Click here to load reader

Sandra Mondaini e Raimondo Vianello

  • View
    232

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Sandra Mondaini e Raimondo Vianello sono amati e seguiti da schiere di appassionati di tutte le età, che in questo volume troveranno per la prima volta il racconto definitivo e completo della loro lunghissima storia artistica. Non solo la comune carriera televisiva, ma anche i rispettivi percorsi nel teatro e nel cinema

Text of Sandra Mondaini e Raimondo Vianello

  • Roberto Frini Federico Bravetti

    Prefazione diAntonio Ricci

    GREMESE

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:00 Pagina 3

  • A mio padreRoberto Frini

    Gli Autori e lEditore ringraziano Tv Sorrisi e Canzoni e il CentroDocumentazione Arnoldo Mondadori Editore per aver gentilmente concesso lusodelle fotografie di cui alle pagine 78, 79, 81 (a destra), 84, 85, 86, 88, 92, ; Rai Techeper le fotografie di cui alle pagine 57, 58, 67, 69, 70, 71, 73; lufficio stampaMediaset e lagenzia Marangoni Spettacolo per la fotografia che compare incopertina e a pagina 16 del volume.

    Ringraziano Michele Lanzarotto ed Enrico Lancia per la gentile collaborazione prestata.

    Ringraziano altres lAIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) per averegentilmente fornito i materiali di cui alle pagine 90 e 91.

    Gli Autori ringraziano inoltre Vito Molinari, Giancarlo Livraghi, Rosalie Escarez edEdgar Magsino.

    Copertina: Patrizia Marrocco

    Fotografie: ad eccezione delle fotografie di cui ai Ringraziamenti, tutte le immagini provengonodallarchivio personale di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Crediti specifici delle stesse: FotoCine Mastrorilli (pag. 25), Carlo Baffoni (pag. 26), Rotofoto (pag. 28), A. Di Crollalanza Jr. (pag.30 sopra), Foto Rai (pag. 109), Cagliero (pag. 30, sotto), G.B. Poletto (pagg. 34, 139 sotto), FotoJulia (pagg. 37, 43), Fotocronache di Fulvio Frighi (pag. 40), Italfoto (pag. 41), Italys News Photos(pag. 42, 53 sotto, 122, 146), Farabola (pag. 46 sopra, 144), Guido Morandotti (pagg. 46 e 47sopra, 49 sotto, 96, 124), Foto Vaselli (pag. 54), Foto Capitano (pag. 100), Walter Breveglieri Foto Wall (pag. 126). LEditore chiede scusa di eventuali errori, lacune od omissioni nellindicazionedei crediti, dichiarandosi sin dora disposto a revisioni in sede di eventuali ristampe e alriconoscimento dei relativi diritti ai sensi dellart. 70 della legge n. 633 del 1941 e successivemodifiche.

    Fotocomposizione: Graphic Art 6 s.r.l. RomaStampa: La Moderna

    Copyright GREMESE2010 E.G.E. s.r.l. Romawww.gremese.com

    Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro pu essere riprodotta,registrata o trasmessa, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo,senza il preventivo consenso formale dellEditore.

    ISBN 978-88-8440-629-3

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:00 Pagina 4

  • SommarioPrefazione di Antonio Ricci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

    Una coppia unica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9Un formidabile sodalizio artistico e privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9Casa Vianello ma non solo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10Innovatori del piccolo schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12A proposito di coerenza artistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

    La vita, le carriere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17Gli inizi nel teatro di rivista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17Arrivano anche televisione e cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31Lanno dellincontro: 1958 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44Il primo variet condotto in coppia, e ancora tanta televisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61Gli indimenticabili spettacoli degli anni Settanta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70Gli anni Ottanta e il grande salto nella televisione commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74Lavventura di Casa Vianello e gli anni Novanta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80Dal Duemila in poi, le pi recenti apparizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89

    A tu per tu con Sandra e Raimondo Intervista di Federico Bravetti . . . . . . . . . 95

