of 16 /16
www.kikloi.it - Prodotta da Kikloi s.r.l. Rassegna stampa del 08/07/2009 Il Resto del Carlino Ravenna Multati per la tigre (prima pagina)(Prime Pagine) Tavernello mondiale (prima pagina Lugo)(Prime Pagine) I più piccoli vanno a teatro(Cultura e Turismo) Riot, festival giovane e un po' ribelle(Cultura e Turismo) Shanaz presenta il progetto per i piccoli curdi malati(Sanità e sociale) Il Corriere Romagna di Ravenna Mosaico: tutti uniti per il Festival internazionale (prima pagina)(Prime Pagine) Shanaz Khan a Massa Lombarda(Sanità e sociale) La Voce di Romagna Ravenna Moschea, palla al ministro (prima pagina)(Prime Pagine) Il Sole 24 Ore Corte conti accelera gli interpelli(Pubblica Amministrazione) L'Emilia Romagna guida l'anti evasione(Pubblica Amministrazione) Italia Oggi Project finance, opportunità on line(Urbanistica, infrastrutture e trasporti) Rifiuti, riduzione e separazione conformi alle norme europee(Ambiente) Pagamenti veloci da 7 anni(Pubblica Amministrazione) Il consegnatario lento rischia il danno erariale(Pubblica Amministrazione) Indirizzi uniformi alle autonomie(Pubblica Amministrazione)

Rassegna stampa del 20090708 - Massa Lombarda · 2010-10-14 · Rassegna stampa del 08/07/2009 Il Resto del Carlino Ravenna Multati per la tigre (prima pagina)(Prime Pagine) ... AVENA

  • Author
    others

  • View
    0

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Rassegna stampa del 20090708 - Massa Lombarda · 2010-10-14 · Rassegna stampa del 08/07/2009 Il...

  • www.kikloi.it - Prodotta da Kikloi s.r.l.

    Rassegna stampa del 08/07/2009

    Il Resto del Carlino Ravenna

    Multati per la tigre (prima pagina)(Prime Pagine)

    Tavernello mondiale (prima pagina Lugo)(Prime Pagine)

    I più piccoli vanno a teatro(Cultura e Turismo)

    Riot, festival giovane e un po' ribelle(Cultura e Turismo)

    Shanaz presenta il progetto per i piccoli curdi malati(Sanità e sociale)

    Il Corriere Romagna di Ravenna

    Mosaico: tutti uniti per il Festival internazionale (prima pagina)(Prime Pagine)

    Shanaz Khan a Massa Lombarda(Sanità e sociale)

    La Voce di Romagna Ravenna

    Moschea, palla al ministro (prima pagina)(Prime Pagine)

    Il Sole 24 Ore

    Corte conti accelera gli interpelli(Pubblica Amministrazione)

    L'Emilia Romagna guida l'anti evasione(Pubblica Amministrazione)

    Italia Oggi

    Project finance, opportunità on line(Urbanistica, infrastrutture e trasporti)

    Rifiuti, riduzione e separazione conformi alle norme europee(Ambiente)

    Pagamenti veloci da 7 anni(Pubblica Amministrazione)

    Il consegnatario lento rischia il danno erariale(Pubblica Amministrazione)

    Indirizzi uniformi alle autonomie(Pubblica Amministrazione)

    www.kikloi.it

  • press LIETE08/07/2009

    il Resto dei Orlino

    RAVENNA

    PesTo del

    www.ilrestodelcarlino .i te-mail : cronaca [email protected] .net

    Redazione : via Salara 40, 48100 Ravenna - Tel. 0544 249611 - Fax 0544 39019

    ■ Pubblicità : S .P .E . - Ravenna - L .B . Alberti, 60 - Tel . 0544 278065/ Fax 0544 27045 7

    Mercoledì 8 luglio 2009

    ACQ>

    [ANI( )

    ì.l t

    ìf F1`ti°l"~`Y

    t

    I

    . 4a gi, ;_l1

    3 & ;

    IL SINDACO : «E' FAVOREVOLE IL 66 PER CENTO DEGLI INTERVISTATI»

    «Nuova moschea già promossada un sondaggio tra i cittadini »

    Servizio a pagina 2

    Romeni accampatinella cappellina

    di una villa antic a

    Serv

    Continuano i controll isul rispetto dell'ordinanz ache fissa le regole

    I per la lotta alle zanzareA giugno AusI e Polizi amunicipale hanno fatto178 verifiche e 18 verbali Benzinai chiusi:

    ((In crisi per i cost idi gestione»

    4 La lungodegenzava a Ravennaper un ann o

    E

    YIe U l nhinL 15

    0544 210008. . . .g\ . . `

    h.t\iartl. 24/A

    Tel. 0744 270722AVENA FERRARA.

    fsSF,;v'faE

    RiMPIi .

    3 bk Yo . riSii+ rià' gt I c i

    9~fi } F :l.i: C [R:i

    r I£ ti e

    - -:1€ ;mai Fù

    T.

    I;22

  • press LIETE08/07/2009

    il Resto del Carlino

    RAVENNA

    i l k, o~ ~~ a \N* de? LarbnoFAE MA.LuG 9

    www.ilrestodelcarlino .i [email protected] .ne t

    Redazione : via XX settembre 15, 48018 Faenza - Tel . 0546 26589 - Fax 0546 664750

    ■ Pubblicità : S .P.E. via della Repubblica, 2 Fusignano - Tel. 0545 50690/ Fax 0545 50287

    LA GIOVANE MADRE MORTA IN SEGUITO AL `FRONTALE' DI MANDRIOL E

    I soccorsi a Martina Samaritani

    Tutta Fusignano piange Martina`Una ragazza solare e simpatica'

    Servizio a pagina 1 4

    Il marchio princ idella Caviro è il quartopiù venduto per la classificastilata da `urine Spectatot' .E anche il vino da tavola piùconsumato in Italia, sceltoda 5 milioni difamigli e

    swvizio

    10

    Ascom : `Parcheggiinsufficientiin centro storico '

    Rapinò gioielleria:

    `incastrato '

    sedici anni dopo

    Servizio a pagina 1 1

    La Milano-Tarantoha fatto tappain piazza Forest i

    -- -

    .Te «iro.

    ABITI E ACCESSORIlani :' vis.

