Il Ritratto di Dorian Gray

  • View
    221

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Ci troviamo nella Londra del XIX secolo. La storia parla di Dorian Gray, un giovane dalla straordinaria bellezza. Tutto ha inizio nello studio del pittore Basil Hallward, uomo dotato di particolare sensibilità , che sta eseguendo il ritratto di Dorian. Il giovane comincia a guardare alla bellezza come ad un qualcosa di veramente raro ed importante, tanto da esprimere un forte desiderio, quello di rimanere eternamente giovane. Così il quadro inizia a invecchiare al suo posto. Da qui si snodano una serie di vicende che porteranno Dorian Gray a non riconoscere più se stesso. Egli è ormai un eterno giovane dall’anima intorpidita. Si sente senza via di scampo e tuto ciò lo porterà alla disperazione.

Text of Il Ritratto di Dorian Gray

  • RITRATTO DI DORIAN GRAY

    PREFAZIONE

    L'artista il creatore di cose belle.Rivelare l'arte e nascondere l'artista il fine dell'arte.Il critico colui che pu tradurre in diversa forma o in nuova sostanza la sua impressione delle cose belle.Tanto le pi elevate quanto le pi infime forme di critica sono una sorta di autobiografia.Coloro che scorgono brutti significati nelle cose belle sono corrotti senza essere affascinanti. Questo un

    errore.Coloro che scorgono bei significati nelle cose belle sono le persone colte. Per loro c' speranza.Essi sono gli eletti: per loro le cose belle significano solo bellezza.Non esistono libri morali o immorali. I libri sono scritti bene o scritti male. Questo tutto.L'avversione del diciannovesimo secolo per il realismo la rabbia di Calibano che vede il proprio volto riflesso

    nello specchio.L'avversione del diciannovesimo secolo per il romanticismo la rabbia di Calibano che non vede il proprio

    volto riflesso nello specchio.La vita morale dell'uomo parte della materia dell'artista, ma la moralit dell'arte consiste nell'uso perfetto di

    un mezzo imperfetto. L'artista non desidera dimostrare nulla. Persino le cose vere possono essere dimostrate.Nessun artista ha intenti morali. In un artista un intento morale un imperdonabile manierismo stilistico.Nessun artista mai morboso. L'artista pu esprimere qualsiasi cosa.Il pensiero e il linguaggio sono per un artista strumenti di un'arte.Il vizio e la virt sono per un artista materiali di un'arte.Dal punto di vista formale il modello di tutte le arti l'arte del musicista. Dal punto di vista del sentimento il

    modello l'arte dell'attore.Ogni arte insieme superficie e simbolo.Coloro che scendono sotto la superficie lo fanno a loro rischio.L'arte rispecchia lo spettatore, non la vita.La diversit di opinioni intorno a un'opera d'arte dimostra che l'opera nuova, complessa e vitale.Possiamo perdonare a un uomo l'aver fatto una cosa utile se non l'ammira. L'unica scusa per aver fatto una cosa

    inutile di ammirarla intensamente.Tutta l'arte completamente inutile.OSCAR WILDE

    I

    Lo studio era pervaso dall'odore intenso delle rose e, quando tra gli alberi del giardino spirava la leggera brezzaestiva, dalla porta spalancata entrava l'intenso odore dei lill, o il pi delicato profumo dei fiori rosa dell'eglantina.

    Dall'angolo del divano di coperte da sella persiane, sul quale era sdraiato, fumando com'era sua abitudineinnumerevoli sigarette, Lord Henry Wotton coglieva lo splendore dei fiori di liburno del colore e della dolcezza delmiele, i cui tremuli rami parevano appena sopportare il peso della loro fiammeggiante bellezza. Ogni tanto, l'ombrafantastica di un uccello in volo saettava, con un fuggevole effetto giapponese, sulle lunghe tende di seta grezza tesedinanzi all'enorme finestra ricordandogli quei pittori di Tokio dal viso di pallida giada che, con i mezzi di un'artenecessariamente immobile, cercano di rendere il senso della velocit e del moto. Il cupo ronzio delle api che vagavanotra le alte erbe non falciate o roteavano con monotona insistenza intorno agli stami coperti di polvere dorata degli sparsicaprifogli sembrava rendere ancora pi opprimente la sensazione di immobilit. Il rombo sommesso della citt diLondra ricordava le note basse di un organo lontano.

    In mezzo alla stanza, fissato a un cavalletto, stava il ritratto a figura intera di un giovane di straordinariabellezza e di fronte, poco lontano, sedeva l'autore, Basil Hallward, la cui improvvisa scomparsa alcuni anni prima avevasuscitato tanto scalpore e fatto sorgere tante strane congetture.

    Mentre il pittore guardava la forma bella e piena di grazia che con tanta abilit artistica aveva raffigurato, unsorriso di compiacimento gli attravers il volto e parve volervisi fermare. Ma, improvvisamente, si alz e chiudendo gli

  • occhi pos le dita sulle palpebre, come se volesse tener prigioniero nella mente uno strano sogno da cui temevaridestarsi.

    la tua opera migliore, Basil, la pi bella cosa che hai mai fatto, disse languido Lord Henry. Deviassolutamente esporla al Grosvenor. L'Accademia troppo grande e troppo volgare. Ogni volta che ci sono andato c'eratanta di quella gente che non sono riuscito a vedere i quadri, il che tremendo, oppure tanti di quei quadri che non sonoriuscito a vedere la gente, il che anche peggio. Davvero, il Grosvenor l'unico posto possibile.

    Penso che non lo esporr in nessun posto, rispose il pittore gettando all'indietro il capo in quello strano modoche provocava le risate dei suoi compagni di Oxford. No, non lo esporr in nessun posto.