    Sketch e scenette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105Linvitato al matrimonio (Ciao fantasma, 1952) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105Lartigiano della Val Clavicola (Un, due, tre, 1954) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106Arabella e Filiberto (Canzonissima 61). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108Le parolacce si pagano (Il signore di mezza et, 1963) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110Osvaldo il cartellista (Il giocondo, 1963). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111La Madunina (La trottola, 1965) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112Cercasi cretino referenziato (Canzonissima, 1969) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113Arriver il giorno (Sai che ti dico?, 1972) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113La vita continua (Tante scuse, 1974) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114Aria di cambiamenti (Noi no, 1977) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115Cielo, mio marito! (Attenti a noi due, 1982) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116Facciamo finta che (SandraRaimondo Show, 1987). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117Dottor Vianello, psicanalista (Casa Vianello, 2004) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118

    Appendice Sessantanni di teatro, cinema, televisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123In coppia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123

    Teatro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127Televisione e radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128

    Raimondo Vianello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134Teatro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135Televisione e radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141

    Sandra Mondani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145Teatro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147Televisione e radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148

    Indice analitico dellAppendice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152

    Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 11-03-2010 9:33 Pagina 5

  • 001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 11-03-2010 9:33 Pagina 6

  • Questo volume non soltanto un puntuale e documentatissimoomaggio alla meravigliosa carriera di Sandra Mondaini e Rai-mondo Vianello, ma soprattutto un atto damore nei loroconfronti. Le star sono sempre amatissime dal pubblico, meno, moltomeno dai loro colleghi e dalle maestranze. Nel fatato mondo dellospettacolo tutti si baciano, si adorano, si dicono sei stupendo!. Poi,spenti i riflettori, in camera caritatis partono i veleni, sibilano lemaldicenze. Sandra e Raimondo no, loro no. Sono riusciti a farsi vera-mente amare sia dai loro colleghi, sia da chiunque abbia avuto la for-tuna di collaborare con loro. Il rispetto tra di loro e verso i loro com-pagni davventura risulta evidente negli errori trasmessi da Paperis-sima. Ho avuto modo di visionare ore e ore di fuori onda delle lororegistrazioni e mai un atteggiamento divistico, mai un gesto di maledu-cazione, di prepotenza, di arroganza, sempre con il sorriso sulle labbraanche di fronte a incidenti clamorosi. Quando ho inserito in Striscia lanotizia Cascina DAlema (ispirata a Cascina Vianello) con GeneGnocchi nei panni di Raimondo DAlema e Tullio Solenghi in quelli diSandra Veltroni, ho dovuto visionare di seguito decine e decine di pun-tate. Ho guardato e riguardato i filmati di Sandra Mondaini che si agi-tava a letto sbattendo i piedi sotto le coperte ripetendo Che noia chebarba, che barba che noia, che noia che barba, che barba che noia.Ogni volta lo faceva in modo diverso, non era un atto meccanico, maimprevedibile, jazzistico. Alle studiate e comicissime pause di Raimon-do, Sandra rispondeva con contrappunti e con limprovvisato assolobeccava lultima risata. Sandra e Raimondo straordinari musicisti.

    Antonio Ricci

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 11-03-2010 9:33 Pagina 7

  • Sandra e Raimondo sono sempre stati amanti degli animali: qui li vediamo in compagnia di Zorro, il loro enormeBullmastiff, che ha fatto anche una comparsata in uno degli show televisivi della coppia, Di nuovo tante scuse.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 8

  • Una coppia unica

    Un formidabile sodalizio artistico eprivato

    Per quanto possa sembrare scontato o banalescriverlo, bene precisare che le carriere di San-dra Mondaini e Raimondo Vianello sono comin-ciate separate, come quelle di quasi tutte le grandicoppie comico-brillanti della storia dello spetta-colo. Tuttavia un dato di fatto che gran partedella carriera di Vianello e della Mondaini, ancheprima del sodalizio, sia stata caratterizzata dalrapporto di coppia. Vianello inizia con ruoli tea-trali e cinematografici di contorno. Basta vedere ifilm degli anni Quaranta e Cinquanta, che lo rele-gano al ruolo di comprimario-caratterista, perrendersene conto. Il grande, definitivo successo,lo ottiene quando comincia a far coppia con UgoTognazzi. Una volta scioltasi la coppia con To-gnazzi, ne former unaltra, di breve durata e li-mitata al cinema, con Walter Chiari e nello stessoperiodo cementer il rapporto con Sandra Mon-daini, finch i due si uniranno in matrimonio for-mando definitivamente anche una coppia artisti-ca. La Mondaini, dal canto suo, prima che con

    Vianello, ha varie volte formato una coppia bril-lante uomo-donna, seppur estemporanea (conGianni Agus, Paolo Poli, Corrado, eccetera). Maci che pi conta che la coppia artistica Via-nello-Mondaini rappresenta una delle pochecoppie brillanti uomo-donna dello spettacolo,non solo italiano.