    1 .1 p,ttld L7 tld in C1S al'i :ì . I

    lit;3 per lulli i1 a lima ll T :•,_ aminu n .1~ :~, 1

    II - -4 ;ti! 1V illa ', AIirlin, :

    41

    u .: : il

    ol i

    Mercoledì 8 luglio 2009

  • press LIETE08/07/2009

    ilResto dei Carlino

    RAVENNA

    I più piccol ivanno a teatroMASSA Lombarda propone peri più piccoli, in piazza Matteotti,due serate di teatro . Questa sera al -le 21 .30, Teatro vivo e Teatro deiperplessi presentano lo spettacol o`Il mio piccolo principe ' , di e conMaurizio Brandalese . Mercoledì22 luglio, sempre alle 21 .30, laCompagnia officine Duende por-terà in scena `Priscilla, nuova sto -ria divertente della bambina im-pertinente'. Si tratta di uno spetta -colo di burattini a guanto, co nArianna Di Pietro ed EmanuelaPetralli e musiche originali dal vi -vo di Luca Li Voti (chitarra e ar-rangiamenti). In caso di maltem-po gli spettacoli si svolgerann onella sala del Carmine .

    Pagina 1 3Riot festival giovane e un po' ribcl e

  • press LIETE08/07/2009

    ilResto del Carlino

    RAVENNA

    Riot, festival giovane e un po' ribelleDal 16 al 18 luglio a Massa. Tra gli ospiti, Edoardo Bennato e Nashville Pussy

    di DANIELE FILIPP I

    IAMO soddisfatti per laqualità della proposta,perché si tratta di un 'ini -

    ziativa cresciuta nel territorio e di -venuta ormai un vero punto di ri -ferimento. Dietro tutto ciò c ' è ungrande sforzo organizzativo daparte del Comune . `Riot Fest' èfrutto di un progetto condivisonel territorio nel quale ancorauna volta si è dimostrato fonda -mentale l ' aiuto prestato dai ragaz -zi e dai volontari» . Con queste pa -role il sindaco di Massa Lombar -da, Linda Errani, ha presentato ie -ri il `Riot Fest 2009' , un festivalche di anno in anno si va accredi -tando come uno degli eventi esti -vi di maggior richiamo della Bas -sa Romagna . Una delle particola -rità di questa manifestazione ,giunta alla quinta edizione, sta si -curamente nel fatto che la sua or -ganizzazione è curata da 40 ragaz -zi volontari del Centro giovani

    Jyl di età compresatra i 18 e i 28 ann iche, insieme all'as-sessorato alla Cul-tura e alle Politichegiovanili e con ilsupporto di nume -rosi sponsor e part-ner, rappresentan oil vero motore del`Riot Fest ' . Un fe-stival pensato e rea -lizzato per le fasc epiù giovani, manon solo per que-ste, che vuole esse -re accessibile a tut-ti con prezzi bassi e con proposteculturali anticonformiste e un po 'ribelli . «In questi anni — ha spie-gato l'assessore alle Politiche gio-vanili, Davide Pietrantoni — il fe-stival ha in primo luogo offerto a lnostro territorio momenti di gran -de spettacolo dal vivo, in contro -tendenza con la generale contra-zione di concerti e spettacoli . In

    secondo luogo ha saputo motiva-re, coinvolgere, stimolare la vo-glia di fare di tanti giovani dell anostra comunità. Per questo ilRiot Fest è ormai una risorsa im-portante per la nostra città» .

    QUEST'ANNO sul festival de igiovani della Bassa Romagna, me-glio noto come `Riot Fest ' , i riflet-

    tori si accenderan -no dal 16 al 18 lu-glio con diverse no-vità. Giovedì 1 6nell ' area feste di vi aRabin si esibirannodal vivo, nella lorounica data italian adel tour europeo, i`Nashville Pussy ' ,gruppo di Atlantacelebre per il rockesplosivo . La bandè infatti conosciutaper le sue esibizioni`live ' molto suggesti-ve . Come da tradi-

    zione, il Riot Fest, da sempre sen -sibile alla promozione dei giovanitalenti del territorio, farà aprire i lconcerto del gruppo americano ai`Sour Whine ' , band emergentehard-rock imolese . Il 17 luglio l aseconda giornata del festival sisvolgerà in piazza Matteotti co nl 'iniziativa `Riot e commercio in -sieme per l 'Abruzzo ' . I ragazzi del

    Riot, con il Comitato festa merca-to e la Pro loco, si rivolgeranno atutti i cittadini per un serata di so-lidarietà con raccolta di fondi dadevolvere alle popolazioni terre-motate dell 'Abruzzo. I volontarisono andati proprio in quella ter-ra per acquistare sul posto 3mil aarrosticini da rivendere nel corsodella serata, in un incontro gastro -nomico tra Abruzzo e Romagna.Naturalmente non mancherà l amusica con giovanissime band lo -cali come i `Mens Rea ' e le 'Ani-me sarde ' e il loro concerto-tribu-to a Fabrizio De Andrè. Per l'ulti-ma data del festival, il 18 luglio, l apresenza di un grande cantautoreche ha segnato davvero un pezzodella storia musicale italiana . Sitratta di Edoardo Bennato ; sulpalco sarà preceduto da un musici-sta del territorio, Fabrizio Tarro-ni, che presenterà alcuni branidal suo ultimo cd `Senza filtro' .Nella foto : la presentazione delfestival Riot

    Pagina 13

  • press LIETE08/07/2009

    il Resto del Carlino

    RAVENNA

    SARÀ RICEVUTA DAL SINDACO ERRAN I

    Shanaz presenta il progettoper i piccoli curdi malati

    MASSA Lombarda attende oggi Shanaz Ibrahim Ahmed, re-sponsabile relazioni internazionali di ` Save the children Kurdi-stan'. Shanaz, che in questi giorni sta presentando il progett o` Lugo-Iraq : un ponte per i bimbi di SCK ', sarà ricevuta dal sinda-co Linda Errani e da altri rappresentanti del Comune, alla pre-senza di Fulgida Barattoni, referente locale dell'International pe-ace bureau e promotrice del progetto in favore dei bambini cur-di. Shanaz sarà poi accompagnata a visitare alcuni servizi dell acittà di Massa Lombarda (infanzia, casa protetta, centro diurno )e incontrerà una delegazione dell 'Unione donne italiane per co-noscere il servizio d'integrazione `Spazio donna'.

  • press LIf1E08/07/2009 CrM'eredi Ravenn a

    REDAZIONE E PUBBLICITÀ: VIA DE GASPERI, 5- RAVENNA TEL : 6544-218262 FAX : 0544-33791 . SPEDII IN A .P. -45% ART.2 COMMA2618 LEGGE 662196-FILIALE DI FORO . ALTRE SEDI: RIMINI (6541-354111) .FORLI (0543-35526), CESENA (6547-611900), FAENZA-LUGO (0546-23120), IMOLA (0542-28780), RSM (0549-995147) -E-MAIL : RAVENNAMCORRIEREROMAGNA, IT- IN ABBINAMENTO CON LA STAMPA

    euro 1,00Anno XVII E N . 186

    MERCOLED Ì8 LUGLIO 2009

    di Ravenna Faenza-Lugo e Imola

    Zii/ari premiato:è lui I'nl\ pdel ILn°erim

    fi.'sleg gi a50 anni balland o

    Mosaico: tutti uniti per il Festiva! internazionaleDebutterà con la Notte d'oro

    e proseguirà fino a120 novembrePensionato trovato morto in un campo

    Imola: la scoperta dopo oltre u giorno di ricerche

    primo Festival internazionale di mo -saico contemporaneo, che debutterà i l10 ottobre, in occasione della Notte d'o -ro, e proseguirà fino al 20 novembre .

