Click here to load reader

Www. M E F P. it Fondapi 22 settembre 2004. www. M E F P. it 2 Agenda 1. I Fondi pensione: lo scenario attuale e le possibili innovazioni 2. Fondapi (i

  • View
    215

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of Www. M E F P. it Fondapi 22 settembre 2004. www. M E F P. it 2 Agenda 1. I Fondi pensione: lo...

  • Slide 1
  • www. M E F P. it Fondapi 22 settembre 2004
  • Slide 2
  • www. M E F P. it 2 Agenda 1. I Fondi pensione: lo scenario attuale e le possibili innovazioni 2. Fondapi (i dati) 3. I vantaggi delladesione per i lavoratori (il tema fiscale) 4.I vantaggi per le aziende (il tema fiscale) 5. Un approfondimento sulla rendita vitalizia
  • Slide 3
  • www. M E F P. it I Fondi pensione: lo scenario attuale e le possibili innovazioni
  • Slide 4
  • www. M E F P. it 4 La previdenza complementare D.Lgs.124/93: istituzione della previdenza complementare con elementi di sistematicit Obiettivi Istituire un secondo pilastro previdenziale teso a garantire pi elevati livelli di copertura previdenziale Precisa tipizzazione di forme e modelli per il raggiungimento dellobiettivo Volontariet in fase di adesione / indissociabilit in itinere
  • Slide 5
  • www. M E F P. it 5 Gli strumenti di previdenza complementare Collettivi: Fondi pensione negoziali e adesioni collettive ai Fondi pensione aperti ex art. 9 del D.Lgs. 124/93 Individuali: Fondi pensione aperti (ad adesione individuale) e piani individuali realizzati tramite polizze vita (PIP) Rapporti tra forme in seguito al D.Lgs. 47/00 Parificazione tra strumenti in via di accesso Mancata realizzazione della parificazione in termini di condizioni e fiscalit CONSEGUENZA: Resta ferma la preferenza legislativa per le forme collettive di previdenza
  • Slide 6
  • www. M E F P. it 6 I punti di forza delle forme collettive Possibilit di usufruire del finanziamento tramite Tfr e contribuzione aziendale Vantaggi fiscali (sia per le aziende che per i lavoratori) Rappresentativit degli interessi delle parti coinvolti (cfr. ruolo delle fonti istitutive) Vantaggi economici: economie di scala Vantaggi giuridici: peculiare tutela processuale; garanzie in caso di insolvenza e fallimento dellazienda (cfr. privilegi.Fondo di garanzia presso Inps)
  • Slide 7
  • www. M E F P. it 7 I punti di forza dei FP contrattuali Vantaggi del vincolo associativo: possibilit di regolare con attenzioni diritti e doveri reciproci degli associati; possibilit di creare un apparato organizzativo idoneo al perseguimento degli interessi previdenziali; possibilit di fornire garanzie strumentali, accessorie o aggiuntive rispetto a quelle previste dalla normativa primaria e secondaria Forme di tutela collettiva (il ruolo dellassemblea) Governance (cfr. slide successiva)
  • Slide 8
  • www. M E F P. it 8 la governance dei FPc Organi: Assemblea CdA Collegio dei revisori (Societ di revisione)
  • Slide 9
  • www. M E F P. it 9 Iscritti Assemblea dei Delegati CdA e Collegio dei Revisori Contabili Governance = maggiori garanzie Rappresentanza eleggono gli aderenti eleggono i loro rappresentanti nell'assemblea dei delegati, che eleggono a loro volta il consiglio di amministrazione e il collegio dei revisori contabili Responsabilit nei confronti dei soci responsabilit la responsabilit di Fondapi nei confronti degli aderenti ha un diverso regime rispetto ad altri strumenti Aziende | Lavoratori
  • Slide 10
  • www. M E F P. it 10 Le possibili evoluzioni : il Ddl in materia previdenziale Conferimento del Tfr tramite silenzio assenso a qualsiasi forma pensionistica di cui al D.Lgs. 124/93 Parificazione tra forme anche in termini di contribuzione datoriale Incentivazione delle adesioni collettive ai FP aperti attraverso leliminazione del limite di cui allart. 9, comma 2 Incentivazione di forme di governance per i FP aperti
