Click here to load reader

I passaggi dell'amore - Noemi MONGELLI

  • View
    216

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Tesi F.A.I.P. di Noemi MONGELLI.

Text of I passaggi dell'amore - Noemi MONGELLI

  • Libera Universit di Studi Psicologici Empirici Michel Hardy

    Tesi di Laurea

    I PASSAGGI DELLAMORE

    di Maria Noemi Mongelli

    Anno Accademico 2008-2009

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    2

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    3

    A Lucio, Marta e Filippo

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    4

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    5

    RINGRAZIAMENTI

    Ringrazio Michel, portatore di Luce per me e per la Terra. Giuseppe che, nonostante stia attraversando un momento difficile, mi ha sostenuto a distanza, in questo mese di intenso lavoro. Mia figlia Marta per aver dato forma ai miei pensieri Suo marito Andrea che, oltre a tollerare la suocera in casa, riuscito ad occuparsi dei bambini per farci lavorare serenamente, nonostante avesse contratto una brutta malaria. Mio figlio Filippo e sua moglie Martina per essere venuti a trovarmi durante il lavoro portandomi i loro doni. Mia nipote Teresa che con il suo gioco di scoprire la pancia, mi invita ad acchiappare le mie sfuggenti emozioni.

    I miei nipoti Eva e Guglielmo che, dallalto del loro essere bambini, mi suggeriscono importanti verit.

    E tutti e tre i nipoti insieme per essere termometro dellevoluzione generazionale. Ringrazio ancora Carlo, Sandra, Marianna, Dolores, Monica, Teddy, Karam, Sudiro, Zaira, e tutte quelle meravigliose persone che fanno parte di quella serie di incontri a catena che ha cambiato la mia vita. In particolare Mina che, avendo permesso che morissi di fame in una vita precedente, ha evaso parte del suo debito empirico, nutrendomi energeticamente durante questo lavoro.

    E per concludere, ringrazio le mie resistenze che, ogni volta che si manifestano particolarmente forti, si rivelano poi, portatrici di doni preziosi.

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    6

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    7

    Sommario

    1. INTRODUZIONE.................................................................................................. 9 2. LA GRAMMATICA DELLESSERE DI MICHEL HARDY ........................ 13

    2.1. YIN E YANG................................................................................................. 15 2.2. MATRICE DECCELLENZA....................................................................... 17 2.3. STATI ALTERATI........................................................................................ 19

    2.3.1 LUOMO YIN................................................................................................ 20 2.3.2 LUOMO FINTO YIN .......................................................................................... 21 2.3.3. FINTO YANG................................................................................................... 23 2.3.4. YANG ALTERATO............................................................................................. 25 2.3.5. DONNA YIN ALTERATA .................................................................................... 26 2.3.6. DONNA FINTA YIN .......................................................................................... 27 2.3.7. DONNA FINTA YANG ....................................................................................... 29 2.3.8. DONNA YANG ................................................................................................. 30 2.3.9. LA VITTIMA RABBIOSA .................................................................................... 31

    3. RELAZIONI ALTERATE.................................................................................. 35 3.1. COPPIA INTEGRATA.................................................................................. 37

    4. REALT ILLUSORIA ....................................................................................... 39 4.1. IL BLOCCO DELLE EMOZIONI ........................................................................... 39 4.2. LA MASCHERA O IMMAGINE IDEALE................................................................ 41

    5. IL LAVORO CON MICHEL ............................................................................. 45 6. IO ORA................................................................................................................. 49

    6.1. IO PRIMA...................................................................................................... 50 7. LA MIA IDEA DELLA VITA............................................................................ 53 BIBLIOGRAFIA.......................................................................................................... 57