    •SERVIZIO a pagina 3

    RAVENNA. Qualcosa è cambiato nelmondo del mosaico ravennate . Per laprima volta tutti i soggetti che si oc -cupano di mosaico si sono uniti perraggiungere un obiettivo comune : il

    L

    Il progett o

    dell a

    mosche a

    ch e

    dovrebb e

    sorgere all aBassette

    Commercio :«Il nuovo rangeè "troppo" iper»

    RAVENNA. Asso-ciazioni del com-mercio sul piede diguerra dopo che l aProvincia ha appro-vato la variante nor-mativa al Ptcp inmateria di commer-cio al dettaglio con la definizione de lnuovo "range di variazione" per la pro-grammazione delle grandi strutture.

    •SERVIZIO a pagina 5

    RAVENNA. La moscheatorna ad infuocare il di-battito politico . In una no-ta al vetriolo, il sindac oFabrizio Matteucci ribat-te punto su punto alle ac-cuse lanciate dal consi-gliere di opposizione Al-varo Ancisi e apparse ier isulla stampa. Il primo cit-tadino ricorda innanzi-tutto che i ravennati sullamoschea si sono già e-spressi in un sondaggio .

    •SERVIZIO a pagina 6

    CERVIA. Ieri i funerali di Filippo Ricci, deceduto sabato in un incidente in Toscan a

    Muore a 37 anni in sella alla motoMolto conosciuto in paese, gli è stata fatale un'escursione sull'Appennin o

    CERVIA. Si sono svolt inella tarda mattinata d iieri in duomo i funerali d iFilippo Ricci, 37enne mol-to conosciuto a Cerviamorto sabato in un inci-dente stradale sull'Ap-pennino toscano . Fatale

    RAVENNA . Sono ancora dafis -al giovane una caduta in

    sare ifunerali della giovane ma -moto nel corso di un'e-

    dre morta lunedì a Mandriole .scursione in Toscana.

    •SERVIZIO a pagina 8*SERVIZIO a pagina 11

    IMOLA

    Commissariato

    "pericolante "

    Scatta la protesta

    IMOLA. Ieri incommissariato un lungoblack out dovutoall'impianto elettriconon a norma . Poi crep enei muri lasciate da lterremoto e l'ascensorefuori uso da 15 mesi .

    •SERVIZIO a pagina 2 7

    FAENZA

    Sul commercio

    il comune replica

    alle accuse Ascom

    FAENZA . «Non riteng oche sulla questione sia ilcaso di aprire un apolemica» . Così rispondel'assessore ClaudioRonchini alle infuocateaccuse Ascom .

    •DONATI a pagina 1 2

    SANT'AGATA

    Il sindaco :

    «Il "porta a porta , ,

    è troppo oneroso »

    SANT'AGATA . «Tropp ooneroso il "porta aporta" per i piccoliComuni. Lo sostiene aviva voce il prim ocittadino, Luigi Antoni oAmadei .• RICCI GAROTTI a pagina 1 4

    «La moschea piace»Il sindaco risponde al consigliereAncisi

    L 'auto del 7lenne trovato cadavere in campagna . SERVIZIO a pagina2 7

    7.

    Ancora da fissare i funerali

    della giovane madre

    N\ b n U 1 L. b lN ì tà055, Ln

    Lv u

    mercoledì ,

    sera FORLI

    CENTRO

    "i

    C- t —

    rg L1IDRati

    CORSO DIAZPop rock melodico con gli APERTURA NEL SUOL Opresso Lemure Gafè .CORSO DELLA REPUBBLICALe suggestioni ciassiche e moderne dei VIOLINO TRA LE ÀSTELLE dì RodoOa Santandrea presso Ozio .

    CORSO MAllINIi suoni raffinavi di FRANKIE R presso Magazzini Velide.Rock degli anni 70 con gli RECATE presso Zelig Cafs.Gruppo musicale a sorpresa pressa DanandrèPiana bar con STEFANO POZZI presso Neos Abbigliamento

    VIA DEI FILERGITI

    CORSO GARIBALDIBALLANDO SULLA STRADA - FILERESTI IN THE WORLD : Saul `unky e R'e' B con la MAREEl.LO RANDnotte polinesiana: atmosfere e balli dell'Arcipelago

    presso Ca7è detDUOmo.dell'amore, a cura della maestra di danza polinesianaAmanda Mendoza Zapata .

    Tomo un raso tlei!ai degli anni 70: S6RANG0 e ia sua~pressale PeMArquebuse.

    issi(

    MEDIO ENONT GUMITORI EOFLIOEN1 (Ball Pellegrino, GiamDvlOena

    VIA DELLE TORR ILa magia del fmlky jazz con la musica degli AMAMI TRI Opresso Caffè dei Corsi_

    FUNKV 510000ION: il meglio della black music incollaborazione con Simone Caffè.

    LARGO DE CALBOLI

    PIAllA SAFFI

    Etnica, elettronica con íTHE PHANTOM PROJECT .

    Gli ON AIR rendono tributo a Freddy Mercury e ai Oueenpresso bar-Cascare/li.

    resr{

    VISITE GUIDATE a cum di Gabriele Orli e Simona Dall'Ara :

    Morgagnl, Girolamo Mercuriali) . Ritrovo ore 21,00 davari alla('OSI S

    Chiesa di San Pellegrino in Piazza Morgagnì .

    ,.5eF5

    .

    ->FCE

  • press LIf1E08/07/2009 CrM'eredi Ravenn a

    Responsabile delle relazioni internazionali di Save the Children Kurdistan

    Shanaz Iran a Massa LombardaSarà ricevuta dal primo cittadino, Linda Erran i

    MASSA LOMBARDA . Shanaz Khan aMassa Lombarda . Dopo essere stat aaccolta in forma ufficiale dal sindacoCortesi e dalla collettività lughese, og-gi la responsabile delle relazioni in-ternazionali di Save the Childre nKurdistan, accompagnata da FulgidaBarattoni, referente locale dell'Inter-national peace bureau, promotric edel progetto in favore dei bambini i-racheni, sarà ricevuta nella mattina-ta dal sindaco Linda Errani, in Mu-nicipio, alla presenza degli esponent idelle associazioni di volontariato edel mondo imprenditoriale. Il proget-to "Lugo-Iraq: un ponte per i bimbi d iSck", nato con l'obiettivo di creare l apossibilità per i bimbi di essere curatiin strutture italiane partendo dall aFondazione Villa Maria Cecilia Ho-spital, ha registrato, nell'incontro d iLugo il pieno apprezzamento e soste -

    gno del sindaco Raffaele Cortesi, diBruno Biagi direttore di Villa MariaCecilia e di Maria Giovanna Ranieridel coordinamento del volontariatolughese .

