Click here to load reader

L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AUTOMOBILISTICI DI TRASPORTO … · 2016-01-08 · Trasporto pubblico terrestre € 0,00 € 117.011.818,18 € 117.011.818,18 Trasporto su traghetti €

  • View
    2

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AUTOMOBILISTICI DI TRASPORTO … · 2016-01-08 · Trasporto pubblico...

  • DISCIPLINARE DI GARA

    GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI

    AUTOMOBILISTICI DI TRASPORTO DI PERSONE URBANI ED EXTRAURBANI E

    DEI SERVIZI MARITTIMI DI COMPETENZA DELLA REGIONE AUTONOMA

    FRIULI VENEZIA GIULIA

    Documento modificato in esecuzione alle sentenze del Consiglio di Stato n. 5180 e n. 5181 del 12 novembre

    2015 e della Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale del Friuli Venezia Giulia n. 225 del 19

    maggio 2015.

    Via Giulia 75/1 - 34126 TRIESTE PEC: [email protected] Bando inviato per la pubblicazione sulla

    GUCE il .25/10/2014

    mailto:[email protected]

  • 1

    Sommario

    Premesse ....................................................................................................................................................... 1

    1. Oggetto del servizio, modalità di esecuzione e importo a base di gara ............................................... 2

    2. Soggetti ammessi alla gara ................................................................................................................... 4

    3. Condizioni di partecipazione ................................................................................................................ 4

    4. Presa visione della documentazione di gara e sopralluogo ................................................................. 5

    5. Chiarimenti ........................................................................................................................................... 6

    6. Modalità di presentazione della documentazione ............................................................................... 6

    7. Comunicazioni ...................................................................................................................................... 7

    8. Subaffidamento .................................................................................................................................... 8

    9. Ulteriori disposizioni ............................................................................................................................. 8

    10. Cauzioni e garanzie richieste ................................................................................................................ 9

    11. Pagamento a favore dell’ANAC .......................................................................................................... 11

    12. Requisiti di idoneità professionale, capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa ........... 11

    13. Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte ..................................................... 13

    14. Contenuto della Busta “A - Documentazione amministrativa” .......................................................... 14

    15. Contenuto della Busta “B - Offerta tecnico-organizzativa” ................................................................ 25

    16. Contenuto della Busta “C - Offerta economica” ................................................................................ 35

    17. Procedura di aggiudicazione .............................................................................................................. 36

    18. Metodo di valutazione delle offerte tecniche ed economiche .......................................................... 41

    19. Controllo sul possesso dei requisiti .................................................................................................... 49

    20. Norme di rinvio ................................................................................................................................... 49

    21. Definizione delle controversie ............................................................................................................ 50

    22. Rinuncia all’aggiudicazione................................................................................................................. 50

    23. Trattamento dei dati personali........................................................................................................... 50

    24. Responsabile del Procedimento ......................................................................................................... 50

    25. Invio alla GUCE ................................................................................................................................... 50

    Premesse

    La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia con la presente richiesta di offerta tecnico organizzativa intende

    perseguire, in attuazione del Piano Regionale di Trasporto Pubblico Locale, anche attraverso i criteri di

    valutazione dell’offerta, il miglioramento del servizio di trasporto pubblico locale, automobilistico e marittimo e

  • 2

    della sua attrattività correlata a un puntuale monitoraggio della prestazione del servizio e una maggiore

    flessibilità nelle variazioni dei Servizi.

    Il presente disciplinare di gara, allegato al bando di gara di cui costituisce parte integrale e sostanziale, contiene

    le norme integrative al bando relative alle modalità di partecipazione alla procedura di gara indetta dalla Regione

    Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori

    pubblici, università, (nel prosieguo Regione), alle modalità di compilazione e presentazione dell’offerta, ai

    documenti da presentare a corredo della stessa e alla procedura di aggiudicazione, nonché le altre ulteriori

    informazioni relative all’appalto avente ad oggetto l’affidamento dei servizi automobilistici di trasporto pubblico

    di persone urbani, compresi tranviari, ed extraurbani e dei servizi marittimi di competenza della Regione, come

    meglio specificato nel capitolato descrittivo e prestazionale.

    L’affidamento, oggetto di avviso periodico indicativo pubblicato ai sensi dell’articolo 223 d.lgs. 12 aprile 2006, n.

    163 (nel prosieguo, Codice) in data 26 marzo 2014 sulla GUCE S60 e sul sito della Regione, è stato disposto con

    deliberazione della Giunta Regionale n. 26 del 10 gennaio 2014 avente ad oggetto: “LR 23/2007, ART. 17 E

    SEGUENTI – INDIRIZZI PER I NUOVI AFFIDAMENTI DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE” e avverrà

    mediante procedura aperta e con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 220 e

    83 del Codice.

    L’ambito territoriale del servizio definito e motivato nel Piano Regionale del Trasporto Pubblico Locale, approvato

    con D.P.reg. n. 80/2013 è unico per tutto il territorio regionale.

    CIG 5905206A24

    La documentazione di gara comprende:

    A) BANDO DI GARA EUROPEO

    B) DISCIPLINARE DI GARA E MODELLI ALLEGATI.

    C) CAPITOLATO DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE (ART. 279) ED ALLEGATI

    D) SCHEMA DI CONTRATTO

    E) PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE APPROVATO CON DPREG N. 80/2013

    1. Oggetto del servizio, modalità di esecuzione e importo a base di gara

    1.1. La gara ha per oggetto l’affidamento per dieci anni, salvo l’esercizio dell’opzione prevista dal Capitolato

    descrittivo e prestazionale, dei servizi di trasporto pubblico di passeggeri automobilistici urbani, comprensivi

    dei servizi tranviari, ed extraurbani e dei servizi marittimi di competenza della Regione ai sensi della Legge

    regionale 20 agosto 2007, n. 23 “Attuazione del decreto legislativo 111/2004 in materia di trasporto pubblico

    regionale e locale, trasporto merci, motorizzazione, circolazione su strada e viabilità” sulla base delle Delibere

    della Giunta Regionale n. 26 del 10 gennaio 2014 e n. 1532 del 7 agosto 2014, con la Relazione approvata con

    la medesima DGR 1532/2014.

    1.2. Il servizio si compone come segue:

  • 3

    Tabella 1 – Descrizione dei servizi oggetto dell’appalto

    Descrizione attività Categoria Servizio CPV

    Servizio di trasporto pubblico terrestre (compreso tranviari) 02 60112000-6

    Servizio di trasporto su traghetti 09 60610000-7

    1.3. Ai sensi e per gli effetti di quanto disposto dall’art. 37 comma secondo del Codice il servizio principale è

    costituito dal servizio di trasporto pubblico terrestre (compreso servizio trasporto tranviario) e il servizio

    secondario è costituito dal Servizio di trasporto su traghetti.

    1.4. La durata del servizio, conformemente a quanto disposto dal Reg. (CE) 1370/2007, è di 10 anni. La data

    di inizio del servizio stesso che sarà concordata con l’aggiudicatario del contratto di servizio, è fissata entro un

    termine offerto dal concorrente non superiore a 365 giorni dalla stipula dello stesso e comunque oggetto di

    ribasso secondo quanto riportato di seguito al criterio di valutazione F sub-criterio 1.

    1.5. Ai sensi del Reg. (CE) 1370/2007, articolo 4 , par. 4, la durata del contratto di servizio pubblico potrà

    essere prorogata, del 50 % della durata indicata al punto 1.4, nel caso in cui l’operatore del servizio pubblico,

    tenuto conto delle modalità di ammortamento dei beni, fornisca beni di entità significativa in rapporto all’insieme

    dei beni necessari per la fornitura dei servizi di trasporto di passeggeri oggetto del contratto di servizio pubblico e

    prevalentemente finalizzati ai servizi di trasporto di passeggeri previsti dal contratto. Vedi art. 3 dello schema di

    contratto di servizio.

    1.6. Per l'espletamento del presente appalto non sono rilevabili rischi interferenti per i quali sia necessario

    adottare specifiche misure di sicurezza, e pertanto non risulta necessario prevedere la predisposizione del

    Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza (DUVRI) e non sussistono di conseguenza costi della

    sicurezza di cui all'art. 86 c.3 bis del Codice. Eventuali ulteriori costi derivanti da interferenze, individuate

    successivamente dall’impresa e/o dalla Regione saranno oggetto di opportune comunicazioni fra le parti e

    saranno tempestivamente computati previa verifica delle interferenze stesse.

    1.7. L’importo annuo a base di gara, IVA esclusa, è pari ad € 118.298.818,18 (euro

    centodiciottomilioniduecentonovantottomilaottocentodiciottovirgoladiciotto), suddiviso per tipologia di servizio

    come segue:

    Servizio Oneri della sicurezza Corrispettivo annuo Totale annuo

    Trasporto pubblico terrestre € 0,00 € 117.011.818,18 € 117.011.818,18

    Trasporto su traghetti € 0,00 € 1.287.000,00 € 1.287.000,00

    Totale € 0,00 € 118.298.818,18 € 118.298.818,18

  • 4

    1.8. Pertanto l’importo del contratto per la durata complessiva di dieci anni suddiviso per tipologia di servizio

    è pari a quanto di seguito indicato:

    Servizio Oneri della sicurezza Corrispettivo contratto Totale contratto

    Trasporto pubblico terrestre € 0,00 € 1.170.118.181,80 € 1.170.118.181,80

    Trasporto su traghetti € 0,00 € 12.870.000,00 € 12.870.000,00

    Totale € 0,00 € 1.182.988.181,80 € 1.182.988.181,80

    1.9. L’importo è destinato alla parziale copertura dei costi sostenuti dall’impresa, mediante compensazione

    economica, a fronte dell’assolvimento di obblighi di servizio pubblico, di cui all’articolo 3 del Reg. (CE) 1370/2007

    e degli articoli 8, commi 2 e 23 della LR 23/2007, descritti nei documenti di gara allegati.

    1.10. Lo svolgimento dei Servizi è finanziato con fondi regionali, con le tariffe del servizio svolto, nonché con il

    contributo statale di cui alla L. 47/2004, L. 58/2005 e L. 296/2006, come confermato dalla L. 244/2007 comma

    295 e ss. (Finanziaria del 2008).

