of 8/8
FOGLIO INFORMATIVO MARISTA MEDITERRANEA, nº 307____________ (Anno 18) p. 112 FOGLIO INFORMATIVO MARISTA MEDITERRANEA 15 novembre 2020 Nº 307 (Anno 18, pagg. 112-119) EDIZIONI Segreteria Provinciale [email protected] Residenza Provinciale Avenida Costa Bella, nº 70 Apartado correos 45 03140 Guardamar del Segura Tel. 966 72 51 09 Calendario liturgico: 15 novembre Professore e studioso ricercatore scientifico. Professo nell’Ordine dei Domenicani. Alberto Magno (~1200-1280) è un simbolo per qualsiasi istituzione educativa. L’iconografia lo mostra, quasi sempre, come insegnante: a partire dai suoi dipinti, scopriamo che non possiamo separare Alberto dal suo status di insegnante. Intorno al 1222 inizia i suoi studi presso le Università di Padova (fondata in quegli anni) e Bologna (famosa per il suo insegnamento del diritto). Retratto de Alberto Magno in un affresco di Tommaso da Modena, Treviso, 1352. Sala del capitolo dei Domenicani. Dal 1230 al 1240, dopo il suo noviziato, Alberto esercitò come lettore in varie Residenze dei Domenicani. Dal 1245 Alberto è Magister, cioè, professore di Teologia a Parigi, l’università più importante e solida del suo tempo in questo campo. Nel 1248, chiamato dal suo Ordine, fondò uno Studium generale a Colonia. Dopo aver svolto molte funzioni fuori Colonia (come quella di vescovo di Ratisbona), nel 1271 Alberto riprese il suo lavoro e la sua docenza a Colonia. Oltre a quanto sopra, insegnò nella Curia Romana dove interpretò il Vangelo di San Giovanni e le Epistole canoniche. E ben evidente che Alberto fu in tutta la sua vita legato all’insegnamento, come studente e come insegnante. Benedetto XVI parla di Sant’Alberto Magno Soprattutto, sant’Alberto mostra che tra fede e scienza non vi è opposizione, nonostante alcuni episodi di incomprensione che si sono registrati nella storia. Un uomo di fede e di preghiera, quale fu sant’Alberto Magno, può coltivare serenamente lo studio delle scienze naturali e progredire nella conoscenza del micro e del macrocosmo, scoprendo le leggi proprie della materia, poiché tutto questo concorre ad alimentare la sete e l’amore di Dio. Quanti scienziati, infatti, sulla scia di sant’Alberto Magno, hanno portato avanti le loro ricerche ispirati da stupore e gratitudine di fronte al mondo che, ai loro occhi di studiosi e di credenti, appariva e appare come l’opera buona di un Creatore sapiente e amorevole! Lo studio scientifico si trasforma allora in un inno di lode. Sant’Alberto Magno ci ricorda che tra scienza e fede c’è amicizia, e che gli uomini di scienza possono percorrere, attraverso la loro vocazione allo studio della natura, un autentico e affascinante percorso di santità. (Udienza Generale / Piazza San Pietro / mercoledì, 24 de marzo 2010) La Scuola Marista: Le opere educative mariste offrono alla società un progetto educativo innovativo e inclusivo che aiuta i giovani a crescere come buoni cristiani e onesti cittadini”. Questo progetto armonizza fede, cultura e vita, presentando la conoscenza come un impegno per il servizio e la cultura come mezzo di comunione tra le persone”. (Costituzioni 2020, art. 58) IT

affresco di Tommaso da Modena, FOGLIO INFORMATIVO …

  • View
    0

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of affresco di Tommaso da Modena, FOGLIO INFORMATIVO …

FOGLIO INFORMATIVO MARISTA MEDITERRANEA, nº 307____________ (Anno 18) p. 112
FOGLIO INFORMATIVO MARISTA
EDIZIONI Segreteria Provinciale
03140 Guardamar del Segura Tel. 966 72 51 09
Calendario liturgico: 15 novembre
Alberto Magno (~1200-1280) è un simbolo
per qualsiasi istituzione educativa.
come insegnante: a partire dai suoi dipinti,
scopriamo che non possiamo separare
Alberto dal suo status di insegnante.