    L'illustre ospite sarà poi accompa-gnata a visitare alcuni servizi dellacittà (da quelli per l'infanzia, alla Ca-sa protetta e al Centro diurno) al fin edi approfondire alcuni temi legati a lsociale. A seguire l'incontro con unadelegazione dell'Unione donne italia-ne per approfondire gli effetti positividel servizio d'integrazione delle don-ne straniere "Spazio donna" e l'im-pegno dell'associazione e del Comun eper il progetto "Alfabeti di pace", fi-nalizzato a sostenere percorsi di al-fabetizzazione per le donne dei villag-gi del Kurdistan turco, promoss odall'Associazione Donne in nero e so -stenuto dalla Provincia . (a.r.g .)

    Pagina 1 4

    n,erocn il "110"1,1 ~wirla" »

  • press UnE08/07/2009

    RVOC Rau.an aRavenna

    Mercoledì 8 luglio 200 9Anno XII N . 186 € 1

    La Lega si rivolge a Maroni per bloccare ilprogetto

    L'attesa anca' a del Papa

    in %tritate :no dimercatoth e

    e uso sui

    del profitto

    le chiesar e

    e stata acquistati citai, commuta .A pagina 1 5

    a1ontanari

    L'accusa:"Serve solo a portare voti alla sinistra" . Gli ortodossi si comprano una chiesa

    del nuovo iniziodi Obam anatole ar pag 1'3

    Rifattine C . Tg tMr iign

    3 osservazionial Pian o

    StrategicoMariptti a pag . 1 2

    i

    C l'astensionism odei cittadiniBacca-tu a pag. ' 3

    tituggua

    l:esempio dellaRudi di Meldolainsegna e stimol a

    Servade a pan . 1 2

    In Contrar solo carta igienica ecokigot. Pronta la rnaxi-fii

    Nrtt ?mi'LL europe i ill

    i f ,

    i te zi) l

    iziatifm delChieti é nata molto poni.. del teneaiotm masta diventando un modello per fare in era edare una scossa alla ricostruzione nidi Poemazo del dopo-sisma . E un iniziativa privata cheper la prima volta mette insieme le imprese

    i edili regionali ed è stata realizzata in al«16 mesi, senza alcun incidente e ter nolo si -

    : stitiche d'avanguanlia che hanno api lto il Giochi del Mediterraneo e saranno a di cim ei zione m questi giorni delle delegazioni dei G8 ,i per poi ospitare stabilmente 640 studenti i nl 317 camere. Infiltra il polo di servizi m h t di

    370000 metri quadri sarà destinato per 213 auso pubblico (università, asl, &p; e per 3 aedilizia residenziale con 450 appartament iInsomma, un Abruzzo che si dava da fa e . .

    i prima del terremoto e che continua a farlo, ei che }a-1 da veh a, nel migliore dei ma al

    - Vinte,» paese nr, mrso del G8.

    palle

    p:fa' o dopo sedia armi.La tecnologia condanna l'autore di un colpo in ,Mielleria del '93

    Blitz deividial parco allogasi

    Immobil i, abbandonati'

    rifugiodi clandestini

    Blitz della oso

    da alAlberizia a pag 19 parco Calle/ .. .

    RAVENNA Ben sedici anni do -no, uno degli autori della rapina

    una gici- P da di corso Euro-pa, a :acne . stato smaschera -lo grano a nuove tecnologie e

    aama i

    _nidi carcer e.'osar i Mastran -

    1 0, . irato dalla scienza (iltt lamella Cavallari ne avevaa cisti cinque e mezzo). Euomo

    e stato riconosciuto, oltre ognigmnevole dubbio, colpevol e

    di rapina piuriaggravata.A pagina 1 8

    *

    C■ ;i bari

    -tIalIttIM.I.M.M.IttIaa.tirtattat.mt-tiiiiil

    ot-ml!t-lttllt-lttllt-lttll

    Il

  • press LIf1E08/07/2009 Il Sole 34.Itlf

    Enti locali. Atto di indirizzo della magistratura contabile dopo le novità della manovra d'estat e

    Corte conti accentra gli interpelliSui temi dubbi le sezioni regionali dovranno chiedere a Roma

    Gianni TrovatiMILAN O

    L'attività consultiva dellaCorte dei conti per Comuni eProvince torna a guardare alcentro . Il primo segnale era sta-to lanciato dieci giorni fa con l amanovra d'estate, che ha previ-sto la possibilità (all'articolo 17 ,comma32) per le sezioni riuni-te della magistratura contabiledi adottare «pronunce di orien-tamento generale» sui temi chedividono i pareri delle sezioni

    . .. .. . .. . .. .. .. . .. . .. .. . .. .. .. . .. . .. .. . .. .. .. . .. . .. .. . .. .. .. . .. . .. .. . .. .. ..

    ORIENTAMENTI UNITARILa delibera nasceper evitare le difformit ànelle indicazioni espress esu molti argoment idalle strutture periferiche

    . . .. .. . .. .. . .. . .. .. . .. .. .. . .. .. . .. . .. .. .. . .. .. . .. . .. .. .. . .. . .. .. . .. . .. .. . ..

    regionali di controllo. Ora a en-trare in campo è direttamentela sezione centrale delle Auto-nomie, che aggiorna (con la de-libera 9/2009) gli «indirizzi ecriteri generali» per il lavorodei magistrati sul territorio.Quando si troveranno sul tavo-lo una questione complessa,suscettibile di risposte non uni-voche, le sezioni regionali do-vranno sospendere il giudizio ,rimandando il tutto a una pro -

    nuncia da parte della sezionedelle Autonomie.

