Click here to load reader

Piccole Impronte febbraio 2014

  • View
    217

  • Download
    3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

No all Zoo!

Text of Piccole Impronte febbraio 2014

  • i R a g a z z i d a l l a p a r t e d e g l i A n i m a l i

    Supplemento al n.1 [142] di Impronte - Rivista Animalista - Poste Italiane Spasped. in abbonamento postale - d.l. 353/2003 (conv. in l. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 dcb romaf e b b r a i o 2 0 1 4

    i R a g a z z i d a l l a p a r t e d e g l i A n i m a l i

    NOaLLOZOO

  • 2 Piccole imPronte

    Lilo & Bilbo

    Nati per essere liberiCa

    rt

    a riCiClata

    100%

    PICCOLE IMPRONTESUPPLEMENTO AD IMPRONTEn. 1 (142) febbraio 2014

    AUT. TRIB. ROMA 50/84 dell11-2-1984ISCR. REG. NAZ. STAMPA 4086 dell1-3-1993ISCR. ROC 2263 - 2001

    DIRETTORE RESPONSABILEMARIA FALVO

    DIRETTORE EDITORIALEILARIA MARUCELLI

    DIREZIONE E REDAZIONESEDE NAZIONALE LAV ONLUSVIALE REGINA MARGhERITA, 17700198 ROMA

    REDAZIONEMARCO CORTINI, ILARIA MARUCELLI, GANDALF, PRISCILLA

    GRAFICA E IMPAGINAZIONEPIER PAOLO PUxEDDU+FRANCESCA VITALE

    HANNO COLLABORATOCECILIA BOTTA, DAVIDE CECCON, GIORDANA GALLI, ALESSANDRO GIGLI, ROBERTO MARChESINI, ROBERTO MOSCARDINI, ANDREA MUSSO, FABIO REDAELLI, ALESSANDRO TELVE

    DISEGNO DI COPERTINAALESSANDRO GOTTARDO

    STAMPAARTI GRAFIChE LA MODERNAVIA DI TOR CERVARA 171 ROMA

    CARTA DALUM CyCLUS PRINT 100% CARTA RICICLATA

    PACKAGING IN MATER-BI biodegradabile e compostabile

    CHIuSO IN TIPOGRAFIA10 FEBBRAIO 2014

    QuOTE ANNuALI DI ISCRIZIONE E RINNOVO ALLA LAV ONLuS GIOVANILE (sotto i 18 anni) da 18 euroORDINARIO da 30 euroFAMIGLIA da 45 euroSOSTENITORE da 46 euroBENEMERITO da 150 euroSTRAORDINARIO da 500 euro

    VERSAMENTI INTESTATI A LAV ONLuSC\C BANCARIO N. 501112BANCA POPOLARE ETICAFILIALE DI ROMA - VIA RASELLA 1400187 ROMAABI 05018 CAB 03200 CIN E

    Dal 1999 la LAV firmataria di un Protocollo dIntesa con il Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca con lo scopo di promuovere la diffusione e lapprofondimento dei temi delleducazione al rispetto di tutti gli esseri viventi nelle scuole di ogni ordine e grado

    Informiamo che tutti gli associati e/o i sostenitori delle campagne LAV ONLUS hanno diritto a ricevere la presente pubblicazione tramite invio postale. La LAV ONLUS garantisce che i dati identificativi dei destinatari sono raccolti e trattati, anche elettronicamente, nel rispetto delle norme pre-viste dal codice di regolamentazione della privacy (Dgs 196/2003). Ogni interessato potr in ogni momento esercitare i propri diritti (art. 7,8,9 Dgs 196/2003) rivolgendosi direttamente alla LAV ONLUS, viale Regina Marghe-rita177, 00198 Roma, tel. 06/4461325 fax 06/4461326 email: [email protected]

