Biosegnalazione. Caratteristiche di un sistema di trasduzione.

  • Published on
    01-May-2015

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

  • Slide 1
  • Biosegnalazione
  • Slide 2
  • Caratteristiche di un sistema di trasduzione
  • Slide 3
  • Meccanismi molecolari di riconoscimento del segnale
  • Slide 4
  • Canali ionici e potenziale di membrana
  • Slide 5
  • Esempio: il recettore nicotinico
  • Slide 6
  • Esempio di segnalazione in un neurone
  • Slide 7
  • Recettori con attivit enzimatica
  • Slide 8
  • Attivazione del recettore per autofosforilazione
  • Slide 9
  • Linsulina attiva la glicogeno sintasi
  • Slide 10
  • Sintesi del glicogeno
  • Slide 11
  • Slide 12
  • Il recettore dellEPO: domini Tyr-chinasici solubili
  • Slide 13
  • Recettori con attivit enzimatica: guanilato-ciclasi
  • Slide 14
  • Slide 15
  • Slide 16
  • G-protein coupled receptors
  • Slide 17
  • Slide 18
  • La struttura della proteina G eterotrimerica
  • Slide 19
  • La subunit G regola ladenilato ciclasi
  • Slide 20
  • La proteina G ancorata alla membrana
  • Slide 21
  • La proteina chinasi A regolata allostericamente dal cAMP
  • Slide 22
  • La cascata di fosforilazioni: Regolazione allosterica e regolazione covalente
  • Slide 23
  • Desensitizzazione dei GPCR
  • Slide 24
  • GPCR con subunit G q
  • Slide 25
  • Slide 26
  • Slide 27
  • La fosfolipasi C
  • Slide 28
  • Trasduzione del segnale olfattivo
  • Slide 29
  • Trasduzione del segnale gustativo
  • Slide 30
  • In generale
  • Slide 31
  • Recettori intracellulari

Recommended

View more >