Click here to load reader

La Voce del Sarrabus IIx

  • View
    228

  • Download
    5

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Giornale, La voce, del Sarrabus

Text of La Voce del Sarrabus IIx

  • Candidati, ma quanto avete speso?ELEZIONI. Quanto costata la corsa ad un seggio in Consiglio Regionale ai politici sarrabesi

    Eugenio Murgioni (Pdl) entra in extremis e Patrizio Buccelli (Udc) preannuncia ricorso

    Villaputzu Pag. 11Il Comune scommette sulfotovoltaico

    Castiadas Pag. 8Il bilancio del Comuneapproda in Consiglio

    Muravera Pag. 9La colonia di Colostrai sitrasforma in albergo di lusso

    Ballao Pag. 13Record di astensionismoalle urne per le regionali

    www.radiolavoce.it

    SanVito Pag. 10Iniziati i lavori perrecuperare San Priamo

    Anno II - numero XII - Maggio 2009

    a pag. 3

    CAMPANE STONATE

    IL CASO IL PROGETTO PER LAVVENIRISTICA CHIESA FA DISCUTERE MURAVERA

    Vincoli archeologici e dispute di vicinato rendono complicata la costruzionedel tempio che si affiancher alla storica parrocchia di San Nicola di Bari.E lAmministrazione Comunale propone: Facciamo un referendum

    a pag. 5

  • PUBBLICITALa Voce del [email protected] 0709931481 - [email protected] Marzo 20092

  • di Gianni Agus

    Chiesa s, chiesa no.Anzi, chiesa s,ma non vicino a casa mia. Lontana,comoda da raggiungere, ma chenon mi disturbi. Anche perch l,sapete, c un tesoro archeologico,forse un villaggio nuragico. Facilecos: no alla nuova chiesa di frontea casa mia -la localit quella diConventu, proprio di fronte alcimitero del paese - perch queiterreni sono di grande interessestorico e archeologico.Magari dellastessa tipologia di quelli dove sor-gono quelle case, costruite tuttin-torno. Probabile, come mostra larelazione della sopraintenza ai beniarcheologici di Cagliari del 3 marzoscorso: Si chiede termina cos lalettera a codesto comune divoler sospendere eventuali altrelicenze edilizie rilasciate nelle areeadiacenti, sottoponendo le stessead una preventiva indagine archeo-logica. La sopraintendenza que-sto il punto stata allertata daicittadini che hanno costruito nellearee adiacenti: avrebbero fatto lostesso se avessero trovato un pic-colo nuraghe durante i lavori discavo della propria abitazione?Comunque, per la nuova chiesa ladenuncia scattata. E quel tesoroarcheologico sembra esserci davve-ro. Giusto allora cercare di con-servarlo sono le parole delsoprintendente Don Fulvio LoSchiavo per dare alle pagine diMuravera nuove pagine di storia. Ilritrovamento di tali strutture costi-tuisce un valore aggiunto per lastessa chiesa ma anche per ilcomune, infatti, se ben valorizzatepossono offrire nuove possibilit diofferta turistica in unarea centraledellabitato con vista panoramicafino al mare.Conserviamo il tesoro archeologi-co. Tutti daccordo. E la chiesa, quelprogetto lungo dieci anni, quei suno dopo laltro per ledificazioneproprio in quellarea? E i finanzia-menti oltre un milione di euro a rischio? Il sindaco Salvatore Piu stato chiaro: cari signori, architetto,abitanti del quartiere, soprainten-deza, sediamoci ad un tavolo e tro-viamo una soluzione. La parte delleone, in questo caso, la fa lasopraintendenza: se pone il vincolo,non c nulla da fare. Il vincolo c,per riguarda solo una parte del-

    larea. Sul resto si pu costruire. Lanuova chiesa dovrebbe sorgerepoco pi gi, verso la strada 125 -suggerisce la sopraintendenza - chela delimita a nord e labbassa fino allivello della strada in modo da nonincombere con la sua mole sul-larea archeologica. La moledarebbe fastidio per alle abita-zioni vicine. E partita cos una rac-colta di firme per dire no alla chie-sa.Che fare? Se non si metterannodaccordo ha spiegato il sindacoSalvatore Piu dovr chiedere ilparere di tutta la popolazione, nonsolo dei residenti di quella zona.Un referendum, organizzato anchein maniera bonaria, mettendo adesempio unampolla in Comunedove tutti possano imbucare unalettera con il loro parere. Un refe-rendum improprio per il parrocoDon Emilio Manca perch unacosa certa, la chiesa sar realizza-ta rispettando tutte le normative. Ilproblema vedere dove, ma que-sto lo deve risolvere il Comune.

    Chiesa s, alla fine, ma dove?Sembra impossibile trovare unareaalternativa dentro il paese diMuravera.Anche perch la mole imponen-te: il tetto avveniristico a fogliadulivo nella punta pi alta tocca iquattordici metri di altezza. Certo,i progettisti stanno studiandonuove soluzione, abbassare il tetto,ruotarlo, spostarlo. Ma non sarfacile mettere tutti daccordo. C

    anche da dire che la nuova chiesanon sostituir quella di San Nicola.Sar una succursale, dove celebraread esempio in occasione di cresi-me, comunioni, funerali. Perch lavecchia parrocchia, costruita quan-do il paese aveva qualche centinaiodi abitanti, piccola e stretta. Unasuccursale, insomma, da realizzareperch non lo si pu negare serve.Una delle soluzioni stata propo-sta alla sopraintendenza dallasses-sore alla cultura di Muravera MarcoMarci che da subito ha seguito ilavori assieme allarcheologa: salva-guardare il sito, coprendolo magaricon una lastra trasparente e edifi-care sopra la chiesa; salvare capra ecavoli con un piccola spesa in pi.Insomma, sar edificata in localitCunventu come suggerisce la stes-sa sopraintendenza? Magari dal-lampolla uscir fuori qualche sug-gerimento illuminante. Per ora lanuova chiesa, pi che affidarsi allemani del Signore, costretta adaffidarsi alle mani dei muraveresi.

