LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO -   materia di antiriciclaggio in Italia) mette in luce che:

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO -   materia di antiriciclaggio in Italia) mette in luce che:

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

Adempimenti del Professionista

dott. Francesco Loppini

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIOdott. Francesco Loppini

SOMMARIO

Sommario

1. Introduzione2. Limitazioni circolazione contanti e titoli al portatore3. Novit sugli assegni4. Obblighi del professionista:

1. Comunicazione operazioni ultrasoglia2. Adeguata verifica della clientela3. Registrazione operazioni4. Archivio unico5. Le operazioni sospette

5. I controlli della GDF6. Le sanzioni

INTRODUZIONE

Antiriciclaggio in numeri

L'ultimo rapporto annuale del GAFI (Gruppo di azione finanziario sul riciclaggio del denaro sporco che fa capo all'OCSE e che comprende anche l'Italia) mette in luce che:

tra il 2000 ed il 2004 le indagini penali per riciclaggio sono state 13.697

i rinvii a giudizio sono stati 4.992

sono andati a sentenza 2.903 procedimenti

Antiriciclaggio in numeri

L'UIC (Ufficio Italiano Cambi, ex organismo competente in materia di antiriciclaggio in Italia) mette in luce che:

nel 2005 le segnalazioni di operazioni sospette sono state pari a 16.451 il valore medio per operazione segnalata stato pari a 130 mila euro il 28,9 per cento delle segnalazioni provengono dalla Lombardia l'87 per cento delle segnalazioni proviene dalle banche il 19,1 per cento delle segnalazioni trae origine dal prelievo di contante

Le Fonti

I Direttiva (91/308/CE):D.L. 143/1991

II Direttiva (2001/97/CE)D.lgs. 56/2004

III Direttiva (2005/60/CE):D.lgs. 231/2007

Le Fonti

Il D.lgs 231/2007 ABROGA le normative precedenti, ma:

Laddove il D.lgs. 231/2007 rimanda a provvedimenti attuativi, nel vuoto legislativo i provvedimenti precedenti, se non incompatibili, RIMANGONO IN VIGORE.

Le Novit del D.lgs. 231/2007

Procedura di adeguata verifica della clientela

Prestatori di servizi relativi a societ e trust

Modifica soglie (5000 e 15000 euro)

Approccio basato sul rischio

Soppressione UIC e istituzione UIF (Unit di Informazione Finanziaria)

Modifiche alle limitazioni alluso del contante

Entrata in vigore

29 dicembre 2007 ad eccezione di:

Transazioni in contante, dei titoli al portatore, clausole di non trasferibilit assegni art. 49: entrano in vigore il 30.04.2008;Trasmissione in via telematica delle segnalazioni di operazioni sospette: 12 mesi da entrata in vigore decreto;Modalit registrazione, obblighi di adeguata verifica, nuovi indici di anomalia: Autorit Competenti devono emanare relative norme;

Definizioni

Non c pi richiamo agli artt. 648 bis e ter c.p.:

La conversione o il trasferimento di beni effettuati essendo a conoscenza che essi provengono da unattivit criminosa o da una partecipazione a tale attivit, allo scopo di occultare o dissimulare lorigine illecita dei beni medesimi o di aiutare chiunque sia coinvolto in tale attivit a sottrarsi alle conseguenze giuridiche delle proprie azioni.

Definizioni

Loccultamento o la dissimulazione della reale natura, provenienza, ubicazione, disposizione, movimento, propriet dei beni o dei diritti sugli stessi, effettuati essendo a conoscenza che tali beni provengono da unattivit criminosa o da una partecipazione a tale attivit.

Definizioni

Finanziamento al Terrorismo:

Qualsiasi attivit diretta, con qualsiasi mezzo, alla raccolta, alla provvista, allintermediazione, al deposito, alla custodia o allerogazione di fondi o di risorse economiche, in qualunque modo realizzati, destinati ad essere, in tutto o in parte, utilizzati al fine di compiere uno o pi delitti con finalit di terrorismo o in ogni caso diretti a favorire il compimento di uno o pi delitti con finalit di terrorismo previsti dal codice penale, e ci indipendentemente dalleffettivo utilizzo dei fondi e delle risorse economiche per i delitti anzidetti.