    Al centro dell'attenzione dientrambi gli interventi c'è unadelle attività più di successo ne -gli ultimi anni della Corte deiconti, cioè la consulenza a sinda -ci e presidenti di provincia indifficoltà con l'interpretazionedelle normative contabili. Com-plice anche l'intricarsi delle re -gole finanziarie, gli amministra-tori locali hanno sfruttato a fon -do questa opportunità, e i pare-ri resi dai magistrati contabili lo-cali sono passati dai 22 del2004ai5o8 dell'anno scorso. Con pre-se di posizione che a volte han-no fatto discutere, come acca-duto recentemente in Lombar-dia (la sezione di gran lunga piùattiva) con i pareri sul tratta -mento contabile dei proventida dismissioni o sui dubbi di co -stituzionalità della norma delPatto di stabilità che blocca ipa-gamenti nelle casse degli enti .In altri casi, invece, gli stess iquesiti si sono affacciati più vol -te in diverse sezioni regionali ,ottenendo risposte differenti : èil caso, negli ultimi mesi, dei ter -mini di prescrizione per i rim-borsi dei canoni di depurazionebocciati dalla Corte costituzio-nale con la sentenza 335/200 8,che hanno diviso le sezioni fr achi ha proposto un termine

    quinquennale e chi ha allunga-to il calendario fino a io anni .

    L'atto di indirizzo depositatoora dalla sezione delle Autono -mie cerca di prevenire questiproblemi, con un meccanismoche però prova a non intaccarela «competenza esclusiva» del -la sezione regionale . Saranno in-fatti le corti territoriali svaluta-re, con «un'istruttoria di ade-guata completezza», la possibi-lità di offrire autonomamenteuna risposta che garantisc a«uniformità digiudizio e ponde-razione di tutti gli interessi coin -volti» . Quando questo non sa-rà possibile, le articolazioni re-gionali si rivolgeranno (trami -te i loro presidenti) alla sezio-ne delle Autonomie, che co nun proprio «avviso» sostituiràil parere della sezione regiona-le . Questo potere sostitutiv oscadrà entro un «ragionevoletermine» (però non precisato )dalla richiesta,,e non riguardale pronunce pendenti .

    Più "centralista", invece, l'in-tervento della manovra d'esta-te . La norma infatti affida al pre -sidente della Corte il compitodi impegnare le sezioni riunit eper dettare a tutti i magistraticontabili indirizzi omogenei sutemi specifici.

    [email protected] iiso(e24ore .come RIPRODUZIONE RISERVATA

  • press LIf1E08/07/2009

    L'Emilia Romagnaguida fanti-evasione

    In Emilia Romagna son ogià 1o9le segnalazioni dei comu-ni di possibili casi di evasione fi -scale all'Agenzia delle Entrate.Anche se al momento non è an-cora noto il dato nazionale, i ri-sultati dell'Emilia Romagna so-no tutt'altro che trascurabili, vi -sto che la partecipazione dei co-muni all'accertamento rappre-senta ancora una partita aperta.I dati della collaborazione tradirezione regionale delle En-trate e comuni sono stati illu-strati in una conferenza stam-pa svoltasi ieri a Bologna a cuihanno preso parte il direttoreregionale delle Entrate, Antoni-no Gentile, e il direttore regio-nale Anci, Antonio Gioiellieri .

    Nella conferenza stampa so-no stati illustrati quali comun ihanno sottoscritto l'accordocon l'agenzia delle Entrate (i nEmilia Romagna si segnala il nu -mero più alto, come riportat osul Sole 24 ore del 30 giugno edel i ° luglio), le attività a rischi odi evasione, gli strumenti messiin campo per individuare gli

    evasori, le segnalazioni già in-viate dai comuni all'Agenzia su icasi di evasione . La collabora-zione passa anche attraverso icorsi di formazione per i funzio-nari comunali impegnati nell alotta all'evasione .

    Oltre agli ambiti di collabor a-zione dei comuni all'accerta-mento (commercio e professio -ni, urbanistica e territorio, pro -prietà edilizie e patrimonio im -mobiliare, residenze fittizieall'estero, redditometro) già il-lustrati da precedenti documen-ti dell'Agenzia centrale, son ostati indicati ieri anche una se-rie di casi concreti di possibil ievasioni.Tra questi è da segna-lare alla voce «commercio eprofessioni» quello dei bar epub gestiti sotto forma di cir-coli privati . L'Agenzia regio-nale ha distribuito ai comuniuna guida operativa per for-mulare segnalazioni utilizza -bili ai fini dell'accertamento edelle check list per individua-re i contribuenti da controlla-re per le segnalazioni .

  • Primo rapporto sul partenariato pubblico privato della regione di Unioncarnere e Cresm e

    Project finance, opportunità onlineEmilia-Romagna: più gare, primato ai comuni, piccole opere

    DI LOREDANA DIGLIO

    Cresce in Emilia Ro-magna il ricorso allafinanza di progetto . Loattestano il Rapporto

    relativo al primo quadrimestre2009 redatto dall'Osservatorioregionale del project financing,istituto e promosso dall'Union-camefe dell'Emilia-Romagna erealizzato con la collaborazion escientifica del Cresme . Second oil Siop, (Sistema informativ osulle opportunità di partena-riato pubblico-privato, Ppp)dell'Emilia Romagna, nel primoquadrimestre del 2009, periodoin cui le amministrazioni comu -nali sono state le più attive su lmercato, sono state bandite inEmilia-Romagna 33 gare di par -tenariato pubblico-privato, perun volume d' affari complessivodi 140,8 milioni di euro. Rispettoalle quantità del primo quadri-mestre del 2008, si contano 1 5gare in più, mentre l'investimen -to si presenta fortemente ridi-mensidnato (circa un miliard oin meno) per effetto dell'eccezio-nale valore economico raggiun-to nei primi quattro mesi del

    2008, dovuto alla maxi gara d iproject financing per la realizza-zione dell'autostrada regionaleCispadana, con un importo d i1,095 miliardi di euro. L'analis icomplessiva dei dati relativi a iprimi quattro mesi dell'anno incorso ha evidenziato un mercatonel quale prevalgono le opere dipiccolo importo, con una forteattività delle amministrazionicomunali e con una significativaprevalenza delle concessioni diservizi, concentrate soprattuttoin affidamenti per la gestione d iimpianti sportivi e ricreativi.

    «Rispetto all 'intero territorionazionale, nel periodo di rife-rimento l'Emilia-Romagna sicolloca al sesto posto sia per nu-mero di iniziative, corrisponden-ti al 5,9% del totale nazionale ,sia per volume d'affari, pari al5,8% rispetto al totale nazionaleregistrato nel primo quadrime-stre 2009», si legge nel Rappor-to gennaio-aprile 2009 . Il datoregionale complessivo segnalaun mercato dominato dalle con-cessioni di servizi, 19 in totale,in rialzo di 8 iniziative rispettoallo scorso anno, una sensibil ecrescita delle concessioni di co-

    struzione e gestione sia su pro -posta della stazione appaltante(4 gare in più) che del promotore(2 gare in più) . Per volume d'af-fari, sono le 3 iniziative classi-ficate come «altre gare di Ppp»a registrare il dato più alto con82,3 milioni di euro, quasi total-mente da ricondurre alla garadi areastazione- Società di tra-sformazione urbana di Parma,relativa alla selezione di unsoggetto privato per la realizza-zione degli interventi previsti daprogramma di riqualificazioneurbana (denominato Stazione Fsex Boschi) dell'importo comples -sivo di 82,2 milioni. Per quantoriguarda le altre procedure, i lvalore d 'affari più alto spettaalle 4 gare di project financing ,con 33,8 milioni di euro, a fronte

    dei 16,9 relativi alle concessionidi costruzione e gestione supro-posta della stazione appaltantee ai 7,7 relativi alle concessionidi servizi.