    Potremmo anzi affermare, senza timore desseresmentiti, che si tratta dellunica coppia uomo-donna. Nemmeno il cinema americano, che pureha prodotto tanti grandi comici e protagonistidella commedia, mai riuscito a creare una cop-pia mista di duraturo successo, limitandosi adabbinamenti momentanei in occasione di un par-ticolare film o telefilm. Nello specifico del nostropaese, possiamo sicuramente annoverare tra lecoppie comiche o brillanti quella formata da Pao-lo Panelli e Bice Valori, due grandi attori ogginon abbastanza ricordati, le cui carriere si sonotra laltro in certi periodi intersecate con quelle diVianello e Mondani: Panelli, ad esempio, unodegli interpreti del film a episodi Amore allitalia-na, con Vianello, mentre sia Bice Valori che San-dra Mondaini sono nel ragguardevole cast del gu-stoso film di Steno Susanna tutta panna. Per certiversi Panelli e Valori possono essere consideratiunaltra coppia uomo-donna dalle caratteristichecomiche e brillanti, anche se la quantit di lavoriinterpretati insieme non certo paragonabile aquella di Vianello e Mondaini. Unaltra coppia,anche nella vita, di attori brillanti (ma non solo) stata formata da Franca Valeri e Vittorio Caprio-li, insieme prima nella compagnia del Teatro deiGobbi, con Alberto Bonucci, poi in alcuni film.

    Se mi guardo indietro non hopentimenti. Dovessi ricominciare,farei esattamente tutto quello cheho fatto. Tutto. Mi risposerei anche.Con unaltra, naturalmente.

    (RAIMONDO VIANELLO)

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 9

  • 10 SANDRA MONDAINI E RAIMONDOVIANELLO

    Ci sono state poi accoppiate estemporanee, adesempio tra Alberto Sordi e Monica Vitti, che han-no girato vari film insieme. Ma, ribadiamo, nessu-na pu essere paragonata, anche solo per la lungacarriera avuta insieme, alla coppia Vinello-Mon-daini, che ha attraversato praticamente sessantan-ni di storia dello spettacolo.

    Casa Vianello ma non soloPer quel che riguarda il cinema e il teatro, da

    sottolineare il fatto che Vianello e Mondaini rap-presentano ancora oggi il trait dunion con une-poca e con personaggi di straordinario spessoreartistico (Tot, Macario, Mario Mattli, WandaOsiris, Sordi, Tognazzi, solo per citarne alcuni).Unepoca ormai lontana della quale sono certa-mente testimoni e rappresentanti, contribuendooltretutto in maniera fondamentale a conservarne

    la memoria grazie ai variet e alle scenette. Vianel-lo e Mondaini sono tra i pochi attori che abbianosaputo attraversare varie epoche e comunicare condiversi tipi di pubblico, anche se sarebbe ingenuoe criticamente fuorviante affermare che un nutritonumero di adolescenti contemporanei possa oggiseguire o interessarsi alle vicende di Casa Vianel-lo. Tuttavia, al di l del gradimento che nei con-fronti di Vianello-Mondaini pu provare un di-ciassettenne, evidente che le continue replichedella sit-com o de I misteri di Cascina Vianello,piuttosto che degli spezzoni dei loro show, li ren-dano popolari anche tra le nuove generazioni.

    Vorrei avere lironia di RaimondoVianello e la classe di Walter Chiari.

