LA LEVA FINANZIARIA INAIL PER LA PREVENZIONE: LE I finanziamenti alle PMI - i bandi INAIL ... INAIL

  • View
    0

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of LA LEVA FINANZIARIA INAIL PER LA PREVENZIONE: LE I finanziamenti alle PMI - i bandi INAIL ... INAIL

  • 21/01/2014

    1

    1

    LA LEVA FINANZIARIA INAIL PER LA PREVENZIONE: LE RIDUZIONI DEI

    PREMI ASSICURATIVI E I FINANZIAMENTI FINALIZZATI

    Lucca, 15/01/2014

    Sede di Lucca/Massa Carrara

    2

    Agenda

     IL SISTEMA TARIFFARIO INAIL ORIENTATO ALLA PREVENZIONE:

     Lo sconto/le deterrenze

     La “misura della convenienza “

    LE OPPORTUNITA’ PER IL SISTEMA IMPRESE:

     art. 11 – Attività promozionali  I finanziamenti alle PMI - i bandi INAIL

     Art. 10 – Informazione, assistenza e consulenza in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro  La rete operativa territoriale

     Art. 51, comma 3 bis - gli organismi paritetici

     I fondi regionali INAIL a sostegno dei progetti territoriali di prevenzione

     UN EFFICIENTE MODELLO DI AZIONE TERRITORIALE: LA RETE DELLA SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI  I punti di attenzione;

     Come si deve operare

     Casi concreti

  • 21/01/2014

    2

    3

    IL SISTEMA TARIFFARIO INAIL ORIENTATO ALLA PREVENZIONE:

    lo sconto/le deterrenze

    LO SCONTO

     Art.20 MAT (riduzione del 15 % del tasso

    medio)

    Art. 22 MAT ( Bonus/malus )

    Art. 24 MAT “oscillazione del tasso medio

    per prevenzione” ( dal 7% al

    30%)

    Per i primi due anni di attività

    Dopo i primi due anni di attività

    4

    IL SISTEMA TARIFFARIO INAIL ORIENTATO ALLA PREVENZIONE:

    lo sconto/le deterrenze

    LE DETERRENZE

     I CONTROLLI

    Art. 21 MAT ( aumento del 15% del tasso medio )

    L’AZIONE DI REGRESSO:

    ART. 61 D.LGS N.81/08:

    In caso di esercizio dell’azione penale per i delitti di omicidio colposo o di lesioni personali colpose,

    se il fatto è commesso con violazione delle norme per la prevenzione Infortuni/Malattie professionali,

    il pm ne dà immediata notizia all’INAIL ai fini dell’eventuale Costituzione di parte civile e dell’azione di regresso

    IL BONUS MALUS – art. 22 MAT

    Art. 22 MAT (la riduzione o l’aumento

    del tasso medio di tariffa è determinata

    in relazione all’andamento degli infortuni

    e delle malattie professionali dell’azienda,

    tenuto conto del tasso specifico aziendale e

    del numero dei lavoratori-anno del periodo )

    Per i primi due anni di attività

    Dopo i primi due anni di attività

  • 21/01/2014

    3

    5

    IL SISTEMA TARIFFARIO INAIL ORIENTATO ALLA PREVENZIONE:

    La misura della convenienza

    Numero

    dipendenti

    Bonus Malus

    Art. 22 Art. 24 Mat. Totale sconto

    0-100 -22% Dal 18% al 30% Dal 40% al 52%

    101-200 -25% -15% -40%

    201-500 -28% -12% -40%

    501- -35% -7% -42%

    6

    IL SISTEMA TARIFFARIO INAIL ORIENTATO ALLA PREVENZIONE: La misura della convenienza

    Lavoratori – anno Riduzione

    Fino a 10 30 %

    Da 11 a 50 23%

    Da 51 a 100 18%

    DELIBERA PRES - C.S. N.79/2010

    Da 101 a 200 15%

    Da 201 a 500 12%

    Oltre 500 7%

  • 21/01/2014

    4

    7

    LE OPPORTUNITA’ PER IL SISTEMA IMPRESE: LA RETE DELLA

    SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

     art. 11 d.lgs 81/08, coordinato con il d. lgs 106/09

     comma 1, lettera a) e b)

    Tipologie Progetti Finanziati

     Progetti di investimento;

     Progetti di responsabilità sociale e per

    l’adozione di modelli organizzativi;

     Progetti per la sostituzione/adeguamento

    attrezzature messe in servizio ante

    21/09/1996

    Il bando per finanziamenti INAIL 2013 oltre 25 milioni di

    euro alle Imprese della Toscana (avvio dal 21 gennaio 2014)

    8

    LE OPPORTUNITA’ PER IL SISTEMA IMPRESE: LA RETE DELLA

    SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

     Art. 10 – D.lgs 81/08, coordinato con il D.Lgs 106/09 Informazione e assistenza in materia di salute e sicurezza

    nei luoghi di lavoro, in particolare nei confronti delle imprese

    artigiane, agricole e delle piccole e medie imprese

    E delle rispettive associazioni dei datori di lavoro

    LA RETE OPERATIVA TERRITORIALE

    AA.SS.LL.

