Autovalutazione antiriciclaggio - Proposta ALIS

  • View
    674

  • Download
    4

Embed Size (px)

Text of Autovalutazione antiriciclaggio - Proposta ALIS

  • Riservato e Confidenzial e E vietata qualsiasi riproduzione o circolazione

    AUTOVALUTAZIONE DEI RISCHI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO

  • CONTESTO E INTRODUZIONE

    LA RICHIESTA DI BANCA DITALIA

    APPROCCIO DI PROGETTO

    AGENDA

    REFERENZE

  • CONTESTO

    3

    Lautovalutazione costituisce il presupposto per la realizzazione diappositi interventi a fronte delle criticit riscontrate e perladozione di opportune misure di prevenzione e mitigazionedei rischi di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo

    16 OTTOBRE 2015

    Richiesta alle banche diprocedere ad una Auto-valutazione del grado diesposizione ai rischi diriciclaggio e di finanziamentodel terrorismo

    30 APRILE 2016

    Gli esiti dellAutovalutazionedovranno confluire all'interno dellaRelazione annuale prodotta dallaFunzione Antiriciclaggio e trasmessialla Banca dItalia

    AUTOVALUTAZIONE

    COMUNICA-ZIONE

    RISULTATI

  • LINEE GUIDA GAFI

    QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

    4

    D. Lgs. 231 del 21 novembre 2007

    Provvedimento di Banca d'Italia del 10 marzo2011 recante disposizioni in materia diOrganizzazione, Procedure e Controlli Interni

    Provvedimento di Banca d'Italia del 3 aprile2013 recante disposizioni attuative in materiadi Adeguata Verifica della Clientela

    La direttiva sottolinea ulteriormente la necessit di un approccio basatosul rischio che tutti i soggetti devono tenere e invita gli stati membri aprovvedere affinch tutti i soggetti obbligati pongano in essere politiche,controlli e procedure per mitigare e gestire in maniera efficace i rischi diriciclaggio e di finanziamento del terrorismo.

    Guidance for a Risk-Based Approach inthe Banking Sector - Ottobre 2014 -

    Le Linee guida richiedono espressamente agli intermediari una periodicavalutazione dei rischi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo cuisono esposti, al fine di verificare I'adeguatezza dei presidi posti inessere.

    ALTRE NORMATIVE DI RIFERIMENTO

    IV Direttiva Europea

    In materia di Antiriciclaggio e contro ilFinanziamento del Terrorismo

    6 giugno 2015

  • PERCHE ALIS CONSULTING ELEMENTI DISTINTIVI E PUNTI DI FORZA

    5

    Conoscenza della tematica

    antiriciclaggio

    ALIS Consultingvanta una profonda competenza: in materia di antiriciclaggio nella valutazione dei presidi operativi ed organizzativi adottati dagli intermediari a mitigazione

    dei rischi

    Competenze interdisciplinari

    ALIS Consulting possiede conoscenze specialistiche degli intermediari relativamente ai modellidi business, modelli operativi, prodotti e processi che permettono di intervenire con rapidit edefficacia.

    ALIS Consulting propone un approccio modulare che prevede pi livelli di intervento persupportare le diverse necessit e richieste dei clienti

    Modularit della proposta

    Caratteri distintiviALIS Consulting si connota per la capacit di entrare rapidamente nelle logiche difunzionamento del cliente ecomprenderne la realt operativa ed organizzativa.Tutti gli interventi sono personalizzati e realizzati in logica di partnership con il cliente e tarati sulsuo specifico contesto ed esigenze.

    ALIS Consulting vanta una lungo trascorso di progetti svolti per intermediari nazionali edinternazionali di primaria importanza e di varia natura e dimensione

    Referenze di mercato

  • AGENDA

    CONTESTO E INTRODUZIONE

    LA RICHIESTA DI BANCA DITALIA

    APPROCCIO DI PROGETTO

    REFERENZE

  • LA RICHIESTA DI BANCA DITALIA OBIETTIVI DELLA COMUNICAZIONE

    7

    Valutazione assetto operativo ed organizzativo adottato per la prevenzione ela mitigazione dei rischi di riciclaggio e di finanziamento al terrorismovalutazione situazione as is - rischio inerente e analisi vulnerabilit

    Valutazione rischio residuo

    Definizione Action plan e formalizzazione documento di Autovalutazionedei rischi di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo

  • LA RICHIESTA DI BANCA DITALIA METODOLOGIA

    8

    ANALISI VULNERABILITA

    VALUTAZIONE RISCHIO RESIDUO

    VALUTAZIONE RISCHIO INERENTE

    ACTION PLAN E RELAZIONE ANNUALE

    Analisi elementi oggettivi di rischiosit per rischio riciclaggio e finanziamento al terrorismo:

    Con riferimento al cliente: tipologia clienti prevalente attivit svolta zona geografica

    Con riferimento alloperativit posta in essere tipologia ammontare frequenza

    Efficacia sistema dei controlli interni predisposto

    Modalit di individuazione di operazioni sospette

    Formazione in materia di antiriciclaggio

    Individuazione eventuali iniziative di adeguamento/ miglioramento per una migliore mitigazione dei rischi di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo

    Action Plan Formalizzazione dei

    risultati dellautovalutazione

    Valutazione rischio residuo sulla base del rischio inerente e dellanalisi di vulnerabilit

  • AGENDA

    CONTESTO E INTRODUZIONE

    LA RICHIESTA DI BANCA DITALIA

    APPROCCIO DI PROGETTO

    REFERENZE

  • 10

    APPROCCIO PROPOSTO: RILEVAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO

    QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

    ALIS Consulting ha predisposto un questionario di autovalutazione che permettelanalisi di ogni linea di business attiva nella banca secondo la linea metodologicaindicata da Banca dItalia

    Serie di domande orientate a rilevare gli elementi necessari per una corretta edesaustiva valutazione del rischio di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo inbase alla natura ed alla dimensione dellattivit svolta dallintermediario

    Analisi/ricognizione dei presidi in essere con attribuzione di un giudizio su una scaladi 4 valori (vulnerabilit non significativa, poco significativa, abbastanzasignificativa, molto significativa)

    La combinazione dei giudizi sul rischio inerente e sullanalisi di vulnerabilitconsente lidentificazione del rischio residuo su una scala di quattro valori (rischiobasso, medio basso, medio alto, alto)

    ANALISI DI VULNERABILITA

    RISCHIO INERENTE

    RISCHIO RESIDUO

  • 11

    APPROCCIO PROPOSTO: LO STRUMENTO PER LAUTOVALUTAZIONE

    CONFORME ALLA METODOLOGIA BANCA dITALIA

    FACILE DA UTILIZZARE

    PERSONALIZZABILE

    NON RICHIEDE INSTALLAZIONI E

    RISORSE DI INFRASTRUTTURA

    E possibile assegnare ad ognidomanda pesi specifici per ridurre oaumentare limpatto sul punteggiofinale

    Correlazione automatica fra rischioinerente e analisi di vulnerabilit a livellodi singola domanda

    Calcolo automatico della matrice dirischio residuo

    Identificazione automatica delle voci dainserire nellAction Plan

    CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • 12

    LAPPROCCIO PROGETTUALE: LIVELLI DI INTERVENTO (1/2)

    A QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

    B QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

    SUPPORTO ALLA RILEVAZIONE E ALLA VALUTAZIONE

    C QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

    SUPPORTO ALLA RILEVAZIONE , ALLA REDAZIONE DELLACTION PLAN E ALLA RELAZIONE ANNUALE

    ANALISI VULNERABILITA

    VALUTAZIONE RISCHIO RESIDUO

    VALUTAZIONE RISCHIO INERENTE

    ACTION PLAN E RELAZIONE ANNUALE

  • 13

    LAPPROCCIO PROGETTUALE: LIVELLI DI INTERVENTO (2/2)

    QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE

    QUESTIONARIORISK ASSESSMENT COMPILAZIONE / VALUTAZIONE RISULTATI

    DESCRIZIONE INTERVENTO MODALIT INTERVENTO

    Consegna e condivisione tool di autovalutazione rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo

    Incontro con Responsabile Funzione AML e spiegazione/condivisione metodologia di costruzione del questionario e lettura dei risultati

    Incontro con Responsabile Funzione AML e spiegazione/ condivisione metodologia di costruzione del questionario e lettura dei risultati

    Compilazione questionario con possibili workshop con utenti coinvolti nelloperativit per approfondire aspetti operativi

    Elaborazione e condivisione con Resp. Funzione AML risultati questionario

    Valutazione finale

    Consegna e condivisione tool di autovalutazione rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo

    Compilazione Questionario in co-operazione con la Funzione Antiriciclaggio

    Valutazione e condivisione dei risultati del questionario

    QUESTIONARIO RISK ASSESSMENT COMPILAZIONE / VALUTAZIONE RISULTATI E ACTION PLAN

    Consegna e condivisione tool di autovalutazione rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo

    Compilazione Questionario in co-operazione con la Funzione Antiriciclaggio

    Valutazione e condivisione dei risultati del questionario

    Predisposizione Action Plan sulla base delle eventuali criticit e/o aspetti di miglioramento emersi

    Incontro con Responsabile Funzione AML e spiegazione/ condivisione metodologia di costruzione del questionario e lettura dei risultati

    Compilazione questionario con possibili workshop con utenti coinvolti nelloperativit per approfondire aspetti operativi

    Elaborazione e condivisione con Resp. Funzione AML risultati questionario

    Valutazione finale Individuazione eventuali iniziative di adeguamento/

    miglioramento per una migliore mitigazione dei rischi di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo

    Definizione Action Plan

    A

    B

    C

  • AGENDA

    CONTESTO E INTRODUZIONE

    LA RICHIESTA DI BANCA DITALIA

    APPROCCIO DI PROGETTO

    REFERENZE

  • 15

    RIFERIMENTI ALIS

    MAURIZIO FERRARIO PARTNER

    MAIL: m.ferrario@alis-consulting.com

    TEL : 348-2510116

    GAIA ROSELLI MANAGER

    MAIL: g.roselli@alis-consulting.com

    TEL : 346-0611872

    Via Conservatorio 22 - 20122 MilanoTEL: 02-7729251

    ANNA PAOLAIONNA SENIOR CONS.

    MAIL: a.ionna@alis-co