un oggetto in cartoncino descrivendo e documentando la sequenza delle operazioni.Cercare, selezionare, scaricare e installare sul computer un comune programma di utilit.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoITALIANOAscolto e parlatoAscoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la fonte e individuando scopo, argomento, informazioni principali e punto di vista dellemittente.Intervenire in una conversazione o in una discussione, di classe o di gruppo, con pertinenza e coerenza, rispettando tempi e turni di parola e fornendo un positivo contributo personale.Utilizzare le proprie conoscenze sui tipi di testo per adottare strategie funzionali a comprendere durante lascolto.Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione: durante lascolto (presa di appunti, parole-chiave, brevi frasi riassuntive, segni convenzionali) e dopo lascolto (rielaborazione degli appunti, esplicitazione delle parole chiave, ecc.).Riconoscere, allascolto, alcuni elementi ritmici e sonori del testo poetico.Narrare esperienze, eventi, trame selezionando informazioni significative in base allo scopo, ordinandole in base a un criterio logico-cronologico, esplicitandole in modo chiaro ed esauriente e usando un registro adeguato allargomento e alla situazione.Descrivere oggetti, luoghi, persone e personaggi, esporre procedure selezionando le informazioni significative in base allo scopo e usando un lessico adeguato allargomento e alla situazione.Riferire oralmente su un argomento di studio esplicitando lo scopo e presentandolo in modo chiaro: esporre le informazioni secondo un ordine prestabilito e coerente, usare un registro adeguato allargomento e alla situazione, controllare il lessico specifico, precisare le fonti e servirsi eventualmente di materiali di supporto (cartine, tabelle, grafici).

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoITALIANO

LetturaLeggere ad alta voce in modo espressivo testi noti raggruppando le parole legate dal significato e usando pause e intonazioni per seguire lo sviluppo del testo e permettere a chi ascolta di capire.Leggere in modalit silenziosa testi di varia natura e provenienza applicando tecniche di supporto alla comprensione (sottolineature, note a margine, appunti) e mettendo in atto strategie differenziate (lettura selettiva, orientativa, analitica).Utilizzare testi funzionali di vario tipo per affrontare situazioni della vita quotidiana.Ricavare informazioni esplicite e implicite da testi espositivi, per documentarsi su un argomento specifico o per realizzare scopi pratici.Ricavare informazioni sfruttando le varie parti di un manuale di studio: indice, capitoli, titoli, sommari, testi, riquadri, immagini, didascalie, apparati grafici.

Confrontare, su uno stesso argomento, informazioni ricavabili da pi fonti, selezionando quelle ritenute pi significative ed affidabili. Riformulare in modo sintetico le informazioni selezionate e riorganizzarle in modo personale (liste di argomenti, riassunti schematici, mappe, tabelle).Comprendere testi descrittivi, individuando gli elementi della descrizione, la loro collocazione nello spazio e il punto di vista dellosservatore.Leggere semplici testi argomentativi e individuare tesi centrale e argomenti a sostegno, valutandone la pertinenza e la validit.Leggere testi letterari di vario tipo e forma (racconti, novelle, romanzi, poesie, commedie) individuando tema principale e intenzioni comunicative dellautore; personaggi, loro caratteristiche, ruoli, relazioni e motivazione delle loro azioni; ambientazione spaziale e temporale; genere di appartenenza. Formulare in collaborazione con i compagni ipotesi interpretative fondate sul testo.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoITALIANO

SCRITTURAConoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione del testo a partire dallanalisi del compito di scrittura: servirsi di strumenti per lorganizzazione delle idee (ad es. mappe, scalette); utilizzare strumenti per la revisione del testo in vista della stesura definitiva; rispettare le convenzioni grafiche.Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) corretti dal punto di vista morfosintattico, lessicale, ortografico, coerenti e coesi, adeguati allo scopo e al destinatario.Scrivere testi di forma diversa (ad es. istruzioni per luso, lettere private e pubbliche, diari personali e di bordo, dialoghi, articoli di cronaca, recensioni, commenti, argomentazioni) sulla base di modelli sperimentati, adeguandoli a situazione, argomento, scopo, destinatario, e selezionando il registro pi adeguato.Utilizzare nei propri testi, sotto forma di citazione esplicita e/o di parafrasi, parti di testi prodotti da altri e tratti da fonti diverse.Scrivere sintesi, anche sotto forma di schemi, di testi ascoltati o letti in vista di scopi specifici.Utilizzare la videoscrittura per i propri testi, curandone limpaginazione; scrivere testi digitali (ad es. e-mail, post di blog, presentazioni), anche come supporto allesposizione orale.Realizzare forme diverse di scrittura creativa, in prosa e in versi (ad es. giochi linguistici, riscritture di testi narrativi con cambiamento del punto di vista); scrivere o inventare testi teatrali, per uneventuale messa in scena.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoITALIANO

Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivoAmpliare, sulla base delle esperienze scolastiche ed extrascolastiche, delle letture e di attivit specifiche, il proprio patrimonio lessicale, cos da comprendere e usare le parole dellintero vocabolario di base, anche in accezioni diverse.Comprendere e usare parole in senso figurato.Comprendere e usare in modo appropriato i termini specialistici di base afferenti alle diverse discipline e anche ad ambiti di interesse personale.Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di testo.Utilizzare la propria conoscenza delle relazioni di significato fra le parole e dei meccanismi di formazione delle parole per comprendere parole non note allinterno di un testo.Utilizzare dizionari di vario tipo; rintracciare allinterno di una voce di dizionario le informazioni utili per risolvere problemi o dubbi linguistici.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoITALIANO

Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugliusi della linguaRiconoscere ed esemplificare casi di variabilit della lingua.Stabilire relazioni tra situazioni di comunicazione, interlocutori e registri linguistici; tra campi di di- scorso, forme di testo, lessico specialistico.Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi, espositivi, argomentativi).Riconoscere le principali relazioni fra significati delle parole (sinonimia, opposizione, inclusione); conoscere lorganizzazione del lessico in campi semantici e famiglie lessicali.Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole: derivazione, composizione.

Riconoscere lorganizzazione logico-sintattica della frase semplice.Riconoscere la struttura e la gerarchia logico-sintattica della frase complessa almeno a un primo grado di subordinazione.Riconoscere in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali.Riconoscere i connettivi sintattici e testuali, i segni interpuntivi e la loro funzione specifica.Riflettere sui propri errori tipici, segnalati dallinsegnante, allo scopo di imparare ad autocorreggerli nella produzione scritta.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoLINGUA INGLESEAscolto (comprensione orale)Comprendere i punti essenziali di un discorso, a condizione che venga usata una lingua chiara e che si parli di argomenti familiari, inerenti alla scuola, al tempo libero, ecc.Individuare linformazione principale di programmi radiofonici o televisivi su avvenimenti di attualit o su argomenti che riguardano i propri interessi, a condizione che il discorso sia articolato in modo chiaro.Individuare, ascoltando, termini e informazioni attinenti a contenuti di studio di altre discipline.Parlato (produzione e interazione orale)Descrivere o presentare persone, condizioni di vita o di studio, compiti quotidiani; indicare che cosa piace o non piace; esprimere unopinione e motivarla con espressioni e frasi connesse in modo semplice.Interagire con uno o pi interlocutori, comprendere i punti chiave di una conversazione ed esporre le proprie idee in modo chiaro e comprensibile.Gestire conversazioni di routine, facendo domande e scambiando idee e informazioni in situazioni quotidiane prevedibili.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoLINGUA INGLESE

Lettura (comprensione scritta)Leggere e individuare informazioni esplicite in brevi testi di uso quotidiano e in lettere personali.Leggere globalmente testi relativamente lunghi per trovare informazioni specifiche relative ai propri interessi e a contenuti di studio di altre discipline.Leggere testi riguardanti istruzioni per luso di un oggetto, per lo svolgimento di giochi, per attivit collaborative.Leggere brevi storie, semplici biografie e testi narrativi pi ampi in edizioni graduate.Scrittura (Produzione scritta)Produrre risposte a questionari e formulare domande su testi.Raccontare per iscritto esperienze, esprimendo sensazioni e opinioni con frasi semplici.Scrivere brevi lettere personali adeguate al destinatario e brevi resoconti che si avvalgano di lessicosostanzialmente appropriato e di sintassi elementare.Riflessione sulla lingua e sullapprendimentoRilevare semplici regolarit e differenze nella forma di testi scritti di uso comune.Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi.Rilevare semplici analogie o differenze tra comportamenti e usi legati a lingue diverse.Riconoscere come si apprende e che cosa ostacola il proprio apprendimento.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoSECONDA LINGUA COMUNITARIAAscolto (comprensione orale)Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano se pronunciate chiaramente e identifica- re il tema generale di brevi messaggi orali in cui si parla di argomenti conosciuti.Comprendere brevi testi multimediali identificandone parole chiave e il senso generale.Parlato (produzione e interazione orale)Descrivere persone, luoghi e oggetti familiari utilizzando parole e frasi gi incontrate ascoltando o leggendo.Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale, integrando il significato di ci che si di- ce con mimica e gesti.Interagire in modo comprensibile con un compagno o un adulto con cui si ha familiarit, utilizzando espressioni e frasi adatte alla situazione.Lettura (comprensione scritta)Comprendere testi semplici di contenuto familiare e di tipo concreto e trovare informazioni specifiche in materiali di uso corrente.Scrittura (produzione scritta)Scrivere testi brevi e semplici per raccontare le proprie esperienze, per fare gli auguri, per ringraziare o per invitare qualcuno, anche con errori formali che non compromettano per la comprensibilit del messaggio.Riflessione sulla lingua e sullapprendimentoOsservare le parole nei contesti duso e rilevare le eventuali variazioni di significato.Osservare la struttura delle frasi e mettere in relazione costrutti e intenzioni comunicative.Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi.Riconoscere i propri errori e i propri modi di apprendere le lingue.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoSTORIA

Uso delle fontiConoscere alcune procedure e tecniche di lavoro nei siti archeologici, nelle biblioteche e negli archi- vi.Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre conoscenze su temi definiti.

Organizzazione delle informazioniSelezionare e organizzare le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici e risorse digitali.Costruire grafici e mappe spazio-temporali, per organizzare le conoscenze studiate.Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana, europea, mondiale.Formulare e verificare ipotesi sulla base delle informazioni prodotte e delle conoscenze elaborate.Strumenti concettualiComprendere aspetti e strutture dei processi storici italiani, europei e mondiali.Conoscere il patrimonio culturale collegato con i temi affrontati.Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi ecologici, interculturali e di convivenza civile.Produzione scritta e oraleProdurre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e digitaliArgomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della disciplina.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado. GEOGRAFIAOrientamentoOrientarsi sulle carte e orientare le carte a grande scala in base ai punti cardinali (anche con lutilizzo della bussola) e a punti di riferimento fissi.Orientarsi nelle realt territoriali lontane, anche attraverso lutilizzo dei programmi multimediali di visualizzazione dallalto.Linguaggio della geograficitLeggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da quella topografica al planisfero), utilizzando scale di riduzione, coordinate geografiche e simbologia.Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati statistici, immagini, ecc.) e innovativi (telerilevamento e cartografia computerizzata) per comprendere e comunicare fatti e fenomeni territoriali.PaesaggioInterpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo.Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni di valorizzazione.Regione e sistema territorialeConsolidare il concetto di regione geografica (fisica, climatica, storica, economica) applicandolo allItalia, allEuropa e agli altri continenti.Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e fenomeni demografici, sociali ed economici di portata nazionale, europea e mondiale.Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei principali Paesi europei e degli altri continenti, anche in relazione alla loro evoluzione storico-politico-economica.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoMATEMATICANumeriEseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni, ordinamenti e confronti tra i numeri conosciuti (numeri naturali, numeri interi, frazioni e numeri decimali), quando possibile a mente oppure utilizzando gli usuali algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo e valutando quale strumento pu essere pi opportuno.Dare stime approssimate per il risultato di una operazione e controllare la plausibilit di un calcolo.Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta.Utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.Utilizzare il concetto di rapporto fra numeri o misure ed esprimerlo sia nella forma decimale, sia mediante frazione.Utilizzare frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale in diversi modi, essendo consapevoli di vantaggi e svantaggi delle diverse rappresentazioni.Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare utilizzando strategie diverse.Interpretare una variazione percentuale di una quantit data come una moltiplicazione per un numero decimale.Individuare multipli e divisori di un numero naturale e multipli e divisori comuni a pi numeri.Comprendere il significato e lutilit del multiplo comune pi piccolo e del divisore comune pi grande, in matematica e in situazioni concrete.In casi semplici scomporre numeri naturali in fattori primi e conoscere lutilit di tale scomposizione per diversi fini.Utilizzare la notazione usuale per le potenze con esponente intero positivo, consapevoli del significato, e le propriet delle potenze per semplificare calcoli e notazioni.Conoscere la radice quadrata come operatore inverso dellelevamento al quadrato.Dare stime della radice quadrata utilizzando solo la moltiplicazione.Sapere che non si pu trovare una frazione o un numero decimale che elevato al quadrato d 2, o altri numeri interi.Utilizzare la propriet associativa e distributiva per raggruppare e semplificare, anche mentalmente, le operazioni.Descrivere con unespressione numerica la sequenza di operazioni che fornisce la soluzione di un problema.Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni.Esprimere misure utilizzando anche le potenze del 10 e le cifre significative.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado MATEMATICA

