Click here to load reader

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO · L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO Le riflessioni sul famoso affresco absidale della Basilica di Aquileia possono basarsi oggi

  • View
    227

  • Download
    2

Embed Size (px)

Text of LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO · L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO Le...

Matthias Exner

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Le riflessioni sul famoso affresco absidale della Basilica di Aquileia possono basarsi oggi su studi eccellenti. Negli ultimi anni questo tema stato infatti affrontato da ben due monografie: la tesi di dottorato di Elisabeth Sobieczky (2004 ), e il volume con nuove fotografie a cura di Sergio Tavano (2008) 1 Questo rinnovato interesse per gli affreschi si accompagna anche ai recenti risultati emersi dalle ricerche, che hanno finalmente permesso di portare a termine la complessa storia del loro restauro. Probabilmente, prima di questa importante tappa, stata soprattutto l'incertezza nella valutazione dello stato di conservazione a ostacolare per decenni uno studio pi approfondito da parte degli storici dell'arte. Premesse decisive sono state la preparazione del recente restauro, preceduto da accurati esami preliminari condotti nel 1998/1999 pubblicati gi nel 2000 da Emanuela Accornero 2, e lo studio dei documenti d'archivio sui precedenti interventi relativi alle pitture grazie al quale Elisabeth Sobieczky riuscita a precisare in punti centrali gli esiti del progetto di restauro 3_

A questo proposito sono davvero numerosi i temi e i singoli aspetti che meriterebbero di essere ulteriormente indagati:

l'analisi della tecnica pittorica in collegamento con un 'attenta critica del materiale giunto fino a noi, per il quale le immagini pubblicate da Tavano offrono un eccellente punto di partenza; una panoramica generale delle radici e premesse storiche a partire dalle quali deve basarsi la comprensione dell'affresco; una considerazione pi approfondita dell'immagine del committente, il patriarca Poppone di Aquileia, inserita in un pi ampio contesto storico e iconografico; una critica dei testi e delle fonti della famosa iscrizione dedicatoria rifatta nel Trecento e dei sui modelli; l'insolita immagine di Maria in trono col Bambino nella tipologia della Maiestas Domini circondata dai simboli dei quattro evangelisti e la sua origine iconografica; infine la chiara ricezione dell'antico nella gamma di forme dell'affresco e i suoi aspetti generali e locali.

I SOBIECZKY 2004; TAVANO 2008.2 ACCORNERO 2000. 3 SOBIECZKY 2004, pp. 50-85.

463

MA7THIAS EXNER

In un breve intervento non possibile affrontare la complessit di questi problemi. La materia richiederebbe un convegno apposito. Per il momento rimando, dunque, alle pubblicazioni gi menzionate, in cui questi temi vengono trattati con diverso grado di approfondimento. Intendo piuttosto limitarmi a due complessi tematici che suscitano ancora pareri discordi tra gli studiosi; vale a dire all'identificazione dell'illustre personaggio laico, che precede Poppane nell'affresco, nell'ambito delle raffigurazioni dei sovrani occidentali e alla discussione delle premesse stilistiche, ossia alla questione se i precedenti artistici degli affreschi di Aquileia siano da ricercarsi nell'Italia settentrionale o in Baviera. Prima di affrontare questi temi , per, opportuno presentare brevemente il contesto artistico di cui ci si deve occupare (fig. 1 ).

La decorazione pittorica dell'abside suddivisa in tre registri principali separati da alti fregi collocati in diverse cornici. Partendo dal basso, lo zoccolo presenta una decorazione pittorica a finte cruste, campi rettangolari incorniciati, in parte con dischi iscritti, separati da snelle forme vascolari. I modelli tardo-antichi e paleocristiani, sia in marmo che in pittura, di questo tipo di decorazione sono tanto palesi che non occorre qui soffermarci oltre. Nella parte superiore la superficie, fino ali 'apertura delle finestre, ricoperta da un ricco fregio illusionistico con viticci a spirale tra cui fanno capolino piccoli uccelli. La striscia marginale accoglie l'iscrizione dedicatoria, che nella sua sostanza risale al Trecento.

La zona delle finestre riservata a una successione di monumentali figure tutte in piedi e in posizione rigidamente frontale su un semplice sfondo a fasce. Tre alte finestre a tutto sesto con decorazione ornamentale nell'intradosso suddividono questa zona centrale in due gruppi con ognuno tre santi, mentre le due restanti figure piuttosto alterate e rifatte dai restauri occupano le rispettive estremit dopo le finestre laterali 4. Si tratta, infatti, di sette martiri e una martire, sant' Anastasia all'estremo sud, particolarmente venerati ad Aquileia s.

Sopra le finestre si sviluppa un altro fregio, un tralcio con volute lungo il quale si alternano protomi con giovani volti femminili iscritti in medaglioni a cuore e clipei con pavoni. Nel semicatino absidale, infine, appare al centro la Madonna in trono, inserita nella mandorla e circondata dai simboli dei quattro evangelisti (fig. 2). A essa si avvicinano da entrambi i lati tre santi che affidano all'intercessione di Maria alcune figure pi piccole di donatori e dignitari. Alla destra di Maria compaiono l'apostolo

4 Gli otto santi, di cui possibile in gran parte identificare i nomi grazie a iscrizioniframmentarie, hanno come attributi la corona nella sinistra e una piccola croce nella destra che permettono di riconoscerli come martiri (cfr. nt. 5).

5 Crisogono, Anastasia, Proto, Largio, Felice, Fortunato, Dionigi, Primogenio: SOBIECZKY 2004, pp. 99-112; VALENZANO 2005, p. 422.

464

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Fig. l. Aquileia, duomo, abside, veduta d'insieme.

465

MA'TTHIAS EXNER

Fig. 2. Aquileia, duomo, abside, calotta con Maria e i com,ruttenti presentati da santi.

Marco, il leggendario fondatore della chiesa di Aquileia, Ilario, il secondo vescovo della citt, e il suo diacono Taziano. I santi presentano la figura molto alterata di un laico importante non chiaramente identificato e il patriarca Poppane, contraddistinto dal nimbo rettangolare e dal modello della basilica in mano. Alla sinistra di Maria sono i santi Ermagora, primo vescovo di Aquileia, e il suo diacono Fortunato, nonch santa Eufemia, che raccomandano alla Madonna i membri della famiglia imperiale: l'imperatore Corrado II riconoscibile dalla corona con archetto e pendagli, sua moglie l'imperatrice Gisella e il loro figlio Enrico ancora adolescente, il futuro imperatore Enrico III.