    (GIANNI MORANDI)

    Sayonara Butterfly, del 1958, fu la rivista galeotta che fece nascere lamore tra i due. Una sera, di fronte a unacotoletta alla milanese, Raimondo si dichiara a Sandra. Durante due giorni di riposo della compagnia lasciano irispettivi partner e si fidanzano.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 10

  • Insomma, negli oltre cinquantanni di storiadella televisione italiana, tra i non molti nomi chesi rincorrono sin dalla sua nascita e il cui ricordostrappa ancora un sorriso al pubblico perchcon essi si stabilito un rapporto di familiarit eaffetto , ci sono Vianello e Mondaini.

    La messa in onda, ormai priva di ogni ordinecronologico, di vecchie e nuove puntate di CasaVianello, tuttavia, rischia di appiattire la lorocarriera su unimmagine da personaggi della tvprivata, e potrebbe far dimenticare ai pi giovanie ai meno informati che i due artisti frequentava-no gli studi della Rai quando la televisione di Sta-to stava nascendo. Il pubblico televisivo di oggirischia dunque di conoscerli solo come perso-naggi che animano il mnage familiare di CasaVianello. Come daltra parte stanno a dimostra-re i vari, recenti riferimenti-omaggio alla celebrescena del letto matrimoniale con cui si conclude-va ogni puntata della sit-com: dallo spot interpre-tato dal calciatore Totti e dalla moglie Ilary Blasi,

    al prossimamente del variet La sai lultima?,con Lorella Cuccarini e Massimo Boldi, andato inonda nellautunno del 2007; senza dimenticareCasa Saddam, la parodia in cui Paolo Kessiso-glu e Luca Bizzarri, durante la trasmissione di Ita-lia 1 Le iene, danno vita a un momento comicoraccontando la presunta alleanza tra Saddam eBin Laden. doveroso specificare che i due in te-levisione hanno fatto molto di pi, come vedremoin questo libro che documenta soprattutto la lun-

    Per me stato un sogno poterlavorare con questi due miti:quando negli sketch con GiorgioPanariello i critici ci paragonavano aSandra e Raimondo, io ne erosempre felicissima.

    (TOSCA DAQUINO, ATTRICE)

    Sono stati tra i primi artisti a essere sposi sul palcoscenico e nella vita. Le nozze furono celebrate il 28 maggio 1961nella basilica romana di San Giovanni a Porta Latina. Compunti e un po tirati, eccoli in una delle rare foto dellacerimonia.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 11

  • 12 SANDRA MONDAINI E RAIMONDOVIANELLO

    fermare per Gino Bramieri o Corrado. Quello chein realt distingue i due artisti il fatto che moltiaddetti ai lavori li considerino dei veri e proprimodelli. Difficile, ad esempio, trovare comici ogiovani presentatori che non dichiarino la loroammirazione per Vianello e non ammettano diispirarsi a lui. Si veda ad esempio un articolo suigi citati Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu pubbli-cato dal Corriere della Sera, in cui i due comiciindicano come loro modello artistico la coppiaVianello-Tognazzi1. O laffettuoso omaggio allesigle finali dei variet Di nuovo tante scuse eNoi no contenuto nel video della canzoneLa descrizione di un attimo dei Tiromancino,del 2000, e interpretato da Paola Cortellesi e Va-lerio Mastandrea.

    Altrettanto spesso, critici e studiosi indicanoMondaini e Vianello come esempio di televisionee di intrattenimento intelligenti. Nei vari pro-grammi che trasmettono spezzoni della tv di unavolta (Supervariet e Superstar su Rai Uno,Videocomic e Cercando cercando su RaiDue, Ieri e oggi in tv su Retequattro) i lorosketch sono tra i pi riproposti, a dimostrazionedi quanto ancora siano apprezzati. Proprio la vi-sione dei brani di quei vecchi programmi finisceper tracciare inesorabilmente una linea di demar-cazione tra vecchia e nuova tv, evidenziando unavolta di pi il profondo cambiamento avvenutonella produzione televisiva anche per quel che ri-guarda un tipo di spettacolo accessibile a tutti.