    1.11 L’importo del corrispettivo e le tariffe del servizio sono soggette ad indicizzazione secondo le modalità

    riportate nel capitolato prestazionale e descrittivo e nel contratto.

    2. Soggetti ammessi alla gara

    2.1. Sono ammessi alla gara gli operatori economici in possesso dei requisiti prescritti dal successivo

    paragrafo 13, tra i quali, in particolare, quelli costituiti da:

    2.1.1. operatori economici con idoneità individuale di cui alle lettere a) (imprenditori individuali anche artigiani,

    società commerciali, società cooperative), b) (consorzi tra società cooperative e consorzi tra imprese artigiane), e

    c) (consorzi stabili), dell’art. 34, comma 1, del Codice;

    2.1.2. operatori economici con idoneità plurisoggettiva di cui alle lettera d) (raggruppamenti temporanei di

    concorrenti), e) (consorzi ordinari di concorrenti), e-bis) (le aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di

    rete) ed f) (gruppo europeo di interesse economico), dell’art. 34, comma 1, del Codice, oppure da operatori che

    intendano riunirsi o consorziarsi ai sensi dell’art. 37, comma 8, del Codice;

    2.1.3. operatori economici con sede in altri Stati membri dell’Unione Europea, alle condizioni di cui all’art. 47 del

    Codice nonché del presente disciplinare di gara.

    2.1.4. Ai predetti soggetti si applicano le disposizioni di cui agli artt. 36 e 37 del Codice.

    3. Condizioni di partecipazione

    3.1. Non è ammessa la partecipazione alla gara di concorrenti per i quali sussistano:

  • 5

    1) le cause di esclusione di cui all’art. 38, comma 1, lettere a), b), c), d), e), f), g), h), i), l), m), m-bis), m-

    ter) ed m-quater), del Codice;

    2) le cause di divieto, decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 del d.lgs. 6 settembre 2011, n.

    159;

    3) le condizioni di cui all’art. 53, comma 16-ter, del d.lgs. del 2001, n. 165 o che siano incorsi, ai sensi

    della normativa vigente, in ulteriori divieti a contrattare con la pubblica amministrazione.

    3.2. Gli operatori economici aventi sede, residenza o domicilio nei paesi inseriti nelle c.d. “black list” di cui al

    decreto del Ministro delle finanze del 4 maggio 1999 e al decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 21

    novembre 2001 devono essere in possesso, pena l’esclusione dalla gara, dell’autorizzazione rilasciata ai sensi del

    d.m. 14 dicembre 2010 del Ministero dell’economia e delle finanze ai sensi (art. 37 del d.l. 3 maggio 2010, n. 78).

    3.3. Agli operatori economici concorrenti, ai sensi dell’art. 37, comma 7, primo periodo, del Codice, è vietato

    partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti, ovvero

    partecipare alla gara anche in forma individuale qualora gli stessi abbiano partecipato alla gara medesima in

    raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti o aggregazione di imprese aderenti al contratto di rete (nel

    prosieguo, aggregazione di imprese di rete).

    3.4. Ai consorziati indicati per l’esecuzione da un consorzio di cui all’art. 34, comma 1, lett. b) (consorzi tra

    società cooperative e consorzi tra imprese artigiane), ai sensi dell’art. 37, comma 7, secondo periodo, del Codice è

    vietato partecipare in qualsiasi altra forma alla medesima gara; il medesimo divieto, ai sensi dell’art. 36, comma 5,

    del Codice, vige per i consorziati indicati per l’esecuzione da un consorzio di cui all’art. 34, comma 1, lettera c)

    (consorzi stabili).

    4. Presa visione della documentazione di gara e sopralluogo

    4.1. La documentazione (costituita dal Bando di gara, dal presente Disciplinare di gara, dal Capitolato

    descrittivo e prestazionale speciale e dagli Allegati da 1 a 21) è disponibile sul sito internet:

    http://www.regione.fvg.it alla sezione Bandi e Avvisi della Regione. I documenti sono liberamente scaricabili.

    4.2. La Regione non prenderà in considerazione le richieste di invio dei documenti di gara e documenti

    correlati, ai sensi dell’art. 71, comma 1, del D.Lgs. 163/2006 smi.

    4.3. Il sopralluogo sulle aree, sugli immobili interessati ai servizi e sulle attrezzature è obbligatorio ai fini

    della partecipazione alla gara. La mancata effettuazione del sopralluogo sarà causa di esclusione dalla

    procedura di gara.

    4.4. Ai fini dell’effettuazione del prescritto sopralluogo obbligatorio, i concorrenti devono inviare alla

    stazione appaltante, almeno venticinque giorni prima della scadenza del termine per la presentazione dell’offerta

    indicata nel bando, all’indirizzo PEC [email protected] una richiesta di sopralluogo indicando nome e

    cognome, con i relativi dati anagrafici delle persone incaricate di effettuarlo e per conto di quale operatore

    http://www.regione.fvg.it/mailto:[email protected]

  • 6

    economico. La richiesta deve specificare l’indirizzo di PEC, cui indirizzare la convocazione. Data e luogo del

    sopralluogo sono comunicati con almeno 2 giorni di anticipo.

    4.5. Il sopralluogo potrà essere effettuato da un rappresentante legale o da un direttore tecnico del

    concorrente, come risultanti da certificato CCIAA/Albo/Registro o da soggetto diverso munito di delega a firma

    del legale rappresentante e purché dipendente dell’operatore economico concorrente.

    4.6. In caso di raggruppamento temporaneo, GEIE, aggregazione di imprese di rete o consorzio ordinario, sia

    già costituiti che non ancora costituiti, in relazione al regime della solidarietà di cui all’art. 37, comma 5, del

    Codice, tra i diversi operatori economici, il sopralluogo può essere effettuato da un incaricato per tutti gli

    operatori economici raggruppati, raggruppandi, aggregati in rete o consorziati.

    4.7. In caso di consorzio di cooperative, consorzio di imprese artigiane o consorzio stabile, il sopralluogo deve

    essere effettuato a cura del consorzio oppure dell’operatore economico consorziato che dovrà essere indicato

    come esecutore dei servizi.

    5. Chiarimenti

    5.1. É possibile richiedere chiarimenti sulla presente procedura mediante la proposizione di quesiti scritti da

    inoltrare al RUP, all’indirizzo di PEC [email protected] , almeno 15 giorni prima della scadenza del

    termine fissato per la presentazione delle offerte. La Regione si riserva di non fornire risposte ai quesiti pervenuti

    successivamente al termine indicato.

    5.2. Le richieste di chiarimenti dovranno essere formulate esclusivamente in lingua italiana. Le risposte alle

    richieste di chiarimenti e/o eventuali ulteriori informazioni sostanziali in merito alla presente procedura, saranno

    pubblicate in forma anonima nella sezione Bandi e Avvisi dell’indirizzo internet http://www.regione.fvg.it.

    6. Modalità di presentazione della documentazione

    6.1. Tutte le dichiarazioni sostitutive richieste ai fini della partecipazione alla presente procedura di gara:

    a. devono essere rilasciate ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm. ii. in

    carta semplice, con la sottoscrizione del dichiarante (rappresentante legale del candidato o altro soggetto

    dotato del potere di impegnare contrattualmente il candidato stesso); a tale fine le stesse devono essere

    corredate dalla copia fotostatica di un documento di riconoscimento del dichiarante, in corso di validità;

    per ciascun dichiarante è sufficiente una sola copia del documento di riconoscimento anche in presenza di

    più dichiarazioni su più fogli distinti;

    b. potranno essere sottoscritte anche da procuratori dei legali rappresentati ed in tal caso va allegata

    copia conforme all’originare della relativa procura;

    mailto:[email protected]://www.regione.fvg.it/

  • 7

    c. devono essere rese e sottoscritte dai concorrenti, in qualsiasi forma di partecipazione, singoli,

    raggruppati, consorziati, aggregati in rete di imprese, ancorché appartenenti alle eventuali imprese

    ausiliarie, ognuno per quanto di propria competenza.

    6.2. La documentazione da produrre, ove non richiesta espressamente in originale, potrà essere prodotta in

    copia autenticata o in copia conforme ai sensi, rispettivamente, degli artt. 18 e 19 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n.

    445.

    6.3. In caso di concorrenti non stabiliti in Italia, la documentazione dovrà essere prodotta in modalità idonea

    equivalente secondo la legislazione dello Stato di appartenenza; si applicano l’art. 38, comma 5, l’art. 39, comma

    2, l’art. 45, comma 6, e l’art. 47 del Codice.

    6.4. Tutta la documentazione da produrre deve essere in lingua italiana o, se redatta in lingua straniera, deve

    essere corredata da traduzione giurata in lingua italiana. In caso di contrasto tra testo in lingua straniera e testo

    in lingua italiana prevarrà la versione in lingua italiana, essendo a rischio del concorrente assicurare la fedeltà

    della traduzione.

    6.5. Le dichiarazioni potranno essere redatte sui modelli predisposti e messi a disposizione gratuitamente

    dalla Regione disponibili all’indirizzo internet http://www.regione.fvg.it nella sezione Bandi ed Avvisi.

    6.6. Le dichiarazioni ed i documenti possono essere oggetto di richieste di chiarimenti da parte della Regione

    con i limiti e alle condizioni di cui all’art. 46 del Codice.

    6.7. Ai sensi dell’art. 46 comma 1-ter del Codice, ogni ipotesi di mancanza, incompletezza o irregolarità degli

    elementi e delle dichiarazioni, anche di soggetti terzi, che devono essere prodotte dai concorrenti in base alla

    legge, al bando o al disciplinare di gara obbliga il concorrente che vi ha data causa al pagamento in favore della

    stazione appaltante della sanzione pecuniaria fissata nell’importo di Euro 50.000,00; in tal caso, la stazione

    appaltante assegna al concorrente un termine, non superiore a dieci giorni, perché siano resi, integrati o

    regolarizzati gli elementi e le dichiarazioni, anche di soggetti terzi, mancanti, incomplete o irregolari; in caso di

    inutile decorso del termine di cui al presente punto il concorrente è escluso dalla gara; in caso di irregolarità non

    essenziali ovvero di mancanza o incompletezza di elementi o dichiarazioni, anche di soggetti terzi, non

    indispensabili, la stazione appaltante non ne richiederà la regolarizzazione né applicherà alcuna sanzione.