Prima di dedicarsi all'identificazione e funzione delle figure del-1' abside, necessario rivolgere l'attenzione alla datazione degli affreschi. Come noto, la consacrazione della chiesa fatta costruire dal patriarca Poppane avvenne il 13 luglio 1031 6 Che tale data per debba coincidere anche con il termine dei lavori degli affreschi, non tuttavia affatto ovvio come dimostra l'analisi di numerosi altri casi 7 Ma nel caso di Aquileia si

6 Pappone 1997, pp. 295 s. n.l (S. Tavano); REICHE 2009, pp. 60-62. 7 "Ci che unisce i monumenti dei due versanti delle Alpi la chiara separazione

tra le fasi architettoniche e quelle pittoriche. Le ricerche condotte negli ultimi decenni

466

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Fig. 3. Aquileia, duomo, abside, particolare: san Marco e il defunto imperatore Enrico II.

467

MATTHIAS EXNER

in presenza di una tale coincidenza, come possibile dedurre da alcune osservazioni sulla tecnica pittorica e sugli avvenimenti storici.

La pittura utilizzata, infatti, ricorre in principio alla tecnica a fresco e il processo di carbonatazione sembra essere stato rallentato dalla costante alta umidit dell'ambiente. L'esiguo strato di malta che fa da supporto alla pittura, i cui contorni delle pontate sono riconoscibili dall'alto verso il basso, non avrebbe potuto prestare tale lentezza del processo senza la presenza di una certa umidit residua nella muratura ancora fresca. Secondo l'uso del tempo alcune rifiniture, lumeggiature e dettagli sono stati realizzati a secco successivamente. Le tecniche utilizzate, dal disegno preparatorio all'impiego di compasso e battiture di corda nonch di sagome fino alla scelta di pigmenti e probabili ingredienti organici nel legante degli azzurri ottenuti con lapislazzuli, rientrano nel normale processo pittorico seguito nel primo Medioevo a nord e a sud delle Alpi. Per maggiori informazioni a questo proposito si rinvia alle dettagliate spiegazioni di Guido Botticelli 8 La muratura presentava dunque un certo grado di umidit quando cominciarono i lavori di stesura di calce e pittura.

Un terminus post quem per la datazione fornito dalla figura del giovane Enrico, rappresentato gi con la corona di coreggente, dal momento che l'incoronazione del successore al trono allora undicenne avvenne nel 1028 (fig. 4). Questo dato si coniuga perfettamente con i ritratti imperiali dei sigilli, che dal 1028 sul retro del profilo di Corrado presentano la figura in armatura del successore indicato come "HEINRICUSSPES IMPERI!" 9 (fig. 6a). Percy Ernst Schramm ha collegato questa novit con gli sforzi documentabili in quel tempo per trovare come sposa una principessa bizantina, un'intenzione che spiegherebbe molto bene anche la rappresentazione in primo piano riservata al giovane re nell'abside di Aquileia 10. Queste osservazioni permettono, dunque, di datare le pitture murali tra il 1028 e il 1031 e di collocare il termine dei lavori nel 1031 con la consacrazione della basilica.

Ma chi avrebbe mai potuto nel 1031 occupare il posto di maggior rilievo tra i donatori e i protettori, a destra della Madonna, e davanti alla famiglia dell'imperatore reggente e al patriarca Poppone costruttore della

hanno fondamentalmente confermato questa differenza tra l'epoca di costruzione e quella della decorazione ... " (EXNER 2007b, pp. 369 s., 382); per la Reichenau cfr. EXNER 2004, pp. 104 s.

8 BOTTICELLI 2000, pp. 109-143; cfr. anche il riassunto in SOBIECZKY 2004, pp. 8 l -85. Sulla situazione ben analizzata di Miistair cfr. EMMENEGGER 2002, pp. 81-93.

9 Il sigillo imperiale documentato nel 1028: SCHRAMM 1983, p. 105 s., 223 con fig. 137.

IO Formalmente pi significativa il secondo sigillo imperiale del 1033 che suldavanti presenta l'imperatore e la figura pi piccola del figlio separati dal titolo reale di Enrico (fig. 6b; SCHRAMM 1983, fig. 138).

468

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Fig. 4. Aquileia, duomo, abside, particolare: sant'Ermagora con Enrico, figlio dell'imperatore Corrado II, futuro imperatore Enrico III.

469

MATTHIAS EXNER

Fig. 5. Aquileia, duomo, abside, particolare: santi Ermagora e Fortuato con l'imperatore Corrado Il.

470

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Fig. 6a. Prima bolla imperiale di Corrado Il, recto: profilo di Corrado 11; verso: il giovane Enrico in piedi con l'iscrizione t HEINRICUS SPES IMPERII (1028). Da Schramm, 1983, figg. 137a-b.

Fig. 6b. Seconda bolla imperiale di Corrado Il, recto: Corrado II in piedi e suo figlio Enrico, tra i due HEINRICUS REX; verso: citt con didascalia AUREA ROMA (1033-1038). Da SCHRAMM, 1983, Abb. 138a-b.

chiesa? Questa domanda stata oggetto di discussione fra gli studiosi a partire dalla riscoperta degli affreschi nel 1896. Mentre tre delle cinque figure, Poppane, Corrado e il giovane Enrico, sono identificate da una iscrizione e la figura femminile dietro l'imperatore per la logica contestuale non pu che essere l'imperatrice Gisella, il personaggio maschile vestito elegantemente che san Marco presenta alla Madonna privo sia della scritta con il nome, sia di attributi univoci; inoltre, della sua testa non rimangono che scarse tracce del disegno preparatorio (fig. 3).

471

MATTHIAS EXNER

Le prime tesi che volevano identificare questa figura con Enrico III rappresentato una seconda volta da adulto, sono state ben presto scartate 11

Dopo l'autorevole pubblicazione di Karl von Lanckoronski del 1906 si era andata affermando l'identificazione con Adalberto, margravio di Verona e duca di Carinzia 12 In particolare gli storici hanno sposato con entusiasmo questa interpretazione 13, e anche il grande conoscitore e studioso dei ritratti dei sovrani medievali, Percy Ernst Schramm, conferm la chiave di lettura tradizionale, sebbene non volesse escludere del tutto anche un ritratto dell'imperatore Enrico II per via degli abiti e della postura della figura 14 Nell'ambito della mostra "Poppane: l'et d'oro del patriarcato di Aquileia" del 1997, stata avanzata la proposta che la figura sia il conte Ozi II, fratello del Patriarca 15, mentre quasi contemporaneamente Gudrun Pamme-Vogelsang ha fornito prove consistenti per un'identificazione con l'imperatore Enrico II 16.

