4. Concezioni Dello Sviluppo. Analisi Critica

  • View
    399

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of 4. Concezioni Dello Sviluppo. Analisi Critica

Corso di Psicologia dello sviluppo 2009-10

1

Concezioni dello sviluppo

SVILUPPO NEL CICLO DI VITA CONTINUITA NELLO SVILUPPO TRAIETTORIE EVOLUTIVE STADI DI SVILUPPO SPECIFICITA DI DOMINIO CONTESTO

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

2

Si diffusa una generale insoddisfazione per i modelli e per le concezioni dello sviluppo che tali teorie propongono

inadeguata considerazione

complessit

e

differenziazioneCorso di Psicologia dello sviluppo 2009-10

3

Le grandi teorie tradizionali

non permettono di inquadrare lo sviluppo reale ed inoltre

Implicano un approccio teleologico

pi che sui principi universali della crescita opportuno mentre . . . concentrarsi su questioni che riguardano il singolo individuo e sui cambiamenti che, nellambito del singolo, si stabiliscono nel tempo

Corso di Psicologia dello sviluppo 2009-10

4

Le cos dette grandi teorie tradizionali dello sviluppo pi che alle evidenze empiriche sembrano legate a metamodelli sovraordinati rispetto alle teorie stesse e ispirate per lo pi a principi universali dello sviluppo

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

5

le teorie tradizionali dello sviluppo

descrivono tendenzialmente il cambiamento evolutivo come una progressione sistematica attraverso una serie di stadi comuni a tutti, che si succedono secondo un ordine precostituito

implicano una predittivit meccanica, che non tiene conto del ritmo dinamico del cambiamento e del grado di variabilit individuale

Corso di Psicologia dello sviluppo 2009-10

6

La prospettiva dellarco di vita

(BALTES) BALTES)Indicazioni per ulteriori approfondimenti: Hendry L. B., Kloep M., (2003), Lo sviluppo nel ciclo di vita, Il Mulino, Bologna; Usai, Zanobini, (a cura di), (2003), Psicologia del ciclo di vita, Milano, Angeli

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

7

ampio rilievo alle influenze storiche

concezione dello sviluppo in termini di arco della vita

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

8

life span psychology

verso la fine degli anni 70 nasce un nuovo orientamento che si propone di studiare i cambiamenti psicologici che avvengono nellindividuo dalla nascita fino alla morte

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

9

Baltes e Reese (1986)

hanno formalizzato una nuova prospettiva teorica che amplia il concetto di et evolutiva e b) Nello sviluppo operano schemi che si basa su una serie di presupposti o di cambiamento caratterizzati da convinzioni prototipiche pluralit;

a) Lo sviluppo ontogenetico dura tutta la vita; al suo interno operano sia processi continui (di tipo cumulativo) che discontinuit (di tipo innovativo);

c) La plasticit intraindividuale caratterizza fortemente lo sviluppo psicologico; d) Le condizioni storico-culturali possono influenzare lo sviluppo ontogenetico; e) Le spiegazioni del cambiamento sono pluralistiche

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

10

LA PROSPETTIVA DEL CICLO DI VITA PUO SVILUPPARSI ANCHE GRAZIE ALLIMPEGO DI METODOLOGIE DI TIPO LONGITUDINALE

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

11

PROSPETTIVA DELCICLO DI VITA

ANCHE GLI ADULTI POSSONO ESSERE ANCORA IN MUTAMENTO

AI BAMBINI SIA PURE PICCOLI RICONOSCIUTO UN RUOLO ATTIVO NELLO SVILUPPO

SI RISCONTRA UNA RELATIVA PLASTICITA NEGLI ANZIANI

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

12

le tendenze relative allet, punto forte della psicologia dello sviluppo tradizionale sono solo uno dei tre tipi di influenza che operano per tutto larco della vita

prevalenti soprattutto durante linfanzia e la vecchiaia

ciascuna di tali influenze determinata dallinterazione tra fattori di tipo biologico e di tipo ambientale

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

13

Determinanti di base

Influenze sullo sviluppo

biologicheINTERAZIONE

normative secondo let normative secondo la storia non normative

ambientali

-------------------------lungo il tempo------------------------------------

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

14

Il complesso ed articolato sistema di influenze che agisce nel determinare i cambiamenti evolutivi stato formalizzato anche ricorrendo a notazioni di tipo matematico (Schaie, 1965; 1973)

