Click here to load reader

Comune di Genzano di Alimenti e salute, dalla nascita all ... · PDF fileLa corretta alimentazione in gravidanza, ... Dose giornaliera selenio è 60 microgrammi. Le richieste fetali

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Comune di Genzano di Alimenti e salute, dalla nascita all ... · PDF fileLa corretta...

Alimenti e salute,

dalla nascita all'et' anziana.

Prevenire e curare

con la giusta alimentazione

Comune di Genzano di

Roma

Sala delle Armi

Palazzo Sforza Cesarini

27 Settembre 2014

La corretta dieta per la gestante Dott. Grazia Carroni - ginecologa

La corretta alimentazione in gravidanza, atta

ad agevolare le fisiologiche modificazioni

gravidiche al fine di prevenirne le

complicanze (aborto, parto pretermine,

diabete, preeclampsia etc.), crea le basi per

un adeguato sviluppo del feto, presupposto

indispensabile a garantire uno stato di

buona salute nel nascituro sia nellimmediato

periodo neonatale che nella vita adulta.

l'aumento del peso corporeo durante la

prima met della gravidanza dovuto

all'aumento dei tessuti di riserva, mentre

successivamente rappresentato dal

prodotto del concepimento.

Varia comunque a seconda dell'et, della

parit e della costituzione corporea.

In gravidanza c un aumento di richiesta di

energia necessaria per la sintesi dei nuovi

tessuti, sia del prodotto del concepimento

che degli organi materni (utero, mammelle,

grasso), per l'attivit metabolica della unit

feto placentare e per il normale lavoro della

gestante.

La richiesta giornaliera di calorie di circa

2100, 2200 e 2300 kcal al di nei trimestri 1,

2 e 3.

Componenti che determinano laumento i peso in gravidanza

http://www.fertilitycenter.it/wp-content/uploads/2014/08/peso-aumento-nelle-diverse-epoche.png

Il regime dietetico deve considerare le condizioni nutrizionali

al momento del concepimento e il bisogno alimentare attuale

e remoto

http://thumbs.dreamstime.com/z/woman-body-mass-index-bmi-categories-38040274.jpg

L'alimentazione inadeguata si ripercuote negativamente sull'evoluzione della gravidanza e sull'accrescimento fetale. Una riduzione dell'apporto quantitativo, ma ancor pi di quello qualitativo pu esitare in neonato di insufficiente peso alla nascita , con sviluppo osseo e dentale insufficiente, complicazioni della gestazione, quali parto pretermine, distocia del travaglio difficolt nell'allattamento. l'alimentazione ipercalorica pu d' altro canto determinare gestosi, disturbi digestivi diabete gestazionale macrosomia fetale con possibile conseguente distocia da sproporzione fetopelvica.

EQUILIBRIO GLICEMICO = IG / CG

durante tutta la gravidanza importante

mantenere l'equilibrio glicemico

costante ed adeguato apporto proteico

adeguata introduzione di liquidi

adeguato apporto di vitamine e sali

le modificazioni in senso diabetogeno del

metabolismo degli zuccheri, in senso

chetogenico del metabolismo dei grassi e la

necessita' di incrementare la quota proteica

giornaliera consigliano

5 pasti al di

carboidrati ad ogni pasto

olio vergine d'oliva

semi

esclusione degli zuccheri raffinati

proteine ad ogni pasto

esempio di colazione

frullato di:

2 cucchiai di yogurth

2 cucchiai di olio di lino

1/2 banana

1/2 succo di limone

1 cucchiaio di riso integrale

1 cucchiaio di miele

2 cucchiaini di semi oleosi

L'alimentazione deve apportare una adeguata

quantit di colesterolo, utile nella produzione,

attraverso il pregnenolone, del progesterone: uova,

uova di pesce, acciughe, crostacei e molluschi.

alimenti ricchi di omega 3: pesce azzurro almeno tre

volte alla settimana.

L'apporto di folati, indispensabili per la prevenzione

in questa epoca delle patologie del tubo neurale, pu

essere assicurato con le verdure e la frutta (kiwi,

fragole, arance); il Calcio pu essere introdotto con

semi di sesamo e formaggio caprino.

I TRIMESTRE:

Modificazioni materne, embriogenesi e placentazione

II TRIMESTRE

IN QUESTO PERIODO MOLTO IMPORTANTE ATTIVARE LA

TIROIDE ATTRAVERSO LASSUNZIONE DI SELENIO

Componente delle selenoproteine, ha effetti immunomodulatori e

svolge un ruolo chiave nel metabolismo degli ormoni tiroidei nella

famiglia delle deiodinasi. Il suo deficit responsabile del cretinismo

edematoso endemico.

Fonti naturali di selenio sono le frattaglie, pesce, molluschi, carne,

latte, lievito di birra, pasta, riso, funghi, noci.

La seleneproteina detta GPx ( glutatione perossidasi) un potente

regolatore della sintesi degli ormoni tiroidei e protegge dal danno

ossidativo.