    Se avete questa rivista in mano, sapete gi che gli animali sono come noi: anche loro soffrono, si divertono, provano sentimenti ed emozioni. Giusto? Allora per questo devono avere il diritto alla vita, alla libert, a non soffrire per colpa nostra. Cose semplici, ma che molti ani-mali ancora non hanno. Come gli animali rinchiusi negli zoo, di cui par-liamo in questo numero. Quelli soffrono, non c nemmeno bisogno di spiegare il motivo. Basta provare a immaginare una vita intera in gabbia, senza conoscere la libert. Il leone della savana e il leone dello zoo appar-tengono alla stessa specie, ma sono animali completamente diversi! Quello dello zoo solo una triste caricatura dellanimale fiero e meraviglioso che vive nella savana. Non pu correre, cacciare, stare con i suoi simili. Vive rinchiuso in un ambiente artificiale e sempre uguale, privo di stimoli e di tutto quello che rende la vita piacevole. un animale stressato e triste, che cammina vorticosamente avanti e indietro nella sua gabbia o rimane im-mobile per giorni. vero, molti zoo hanno abolito le gabbie e gli animali sono prigionieri dietro grandi vetrate, fossati o altre barriere naturali. Ma la sostanza non cambia. Sbarre o non sbarre, gli zoo rimangono carceri, luo-ghi dove esseri sensibili hanno perso il bene pi prezioso: la libert. Zoo o bioparchi che siano, sono la cosa pi sbagliata del mondo. Ma anche i no-stri amici delfini, rinchiusi nei delfinari, hanno bisogno dellaiuto di ognu-no di noi. A pagina 15 scoprirete come, e non dimenticate di segnarvi la data sul diario! Ciao.

    Disegno diGheorghita Brailea,

    Corio (Torino)

  • Piccole imPronte 3

    ill

    ust

    ra

    zio

    ne d

    i ro

    be

    rt

    o m

    osc

    ar

    din

    i

    Soluzione: 1) A - 2) C - 3) C - 4) B - 5) A

    E quanti animali vi sono rinchiusi? A Un migliaioB Circa tremilaC Circa trentamila

    2

    Viva la libert!

    Quanti zoo o bioparchi, grandi o piccoli, ci sono ancora in Italia?A Ufficialmente 50, ma probabilmente sono pi di 100B Una decina circaC Almeno 19

    1

    Gli animali degli zoo sono tutti nati in gabbia?A S (di solito proprio negli zoo che li ospitano) B S, tranne i pinguini e le giraffeC No, molti vengono catturati in natura con metodi crudeli

    3

    I bioparchi sono strutture dalla parte degli animali?A Certo, infatti salvano animali esotici in difficoltB No, sono solo zoo un po miglioriC S, perch proteggono le specie in pericolo

    4

    Tutti, umani e animali, abbiamo il desiderio e limpulso naturale di vivere liberi. Le gabbie non piacciono a nessuno, ma nemmeno i recinti, le vetrate, i fossati e tutto quello che rinchiude i nostri amici in uno spazio limitato. Quando manca la libert, non certo lassenza di sbarre a fare la differenza. Insomma: zoo o bioparchi pari sono... o quasi!

    Come si difendono le specie in estinzione?A Conservando e proteggendo il loro habitatB Catturando gli animali e rinchiudendoli in zoo o bioparchiC Creando in laboratorio nuovi esemplari

    attraverso la clonazione

    5

  • 4 Piccole imPronte

    Niente pi cani tristemente legati a un lampione davanti a bar, gelaterie e ristoranti; cancellati quei terribili cartelli Io non posso entrare. La Fipe, la Federazione dei locali pubblici, ha infatti deciso di permettere lingresso ai quattrozampe nei locali di tutta Italia. Questa scelta di civilt, decisa insieme al Ministero della Salute, valida anche se qualche Comune non fosse daccordo. In tutta Europa la libera circolazione dei cani in vigore dal 2004, ma per il nostro paese una piccola rivoluzione! Ricordatevi sempre guinzaglio e museruola, e niente e nessuno potr separarvi dal vostro amico peloso!

