of 19/19
Mercoledì 12 aprile 2017 Rassegna associava Rassegna Sangue e emoderiva 2 Rassegna sanitaria, medico-scienfica e Terzo seore 8 Prima pagina 13 Rassegna stampa A cura dellUfficio Stampa FIDAS Nazionale

Rassegna stampa - Fidas ADSP - | Notizie ed Eventi · Rassegna Sangue e emoderivati 2 Rassegna sanitaria, medi o-sientifia e Terzo settore 8 Prima pagina 13 Rassegna stampa A cura

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Rassegna stampa - Fidas ADSP - | Notizie ed Eventi · Rassegna Sangue e emoderivati 2 Rassegna...

Mercoled 12 aprile 2017

Rassegna associativa Rassegna Sangue e emoderivati 2 Rassegna sanitaria, medico-scientifica e Terzo settore 8 Prima pagina 13

Rassegna stampa

A cura dellUfficio Stampa

FIDAS Nazionale

Rassegna

sangue e emoderivati

ITALIA OGGI.IT

Emotrasfusioni infette, condannato il ministero della Salute.

Dovr risarcire i danneggiati

Il ministero della Salute dovr risarcire centinaia di persone che hanno subito

danni da emotrasfusione con sangue infetto. L'ha deciso la prima Corte d'appello

civile di Roma, i cui giudici hanno respinto un appello proposto dal ministero

contro una sentenza emessa dal tribunale monocratico di Roma nel 2006.I giudi-

ci hanno affidato a un separato giudizio la quantificazione dei danni biologici,

morali e patrimoniali riconosciuti (che dovrebbero ammontare ad un totale di al-

meno 30milioni). Tra le indicazioni in tema di diritto della sentenza, significativa

la risposta al motivo di ricorso che vedeva il Ministero sostenere che, derivando

il danno da una serie di trasfusioni, sarebbero state responsabili le singole Regio-

ni in quanto depositarie dei compiti amministrativi in materia di salute umana e

veterinaria. Per i giudici "il Ministero della Salute tenuto ad esercitare un'attivi-

t di controllo e di vigilanza in ordine alla pratica terapeutica della trasfusione del

sangue e dell'uso degli emoderivati sicch risponde dei danni conseguenti ad

epatite ed a infezione da HIV, contratte da soggetti emotrasfusi, per omessa vigi-

lanza sulla sostanza ematica e sugli emoderivati". Soddisfazione per la sentenza

stata espressa dall'avvocato Marcello Stanca, presidente nazionale dell'Amev Fi-

renze e patrocinatore di alcuni dei danneggiati: "Abbiamo aspettato dieci anni

dall'instaurazione del giudizio - ha detto - Sono tanti anni, ma alla fine i giudici

d'appello hanno confermato le nostre ragioni, ritenendo la responsabilit del Mi-

nistero nonostante il tentativo di scaricare la colpa sulle Regioni. Importante, poi,

il fatto che i giudici hanno ritenuto presunta la responsabilit da contagio fin

dall'anno 1979, stabilendo che il sangue ed emoderivati somministrati agli am-

malati non rispondevano ai requisiti di 'pulizia' e di igiene preventiva che avreb-

bero sicuramente impedito il contagio".

QUOTIDIANO SANIT.IT

Riordino della rete trasfusionale, Anaao Assomed: Il documento Age-

nas da annullare

AllAnaao Assomed la proposta di riordino della rete trasfusionale redatta dal tavolo tecni-

co Agenas non piace. Per lAssociazione medica sarebbe stata redatta da un gruppo di

esperti la cui titolarit sul tema non appare chiara. Inviata una lettera al ministro della Sa-

lute e al Presidente della Conferenza delle Regioni per fare chiedere lannullamento. del do-

cumento.

11 APR - Annullare la proposta di riordino della rete trasfusionale redatta dal tavolo tecni-

co Agenas. questo loggetto della lettera inviata dallAnaao Assomed al ministro Beatrice

Lorenzin e al Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini.

Il documento scrive Costantino Troise, segretario nazionale Anaao Assomed - scritto con

la partecipazione di alcuni esperti, ribalta e ridimensiona in modo sostanziale una rete di

servizi essenziali, quali quelli trasfusionali, in assenza di basi giuridiche, ovvero sulla base

di una distorta applicazione del Dm 70/2015, ed in assenza di un confronto che sia cor-

rettamente condotto a livello istituzionale. Il documento ha continuato il segretario

Anaao Assomed - appare redatto senza una chiara delega legislativa, da un gruppo di

esperti la cui titolarit sul tema non appare chiara, saltando ogni legittimo percorso istitu-

zionale, di cui si prevede il trasferimento alla Conferenza Stato Regioni per lapprovazione

formale.

LAnaao Assomed ha definito il documento totalmente inaccettabile sia nella forma che

nei contenuti. Si oppongono sia al metodo adottato per definirlo, sia al un nuovo modello

trasfusionale proposto che ha aggiunto Troise - dovrebbe essere applicato sperimental-

mente in alcune Regioni per poi estenderlo a tutto il territorio nazionale.