Il documento di Poppane del 13 luglio 1031, sottoscritto da numerosi principi della chiesa presenti alla consacrazione e servito da base per l'iscrizione dedicatoria del Trecento, non menziona nessuna personalit laica 17 Tali considerazioni per non forniscono motivi esplicativi validi in quanto anche la famiglia imperiale non era in Aquileia per presenziare alla consacrazione della basilica 1s.

Non pi possibile chiarire la questione del copricapo della figura in questione in quanto le riproduzioni pi antiche si contraddicono e i due contorni sull'alta fronte libera riconoscibili nel disegno preparatorio non mostrano alcuna sagoma di corona, bens eventualmente un berretto sor-

Il Tra gli altri BERTOLI 1739, p. 369; TESTI 1909, p. 95; MORASSI 1933, p. 306; cfr.il recente parere opposto di SOBIECZKY 2004, p. 115.

12 LANCKORONSKI 1906 (2007), p. 85; DEMUS, 1968, p. 112; K6RNTGEN 2001, pp.290-293.

13 LADNER 1931, p. 153; in particolare cfr. SCHMID 1991, pp. 26 ss. con dettagliataargomentazione di questa tesi.

14 SCHRAMM ] 983, p. 107 S., 226 S. 15 Poppane 1997, p. 297 s. cat. 4 (S. BLASON SCAREL); BLASON SCAREL 2007, p.

277. l6 PAMME-VOGELSANG 1998, pp. 127-139, 317. Appare ingiustificata la riflessione

di Valenzano che ritiene che si possa trattare di Enrico IV (VALENZANO 2005, p. 422, con l'erronea indicazione di Enrico Il come padre di Corrado Il).

17 Udine, Archivio Capitolare, Perg. Capit. I, n. 7: SCALON 1983, pp. 19-21, Tav. I;SOBIECZKY 2004, pp. 233-241; per un confronto del testo con quello dell'iscrizione dedicatoria dell'abside vd. ibid., pp. 34 ss.

18 Secondo gli itinerari imperiali nel luglio 1031 l'imperatore soggiornava a Wormse Goslar, mentre Enrico III era in Ungheria: BRESSLAU 1879, voi. 1, pp. 307-335; Regesta lmperii IIl,l, p. 85 s.; vd. anche PAMME-VOGELSANG 1998, p. 127 (con l'osservazione non attinente secondo cui l'iscrizione dell'abside suggerirebbe la presenza dell'imperatore alla cerimonia di consacrazione).

472

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

montato da una forma simile a una mitra. Rimane poi aperta la questione se sia possibile riconoscere l'accenno a dei pendilia nelle linee verticali del disegno accanto all'orecchio e alla tempia. Pi interessante appare senz'altro un confronto degli abiti, i cui frammenti ancora oggi identificabili rimandano per tipo e foggia a quelli di Corrado, un particolare gi evidenziato da Schramm (fig. 5). Anche altri dettagli come il passamano dorato particolarmente largo e chiaramente dentellato dell'orlo della tunica o i larghi bordi dorati delle maniche decorati con perle ai polsi sembranoconfermare questa idea 19. Il significato degli insoliti ornamenti a zigzag cherifiniscono il bordo dell'orlo si chiarisce paragonando questo particolarecon la raffigurazione della incoronazione di Enrico II nel suo Sacramentariodi Ratisbona, dove si ritrova un motivo ornamentale regolare di elementiche si assottigliano verso l'alto arricchiti da forme rotonde e pietre 20.

Non va, dunque, esclusa, per lo meno del tutto, l'ipotesi della presenza del defunto predecessore dell'imperatore Corrado. Per renderla pi plausibile necessario per introdurre ulteriori argomenti. PammeVogelsang, Enrica Cozzi e altri hanno rilevato a ragione che Poppone, un lontano parente dell'imperatore, doveva a Enrico II non solo la sua investitura a patriarca di Aquileia, ma anche fondamentali immunit e appoggi senza i quali non gli sarebbe stato possibile portare a termine la grandiosa costruzione della basilica gi iniziata dal suo predecessore 21 La straordinaria partecipazione di Enrico II agli interessi di Poppone e i suoi ripetuti interventi a favore della chiesa di Aquileia nella controversia di Grado potrebbero essere motivi pi che plausibili per la posizione preminente di Enrico II nell'abside 22 Rispetto a questa situazione gli interessi di politica quotidiana legati alla figura di Adalberto di Carinzia come propone Karl Schmid potrebbero s spiegare la presenza del duca nell'affresco 23, ma non una tale posizione privilegiata, addirittura davanti all'imperatore e al patriarca. Ozi, il fratello di Poppone, , a mio parere, da escludersi per gli stessi motivi.

Nel 2004 Sobieczky ha richiamato l'attenzione su una ragione probabilmente di centrale importanza. Il giorno documentato della con-

19 Una dettagliata analisi dell'abito del sovrano in Cozzi 2008, p. 539.20 Monaco, Bayerische Staatsbibliothek, Clm 4456 (Ratisbona, l 002-1014), fol.

l l r (SCHRAMM 1983, p. 215s. con fig. 124); cfr. anche Evangeliar Heinrichs des Lowen1986, p. 44 s. con tav. 17; KLEMM 2004, pp. 30-34 n. 9 con tav. III.

21 PAMME-VOGELSANG [998, p. 136; COZZI 2008, p. 539; SOBIECZKY 2004, pp. 117-119.

22 SOBIECZKY 2004, p. 117, osserva inoltre che Poppane, che nel 1020 aveva festeggiato la Pasqua con Enrico II a Bamberga, nel 1021 serv l'imperatore in qualit di condottiero durante la sua campagna in Italia e come ricompensa ricevette quei privilegi tanto utili ad Aquileia.