Intorno al 1222 inizia i suoi studi presso le
Università di Padova (fondata in quegli anni)
e Bologna (famosa per il suo insegnamento
del diritto).
affresco di Tommaso da Modena,
Treviso, 1352.
Dal 1230 al 1240, dopo il suo noviziato,
Alberto esercitò come lettore in varie
Residenze dei Domenicani. Dal 1245
Alberto è Magister, cioè, professore di
Teologia a Parigi, l’università più importante
e solida del suo tempo in questo campo. Nel
1248, chiamato dal suo Ordine, fondò uno
Studium generale a Colonia. Dopo aver
svolto molte funzioni fuori Colonia (come
quella di vescovo di Ratisbona), nel 1271
Alberto riprese il suo lavoro e la sua docenza
a Colonia. Oltre a quanto sopra, insegnò
nella Curia Romana dove interpretò il
Vangelo di San Giovanni e le Epistole
canoniche. E ben evidente che Alberto fu in tutta la sua vita legato all’insegnamento, come
studente e come insegnante.
Soprattutto, sant’Alberto mostra che tra fede e scienza
non vi è opposizione, nonostante alcuni episodi di
incomprensione che si sono registrati nella storia.
Un uomo di fede e di preghiera, quale fu sant’Alberto Magno, può
coltivare serenamente lo studio delle scienze naturali e progredire nella
conoscenza del micro e del macrocosmo, scoprendo le leggi proprie della
materia, poiché tutto questo concorre ad alimentare la sete e l’amore di Dio.
Quanti scienziati, infatti, sulla scia di sant’Alberto Magno, hanno portato
avanti le loro ricerche ispirati da stupore e gratitudine di fronte al mondo
che, ai loro occhi di studiosi e di credenti, appariva e appare come l’opera
buona di un Creatore sapiente e amorevole! Lo studio scientifico si
trasforma allora in un inno di lode.
Sant’Alberto Magno ci ricorda che tra scienza e fede c’è amicizia, e
che gli uomini di scienza possono percorrere, attraverso la loro
vocazione allo studio della natura, un autentico e affascinante
percorso di santità. (Udienza Generale / Piazza San Pietro / mercoledì, 24 de marzo 2010)
La Scuola Marista: “Le opere educative mariste offrono alla società un progetto educativo innovativo e inclusivo che aiuta i giovani a crescere come “buoni cristiani e onesti cittadini”. Questo progetto armonizza fede, cultura e vita, presentando la conoscenza come un impegno per il servizio e la cultura come mezzo di comunione tra le persone”. (Costituzioni 2020, art. 58)
IT
FOGLIO INFORMATIVO MARISTA MEDITERRANEA, nº 307____________ (Anno 18) p. 113
Maristi Aleppo 4 novembre
I Maristi Blu di Aleppo continuano i loro programmi di inserzione per garantire i mezzi alle persone punite dalla guerra per creare piccole industrie in modo che possano vivere in modo autonomo e degno.
Progetto “Heart made” (uno dei progetti dei Maristi Blu) per fare abiti da donna, pezzi unici e artigianali con avanzi di tessuti.
Vieni a trovarci nel nostro negozio in “Rue du Saint Livre”.
Inoltre, i Maristi Blu
possano svolgere il loro lavoro in modo professionale ed efficace.
Sessione di formazione Maristi Blu
I diversi corsi concreti per i direttori sono tenuti continuamente dai Maristi Blu.
Nella foto è il corso guidato dal professor Abdullah Saygh.
Maristi Champville __________________ 28 ottobre
Conferenza di sensibilizzazione Covid-19
Conferenza di sensibilizzazione Covid-19, tenuta dal professor Fady HADDAD, specialista in medicina interna e malattie autoimmuni.
Questa conferenza si è tenuta online ed è durata 1 ora e 15 minuti. Sono arrivati 250 commenti da parte di coloro che hanno assistito alla conferenza. La chiarezza e la vicinanza di Fady sono state apprezzate da tutti.
La trasmissione ha avuto un perfetto coordinamento tecnico.