  • Slide 11
  • www. M E F P. it 11 Il meccanismo del silenzio-assenso (e dissenso) SILENZIO Se esiste un fondoSe esiste un fondo collettivo di riferimento TFR va a fondo regionale o negoziale Se esistono pi fondiSe esistono pi fondi Si dovr definire una gerarchia Se non esiste un fondoSe non esiste un fondo Fondo residualeASSENSO fondo negozialeLavoratore decide di conferire il TFR al fondo negoziale fondo apertoLavoratore decide di conferire TFR al fondo aperto polizza individualeLavoratore decide di conferire TFR al polizza individualeDISSENSO NONLavoratore decide di NON conferire il TFR ad alcun fondo Fondo residuale presso organismi di previdenza obbligatoria
  • Slide 12
  • www. M E F P. it 12 La scelta Tempo 6 mesi per Quali forme ? Modalit ? Chi far informazione ? Criteri per confrontabilit ? TacereAssentireDissentire
  • Slide 13
  • www. M E F P. it 13 I costi a carico dellazienda (art. 1 comma, 2 lett. e, punti 3 e 4) qualora il lavoratore abbia diritto ad un contributo del datore di lavoro affluisca alla forma pensionistica prescelta dal lavoratore stesso alla quale il contributodebba essere conferito 3) la possibilit che, qualora il lavoratore abbia diritto ad un contributo del datore di lavoro da destinare alla previdenza complementare, detto contributo affluisca alla forma pensionistica prescelta dal lavoratore stesso o alla quale egli intenda trasferirsi ovvero alla quale il contributo debba essere conferito ai sensi del numero 2) [tacito conferimento]; trasferisca volontariamente da una forma pensionistica allaltra del diritto al trasferimento del contributo del datore di lavoro 4) nonch il riconoscimento al lavoratore dipendente che si trasferisca volontariamente da una forma pensionistica allaltra del diritto al trasferimento del contributo del datore di lavoro in precedenza goduto, oltre alle quote del trattamento di fine rapporto; La contribuzione a carico dellazienda diventa una voce di costo del lavoro per tutti i lavoratori, non solo per quelli che scelgano di iscriversi a FONDAPI ?La contribuzione a carico dellazienda diventa una voce di costo del lavoro per tutti i lavoratori, non solo per quelli che scelgano di iscriversi a FONDAPI ? Per norma di legge si invade terreno delle relazione industriali?Per norma di legge si invade terreno delle relazione industriali?
  • Slide 14
  • www. M E F P. it 14 Le tutele per i lavoratori (art. 1 comma, 2 lett. e, punto 1) tipologiarecesso anticipatorendimenti stimati trasparenzatutela il conferimento, salva diversa esplicita volont espressa dal lavoratore, del trattamento di fine rapporto maturando . garantendo che il lavoratore stesso abbia una adeguata informazione sulla tipologia, le condizioni per il recesso anticipato, i rendimenti stimati dei fondi di previdenza complementare per i quali ammessa ladesione, nonch sulla facolt di scegliere le forme pensionistiche a cui conferire il trattamento di fine rapporto, previa omogeneizzazione delle stesse in materia di trasparenza e tutela, Recesso anticipato = riscatto? Come si omogeneizza la trasparenza e la tutela con governance differenti? Fondapi di propriet degli associati | FPa un prodotto venduto ai clienti
  • Slide 15
  • www. M E F P. it 15 Un comparto simile al TFR ? (art. 1 comma, 2 lett. e, punto 10) possano garantire comparabilitasso di rivalutazione del trattamento di fine rapporto10) che i fondi pensione possano dotarsi di linee dinvestimento tali da garantire rendimenti comparabili al tasso di rivalutazione del trattamento di fine rapporto; Gi oggi possibile. Problema la mancanza di strumenti di mercato Non esistono strumenti indicizzati allinflazione italiana Che significa comparabili?
