L'uomo e l'universo

  • View
    50

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of L'uomo e l'universo

  • 1

    Luomo e luniversoDai Maya al robot Curiosity

    De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • Il calendario solare dei Maya poteva vantare una precisione pari a quella dei calendari moderni. 2LASTRONOMIA AGLI ALBORIDal IV al Imillennio a.C.MAYADal IV millennio a.C.CINESIDal III millennio a.CBABILONESIDal I millennio a.COsservano e registrano le eclissi lunari.Elaborano un calendario riferito alle fasi del pianeta Venere e un calendario solare.Eseguono osservazioni accuratissime di comete, eclissi e di particolari tipi di fenomeni stellari come le novae e le supernovae.Studiano il moto dei pianeti.Riescono a predire eclissi di Sole e Luna.Raggruppano le stelle in costellazioni.Introducono i 12 segni dello Zodiaco.

    **De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • 3NOVA E SUPERNOVACHE COS?Enorme esplosione causata dallaccumulo di idrogeno sulla superficie di un particolare tipo di stella (nana bianca). Determina aumenti bruschi di luminosit ed espulsione di materia.Fase esplosiva che conduce alla disgregazione di alcuni tipi di stelle. caratterizzata da una fortissima emissione luminosa: si tratta dellevento pi energetico osservato nellUniverso.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • 4LUNIVERSO PER I GRECIDal VI al V secolo a.C.PRESOCRATICIForniscono le prime spiegazioni cosmologiche dellAntica Grecia.Ricercano larch cio il principio primo della natura e della vita.SCUOLA PITAGORICAPostula un universo matematico: la disposizione di tutti i corpi celesti corrisponde ai princpi della scienza matematica.IPPARCO DI NICEAScopre la precessione degli equinozi.Calcola la durata dellanno in 365 giorni e 6 ore.Riporta la classificazione delle costellazioni antiche.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • 5LUNIVERSO GEOCENTRICODal IV secolo a.C.al XVI secolo d.C. ARISTOTELE384/83-322 a.C. TOLOMEO100 circa 175 circa d.C. La sfera pi esterna sorregge le stelle fisse e compie un giro ogni 24 ore intorno alla Terra.Il Sole e i pianeti sono posti su sfere pi interne che ruotano intorno alla Terra.La Terra si trova sulla sfera centrale e immobile.LUniverso finito e costituito da parecchie sfere concentriche. il limite ultimo dellUniversoDe Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • 6LUNIVERSO ELIOCENTRICODal XVI secolo d.C.COPERNICO1473-1543 Planisfero dellUniverso secondo Niccol Copernico. De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • Giordano Bruno un filosofo italiano vissuto nel XVI secolo7GIORDANO BRUNOI PROTAGONISTI DELLA STORIADopo la definitiva condanna a morte fu arso vivo sul rogo il 17 febbraio 1600LUNIVERSO INFINITODe Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • 8LE TRE LEGGI DI KEPLERODal XVI al XVII secolo d.C. Nel sistema geocentrico le orbite erano ritenute circolari perch perfette. Ia LEGGETutti i pianeti si muovono attorno al Sole su orbite ellittiche di cui il Sole stesso occupa uno dei fuochi.IIa LEGGEIl raggio vettore, cio la linea immaginaria che congiunge il centro del pianeta con quello del Sole, descrive, in tempi uguali, aree uguali.IIIa LEGGEIl tempo impiegato da un pianeta a percorrere la propria orbita aumenta con laumentare della sua distanza dal Sole.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • Le osservazioni di Galileo sono un duro colpo per il sistema tolemaico-aristotelico, fondato sul mondo immutabile ed etereo delle sfere.9GALILEO GALILEIDal XVI al XVIIsecolo d.C. Nel 1609 Galileo costruisce il suo primo telescopioNel 1610 pubblica il Sidereus nunciusLa Luna ha una superficie irregolare con depressioni, montagne e profonde vallate.Sulla superficie del Sole sono visibili macchie di colore scuro.Venere ha fasi al pari della Luna.Quatto satelliti ruotano attorno a Giove.Galileo Galilei all'Universit di Padova spiega le sue nuove teorie. Dipinto di Felix Parra (1873).Uno dei primi telescopi messi a punto da Galileo.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • La Santa Inquisizione condann Galileo per le tesi esposte.IL DIALOGO SOPRA I MASSIMI SISTEMILA FONTE10Galileo Galilei pubblica nel 1630 il Dialogo per provare la veridicit del sistema copernicano.Confutazione della visione aristotelica del cosmo.1234Disputa pro e contro il sistema copernicano.Affermazione della superiorit del copernicanesimo.Presentazione dello studio delle maree.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • cos possibile calcolare le orbite con la massima precisione e prevedere le posizioni dei pianeti attorno al Sole e rispetto alla Terra.Newton gi uno scienziato moderno: per lui la filosofia sperimentale non deve occuparsi di ipotesi metafisiche ma solo di ci che deducibile dallesperienza. ISAAC NEWTONDal XVII al XVIII secolo d.C. pone leDimostra le leggi che governano i moti dei pianeti e dei loro satelliti.Isaac Newton (1643-1727) con una mela in mano: si racconta che proprio vedendo cadere una mela da un albero abbia avuto lintuizione della legge di gravitazione universale.11De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • Prende il nome dallastronomo inglese Edmund Halley (1656-1742) che calcolando lorbita della cometa avvistata nel 1682 cap che si trattava dello stesso corpo celeste osservato nel 1531 e nel 1607 e ne predisse il ritorno dopo 70 anni.