Maristi N.D. de Lourdes Jbail- Amchit 25 ottobre
Le scuole apriranno presto le loro porte. Momentaneamente l’equilibrio psicologico e il sostegno familiare sono quindi essenziali per garantire una transizione positiva e sicura. Ecco alcuni suggerimenti utili forniti dall’equipe di orientamento. Per ulteriori informazioni, visitate il nostro sito web o seguite il link: https://bit.ly/3ktp6Ft I Maristi di Jbail-Amchit hanno sul loro sito web anche un link per la preghiera quotidiana
. . .
Siamo tutti sulla stessa barca! Non smette di
ripetercelo papa Francesco nella sua ultima
enciclica, Fratelli tutti. E guardando le statistiche,
le notizie e l’andamento globale del mondo intero
e della nostra Europa, ce ne accorgiamo ogni
giorno di più.
provinciale della Mediterranea (Italia, sud della
Spagna, Libano e Siria), a tutti i fratelli e laici
maristi, in particolare della nostra zona italiana.
Parole di coraggio e di speranza per continuare
ad essere faro di speranza nonostante le difficoltà,
le chiusure e le restrizioni con le quali il nostro
impegno educativo deve fare i conti in questo
difficile anno scolastico.
Maristi Roma :
2 novembre
. . .
Maristi Cesano Maderno:
Pubblicato il 4 novembre 2020
In applicazione al DPCM [Decreto Presidenza del Consiglio dei ministri] del 3 novembre 2020:
• le classi Prime continueranno in presenza il regolare svolgimento delle attività didattiche ed extra- scolastiche, ad esclusione dello Studio assistito.
• le classi Seconda A e B; Terza A e B da venerdì 5 novembre entreranno in Didattica a distanza (DAD). L’orario scolastico resterà invariato nella successione degli insegnanti e secondo le materie segnalate. I docenti avranno l’accortezza di calibrare la lezione singola sulla durata di mezz’ora, in modo da consentire le adeguate pause tra un intervento e l’altro. Nel caso in cui questa situazione si protragga, la Direzione s’impegnerà a riorga- nizzare l’orario in maniera più funzionale.
. . .
Pubblicato il 2 de novembre 2020
Gli alunni del quinto della Primaria della scuola
Marista di Algemesí hanno dedicato alcuni giorni a studiare
il nostro Sistema Solare. Per dimostrare la loro
conoscenza, trincerati dietro i loro tavoli vetrati, hanno
eseguito individualmente un plastico utilizzando cartone,
carta, argilla … Alcuni risultati sono di grande livello
artistico.
molto
divertente. . . .
Maristi Denia _____________________ 6 novembre Giorno dei Beati Martiri del XX secolo
Beato Fr. Millán, primo direttore della scuola, 1928.
Il Fr. Millán (Esteban Llover Torrent) arrivò a Denia nel 1928
per fondare la scuola. Durante la
persecuzione religiosa del 1936,
di Tabernes de la Valldigna, il 10
agosto di quell’anno. E’ stato ucciso
per il semplice fatto di essere
religioso. I suoi ex-alunni
evidenziano il suo carattere gentile, attento, formale e capace
di rafforzare i valori della disciplina e della serietà. Con le sue
maniere gentili si guadagnò il rispetto e l’affetto dei genitori e
degli alunni di Denia. Il 13 ottobre 2013 è stato beatificato a
Tarragona, insieme ad altri 65 fratelli maristi, Martiri e
Testimoni della Fede. . . .
Maristi Alicante: Confraternita ‘Stabat Mater’
Nuova immagine dell’Addolorata
La Confraternita Penitenziale ‘Stabat Mater’, nella sua prossima processione della Settimana Santa, aggiungerà il Passo della Vergine Addolorata alla scultura realizzata dall’artista Ramón Cuenca. Nel numero 206 (1º marzo 2020) del FOGLIO
INFORMATIVO si informava del completamento
del lavoro in legno, introduzione di un documento storico all’interno dell’immagine e il completamento della scultura per andare alla fase di pittura e ai dettagli finali.
Maristi Málaga:
Oggi, 28
ottobre, i
che è stata la chiave per la nascita del nostro
istituto. Diverse scuole e il sito web della
Provincia Mediterranea evidenziano la data.