23 SCHMID 1991, pp. 32-34.

473

MAITHIAS EXNER

sacrazione della basilica, ovvero il 13 luglio, non poteva essere spiegato in modo soddisfacente dagli studiosi precedenti, poich tale data non fa riferimento a nessuna ricorrenza mariana, n alla festa dei santi Ermagora e Fortunato, che cade il 12 luglio, e inoltre, nel 1031 questo giorno non era di domenica bens un marted. Per questi motivi si era ben presto giunti alla conclusione che si trattasse di una tradizione non corretta oppure di un errore nel rifacimento dell'iscrizione absidale compiuto nel Trecento. La situazione non per cos facile. L'indicazione della data nel documento popponiano di indubbia autenticit menziona espressamente il 13 luglio. In realt non si tratta di un giorno qualunque, ma dell'anniversario della morte dell'imperatore Enrico II, defunto sette anni prima, esattamente il 13 luglio 1024, proprio quando Poppane si era gi assunto l'impegno di continuare la costruzione dell'ambizioso progetto basilicale con l'appoggio dell'imperatore 24 dunque evidente che con la scelta di consacrare la basilica proprio nel giorno dell'anniversario della morte dell'imperatore si intendesse ricordare anche la memoria del grande benefattore. In questo contesto Sobieczky ha fatto notare che anche la data della consacrazione del duomo di Bamberga coincide con i dati biografici di Enrico II 2s. Se si accetta questo sistema di riferimenti alla memoria, la posizione privilegiata dell'imperatore defunto, davanti al suo successore vivente, diventa plausibile e spiega anche la prossimit e la distanza di Enrico dal committente da lui protetto, appunto Pappone 26. L'imperatore, che con le sue donazioni aveva permesso l'avvio del cantiere per la continuazione della costruzione della basilica, il suo successore reggente al momento della consacrazione dell'edificio e il promettente erede di quest'ultimo sono riuniti nell'affresco absidale. Tutti e tre vengono raccomandati alla Madonna dai santi della chiesa di Aquileia e all'imperatore gi defunto viene riservato il posto d'onore, quello pi vicino al trono di Dio. L'affresco absidiale visualizza, dunque, questa particolare condizione. Poich io stesso nel 1998 avevo accettato l'identificazione della figura in questione con Adalberto di Carinzia seguendo Demus e Schmid 21, appro-

24 S0BIECZKY 2004, p. 118; BLASON SCAREL 2007, p. 282. 25 Il 6 maggio 1012 ricorreva infatti per Bamberga anche il trentanovesimo com

pleanno dell'imperatore. Questo particolare era sicuramente noto ad Aquileia: il patriarca Giovanni IV, predecessore di Poppane, aveva partecipato alla consacrazione del duomo di Bamberga (S0BIECZKY 2004, p. 118).

26 In questo modo perde valore anche la principale obiezione circa la presenza contemporanea non proprio ovvia di personaggi viventi e defunti nel medesimo contesto. Lo stesso dubbio in SCHMID 1991, p. 33. Di contro l'Evange]jario di Enrico III per il duomo di Spira, realizzato tra il 1043 e il 1046 a Echternach, mostra la raffigurazione del committente e dei suoi genitori defunti (Escorial, Cod. Vitrinas 17, fol. 2v-3r; SCHRAMM 1983, p. 227, 232 s. con fig. 143 e 157).

27 EXNER 1998, p. 133 s.

474

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

fitto volentieri di questa occasione per rettificare la mia posizione e associarmi con grande convinzione alle recenti spiegazioni che identificano la figura senza nome con l'imperatore Enrico II.

Il secondo aspetto che intendo presentare l'inserimento dell'affresco in un pi ampio contesto storico-artistico. Qui si di fronte a due posizioni: da un lato quella del legame a una tradizione figurativa regionale, dall'altro la derivazione dello stile da acquisizioni d'oltralpe basate per lo pi sulle opere ottoniane dell'isola di Reichenau. Dalla prima pubblicazione del 1906 gli studiosi hanno costantemente sottolineato i legami con la pittura ottoniana d'Oltralpe e le tre recenti monografie alimentano questa tesi con una sorprendente unanimit 28 La spiegazione va ricercata non da ultimo in un documento, secondo il quale Pappone avrebbe chiamato ad Aquileia artisti bavaresi 29, un fatto che, considerati i suoi legami dinastici con la Baviera e la sua educazione avvenuta a Niederaltaich o a Tegernsee, non risulterebbe del tutto improbabile 30 Ma questi aspetti sono stati collegati fra loro forse in modo precipitoso, come intendo dimostrare in seguito.

In sostanza ci si trova di fronte a un problema di metodo, in quanto non viene fatta la debita differenza tra i fenomeni generali dello stile di un'epoca e le caratteristiche stilistiche specifiche di una cifra prettamente regionale. Inoltre non viene considerato sufficientemente che l'elevato tasso di perdite e l'accidentalit della tradizione nel campo della pittura murale possono annebbiare lo sguardo sulle linee comuni tra i pochi monumenti conservati. Va considerato che nella prima met dell'XI secolo si rileva una tendenza verso un certo appiattimento, indurimento e linearizzazione delle forme, che a causa della lunga durata della scuola di Reichenau si pu s ritrovare particolarmente bene nella pittura di quell'area, ma queste caratteristiche non rappresentano affatto un'esclusiva di quel centro. Oltre a ci fuor di dubbio che la disposizione a fasce delle superfici di sfondo, come si riscontra anche ad Aquileia, si incontra nella pittura murale per la prima volta in questa forma a Oberzell sull'isola di Reichenau, anche se sono per questo noti precedenti nella pittura altomedievale romana 31 Ma nel primo trentennio dell'XI secolo questa decorazione a fasce del fondo si era per gi da tempo diffusa

28 LANCKORONSKI 1906 (2007); SFORZA VATTOVANI 1997, p. 118; cfr. adesso VALENZANO 2000, pp. 29-56; SOBIECZKY 2004, pp. 193-215; VALENZANO 2005, p. 426; TAVANO 2008, pp. 104-106.

29 GoTSCHALK, Translatio s. Anastasiae, cap. 6: ed. MGH SS 9, p. 226; cfr. SOBIECZKY 2004, p. 194.

30 SOBIECZKY 2004, p. 194. 3I JAKOBS 1999, voi. 1, pp. 391-500, Tavv. 75-83; KOSHI 1999, pp. 215-217. Per la

cronologia cfr. ExNER 2004.

475

MA7TH!AS EXNER

nell'Italia settentrionale, come testimoniano gli esempi di Novara e Galliano 32

Come gi descritto per la tecnica pittorica, anche il sistema decorativo generale e numerosi motivi particolari possono essere ricondotti a una tradizione rintracciabile nell'area delle Alpi a partire dal periodo carolingio. I viticci illusionistici abitati da uccelli sopra il fregio dello zoccolo di Aquileia vantano nell'area alpina una tradizione che risale all'epoca carolingia, come dimostra un esempio della chiesa abbaziale di Miistair nei Grigioni 33 Anche le ghirlande floreali avvolte da nastri nell 'intradosso dell'arco absidiale hanno i loro precedenti medievali nell'Italia settentrionale, basti qui nominare gli esempi illustri di Castelseprio e ancora di Miistair, che per questi dettagli possono essere considerati quale riflesso dell'arte in uso nell'arcidiocesi di Milano 34. Lo stesso vale per i principali motivi geometrici di provenienza tardoantica come gli sbiaditi semicerchi in uno degli intradossi delle finestre che si ritrovano in contesti diversi da Miistair a Galliano 35_ La loro esecuzione ripetitiva, in alcuni dettagli un po' ostentata e grossolana fa pensare a una tradizione artigianale alquanto diffusa (fig. 9a-b ). Se si cerca per la specificit dello stile di Aquileia, bisogna considerare ben altri aspetti.