    VV.F.

    D.P.L.

    INAIL

    IPSEMA

    + Organismi paritetici Enti di patronato

  • 21/01/2014

    5

    9

    LE OPPORTUNITA’ PER IL SISTEMA IMPRESE: LA RETE DELLA

    SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

     Art. 51, T.U. 81/08 GLI ORGANISMI PARITETICI

    comma 3 bis

    “ Gli Organismi paritetici svolgono promuovono attività di formazione

    ……., nonché su richiesta delle imprese, rilasciano una

    attestazione dello svolgimento delle attività e dei servizi di supporto

    al sistema delle imprese tra cui l’asseverazione della adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione

    della sicurezza di cui all’articolo 30, della quale gli organi di

    vigilanza possono tener conto ai fini della programmazione

    delle proprie attività “

    10

    LE OPPORTUNITA’ PER IL SISTEMA IMPRESE: LA RETE DELLA

    SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

     I FONDI REGIONALI INAIL PER LA PREVENZIONE

    Di norma si privilegiano i progetti che nascono dall’azione sinergica degli

    attori della prevenzione ( INAIL, AUSL, Organismi bilaterali, etc. )

    Vale il principio:

    “chi meglio fa, di più prende “

    In Toscana, per il 2014, i fondi

    destinabili alla prevenzione ammontano a circa € 700.000,00

  • 21/01/2014

    6

    11

    UN EFFICIENTE MODELLO DI AZIONE TERRITORIALE: LA

    RETE DELLA SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

     Iniziative di sistema degli attori

    della prevenzione;

     Più consapevolezza di ruolo;

     Organismi Bilaterali/Paritetici

    appropriazione del ruolo;

     Continuità di azioni specifiche

    diversificate per settori produttivi

    I punti di

    attenzione

    12

    UN EFFICIENTE MODELLO DI AZIONE TERRITORIALE: LA

    RETE DELLA SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

    Come si deve operare

    per attuare un’azione efficiente, efficace ed economica

    LA RETE DELLA SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI: ALLEATI DALLA PROGETTAZIONE DELL’INTERVENTO ALLA SUA

    REALIZZAZIONE

    USP

    Provincia

    Comune

    ……..

    Organismi bilaterali

    Parti datoriali

    Parti sindacali

    ……………

    Organismo Provinciale

    della Sicurezza

    Sistema aziende

    Sistema scolastico

    ……………..

  • 21/01/2014

    7

    13

    UN EFFICIENTE MODELLO DI AZIONE TERRITORIALE: LA

    RETE DELLA SICUREZZA E GLI ORGANISMI BILATERALI

    Casi concreti

    Manuale per l’elaborazione del DVR/POS in edilizia

    Manuale per la corretta movimentazione dei materiali lapidei

    Guida «I Rischi del Proprietario»

    ………

    INAIL – Lucca/Massa Carrara

    NUOVI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE

    PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

    (art. 11 comma 5 dei decreti 81/2008 e 106/2009)

  • 21/01/2014

    8

    INAIL – Lucca/Massa Carrara

    OGGETTO

    L'INAIL finanzia attività promozionali della sicurezza sul lavoro consistenti in:

    1. Progetti di investimento ; 2. Progetti di responsabilità sociale e per l’adozione di modelli

    organizzativi; 3. Progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature

    di lavoro messe in servizio anteriormente al 21/9/1996 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo III del D.Lgs 81/2008 s.m.i. (le attrezzature sostituite devono essere obbligatoriamente rottamate. Le attrezzature sostitutive devono avere caratteristiche operative e funzionali analoghe)

    Le imprese possono presentare un solo progetto, per una sola

    unità produttiva su tutto il territorio nazionale, riguardante una sola tipologia tra quelle indicate sopra

    INAIL – Lucca/Massa Carrara

    RISORSE

    L'entità delle risorse destinate al finanziamento per l'anno 2013 é di complessivi 307.359.613 euro.

    L’importo è ripartito in budget regionali. La ripartizione regionale è effettuata in funzione del

    numero di addetti e del rapporto di gravità degli infortuni.

    Per la Toscana 25.102.604 euro di cui:  24.202.751 per i progetti di investimento ed i progetti

    per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;

     899.853 per i progetti per la sostituzione o adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996

  • 21/01/2014

    9

    Destinatarie del finanziamento sono le imprese, anche individuali, ubicate in ciascun territorio regionale e iscritte al Registro delle imprese con i requisiti di cui all’art.4* dell’avviso

    Sono escluse le imprese ammesse al contributo relativamente ai precedenti Avvisi Inail 2010/2011/2012

    Secondo le norme comunitarie, i f