Pubblicato il 28 ottobre 2020
Diamo un’occhiata al resoconto dei fatti: Un giorno dovette andare a trovare un
malato: Gian Battista Montagne, un
adolescente che non aveva sentito parlare di
Dio. Dopo essere stato con lui per due ore e
avergli spiegato che Dio è un buon Padre,
Marcellino lasciò la casa.
Quel giorno, Marcellino decise di fondare i
fratelli maristi.
Era il 28 ottobre del 1816. (Preso da ‘Padre de Hermanos’, H. Federico Andrés Carpintero, 2ª edición 1999, pág. 52)
Maristi Valencia ___________ Pubblicato il 27 ottobre 2020
FOGLIO INFORMATIVO MARISTA MEDITERRANEA, nº 307____________ (Anno 18) p. 117
Maristi Murcia La Merced
Il signor Felipe Hernandez, autore del libro di poesia «Los Confinados», ha fatto visita al Collegio Marista di Murcia.
Durante il confinamento iniziò a scrivere
poesie con l’unica intenzione di esprimere i suoi sentimenti e condividerli con i suoi cari più vicini.
L’accoglienza fu tale che gli chiesero di raccogliere le sue parole in un libro, i cui benefici ha deciso di donarli interamente a coloro che, come dice lui, subiscono il confinamento forzato dalla guerra e dalla fame; e dopo 13 anni di educazione marista, era chiaro che il denaro raccolto sarebbe andato a uno dei nostri progetti con i bambini, più specificamente il Campo dei Maristi Blu di Aleppo (Siria).
Oggi ha consegnato i 1000 euro che ha
già ottenuto, che andranno direttamente al progetto menzionato.
La scuola vi ringrazia per la vostra
straordinaria generosità e incoraggia tutti voi a godere delle sue poesie acquistando una delle copie di «Los Confinados», che oltre a riempire la vostra Anima vi permetterà di contribuire ad una grande causa. A tale scopo è possibile contattare l’autore nella mail: [email protected]
Ancora una volta ringraziamo Felipe
perché la sua solidarietà non ha confini. . . .
Maristi Murcia Fuensanta ____________ 29 ottobre 2020
Lo scorso 29 ottobre, abbiamo celebrato
l’Eucarestia dei Defunti nella cappella della
Fuensanta in un modo un po’ diverso
dal solito però adattata alla
situazione che stiamo vivendo in questo momento. Eppure, siamo stati in grado di celebrare tutti dalla
nostra casa, intorno alla mensa e tenere a mente tutti i fedeli defunti della Comunità Educativa Marista di
Murcia. Vi lasciamo questo video emotivo che abbiamo
condiviso al momento del Ringraziamento con l’intenzione che tutte quelle persone che ci hanno lasciato non le dimenticheremo, ma le porteremo sempre nei nostri cuori.
Clicca sull’immagine e vedrai il video.
. . .
Maristi Bonanza ____ Pubblicato il 6 de novembre 2020
I più piccoli hanno goduto di una ricca colazione con frutta e cibi tipici di questo periodo autunnale.
. . .
Maristi Sanlúcar la Mayor
Pubblicato il 31 de ottobre 2020
Dopo molti mesi di attesa, i nostri ragazzi dei gruppi GVX hanno ricevuto il Sacramento della Confermazione!
Il giovedì pomeriggio è stato un giorno pieno di emozione, gioia e senso della famiglia per continuare nella crescita della fede.
Grazie ai catechisti dei GVX per averli accompagnati in questo momento molto speciale, al vescovo di Siviglia Mons. Juan José Asenjo Pelegrina per aver celebrato un’Eucarestia piena di sentimenti e di gioia e ai professori ed alle alunne che hanno formato il coro per dare un tocco musicale a queste preziose celebrazioni.
Congratulazioni a tutti i ragazzi e le ragazze e alle loro famiglie! . . .
Maristi Siviglia
Pubblicato il 30 ottobre 2020
Oggi celebriamo il XXIV anniversario della morte dei nostri fratelli martiri a Bugobe: Julio Rodríguez, Fernando de la Fuente, Servando Mayor y Miguel Ángel Isla.