    Vianello e Mondaini hanno cominciato con ilteatro di rivista e a quel genere di spettacolo sonorimasti legati. Da esso hanno portato i temi e lestrutture degli sketch, adattandoli a un pubblicopi vasto. Tuttavia, non tanto lessere stati al-fieri del variet o del teatro di rivista ad averliresi unici e inimitabili. Lintelligenza della coppia stata quella di giocare sul loro ruolo nella vita esulla scena, portare nella finzione ci che potevaaccadere nella realt e viceversa. Pi di una volta stato loro chiesto quanto ci fosse di vero neglisketch coniugali, e pi di una volta hanno rispo-sto: tutto. Tranne, sottolineava ironicamente laMondaini, i reiterati e infruttuosi tentativi delVianello personaggio di sedurre la bella partnerdi turno. Lintervista diventava lo spunto per con-tinuare allinfinito il gioco dei battibecchi, un gio-

    ga attivit precedente a Casa Vianello. La tele-visione stato lultimo mezzo espressivo frequen-tato dalla coppia ed quello che certamente ha re-galato loro lautentica popolarit, coincisa poi conun marchio di fabbrica che li ha resi, appunto,una coppia unica nel suo genere. Una popolaritche, una volta raggiunta, li ha spinti non a caso amettere da parte non tanto il teatro, abbandonatogi da tempo da Vianello e frequentato solo spo-radicamente dalla Mondaini, ma soprattutto il ci-nema, che per loro stessa ammissione non avevamai dato loro grandi soddisfazioni e che probabil-mente stato accantonato senza rimpianti.

    La carriera di Vianello e Mondaini si dividesostanzialmente in tre periodi: quello che dagliesordi arriva pi o meno alla fine degli anni Cin-quanta, nel quale predomina decisamentelattivit teatrale (in questo periodo i due giranovari film separatamente ma quasi mai da prota-gonisti); un periodo perlopi cinematografico,che inizia dalla fine degli anni Cinquanta e prose-gue fino al termine del decennio successivo, in cuivi sono ancora alcune seppur sporadiche frequen-tazioni teatrali da parte della Mondaini e unasempre pi intensa attivit televisiva di entrambi;e infine quello televisivo, che occupa gran partedella loro carriera dagli anni Settanta in poi, daquando cio entrambi abbandonano il cinema,fatta eccezione per le sceneggiature scritte da Via-nello e per il temporaneo ritorno al grande scher-mo della Mondaini in Sbirulino. Questultimo pe-riodo arriva sino ai giorni nostri.

    Innovatori del piccolo schermoAbbiamo sottolineato la simpatia che Vianello

    e Mondaini hanno sempre suscitato nel pubblico,e che rappresenta comunque una necessit impre-scindibile per qualsiasi attore o attrice di generipopolari. Lo stesso in fin dei conti si potrebbe af-

    Raimondo e Sandra sono nellavita quello che si vede sullo schermo.

    (MASSIMO GIULIANI, ATTORE)

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 12

  • UNA COPPIA UNICA 13

    co in cui a volte difficile discernere il vero dalfalso. Questo ha indubbiamente accresciuto i loroestimatori, capaci di cogliere al di l dellaspettocomico una certa volont critica, sferzante, circale dinamiche di una coppia borghese annoiata.Oltre a subire il richiamo di quella contiguit avolte indistinguibile tra realt e finzione, fruttodellabilit con cui Vianello e la Mondaini hannosempre mescolato ironicamente pubblico e privato.

    Si pu dire che i due attori hanno messo inscena un rapporto coniugale dal taglio farsesco,ma che spesso coglie nel segno pur utilizzandodegli stereotipi, e lo hanno fatto attingendo pi omeno copiosamente alla propria esperienza di vi-ta. Nello stesso tempo hanno raccontato il mezzotelevisivo (tra laltro nel suo evolversi: si veda lanascita del colore coincidente con il variet RaiNoi no, della stagione 77-78) attraverso lapropria attivit sul piccolo schermo. In questomodo hanno creato un vero e proprio sottoge-nere firmato Mondaini-Vianello, nel quale la te-levisione diventa oggetto stesso del discorso. Inmolti loro variet, infatti, lattenzione era centra-ta non solo sulla rappresentazione dello spettaco-lo, ma ancor di pi sul suo crearsi, sul suo evol-versi. In maniera sottile, gli spettacoli della cop-pia riuscivano ogni volta a rinnovarsi pur restan-do apparentemente sempre uguali. Il marchio difabbrica della coppia, nello stesso tempo, haportato con s una smitizzazione dellaura che dasempre circonda il mondo della tv, col risultato distimolare lintelligenza critica dello spettatore e,quindi, un suo distacco ironico da ci che vienerappresentato.