Innanzitutto vanno esaminate le particolari proporzioni delle figure. Queste appaiono alquanto allungate, le loro gambe sono esageratamente lunghe e i fianchi sono di conseguenza alti, mentre, in rapporto, le teste appaiono piccole, le membra sottili e le mani minute. Le tuniche dei santi sono caratterizzate da un taglio leggermente obliquo che fa intravedere le gambe particolarmente sottili avvolte nelle calzamaglie (fig. 7). Nelle tuniche cinte in vita dei personaggi contemporanei questo effetto portato quasi all'esasperazione dalla cintura che conferisce alle vesti una forma a campana (fig. 4). I bordi ornamentali e di guarnizione che non seguono l'andamento del panneggio, nonch gli ampi mantelli che arrivano a sfiorare le caviglie contribuiscono a rafforzare l'impressione di tessuti innaturalmente rigidi 36_ A ci si aggiunge poi un disegno del tutto meccanico

32 Novara: CHIERICI 1967; DEMUS 1968, pp. 59, 111; PERONI 1998 (con bibl.); PERUGINI 2002. Galliano: ANSALO! 1949; TAMBORINI 1984, pp. 186-196; LOMARTIRE 1994, pp. 60-66; AUTENRIETH 1998, pp. 129, 133 s., 146 nt. 4 (con bibl.); ROSSI 2008.

33 ExNER 2007a, pp. 85-87, figg. 61 s. 34 MUstair: EXNER 2007a, pp. 85-88, figg. 59 s., 63. Castelseprio: Santa Maria di

Castelseprio 1948, Tav. LXXXIII; DAYIS-WEYER 1987, pp. 226 ss.; EXNER 2007a, p. 267 nt. l 2, 274 nt. 175 (con bibl.)

3S MUstair: EXNER 2007a, pp. 85-88, fig. 65. Galliano: ROSSI 2008, pp. 164-168; cfr. EXNER 1998, pp. 117-119.

36 Enrica Cozzi ha messo in rapporto questa forma delle tuniche con le raffigurazioni frammentarie di santi vescovi nell'abside centrale della cattedrale di Torcello (Cozzi

476

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Fig. 7, Aquileia, duomo, abside, particolare: i santi Dionigi e Primigenio.

477

MATTHIAS EXNER

Fig. 8. Monaco, Bayerische Staatsbibliothek, Clm 9476, Evangeliario (Niederaltaich, intorno al 1030-1040), fol. 8r: Cristo benedicente. Da KLEMM 2004, Tav. XVII.

Fig. 9a. San Vincenzo a Galliano, abside, particolare: decorazione pittorica dell' intradosso del!' arco ne absidale. Da ROSSI, 2008, p. 168.

delle pieghe che si esprime in modo stereotipato ignorando il corso degli orli ugualmente ai bianchi riflessi luminosi applicati in maniera molto stridente e contrastante. Analogie non si riscontrano n nella pittura ottoniana di Reichenau, n nelle regioni artistiche bavaresi agli inizi dell 'XI secolo 37

2007, p. 491 con fig. 5). Perdono in questo modo valore gli improbabili confronti con la miniatura di Reichenau (VALENZANO 2005, pp. 426-429).

37 Il rinvio al Libro di Pericopi di Enrico II (Monaco, Bayerische Staatsbibliothek,Clm 4452; SOBIECZKY 2004, p. 203) decade in questo modo completamente e non pu chiarire nessuna delle particolarit finora descritte. Stranamente si trovano in questo contesto ripetuti rinvii alla decorazione romanica (1120/ll30) dell'abside della chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Niederzell a Reichenau, bench il distacco cronologico renda inutile ogni tentativo di confronto (BERGAMINI 1994, p. 137; TAVANO 2008, p. 104 con inspiegabile datazione intorno al 1000); sulla decorazione della chiesa di Niederzell cfr. REICHWALD 2002, pp. 57-67.

478

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Fig. 9b. Aquileia, duomo, abside, decorazione dell'intradosso della finestra centrale.

479

MA1THIAS EXNER

I confronti con la pittura di Ratisbona o Salisburgo nel periodo di Enrico II sono troppo generici e non forniscono elementi di chiarimento per le figure dell'abside di Aquileia 38. Per concludere questo tema si veda una miniatura di Niederaltaich della diocesi di Passavia, la cui considerazione potrebbe rivelarsi interessante per lo meno dal punto di vista storico (fig. 8). Poppane ricevette la sua educazione probabilmente a Niederaltaich e sempre a Niederaltaich possibile ritrovare legami monastici con il monastero di Ossiach, l'abbazia di Pappone in Carinzia 39_ Un evangeliario proveniente da Niederaltaich a Monaco stato scritto e illustrato nel periodo attorno al 1030 nel luogo di destinazione 40_ La miniatura iniziale mostra un Cristo monumentale rappresentato frontalmente e in piedi che richiama le figure dei santi di Aquileia e che inoltre presenta proporzioni allungate, ma al contempo mostra l'enorme distanza che separa le pitture murali di Aquileia dalla produzione artistica bavarese del tempo.

Rivolgendo lo sguardo nuovamente all'Italia settentrionale, le enormi perdite nel campo degli affreschi impediscono un quadro preciso della situazione. Il documento pi significativo per l'inizio dell'XI secolo sicuramente il ciclo pittorico di San Vincenzo di Galliano, una fondazione di Ariberto di Intimiano, il futuro arcivescovo di Milano, va datata non solo uno o due decenni prima, bens mostra una grande differenza qualitativa dalle pitture di Aquileia 41 Nonostante ci vale la pena tentare un confronto. Grazie alla monografia di Marco Rossi pubblicata nel 2008 e corredata da eccellenti fotografie, finalmente a disposizione degli studi materiale dettagliato di alta qualit 42_ Al di l di fenomeni del tutto generali nell'uso delle lumeggiature marcate e nell'impiego diffuso di ombreggiature verdi, possibile rilevare anche tecniche di disegno che, pur tenendo conto delle debite differenze, si avvicinano alle figure di Aquileia pi di quelle delle opere di tradizione d'Oltralpe.