    7. Comunicazioni

    7.1. Salvo quanto disposto nel paragrafo 5 del presente disciplinare (Chiarimenti), tutte le comunicazioni e

    tutti gli scambi di informazioni tra Regione e operatori economici si intendono validamente ed efficacemente

    effettuate qualora rese al domicilio eletto, all’indirizzo di posta elettronica certificata indicati dai concorrenti, il cui

    utilizzo sia stato espressamente autorizzato dal candidato ai sensi dell’art. 79, comma 5-bis, del Codice. Ai sensi

    dell’art. 79, comma 5-bis, del Codice e dell’art. 6 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82, in caso di indicazione di indirizzo

    PEC le comunicazioni verranno effettuate in via esclusiva attraverso PEC. Eventuali modifiche dell’indirizzo PEC o

    problemi temporanei nell’utilizzo di tali forme di comunicazione, dovranno essere tempestivamente segnalate

    http://www.regione.fvg.it/

  • 8

    all’ufficio, diversamente la Regione declina ogni responsabilità per il tardivo o mancato recapito delle

    comunicazioni.

    7.2. In caso di raggruppamenti temporanei, GEIE, aggregazioni di imprese di rete o consorzi ordinari, anche se

    non ancora costituiti formalmente, la comunicazione recapitata al soggetto indicato come mandatario si intende

    validamente resa a tutti gli operatori economici raggruppati, aggregati o consorziati.

    7.3. In caso di avvalimento, la comunicazione recapitata all’offerente si intende validamente resa a tutti gli

    operatori economici ausiliari.

    8. Subaffidamento

    8.1. Il concorrente deve indicare all’atto dell’offerta la tipologia dei servizi che intende subaffidare o

    concedere in cottimo in conformità a quanto previsto dall’articolo 27 della LR 23/2007, dall’articolo 4, par. 7 del

    Reg (CE) 1370/2007 e dell’articolo 118 del Codice; in mancanza di tali indicazioni il subaffidamento è vietato.

    8.2. Si precisa che la quota percentuale subaffidabile deve essere contenuta entro il limite massimo del 20%

    dell’importo contrattuale ai sensi di quanto previsto dall’art. 27 della L.R. 27/2007 come modificato dall’art. 16

    comma 3 della L.R. 13/2014. Si applica in ogni caso l’articolo 118 del Codice.

    8.3. La prestazione secondaria del servizio marittimo è interamente subaffidabile e il concorrente non in

    possesso dei requisiti, previsti dalla normativa vigente ed indicati all’articolo 12 del Capitolato, per lo svolgimento

    del servizio medesimo dovrà, a pena di esclusione, dichiarare di voler subaffidare tale servizio a soggetto in

    possesso degli elementi tecnici necessari allo svolgimento dello stesso. Analogamente il concorrente potrà

    subaffidare il trasporto tranviario su tratto in funicolare o altre parti di servizio principale complessivamente entro

    il limite di cui al comma 8.2 precedente.

    8.4. La Regione non provvederà al pagamento diretto del/i subaffidatario/i e i pagamenti verranno effettuati

    all’affidatario che dovrà trasmettere alla Regione, entro venti giorni dal relativo pagamento, copia delle fatture

    quietanzate, emesse dal subaffidatario. In mancanza di tale trasmissione entro il predetto termine, la Regione

    sospende il successivo pagamento a favore degli affidatari.

    8.5. Ove ricorrano condizioni di crisi di liquidità finanziaria dell'affidatario, comprovate da reiterati ritardi nei

    pagamenti dei subaffidatari o dei cottimisti, o anche dei diversi soggetti che eventualmente lo compongono,

    accertate dalla Regione, per il contratto di appalto in corso può provvedersi, sentito l'affidatario, anche in deroga

    alle previsioni del bando di gara, al pagamento diretto alle mandanti, alle società, anche consortili, eventualmente

    costituite per l'esecuzione unitaria dei lavori a norma dell'articolo 93 del regolamento di cui al decreto del

    Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 (nel prosieguo Regolamento), nonché al subaffidatario o al

    cottimista dell'importo dovuto per le prestazioni dagli stessi eseguite.

    9. Ulteriori disposizioni

  • 9

    9.1. Si procederà all’aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida, sempre che sia ritenuta

    congrua e conveniente ai sensi dell’art. 86, comma 3, del Codice.

    9.2. E’ facoltà della Regione di non procedere all’aggiudicazione della gara qualora nessuna offerta risulti

    conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto o, se aggiudicata, di non stipulare il contratto

    d’appalto.

    9.3. L’offerta vincolerà il concorrente per 365 giorni decorrenti dal termine indicato nel bando per la scadenza

    della presentazione dell’offerta, salvo proroghe richieste dalla Regione.

    9.4. Fatto salvo l’esercizio dei poteri di autotutela nei casi consentiti dalle norme vigenti e l’ipotesi di

    differimento espressamente concordata con l’aggiudicatario, il contratto di appalto verrà stipulato dopo che

    l’aggiudicazione definitiva sia divenuta efficace, e comunque non prima di 35 giorni decorrenti dal decreto di

    aggiudicazione definitiva. Le spese relative alla stipulazione del contratto sono a carico dell’aggiudicatario.

    9.5. Le spese relative alla pubblicazione del bando sui quotidiani, secondo le modalità di cui all’art. 66, comma

    7, secondo periodo, del Codice, presuntivamente indicati in € 5.606,00 (euro cinquemilaseicentosei/00) al netto

    dell’I.V.A, sono a carico dell’aggiudicatario e dovranno essere rimborsate alla Regione entro 60 giorni

    dall’aggiudicazione definitiva e in ogni caso prima della stipulazione del contratto.

    9.6. La Regione ai sensi dell’art. 140 del Codice, in caso di fallimento o di liquidazione coatta e concordato

    preventivo dell'appaltatore o di risoluzione del contratto ai sensi degli articoli 135 e 136 del Codice o di recesso

    dal contratto ai sensi dell’art. 92, comma 4, del d.lgs. 6 settembre 2011, n.159, potrà interpellare

    progressivamente i soggetti che hanno partecipato alla gara, risultanti dalla relativa graduatoria, al fine di

    stipulare un nuovo contratto per l'affidamento del completamento della prestazione.

    9.7. Ai sensi dell’art. 17, comma 3, della L.R. 23/2007 in caso di partecipazione in Ati l’affidatario deve

    assumere per tutta la durata dell’affidamento la natura giuridica di società di capitali (S.p.A. o S.r.l.) o di S.c. a r.l.

    10. Cauzioni e garanzie richieste

    10.1. L’offerta dei concorrenti deve essere corredata, a pena di esclusione, da una garanzia provvisoria, nelle

    forme e con le caratteristiche previste dal presente disciplinare e dall’art. 75 del Codice per un valore pari al 2%

    dell’importo del corrispettivo presunto per il primo anno contrattuale, secondo quanto di seguito riportato e

    pertanto pari a € 2.365.976,36 (duemilionitrecentosessantacinquemilanovecentrosettantasei/36).

    Detta garanzia a titolo di cauzione provvisoria dovrà essere prestata con le modalità stabilite dall’art. 75 del

    Codice e costituita, a scelta del concorrente:

    a. in titoli del debito pubblico garantiti dallo Stato depositati presso una sezione di tesoreria

    provinciale o presso le aziende autorizzate, a titolo di pegno, a favore della Regione; il valore deve essere al

    corso del giorno del deposito;

  • 10

    b. in contanti, con versamento presso, qualunque sportello di Unicredit banca Spa ubicato sul

    territorio nazionale (indicando il codice di tesoreria n. 7700000);

    c. da fideiussione bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari iscritti nell’albo di cui all’art. 106 del

    d.lgs. 1 settembre 1993, n. 385 che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie e

    che sono sottoposti a revisione contabile da parte di una società di revisione iscritta nell’albo previsto

    dall’art. 161 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58.

    10.2. In ogni caso, sia che la cauzione sia prestata in contanti o in titoli del debito pubblico, sia che sia prestata

    sotto forma di fidejussione, dovrà essere presentata anche una dichiarazione d’impegno di un fideiussore, istituto

    bancario o assicurativo o altro soggetto di cui al comma 3 dell’art. 75 del Codice contenente l’impegno verso il

    concorrente a rilasciare, qualora l’offerente risultasse aggiudicatario, garanzia fideiussoria relativa alla cauzione

    definitiva in favore della Regione, valida fino alla data di emissione del certificato di verifica di conformità di cui

    all’art. 324 del Regolamento o comunque decorsi 12 (dodici) mesi dalla data di ultimazione dei servizi risultante

    dal relativo certificato..

    10.3. In caso di prestazione della cauzione provvisoria sotto forma di fideiussione questa dovrà:

    1) essere conforme agli schemi di polizza tipo di cui al comma 4 dell’art. 127 del Regolamento (nelle

    more dell’approvazione dei nuovi schemi di polizza-tipo, la fideiussione redatta secondo lo schema tipo

    previsto dal Decreto del Ministero delle attività produttive del 23 marzo 2004, n. 123, dovrà essere

    integrata mediante la previsione espressa della rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2, del

    codice civile, mentre ogni riferimento all’art. 30 della L. 11 febbraio 1994, n. 109 deve intendersi sostituito

    con l’art. 75 del Codice);

    2) essere prodotta in originale, o in copia autenticata ai sensi dell’art. 18 del d.P.R. 28 dicembre

    2000, n. 445 e ss.mm. ii, con espressa menzione dell’oggetto e del soggetto garantito;

    3) riportare l’autentica della sottoscrizione;

    4) essere corredata da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio del fideiussore che attesti il

    potere di impegnare con la sottoscrizione la società fideiussore nei confronti della Regione;

    5) essere corredata dall’impegno del garante a rinnovare, su richiesta della Regione, la garanzia per

    ulteriori 180 giorni, nel caso in cui al momento della sua scadenza non sia ancora intervenuta

    l’aggiudicazione;

    6) avere validità di 365 giorni decorrenti dal termine ultimo per la presentazione dell’offerta;

    7) qualora si riferiscano a raggruppamenti temporanei, aggregazioni di imprese di rete o consorzi

    ordinari o GEIE, a partecipanti con idoneità plurisoggettiva non ancora costituiti, essere tassativamente

    intestate a tutti gli operatori che costituiranno il raggruppamento, l’aggregazione di imprese di rete, il

    consorzio o il GEIE;

    8) prevedere espressamente:

  • 11

    a. la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale di cui all’art. 1944 del

    codice civile, volendo ed intendendo restare obbligata in solido con il debitore;

    b. la rinuncia ad eccepire la decorrenza dei termini di cui all’art. 1957 secondo comma del codice

    civile;

    c. la loro operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta della Regione;

    d. la dichiarazione contenente l’impegno a rilasciare, in caso di aggiudicazione dell’appalto, a

    richiesta del concorrente, una garanzia fideiussoria, relativa alla cauzione definitiva di cui all’art. 113 del

    Codice, in favore della Regione, valida fino alla data di emissione del certificato di verifica di conformità di

    cui all’art. 324 del Regolamento o comunque decorsi 12 (dodici) mesi dalla data di ultimazione delle

    prestazioni risultante dal relativo certificato.