    In un certo senso, il metodo Vianello-Mon-daini ha sempre permesso di contenere il poteredebordante della televisione, come invece lo ve-diamo oggi svolgersi sotto i nostri occhi: attraver-so il rigore di una messinscena di stampo teatrale,attraverso i paletti di un copione, di una regi-strazione, di una delimitazione di taglio cinema-tografico. Con il circoscrivere il raggio dazionetelevisivo nello spazio ridotto dello studio, in mo-do da riprodurre le limitazioni estremamente fer-tili del palcoscenico (anche se frequenti erano leuscite in spazi aperti, ad esempio negli inimitabilifinali dei variet, comunque sempre montati co-me piccoli film). Ancora, tenendo sotto controllo

    la durata di ogni puntata. Non un caso che idue abbiano smesso di proporre variet televisiviquando la diretta ha preso definitivamente il so-pravvento, e la stessa televisione ha preso a im-porsi su chi la scriveva, la dirigeva, la realizzava.Risulta piuttosto evidente la frattura tra un certotipo di televisione, alla maniera di Vianello-Mon-daini, e la televisione che si fa oggi, e in questo

    Sandra in posa nella sua casa milanese nel periododel fidanzamento con Raimondo. Prima dellapromessa di matrimonio, litigavano spesso e leitornava a Milano dalla madre. Raimondo poi lachiamava al telefono supplicandola di tornare.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 13

  • senso illuminante la risposta di Vianello, comesempre sottilmente ironica, sul perch a un certopunto i due abbiano smesso di realizzare gli showsul piccolo schermo. Adesso molto diverso.Quando le facevamo noi, le riviste in tv duravanounora, massimo unora e un quarto. Adesso vediquesti programmi di prima serata, e dopo tre oquattro ore torni e vedi che loro sono ancora l. impressionante2.

    A proposito di coerenza artisticaRibadire lunicit del sodalizio tra Mondaini e

    Vianello, nonch il fallimento dei peraltro spora-dici tentativi dimitazione, significa porre in rilie-vo non solo e non tanto lestensione temporaledel percorso artistico dei due attori, ma anche lesue spiccate origini teatrali e i suoi successivi ap-prodi ai vari campi dello spettacolo: il cinema, laradio, la televisione; senza contare che, allinternodi questultima, i due si sono cimentati in quasitutti i generi possibili (dal variet al quiz, dal pro-gramma sportivo alla sit-com, dalla commediamusicale al reportage, dalla pubblicit al gioco a

    premi). Si potrebbe sottilizzare che manca nel lo-ro repertorio unesperienza cosiddetta dram-matica, magari linterpretazione di un film che lisottraesse alla dimensione sostanzialmente farse-sca del loro cinema (come vari attori brillantihanno tentato di fare almeno una volta), anche setale mancanza sottolinea quantomeno la coerenzaartistica dei due attori. A questo proposito, ci oc-cuperemo dei ruoli offerti a Vianello da MarioMonicelli, ma ad essi bisogna aggiungere quelloche Nanni Moretti, in veste di produttore, glipropose per il film Domani accadr, diretto nel1987 da Daniele Luchetti.

    Anche questa una partecipazione mancatache, seppur sempre compresa nellambito dellacommedia, risulta ancor pi significativa perchben distante dal periodo in cui Vianello era in au-ge come attore cinematografico. Il ruolo nel filmdi Luchetti avrebbe rappresentato un ritorno dinon poco conto, un modo per allacciare nuova-mente i rapporti con il mondo del cinema, da cuinon era stato capito fino in fondo, ma Vianellonon accett lofferta, non si sa se per la solita ri-trosia, per impegni gi assunti o per altri motivi

    In questa foto scattata sul set di un carosello, Sandra vestita da uomo, evento per lei raro in cui, per,ci guadagna la sua naturale verve comica.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 14