    Il primo passaggio certo della cometa di Halley risale al 204 a.C., registrato da astronomi cinesi.

    Il passaggio del 1301 pare abbia ispirato addirittura Giotto: la cometa nellAdorazione dei Magi dovrebbe essere proprio quella di Halley.

    Lultimo passaggio stato registrato tra la fine del 1985 e linizio del 1986.

    Il prossimo previsto nel 2062.

    LA COMETA DI HALLEYLO SAPEVI CHE12De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • LA NEBULOSA PRIMITIVADal XVIII al XIX secolo d.C.

    KANTFilosofo tedesco (1724-1804)

    LAPLACEAstronomo e matematico francese (1749-1827)

    13La nebulosa di Orione.Kant riteneva che il sistema solare si fosse formato da una nebulosa di questo genere. De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • IL PRIMO ASTEROIDELA SCOPERTA14La prima osservazione di un asteroide la dobbiamo allastronomo italiano Giuseppe Piazzi. La notte del 1 gennaio 1801 osserv per caso una strana stella in una posizione non prevista.Le notti successive, registrandone continui spostamenti, si convinse di essere di fronte a un nuovo oggetto celeste, che chiam Cerere.L'asteroide Gaspra, ripreso dalla sonda Galileo.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • I PIANETI MODERNIDal XVIII al XX secolo d.C. Uranofotografato dal telescopio Hubble. Nettunofotografato dalla sonda Voyager 2.. Plutonefotografato dal telescopio Hubble. 15De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • LA RELATIVIT DI SPAZIO E TEMPOXX secolo d.C. 16De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • LESPANSIONE DELLUNIVERSOXX secolo d.C. 17Evoluzione dellUniverso: la costante di Hubble Lascissa indica le distanze delle galassie e di altri oggetti extragalattici (rappresentati con piccole sfere di colore diverso); lordinata la loro velocit di allontanamento. La linea verde indica la costante di Hubble, quella tratteggiata i possibili scostamenti in base a stime diverse.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • I PRIMI SATELLITI ARTIFICIALIGLI STRUMENTISono i primi due satelliti artificiali lanciati nello spazio (dallUnione Sovietica).Sputnik II con a bordo la cagnetta Laika, lanciata in orbita allinterno del satellite.18De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • La teoria dello stato stazionario stata messa in crisi dalla scoperta dei quasar, corpi celesti non galattici molto pi remoti delle galassie.IPOTESI COSMOLOGICHEXX secolo d.C. 19FRIEDMANN + LEMATRE 1922 1927LUniverso destinato a espandersi in eterno in uno spazio senza fine.LUniverso si espande fino a un valore massimo, per poi contrarsi e ripiegarsi su stesso fino a raggiungere di nuovo lo stato iniziale.BONDI + GOLD + HOYLE 1948La struttura dellUniverso sempre la stessa e la diminuzione di densit dovuta allespansione compensata dalla creazione continua di materia.12due possibili soluzioniTEORIA DELLO STATO STAZIONARIODe Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • QUASAR E BUCHI NERICHE COS?20I quasar sono oggetti extragalattici estremamente lontani e luminosi.

    Si suppone siano situati ai confini dellUniverso, a circa 8-10 miliardi di anni luce da noi.I buchi neri sono corpi celesti con un campo gravitazionale cos intenso da non lasciare sfuggire n materia, n radiazione elettromagnetica.

    Dalla loro superficie non esce alcun segnale: sono identificabili solo tramite il moto di corpi celesti nelle vicinanze.Polvere attorno a un buco neronella Galassia ellittica Ngc 4261, costellazione della Vergine (Virgo).Quasar PKS 2349, ripreso dal Telescopio spaziale Hubble.De Agostini 2013 De Agostini Scuola NovaraAutore: Luca Montanari

  • LA TEORIA DEL BIG BANGDal XX al XXI secolo d.C. GAMOW 1946 LUniverso si forma a partire da una grande esplosione iniziale (BIG BANG).Attraverso continui processi di frantumazione e aggregazione successive si forma lUniverso come oggi lo conosciamo.Schema dellevoluzione dellUniverso dal big bang alla formazione dei pianeti e del nostro Sistema solare. La linea orizzontale centrale indica la direzione delle diverse fa