    Altro dato significativo è ilforte ridimensionamento dell eselezioni di proposte . A frontedelle sette iniziative dello scor-so anno, nel primo quadrime-stre del 2009 ne è stata regi-strata soltanto una, nel mese

    di gennaio . Come nel resto delpaese, si assiste alla scompar-sa del project financing in duefasi e àlla sperimentazion edella nuova procedura a garaunica . Apripista la societàSgp. (Sassuolo gestioni patri-moniali), con la progettazione ,realizzazione e gestione di unastruttura polivalente per disa-bili, per un importo presuntodi 6,5 milioni di euro. Pagina 20

  • Rifiuti, riduzione e separazione conformi alle norme europe eLa riduzione del volume e la separazionedi frazione merceologiche, come i metalli,sono forme di trattamento conformi airequisiti della Direttiva discariche com erecepita dal dlgs 36/03 . Lo afferma unalettera inviata dal Gabinetto del Mi-nambiente alle regioni . La lettera mini-steriale è tempestiva ai fini burocraticiin quanto è stata inviata entro la datain cui «scadeva» la proroga (30 giugn o2009) disposta dall'art. 5, comma 1-bis,della legge n . 13/2009 . Detta proroga haconsentito il conferimento in discaricasenza condizione alcuna, in deroga allaDirettiva discariche 31199 e al decreton. 36/03 di recepimento che prevedon ocomunque il «trattamento» o il «pre-trattamento» di tutti i rifiuti smaltiti indiscarica . La tempestività ministerialenon ha consentito però alle regioni ( eagli operatori) di essere= in grado di at-tuare le istruzioni ministeriali a partiredal 1° luglio. Va ricor-dato, che lo stesso art .5-bis della legge n . 13citata prevedeva an-che che il president edi una regione o di una

    provincia autonomapotesse chiedere,limitatamente allediscariche per rifiutiinerti o non pericolo -si, che tale terminefosse ulteriormenteprorogato con richie -sta motivata, da pre -sentarsi entro il ter-mine del 15 marzo2009, corredata dadettagliata relazioneindicante modalitàe tempi di adegua-mento delle discariche alle prescrizio-ni contenute nel decreto legislativo 1 3gennaio 2003, n . 36 . Molte regioni hannofatto istanza, ma il Ministero si sarebbepronunciato solo in pochi casi e non sem-pre positivamente . Infatti, la ulterioreproroga avrebbe dovuto essere disposta

    con provvedimento delministero dell'ambien-te e della tutela delterritorio e del mare,,previa valutazion etecnica della docu -

    mentazione effet -tuata dallo stessoministero in sede diistanza, ed avrebbeavuto efficacia a de -correre dal 1° luglio2009 fino al termi -ne massimo del31 dicembre 2009 .Entro il 30 giugnosono arrivati, in -vece, i chiarimentiministeriali, a se -guito di «svariateproblematiche e

    dubbi interpretativi» sottoposte dalleRegioni al Ministero. Così secondo il Mi -nistero anche la raccolta differenziat adelle frazioni pericolosi dei rifiuti urbani(farmaci, pile e batterie) può configurarsicome un trattamento di rifiuti (almen oin via provvisoria e fino a quando l'im -piantistica non sia adeguata) come lariduzione di volume e la separazionedi alcune frazioni . Ma anche` la stessaraccolta differenziata spinta può rap-presentare una forma di trattament oin quanto allontana dai rifiuti urbani

    sia le frazioni merceologiche da avviar ea circuiti di valorizzazione della mate-ria sia le frazioni (ceramiche, metalliecc.) in grado di influire negativamen-te un eventuale processo di recuperoenergetico. Secondo il Ministero spettaall'autorità territorialmente competent iautorizzare, anche per settori confinati ,sottocategoria di discariche per rifiu-ti non pericolosi quali rifiuti organicie inorganici . In questa sede potrannoessere derogati parametri quali i DOC ,TOC e TDS che caratterizzano i rifiut ocon un alta matrice organica.Ciò potrà significare l'imposizione di ul-teriori soluzioni costruttive e gestionaliquali ad esempio il potenziamento delsistema di captazione del percolato el'intensificazione del monitoraggio . Per lenuove discariche e per quelle esistenti darìclassificare, anche per settori confinati ,come sottospecie di discarica, dovrà esse -re sviluppato un Modello concettuale d isito (Mcs) attraverso l'identificazione e lacaratterizzazione della sorgente di conta -minazione, percorsie vie di propagazion edegli inquinanti, bersagli e recettori .

    Giorgio~rosoli

    Pagina 29

  • Il dl 78 affronta il nodo dei procedimenti contabili con qualche vuoto

    Pagamenti veloci da 7 anniDebiti pregressi della p.a.? La norma già c'è. . .

    DI LUIGI OLIVERI

    rocedimenti contabi -li nuovi, senza regoleprecise . L'articolo 9del dl 78/2009, posto a

    disciplinare la cosiddetta acce-lerazione dei pagamenti dellepubbliche amministrazioni ,persegue un intento corretto at-traverso modalità di discutibilecorrettezza sul piano giuridico -procedurale, oltre che di moltodubbia efficacia.

    Debiti pregressi. L'atecnici-tà è la caratteristica fondamen-tale di questa norma, che intro-duce una serie di fattispecie eistituti dati dal legislatore pe rassodati, ma dei quali oggetti-vamente non si conosce la cor-retta configurazione giuridica .Il comma 2 dell'articolo 9 fina -lizza il contenuto della norm aallo scopo di «evitare la forma-zione di debiti pregressi» .