Le pitture di Galliano devono essere considerate rappresentanti della pittura monumentale della sede metropolitana di Milano, che sicuramente esercit grande influenza e raggiunse eccellenti livelli qualitativi, anche se oggi la si pu percepire soprattutto nei suoi riflessi provinciali. Anche senza raggiungere l'espressivit delle immagini di Galliano, motivi e principi del modellato sono chiaramente diventati patrimonio generale della pittura dell'Italia settentrionale dei primi anni dell 'XI secolo, tanto che

38 Le con-ispondenze indicate da SOBIECZKY (2004, pp. 205-207) non appaiono ripercorribili; si veda anche SIEDE 2006, p. 226.

39 DOPSCH 1997, pp. 15-39; SOBIECZKY 2004, p. 194. 40 Monaco, Bayerische Staatsbibliothek, Clm 9476, fol. 8r: KLEMM 2004, pp. 158.-

161 n. 150 con Tav. XVII.41 Cfr. nt. 32 con bibl. 42 Rossi 2008. Il confronto con Galliano gi in LADNER 1931, p. 153, e in altri

studi.

480

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

loro riflessi si ritrovano anche ad Aquileia. Per ragioni di spazio devo qui limitarmi nelle mie osservazioni, ma un dettaglio come il fregio antichizzante dalle volute abitate da uccelli nell'abside di Galliano senza dubbio pi vicino ai diretti precedenti dei corrispondenti motivi ad Aquileia di tutto quanto uscito dalla scuola di Reichenau (fig. lOa-b) 43.

. il ,. :Jl

,. , ...

I } .. ""

\ l ,, ,.

1 ! I! t 'f , ,f\ !'., , r , t

. :-.c::'\,l, I Il f\' .. .J. .:-. J4. \ . ..

Fig. 10a. San Vincenzo a Galliano, abside, particolare: fregio a girali e iscrizione absidale. Da ROSSI, 2008, p. 193.

Fig. 10b. Aquileia, duomo, abside, particolare: fregio a girali e iscrizione absidale.

43 ROSSI 2008, pp. 107, 192-193.

481

MAITHIAS EXNER

A causa della grande lacunosit nel patrimonio pittorico dell'inizio dell'XI secolo sopravvissuto, grazie anche alle miniature si ha una precisazione del quadro, senza per ricavare paralleli convincenti. Ma tra la fine del X secolo e la met dell'XI secolo possibile rilevare tendenze nella pittura italiana in cui pu allinearsi lo stile di Aquileia. Figure di proporzioni simili con mantelli di analoga rigidit e tuniche dalla stessa schematicit si ritrovano anchea Roma nella met dell'XI secolo, come dimostra un manoscritto di Bamberga dei Moralia in lob di Gregorio Magno (fig. 11) 44 Queste miniature per sono datate prima del 1061 e quindi una generazione pi giovani dei nostri affreschi. Tra le premesse dello sviluppo nell'Italia settentrionale vanno ricordate le miniature del Sacramentario del vescovo di Ivrea Warmondo risalenti attorno all'anno 1000 che mostrano un giovane re incoronato da Maria vestito di una tunica a campana simile a quella indossata da Enrico III ad Aquileia (fig. 12, fig. 4) 45 A questa tradizione possono essere riferiti

,:,, b----- "'''' l'>,,-r .. "l"""""""t .. -....... :, .,. ........ __ ,.,,...,.__""'' tirf, .. --

,,.,,, D .. -,,.,-0.>D"

1, l'L r ! "1T i.-

1 N CIP ITL 1::: dl-

i = m(p< /llffkt

rtfin.

"'""(CtllO

12

li ,.,,., rouc :vnd I .,,, .. n,, d:lpp.1.1 er,&.nC'!wr &n cmi;,(Wail"'rt

Fig. 11. Bamberga, Staatsbibliothek, Msc. Bibl. 41, Gregorio Magno, Moralia in lob (Roma, prima del 1061 ), fol. 248v: giovane figura maschile (Iobbe 23). Da SUCKALE-REDLEFSEN 2004, fig. 539.

determinati usi nelle proporzioni delle figure, come quelle dei regnanti ad Aquileia o nelle miniature del manoscritto romano di Gregorio Magno, senza che tra queste opere sussista un qualsiasi legame storico. Questo stile delle figure non proviene comunque con certezza dalla Baviera e ancora meno dalla Reichenau.

In conclusione desidero almeno accennare a un altro argomento. A ragione stato fatto riferimento al ruolo importante della ricezione del!' antico nel vocabolario formale di Aquileia. Sobieczky ha dedicato un

44 Bamberga, Staatsbibliothek, Msc. Bibl. 41 (Roma, prima del 1061), fol. 248v: SUCKALE-REDLEFSEN 2004, pp. 173-176 11. 107 con fig. 539.

45 Ivrea, Biblioteca Capitolare, Ms. LXXXVI, fol. 160v: SCHRAMM 1983, p. 205 con fig. 108; PERONI I 992, tav. 1.

482

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

Lca====-===::=11=,s=o'F.. . ::r. cYn.&t-A l'R.o Gt 1}:-J, St 1

, ............

/}

_,....-.::. l\EGtfORVM , dmtttm.ptAtu m..tXl,

. mimpmi. -0 J.f C1"U.ot.uc tnlfOtn:l'nnn,-ot'!Ol:H miiphum-

Fig. 12. Ivrea, Biblioteca Capitolare, Ms. LXXXVI, Sacramentario del vescovo Warmondo di Ivrea (intorno all'anno 1000), fol. 160v: giovane sovrano (Ottone III?) incoronato da Maria. Da SCHRAMM 1983, fig. 108.

483

MA7THIAS EXNER

intero capitolo a questo tema e cercato di differenziare le forme generali da una ricezione di carattere locale 46. A questo proposito non vedo punti che lascino riconoscere che questo patrimonio di motivi possa essere stato affidato a un' atelier di frescanti chiamati dalla provincia bavarese. Il documento non parla infatti di pittori chiamati da Poppone dalla Germania 41_ Gli "aliqua arte docti" fatti venire dalla Baviera, a cui si riferisce l'autore Gotschalk, possono essere intervenuti nella costruzione come nella decorazione di diversi punti della basilica. Mi sento quindi di escludere che i pittori dell'abside della Basilica di Aquileia incaricati da Poppone siano giunti dalla Baviera.

46 SOBIECZKY 2004, pp. 216-219.47 GOTSCHALK, Translatio s. Anastasiae, cap. 6: MGH ss 9, p. 226; cfr. SOBIECZKY

2004, p. 194.