Nel 1996, durante la guerra civile ruandese, questi quattro fratelli maristi hanno deciso di rimanere con la popolazione del campo profughi di Nyaminrangwe, dove avevano la loro comunità e svolgevano il loro lavoro educativo e solidale... subendo le conseguenze peggiori. #loentregarontodo . .
Maristi Cartagena
Pubblicato: il 31 ottobre 2020
Sono diverse le scuole che hanno evidenziato questo anniversario dei quattro Fratelli di Bugobe. Vi presentiamo Siviglia e Cartagena come più rappresentativi.
Il 31 ottobre 1996,
Questi quattro fratelli lavoravano nel campo da
più di un anno, nel Congo, al confine con il Ruanda.
I rifugiati erano diventati “la loro vera famiglia”, la
preoccupazione del loro cuore.
Fratelli restarono per prepararsi ad accogliere di
nuovo la gente. Furono uccisi nella notte dello
stesso giorno.
Nyamirangwe (Bugobe) risale all’agosto 1994,
dopo il terribile genocidio dei mesi precedenti, che
provocò almeno 500.000 morti. Molte persone
della tribù Hutu fuggirono, specialmente in Congo
e formarono campi profughi. Sei dei nostri Fratelli
di questo gruppo etnico decisero di aiutare queste
persone. Optarono per il campo di Nyamirangwe
vicino a Bukavu in Congo. Sono loro che lanciarono
questa iniziativa straordinariamente apostolica e lo
fecero con tutta la loro generosità.
I nostri quattro Fratelli avevano detto di sì a una
missione che era molto difficile e l’esperienza li
convinse che le loro vite erano in pericolo.
“Ora sono molto più consapevole della
realtà in cui sono coinvolto e a volte una
paura sorda emerge nella mia coscienza,
come scintille viventi e fugaci. Comunque, so
bene di chi mi sono fidato e vado con gioia al
rifugio... Questo mondo (occidentale) non è
mio; c’è troppa abbondanza e qui c’è troppo
bisogno, ma l’uomo qui è più uomo” (Fr. Miguel
Ángel). . .
Spagna: Maristi Mediterranea aderisce alla campagna delle Scuole
Cattoliche contro la nuova legge sull’istruzione conosciuta come
legge Celaá, con il nome della ministra dell’Istruzione.
Questa riforma della legge sull’educazione organica è considerata fortemente interventista, promuove la limitazione dei diritti e delle libertà dei cittadini e viola la pluralità del nostro sistema educativo, che è fondamentale in una società democratica.
In breve, si tratta di cambiamenti che portano al dominio sistemico dello
Stato, dotando le amministrazioni di poteri sempre più ampi a scapito delle famiglie come primi educatori dei loro figli. Questa legge consente che gli studenti siano distribuiti nelle scuole riducendo significativamente la scelta educativa dei genitori, un diritto approvato dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Inoltre, contrappone l’istruzione pubblica con il modello di educazione “concertada”, ampiamente impiantato in Europa, violando la complementarietà delle reti contenute nella Costituzione; svaluta l’Insegnamento della Religione nella scuola e mette in dubbio la sopravvivenza dei centri di educazione speciale, tra gli altri aspetti.
Per questo motivo, un grande numero di enti e di collettivi cittadini, di
insegnanti, di famiglie, di studenti e di titolari di scuola chiedono la protezione e la continuità della pluralità del nostro attuale sistema educativo. E i Maristi si uniscono a questa campagna, che ritiene necessaria e utile per rallentare tutte queste misure dannose.
Maristi Mediterranea supporta qualsiasi causa che va in linea con il miglioramento del nostro sistema educativo, così come quelli che sostengono un sistema che sia giusto e realistico per la nostra società. Pertanto, vogliamo che qualsiasi riforma della legislazione in materia di istruzione sia o si situi nella linea dell’auspicabile Patto di Stato per l’Educazione che dobbiamo raggiungere tutti.
Manifesto della Campagna in: https://masplurales.es/wp-content/uploads/2020/10/ManifiestoMas_Plurales.pdf