Spazio e figureRiprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportuni strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di geometria).Rappresentare punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.Conoscere definizioni e propriet (angoli, assi di simmetria, diagonali, ) delle principali figure piane (triangoli, quadrilateri, poligoni regolari, cerchio).Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri.Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri.Riconoscere figure piane simili in vari contesti e riprodurre in scala una figura assegnata.Conoscere il Teorema di Pitagora e le sue applicazioni in matematica e in situazioni concrete.Determinare larea di semplici figure scomponendole in figure elementari, ad esempio triangoli, o utilizzando le pi comuni formule.Stimare per difetto e per eccesso larea di una figura delimitata anche da linee curve.Conoscere il numero , e alcuni modi per approssimarlo.Calcolare larea del cerchio e la lunghezza della circonferenza, conoscendo il raggio, e viceversa.Conoscere e utilizzare le principali trasformazioni geometriche e i loro invarianti.Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano.Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali.Calcolare larea e il volume delle figure solide pi comuni e darne stime di oggetti della vita quotidiana.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoMATEMATICA

Risolvere problemi utilizzando le propriet geometriche delle figure.Relazioni e funzioniInterpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere per esprimere in forma generale relazioni e propriet.Esprimere la relazione di proporzionalit con unuguaglianza di frazioni e viceversa.Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere in particolare le funzioni del tipo y=ax, y=a/x, y=ax2, y=2n e i loro grafici e collegare le prime due al concetto di proporzionalit.Esplorare e risolvere problemi utilizzando equazioni di primo grado.Dati e previsioniRappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio elettronico. In situazioni significative, confrontare dati al fine di prendere decisioni, utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle frequenze relative. Scegliere ed utilizzare valori medi (moda, mediana, media aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche dei dati a disposizione. Saper valutare la variabilit di un insieme di dati determinandone, ad esempio, il campo di variazione.In semplici situazioni aleatorie, individuare gli eventi elementari, assegnare a essi una probabilit, calcolare la probabilit di qualche evento, scomponendolo in eventi elementari disgiunti.Riconoscere coppie di eventi complementari, incompatibili, indipendenti.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoSCIENZEFisica e chimicaUtilizzare i concetti fisici fondamentali quali: pressione, volume, velocit, peso, peso specifico, forza, temperatura, calore, carica elettrica, ecc., in varie situazioni di esperienza; in alcuni casi raccogliere dati su variabili rilevanti di differenti fenomeni, trovarne relazioni quantitative ed esprimerle con rappresentazioni formali di tipo diverso. Realizzare esperienze quali ad esempio: piano inclinato, galleggiamento, vasi comunicanti, riscaldamento dellacqua, fusione del ghiaccio, costruzione di un circuito pila-interruttore-lampadina.Costruire e utilizzare correttamente il concetto di energia come quantit che si conserva; individuare la sua dipendenza da altre variabili; riconoscere linevitabile produzione di calore nelle catene energetiche reali. Realizzare esperienze quali ad esempio: mulino ad acqua, dinamo, elica rotante sul termosifone, riscaldamento dellacqua con il frullatore.Padroneggiare concetti di trasformazione chimica; sperimentare reazioni (non pericolose) anche con prodotti chimici di uso domestico e interpretarle sulla base di modelli semplici di struttura della materia; osservare e descrivere lo svolgersi delle reazioni e i prodotti ottenuti. Realizzare esperienze quali ad esempio: soluzioni in acqua, combustione di una candela, bicarbonato di sodio + aceto.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo gradoSCIENZE

Astronomia e Scienze della TerraOsservare e interpretare i pi evidenti fenomeni celesti attraverso losservazione del cielo notturno e diurno, utilizzando anche planetari o simulazioni al computer. Ricostruire i movimenti della Terra da cui dipendono il d e la notte e lalternarsi delle stagioni. Costruire modelli tridimensionali anche in connessione con levoluzione storica dellastronomia.Spiegare, anche per mezzo di simulazioni, i meccanismi delle eclissi di sole e di luna. Realizzare esperienze quali ad esempio: costruzione di una meridiana, re