Click here to load reader

O DELLA SCUOLA - · PDF fileO DELLA SCUOLA SEDE CENTRALEVILLA REATINA INFANZIA VAZIA PRIMARIA VAZIA INFANZIA CAMPOLONIANO ... Dopo i personaggi delle fiabe, la com-pagnia porta in

  • View
    214

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of O DELLA SCUOLA - · PDF fileO DELLA SCUOLA SEDE CENTRALEVILLA REATINA INFANZIA VAZIA PRIMARIA...

L ECO DELLA SCU

OLA

SEDE CENTRALE

INFANZIA VAZIA

PRIMARIA VAZIA

INFANZIA CAMPOLONIANO

INFANZIA VILLA REATINA

ISTITUTO

COMPRENSIVO

STATALE

VILLA REATINA

DIRETTORE RESPONSABILE

GIUSEPPINA BIANCONE

REDATTORI:

MARIA LUISA IACUITTO

MIRELLA IMPERATORI

Compagnia amatoriale

Lo Staff della Peppa

Nella nostra scuola

LE AVVENTURE DI PEPPA PIG ispirato al cartone animato inglese Peppa Pig creato e diretto da Neville

Astley e Mark Baker

Ecco la magia del teatro: non ci sono

professionisti, ma senza imbarazzi e

timori ci si butta sul palcoscenico, e ma-

gari qualcuno scopre di avere delle doti

nascoste...

Dopo i personaggi delle fiabe, la com-

pagnia porta in scena uno dei cartoni

animati pi amati dai piccoli: la simpa-

tica maialina Peppa Pig e i suoi amici!

Pagina 1

DIRITTO AL GIOCO

LECO DELLSCUOLA

Pagina 2

SE IO FOSSI UN GATTO

Io desidererei essere uno degli animali pi elegan-

ti e affettuosi il gatto. Con i suoi occhi dolci, i

suoi colori stravaganti e la capacit di poter esse-

re un grande coccolone e, allo stesso tempo, un

cacciatore eccellente! Vorrei, inoltre, vivere in

una casa, accudito, tranquillo; vorrei anche un

grande giardino, pieno di fiori e erba, dove poter

correre libero, in piena tranquillit. Se cos fosse

trascorrerei giornate intere a rincorrere gomitoli

di lana, palline da tennis o finti topini con campa-

nellini allinterno. Ma soprattutto giocherei con le

farfalle dei colori pi variopinti, le rincorrerei, le

acchiapperei e le lascerei andare!!! Mi divertirei

un mondo

Poi entrerei in casa e mi farei le unghie sul diva-

no, oppure mordicchierei la biancheria, o sempli-

cemente mi nasconderei in un secchio! Quante ne

combinerei Ma purtroppo questa non la real-

t B, comunque vorrei tanto essere un gatto

per sentire su pelle lebbrezza della libert, o an-

che il divertimento che proverei giocando con una

di quelle bellissime farfalle..

Paolessi Federico V B

Se io fossi ... Io vorrei essere una farfalla viola , fucsia e bianca,mi pia-

cerebbe vivere in un fiore grandissimo con dentro del net-

tare morbido che fa da letto.

Vorrei che il fiore si aprisse solo quando lo vorrei io e che

mi facesse scendere, poggiandosi, delicatamente,su un

tappeto di foglie scricchiolanti. Trascorrerei le mie giornate, a sfiorare con le mie ali, fiori

e fiumi.

Succhierei pi nettare possibile e immaginabile.

Met , giornata, la dedicherei a trovare con le mie amiche

farfalle,il fiore con il nettare pi dolce, cos che potesse

essere tutto per noi. A me piacerebbe tanto essere una farfalla,perch la sola

idea di avere le ali,e pensare che potrei volare nel cielo

infinito,mi rende allegra e gioiosa.

Anche se so che non accadr mai, sognare e fantasticare

fa bene.

Gaia Mattei 5B Villa Reatina

Pagina 3

SE IO FOSSI UNA SCOIATTOLINA

Se dovessi decidere cosa essere direi: una scoiattolina!

Piccola, graziosa, veloce e libera! Ecco, soprattutto libera di vivere godendo delle meraviglie del bosco.

Sarei un animaletto socievole, vivrei in una famiglia con una mamma, un pap e tanti fratelli e sorelle con

cui condividere momenti felici e spensierati e potrei godere dell'aiuto di una comunit pi grande.

Mi alzerei all'alba, vedrei il sole sorgere e il bosco risvegliarsi sotto i primi raggi tiepidi di sole. Potrei mira-

re stupita i fiori tinteggiati di colori stupendi, tappeti di foglie multicolore e sentirei profumi freschi del mu-

schio, della terra e dei funghi. Udirei i canti melodiosi degli uccelli e potrei osservare gli altri abitanti del

bosco fare scorte di cibo per l'inverno e lottare per la sopravvivenza. Un piccolo mondo magico, dove ci

sono poche regole ma dove regna la pace, l'amicizia, la fratellanza e il rispetto tra le diverse specie. Mi pia-

cerebbe tanto vivere con la mia grande famiglia su un albero di quercia maestoso, con molti rami, foglie e

frutti, nel mezzo del bosco incantato, circondato da altri alberi dove vivono altre famiglie felici e serene.

