Click here to load reader

Ricordo di nonna nenè

  • View
    79

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of Ricordo di nonna nenè

  • 1

    Un anno fa, Nen ci lasciava.

    Abbiamo pensato di ricordarla con

    le sue immagini degli ultimi anni,

    passati con i figli, i nipoti, i

    consuoceri Angela ed Ernesto, e

    Beatriz che laccompagnata con noi

    fino alle ultime ore.

    Ci siamo chiesti che cosa avrebbe

    voluto ricordare Nen.

    Ci siamo detti che, forse, avrebbe

    Voluto che ricordassimo le sue

    ricette, quelle dei tanti pranzi che ci

    ha preparato in tanti anni

    Ricordo

    Concetta Aric Campodonico

    Nonna Nen

    1925-2014

  • 2

    Con Jos Carlos e Peo, per l85 compleanno

    Quella del suo riso brasiliano era la ricetta

    meno elaborata di Nen: eppure una delle pi

    difficili da imparare, e soprattutto da replicare

    RISO BRASILERO

    Ingredienti:

    riso Arborio-Roma 1 pomodorino 1 foglia di alloro o maggiorana Cipolla spicco daglio schiacciato

    Per ogni misura di riso due misure di acqua.

    Far imbiondire il riso con olio di semi, cipolla, aglio e pomodoro, aggiungere acqua bollente, salare, mescolare e lasciare (quasi) scoperto fino al completo assorbimento dellacqua, senza pi rimescolare (!!!).

    Incoperchiare, spegnere il fuoco e lasciare riposare, per almeno mezzora.

  • 3

    Giro nella Tanca, con Andrea, Carloforte, 2010

    A Carloforte, fare il polpo in umido era un

    must: Complici alcuni pescatori del luogo che

    procuravano la materia prima

    POLPO IN UMIDO

    Ingredienti:

    un polpo (circa 2 kg) congelato patate cipolla Aglio Timo Prezzemolo Una foglia di alloro 5-6 pomodori freschi piccoli

    Scongelare il polpo ( utile congelarlo appena pescato per renderlo pi morbido), lavarlo accuratamente e immergerlo rapidamente in acqua bollente, tagliarlo a pezzetti e farlo rosolare con olio e mezza cipolla affettata. Aggiungere i pomodori sbucciati, laglio schiacciato ed i sapori (timo e alloro) e far cuocere circa mezzora, aggiungere le patate a pezzi e il prezzemolo e completare la cottura.

  • 4 Con Francesco, al suo 24 compleanno e a

    Carloforte, estate 2014

    Come non ricordare le torte di Nonna Nen?

    Tutte queste torte avevano una base comune

    RICETTA BASE PER TORTA

    Ingredienti:

    3 tazze da th di farina lievitata oppure + una bustina di lievito

    2 di zucchero 2 cucchiai di margarina Vall 3 uova intere 1 pizzico di sale Latte Q.B.

    Mescolare in una terrina lo zucchero con la margarina e le uova intere,aggiungere piano piano la farina alternando al latte, il sale. Imburrate una tortiera da 28-30 cm. di diametro e infarinarla. Scaldate il forno a 180 e infornare per circa mezzora.

    Consiglio: un cucchiaio di olio di semi prima di infornare e mescolare.

  • 5

    Con Jos Carlos e Lella

    Un grande classico: la torta alla

    cioccolata, dal sapore inconfondibile

    TORTA ALLA CIOCCOLATA

    2 cucchiai di cacao amaro 1 bicchiere colmo dacqua 1 cucchiaio di zucchero 1 cucchiaio di liquore

    Mettere a scaldare lacqua in un pentolino con lo zucchero e il cacao fino allebollizione, aggiungere un cucchiaio di liquore.

    Quando la torta cotta, forarne la superficie con un ago da calza in varie parti e versarvi il contenuto del pentolino sino ad inumidirla.

  • 6

    Immagine di famiglia, per il compleanno di

    Angela, marzo 2011

    e vi ricordate la torta al limone?

    TORTA AL LIMONE

    3 limoni sugosi 1 lattina di latte condensato Delle 3 uova (base) si tiene il bianco a parte per la

    meringa

    Mettere il latte condensato in una scodella e aggiungere il succo dei limoni mescolando appena appena. Mentre la torta in forno preparare la meringa:per ogni bianco duovo 1 cucchiaio colmo di zucchero, sbattere con la frusta fino a che i bianchi siano montati a neve.