    10.4. Ai sensi dell’art. 75, comma 6, del Codice, la cauzione provvisoria verrà svincolata all’aggiudicatario

    automaticamente al momento della stipula del contratto, mentre agli altri concorrenti, ai sensi dell’art. 75,

    comma 9, del Codice, verrà svincolata entro trenta giorni dalla comunicazione dell’avvenuta aggiudicazione.

    10.5. All’atto della stipulazione del contratto l’aggiudicatario deve presentare la cauzione definitiva nella

    misura del 10% del corrispettivo su base annua nei modi previsti dall’art. 17 del Contratto.

    10.6. Le garanzie provvisoria e definitiva, sono suscettibili di riduzione ai sensi degli articoli 75, comma 7, e 113,

    comma 1, ultimo periodo del Codice.

    11. Pagamento a favore dell’ANAC

    11.1. I concorrenti, a pena di esclusione, devono effettuare il pagamento del contributo previsto dalla legge

    in favore dell’ANAC, per un importo pari ad € 500,00 (euro cinquecento/00), (art. 1, commi 65 e 67, della Legge

    23.12.2005 n. 266). Detto versamento dovrà essere effettuato esclusivamente con le modalità stabilite dalla

    deliberazione 5 marzo 2014 della già Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, forniture e servizi, ora

    Autorità Nazionale Anticorruzione e relative istruzioni operative rinvenibili sul sito dell’Autorità medesima:

    http://www.avcp.it.

    11.2. Il mancato pagamento costituisce causa di esclusione dalla procedura di gara.

    12. Requisiti di idoneità professionale, capacità economico-finanziaria e tecnico-

    organizzativa

    12.1. I concorrenti, a pena di esclusione, devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

    1) iscrizione nel registro della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura o equivalente in

    paesi dell’U.E. con oggetto sociale relativo a servizi oggetto del presente appalto;

    http://www.avcp.it/

  • 12

    2) abilitazione al trasporto di persone su strada ai sensi del regolamento (CE) n. 1071/2009 del Parlamento

    europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009, che stabilisce norme comuni sulle condizioni da rispettare

    per esercitare l’attività di trasportatore su strada e del D.Lgs. 395/2000 e successive modificazioni ;

    3) per il servizio pubblico di trasporto terrestre, iscrizione al Registro Elettronico Nazionale (REN) ai sensi

    dell’art. 17 comma 1 della L.R. 23/2007;

    4) al fine di garantire la capacità organizzativa e gestionale del servizio oggetto del presente appalto, il

    possesso nell’ultimo triennio di un fatturato annuo specifico per servizi oggetto dell’appalto pari almeno

    all’importo di contratto I.V.A. esclusa. Per “ultimo triennio” s’intende quello comprensivo degli ultimi tre

    esercizi finanziari il cui bilancio sia stato approvato al momento della pubblicazione del bando; si applica

    quanto disposto dall’art. 41, comma 3, del Codice;

    5) al fine di garantire una adeguata capacità economica e finanziaria dei concorrenti per lo svolgimento del

    servizio oggetto del presente appalto, il possesso nei tre esercizi precedenti la data di pubblicazione del

    bando di un bilancio approvato con un risultato netto positivo;

    6) al fine di garantire la capacità organizzativa e gestionale dei concorrenti del servizio oggetto del presente

    appalto, aver svolto nel migliore anno dell’ultimo triennio antecedente la data di pubblicazione del bando

    di gara, servizi di trasporto pubblico locale automobilistici urbani con una flotta minima di 250 bus;

    7) al fine di garantire una adeguata capacità economica e finanziaria dei concorrenti per lo svolgimento del

    servizio oggetto del presente appalto, un capitale sociale cumulato non inferiore a € 11,8 milioni

    risultante dall’ultimo Bilancio approvato (corrispondenti al 10% del valore annuale di contratto stimato);

    8) al fine di garantire una adeguata capacità economica e finanziaria dei concorrenti per lo svolgimento del

    servizio oggetto del presente appalto, il possesso di un patrimonio netto all’ultimo Bilancio approvato

    non inferiore a 118 milioni di Euro (corrispondenti al 10% del valore del contratto decennale di contratto

    stimato);

    9) al fine di garantire una adeguata capacità organizzativa e gestionale dei concorrenti per lo svolgimento

    del servizio oggetto del presente appalto, l’esecuzione negli ultimi tre anni solari di un numero di

    bus/chilometri annui medi pari all’80% dei bus/chilometri annui a base di gara;

    10) il possesso della certificazione di un sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI EN

    ISO 9001/2008, rilasciata da organismi accreditati, ai sensi della norme europee della serie UNI CEI EN

    45000 e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000;

    11) il possesso della certificazione di un sistema di qualità conforme alle norme di tutela ambientale della

    serie UNI EN ISO 14001/2004, rilasciata da organismi accreditati ai sensi delle norme europee della serie

    UNI CEI EN 45000 e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000;

    12) il possesso della certificazione di un sistema di gestione della sicurezza e della salute dei lavoratori BS

    OH SAS 18001:2007 rilasciata da organismi accreditati ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI

    EN 45000 e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000.

  • 13

    12.2. Ai sensi dell’art. 49 del Codice, il concorrente singolo, consorziato, raggruppato o aggregato in rete può

    dimostrare il possesso dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico e organizzativo avvalendosi dei

    requisiti di un altro soggetto. Il concorrente e l’impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti della

    Regione in relazione alle prestazioni oggetto del contratto.

    12.3. Non è consentito, a pena di esclusione, che della stessa impresa ausiliaria si avvalga più di un

    concorrente, e che partecipino alla gara sia l’impresa ausiliaria che quella che si avvale dei requisiti.

    INDICAZIONI PER I CONCORRENTI CON IDONEITÀ PLURISOGGETTIVA E PER I CONSORZI

    12.4. Per i requisiti relativi all’iscrizione nel registro delle imprese o albo, alla abilitazione e alla iscrizione al REN di

    cui al precedente paragrafo 12.1 punto1), punto 2) e punto 3):

    12.4.1. nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario già costituiti o da costituirsi, o di

    aggregazione di imprese di rete, o di GEIE, ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande o

    consorziate/consorziande o aderenti al contratto di rete deve essere in possesso della relativa iscrizione,

    abilitazione e iscrizione al REN in relazione alla parte di servizio che intende svolgere;

    12.4.2. nell’ipotesi di consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lett. b) e c), del Codice (consorzi di cooperative e consorzi

    stabili), i requisiti devono essere posseduti direttamente dal consorzio ovvero dai singoli consorziati esecutori.

    12.5. I requisiti relativi di cui al precedente paragrafo 12.1. punto 4), punto 6), punto 7), punto 8) e punto 9)

    devono essere soddisfatti dal raggruppamento temporaneo, dal consorzio, GEIE o dalle imprese aderenti al

    contratto di rete nel suo complesso. Detti requisiti devono essere posseduti in misura maggioritaria dall’impresa

    mandataria.

    12.6. Il requisito di cui al precedente paragrafo 12.1. punto 5) dovrà essere soddisfatto da ciascuno dei

    partecipanti al raggruppamento temporaneo, dal consorzio, GEIE o dalle imprese aderenti al contratto di rete.

    12.7. I requisiti di certificazione di cui al precedente paragrafo 12.1. punto 10), punto 11) e punto 12 )

    nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario già costituiti o da costituirsi, o di aggregazione

    di imprese di rete, o di GEIE devono essere posseduti da tutti gli operatori economici del raggruppamento,

    consorzio o aggregazione di imprese che eseguono il servizio. Nel caso di consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lett.

    b) e c), la certificazione dovrà essere posseduta direttamente dal consorzio ovvero dai singoli consorziati

    esecutori. Sono ammesse altre prove relative all’impiego di misure equivalenti di garanzia della qualità e in

    materia di gestione ambientale prodotte dagli operatori economici, ai sensi di quanto previsto dagli articoli 43,

    nell’ultimo periodo, e 44, nell’ultimo periodo, del Codice.

    12.9. Nel caso di raggruppamento orizzontale, verticale o misto ogni concorrente deve possedere i requisiti per

    la parte della prestazione principale o secondaria che intende eseguire.

    13. Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte

  • 14

    13.1. Il plico contenente l’offerta e la documentazione, a pena di esclusione, deve essere sigillato e deve

    pervenire, a mezzo raccomandata del servizio postale entro le ore 12.30 del giorno 29.02.2016 esclusivamente

    presso la sede della Regione FVG sita in via Giulia 75/1-34126 Trieste. Si precisa che per “sigillatura” deve

    intendersi una chiusura ermetica tale da rendere chiusi il plico e le buste, attestare l’autenticità della chiusura

    originaria proveniente dal mittente, nonché garantire l’integrità e la non manomissione del plico e delle buste

    attraverso apposita vidimazione o timbratura apposta sui lembi di chiusura.