484

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

BIBLIOGRAFIA

AccoRNERO 2000 = Affreschi absidali nella Basilica di Aquileia. Progetto di restauro, a cura di E. AccoRNERO (Restauro nel Friuli - Venezia Giulia, 5), Villa Manin di Passariano (UD).

ANSALDI 1949 = G. R. ANSALDI, Gli affreschi della basilica cli S. Vincenza a Calliano, Milano.

AUTENRIETH 1998 = H. P. AUTENRIETH, Oberitalienische Wandmalereien vom 9. bis 11. Jahrhunclert. Zum Stand cler Konservierung, Dokumentation une! kunsthistorischen Forschung, in Wandmalerei 1998, pp. 129-154.

BERGAMINI 1994 = G. BERGAMINI, La pittura medievale in Friuli - Venezia Giulia, in La pittura in Italia. L'Altomedioevo, a cura di C. BERTELLI, Milano, pp. 131-145.

BERTOLI 1739 = G. BERTOLI, Le antichit d'Aquileia, profane e sacre, Venezia. BLASON SCAREL 2007 = S. BLASON SCAREL, La consacrazione della Basilica

Popponiana tra potere e reliquie, in Le reliquie e il potere 2007, pp. 270-287.

BOTTICELLI 2000 = G. BOTTICELLI, Gli affreschi absidali della Basilica di Aquileia: tecnica pittorica, stato cli conservazione e proposta d'intervento conservativo, in AccoRNERO 2000, pp. 109-143.

BRESSLAU 1879 = H. BRESSLAU, Jahrbiicher des Deutschen Reichs unter Konrad //., voi. 1, pp. 1024-1031, Lipsia.

CHIERICI 1967 = U. CHIERICI, Il Battistero del Duomo di Novara, Novara. Cozzi 2007 = E. Cozzi, Tra sacro e profano. Iconografia e committenza in cicli

pittorici di epoca romanica e gotica nell'Italia nord-orientale, in Medioevo: la Chiesa e il Palazza, Atti del Convegno internazionale di studi Parma 2005, a cura di A. C. QUINTAVALLE, Milano, pp. 491-503.

Cozzi 2008 = E. Cozzi, Da Pappone a Bertrando cli Saint-Genis. Aspetti della committenza artistica nel patriarcato cli Aquileia, in Medioevo: arte e storia. Atti del Convegno internazionale di studi Parma 2007, a cura di A. C. QUINTAVALLE, Milano, pp. 539-553.

DAVIS-WEYER 1987 = C. DAVIS-WEYER, Miistair, Milano e l'Italia carolingia, in Il Millennio Ambrosiano, a cura di C. BERTELLI, Milano, voi. 1, pp. 202 -237.

DEMUS 1968 = O. DEMUS, Romanische Wanclmalerei, Monaco di Baviera (ital.: Pittura murale romanica, Milano 1969).

DorscH 1997 = H. DorsCH, Il patriarca Poppane cli Aquileia (1019-1042). L'origine, la famiglia e la posizione cli principe della chiesa, in Pappone 1997, pp. 15-39.

EMMENEGGER 2002 = O. EMMENEGGER, Karolingische und romanische Wandmalerei in cler Klosterkirche. Technik, Restaurierungsprobleme, Massnahmen, in Die mittelalterlichen Wandmalereien im Kloster Miistair. Grundlagen zu Konservierung une! Pflege, a cura di A. WYSS, H. RUTISHAUSER e M. A. NAY, Zurigo, pp. 77-139.

Evangeliar Heinrichs cles Lowen 1986 = Das Evangeliar Heinrichs cles Lowen und clas mittelalterliche Herrscherbild (Bayerische Staatsbibliothek. Ausstellungskataloge, 35), Monaco di Baviera.

EXNER 1998 = M. EXNER, Ottonische Herrscher als Auftraggeber im Bereich cler Wandmalerei, in Herrschaftsreprdsentation im ottonischen Sachsen,

485

MATTHIAS EXNER

a cura di G. ALTHOFF e E. SCHUBERT (Vortrage und Forschungen, a cura di Konstanzer Arbeitskreis fiir mittelalterliche Geschichte, 46), Sigmaringen, pp. 103-135.

EXNER 2004 = M. EXNER, Die ottonischen Wandmalereien der Reichenau. Aspekte ihrer chronologischen Stellung, Zeitschrift des Deutschen Vereins fiir Kunstwissenschaft 58, pp. 93-115.

EXNER 2007a = M. EXNER, Il programma iconografico della chiesa abbaziale nel contesto storico, in J. G0LL, M. EXNER, S. HJRSCH, Miistair. Le pitture parietali medievali nella chiesa dell'abbazia, Zurigo, pp. 83-113, 267-275.

EXNER 2007b = M. EXNER, La pittura murale carolingia in ambito alpino. Problemi di trasmissione della tradizione pittorica tra l'Vffl e la met del IX secolo, in Carlo Magno e le Alpi. Atti del XVIII Congresso internazionale di studio sull'alto medioevo (Susa - Novalesa 2006), Spoleto (PG), pp. 353-384.

JAK0BS 1999 = D. JAKOBS, Sankt Georg in Reichenau-Oberzell. Der Bau und seine Ausstattung. Bestand, Verd.nclerungen, Restaurierungsgeschichte (Forschungen und Berichte der Bau- und Kunstdenkmalpflege in Baden-Wi.irttemberg, IX), Stoccarda.

KLEMM 2004 = E. KLEMM, Die ottonischen undfriihromanischen Hanclschriften cler Bayerischen Staatsbibliothek (Katalog der illuminierten Handschriften der Bayerischen Staatsbibliothek in Mi.inchen, voi. 2), Wiesbaden.

KRNTGEN 2001 = L. KRNTGEN, Konigsherrschaft une! Gottes Gnade. Zu Kontext une! Funktion sakraler Vorstellungen in Historiographie und Bildzeugnissen der ottonisch-friihsalischen Zeit (Orbis mediaevalis, 2), Berlino.

KOSHI 1999 = K. KoSHI, Die friihmittelalterlichen Wandmalereien der St. Georgskirche zu Oberzell auf cler Boclen.seeinsel Reichen.au, Berlino.

LADNER 1931 = G. LADNER, Die italienische Malerei im Jl. Jahrhundert, Jahrbuch der kunsthistorischen Sammlungen in Wien, N.F. 5, pp. 33-160.

LANCK0R0NSKI 1906 = K. VON LANCK0RONSKI, Der Dom von Aquileia. Sein Bau und seine Geschichte, Vienna (nuova edizione italiana: La Basilica di Aquileia, Pordenone 2007).

Le reliquie e il potere 2007 = Le reliquie e il potere. Atti del III Colloquium Internazionale 2007, a cura di R. IACUMIN, Udine.

