terminali funi metalliche - parte4

Embed Size (px)

DESCRIPTION

terminali funi metalliche

Text of terminali funi metalliche - parte4

  • NORMAITALIANA

    Pagina IUNI ISO 4309:2011

    UNI Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documentopu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senzail consenso scritto dellUNI.

    www.uni.com

    UNIEnte Nazionale Italianodi UnificazioneVia Sannio, 220137 Milano, Italia

    UNI ISO 4309

    LUGLIO 2011

    Apparecchi di sollevamento - FuniCura, manutenzione, ispezioni e scarto

    Cranes - Wire ropesCare and maintenance, inspection and discard

    La norma definisce le linee guida per la cura, linstallazione, lamanutenzione e i controlli delle funi di acciaio in servizio sugliapparecchi di sollevamento. Elenca i criteri per lo scarto chedevono essere applicati per implementare un utilizzo sicuro degliapparecchi di sollevamento.

    TESTO ITALIANO

    La presente norma ladozione nazionale in lingua italiana dellanorma internazionale ISO 4309 (edizione agosto 2010).

    La presente norma sostituisce la UNI ISO 4309:2008.

    ICS 53.020.30

    Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita degli Studi di Firenze/5987454001, User=Pallini, Giovanni

    Not for Resale, 01/24/2014 07:54:22 MSTNo reproduction or networking permitted without license from IHS

    --`,,,`,,`,,``,`,``,`,,,,``,,```-`-`,,`,,`,`,,`---

  • UNI Pagina IIUNI ISO 4309:2011

    Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le partiinteressate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale statodellarte della materia ed il necessario grado di consenso.Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellartein evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano diUnificazione, che li terr in considerazione per leventuale revisione della norma stessa.

    Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni odi aggiornamenti. importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possessodellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti. Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare lesistenza di norme UNI corrispondenti allenorme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

    PREMESSA NAZIONALELa presente norma costituisce ladozione nazionale, in lingua italiana,della norma internazionale ISO 4309 (edizione agosto 2010) cheassume cos lo status di norma nazionale italiana.

    La norma internazionale ISO 4309 stata elaborata dal ComitatoTecnico ISO/TC 96 "Apparecchi di sollevamento".

    La presente norma stata elaborata sotto la competenza dellaCommissione Tecnica UNIApparecchi di sollevamento e relativi accessoriche ha giudicato la norma ISO 4309 rispondente, da un punto divista tecnico, alle esigenze nazionali e ne ha proposto allaCommissione Centrale Tecnica dellUNI ladozione nella presenteversione in lingua italiana.

    La Commissione Centrale Tecnica dellUNI ha dato la suaapprovazione il 21 marzo 2011.

    La presente norma stata ratificata dal Presidente dellUNI ed entrata a far parte del corpo normativo nazionale il 7 luglio 2011.

    Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita degli Studi di Firenze/5987454001, User=Pallini, Giovanni

    Not for Resale, 01/24/2014 07:54:22 MSTNo reproduction or networking permitted without license from IHS

    --`,,,`,,`,,``,`,``,`,,,,``,,```-`-`,,`,,`,`,,`---

  • INDICE

    UNI Pagina IIIUNI ISO 4309:2011

    INTRODUZIONE 1

    1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1

    2 RIFERIMENTI NORMATIVI 2

    3 TERMINI E DEFINIZIONI 2

    4 CURA E MANUTENZIONE 24.1 Generalit...................................................................................................................................................... 24.2 Sostituzione della fune ........................................................................................................................... 3

    figura 1 Applicazione delle legature prima del taglio di una fune a singolo strato di trefoli ................. 44.3 Scarico e stoccaggio della fune ........................................................................................................ 44.4 Condizioni della fune precedenti linstallazione ...................................................................... 54.5 Messa in opera della fune .................................................................................................................... 5

    figura 2 Procedure corrette per svolgere una fune............................................................................................ 6figura 3 Procedure scorrette di svolgimento della fune.................................................................................... 7figura 4 Esempio di trasferimento di una fune dal fondo della bobina al fondo del tamburo

    con controllo della tensione della fune ..................................................................................................84.6 Avvolgimento della nuova fune ........................................................................................................ 94.7 Manutenzione della fune....................................................................................................................... 9

    figura 5 Rimozione di un filo sporgente ................................................................................................................. 94.8 Manutenzione delle parti della gru relative alla fune ......................................................... 10

    5 ISPEZIONE 105.1 Generalit................................................................................................................................................... 105.2 Ispezione visiva giornaliera .............................................................................................................. 105.3 Ispezione periodica ............................................................................................................................... 10

    prospetto 1 Modi di deterioramento e metodi di valutazione ............................................................................ 11figura 6 Esempi di tasso di incremento delle rotture dei fili ........................................................................ 11

    5.4 Ispezione a seguito di un incidente .............................................................................................. 135.5 Ispezione seguente un periodo di non utilizzo della gru ................................................. 135.6 Prova non distruttiva ............................................................................................................................ 13

    6 CRITERI DI SCARTO 136.1 Generalit................................................................................................................................................... 136.2 Fili visibilmente danneggiati ............................................................................................................. 13

    prospetto 2 Criteri di scarto per rotture visibili dei fili ............................................................................................ 13figura 7 Piegare una fune permette spesso di localizzare fili rotti nascosti negli avvallamenti

    tra i trefoli ......................................................................................................................................................14prospetto 3 Numero di rotture visibili dei fili, raggiunte o superate, presenti in funi a strato singolo

    e ad avvolgimento parallelo, che richiedono lo scarto della fune .............................................. 15prospetto 4 Numero di rotture visibili dei fili, raggiunte o superate, presenti in funi antigirevoli,

    che richiedono lo scarto della fune ...................................................................................................... 166.3 Decremento del diametro della fune ........................................................................................... 16

    prospetto 5 Decremento uniforme del diametro richiedente lo scarto della fune - Fune a strato singolo avvolta su un tamburo single-layer e/o che corre su una puleggia di acciaio ................17

    6.4 Rottura dei trefoli .................................................................................................................................... 186.5 Corrosione ................................................................................................................................................. 18

    prospetto 6 Criteri di scarto per corrosione e indici di gravit intermedi......................................................... 186.6 Deformazione e danneggiamento................................................................................................. 18

    figura 8 Ondulazione della fune ............................................................................................................................ 19

    Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita degli Studi di Firenze/5987454001, User=Pallini, Giovanni

    Not for Resale, 01/24/2014 07:54:22 MSTNo reproduction or networking permitted without license from IHS

    --`,,,`,,`,,``,`,``,`,,,,``,,```-`-`,,`,,`,`,,`---

  • UNI Pagina IVUNI ISO 4309:2011

    APPENDICE A AREE CRITICHE CHE RICHIEDONO UNISPEZIONE PARTICOLARMENTE (informativa) ATTENTA 21

    figura A.1 Avvolgimento a strato singolo ..................................