    13.2. E’ altresì facoltà dei concorrenti consegnare a mano il plico, tutti i giorni feriali, escluso il sabato, dal

    lunedì al giovedì dalle ore 9.15 alle ore 12.30 e dalle 15.00 alle 16.00 e il venerdì dalle 9.15 alle 12.30 presso

    l’ufficio protocollo della Regione, sito in via Giulia 75/1 – 34126 Trieste (ottavo piano). Il personale addetto

    rilascerà ricevuta nella quale sarà indicata data e ora di ricezione del plico. Il recapito tempestivo dei plichi rimane

    ad esclusivo rischio dei mittenti.

    13.3. Il plico deve recare, all’esterno, le informazioni relative all’operatore economico concorrente

    [denominazione o ragione sociale, codice fiscale, indirizzo PEC per le comunicazioni ] e riportare la dicitura Offerta

    per la gara di affidamento del servizio di trasporto pubblico locale per la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia –

    Data di scadenza per la presentazione il 29.02.2016- CIG 5905206A24]. Nel caso di concorrenti con idoneità

    plurisoggettiva (raggruppamenti temporanei di impresa, consorzio ordinario, aggregazioni tra le imprese aderenti

    al contratto di rete, GEIE) vanno riportati sul plico le informazioni di tutti i singoli partecipanti, già costituiti o da

    costituirsi.

    13.4. Il plico deve contenere al suo interno tre buste chiuse e sigillate, recanti l’intestazione del mittente,

    l’indicazione dell’oggetto dell’appalto e la dicitura, rispettivamente:

    1) “A - DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA”;

    2) “B - OFFERTA TECNICA”;

    3) “C - OFFERTA ECONOMICA”.

    13.5. La mancata separazione dell’offerta economica dall’offerta tecnica, ovvero l’inserimento di elementi

    concernenti il prezzo in documenti non contenuti nella busta dedicata all’offerta economica, costituirà causa di

    esclusione.

    13.6. Verranno escluse le offerte plurime, condizionate, alternative o espresse in aumento rispetto all’importo

    a base di gara.

    14. Contenuto della Busta “A - Documentazione amministrativa”

    14.1. Nella busta “A – Documentazione amministrativa” devono essere contenuti i seguenti documenti:

    14.1.1 domanda, come da modello n. 1 allegato al presente disciplinare di gara, in bollo, di

    partecipazione, sottoscritta, a pena di esclusione, dal legale rappresentante del concorrente, con allegata la

    copia fotostatica di un documento di identità del sottoscrittore; la domanda può essere sottoscritta anche da

  • 15

    un procuratore del legale rappresentante ed in tal caso va allegata copia conforme all’originale della relativa

    procura.

    Si precisa che:

    14.1.1.1. nel caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario non ancora costituiti, la

    domanda, a pena di esclusione, deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno il

    raggruppamento o consorzio;

    14.1.1.2. nel caso di aggregazioni di imprese aderenti al contratto di rete:

    a. se la rete è dotata di un organo comune con potere di rappresentanza e di soggettività giuridica,

    ai sensi dell’art. 3, comma 4-quater, del d.l. 10 febbraio 2009, n. 5, la domanda di partecipazione deve

    essere sottoscritta, a pena di esclusione, dall’operatore economico che riveste le funzioni di organo

    comune;

    b. se la rete è dotata di un organo comune con potere di rappresentanza ma è priva di soggettività

    giuridica ai sensi dell’art. 3, comma 4-quater, del d.l. 10 febbraio 2009, n. 5, la domanda di partecipazione

    deve essere sottoscritta, a pena di esclusione, dall’impresa che riveste le funzioni di organo comune

    nonché da ognuna delle imprese aderenti al contratto di rete che partecipano alla gara;

    c. se la rete è dotata di un organo comune privo del potere di rappresentanza o se la rete è sprovvista di

    organo comune, ovvero, se l’organo comune è privo dei requisiti di qualificazione richiesti per assumere la

    veste di mandataria, la domanda di partecipazione deve essere sottoscritta, a pena di esclusione, dal

    legale rappresentante dell’impresa aderente alla rete che riveste la qualifica di mandataria, ovvero, in caso

    di partecipazione nelle forme del raggruppamento da costituirsi, da ognuna delle imprese aderenti al

    contratto di rete che partecipano alla gara;

    14.1.2. dichiarazione sostitutiva, come da modello n. 2 allegato al presente disciplinare di gara, resa ai

    sensi degli articoli 46 e 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm. ii. oppure, per i concorrenti non

    residenti in Italia, documentazione idonea equivalente secondo la legislazione dello Stato di appartenenza,

    con la quale il concorrente, attesta, indicandole specificatamente, di non trovarsi nelle condizioni previste

    nell’art. 38, comma 1, lettere a), b), c), d), e), f), g), h), i), l), m), m-bis), m-ter) e m-quater), del Codice e

    precisamente:

    a) di non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di amministrazione controllata o di

    concordato preventivo e che nei propri riguardi non è in corso un procedimento per la dichiarazione di una

    di tali situazioni;

    (oppure, in caso di concordato preventivo con continuità aziendale)

    di avere depositato il ricorso per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo con continuità

    aziendale, di cui all’art. 186-bis del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, e di essere stato autorizzato alla

    partecipazione a procedure per l’affidamento di contratti pubblici dal Tribunale di … [inserire riferimenti

  • 16

    autorizzazione, n., data, ecc., …]: per tale motivo, dichiara di non partecipare alla presente gara quale

    impresa mandataria di un raggruppamento di imprese; alla suddetta dichiarazione, a pena di esclusione,

    devono essere, altresì, allegati i seguenti documenti:

    (oppure)

    di trovarsi in stato di concordato preventivo con continuità aziendale, di cui all’art. 186-bis del R.D. 16

    marzo 1942, n. 267, giusto decreto del Tribunale di ……..………… del ……….………: per tale motivo,

    dichiara di non partecipare alla presente gara quale impresa mandataria di un raggruppamento di imprese;

    alla suddetta dichiarazione, a pena di esclusione, devono essere, altresì, allegati i seguenti documenti:

    a.1. relazione di un professionista in possesso dei requisiti di cui all’art. 67, lett. d), del R.D. 16 marzo

    1942, n. 267, che attesta la conformità al piano di risanamento e la ragionevole capacità di adempimento

    del contratto;

    a.2. dichiarazione sostitutiva con la quale il concorrente indica l’operatore economico che, in qualità

    di impresa ausiliaria, metterà a disposizione, per tutta la durata dell’appalto, le risorse e i requisiti di

    capacità finanziaria, tecnica, economica nonché di certificazione richiesti per l’affidamento dell’appalto e

    potrà subentrare in caso di fallimento nel corso della gara oppure dopo la stipulazione del contratto,

    ovvero nel caso in cui non sia più in grado per qualsiasi ragione di dare regolare esecuzione all’appalto;

    a.3. dichiarazione sostitutiva con la quale il legale rappresentante di altro operatore economico, in

    qualità di ausiliaria:

    1) attesta il possesso, in capo all’impresa ausiliaria, dei requisiti generali di cui all’art. 38 del Codice,

    l’inesistenza di una delle cause di divieto, decadenza o sospensione di cui all’art. 67 del d.lgs. 6

    settembre 2011, n. 159, e il possesso di tutte le risorse e i requisiti di capacità finanziaria, tecnica,

    economica nonché di certificazione richiesti per l’affidamento dell’appalto;

    2) si obbliga verso il concorrente e verso la Regione a mettere a disposizione, per tutta la durata

    dell’appalto, le risorse necessarie all’esecuzione del contratto ed a subentrare all’impresa ausiliata nel

    caso in cui questa fallisca nel corso della gara oppure dopo la stipulazione del contratto, ovvero non sia

    più in grado per qualsiasi ragione di dare regolare esecuzione all’appalto;

    3) attesta che l’impresa ausiliaria non partecipa alla gara in proprio o associata o consorziata ai

    sensi dell’art. 34 del Codice;

    a.4. originale o copia autentica del contratto, in virtù del quale l’impresa ausiliaria si obbliga, nei

    confronti del concorrente, a fornire i requisiti e a mettere a disposizione tutte le risorse necessarie

    all’esecuzione del contratto per tutta la durata dell’appalto e a subentrare allo stesso in caso di fallimento

    oppure, in caso di avvalimento nei confronti di una impresa che appartiene al medesimo gruppo,

    dichiarazione sostitutiva attestante il legame giuridico ed economico esistente nel gruppo;

  • 17

    b) che non è pendente alcun procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione o di

    una delle cause ostative di cui rispettivamente all’art. 6 e all’art. 67 del d.lgs. 6 settembre, n. 159 del 2011

    (art. 38, comma 1, lett. b), del Codice), che nei propri confronti non sussiste alcuna causa di divieto,

    decadenza o sospensione di cui all’art. 67 del d.lgs. 6 settembre 2011, n. 159;

    c) che nei propri confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o

    emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile o sentenza di applicazione della pena su

    richiesta ai sensi dell'art. 444 del Codice di procedura penale (art. 38, comma 1, lett. c), del Codice);

    (o in alternativa, se presenti condanne);

    tutte le sentenze di condanna passate in giudicato, i decreti penali di condanna divenuti irrevocabili, le

    sentenze di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell’art. 444 del Codice di procedura penale emessi

    nei propri confronti, ivi comprese quelle per le quali abbia beneficiato della non menzione, ad esclusione

    delle condanne per reati depenalizzati o per le quali è intervenuta la riabilitazione o quando il reato è stato

    dichiarato estinto dopo la condanna o in caso di revoca della condanna medesima;

    d) di non aver violato il divieto di intestazione fiduciaria posto all’art. 17 della L. 19 marzo 1990, n.

    55 e ss. mm.ii. o, altrimenti, che è trascorso almeno un anno dall’ultima violazione accertata

    definitivamente e che questa è stata rimossa (art. 38, comma 1, lett. d), del Codice);

    e) di non aver commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia di sicurezza e

    a ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, risultanti dai dati in possesso dell’Osservatorio dei

    contratti pubblici dell’ANAC (art. 38, comma 1, lett. e), del Codice);

    f) di non aver commesso grave negligenza o malafede nell’esecuzione di prestazioni affidate da questa

    Regione e di non aver commesso errore grave nell’esercizio della sua attività professionale (art. 38, comma

    1, lett. f), del Codice);

    g) di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al

    pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui è stabilito (art.