II TRIMESTRE

Tra le deiodinasi, la D3 particolarmente localizzate nelle cellule del

cervello, fegato fetale, placenta e pelle. Protegge il concepito dalla

eccessiva esposizione agli ormoni tiroidei.

L'ipotiroidismo subclinico si associa a distacco di placenta, parto

pretermine, e aborto. (Casey 2005) e al rischio di sviluppo nel post

partum di tiroidite autoimmune e di sviluppo cognitivo subottimale nella

prole (Papi e coll 2007). Dose giornaliera selenio 60 microgrammi.

Le richieste fetali impongono di introdurre con la dieta anche agenti

antiossidanti : vit C, vit E, betacarotene.

III TRIMESTRE

In questo periodo della gestazione il notevole

accrescimento ponderale fetale e le variazione in senso

procoagulatorio dei parametri ematici consigliano di

ridurre i carboidrati, di aumentare le proteine di origine

vegetale e di favorire la funzione renale.

Si evitino funghi e asparagi e si limitino ananas, kiwi,

salvia per la loro azione sulla coagulazione.

NAUSEA ED EMESI GRAVIDICA

Dobbiamo ridurre i carboidrati evitare dolci e liquidi, limitare le proteine.

Nella dieta sono utili

verdure amare,

limone

zenzero ,

aceto.

Per stabilizzare l'ambiente gastrico bisogna alcalinizzarlo,

Migliorare la funzione epatica, evitando fritti, limitando gli ortaggi gialli

(carotenoidi) e le crucifere (per lo zolfo),

dare carboidrati facili, senza glutine,

coleretici e colagoghi, tipo zucchine marinate con aglio, menta e aceto,

fragole, kiwi, papaya (aiuta a digerire ed drenante ricca di K) e avocado.

LA MINACCIA D'ABORTO

Dobbiamo fornire l'organismo di

Magnesio: fonti sono germe di grano, fagioli, ceci, cereali integrali, riso,

avena, banane, kiwi, uva, mais.

Antiossidanti, antinfiammatori ottenere l'equilibrio glicemico, omega 3 e

fibre. Possiamo consigliare olio di semi di lino, noci e frutta fresca, uova,

tonno e pesce spada. Per l'acido lipoico patate, broccoli, spinaci, fegato,

cuore, carni rosse.

ALIMENTAZIONE ED AMNIOCENTESI

evitare le contrazioni con alimenti ricchi di Mg e K : riso, patate,

fagiolini, zucchine , banane

favorire la funzione epatica in senso procoagulante: uova, fegato,

pomodori, fragole, peperoni,carote, zucca, soia,brassicacee e

formaggio fuso

evitare le infezioni: aglio, zenzero, cipolla, prezzemolo, chiodi di

garofano, limone per la loro funzione immunostimolante

PREVENZIONE DELLE INFEZIONI GRAVIDICHE

L'igiene degli alimenti fondamentale per la

prevenzione della toxoplasmosi.

Bisogna mantenere un buon equilibrio glicemico e

seguire una dieta ricca di fibre e di antiossidanti, quali

cipolla, olio di oliva, curcuma , mirtilli, riso integrale,

frutta secca, zenzero e aglio.

IMPORTANZA DELLA COTTURA DEI

CIBI PER OTTENERE IL MIGLIOR

RISULTATO SOTTO IL PROFILO DELLA

DIGERIBILITA' E DELLA QUALITA'

PREVENZIONE DELLA GESTOSI

Consigliabile introdurre con la dieta pochi zuccheri, molte

proteine (molto pesce e latte, poche carni rosse), alimenti a

basso indice glicemico e verdure ricche di acqua, come

fragole, patate, cipolle e cicoria,

Per diminuire le resistenze vascolari e i grassi circolanti:

utile assumere prezzemolo, ananas, finocchio, cipolla, melone,

aglio e fragole.

Per migliorare la funzione cuore-reni sono utili legumi, frutta

secca, miele, cereali integrali, rucola, vongole e uova.

Iodine deficiency in pregnant women living in the South East

of the UK: the influence of diet and nutritional supplements

on iodine status. Bath SC, Walter A, Taylor A, Wright J, Rayman MP. Author information

Iodine is a key component of the thyroid hormones which are crucial for brain development.

Adequate intake of iodine in pregnancy is important as in utero deficiency may have lifelong

consequences for the offspring. Data on the iodine status of UK pregnant women are sparse,

and there are no such data for pregnant women in the South East of the UK. A total of 100

pregnant women were recruited to a cross-sectional study carried out at the Royal Surrey

County Hospital, Guildford, at their first-trimester visit for an ultrasound scan. The participants

provided a spot-urine sample (for the measurement of urinary iodine concentration (UIC) and

creatinine concentration) and 24 h iodine excretion was estimated from the urinary

iodine:creatinine ratio. Women completed a general questionnaire and a FFQ. The medi

Search related