Trasmissione di potenza - .di spallamento tra albero e mozzo. La normativa codifica le dimensioni

  • View
    216

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Trasmissione di potenza - .di spallamento tra albero e mozzo. La normativa codifica le dimensioni

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Trasmissione di potenza

Alberi

Lo scopo di questi appunti quello di introdurre alla

comprensione della funzione degli alberi e alle loro

regole di disegno e rappresentazione.

Esercitarsi nella rappresentazione tecnica sfruttando

le figure riportate. Esercitarsi nellinterpretazione

ricercando sui libri di testo ulteriori esempi.

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Introduzione ai componenti di macchine I componenti meccanici di base si possono distinguere in funzione del loro scopo oppure in base al principio tecnologico di

funzionamento. In base allo scopo possiamo distinguere elementi per trasmissione di potenza e di supporto, mentre in base al principio di funzionamento possiamo distinguere elementi meccanici, elettromeccanici, idraulici e pneumatici. Sistemi complessi possono prevedere la coesistenza di pi tecnologie.

In molti casi il motore primo di tipo elettromeccanico. Attraverso un albero di uscita si connette alla trasmissione meccanica che trasmette potenza, realizzando le opportune variazioni di velocit, fino ad azionare lutilizzatore finale.

Lutilizzatore pu essere considerato lelemento o il

sottoinsieme attuatore del lavoro richiesto

(abbiamo quindi attuatori lineari, rotativi, )

La potenza richiesta in uscita dallutilizzatore (Pu) consente

di valutare la Potenza motrice iniziale (Pm) attraverso il

rendimento (h) dei meccanismi che compongono il sistema:

Pu = hPm con h (0, 1) ma generalmente superiore a

0.9

Il rendimento tiene conto delle perdite per attrito in

corrispondenza degli strisciamenti tra i corpi.

Supponendo in prima approssimazione che questi siano

nulli,

La trasmissione di potenza opera in modo tale che la

potenza sia costante, ovvero:

Pm=Pu Mmwm=Muwu

A seconda delle esigenze specifiche la trasmissione muta, ad esempio attraverso luso di ingranaggi, la proporzione tra

momento e velocit operando un rapporto di trasmissione: t = wm/wu

Con t > 1 si realizza una riduzione di velocit dal motore al condotto,

con t < 1 una moltiplicazione.

t=1 presuppone costanza di velocit tra i due tratti della trasmissione.

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Sono gli elementi di base per la trasmissione di potenza. Distinguiamo tra alberi ad asse rettilineo, alberi a gomiti e alberi a

camme. I primi si usano per trasmettere potenza attraverso un momento torcente, moltiplicando o demoltiplicando la velocit

angolare tramite organi quali ruote dentate, trasmissione per cinghie, catene o ruote di frizione. Gli altri servono a trasmettere

potenza trasformando il moto alternato in rotatorio o viceversa (Fv=Mw). Gli alberi a gomiti attraverso la manovella si

innestano sulla biella che viene mossa dal pistone (elemento che trasla), mentre quelli a camme hanno delle lavorazioni (le

camme) il cui profilo comanda lalzata dellelemento che deve scorrere (ad es. una valvola nel caso di alberi di distribuzione).

Perno di manovella

Perno di banco

Manovella

- albero a gomito -

Cava per linguetta

Cava per chiavetta

Spallamenti o battute

Estremit dalbero

- albero ad

asse rettilineo -

albero a cammealbero a camme

La forma della manovella dettata da esigenze di bilanciamento delle

masse dellalbero (masse eccentriche rispetto allasse di rotazione

creano sovraccarichi).

La forma della camma funzione della legge di moto da imprimere

allelemento che deve traslare.

Lalbero ad asse rettilineo presenta diverse variazioni di sezione per

consentire lalloggiamento nei supporti (frapponendo opportuni cuscinetti

per ridurre gli attriti ed aumentare cos il rendimento) ed il montaggio di

altri elementi.

camma

profilo della camma

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

albero a gomito

biella

cava per linguetta

esempio di supporto

Albero a camme con ruota per

trasmissione potenza

manovella

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Componenti di un motore

4 cilindri per motocicletta

(Aprilia RSV)

(foto prese da moto tecnica

ottobre 2009)

Per

esercizio

rappresenta

i seguenti

componenti

in messa in

tavola

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Nel caso degli alberi ad asse rettilineo la sezione minima, sia essa piena o cava, definita in base alla potenza trasmessa, gli altri diametri sono legati ad esigenze costruttive per il montaggio di:

organi di trasmissione (ruote, pulegge, giunti, );

cuscinetti per ridurre gli attriti in corrispondenza dei supporti.

Un generico organo di trasmissione montato su un albero, sia esso una ruota dentata o una puleggia o altro, si chiama mozzo. Il montaggio di un mozzo sullalbero (detto anche calettamento) pu avvenire per:

collegamento con chiavetta o linguetta;

forzamento;

profilo scanalato.

In tutti i casi, per evitare perdite di potenza, non ci deve essere moto relativo quindi dopo il montaggio come se il mozzo diventasse un tuttuno con lalbero.

I supporti hanno il compito di scaricare le forze a terra, ancorando nello spazio la posizione dellasse dellalbero.

Le discontinuit di diametro presenti sugli alberi sono chiamati spallamenti (o battute). Essi richiedono una raccordatura per migliorare la resistenza del pezzo e garantire leventuale montaggio di cuscinetti e mozzi.

tratto di albero con supporti e

ruota dentata montata

attraverso linguetta

supporto supporto distanziale

Il distanziale ha il compito di bloccare

assialmente lo spostamento verso destra della

ruota dentata.

In corrispondenza dei cambi di sezione

(frecce azzurre) necessario raccordare

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Esempi di raccordi per spallamenti di alberi ad asse rettilineo.

NO! NO!

Nel montaggio per garantire il

contatto tra il mozzo e lo

spallamento il mozzo deve

essere opportunamente

raccordato.

Occorre verificare che:

R_mozzo R_raccordo

oppure che il mozzo nel foro di

calettamento sia smussato in

modo tale da realizzare il

contatto con lo spallamento assenza di raccordo:

montaggio errato!

Raccordo del mozzo troppo

piccolo: montaggio errato!

assenza di raccordo:

montaggio errato!

Raccordo del mozzo troppo

piccolo: montaggio errato!

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Per rendere pi preciso il contatto e realizzare un montaggio corretto, sugli spallamenti si possono realizzare delle gole di scarico che migliorano la resistenza perch raccordano le due sezioni e nello stesso tempo localizzano meglio la superficie di spallamento tra albero e mozzo.

La normativa codifica le dimensioni e le geometrie delle gole di scarico.

Esempio di albero con profilo

scanalato sulla destra e scavo

per linguetta a sinistra.

Notare i dettagli X e Y per le

gole di scarico e le sezioni A-A e

B-B per visualizzare la sezione

dellalbero in corrispondenza dei

calettamenti.

N.B. Per alberi si ammette il

posizionamento disallineato

delle sezioni.

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

In quanto corpi assialsimmetrici obbligatorio riportare sempre

lasse di simmetria in tratteggio fine

Le estremit dalbero possono essere di vario tipo, e sono unificate in

base alle norme UNI 6397

vista longitudinale vista frontale

Nella messa in tavola gli alberi non si sezionano mai (anche se sono cavi), si

realizzano sezioni a strappo solo per evidenziare cave o lavorazioni speciali.

Disegno di Macchine: materiale di supporto alle esercitazioni

Prof. F. Campana

Perno filettato per

bloccare

assialmente

lassieme montato

sullalbero