«Let’s know, let’s love, let’s protect our environment»

  • Published on
    02-May-2015

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<ul><li> Slide 1 </li> <li> Lets know, lets love, lets protect our environment </li> <li> Slide 2 </li> <li> Slide 3 </li> <li> RELAZIONE DEGLI STUDENTI SUL CANSIGLIO LOGHI CREATI DAGLI STUDENTI PER IL PROGETTO COMENIUS IL CANSIGLIO IL CANSIGLIO IL TERRITORIO IL TERRITORIO IL PAESAGGIO IL PAESAGGIO IL CLIMA IL CLIMA LA VEGETAZIONE LA VEGETAZIONE GLI ANIMALI GLI ANIMALI IL MUSEO ECOLOGICO IL MUSEO ECOLOGICO IL MUSEO DEI CIMBRI IL MUSEO DEI CIMBRI I CIMBRI ALIMENTAZIONE LE TORBIERE LE CARBONAIE LA VITA DI SANTOSVALDOLA VITA DI SANTOSVALDO SINTESI DELLA FIABA CIMBRA IN INGLESE SOMMARIO </li> <li> Slide 4 </li> <li> Il Cansiglio unarea montana prevalentemente ricoperta da bosco. La cartina evidenzia coi colori la prevalenza delle colture Abete Faggio IL CANSIGLIO </li> <li> Slide 5 </li> <li> IL TERRITORIO Il Bus de la Genziana </li> <li> Slide 6 </li> <li> IL TERRITORIO </li> <li> Slide 7 </li> <li> Carta strutturale del Bus de la Genziana IL TERRITORIO </li> <li> Slide 8 </li> <li> Bus de la Lum (ingresso) Sezione e sviluppo cavit Bus de la Lum IL TERRITORIO </li> <li> Slide 9 </li> <li> IL PAESAGGIO Bosco (sopra) e Piana (sotto) del Cansiglio 1)Larice 2)Felce 3)Abete rosso 2 3 1 </li> <li> Slide 10 </li> <li> IL CLIMA Giardino Botanico Alpino del Cansiglio (sopra) La foresta del Cansiglio in autunno: da notare la differenza tra i faggi, autoctoni, e le conifere, introdotte dall'uomo. La foresta del Cansiglio in inverno </li> <li> Slide 11 </li> <li> Geranium palustre LA VEGETAZIONE Fiori (sopra) Monte Pizzoc (sinistra) </li> <li> Slide 12 </li> <li> Sezione della serie vegetazionale. Il fenomeno dellinversione termica,cio il ristagno di aria pi fredda nel fondo della conca, condiziona la serie vegetazionale che si presenta invertita rispetto a quella che normalmente si osserva lungo i versanti delle montagne. Detto fenomeno viene chiamato inversione vegetazionale LA VEGETAZIONE </li> <li> Slide 13 </li> <li> Bosco di faggi in periodo primaverile Lungo la salita che porta al Monte Pizzoc vi una stupenda foresta di faggio,molto suggestiva da vedere in primavera quando le foglie sono verde brillante come in questo caso, o in autunno quando le foglie diventano gialle e rosse.Vi presente un sentiero natura che permette una lunga passeggiata in questo magnifico ambiente naturale, alcuni cartelli raccomandano di non uscire dai sentieri in quanto il terreno carsico come del resto tutta l'area del Cansiglio pu nascondere pericolose cavit ricoperte di fogliame e rami secchi. </li> <li> Slide 14 </li> <li> GLI ANIMALI </li> <li> Slide 15 </li> <li> SCOIATTOLO IL MUSEO ECOLOGICO Cervo, capriolo, scoiattolo, francolino, martora, tasso, pernice, gallo cedrone. </li> <li> Slide 16 </li> <li> IL MUSEO DEI CIMBRI Nelle foto sopra: lesterno del Museo, oggetti cimbri e in basso a destra la sala dei Cimbri. </li> <li> Slide 17 </li> <li> I CIMBRI </li> <li> Slide 18 </li> <li> Spostamenti della popolazione cimbra. </li> <li> Slide 19 </li> <li> ALIMENTAZIONE ALIMENTAZIONE DEI CIMBRI Gli scarsi prodotti di un territorio dal clima molto rigido non erano sufficienti allalimentazione delle famiglie cimbre, sottoposte a un duro lavoro del bosco. Per questo nelle malghe si acquistava latte, burro e formaggio per la preparazione del friko formaggio tenero arrostito in padella. Nei paesi vicini invece si barattava lacquisto della farina da polenta in sostituzione del pane, considerato un lusso, dei fagioli e della carne. Molto diffusi erano i crauti, sconosciuti alla popolazione limitrofe, ottenuti dalla fermentazione in mastelli di legno dei capuz, cavoli cappucci prodotti negli orti. Il vino veniva consumato unicamente nei giorni di festa, con il tradizionale piatto di trippe, nelle osterie dei villaggi cimbri. </li> <li> Slide 20 </li> <li> LE TORBIERE Le temperature basse e l'elevata piovosit, fan s che i detriti accumulati nelle doline non si decompongano facilmente, cos si formano dei laghetti con un fondale di torba molto spessa. L'importanza della torbiera, sta nella loro natura conservativa dei depositi organici, utili per tracciare un quadro evolutivo della vegetazione circostante. Questo il regno degli anfibi e delle piante acquatiche, tra cui la "drosera", piante specializzata nella cattura di insetti. </li> <li> Slide 21 </li> <li> LE CARBONAIE </li> <li> Slide 22 </li> <li> LA VITA SANTOSVALDO SantOsvaldo patrono dei Cimbri. Reliqu iario </li> <li> Slide 23 </li> <li> GRAZIE PER LATTENZIONE </li> </ul>