    Io non aspetto fuori!

    Dellintelligenza dei delfini e del loro raffinato linguaggio sappiamo gi molto. Eppure questi affascinanti mammiferi non finiscono mai di stupirci. Secondo le ultime ricerche, hanno una memoria sociale estremamente duratura (si riconoscono anche dopo ventanni!), unica tra gli animali e paragonabile solo a quella di noi umani; si chiamano per nome grazie a speciali fischi, diversi per ogni individuo; si organizzano in gruppi e stringono vari tipi di alleanze. Insomma, se non stessero sempre a mollo... ci assomiglieremmo come due gocce dacqua!

    A rrivano anche in Italia i Pet-Detective, investigatori specializzati nella ricerca di cani e gatti smarriti. Con laiuto di cani e con metodi simili a quelli della Polizia Scientifica, rendono pi facile il ritrovamento del proprio animale. C anche il servizio gratuito on-line, grazie al quale si ricevono consigli e indicazioni personalizzate per tentare di riavere a casa il proprio animale. Unottima iniziativa... ma speriamo di non averne mai bisogno!

    Uomo e delfino: due gocce dacqua

    I detective degli animali

  • Piccole imPronte 5

    Indovinala grillo!Avete mai fatto caso a quanti animali si nascondono dentro il nostro linguaggio? Modi di dire, proverbi, esclamazioni, frasi fatte... ce ne sono a centinaia! Spesso per i nostri amici sono nominati in modo sbagliato, inesatto o addirittura offensivo; su di loro ci sono tante credenze sbagliate. Ora non essere lento come una lumaca e gioca con noi: non prendere lucciole per lanterne e non rimanere con un pugno di mosche. Decidi se queste affermazioni sono vere o false e... indovinala grillo!

    ill

    ust

    ra

    zio

    ni d

    i Gio

    rd

    an

    a G

    al

    li

    Il collo della giraffa composto dallo stesso numero di vertebre del nostro.

    1 Il toro non sopporta il rosso acceso: quando lo vede diventa nervoso.

    2

    Lo struzzo, di fronte ai pericoli, mette la testa sotto la sabbia rimanendo immobile.

    4

    Lopossum un grande attore; quando si sente in pericolo si fa cadere su un fianco con gli occhi girati allindietro e la bocca aperta.

    7

    Koala in lingua aborigena significa quello che non beve; trova infatti tutta lacqua di cui ha bisogno nelle foglie di eucalipto.

    3

    Il tucano un animale molto giocherellone: con gli amici ama sciabolare con il becco senza farsi male.

    5 I colibr sono gli unici uccelli che possono volare allindietro.

    6

    Soluzione: 1) vero - 2) falso - 3) vero - 4) falso - 5) vero - 6) vero - 7) vero

  • Al Bioparco gli animali si sentono a casa

    Entrambi i nostri personaggi criticano gli zoo, ma si dividono sui cosiddetti bioparchi. Il primo li ritiene luoghi bellissimi dove incontrare animali che vivono

    Io adoro gli animali! Sono il mio grande amore fin da piccolo e trovare lavoro al Bioparco stato un colpo di fortuna: ho fatto della mia passione la mia professione! Non vorrei lavorare in uno zoo: le gabbie mi fanno tristezza e non sopporterei di vedere ogni giorno animali depressi e demotivati. Qui al Bioparco tutta unaltra storia. Le sbarre sono sostituite da grandi vetrate o profondi fossati e gli animali hanno molto spazio per muoversi, correre, arrampicarsi. Ma non solo questione di spazio. Si cerca di creare per ogni specie un ambiente simile a quello naturale: alberi, piante, ruscelli, sabbia, laghetti e tutto quello che pu far sentire un animale a casa propria.

    E

Search related