Trascorrerei le mie giornate in compagnia dedicandomi ai giochi, alle corse a perdifiato, ai voli spericolati

sui rami degli alberi e a cercare bacche e frutta secca con cui nutrirmi. Mi divertirei un mondo a fare dispet-

ti ai ragni, alle lucertole e ai piccoli animaletti... ne combinerei delle belle: sarei sempre in cerca di nuove

avventure e nuovi posti da scoprire.

Darei anche una sbirciatina al mondo umano; visiterei gli orti vicini; mi intrufolerei nelle case dei contadi-

ni, nelle loro ricche dispense, magari per scoprire le loro abitudini e per giocare un po o solo per assaporare

nuove e insolite delizie. Sarei una scoiattolina un po birichina, ma felice di vivere all'aria aperta sempre e

costantemente immersa nella natura meravigliosa coinvolta in una vera vita comunitaria con tanti amici

simpatici con cui crescere serena, felice e libera.

Chiara Messina

tissimi ed indimenticabili; le

foglie scricchiolanti sono a

terra, mentre molte altre ca-

dono con una bellezza ed ele-

ganza paragonabile soltanto

ad un gatto o anche ad una

farfalla dai mille colori, s,

dai mille colori, proprio come

la suggestiva "macchia" os-

servata da lontano: ho avuto

l'occasione di osservare un

vero e proprio paradiso di

tranquillit e colori dei pi

impensabili tipi. (Federico)Mi

capitato di vedere il bosco,

ricordo che dagli alberi, con

un leggero venticello, le foglie

cadevano, formando un mor-

bido tappeto e quando le cal-

pestavo sentivo il loro

DETTAGLI DAUTUNNO

"chiacchierio". (Alessandro

e Gabriele)

Mi capitato di osservare il

bosco in autunno, ricorso

che le foglie cadute dagli

alberi avevano formato un

morbido cuscino e gli alberi

maestosi e altissimi mi

sembravano guardassero in

alto, aspettando con ansia

l'arrivo della stagione suc-

cessiva. Una leggera brezza

aveva fatto cadere anche

l'ultima foglia appesa a un

ramo: l'autunno era vera-

mente arrivato!! (Chiara)

Un bosco d'autunno: ricordo

un tappeto di foglie di mille

colori, mille castagne, ghian-

de e noci e uno scoiattolo che

sembrava un morbido cuscino

da accarezzare. (Gioele)

Nel bosco ci sono tanti alberi

tristi e tanti cespugli; per ter-

ra vedo un morbido tappeto,

ma la cosa che mi stupisce di

pi sono le foglie perch sono

tutte sparpagliate di mille

colori, sembra un paesaggio

fantastico! (Rayane)

Ho avuto modo pi volte di

osservare il bosco in questa

stagione e i ricordi sono mol-

Se io fossi...

Se io fossi un lupo potrei vedere in modo diverso. Mi piacereb-

be essere un lupo di color bianco ,con sfumature nere .Vivrei in

un branco vicino alle montagne , cos di notte potrei ululare alla

luna . Starei vicino sia a delle querce , perch di solito l vivono

molte specie volatili, sia vicino ad uno stagno per ammirare il

mio sguardo di giorno in giorno. Diventerei amico di un gat-

to,di una volpe,di altri lupi come me per condividere la mia vita

con degli amici che mi sopportino nel momento del bisogno.

Scenderei dalla montagna alla citt per giocare con dei bambini

e fare acrobazie con la palla per farli divertire. Scaverei una

grotta per trovare minerali ed oro. Ma la cosa che mi piacerebbe

di pi fare , ululare alla luna ,per far rispecchiare il mio carat-

tere e per far vedere il mio aspetto con occhi diversi. Ecco per-

ch mi piacerebbe essere un LUPO !!!

Mattia VB

Pagina 4

Ho osservato il bosco in autunno molte

volte; mi ricordo di quel vento leggero

che faceva cadere le foglie in procinto

sull'orlo di un ramo, con le foglie che

formavano quasi un arcobaleno che non

finiva mai! Si sentiva il mormorio delle

foglie "chiacchierine" che sembrava par-

lassero tra loro, le bacche erano rossa-

stre e i rami scheletriti facevano un po'

paura!! (Federica)

In autunno le foglie cadevano delicata-

mente e formavano un tappeto di mille

colori; alberi spogli sembravano che

chiedessero aiuto e castagne che cade-

vano una ad una. (Paolo)

Ricordo un lungo, morbido, colorato tap-

peto di foglie, alberi che sembravano dei

piccoli scheletri intrecciati tra loro che

cercavano di proteggere le loro amiche

"chiacchierine", le foglie. (Aurora)

Ho osservato il bosco quando sono andata in gita.

Ho osservato che il tronco degli alberi diventa pi

scuro rispetto a quando primavera e che le foglie

cadono silenziose sull'erba, di colore verde cupo.

Sul suolo ho avuto modo di vedere frutti acc

Search related