    38, comma 1, lett. g), del Codice);

    h) che nel casellario informatico delle imprese, istituito presso l’Osservatorio dell’ANAC, non risulta

    nessuna iscrizione per aver presentato falsa dichiarazione o falsa documentazione in merito a requisiti e

    condizioni rilevanti per la partecipazione a procedure di gara e per l’affidamento di subappalti (art. 38,

    comma 1, lett. h), del Codice);

    i) di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di

    contributi previdenziali ed assistenziali secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui è stabilito

    (art. 38, comma 1, lett. i), del Codice);

  • 18

    l) di non essere assoggettato alle norme che disciplinano le assunzioni obbligatorie di cui alla

    legge 12 marzo 1999 n. 68 ovvero di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei

    disabili, ai sensi della L. 12 marzo 1999, n. 68 (art. 38, comma 1, lett. l), del Codice);

    m) che nei propri confronti non è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’art. 9, comma 2,

    lett. c), del d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e non sussiste alcun divieto di contrarre con la pubblica

    amministrazione, compresi i provvedimenti interdittivi di cui all’art. 14 del d.gs. 9 aprile 2008, n. 81 (art. 38,

    comma 1, lett. m), del Codice), e di cui all’art. 53, comma 16-ter, del d.lgs. del 2001, n. 165 (ovvero di non

    aver concluso contratti di lavoro subordinato o autonomo e comunque di non aver attribuito incarichi ad ex

    dipendenti che hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto delle pubbliche amministrazioni

    nei loro confronti per il triennio successivo alla cessazione del rapporto);

    m-bis) che nel casellario informatico delle imprese, istituito presso l’Osservatorio dell’ANAC, non

    risulta nessuna iscrizione per aver presentato falsa dichiarazione o falsa documentazione ai fini del rilascio

    dell’attestazione SOA (art. 38, comma 1, lett. m-bis), del Codice);

    m-ter) di non trovarsi nelle condizioni di cui all’art. 38, comma 1, lettera m-ter), del Codice;

    m-quater) ai sensi e per gli effetti di cui al comma 1, lettera m-quater), e comma 2 dell’art. 38 del Codice;

    i) di non essere in una situazione di controllo di cui all’art. 2359 del codice civile con altri operatori

    economici e di aver formulato l’offerta autonomamente;

    (oppure)

    ii) di non essere a conoscenza della partecipazione alla medesima procedura di altri operatori

    economici che si trovano, nei suoi confronti, in una delle situazioni di controllo di cui all’art. 2359 del

    codice civile e di aver formulato autonomamente l’offerta;

    (oppure)

    iii) di essere a conoscenza della partecipazione alla medesima procedura di altri operatori economici

    che si trovano, nei suoi confronti, in una delle situazioni di controllo di cui all’art. 2359 del codice civile e

    di aver formulato autonomamente l’offerta.

    Si precisa che:

    1. le attestazioni di cui al presente paragrafo 14.1.2, nel caso di raggruppamenti temporanei, consorzi

    ordinari, aggregazioni di imprese di rete e GEIE, devono essere rese da tutti gli operatori economici che

    partecipano alla presente procedura;

    2. le attestazioni di cui al presente paragrafo 14.1.2, nel caso di consorzi cooperativi, di consorzi artigiani e

    di consorzi stabili, devono essere rese anche dai consorziati per conto dei quali il consorzio concorre;

    3. le attestazioni di cui all’art. 38, comma 1, lett. b), c) ed m-ter, devono essere rese personalmente da

    ciascuno dei soggetti indicati nell’art. 38, comma 1, lettera b), del Codice (per le imprese individuali: titolare e

    direttore tecnico; per le società in nome collettivo: socio e direttore tecnico; per le società in accomandita

  • 19

    semplice: soci accomandatari e direttore tecnico; per le altre società: amministratori muniti di poteri di

    rappresentanza, direttore tecnico, socio unico persona fisica, ovvero il socio di maggioranza in caso di

    società con meno di quattro soci. Nel caso di società, diverse dalle società in nome collettivo e dalle società

    in accomandita semplice, nelle quali siano presenti due soli soci, ciascuno in possesso del cinquanta per

    cento della partecipazione azionaria, le dichiarazioni devono essere rese da entrambi i soci);

    4. l’attestazione del requisito di cui all’art. 38, comma 1, lett. c), deve essere resa personalmente anche da

    ciascuno dei soggetti indicati nell’art. 38, comma 1, lettera c) del Codice cessati nella carica nell’anno

    precedente la data di pubblicazione del bando di gara (per le imprese individuali: titolare e direttore tecnico;

    per le società in nome collettivo: socio e direttore tecnico; per le società in accomandita semplice: soci

    accomandatari e direttore tecnico; per le altre società: amministratori muniti di poteri di rappresentanza, e

    direttore tecnico, socio unico persona fisica, ovvero il socio di maggioranza in caso di società con meno di

    quattro soci; nel caso di società, diverse dalle società in nome collettivo e dalle società in accomandita

    semplice, nelle quali siano presenti due soli soci, ciascuno in possesso del cinquanta per cento della

    partecipazione azionaria, le dichiarazioni devono essere rese da entrambi i soci. In caso di incorporazione,

    fusione societaria o cessione d’azienda, le suddette attestazioni devono essere rese anche dagli

    amministratori e da direttori tecnici che hanno operato presso la società incorporata, fusasi o che ha ceduto

    l’azienda nell’ultimo anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara. Qualora i suddetti

    soggetti non siano in condizione di rendere la richiesta attestazione, questa può essere resa dal legale

    rappresentante, mediante dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’art. 47 d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, nella

    quale si dichiari il possesso dei requisiti richiesti, indicando nominativamente i soggetti per i quali si rilascia

    la dichiarazione);

    5. la mancanza, l’incompletezza e ogni altra irregolarità essenziale degli elementi e delle dichiarazioni

    sostitutive di cui alla dichiarazione prevista al paragrafo 14.1.2 (comprese le dichiarazioni rese dai soggetti ivi

    previste) obbliga il concorrente che vi ha dato causa al pagamento, in favore della stazione appaltante, della

    sanzione pecuniaria stabilita 50.000 euro, il cui versamento è garantito dalla cauzione provvisoria; in tal caso,

    la stazione appaltante assegna al concorrente un termine, non superiore a dieci giorni, perché siano rese,

    integrate o regolarizzate le dichiarazioni necessarie, indicandone il contenuto e i soggetti che le devono

    rendere; nei casi di irregolarità non essenziali ovvero di mancanza o incompletezza di dichiarazioni non

    indispensabili, la stazione appaltante non ne richiede la regolarizzazione, né applica alcuna sanzione; in caso

    di inutile decorso del termine di cui al presente punto il concorrente è escluso dalla gara;

    14.1.3. dichiarazione sostitutiva, come da modello n. 3 allegato al presente disciplinare di gara, resa ai sensi degli

    articoli 46 e 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm. ii. oppure, per i concorrenti non residenti in Italia,

    documentazione idonea equivalente secondo la legislazione dello Stato di appartenenza, con la quale il

    concorrente:

  • 20

    a. indica l’iscrizione all’apposito Registro delle Imprese …………, se non residente in Italia, ad altro

    registro o albo equivalente secondo la legislazione nazionale di appartenenza, precisando gli estremi

    dell’iscrizione (numero e data) e la forma giuridica;

    b. indica la partita I.V.A., le posizioni INPS e INAIL, l’agenzia delle entrate e la Direzione provinciale

    del lavoro competente per territorio, il CCNL applicato e la dimensione aziendale;

    c. indica i dati identificativi (nome, cognome, luogo e data di nascita, qualifica) del titolare dell’impresa

    individuale, ovvero di tutti i soci in nome collettivo, ovvero di tutti i soci accomandatari, nel caso di società

    in accomandita semplice, nonché di tutti gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza, di tutti i

    direttori tecnici, gli institori;

    d. attesta che nell’anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara non vi sono stati

    soggetti cessati dalle cariche societarie indicate nell’art. 38, comma 1, lett. c), del Codice, ovvero indica

    l’elenco degli eventuali soggetti cessati dalle cariche societarie suindicate nell’anno antecedente la data di

    pubblicazione del bando;

    e. attesta circa i requisiti richiesti dal presente disciplinare al precedente paragrafo 12.1. quanto

    segue:

    I. l’oggetto sociale come risultante dal Certificato della Camera di Commercio;

    II. il possesso dell’abilitazione al trasporto di persone su strada ai sensi del regolamento (CE) n.

    1071/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 e del D.Lgs. 395/2000 e

    successive modificazioni e altre abilitazioni riferite all’oggetto del servizio richieste dalla normativa vigente;

    III. l’iscrizione al Registro Elettronico Nazionale ai sensi dell’art. 17 comma 1 della L.R. 23/2007;

    IV. il possesso del fatturato annuo specifico per i servizi oggetto dell’appalto nell’ultimo triennio

    suddiviso per ciascun anno;

    V. il possesso di un bilancio approvato nei tre esercizi precedenti la data di pubblicazione del bando

    con un risultato netto positivo;

    VI. il valore del capitale sociale cumulato risultante dall’ultimo bilancio approvato;

    VII. il valore del patrimonio netto posseduto risultante dall’ultimo Bilancio approvato;

    VIII. i servizi di trasporto urbano svolti nel migliore anno del triennio precedente la data di

    pubblicazione del bando di gara, indicando il Committente, il luogo di svolgimento del Servizio, il periodo di

    svolgimento, il numero di bus urbani utilizzati per lo svolgimento di ciascun servizio;

    IX. il numero di bus/chilometri annui svolti nel triennio precedente, suddiviso per annualità;

    14.1.4. le attestazioni circa il possesso delle certificazioni di un sistema di qualità conforme alle norme europee

    della serie UNI EN ISO 9001/2008 e di un sistema di qualità conforme alle norme di tutela ambientale della serie

    UNI EN ISO 14001/2004 e di un sistema di gestione della sicurezza e della salute dei lavoratori della serie BS OH

  • 21

    SAS 18001:2007, rilasciate da organismi accreditati, ai sensi della norme europee della serie UNI CEI EN 45000 e

    della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, ovvero di prove relative all’impiego di misure equivalenti;

    14.1.5. in caso dell’avvalimento il concorrente dovrà allegare alla domanda:

    a. dichiarazione sostitutiva con cui il concorrente indica specificatamente i requisiti di partecipazione di

    carattere economico-finanziario, tecnico-organizzativo per i quali intende ricorrere all’avvalimento ed indica

    l’impresa ausiliaria;

    b. dichiarazione sostitutiva sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa ausiliaria, con la quale:

    1) attesta il possesso, in capo all’impresa ausiliaria, dei requisiti generali di cui all’art. 38 del Codice,

    l’inesistenza di una delle cause di divieto, decadenza o sospensione di cui all’art. 67 del d.lgs. 6 settembre

    2011, n. 159, e il possesso dei requisiti tecnici e delle risorse oggetto di avvalimento;

    2) si obbliga verso il concorrente e verso la Regione a mettere a disposizione, per tutta la durata

    dell’appalto, le risorse necessarie di cui è carente il concorrente;

    3) attesta che l’impresa ausiliaria non partecipa alla gara in proprio o associata o consorziata ai

    sensi dell’art. 34 del Codice;

    c. originale o copia autentica del contratto, in virtù del quale l’impresa ausiliaria si obbliga, nei confronti del

    concorrente, a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie, che devono essere

    dettagliatamente descritte, per tutta la durata dell’appalto, oppure, in caso di avvalimento nei confronti di

    una impresa che appartiene al medesimo gruppo, dichiarazione sostitutiva attestante il legame giuridico ed

    economico esistente nel gruppo; dal contratto e dalla suddetta dichiarazione discendono, ai sensi dell’art.