Se il testo propone la qualificazione della medicina trasfusionale, allora per lAnaao Asso-

med ci sarebbero diversi punti contradditori. Punto numero uno: se la logica finale di

avere tre blood bank in Italia, una per il settentrione, una per il centro ed una per il meri-

dione si legge ancora nella lettera inviata al ministro Lorenzin - questo va nella linea di

altri paesi ma si scontra violentemente con un assetto organizzativo adatto al nostro siste-

ma assistenziale di medicina trasfusionale.

Al punto numero 2 c il potenziamento dei Centri Regionali e del Centro Nazionale che

per lAnaao Assomed sposa una politica sanitaria di centralizzazione esasperata che si

scontra con gli orientamenti attuali della stessa conferenza delle Regioni.

Ancora, puntualizzazione numero 3: al documento continua la lettera - pare sottesa

una ipotesi di vera e propria Agenzia Autonoma del sangue sul territorio nazionale e re-

gionale disegnando un ribaltamento istituzionale in cui resta confuso comprendere chi

finanzia ed in che modo una attivit che si sviluppa tipicamente sul livello locale. Inac-

cettabile conclude - appare la scelta dei nuovi parametri per individuare una struttura

complessa di Medicina Trasfusionale, con una riduzione verticale delle strutture attuali.

La scelta dei parametri appare incomprensibile ed avulsa da ogni compatibile criterio di

programmazione regionale.

LAnaao Assomed alla luce dellipotesi descritta, richiede al Ministro della Salute ed al

Presidente della Conferenza delle Regioni "di operare per limmediato annullamento

dellinaccettabile proposta del tavolo tecnico, essendone errati i presupposti che ne han-

no generato la composizione, oltre che i contenuti elaborati, e chiede un incontro urgen-

te per porre in essere un confronto serio e costruttivo sulla valorizzazione ed il rafforza-

mento del sistema trasfusionale italiano, peraltro oggi vero e proprio punto di forza del

Ssn".

HEALTHDESK

Un triage informato per i pazienti emofilici

una malattia rara della quale soffrono circa 4.500 persone in Italia. E proprio per questo me-dici e infermieri non sempre sanno come trattare un paziente con emofilia che arriva al Pron-to soccorso per un qualsiasi problema urgente. E proprio per questo Fedemo, la Federazione delle associazioni emofilici, lancia un appello al-le Istituzioni affinch in tutte le Regioni, in modo uniforme, si identifichi un codice di triage che meglio agevoli laccesso in Pronto soccorso per chi affetto da emofilia e da altre malattie emorragiche congenite (Mec). L'appello giunge luned 10 aprile da Roma, dove Fedemo, in sinergia con lAssociazione italia-na centri emofilia (Aice), la Societ di medicina di emergenza e urgenza (Simeu) e quella di Medicina emergenza urgenza pediatrica (Simeup), ha promosso un incontro in vista della Giornata mondiale dell'emofilia. Il paziente emofilico deve immediatamente ricevere linfusione e successivamente le indagini diagnostiche, perch lemofilia una malattia tempo dipendente: prima si infonde il fattore, prima viene scongiurato qualsiasi esito che possa avere conseguenze anche gravi sulla salute della persona. Abbiamo ideato questa Giornata spiega il presidente FedEmo, Cristina Cassone - perch sul territorio italiano non esiste unorganizzazione omogenea nella gestione del paziente emofili-co. Purtroppo le Regioni allavanguardia sul tema dellaccettazione Pronto soccorso sono an-cora poche. Tra queste, come esempio positivo, figura lEmilia Romagna, dove la collaborazio-ne tra professionisti dei Ps, ematologi dei Centri emofilia e organi regionali ha generato linee guida specifiche per gestire le emergenze: il paziente emofilico facilmente riconoscibile e viene immediatamente soccorso. Registriamo invece notevoli difficolt nella maggioranza del-le altre Regioni, nelle quali non presente unorganizzazione altrettanto efficace. Ancora oggi la principale causa di morte negli emofilici lemorragia in urgenza (30% dei casi) e per questo motivo spiega Maria Pia Ruggieri, presidente nazionale Simeu - la nostra so-ciet scientifica costantemente impegnata nella sensibilizzazione e formazione dei profes-sionisti dellemergenza-urgenza, medici e infermieri, affinch il paziente emofilico soccorso in ambulanza e al Pronto soccorso possa ricevere le cure migliori nel minor tempo possibile. Lesperienza dellEmilia Romagna potrebbe essere esportata su tutto il territorio italiano prosegue Cassone - creando un vero e proprio percorso formativo nazionale. Oltre allinfusione immediata, per migliorare la situazione bisogna informare: si dovrebbero organizzare corsi di formazione auspica Cassone - che riuniscano Aice, Simeu e Simeup in maniera capillare, motivando i Centri emofilia allinterno delle singole Regioni. Nel Lazio, in Puglia e in Veneto conclude - stiamo portando avanti la sperimentazione del braccialetto Usb che, in caso di incidente, garantisce lidentificazione della persona emofilica da parte del personale sanitario e laccesso ai suoi dati tramite computer, smartphone o tablet.

Rassegna

Politica sanitaria,

Medico-scientifica e

Terzo Settore

Prima pagina