Ambito soggettivo

Societ di gestione (mercati e strumenti finanziari)Commercio di oroFabbricazione, mediazione e commercio di oggetti preziosi (art. 127 TULPS)Commercio di cose antiche (art. 126 TULPS)Case di aste e gallerie darte (art. 115 TULPS)Intermediari finanziari (Banche, assicurazioni, SIM, SGR, Casse depositi, etc.)Case da giocoTrasporto di denaroProfessionisti

Soggetti iscritti nellalbo dei ragionieri e periti commerciali, nellalbo dei dottori commercialisti e nellalbo dei consulenti del lavoro;

ogni altro soggetto che rende i servizi forniti da periti, consulenti e altri soggetti che svolgono in maniera professionale attivit in materia di contabilit e tributi;

notai e avvocati limitatamente ad alcune attivit; revisori contabili. prestatori di servizi relativi a societ e trust.

Ambito soggettivo dei professionisti

Prestatori di servizi relativi a societ e trust.Ogni persona fisica o giuridica che fornisca, a titolo

professionale, uno dei seguenti servizi:

costituire societ o altre persone giuridiche Occupare la posizione di dirigente o amministratore di

societ Fornire una sede legale, un indirizzo commerciale,

amministrativo o postale ad altra societ Occupare la posizione di fiduciario in un trust espresso Esercitare il ruolo di azionista per conto di altra persona,

purch non sia societ ammessa a quotazione su un mercato regolamentato

Ambito soggettivo dei professionisti

LIMITAZIONI CIRCOLAZIONE CONTANTI E TITOLI AL PORTATORE

D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1

E vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatoreo di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore delloperazione anche frazionata, complessivamente pari o superiore ad 5.000 (in luogo dei precedenti 12.500)

D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1

lavverbio complessivamente si riferisce al valore delloperazione e non allimporto da trasferire, il cumulo va quindi riferito non pi alla sola sommatoria dei valori espressi ma alla somma dei valori, anche frazionati, che costituiscono parte di unoperazione unica.

Operazione frazionata

Art. 1, lett. m), D. Lgs. 231/07:

Operazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabili dal presente decreto, posta in essere attraverso pi operazioni singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi ed in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni fermo restando la sussistenza delloperazione frazionata quando ricorrono i presupposti per ritenerla tale.

D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1

Parere del Notariato:

Il professionista, dovr quindi verificare loggetto della prestazione dedotta in contratto accertando se la pluralit dei pagamenti (eventualmente cadenzati anche in arco temporale superiore ai sette giorni), costituiscono frazione di ununica prestazione (con conseguente divieto di cumulo) o facciano riferimento a prestazioni distinte

Parere Consiglio di Stato 1504/1995

Nel caso di pi trasferimenti di importo inferiore alla soglia, ma complessivamente di ammontare superiore, sfuggono al divieto, perch tra loro non cumulabili, quelli relativi:

A distinte ed autonome operazioni

Alla medesima operazione, quando il frazionamento connaturato all'operazione stessa (ad es. contratto di somministrazione) ovvero la conseguenza di preventivo accordo tra le parti (ad es. pagamento rateale)

Parere UIC 6/10/2006

Fattura 30, 60 e 90 giorni:

Non costituisce violazione in quanto la pluralit di pagamenti a scadenze prefissate frutto di una ordinaria dilazione di pagamento che scaturisce dal preventivo accordo delle parti.

CIASCUN VERSAMENTO DOVRA PERO ESSERE INFERIORE A 5.000 EURO

ASSEGNI E VAGLIA

Assegni e vaglia

Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a 5.000,00 devono recare lindicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilit

Gli assegni circolari, i vaglia postali e cambiariper importi pari o superiori a 5.000,00 devono recare lindicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilit.

Assegni e vaglia

I moduli di assegni bancari e postali saranno rilasciati dalle Banche o da Poste Italiane S.p.A. muniti della clausola di non trasferibilit.

Il cliente pu richiedere il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera.

Per ciascun modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera ovvero per ciascun assegno circolare o vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera dovuta dal richiedente la somma di 1,5

Assegni e vaglia

Gli assegni bancari e postali emessi allordine del traente possono essere girati unicamente per lincasso a una banca o a Poste italiane Spa

Ciascuna girata deve recare, a pena di nullit, il codice fiscale del girante.

Assegni e vaglia

Gli uffici dellamministrazione finanziaria potranno chiedere alla Banca o a Poste Italiane Spa i dati identificativi e il codice fiscale dei soggetti ai quali siano stati rilasciati moduli di assegni bancari o postali in forma libera ovvero che abbiano richiesto assegni circolari o vaglia postali in forma libera nonch di tutti i giratari e di coloro che li abbiano presentati allincasso.

I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008

Assegni ultra-soglia:

Gli assegni liberi pari o superiori a 5.000 euro emessi prima del 30 aprile ed incassati successivamente sono regolari. Non dovuta limposta di bollo.

Lo stesso potr essere incassato sia dal beneficiario diretto che da un giratario

I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/