    In un ragionamento general-generico, evitare debiti pregressiè chiaro, significa scongiurare ilpericolo dell'accumularsi di debi-ti. Sul piano giuridico-contabile,tuttavia, la norma non può averealcun senso operativo. Infatti, lacontabilità pubblica è fatta si aper competenza, sia per cassa. Lacompetenza non può non genera -re debiti «pregressi» . I ritardi neipagamenti di cui tratta la normariguardano i rapporti contrattua-li . Si tratta di cosiddetti contrat-ti «di durata», dal momento chel'attività dell 'imprenditore, spe-cie nella realizzazione di appalt idi lavori e servizi, si protrae neltempo. Con l 'impegno di spesa ,che attiva la procedura sul pianodella competenza, l'amministra-zione accerta necessariamenteuna propria situazione debitoria ,la quale non può che essere «pre -gressa» e, infatti, forma i residu ipassivi, cioè un monte di risorsefinanziarie per le quali sussisteun titolo alla loro erogazione, ma

    che ancora non sono spese .Il problema del ritardo dei pa-

    gamenti non può essere risoltocon l'affermazione del tutto vuotaposta ad evitare l'inevitabile, cioèla formazione di de-biti pregressi . L'uni-co sistema è stabiliretermini certi entro iquali effettuare i pa-gamenti. Ma, a que-sto fine provvede, dasette anni, in manie-ra chiarissima il dlgs231/2002 . Bastereb-be rispettare questanorma.

    Programma de ipagamenti. Un al-tro strumento pe rdare sprint all'obbligo di onorarei debiti delle pubbliche ammini-strazioni deriva dall'obbligo diaccertare, al momento dell'as-sunzione dell'impegno di spesa ,che il programma dei pagamentisia compatibile con gli stanzia-menti di bilancio .

    La confusione è tanta . L'im-pegno di spesa, si è detto sopra ,riguarda la gestione per com-petenza, cioè l 'attribuzione diun vincolo agli stanziamenti dibilancio, finalizzato a garantirela copertura finanziaria ai de-biti contratti . Pertanto, è asso-lutamente obbligatorio e neces-sario che l 'impegno di spesa siacompatibile con gli stanziamenti:se questi non fossero sufficienti,non sarebbe possibile assumerel'impegno. Per gli enti locali, lacircolare del Ministero dell 'inter-no 111997 chiarisce che il visto diregolarità apposto dal servizio fi-nanziario ai provvedimenti di im -pegno di spesa allo scopo di dareloro esecutività «sia strettament elegato alla copertura finanziariadella spesa, e, pertanto, l'esam edeve limitarsi alla verifica dellaeffettività della disponibilità del-le risorse impegnate» . La verifi-ca della disponibilità implica il

    controllo della sussistenza di untitolo giuridico che accerti un di-ritto di credito, un'entrata certa,che confluendo nel bilancio con-sente di considerare l'impegn o

    capiente .Si agisce, tuttavia,

    sempre sul pian odella competenza :gli impegni sono dinatura contabile egiuridica, non ri-guardano la cassa .

    Il «programmadei pagamenti» è unatto che non esiste.L'unico modo perdare razionalità allanorma contenutanel decreto legge sa-

    rebbe quella di considerare intro -dotto un nuovo tipo di controllo:al momento dell'impegno di spe-sa occorrerebbe verificare nonsolo la disponibilità finanziariacontabile e giuridica, ma anch equella di cassa e creare una sor-ta di riserva delle disponibilitàdi cassa al debito contratto pereffetto del contratto . Con l'effetto,però, di bloccare per lungo temp odisponibilità correnti di denar oed impedendo, dunque, agli entidi utilizzare tali risorse in mod oflessibile, per i vari tipi di paga-menti da effettuare.

    Responsabilità dei funzio-nari . La «caccia ai fannulloni»è divenuto l'imperativo catego-rico del legislatore, che per ogniprecetto, ormai, inserisce unasanzione posta a colpire, con re-sponsabilità disciplinare eammi-nistrativa, i funzionari pubblici .Nel caso di specie, tale responsa-bilità andrà a colpire i funziona-ri che al momento dell'impegn onon verifichino la compatibilitàdell'impegno stesso con il pro-gramma dei pagamenti.

    Ma è una responsabilità for-male ed oggettiva, non connessa,in particolare per gli enti locali ,ad alcuna specifica mancanza

    imputabile realmente ai fun-zionari . Infatti, l'assenza di unbilancio autorizzatorio di cassa ,l'impossibilità di redigere un pro-gramma dei pagamenti, cioè unsistema di programmazione deiflussi di cassa, derivante anchedai continui cambiamenti alleregole sui patti di stabilità (checonsiderano, inopportunamente ,proprio la cassa tra i fattori dispesa da tenere sotto controllo ,inducendo gli enti a rallentare ipagamenti), non rendono fattibilee concretizzabile né la previsionedi compatibilità, né la responsa-bilità richiamata dalla legge, cheassume quasi solo una funzioneterroristica.

    Ragioni sopravvenute . Siprevede che laddove lo stanzia-mento, per ragioni sopravvenu-te, non possa fare fronte all'ob-bligo contrattuale, allora occorreadottare iniziative contabili perevitare la formazione di debitipregressi.

    A parte che il debito si formaquando si stipula il contratto ,pare assurdo ritenere, per legge ,che uno stanziamento non poss afar fronte agli obblighi di spesa .Ciò varrebbe a dire che subentri -no variazioni al bilancio tali daridurre gli stanziamenti anche inpresenza di spese già impegna-te, creando, a valle invece che amonte, un debito fuori bilanci .Ma, ovviamente, nessuna modi-fica lecita agli stanziamenti puòportare a conseguenze tali .

    Del resto, non è lo stanziamen-to che possa sortire alcun effettosui pagamenti . Infatti, lo stanzia-mento assume valore solo previ-sionale, non ha alcun legame coni flussi di cassa.