    IL CASO CUNVENTUMarzo 2009 La Voce del [email protected] 30709931481 - [email protected]

    PIETRE E CULTO

    SUL NUOVO EDIFICIO DI CULTO PESANO INCOGNITE ARCHEOLOGICHE E LE LAMENTELE DEI CITTADINI

    La chiesa vicino al villaggio pre-nuragico?Il paese discute, ma i lavori si farannoLa Soprintendenza haposto dei vincoli ma sipotrebbe costruire aipiedi della collinetta diCunventu.Ma chi abita lnon gradisce e parte unaraccolta di firme

    Un referendum?

    Il sindaco SalvatorePiu propone un refe-rendum. La curia elarchitetto sonopronti a modificare ilprogetto e renderloaccoglibile ancheda chi abita di fronte

    La pianta interna della futura chiesa di MuraveraLA VOCE DEL [email protected] dellAssociazione Radio La Voce

    PPrreessiiddeenntteedon Emilio Manca

    DDIIRREETTTTOORREE RREESSPPOONNSSAABBIILLEEMICHELE GARBATOCCaappoo RReeddaattttoorreeGianni AgusRReeddaazziioonnee

    Giancarlo Cuccu, Renzo CuccuFFoottoo

    E-motion - Alessandro Bulla Alber to Masala

    IImmppaaggiinnaazziioonnee ee GGrraaffiiccaaSimone Utzeri

    TTeelleeffoonnoo0709931481 - 3297046552

    [email protected]

    IInntteerrnneettwww.radiolavoce.info/VocSar.htm

    PPuubbbblliicciitt Michele Castellano

    SSttaammppaa Unione Editoriale S.p.A. Elmas

    TTiirraattuurraa5.000 copie

    Testata giornalistica registrata pressoTribunale di Cagliari al numero 5/1995

  • di Michele Garbato

    Un consigliere c, laltro chiss.Le elezioni regionali dello scorsofebbraio assegnano un rappresen-tante sicuro al Sarrabus. Niente dinuovo rispetto alla scorsa legislatu-ra: si tratta di Eugenio Murgioni,appartenente a Fortza Paris, partitoora confluito nel Popolo delleLibert, la formazione politica di cui indiscusso leader il premier SilvioBerlusconi. Momentaneamentebocciato , invece, il sindaco di SanVito, Patrizio Buccelli, che anche consigliere provincialedellUdc. I suoi 3000 voti non sonostati sufficienti per accedere allamassima assemblea regionale manon ancora detta lultima parolache sar pronunciata probabilmen-te dalla magistratura amministrati-va cui Buccelli sta meditando dirivolgersi.LA FESTA DEL NEO-CONSIGLIEREMurgioni , che inizialmente risul-tato il secondo dei non eletti, acce-de in consiglio regionale solo graziealla rinuncia di due big targati Pdl,Antonello Liori e Giorgio La Spisa,entrati a far parte della giunta pre-sieduta da Ugo Cappellacci. 3600elettori hanno scelto lex sindacodi Castiadas, un numero considere-vole, tenuto conto del fatto chenelle elezioni del 2004, ne avevaraccolti su per gi 2300.Sono contento per la mia ri-ele-zione - spiega Murgioni - La scon-fitta netta del centro-sinistra? Melaspettavo, del resto era chiaro chetutte le categorie economichedellIsola avevano bocciato Soru ela sua giunta. Quanto a me, erofiducioso sulla mia riconferma, delresto disponevo di un bacino diutenza e di conoscenze che midavano una certa tranquillit.Certo, mi preoccupava un p ilconfronto con candidati forti, conpadrini politici importanti ma glielettori sanno bene chi si dato dafare e, tutto sommato, credo che ilbuon lavoro fatto a Castiadas nelcorso degli anni mi abbia premia-to. Che succeder nei prossimicinque anni? Ci sar un gran lavo-ro da fare - dice il neo-consigliereregionale - in particolare in campourbanistico: il piano paesaggisticova cambiato e rivisti i vincoli che locaratterizzano. Al Sarrabus questenorme hanno fatto male.Dobbiamo far ripartire lo sviluppoanche attraverso ledilizia ed il turi-smo, questultimo la nostra verae propria industria.Via dunque alle grandi operecome aeroporto a Castiadas, por-ticciolo a Cala Sinzias e campi dagolf? Sono opere che danno rispo-ste al territorio - puntualizzaMurgioni - lobiettivo quello diallungare la stagione turistica eportare benessere.

    BUCCELLI, RICORSI ALTAR INVISTAPatrizio Buccelli, candidato perlUdc, medita il ricorso al Tar. Nonmi sono state attribuite 230 prefe-renze - spiega Buccelli - e ora, insie-me ai miei legali stiamo valutandolipotesi di presentare un ricorso.Ma come fanno a sparire 230 voti?Semplice: molti elettori hannoscritto il nome di Buccelli accantoal simbolo Popolo delle Libert,nonostante il primo cittadino diSan Vito fosse candidato perlUnione di Centro. Una preferenzachiara, nonostante lo scambio dipartito, per Buccelli ed i suoi soste-nitori, scheda da annullare per ipresidenti di seggio. Una contesadallesito tutto da scrivere.Vedremo come andr a finire -commenta Patrizio Buccelli -Intanto mi godo queste 3000 prefe-

    renze che non sono poche. Certo,non mi aspettavo una vittoria delcentro-destra di queste proporzio-ni anche se il malcontento ne