    49, comma 5, del Codice, nei confronti del soggetto ausiliario, i medesimi obblighi in materia di normativa

    antimafia previsti per il concorrente;

    14.1.6 dichiarazione sostitutiva, come da modello n. 4 allegato al presente disciplinare di gara, resa ai sensi degli

    articoli 46 e 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm. ii. oppure, per i concorrenti non residenti in Italia,

    documentazione idonea equivalente secondo la legislazione dello Stato di appartenenza, con la quale il

    concorrente, a pena di esclusione, dichiara:

    1. di ritenere remunerativa l’offerta economica presentata giacché per la sua formulazione ha

    preso atto e tenuto conto:

    a) delle condizioni contrattuali e degli oneri compresi quelli eventuali relativi in materia di sicurezza,

    di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove devono

    essere svolti i servizi;

    b) di tutte le circostanze generali, particolari e locali, nessuna esclusa ed eccettuata, che possono

    avere influito o influire sia sulla prestazione dei servizi, sia sulla determinazione della propria offerta.

    2. di impegnarsi ad assumere il personale addetto al servizio oggetto della presente procedura di

    gara in forza agli Attuali Gestori, con continuità di rapporto di lavoro, con il mantenimento nel tempo dei

  • 22

    diritti acquisiti tramite contrattazione nazionale collettiva di lavoro, contrattazione integrativa e per ciò che

    attiene a retribuzione, anzianità e profili professionali nei termini e nei modi indicati dal Contratto, dal

    Capitolato descrittivo e prestazionale e dall’accordo siglato in data 19 settembre 2014 tra Regione e le

    organizzazioni sindacali di categoria FILT CGIL, FIT CISL FVG, UIL TRASPORTI, FAISA CISAL, FAST

    CONFSAL, CAT FVG a cui ha dato formale adesione anche il sindacato OR.S.A. Trasporti FVG;

    3. di impegnarsi all’acquisto dei mezzi indicati nell’allegato 7 del Capitolato descrittivo e

    prestazionale al costo ivi indicato, con l’impegno alla cessione al Nuovo Affidatario, alla scadenza del

    contratto, previa determinazione del relativo valore di mercato, ovvero di non avvalersi della facoltà di

    acquisto dei mezzi degli Attuali Gestori indicati nell’Allegato 7 al Capitolato descrittivo e prestazionale,

    con l’impegno ad assicurare la disponibilità all’avvio del servizio di un parco mezzi necessario per lo

    svolgimento dello stesso che presenti quantomeno le caratteristiche indicate all’articolo 8 del

    Capitolato descrittivo e prestazionale e all’Allegato 8 al medesimo Capitolato e con i requisiti minimi di

    cui agli allegati 12 e 13 al predetto Capitolato;

    4. di impegnarsi all’acquisto delle infrastrutture qualificate strategiche con le DGR n. 965 del

    31.05.2012, n.1152 del 21.06.2012 e n. 1010 del 30/05/2014 di cui all’art. 5 e agli Allegati 3 e 4 (ad

    eccezione della Trenovia Trieste – Opicina) del Capitolato descrittivo e prestazionale, nei modi e termini ivi

    indicati, obbligandosi ad utilizzare tutte le infrastrutture strategiche ivi indicate per l’intera durata

    dell’affidamento di seguito indicate:

    Provincia Comune Indirizzo proprietà

    1 Gorizia Gorizia

    Comprensorio di via dei caduti An Nassiryah, via Duca D’Aosta e via Marzia

    APT

    2 Gorizia Monfalcone Via della Marcelliana Comune

    3 Pordenone Claut località Pinedo ATAP

    4 Pordenone Maniago via Violis ATAP 5 Pordenone Pordenone via Prasecco ATAP 6 Pordenone Spilimbergo via Ponte Roitero ATAP 7 Udine Udine Via del Partidor SAF

    8 Udine Cividale del Friuli via Moimacco SAF 9 Udine Comeglians loc. Taviela SAF 10 Udine Gemona del Friuli via Armentaressa SAF 11 Udine Latisana Via Trento SAF 12 Udine Lignano Sabbiadoro via Pantanel SAF 13 Udine Tarvisio Camporosso- via Alpi Giulie SAF 14 Udine Tolmezzo via Selet SAF 15 Trieste Trieste “Comprensorio Broletto” Comune/AMT

    5. di impegnarsi a garantire, con idoneo titolo giuridico (concessione/affitto), il servizio e la

    gestione della linea tranviaria Trieste – Opicina, compreso il tratto funicolare, e la relativa manutenzione

    ordinaria, come previsto all’art. 5 e all’Allegato 4 del Capitolato descrittivo e prestazionale;

    6. di impegnarsi ad acquisire, con idoneo titolo giuridico, la disponibilità dei beni funzionali al

    servizio indicati nell’allegato 4 e 5 del Capitolato descrittivo e prestazionale nonché di tutte le altre

    infrastrutture necessarie allo svolgimento di quanto offerto in sede di gara e oggetto di contratto;

  • 23

    7. di conoscere e di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e le disposizioni

    contenute nel bando di gara, nel disciplinare di gara, nel capitolato descrittivo e prestazionale tecnico e

    nello schema di contratto;

    14.1.8. documento attestante la cauzione provvisoria di cui al paragrafo 10 , con allegata la dichiarazione, di cui

    all’art. 75, comma 8, del Codice, concernente l’impegno a rilasciare la cauzione definitiva;

    14.1.9. dichiarazione sostitutiva con la quale il concorrente attesta di aver preso visione dei luoghi ovvero

    certificato rilasciato dalla Regione attestante la presa visione dello stato dei luoghi in cui deve essere eseguita la

    prestazione;

    14.1.10. ricevuta di pagamento del contributo a favore dell’ANAC di € 500,00 (euro cinquecento/00) di cui al

    paragrafo 11 del presente disciplinare di gara;

    14.1.11. dichiarazione sostitutiva, come da modello n. 5 allegato al presente disciplinare di gara, resa ai sensi degli

    articoli 46 e 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm. ii. oppure, per i concorrenti non residenti in Italia,

    documentazione idonea equivalente secondo la legislazione dello Stato di appartenenza, con la quale il

    concorrente:

    a. indica ai sensi dell’art. 79, comma 5-quiquies, del Codice il domicilio eletto e l’indirizzo di PEC al quale

    inviare tutte le comunicazioni inerenti la presente procedura di gara;

    b. indica i servizi o parti di servizio (principale, secondario e accessori) che intende subaffidare entro i limiti

    del 20 % dell’importo complessivo del contratto di cui all’art. 16 comma 3 della L.R. 13/2014;

    c. attesta di essere informato, ai sensi e per gli effetti del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, che i dati personali

    raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell’ambito del procedimento per

    il quale la dichiarazione viene resa.

    INDICAZIONI PER I CONCORRENTI CON IDONEITÀ PLURISOGGETTIVA E I CONSORZI

    14.1.12. Nel caso di consorzi stabili, consorzi di cooperative e di imprese artigiane:

    14.1.12.1. atto costitutivo e statuto del consorzio in copia autentica, con indicazione delle imprese

    consorziate;

    14.1.12.2. dichiarazione, come da modello n.7 allegato al presente disciplinare, in cui si indica il/i

    consorziato/i per i quale/i il consorzio concorre alla gara; qualora il consorzio non indichi per quale/i

    consorziato/i concorre, si intende che lo stesso partecipa in nome e per conto proprio.

    14.1.13. Nel caso di raggruppamento temporaneo già costituito:

    14.1.13.1. mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza conferito alla mandataria per atto pubblico o

    scrittura privata autenticata, con indicazione del soggetto designato quale mandatario.

    14.1.14. Nel caso di consorzio ordinario o GEIE già costituiti:

    14.1.14.1. atto costitutivo e statuto del consorzio o GEIE in copia autentica, con indicazione del soggetto

    designato quale capogruppo.

  • 24

    14.1. 14.2 dichiarazione, come da modello n. 7 allegato al presente disciplinare, in cui si indica a pena di

    esclusione, ai sensi dell’art. 37, comma 4, del Codice, le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli

    operatori economici consorziati o raggruppati.

    14.1.15. nel caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario o GEIE non ancora costituiti:

    14.1.15.1. dichiarazione resa, come da modello n. 6 allegato al presente disciplinare di gara, da ciascun

    concorrente attestante:

    a. l’operatore economico al quale, in caso di aggiudicazione, sarà conferito mandato speciale con

    rappresentanza o funzioni di capogruppo;

    b. l’impegno, in caso di aggiudicazione, ad uniformarsi alla disciplina vigente con riguardo ai

    raggruppamenti temporanei o consorzi o GEIE;

    c. le parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici riuniti o

    consorziati ai sensi dell’art. 37, comma 4, del Codice.

