Il sistema Rh - ?· determinano 8 possibili aplotipi CDE CdE cDE cdE CDe Cde cde cDe. 8 aplotipi CDE…

  • View
    215

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

Il sistema Rh

Il sistema Rh

Il sistema Rh

Il sistema Rh

1939

Levine & Stetson descrivono il caso di una donna che, dopo aver

partorito un bambino affetto da eritroblastosi, ha una reazione

emolitica con una trasfusione di sangue del marito.

Il suo siero agglutina i globuli rossi del marito e quelli dell80%

dei donatori ABO-compatibili.

Il sistema Rh

1940

Landsteiner & Wiener iniettano eritrociti di Rhesus-monkey in conigli.

Il siero dei conigli agglutina gli eritrociti del Rhesus-monkey e dell 85% di

eritrociti umani.

Chiamano questo anticorpo anti-Rh.

1941

Lanticorpo umano di Levine & Stetson mostra lo stesso pattern di reattivit

dellanticorpo anti-Rh del coniglio.

Il sistema Rh

1942

Levine conferma che lincompatibilit Rh tra madre e feto era la causa della

malattia emolitica del neonato (MEN).

Diversi studi dimostrano che, in base al tipo di popolazione, il 325% degli

individui mancano dell antigene D del sistema Rh, e che gli individui RhD-

negativi possono rapidamente produrre anti-D.

Il sistema Rh

1963

Levine et al. dimostrano che lanti-Rh umano e del coniglio

non reagiscono con lo stesso antigene.

Ciononostante, nelluso corrente, il termine Rhviene

conservato per indicare lanticorpo umano.

L anti-Rh del coniglio viene chiamato anti-LW in onore di Landsteiner & Wiener.

Il sistema Rh

Anche oggi si commette lerrore di riferirsi al sistema gruppo-ematico

Rhesus.

Questo non corretto poich lantigene non ha niente a che fare con il

Rhesus-monkey.

Ci si dovrebbe riferire piuttosto al sistema gruppo-ematico Rh.

Il sistema Rh

Dalla met degli anni 40, quattro ulteriori antigeni - C, E, c ed e -

vennero riconosciuti come facenti parte di quello che viene

attualmente definito come il sistema Rh.

Successive scoperte hanno portato il numero degli antigeni correlati

col sistema Rh a 49 (?).

Il sistema Rh

Fisher & Race

Propongono un sistema basato su un modello di tre loci strettamente associati:

C, D, E.

I loci C and E producono due antigeni antitetici: C, c,

E, e,

Il locus D produce un solo antigene: D

Poich lallele D non produce alcun antigene, il simbolo d indica lassenza di D.

Aplotipo Geni presenti Antigeni presenti Fenotipo

R1 RHD, RHCe D, C, e R1

R2 RHD, RHcE D, c, E R2

Ro RHD, RHce D, c, e Ro

Rz RHD, RHCE D, C, E Rz

r RHCe C, e r

r RHcE c, E r

r RHce c, e r

ry RHCE C, E ry

Wiener

Propone un sistema alternativo, basato sulla sua teoria di pi alleli su un

singolo locus, con ogni agglutinogeno composto da diversi determinanti

sierologici.

Per esempio lagglutinogeno prodotto da R esprime almeno tre differenti

fattori: Rh0, rhand h (D, C, E nella terminologia FisherRace).

Il sistema Rh

Il sistema Rh

Patricia Tippet (1986)

Propone una modifica alla teoria di FisherRace, con solo due locistrutturali Rh:

D che codifica per lantigene D

CE che codifica per gli antigeni C, c, E, e.

Il sistema Rh

Rosenfield

Introduce una terminologia numerica.

In base a questa terminologia gli antigeni D, C, E, c, e sono indicati

rispettivamente con i numeri 1, 2, 3, 4 and 5.

Questa notazione numerica ora la base della terminologia utilizzata dalla

International Society for Blood Transfusion (ISBT).

Il comune fenotipo Rh D+ C+ c+ E- e+ viene pertanto indicato come RH:1,2,-3,4,5

Il sistema Rh

1990

I geni RHD and RHCE vengono clonati.

Il fenotipo Rh controllato da due geni localizzati sul braccio corto

del cromosoma 1

Un gene, designato RHD, determina la presenza della proteina che

conferisce la specificit antigenica D

Un gene, designato RHCE, determina gli antigeni C, c, E ed e; i suoi

alleli sono RHCe, RHCE, RHcE ed RHce

Alinterno della membrana eritrocitaria, il polipeptide Rh forma un complesso con la

glicoproteina Rh-associata (RhAG), codificata dal gene RHAG che posizionato sul

cromosoma 6

I due geni sono altamente omologhi (93.8%), entrambi consistono di 10 esoni

Il sistema Rh

Il sistema Rh

J. Daniels Essential Guide to Blood Groups

Il sistema Rh

I prodotti di entrambi i geni RHD ed RHCE sono proteine di 417 amminoacidi che

attraversano per 12 volte la membrana eritrocitaria, formando solo brevi anse esterne

di amminoacidi.

Gli antigeni C e c si differenziano uno dallaltro solamente per quattro amminoacidi,

nelle posizioni 16, 60, 68 e 103;

Di queste differenze, solo quella tra la serina e la prolina nella posizione 103 sembra

essere lelemento critico.