    Lord Henry inarc le sopracciglia e lo guard stupito attraverso le sottili spire di fumo che salivano infantastici arabeschi dalla sigaretta grevemente oppiata. Non vuoi esporlo? Perch, mio caro amico? C' qualchemotivo? Che strani tipi siete, voi pittori! Fate qualunque cosa per ottenere una reputazione, poi non appena l'aveteraggiunta pare che la vogliate gettare via. una sciocchezza, perch al mondo c' una sola cosa peggiore del far parlaredi s ed il non far parlare di s. Un ritratto come questo ti porrebbe pi in alto di tutti i giovani inglesi e ti farebbeinvidiare dai vecchi, posto che i vecchi siano in grado di provare emozioni.

    So che riderai di me, rispose il pittore, ma non posso davvero esporlo. Vi ho messo dentro troppo di me.Lord Henry si allung sul divano ridendo.S, sapevo che avresti riso; comunque proprio vero.Troppo di te! Parola mia, Basil, non ti credevo cos vanitoso; e non riesco proprio a trovare nessuna

    rassomiglianza tra te, con quel tuo viso forte e marcato e i capelli neri come il carbone, e questo giovane Adone chepare fatto di avorio e petali di rosa. Infatti, mio caro Basil, lui un Narciso e tu... ecco, naturalmente hai un'espressioneintelligente e tutto il resto, ma la bellezza, la vera bellezza, finisce dove inizia l'espressione intelligente. L'intelletto diper se stesso una sorta di eccesso e in qualunque volto distrugge l'armonia. Non appena uno comincia a pensare, diventatutto naso o tutta fronte, oppure qualcosa di orrendo. Guarda quelli che hanno avuto successo nelle professioniintellettuali. Sono assolutamente disgustosi. Eccetto, naturalmente, gli uomini di chiesa. Ma, del resto, gli uomini dichiesa non pensano. A ottant'anni un vescovo continua a ripetere quello che gli stato insegnato a diciotto e, comenaturale conseguenza, ha sempre un aspetto delizioso. Questo tuo misterioso amico di cui non mi hai mai detto il nome,ma il cui ritratto trovo davvero affascinante, non pensa mai. Ne sono assolutamente sicuro. una creatura bella e privadi cervello, una creatura che si dovrebbe avere sempre vicina d'inverno, quando non ci sono fiori da ammirare e d'estate,quando si sente il bisogno di qualcosa che rinfreschi l'intelligenza. Non illuderti, Basil, non gli assomigliminimamente.

    Non mi hai capito, Harry, replic l'artista. Naturalmente non gli assomiglio. Lo so perfettamente. In realtmi dispiacerebbe assomigliargli. Scuoti le spalle? No, dico la verit. In ogni genere di distinzione, sia intellettuale chefisica, c' una fatalit, quel genere di fatalit che, nella storia, pare in agguato sui passi incerti dei re. meglio nonessere diversi dal nostro prossimo. I brutti e gli stupidi hanno la parte migliore del mondo. Possono mettersi seduti aloro agio e godersi lo spettacolo. Se della vittoria non sanno nulla, gli viene perlomeno risparmiata la consapevolezzadella sconfitta. Vivono come tutti dovremmo vivere: senza turbamenti, indifferenti e senza preoccupazioni. Non fannomale agli altri e non ricevono male da mani altrui. La tua nobilt e la tua ricchezza, Harry, la mia intelligenza, per quelche pu essere, la mia arte per quel che pu valere, la bellezza di Dorian Gray: tutti soffriremo di ci che gli dei cihanno donato, ne soffriremo terribilmente tutti.

    Dorian Gray? Si chiama cos? domand Lord Henry, muovendosi verso Basil Hallward.S, si chiama cos. Non volevo dirtelo.Perch no?Oh, non saprei spiegartelo. Quando una persona mi piace moltissimo, non dico mai a nessuno il suo nome.

    come cederne una parte. Sono giunto ad amare la segretezza. Pare essere l'unica cosa che pu renderci piena dimeraviglia e di mistero la vita moderna. Basta nasconderla, e la pi banale delle cose diventa deliziosa. Quando parto daLondra, non dico mai ai miei dove vado. Se lo dicessi, perderei ogni piacere. una stupida abitudine, certo, ma in uncerto qual modo pare che porti una grossa dose di romanticismo nella nostra vita. Immagino che mi riterraitremendamente stupido.

    Niente affatto, rispose Lord Henry, niente affatto. Forse dimentichi che sono sposato e l'unico elemento difascino del matrimonio sta nella necessit di una vita di inganni tra i coniugi. Io non so mai dov' mia moglie e lei nonsa mai che cosa sto facendo. Quando ci incontriamo, succede qualche volta, se usciamo insieme a cena o andiamo dalduca, ci raccontiamo con l'espressione pi seria le cose pi assurde. In questo mia moglie molto brava, molto pibrava di me. Non confonde mai i suoi appuntamenti, mentre a me capita regolarmente. Ma quando mi coglie in fallo,non mi fa scenate. A volte vorrei che me le facesse, ma lei si limita a prendermi in giro.

    Non sopporto il modo che hai di parlare della tua vita matrimoniale, Harry, disse Basil Hallward, dirigendosiverso la porta che dava sul giardino. Ritengo che tu sia un ottimo marito, ma che ti vergogni moltissimo delle tue virt.Sei un tipo straordinario. Non dici mai una sola parola morale e non fai mai una cosa sbagliata. Il tuo cinismo semplicemente una posa.

    La naturalezza semplicemente una posa, e la pi irritante che conosca, esclam Lord Henry ridendo. I dueuomini uscirono insieme nel giardino e si accomodarono su un lungo sedile di bamb all'ombra di un alto cespuglio dialloro. Il sole scivolava sulle foglie lucide, bianche margherite fremevano