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    8

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    9

    1. INTRODUZIONE

    Ogni essere umano sente forte dentro di s una profonda aspirazione interiore, che va oltre il semplice desiderio di soddisfare i suoi bisogni fisici ed emotivi. La ricerca interiore ha lo scopo di sviluppare ed attuare le proprie potenzialit umane, di diventare individui completi, in grado di stabilire con gli altri delle relazioni basate sullamore. Ma, se non inganniamo noi stessi, sappiamo bene che siamo ben lontani da tali obiettivi e, soprattutto, sappiamo bene che fondamentale, almeno nella maggior parte dei casi, avere un aiuto esterno, una guida che ci insegni ad affrontare e a risolvere i blocchi che ostacolano la nostra crescita personale e spirituale. Una guida che ci aiuti e ci dia appoggio, mentre percorriamo la strada che ci porta da ci che adesso siamo, alla pi vasta, soddisfatta e consapevole persona che potremmo essere. Pur non pensando di essere cattivi, non possiamo non riconoscere di provare sentimenti ostili o di avere attitudini egoistiche, non possiamo non riconoscere la tendenza a scaricare la nostra ostilit contro chi, a nostro parere, ci ha ferito. Riguardo ci, la religione ci ha proposto, come unico metodo per impedire di agire i nostri impulsi distruttivi, dei precetti morali fondati sulla paura e sui sensi di colpa, e sullammonizione ad impegnarci di pi. La psicologia, da parte sua, in maniera sottile, ci incoraggia a non assumerci la responsabilit della nostra negativit, ma piuttosto a biasimare qualcuno per i nostri difetti: i nostri genitori, le nostre vite passate, finendo col farci sentire delle vittime. Tali atteggiamenti, sono allorigine del nostro scoraggiamento e della nostra disperazione perch, in verit, non forniscono gli strumenti per modificare davvero la nostra realt.

    Certamente, molto difficile decidere di affrontare faccia a faccia i nostri disagi interiori.

    Non solo perch ci spaventa lidea di vedere i propri mostri, ma anche perch l essere rinuncia in partenza allo stato di gioia e felicit, ritenendolo troppo lontano ed

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    10

    irraggiungibile. Tale convinzione gli deriva dallinconsapevolezza che questo stato esiste gi in ognuno, sotto forma di potenzialit ancora dormiente che, semplicemente, ha bisogno di essere risvegliata. Ma, per sostenere lo stato di piacere assolutamente indispensabile che lessere impari ad accettare qualunque cosa si celi nella psiche, seppur comunemente connotata di accezione negativa: dolore, cattiveria, malizia, odio, sensi di colpa, sofferenza, tutte emozioni che possono essere trascese, superando la convinzione che tutto ci che dentro di noi ci spaventa, debba essere temuto e quindi negato. Per quanto distruttivo possa essere, pu sempre essere trasformato. Solo quando viene evitato diventa davvero dannoso per se stessi e per gli altri. Se non abbiamo il coraggio di guardare le nostre paure, il quotidiano anzich essere azione diretta, creazione, diventa re-azione, risposta, riflesso ad uno stimolo dietro al quale vi sempre un dolore inconscio, unangoscia non percepita di cui si perso il ricordo. Ogni volta che reagiamo invece di agire mettiamo in atto un automatismo, siamo come robot animati da uno schema mentale messo a punto lentamente durante linfanzia che scatta in modo inconsapevole. Se tutta la vita un reagire, vuol dire che viviamo unillusione, una realt virtuale, in altre parole la re- azione la manifestazione

    di una falsa verit che ha creato lo schema mentale. Gli uomini di tutte le epoche si sono sempre interrogati sulle questioni che riguardano la sfera del proprio essere. Le risposte a questi interrogativi, certo non le troviamo nelle scoperte scientifiche,

    bens nei miti, nelle epopee, nelle leggende dove leroe non fugge davanti al drago, ma lo affronta e lo combatte. Attraversa mille peripezie, sottoposto a prove mirabolanti, ma procede coraggiosamente, senza mai tirarsi indietro. La ricompensa che riceve grande: trova amore, felicit, ricchezza. Nellarchetipo della Madre Divorante, simbolo classico che attraversa le epoche storiche e mitologiche di ogni civilt, la lotta delleroe contro i mostri lallegoria delle battaglie umane necessarie per il passaggio dalla sopravvivenza allesistenza.

  • __________________________________________________________________________ Noemi Mongelli Tesi LUMH, Giugno 2009

    11

Search related