    E anchesui contiscatta lacaccia ai I

    funziona-ri fannul-

    loni

    Pagina 30

  • Il consegnatario lentorischia il danno erariale

    Sui beni mobili di proprietà statale, il consegnatario che risultainadempiente alla rendicontazione rischia il danno erariale . Infatti,se il consegnatario tarda a rendere la contabilità sui beni predetti enon avvia tale attività nel termine ultimo fissato dal direttore dellastruttura, rende necessaria la compilazione d'ufficio della stessa aopera di altri funzionari, con maggiori costi amministrativi di cuilo stesso dovrà risponderne innanzi alla magistratura contabile .Lo rende noto la circolare n. 23/2009 della ragioneria generale del -lo stato che reca le indicazioni operative per il trattamento delleinadempienze, previste dall'articolo 30 del dpr n. 259/2002 in casodi ritardata o mancata resa della contabilità sui beni mobili di pro -prietà dello stato. Una circolare che, come riportato espressamentenel testo, si è resa dovuta a seguito di alcune incertezze applicativederivanti dall'interpretazione della citata nonna regolamentare . Atal fine, la stessa ragioneria comunica di aver diramato, lo scors oaprile, una nota che ha superato il vaglio della magistratura conta -bile e che adesso viene diffusa in allegato alla circolare in esame . Laparola d'ordine contenuta nei documenti è che nessun indugio sar àtollerato . L'ufficio riscontrante, infatti, dovrà attivarsi nei confront idel consegnatario qualora ci si trovi in presenza di «elementi indi -catori potenzialmente lesivi dell'integrità del patrimonio statale» ,anche in considerazione dei termini di prescrizione in materia d idanno erariale. Pertanto, se il consegnatario non rende la conta-bilità entro i termini prescritti, il direttore dell'ufficio dovrà, conapposito atto, fissare un termine ultimo per assolvere atale obbligo.Termine che, si legge, dovrà ovviamente tenere conto della «di-mensione» della gestione curata dal consegnatario e che, pertanto ,non potrà essere inferiore a 30 giorni . Ma se l'inosservanza a tale«aut aut» dovesse tuttavia persistere, il direttore dell'ufficio nonstarà certo con le mani in mano, ma dovrà provvedere affinché larendicontazione venga eseguita «d'ufficio», vale a dire a opera d ialtri funzionari con apposita lettera d'incarico . Ma il suo operatonon finisce qui. Perché allo stesso incombe la trasmissione di tal edocumento alla procura regionale della Corte dei conti competenteper territorio. Infatti, il provvedimento che dispone la compilazioned'ufficio delle scritture omesse, comporta, nei confronti dei soggett iinadempienti, l'immediato assoggettamento a responsabilità ammi -nistrativa conseguente all'emergere dei costi scaturenti dall'attivitàsostitutiva. È infatti pacifico che ai fini della quantificazione deldanno erariale, devono considerarsi i rimborsi delle eventuali spes eper vitto, alloggio e trasporto sostenute dal funzionario dell'uffi-cio riscontrante incaricato della compilazione d'ufficio e, soprat -

    tutto, i costi correlati alle oredi lavoro distratte dall'attivitàche lo stesso funzionario svolgenormalmente nella sede istitu-zionale di servizio .

    Pagina 34I .ulirl . .l unili.rnù alle autonomie

  • Delibera della Corte conti modifica le procedure (risalenti al 2004) sulla richiesta dr parer i

    Indirizzi uniformi alle autonomieRegole dagli uffici centrali su questioni di interesse generale

    PAGINA A CURADI ANTONIO G . PALADINO

    e il parere che un entelocale formula alla sezio-ne regionale di controlloconcerne una questione

    che non è risolta o sulla quale l astessa ravvisi l'impossibilità digarantire un indirizzo uniforme ,la stessa sezione regionale dovràattivare la sezione delle Autono-mie affinché questa possa pronun-ciarsi sia come espressione dellesezioni regionali sia come orga-no legittimato all'interlocuzioneistruttoria a livello centrale .

    Lo ha chiarito la sezione delleautonomie, nel testo della deli-bera n . 9/2009, contenente mo-dificazioni e integrazioni degliindirizzi e dei criteri generali pe rl'esercizio dell'attività consultivada parte delle sezioni regionali dicontrollo, messi nero su bianc ocon pronunce d 'indirizzo che ri-salgono al 2004.

    Un documento, quello pubbli-cato ieri dai magistrati contabili ,che nasce dall'esperienza appli-cativa ormai più che quinquen-nale, che ha permesso di consta -tare come gli enti locali «hannofatto largo uso» della facoltà dichiedere pareri. Questo largo uso ,pertanto, ha anche determinato ,in alcuni casi, «effetti disfunzio-nali» rispetto alla finalità cheil legislatore (con la legge n .13112003) ha inteso perseguire,vale a dire la realizzazione delbuon andamento della pubblicaamministrazione.

    C'è una grave disfunzione, am-mettono i magistrati della Cortenel testo del documento in esame .Vale a dire che, a volte, si realizzauna diversità nel contenuto tr apareri resi da più sezioni regionalisu un medesimo problema inter-pretativo. Le modifiche contenu -te nella deliberazione n . 9/2009 ,pertanto, andranno nel senso di

    «correggere» questa disfunzio-ne. E l'intervento correttivo vanel senso di «responsabilizzare»maggiormente le sezioni regio-nali di controllo della Corte, ch evaluteranno, una volta ricevutoil parere, se lo stesso abbia utili-tà in termini generali e astratti,ovvero sia funzionale solo per leaspettative dell'ente che lo formu-la . Ma l'intervento «correttivo» èduplice . Infatti, si deve ritenerealtresì che, la sezione regional edi controllo, quando nell'esamedi una richiesta di parere ravvisil'impossibilità di pronunciare sul-la richiesta stessa, al fine di ga-rantire l'uniformità di indirizzo,ecco che tale organo regionale del-la Corte dovrà attivare la citatasezione delle Autonomie, affinchéquest'ultima possa pronunciarsisia come espressione delle sezio-ni regionali di controllo sia comeorgano che è legittimato all'in-

    terlocuzione istruttoria a livellocentrale . Agli effetti pratici, la de -liberazione n . 9/2009, prevede chela sezione regionale di controllonel caso in cui non ravvisi nell aquestione sottesa un'uniformit àdi indirizzo deve sospendere l apronuncia (ovvero può emanareuna pronuncia interlocutoria) ,trasmettendo gli atti alla sezio-ne delle autonomie. Quest'ultimasi pronuncerà sulla base dellarelazione del presidente dellasezione della Corte che propone ,previa apposita istruttoria. Se lapronuncia di quest'ultima nonavviene «entro un termine ragio -nevole», la sezione proponente ri -entrerà nella piena disponibilit àdella richiesta di parere .

    Pagina 34

    Indice Il Resto del Carlino RavennaMultati per la tigre (prima pagina) (Prime Pagine)Tavernello mondiale (prima pagina Lugo) (Prime Pagine)I più piccoli vanno a teatro (Cultura e Turismo)Riot, festival giovane e un po' ribelle (Cultura e Turismo)Shanaz presenta il progetto per i piccoli curdi malati (Sanità e sociale)

    Il Corriere Romagna di RavennaMosaico: tutti uniti per il Festival internazionale (prima pagina) (Prime Pagine)Shanaz Khan a Massa Lombarda (Sanità e sociale)

    La Voce di Romagna Ravenna Moschea, palla al ministro (prima pagina) (Prime Pagine)

    Il Sole 24 OreCorte conti accelera gli interpelli (Pubblica Amministrazione)L'Emilia Romagna guida l'anti evasione (Pubblica Amministrazione)

    Italia OggiProject finance, opportunità on line (Urbanistica, infrastrutture e trasporti)Rifiuti, riduzione e separazione conformi alle norme europee (Ambiente)Pagamenti veloci da 7 anni (Pubblica Amministrazione)Il consegnatario lento rischia il danno erariale (Pubblica Amministrazione)Indirizzi uniformi alle autonomie (Pubblica Amministrazione)