    Togliere la torta dal forno e quando fredda ricoprirla con la crema al limone, mettere sopra i bianchi a neve e infornare in forno appena caldo per dorare la meringa (attenzione a non farla bruciare!)

  • 7

    Con Beatriz, a Carloforte, estate 2014

    Pi raramente faceva unaltra torta, per via del

    gran lavoro che cera da fare

    TORTA AL COCCO

    1 cocco (fresco meglio!-scritto a mano- altrimenti disidratato)

    litro di latte 1 buccia di limone 3 cucchiai di zucchero 1 tuorlo duovo 3 cucchiai di maizena

    Mettere a scaldare il latte con la buccia di limone e lo zucchero lasciando da parte un po di latte per sciogliere la maizena e aggiungerla al latte caldo, mescolare fino allebollizione e lasciar addensare ancora sul fuoco alcuni minuti sempre mescolando.

    Tagliare la torta a met e farcire con met crema con un pugno di cocco grattugiato. Ricoprire la torta con la restante crema cospargendola con il cocco rimasto, zuccherare a piacere.

  • 8

    Alla Nonna Nen piaceva sperimentare: cos se

    ascoltava una ricetta che la stuzzicava, la

    ricopiava e provava a farla, aggiungendo poi le

    sue osservazioni

  • 9

    A Carloforte, con Niccolo, Angela e Alida,

    settembre 2008

    Concetta, per tutti, era la Nen.

    Era nata in una colonia italiana, alla periferia di San Paolo, in Brasile.

    Aveva imparato l a lavorare duramente, a occuparsi della sua famiglia, di cui era la sorella maggiore.

    In Brasile, durante la guerra, aveva conosciuto Giuseppe, un marinaio italiano,

  • 10

    prigioniero di guerra. Da sposa di guerra, lo aveva seguito in Italia, nel suo paese.

    Giuseppe era tornato a navigare e lei era rimasta l, in un paese allora lontano da tutto, ad allevare il primo figlio Carlo. Ma la condizione della solitudine era dura, e cos decise di partire, di venire a Genova, dove non conosceva nessuno ma almeno avrebbe visto pi spesso il suo Giuseppe.

    Erano anni difficili, segnati dai sacrifici: a lungo la Nen non aveva avuto una casa sua,

    ma aveva vissuto in una camera ammobiliata. E proprio l era stata colta da una tragedia che li aveva profondamente segnati: il naufragio dellAndrea Doria, dove Giuseppe era imbarcato e per lunghissime ore non si era saputo nulla di lui, fino a che il suo nome era comparso nellultima lista dei superstiti.

    Negli anni 60, questa donna forte e combattiva, era voluta tornare in Brasile, con i due figli, Jos Carlos e Pierangelo. Ma come tanti migranti, era come rimasta sospesa tra due mondi, tra la sua famiglia di l e gli affetti e le amicizie in Italia. Era prevalso lamore per Giuseppe, e per unaltra volta, la Nen, con i suoi bambini riattravers il mare.

    Rimasta vedova a 56 anni, la Nen non si era abbattuta, aveva continuato a tenere in ordine la sua casa, a lavorare per i suoi figli e le sue nuore, che considerava come delle figlie, fino allarrivo di Francesco e di Andrea, i nipoti, che aveva sempre considerato la vera ricchezza della sua vita.

    Aveva conosciuto e incontrato la Comunit di SantEgidio in anni e tempi diversi: sempre disponibile a preparare un pranzetto o una torta per i suoi ospiti, a fare amicizia e a parlare con tutti.

    Negli ultimi anni, questa donna cos forte aveva sperimentato la grande debolezza della malattia e poi della disabilit. Ma in questo dolore cos forte, sapeva di non essere stata lasciata sola: n dalla sua famiglia, n dal Signore, che ha invocato sino allultimo.

    La Nen aveva un luogo del cuore, una piccola casa a Carloforte, costruita da lei e da suo marito, e nel quale tanti di noi, in questi anni sono stati ospitati, accolti, Ci piace pensarla ancora cos: nella sua nuova dimora presso la casa del Padre, indaffarata e preoccupata per gli altri, come sempre vissuta.

Search related