  • Slide 16
  • www. M E F P. it 16 Il compito dei Fondi pensione contrattuali in un contesto di piena concorrenzialit Rendere efficiente il proprio operato, dotarsi di procedure trasparenti e coerenti in ogni attivit(cfr. miglioramenti goverance e procedure organizzative controllo interno/il ruolo dellautoregolamentazione) Prestare particolare importanza al momento comunicativo: informazione/formazione/consulenza (cfr. anche disposizioni della delega su informazione agli aderenti)
  • Slide 17
  • www. M E F P. it 17 I costi uno strumento di marketing Una analisi dellefficienza e dellefficacia di una associazione no profit
  • Slide 18
  • www. M E F P. it I dati di Fondapi
  • Slide 19
  • www. M E F P. it 19 Caratteristiche E il FP destinato ai lavoratori dipendenti delle piccole e medie imprese Ha un bacino di potenziali aderenti pari a 700.000 unit Al 31.12.03 presenta un tasso di adesione pari al 3,47% E stato autorizzato allesercizio dellattivit il 16/05/2001 E impegnato nel processo di selezione dei gestori finanziari (bando pubblicato in data 08/03/2004)
  • Slide 20
  • www. M E F P. it 20 Landamento delle adesioni
  • Slide 21
  • www. M E F P. it 21 Fondapi e i FPc: il peso in termini di iscritti
  • Slide 22
  • www. M E F P. it 22 Landamento dellANDP
  • Slide 23
  • www. M E F P. it 23 Fondapi e i FPc: il peso in termini di ANDP ANDP 31.12.02 (mln. ) 31.12. 03 (mln. ) Fondapi2655 Totale FPc3.2644.523 in % sul totale0,79%1,23%
  • Slide 24
  • www. M E F P. it Su cosa si pu agire la prospettiva organizzativa
  • Slide 25
  • www. M E F P. it 25 I modelli organizzativi Tre modelli Modello A: alta complessit Modello B: media complessit Modello C: bassa complessit Due varianti per ciascun modello Variante 1: complessit strutturale prevalente Variante 2: complessit relazionale prevalente Le dimensioni i fondi di alta complessit sono quelli con una massa gestita superiore ai 500 milioni di euro e con un numero di aderenti superiore ai 100.000; i fondi di media complessit sono quelli con una massa gestita maggiore di 100 milioni di euro e con un numero di aderenti superiore ai 30.000; i fondi di bassa complessit sono quelli con una massa gestita inferiori ai 100 milioni e con un numero di aderenti inferiore ai 30.000.
  • Slide 26
  • www. M E F P. it 26 La matrice delle complessit Bassa Complessit strutturale Alta COMPLESSITA Bassa Complessit relazionale Alta
  • Slide 27
  • www. M E F P. it 27 I modelli organizzativi individuati Le analisi svolte permettono di affermare che esiste la possibilit di associare modelli organizzativi diversi ai fondi pensione, in funzione della loro complessit totale. In particolare, sono stati individuati 3 modelli, con gradazioni diverse di complessit. Ai fini della progettazione organizzativa, poi utile caratterizzare (varianti del modello) la complessit a seconda che si tratti di complessit strutturale complessit relazionale La sostenibilit economica non considerata come variabile primaria nella definizione dei modelli organizzativi perch molti fondi sono finanziati dalle parti istitutive ad oggi i fondi grandi non godono di condizioni economiche fortemente di favore (economie di scala) residuo dello sviluppo storico del settore -.
  • Slide 28
  • www. M E F P. it 28 La complessit strutturale E costituita da: numero di aderenti numero di aziende numero di contratti collettivi di riferimento il numero di comparti e la modalit di allocazione delle risorse degli stessi ai gestori finanziari anzianit di funzionamento del fondo pensione Influenza: volume di transazioni effettuate numero di attivit nel processo grado di complessit delle transazioni livello di interdipendenze tra fondo e soggetti esterni Richiede Enfasi sullefficienza operativa Governo dei meccanismi di controllo interno ed esterno Cultura dellefficienza e del miglioramento continuo
  • Slide 29
  • www. M E F P. it 29 La complessit relazionale E costituita da: grado di supporto della fonte istitutiva (finanziamenti, promozione e consulenza) presenza di forme di previdenza alternative in concorrenza con il fondo tipologia di aziende aderenti (grado informatizzazione, dimensioni medie) profilo medio degli aderenti (scolarit, cultura finanziaria, partecipazione..) et media e storia previdenziale pregressa degli aderenti numero di comparti del fondo pensione Influenza: volume e intensit di transazioni con aderenti e aziende tempo dedicato a studio e aggiornamento, formazione e promozione Strutture atte alla ricezione e gestione di alti volumi di richieste Richiede di: dedicare grande parte del tempo ad attivit esterne di divulgazione e promozione creare strutture di call center e adottare procedure efficaci di gestione delle risposte incentivare la cultura di impresa orientata pi al servizio e alla consulenza che al controllo e allamministrazione
  • Slide 30
  • www. M E F P. it 30 La sostenibilit economica costituita da confronto tra entrate e uscite livello di efficacia e performance finanziarie un indicatore di tendenza, non un vincolo di sopravvivenza, data la storia della previdenza complementare Molto dipende dal numero di teste
  • Slide 31
  • www. M E F P. it 31 Le entrate Le entrate dipendono da Numero di teste Versamento medio Anni di vita del fondo Esistenza di finanziamenti dalle parti istitutive
  • Slide 32
  • www. M E F P. it 32 Le uscite Le uscite a carico del fondo derivano da: Costi per i dipendenti Costi per CdA e collegio dei revisori Costi di certificazione Costi del service amministrativo Costi di banca depositaria Costi di struttura e amministrativi vari Costi per consulenze