L0MARTIRE 1994 = S. LOMARTIRE, La pittura medievale in Lombardia, in La pittura in Italia. L'Altomeclioevo, a cura di C. BERTELLI, Milano, pp. 47-89.

MAGNANI 1960 = L. MAGNANI, Gli affreschi della basilica cli Aquileia, Torino. MGH SS 9 = Monumenta Germaniae Historica. Scriptores, voi. IX, Hannover

1851 (ristampa Stoccarda 1983). MORASSI 1933 = A. M0RASSI, La pittura e la scultura nella Basilica, in La

Basilica cli Aquileia, Bologna, pp. 299-344. PAMME-V0GELSANG 1998 = G. PAMME-V0GELSANG, Die Ehen. mittelalterli

cher Herrscher im Bild. Untersuchungen zu zeitgenossischen Herrscherpaardarstellungen cles 9. bis 12. Jahrhunclerts (Forschungen zur Geschichte der alteren deutschen Literatur, 20), Monaco di Baviera.

486

LA BASILICA DI AQUILEIA: L'AFFRESCO ABSIDALE RIVISITATO

PERONI 1992 = A. PERONI, Il ruolo della committenza vescovile alle soglie del Mille: il caso di Warmondo d'Ivrea, in Committenti e produzione artistico-letteraria nell'Alto medioevo occidentale (Settimane di studio ... , XXXIX), Spoleto (PG), pp. 243-274.

PERONI 1998 = A. PERONI, Das Baptisterium von Novara. Architektur uncl Ausmalung, in Wanclmalerei 1998, pp. 155-160.

PERUGINI 2002 = A. PERUGINI, Le pitture murali altomedievali nel Battistero cli Novara. Dal restauro "archeologico" degli anni sessanta agli attuali problemi cli conservazione, in Restaurierung cler Restaurierung 2002, pp. 34-38.

Pappone 1997 = Pappone.L'et cl' oro del patriarcato cli Aquileia (Catalogo della Mostra, Aquileia), Roma.

Regesta Imperii III, 1 = J. F. B6HMER, Regesta lmperii, vol. III, 1: Die Regesten des Kaiserreiches unter Konrad Il. 1024-1039 (H. APPELT), Graz 1951.

REICHE 2009 = J. REICHE, Anmerkungen zur Datierung friih- uncl hochmittelalterlicher Architektur, am Beispiel cler italienischen Kirchenbauten zwischen 870 und 1030, in Bischofliches Bauen n Il. Jahrhunclert. Archaologisch-historisches Forum, a cura di J. JARNUT, A. K6B e M. WEMHOFF, Mittelalter Studien, 18, Monaco di Baviera, pp. 55-78.

REICHWALD 2002 = H. F. REICHWALD, Bestanclserhaltung ocler Entrestaurierung? Drei Fallbeispiele aus clem Boclenseeraum, in Restaurierung cler Restaurierung 2002, pp. 49-69.

Restaurierung cler Restaurierung 2002 = Die Restaurierung cler Restaurierung? Zum Umgang mit Wanclmalereien und Architekturfassungen cles Mittelalters im 19. uncl 20. Jahrhundert, a cura di M. EXNER e U. ScHADLER-SAUB (ICOMOS Hefte des Deutschen Nationalkomitees, 37 = Schriften des Hornemann Instituts, 5), Monaco di Baviera.

Rossi 2008 = Galliano. Pieve millenaria, a cura di M. Rossi, Sondrio-Cant. Santa Maria cli Castelseprio 1948 = G. P. BoGNETTI, G. CHIERICI, A. DE CAPITANO

D' ARZAGO, Santa Maria cli Castelseprio, Milano. SCALON 1983 = C. SCALON, Diplomi Patriarcali. I documenti dei patriarchi

Aquileiesi anteriori alla met del X/li secolo nell'Archivio Capitolare cli Udine, Udine.

SCHMID 1991 = K. ScHMID, Zum Haus- uncl Herrschaftsverstanclnis cler Salier, in Die Salier uncl clas Reich, vol. 1, a cura di St. WEINFURTER e H.KLUGER, Sigmaringen, pp. 21-54.

SCHRAMM 1983 = P. E. SCHRAMM, Die deutschen Kaiser uncl Konige in Bildern ihrer Zeit. 751-1190, nuova edizione, a cura di F. MOTHERICH, Monaco di Baviera.

SFORZA VATTOVANI 1997 = F. SFORZA VATTOYANI, L'affresco absidale popponiano, in Pappone 1997, pp. 111-119.

SIEDE 2006 = I. SIEDE, Rez. von E. S0BIECZKY, Die Apsismalereien in der Katheclrale von Aquileia, Journal ftir Kunstgeschichte 10, pp. 223-227.

SOBIECZKY 2004 = E. SOBIECZKY, Die Apsismalereien in cler Katheclrale von Aquileia. Eine Stiftung Patriarch Poppos aus friihsalischer Zeit, Weimar.

487

MAITHIAS EXNER

SUCKALE-REDLEFSEN 2004 = G. SUCKALE-REDLEFSEN, Die Handschriften des 8. bis Jl. Jahrhunderts der Staatsbibliothek Bamberg (Katalog derilluminierten Handschriften der Staatsbibliothek Bamberg, voi. 1),Wiesbaden.

TAMBORJNI 1984 = P. TAMBORINI, Pittura d'et ottoniana e romanica, in L'arte dall'et romana al Rinascimento (Storia di Monza e della Brianza, voi. 4), Milano, voi. 2, pp. 177-254.

TAVANO 2008 = La Basilica di Aquileia. Gli affreschi dell'abside maggiore, a cura di S. TAVANO, Udine.

TESTI 1909 = L. TESTI, La storia della pittura veneziana. Parte prima: Le origini, Bergamo.

VALENZANO 2000 = G. VALENZANO, Le pitture murali dell'abside di Aquileia. Questioni di tecnica e di stile, in AcCORNERO 2000, pp. 29-56.

VALENZANO 2005 = G. VALENZANO, Conradus imperator: il ritratto della famiglia imperiale salica e del patriarca Poppo sull'abside della basilica di Aquileia, in Medioevo: immagini e ideologie. Atti del Convegno internazionale di studi Parma 2002, a cura di A. C. QUINTAVALLE, Milano, pp. 421-431.

Wandmalerei 1998 = Wandmalerei des fruhen. Mittelalters. Bestand, Maltechnik, Konservierung, a c. di M. EXNER (ICOMOS Hefte des Deutschen Nationalkomees, 23), Monaco.

488