Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto – Grigio della Montagnola Analisi eseguite Descrizione

  • View
    213

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto...

  • Slide 1
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Analisi eseguite Descrizione macroscopica Sezione lucida Sezione sottile Cromatografia ionica (2) Grigio della Montagnola croste nere (es. camp. 12) Sul marmo si riscontra la presenza di uno strato biancastro a calce, con spessore piuttosto continuo ed uniforme di 10-50 m, che risulta interessato da frequenti fessurazioni trasversali di ritiro che ne determinano il locale sollevamento e distaccato dal substrato. Esternamente esiste una crosta nera, con spessore continuo di 150-800 m, a struttura mammellonare ed abbondante particellato nerastro carbonioso e subordinatamente ocraceo terrigeno.
  • Slide 2
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Grigio della Montagnola croste nere (es. camp. 12) Contenuto degli ioni dei sali solubili STRATIUNITADIMISURA Li-Na+NH4-K+Mg2-Ca2-F-Cl-NO2-NO3-SO4=PO43-C2O4-- Crosta nera % 00.060.04 0.22 0.02 18.36 0.30.090 0.2640.86 00 meq/g * 02.82.15.71.7916.11.82.604.3851.200 Substrato % 00.020 0.26 0 2.95 0.020.130 0.355.52 00 meq/g * 00.906.50147.01.13.505.6115.000 * moltiplicato per 100 Il marmo mostra uno stato di conservazione non buono per la presenza sia di fratturazioni subverticali, che giungono fino alla profondit di 1-1.5 mm, che permettono la circolazione di acque con ricristallizzazione di sali (per lo pi gesso e nitrati di potassio), sia di unerosione superficiale localizzata prevalentemente o dove la grana del marmo pi fine o dove esistono i sistemi di microfratturazione.
  • Slide 3
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Grigio della Montagnola patinature (es. camp. 19) Sulla lunetta del portale destro si sono individuate delle patinature che determinano un ingiallimento del marmo anche allinterno dello stesso fino ad una profondit massima di 3 mm. Tecnica analitica Sezione lucida Spettrofotometria FT/IR (2)
  • Slide 4
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Grigio della Montagnola patinature (es. camp. 19) Le patine sono state identificate mediante lesecuzione di spettrofotometrie FT/IR, eseguite sul tal quale e dopo estrazione, che mostrano la presenza principale di solfati (gesso) oltre che a quantit ridotte di carbonati (calcite), nitrati, silicati e sostanze organiche che sono di natura acrilica; si tratta di quindi di patinature relative allapplicazione di prodotti tipo Paraloid B72 (confermata dallindagine storica). Tipo di campione SOLFATICARBONATISOSTANZE ORGANICHE SILICATINITRATI Tal quale+++++++ Dopo estrazione --+--
  • Slide 5
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Tecnica analitica Sezione lucida Sezione sottile Spettrofotometria FT/IR Osservazione allESEM + EDS Microbiologica a fresco Grigio della Montagnola macchie rosate intense (es. camp. 24) Il marmo risulta pigmentato di arancione-giallastro, fino ad una profondit di 2.5-3 mm, dalla presenza di minio (Pb 3 O 4 ) ; in superficie esiste uno strato biancastro, con spessore di 10-50 m e talvolta fino a 120 m, a base di Biacca (2PbCO 3. Pb(OH) 2 ).
  • Slide 6
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Grigio della Montagnola macchie rosate intense (es. camp. 24) La pigmentazione del marmo attribuibile alla presenza di una sostanza presente negli spazi intergranulari tra i blasti del marmo.
  • Slide 7
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Grigio della Montagnola macchie rosate intense (es. camp. 24) La zona bianche mostrano la presenza di piombo presente sia negli spazi intergranulari sia sullo strato biancastro superficiale.
  • Slide 8
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Grigio della Montagnola Grigio della Montagnola macchie rosate intense (es. camp. 24) La zona pi chiara mostra la presenza di elevate concentrazioni di fosforo collegabili a biodeteriogeni presenti allinterno del marmo fino a 2 mm di profondit.
  • Slide 9
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Rosso Ammonitico di Gerfalco Rosso Ammonitico di Gerfalco tipologie di degrado analizzate erosione e degrado differenziale spinto (campp. 2, 23) alterazioni cromatiche (camp. 23) depositi incoerenti o parzialmente coerenti (camp. 2) stuccature non idonee (camp. 5) Si tratta di una roccia sedimentaria riferibile a calcari e calcari marnosi fossiliferi (ricchi in cefalopodi) di ambiente pelagico; mostrano una grana fine, una tessitura nodulare ed un colore variabile da marrone rossastro a rosso pallido fino a grigio- rossastro ed a marrone-giallastro. E caratterizzata da una matrice micritica, generalmente pi scura dei noduli, e da noduli di forma ovoidale, talvolta allungati di dimensioni di 1-7cm; si osserva la presenza abbondante di ossidi di ferro e minerali argillosi talvolta maggiormente concentrati lungo bande ad andamento nastriforme.
  • Slide 10
  • Il Cenacolo s.r.l. Centro studi e ricerche, laboratorio analisi Diagnostica dello stato di fatto Rosso Ammonitico di Gerfalco Tecnica analitica Sezione lucida Sezione sottile Cromatografia ionica Rosso Ammonitico di Gerfalco erosione e degrado differenziale spinto (es. camp. 2) Si tratta di una roccia sedimentaria riferibile a calcari e calcari marnosi fossiliferi (ricchi in cefalopodi) di ambiente pelagico; mostrano una grana fine, una tessitura nodulare ed un colore variabile da marrone rossastro a rosso pallido fino a grigio-rossastro ed a marrone-giallastro. E caratterizzata da una matrice micritica, generalmente pi scura dei noduli, e da noduli di forma ovoidale, talvolta allungati di dimensioni di 1-7cm; si osserva la presenza abbondante di ossidi di ferro e minerali argillosi talvolta maggiormente concentrati lungo bande ad andamento nastriforme che creano delle discontinuit lungo le quali favorita la perdita di porzioni con relativo degrado differenziale.