of 17 /17
Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Luca Cortese Cortese c/o c/o Dipartimento Dipartimento di di Meccanica Meccanica ed ed Aeronautica Aeronautica Ufficio Ufficio n n ° ° 20, via 20, via Eudossiana Eudossiana 18 18 tel. 06 44 585 236 tel. 06 44 585 236 e e - - mail: [email protected] mail: [email protected] Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore corso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore · 2008. 12. 2. · - E. Chirone, S. Tornincasa, Disegno Tecnico Industriale . Vol. 2 (Elementi delle Macchine) - G. Manfè, R. Pozza,

  • Author
    others

  • View
    18

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore · 2008. 12. 2. · - E. Chirone, S. Tornincasa,...

  • Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

    Luca Luca CorteseCortese

    c/o c/o DipartimentoDipartimentodi di MeccanicaMeccanicaed ed AeronauticaAeronauticaUfficioUfficio nn°° 20, via 20, via EudossianaEudossiana18 18 tel. 06 44 585 236tel. 06 44 585 236ee--mail: [email protected]: [email protected]

    Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

  • Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

    LEZIONE 10LEZIONE 10

    Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Rappresentazione degli Elementi Costruttivi delle Rappresentazione degli Elementi Costruttivi delle Macchine (parte II)Macchine (parte II)

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Si adottano in caso di alberi molto piccoli o se la potenza da trasmettere è elevata o se è indispensabile una perfetta centratura tra albero e mozzo

    Sono costituiti da un tratto di albero che si accoppia con un mozzo, su cui sono ricavati dei risalti e delle cave in direzione assiale. La trasmissione del moto è assicurata dalle forze tangenziali che si scambiano le superfici laterali a contatto.

    ECM: Profili ScanalatiECM: Profili Scanalati

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Le sporgenze dei profili scanalati possono essere a fianchi parallelioppure ad evolvente. L’accoppiamento nel primo caso viene centrato suldiametro interno e nel secondo sui fianchi

    ECM: Profili ScanalatiECM: Profili Scanalati

    Fianchi paralleli, accoppiamento più

    grossolano

    Fianchi ad evolvente, accoppiamentopiù preciso ed adatto ad elevate

    velocità di rotazione

  • La rappresentazionenel disegno avvienein maniera simbolica

    Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    ECM: Rappresentazione dei Profili ScanalatiECM: Rappresentazione dei Profili Scanalati

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Le spine sono elementi conici (1/50) o deformabili elasticamente che vengono forzati in opportuni fori e impiegati per collegare e trasmettere potenze limitate

    I perni sono elementi cilindrici che consentono un collegamento articolato permettendo la rotazione reciproca delle parti. Vengono usati come:

    ECM: Spine e PerniECM: Spine e Perni- fulcri di parti rotanti

    - elementi di collegamento o arresto- elementi di centraggio

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    I supporti sono destinati a sorreggere gli elementi rotanti e vincolano la posizione degli assi di rotazione. Possono consentire l’alloggiamento deicuscinetti quando previsti

    ECM: SupportiECM: Supporti

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    I cuscinetti sono elementi interposti tra albero e supporti atti a consentire ilmoto rotatorio relativo tra i suddetti organi delle macchine. Si suddividonoin base al tipo di attrito che si sviluppa a causa del moto dell’albero

    ECM: Cuscinetti a strisciamentoECM: Cuscinetti a strisciamento

    attrito radente: cuscinetti a strisciamento (radenti)(fanno parte di questa categoria le bronzine)

    Materiali utilizzati: metalli bianchi

    -Basso coefficiente di attrito-Buona conducibilità termica-Elevata durezza

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    I cuscinetti sono elementi interposti tra albero e supporti atti a consentire ilmoto rotatorio relativo tra i suddetti organi delle macchine. Si suddividonoin base al tipo di attrito che si sviluppa a causa del moto dell’albero

    ECM: Cuscinetti a rotolamentoECM: Cuscinetti a rotolamento

    attrito volvente: cuscinetti a rotolamento

    (volventi)

    Anello (ralla) interno

    Elementi volventi (sfere)

    Anello (ralla) esterno

    Gabbia distanziatrice

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Esempio: cuscinetti ad una corona di sfere

    ECM: Cuscinetti a rotolamentoECM: Cuscinetti a rotolamento

    Anello esterno

    Anello interno Gabbia

    Sfere

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    ECM: Tipologie e rappresentazione dei Cuscinetti ECM: Tipologie e rappresentazione dei Cuscinetti

    Tipologie di cuscinetti a rotolamento

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Sono elementi che attraverso l’ingranamento dei denti trasmettono potenzada un albero motore ad un albero condotto. I profili sono generalmente adevolvente di cerchio

    ECM: Ruote DentateECM: Ruote Dentate

    Variando il rapporto tra i diametri (e quindi tra i denti) è possibileottenere diversi rapporti di velocità e coppie trasmissibili.

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Si distinguono in ruote a denti dritti, elicoidali, coniche

    ECM: Ruote DentateECM: Ruote Dentate

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    Ruote a denti dritti (assi paralleli):- Una sola coppia di denti in presa- Assenza di sforzi assiali

    ECM: Ruote DentateECM: Ruote Dentate

    Ruote a denti elicoidali (assi paralleli):- Più coppie di denti in presa- Ingranamento più graduale e silenzioso- Sforzi assiali dipendenti dall’angolo di inclinazione dell’elica

    Ruote coniche (assi concorrenti):- Forti sforzi assiali.- configurazioni a denti dritti o a spirale- Sforzi assiali dipendenti dall’angolo di inclinazione dell’elica

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    La lororappresentazione

    nel disegnosegue ancora una

    volta unarappresentazione

    simbolica

    ECM: Rappresentazione delle Ruote DentateECM: Rappresentazione delle Ruote Dentate

  • Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    RiferimentiRiferimenti

    - E. Chirone, S. Tornincasa, Disegno Tecnico Industriale. Vol. 1 (Basi del disegno tecnico)

    - B. Pacetti Corso di Disegno Meccanico Hoepli

    - E. Chirone, S. Tornincasa, Disegno Tecnico Industriale. Vol. 2 (Elementi delle Macchine)

    - G. Manfè, R. Pozza, G. Scarato, Disegno Meccanico. Vol. 2-3

    - Guida ed Esercitazioni in linea di Solid Edge V17 della UGS.

  • Interpretare il principio di funzionamentodi questo assemblato

    Dispense di Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatorecorso di laurea in Ingegneria Energetica a.a. 2008/2009

    EsercizioEsercizio