La presenza della prolina o dellalanina nella posizione 226 differenzia E da e.

Le proteine RhD e RhCcEe differiscono allincirca per 31-35 aminoacidi.

Il sistema Rh

Il sistema Rh

1991

Viene dimostrato che nella popolazione bianca la maggior parte degli

individui RhD-negativi mancano completamente del gene RHD.

Il sistema Rh

La maggior parte delle persone D negative sono omozigoti per lallele RHce,

il gene che codifica per gli antigeni c ed e;

meno frequentemente possono presentare gli alleli RHCe o RHcE che

codificano rispettivamente per C ed e oppure per c ed E.

Il sistema Rh

Il gene RHCE, che produce gli antigeni C ed E,

veramente raro negli individui D negativi e D positivi

Il sistema Rh

Il sistema Rh

Il sistema Rh

Mentre nei soggetti caucasici D negativi il gene RHD deleto,

in altre popolazioni (soggetti di origine africana, giapponesi e

cinesi) il fenotipo D negativo associato ad un gene RHD

inattivo, mutato o parziale.

Circa il 67% dei neri africani presentano un gene

RHD inattivo o pseudogene (RHD) responsabile

del fenotipo D negativo.

RHD presenta uno stop codon nellesone 6.

Il sistema Rh

Il sistema Rh

La teoria di Fisher-Race dei tre loci (D/d C/c E/e) ancora utilizzata

nellinterpretazione dei dati sierologici

3 paia di alleli Cc Dd Ee

determinano 8 possibili aplotipi CDE CdE cDE cdE CDe Cde cde cDe

8 aplotipi CDE CdE cDE cdE CDe Cde cde cDe

formano 36 differenti genotipi

CDE/CDE CdE/CdE cDE/ cDE cdE/ cdE CDe/ CDe

CDE/CdE CdE/cDE cDE/cdE cdE/CDe CDe/Cde

CDE/cDE CdE/cdE cDE/CDe cdE/Cde CDe/cde

CDE/cdE CdE/CDe cDE/Cde cdE/cde CDe/cDe

CDE/CDe CdE/Cde cDE/cde cdE/cDe

CDE/Cde CdE/cde cDE/cDe

CDE/cde CdE/cDe

CDE/cDe

Cde/Cde cde/cde cDe/cDe

Cde/cde cde/cDe

Cde/cDe

Il sistema Rh

In realt solo 18 differenti fenotipi possono essere riconosciuti sierologicamente

poich lomozigosi D/D non pu essere distinta sierologicamente dalleterozigosi D/d

Genotipo Fenotipo

CDE/CDE CCDEE

CDE/CdE

CDE/cDE CcDEE

CDE/cdE

CDE/CDe CCdEe

CDE/Cde

Il sistema Rh

CDE/CDE CdE/CdE cDE/ cDE cdE/ cdE CDe/ CDe

CDE/CdE CdE/cDE cDE/cdE cdE/CDe CDe/Cde

CDE/cDE CdE/cdE cDE/CDe cdE/Cde CDe/cde

CDE/cdE CdE/CDe cDE/Cde cdE/cde CDe/cDe

CDE/CDe CdE/Cde cDE/cde cdE/cDe

CDE/Cde CdE/cde cDE/cDe

CDE/cde CdE/cDe

CDE/cDe

Cde/Cde cde/cde cDe/cDe

Cde/cde cde/cDe

Cde/cDe

Il sistema Rh

In realt solo 18 differenti fenotipi possono essere riconosciuti sierologicamente

poich lomozigosi D/D non pu essere distinta sierologicamente dalleterozigosi D/d

Lorigine etnica influenza le deduzioni relative al genotipo, perch la

frequenza dei geni Rh si diversifica da un gruppo geografico allaltro.

In un bianco con fenotipo Dce, il genotipo sar probabilmente Dce/ce

In una persona di origine africana esso pu essere, con la stessa

probabilit, sia Dce/Dce che Dce/ce.

Il sistema Rh

Linterazione tra i geni esita nel cosiddetto effetto posizione.

Se linterazione avviene tra geni o fra il prodotto di geni posti

sullo stesso cromosoma viene indicata come effetto cis.

Se un gene, o il suo prodotto, interagisce con quello di un altro

gene posizionato sul cromosoma omologo linterazione

viene indicata come effetto trans.

Il sistema Rh

Effetto cis: lantigene E prodotto da DcE quantitativamente meno

espresso dellE prodotto da cE.

Effetto trans: sia il C che E sono meno espressi quando sono

codificati dal genotipo DCe/DcE rispetto agli antigeni

codificati, rispettivamente, da DCe/ce o DcE/ce.

Il sistema Rh

L82% - 88% degli Europei e dei caucasici nord Americani sono D-positivi.

Circa il 95% dei neri Africani sono D-positivi.

Il D un antigene ad alta frequenza nellest asiatico, raggiunge il 100% in alcune

popolazioni.

Il sistema Rh

Nei donatori Inglesi C e c hanno una frequenza rispettivamente del 68% e 81%.

Nei negri Africani la frequenza di c molto superiore e quella di C molto inferiore.

Al contrario nellEst Asiatico C molto pi frequente di c.

In tutte le popolazioni e significativamente pi comune di E.

Il sistema Rh

J. Daniels Essential Guide to Blood Groups