    14.1.16. dichiarazione come da modello n. 7 allegato al presente disciplinare di gara, nel caso di aggregazioni di

    imprese aderenti al contratto di rete: se la rete è dotata di un organo comune con potere di rappresentanza e di

    soggettività giuridica, ai sensi dell’art. 3, comma 4-quater, del d.l. 10 febbraio 2009, n. 5:

    14.1.16.1. copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata,

    ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82, recante il Codice

    dell’amministrazione digitale (di seguito, CAD) con indicazione dell’organo comune che agisce in

    rappresentanza della rete;

    14.1.16.2. dichiarazione, se rappresentante dell’organo comune, che indichi per quali imprese la rete

    concorre e relativamente a queste ultime opera il divieto di partecipare alla gara in qualsiasi altra forma;

    14.1.16.3. dichiarazione che indichi le parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli

    operatori economici aggregati in rete;

    14.1.17. dichiarazione come da modello n. 6 allegato al presente disciplinare di gara nel caso di aggregazioni di

    imprese aderenti al contratto di rete: se la rete è dotata di un organo comune con potere di rappresentanza ma è

    priva di soggettività giuridica ai sensi dell’art. 3, comma 4-quater, del d.l. 10 febbraio 2009, n. 5:

    14.1.17.1. copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata,

    ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del CAD, recante il mandato collettivo irrevocabile

    con rappresentanza conferito alla impresa mandataria, con l’indicazione del soggetto designato quale

    mandatario e delle parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici

    aggregati in rete; qualora il contratto di rete sia stato redatto con mera firma digitale non autenticata ai sensi

    dell’art. 24 del CAD, il mandato nel contratto di rete non può ritenersi sufficiente e sarà obbligatorio conferire

    un nuovo mandato nella forma della scrittura privata autenticata, anche ai sensi dell’art. 25 del CAD;

  • 25

    14.1.18. dichiarazione come da modello n. 6 allegato al presente disciplinare di gara, nel caso di aggregazioni di

    imprese aderenti al contratto di rete: se la rete è dotata di un organo comune privo del potere di rappresentanza

    o se la rete è sprovvista di organo comune, ovvero, se l’organo comune è privo dei requisiti di qualificazione

    richiesti:

    14.1.18.1. copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata

    ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del CAD, con allegato il mandato collettivo

    irrevocabile con rappresentanza conferito alla mandataria, recante l’indicazione del soggetto designato quale

    mandatario e delle parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici

    aggregati in rete;

    (o in alternativa)

    14.1.18.2. copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata,

    ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del CAD. Qualora il contratto di rete sia stato redatto

    con mera firma digitale non autenticata ai sensi dell’art. 24 del CAD, il mandato deve avere la forma dell’atto

    pubblico o della scrittura privata autenticata, anche ai sensi dell’art. 25 del CAD, con allegate le dichiarazioni,

    come da modello n. 6 allegato al presente disciplinare di gara, rese da ciascun concorrente aderente al

    contratto di rete, attestanti:

    a. a quale concorrente, in caso di aggiudicazione, sarà conferito mandato speciale con

    rappresentanza o funzioni di capogruppo;

    b. l’impegno, in caso di aggiudicazione, ad uniformarsi alla disciplina vigente in materia con

    riguardo ai raggruppamenti temporanei;

    c. le parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici aggregati in

    rete.

    15. Contenuto della Busta “B - Offerta tecnico-organizzativa”

    15.1. La busta “B – Offerta tecnico-organizzativa” deve contenere una relazione tecnica completa e

    dettagliata, in originale, dei servizi offerti, che dovranno essere conformi ai requisiti minimi indicati nel

    capitolato descrittivo e prestazionale.

    15.2. L’offerta tecnica deve essere sottoscritta, a pena di esclusione, dal legale rappresentante del

    concorrente o da un suo procuratore.

    15.3. Nel caso di concorrenti con idoneità plurisoggettiva, l’offerta dovrà essere sottoscritta, a pena di

    esclusione, con le modalità indicate per la sottoscrizione della domanda di cui ai paragrafi 14.1.1.1 e 14.1.1.2.

    15.4. La mancata presentazione della documentazione richiesta o il mancato rispetto delle prescrizioni inerenti

    la sottoscrizione ovvero inerenti la documentazione allegata relative a uno o a tutti i criteri di valutazione o

  • 26

    sub criteri di valutazione non costituisce causa di esclusione, ma comporta esclusivamente la valutazione pari

    a 0 punti per lo specifico elemento ponderale o sub elemento ponderale.

    15.5. L’attribuzione di un punteggio pari a 0 per ciascuno dei criteri o sub criteri ponderali in ogni caso

    comporta per l’impresa l’obbligo di realizzare il servizio secondo quanto indicato nel capitolato descrittivo e

    prestazionale approvato.

    15.6. La proposta tecnico organizzativa deve avere ad oggetto i seguenti capitoli suddivisi come di seguito e

    deve trattare per ciascun criterio gli elementi di ponderazione indicati al successivo paragrafo 18 in modo da

    offrire alla Commissione di gara il supporto necessario ai fini della valutazione dell’offerta.

    15.7. Contenuto della proposta tecnico – organizzativa.

    Capitolo I) - Criterio di valutazione A – Attrattività – Punteggio massimo 25 punti.

    Il primo capitolo della proposta tecnico organizzativa deve riguardare il criterio dell’attrattività che si suddivide

    nei seguenti sub – criteri, cui sono associati i seguenti sub pesi:

    Sub – criterio 1 – Servizio di TPL come strumento di promozione del servizio. – sub peso: 2 punti

    Il concorrente, al fine di ottenere un punteggio nel presente sub criterio di valutazione, dovrà sviluppare, in un

    apposito paragrafo (formato A4 carattere Times New Roman dimensione carattere 12 e 25 righe per pagina),

    cui è possibile allegare, anche separatamente delle tavole esplicative, il piano di marketing e di promozione

    dei servizi di trasporto pubblico locale su gomma, urbano ed extraurbano, tranviario e di trasporto marittimo,

    che il concorrente intende realizzare nel corso della durata di contratto.

    Il paragrafo dovrà esplicitare in modo chiaro, anche attraverso lo sviluppo di apposito cronoprogramma, le

    azioni che il concorrente si impegna a realizzare per l’intera durata contrattuale al fine di garantire un maggior

    utilizzo attraverso la promozione dei servizi oggetto del presente appalto.

    Il presente sub criterio sarà oggetto di valutazione sulla scorta di quanto indicato al successivo paragrafo 18

    del presente disciplinare.

    Sub – criterio 2 – Servizio TPL come strumento di valorizzazione e promozione del territorio – sub peso: 2 punti.

    Il concorrente, al fine di ottenere un punteggio nel presente sub criterio di valutazione, dovrà sviluppare, in un

    apposito paragrafo (formato A4 carattere Times New Roman dimensione carattere 12 e 25 righe per pagina),

    cui è possibile allegare, anche separatamente delle tavole esplicative, una proposta di organizzazione del

    servizio di trasporto pubblico locale, che intenda realizzare nel corso della durata del contratto al fine di

    promuovere il territorio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, esemplificativamente attraverso

    l’attivazione di forme di incentivazione all’utilizzo del Servizio di Trasporto Pubblico Locale quale valorizzazione

    e promozione delle attività economiche e delle risorse culturali e ambientali di interesse regionale e di forme

    di connessione con la Rete delle Ciclovie d’Interesse Regionale.

  • 27

    Il paragrafo dovrà esplicitare in modo chiaro, anche attraverso lo sviluppo di apposito cronoprogramma, le

    azioni che il concorrente si impegna a realizzare per l’intera durata contrattuale al fine di garantire la

    promozione del territorio.

    Il presente sub criterio sarà oggetto di valutazione sulla scorta di quanto indicato al successivo paragrafo 18

    del presente disciplinare.

    Sub - criterio 3 – Proposta progettuale dei servizi compresi nella produzione chilometrica – sub peso: 4 punti.

    Il concorrente, al fine di ottenere un punteggio nel presente sub criterio di valutazione, dovrà sviluppare, in un

    apposito capitolo (formato A4 carattere Times New Roman dimensione carattere 12 e 25 righe per pagina), la

    propria offerta di organizzazione dei km/anno previsti nell’importo posto a base di gara ma non rientranti nei

    programmi di esercizio posti a base di gara.

    Il concorrente deve pertanto sviluppare la proposta progettuale, tenendo conto di quanto previsto dal vigente

    Piano Regionale del Trasporto Pubblico Locale e dal Capitolato descrittivo e prestazionale, relativamente alle

    quantità e secondo le tipologie di servizio di seguito indicate:

    - 630.000 km/anno di servizi extraurbani di potenziamento primo livello;

    - 45.600 km/anno di servizi extraurbani compensativi della sospensione del servizio ferroviario nelle

    stazioni di cui all’allegato 1 del Capitolato descrittivo e prestazionale;

    - 370.700 km/anno di servizi urbani nel territorio provinciale di Trieste;

    Il presente sub criterio sarà oggetto di valutazione sulla scorta di quanto indicato al successivo paragrafo 18

    del presente disciplinare.

    Sub – criterio 4 – Proposta progettuale sui servizi flessibili – sub – peso: 3 punti.

    Il concorrente, al fine di ottenere un punteggio nel presente sub criterio di valutazione, dovrà sviluppare, in un

    apposito paragrafo (formato A4 carattere Times New Roman dimensione carattere 12 e 25 righe per pagina),

    cui è possibile allegare, anche separatamente delle tavole esplicative, la propria proposta in merito allo

    sviluppo e attivazione dei servizi flessibili (servizi a chiamata o caratterizzati da un programma di esercizio

    predefinito ma variabile in funzione di specifiche esigenze di contesto) come definiti e delineati nel PRTPL,

    nella L.R. 23/2007 e all’art. 1 del Capitolato descrittivo e prestazionale, entro 18 mesi dall’ avvio del servizio.

    Il Concorrente, tenuto conto di quanto previsto dal PRTPL e dal Capitolato descrittivo e prestazionale dovrà

    sviluppare una proposta di attivazione dei servizi flessibili che a parità di costi per la Regione garantisca il

    soddisfacimento delle es