PROTOCOLLO MEDICAZIONE CATETERI VENOSI - medicazione... · GESTIONE DEI CATETERI VENOSI CENTRALI (CVC

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of PROTOCOLLO MEDICAZIONE CATETERI VENOSI - medicazione... · GESTIONE DEI CATETERI VENOSI CENTRALI...

AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA

PROCEDURA E PROTOCOLLO

PER LA MEDICAZIONE E

GESTIONE DEI CATETERI

VENOSI CENTRALI

(CVC E PICC)

Data di elaborazione

02/2012

Conclusione del percorso

05/2012

Revisione

05/2013

1

U.O.C. DAIORT Direzione assistenza infermieristica ostetrica riabilitativa e tecnica

PICC TEAM

PROTOCOLLO MEDICAZIONE CATETERI VENOSI

REDATTO

Gruppo di lavoro:

CPS Infermiere Valentina Tirelli CPS Infermiere Roberto Accettone Responsabile organizzazione sedute operatorie Dott. Sergio Pierdominici

Griglia di approvazione

Direttore D.A.I.O.R.T. Direttore Sanitario Responsabile organizzazione

sedute operatorie

Direttore Medico PP.OO.

Dott. Ivo Camicioli Dott.Gerardo Bruno Antonio Corea

Dott. Sergio Pierdominici

Dott. Salvatore Passafaro

AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA

PROCEDURA E PROTOCOLLO

PER LA MEDICAZIONE E

GESTIONE DEI CATETERI

VENOSI CENTRALI

(CVC E PICC)

Data di elaborazione

02/2012

Conclusione del percorso

05/2012

Revisione

05/2013

2

Indice

Introduzione pag. 3

Oggetto pag. 3

Scopo pag. 3

Operatori coinvolti pag. 3

Campo di applicazione pag. 3

Luogo di applicazione pag 3

Matrice delle responsabilit pag. 4

Carrello per le medicazioni pag. 4

Raccomandazioni pag. 5

Medicazione accesso venoso pag. 6

Complicanze pag. 6

Bibliografia pag. 6

ALLEGATO 1: Sceda MEDICAZIONE ACCESSO VENOSO pag. 8

ALLEGATO 2: Immagini dei presidi pag. 9

DIFFUSIONE

Infermieri dell Azienda Ospedaliera

AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA

PROCEDURA E PROTOCOLLO

PER LA MEDICAZIONE E

GESTIONE DEI CATETERI

VENOSI CENTRALI

(CVC E PICC)

Data di elaborazione

02/2012

Conclusione del percorso

05/2012

Revisione

05/2013

3

Introduzione:

La medicazione deve essere eseguita con tecnica asettica.

Gli operatori che eseguono la medicazione devono attenersi alle norme di igiene (lavaggio

antisettico delle mani, non devono portare anelli e bracciali, devono indossare divise pulite).

Lesecuzione della medicazione dei siti di inserzione dei cateteri venosi deve essere associata ad

educazione rivolta al paziente riguardante raccomandazioni di carattere generale:

Non scoprire la medicazione

Comunicare eventuali inaderenze del cerotto o alterazioni visibili della medicazione o della

cute circostante

Non bagnare la medicazione

Oggetto: Protocollo per la medicazione dei cateteri venosi (Midline, PICC, CVC, catetere

Groshong)

Scopo della procedura: standardizzare, mediante una sequenza logica di azioni, i comportamenti

degli infermieri relativamente alla medicazione periodica dei cateteri venosi.

Operatori coinvolti : Infermieri dellAzienda

Campo di applicazione: Medicazioni dei cateteri venosi.

Luogo di applicazione: Letto del paziente, sala medicazione.

AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA

PROCEDURA E PROTOCOLLO

PER LA MEDICAZIONE E

GESTIONE DEI CATETERI

VENOSI CENTRALI

(CVC E PICC)

Data di elaborazione

02/2012

Conclusione del percorso

05/2012

Revisione

05/2013

4

MATRICE DELLE RESPONSABILITA

DESCRIZIONE ATTIVITA INFERMIERE OTA/OSS Informazione del paziente R

Preparazione materiale occorrente R C

Osservanza dei principi di igiene e utilizzo dei DPI

R

Esecuzione medicazione R/C

Smaltimento materiale e ricondizionamento R R

Registrazione procedura R

R = responsabile; C = coinvolto

Carrello delle medicazioni: prima di procedere allesecuzione della medicazione linfermiere deve

verificare che il carrello di medicazione sia completo di tutto il materiale necessario, disposto su ripiani o

cassetti, evitando leccessivo assemblaggio.

Smaltimento rifiuti: Contenitore per rifiuti speciali (ROT) Contenitori per rifiuti assimilabili agli urbani Contenitore rigido per taglienti

DPI: mascherine chirurgiche con o senza visiera occhiali di protezione cappellini o cuffie

Farmaci e Disinfettanti:

Perossido di idrogeno Soluzione Fisiologia Clorexidina 2%

Presidi: Guanti non sterili varie misure Guanti sterili varie misure Telino sterile monouso Garze sterili Siringa (10 ml) Medicazione in poliuretano trasparente Sistema di fissaggio Statlock Feltrini alla clorexidina biopatch Needless system Bacinella reniforme monouso

AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA

PROCEDURA E PROTOCOLLO

PER LA MEDICAZIONE E

GESTIONE DEI CATETERI

VENOSI CENTRALI

(CVC E PICC)

Data di elaborazione

02/2012

Conclusione del percorso

05/2012

Revisione

05/2013

5

Raccomandazioni:

Unimportanza fondamentale viene attribuita allispezione del sito dinserzione del catetere. E suggerito di

eseguirla tutti i giorni, perch possono essere attuati interventi immediati, quando sono individuati segni e/o

sintomi di sospetta o certa infezione: ci deve essere eseguito dallinfermiere.

Non risultano essere trascurabili i materiali da utilizzare nellesecuzione della procedura di medicazione:

- Medicazioni trasparenti semipermeabili in poliuretano: permettono di visualizzare il sito

dintroduzione, garantiscono una buona adesivit, proteggono da secrezioni e danno la possibilit di

medicazione settimanale. Utilizzo ideale in associazione con i filtrini biopatch. La medicazione

trasparente non v assolutamente applicata sopra lo statlock.

- Feltrini alla clorexidina (Biopatch) : permettono un rilascio lento di clorexidina garantendo una

disinfezione del sito di inserzione del catetere continua riducendo la contaminazione batterica per via

extraluminale; ci permettere di evitare lapplicazione di pomate antibiotiche ed antisettiche, le quali

non sono raccomandate dal CDC di Atalanta dato che possono essere terreno di proliferazione

microbica.

- Sistemi di fissaggio senza punti di sutura (Statlock): hanno una massima adesivit rispetto al cerotto

e rispetto alla sutura non permette il basculamento; non lesivo per la cute, riduce il rischio infettivo

e trombotico, impedisce il va e vieni, permette di lasciare esposto allispezione il sito di

inserzione. Permette inoltre un fissaggio pi rapido garantendo il massimo confort del paziente. Pu

essere sostituito ogni 7-10 giorni e va comunque applicato al di fuori della medicazione trasparente.

- Dispositivo senza ago (needless-systems): d dei vantaggi per la sicurezza degli operatori coinvolti

nellassistenza del paziente, evitando il contatto con il liquido ematico ed annullando il rischio di

puntura accidentale con aghi. Per il paziente rappresenta unulteriore barriera per la contaminazione

del catetere.

Dopo 24 ore va sostituita la garza con il cerotto semipermeabile, la medicazione va ulteriormente rinnovata

ogni 7 giorni salvo eventuali complicanze o necessit documentabili dallispezione quotidiana.

AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA

PROCEDURA E PROTOCOLLO

PER LA MEDICAZIONE E

GESTIONE DEI CATETERI

VENOSI CENTRALI

(CVC E PICC)

Data di elaborazione

02/2012

Conclusione de