F = f (E, C, T )In cui:

rappresenta la variabile dipendente (il fenomeno oggetto di studio); E let, indica il numero di unit di tempo trascorse dal momento della nascita fino al momento della misurazione della variabile dipendente; C la coorte , lintera popolaz. Di individui che sono entrati a far perte di un ambiente specifico nello stesso intervallo di tempo (es. i nati nei primi sei mesi di un particolare anno); T il momento in cui viene effettuata la misurazione

F

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

15

DETERMINANTI DI BASE DELLO SVILUPPO

FATTORI BIOLOGICI ED AMBIENTALI IN INTERAZIONE RECIPROCA ma. .. gli uni o gli altri possono talvolta predominare in casi particolari

quali ?Corso di Psicologia dello sviluppo 200910 16

le teorie tradizionali dello svilupposi basano soprattutto sulla

Variabile et

Interpretazioni stadiali dello sviluppo

Corso di Psicologia dello sviluppo 2009-10

17

lo stadio inteso come

Una fase distinta della vita, caratterizzata da uno specifico insieme di caratteristiche

sulla base di criteri di : riorganizzazione subitaneit concordanza temporale

stimolato in particolare in particolare dalle critiche volte a Piaget

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

18

1. La riorganizzazione.. riorganizzazione..oltre al cambiamento qualitativo intervengono continue variazioni di tipo quantitativo

2. La subitaneit.. subitaneit..molto dipende dai criteri utilizzati per fare la valutazione ; analisi dettagliate mostrano come le conquiste improvvise siano preparate lentamente

3. La concordanza temporale.. temporale..cambiamenti evolutivi avvengono con relativa indipendenza in diverse aree dello sviluppo

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

19

Il dibattito intorno alle teorie stadiali sintetizza numerosi elementi di critica in particolare rispetto al concetto di

continuit

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

20

per fattori innati

continuitper effetto delle esperienze precoci

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

21

In entrambi i casi i fattori innati o le esperienze precoci avrebbero un peso schiacciante

Lo sviluppo futuro sarebbe del tutto prevedibile e meccanicisticamente prederminato

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

22

Ricerche di Brown e coll. (1988)

Perdita della madre nella prima infanzia e depressione aggressivit timidezza

I progressi legati alla diffusione di ricerche svolte con metodologie longitudinali ha reso pi complesso il concetto stesso di continuit: a) continuit relativa b) continuit assoluta

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

23

Le domande che gli studiosi si pongono in questambito riguardano soprattutto

a) Lentit della continuit b) Le condizioni che possono favorire continuit/discontinuit c) I meccanismi di base della continuit

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

24

In poche parole

1. Nella vita reale si riscontrano con frequenza molti elementi di discontinuit oltre che di continuit 2. Con laumentare dellet aumentano le caratteristiche stabili 3. La continuit varia in funzione delle dimensioni delle caratteristiche esaminate 4. Bisogna considerare il grado di continuit dellambiente 5. Non si intende la continuit come la conservazione di schemi di risposta identici da unet allaltra

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

25

I percorsi di sviluppo

seguono dunque traiettorie lungo le quali possono incontrare numerosi punti di svolta che integrano elementi di continuit e di discontinuit

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

26

I punti di svolta (turning points) sono pertanto un elemento essenziale per spiegare il legame tra gli eventi dellinfanzia e il comportamento delladulto, possono modificare leffetto delle esperienze passate anche in et adulta, e contribuire a spiegare la notevole variet di esiti che seguono eventi identici nei primi anni di vita

Il percorso che va dalla esperienza infantile allesito in et adulta pu comprendere una serie di passaggi, una catena, allinterno della quale si possono incontrare dei punti di svolta o momenti di transizione

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

27

equifinalit

traiettoria evolutiva

multifinalit

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

28

un ulteriore elemento di critica rispetto alle teorie tradizionali . . . .

concezione dominospecifica

versus

concezione dominogenerale

Corso di Psicologia dello sviluppo 200910

29

si tratta di impostazioni che riguardano per lo pi lo sviluppo cognitivo e riguardano differenti modi di concepire la struttura della mente

nella concezione dominogenerale (Piaget) si ritiene che gli esseri umani siano dotati di un insieme generale di meccanismi che agiscono in modo uniforme in tutte le aree del funzionamento psicologico e, in quanto tali, sono responsabili del cambiamento evolutivo

nella concezione dominospecifica si postula lesistenza di meccanismi mentali diversi per ciascun dominio cognitivo, rappresentati d