  • UNA COPPIA UNICA 15

    Se la scelta di esprimersi soltanto attraverso latelevisione oggi pu sembrare un limite, essa per anche la dimostrazione della forte persona-lit dei due attori e, al contempo, della consape-volezza di entrambi circa le proprie corde artisti-che. La nicchia televisiva in cui Vianello (ma il di-scorso si pu con le debite differenze estendereanche alla Mondaini) s rifugiato dagli anniSettanta in poi a qualcuno sembrata professio-nalmente poco gratificante e forse ha a che fareanche con la sua pigrizia, ma rappresenta comun-que una scelta ben precisa, la scelta di uno spaziodelimitato entro cui operare, di mezzi espressivi edi contenuti, insomma una dichiarazione dintentisu ci che lartista voleva e non voleva fare. Ri-spetto a molti loro colleghi, sia Vianello che laMondaini hanno mantenuto unintegrit artisticaunica nel suo genere, perch diametralmente op-

    ancora. Comunque sia, questo fatto sembra con-fermare che lattore aveva ormai trovato un pro-prio ambito domestico (in tutti i sensi), unatranquilla routine dentro il piccolo schermo chereputava congeniale al suo carattere. Tale sceltaera stata con ogni probabilit dettata anche dalfatto che, negli anni Settanta, la tv non era anco-ra meramente commerciale e permetteva pi am-pie espressioni di estro e creativit: imperniandole scenette su due soli personaggi e sulle innume-revoli declinazioni che intorno ad essi si potevanocostruire, e facendo ricorso a continue variazioniespressive, Vianello e Mondaini creavano sketchdialogati o mettevano a frutto la loro mimica ingag mute, a cui oltretutto il bianco e nero risulta-va pi funzionale. Ad esempio, nella celeberrimae bellissima scenetta elaborata sulle note di E iotra di voi di Charles Aznavour.

    Invece, Rimondo neglianni ha vestito spesso abitifemminili in tv, una sceltalegata come lo stesso

    artista ha pi voltedichiarato allo

    straordinarioapprezzamento delle suemises en travesti da parte

    del pubblico.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 15

  • 16 SANDRA MONDAINI E RAIMONDOVIANELLO

    posta a quella pedanteria che spesso si riconnetteal termine coerenza: unintegrit, cio, basatasulla leggerezza e sul disimpegno. Tale rigida au-tonomia ha probabilmente impedito loro di fareesperienze altrettanto interessanti, ma non punon essere messa in rilievo ed con ogni probabi-lit tra i motivi dellaffetto del pubblico e dellastima di cui i due artisti godono tra i colleghi. Lastessa stima che Moretti, regista non certo di gu-sti facili, aveva dichiarato nei confronti di Vianel-lo allepoca della proposta citata. In effetti si pos-sono intravedere alcune somiglianze tra i due. Intermini appunto di coerenza artistica, che non acaso ha portato entrambi ad essere perni del lo-ro mondo creativo e a far ruotare la rappre-sentazione scenica intorno ai loro rispettivipersonaggi. Ma anche per certi aspetti delcarattere, oscillante tra la ritrosia adapparire al di fuori dellambi-to artistico e la tendenza aosservare il mondo con di-staccato sarcasmo.

    In questo senso, le sin-gole carriere di Vianello edella Mondaini, incanalatenei binari del genere bril-lante con sfumature maisguaiatamente comiche(nemmeno quando im-perversava la farsa picorriva, anche se biso-gna ammettere che uncontributo in questosenso Vianello lha dato

    come sceneggiatore) ma di dignitoso understate-ment, assumono un significato che va al di l del-la simpatia e popolarit che hanno procurato aidue attori. Sia la Mondaini che Vianello, fin dal-linizio e prima ancora di diventare coppia, han-no saputo dare vita a personaggi che, come quellidei grandi dello spettacolo, sono sempre uguali esempre diversi. Personaggi che sono in parte lorostessi e che, tuttavia, sono assurti a simbolo stac-candosi dalla semplice silhouette della macchiet-ta, perch resi concreti dallumanit di chi li hacreati e impersonati.

    Hanno trionfato con la loroironica lievit, senza maiscendere a patti con la

    televisione urlata o ammiccante:caso pi unico che raro di

    coerenza artistica e di rispettoper il pubblico.

    001-160_Mondaini_Vianello.qxp:001-080_Mondaini_Vianello.qxp 10-03-2010 15:01 Pagina 16