Giornalino Scuola dell'Infanzia

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Educational K-6

Text of Giornalino Scuola dell'Infanzia

  • Noi che cresciamo ... Quello che facciamo, , che vorremmo fare, , che speriamo , che sogniamo

    Giornalino per immagini e poche parole della scuola dellInfanzia dellIstituto Comprensivo Via G. Messina, 51

    anno scolastico 2009-2010

    Unattivit che ha impegnato i bambini in un lavoro comune, che ha cercato di edu-carli alla condivisione di intenti, che li ha fatti incontrare ampliando il numero delle

    relazioni interpersonali , esperienze e figure di riferimento, che ha cercato di offrire

    loro lopportunit di lavorare al meglio per un fine ultimo ben visibile, mettendo da parte , spesso faticosamente, egocentrismi e campanilismi (di sezione) dandogli la

    possibilit di esercitare il senso critico, di raccontare e raccontarsi con disegni e pa-

    role e di essere, in ultima analisi, bambini... in crescita.

    Redattori, inviati speciali, e

    ricercatori i bambini di 5

    anni delle sez A, C. D ed F

    La nostra scuo-

    la e il nostro

    giardino: tanto

    spazio per gio-

    care, conosce-

    re, interagire e

    lavorare.

    Sommario

    Pag .2 Questi siamo noi Pag.11 Neve !!!!

    Pag. 3 I nostri maestri Pag.12 Parliamo di sport

    Pag. 4 La pappa cotta Pag 13 Do you speak English ?

    Pag. 5 Inchiesta sul cibo Pag.14 A teatro!!!

    Pag. 6 Maria, Isabella & Massimo Pag.15 Storia della tigra scomparsa

    Pag. 7 Il terremoto ad Haiti Pag.16 Tutti al mare

    Pag. 8 Arte che passione Pag.17 Passeggiata nel parco

    Pag . 9 Carnevale Pag 18 Dai nostri inviati

    Pag. 10 Il mio amico Pag.19 Io ascolto, tu leggi ...

    Pag. 20 Ciao scuola , ... vado alle elementari e mi porto nel cuore

  • Noi... che cresciamo pag.2

    Questi siamo noi !!! I bambini e i compagni di scuola: viaggio attraverso le sezioni .

    I nostri compagni di scuola; ...sorridenti, belli e felici

    proprio come tutti noi! Mano nella mano per affrontare insieme

    la fatica di crescere ...

    e se ci fosse qualcuno che il re dei compagni o delle compagne? il pi cercato?.... Mah succede a volte ...

    E se due o pi bimbi sono pi amici-amici di altri? Niente paura siamo tanti e tutti hanno i loro amici

    A scuola, si sa, i bambini sono tanti e

    le dinamiche che regolano il gruppo

    sono ancora di pi.

    Compito primo di questa agenzia edu-

    cativa vista nellinsieme delle figure professionali che in essa operano,

    quello di agevolare la socializzazione

    di tutti perch ognuno trovi il suo spa-

    zio, le sue amicizie e i suoi affetti e-

    xtrafamiliari, fermo restando che le

    parole dordine che ispirano il nostro agire sono non ci sono distinzioni, siamo tutti amici, tutti uguali e dob-

    biamo volerci bene. Poi ,dopo la soc ia l i zzaz ione ,

    laccettazione e la comprensione reci-proca potremo davvero, finalmente,

    cominciare a diventare grandi e ad imparare.

  • Noi... che cresciamo pag.3

    I nostri maestri I capi ciurma dicono: ... sulla stessa barca per traghettare voi piccoli

    allapprodo del diventare grandi!

    Ma quanti sono? uninvasione !!!

    giovani, meno giovani, biondi e bruni, alti e bassi, ...

    qualcuno anche titolato .

    ma tutti ci accolgono a braccia aperte e con un sorriso!!!

    Abbiamo chiesto ai bambini di dirci le loro im-

    pressioni sugli insegnanti: ne riportiamo qui di

    seguito alcune assicurandovi che esse sono sta-

    te per noi motivo di riflessione.

    I maestri sono tutti bravi e buoni ma mi piacciono di pi quando:

    Ci fanno fare dei lavori interessanti

    Ci fanno dipingere

    Quando ci dicono che siamo stati bravi

    Ci fanno giocare tanto

    Ridono con noi

    Quando spiegano cose belle

    Quando ci spiegano i pericoli

    Ci insegnano cose belle

    Quando facciamo esperimenti

    Non mi piacciono quando:

    Alzano la voce

    Ci sgridano

    C i puniscono

    Spiegano per troppo tempo

    Due bimbi litigano e loro non capiscono chi il colpevole e danno la colpa a chi

    non ne ha Ci fanno fare lavori noiosi

    Ci mandano in un angolo a riflettere su come ci siamo comportati male

    Quando ci fanno rifare un lavoro che a lorosembra non sia fatto bene

    Quando a noi va di giocare e loro non lo

    permettono

    Cosa vorresti dire ai maestri che non hai mai

    detto o che non hai il coraggio di dire?

    Che mi dispiace che questo sar lultimo an-no con loro e che

    ...gli voglio tanto bene!!!

    Attenzio-

    ne mae-

    stri: i

    bambini

    ci guar-

    dano e

    giudica-

    no!

  • Noi... che cresciamo pag.4

    Peperep, peperep:

    La pappa l cotta, la pappa l cotta!! Andiamo a mangiar ...

    Ora di refezione per alcuni delizia, per altri croce: fra il finire e mettere a posto i lavori che si stanno facendo, lavarsi le mani, dirimere

    piccole dispute dellultimo momento , bisogna dirlo, un mezzogiorno di fuoco. Intanto, in cucina, fra pentole e fornelli ,Tiziana, Alessandra e Clara hanno lavorato, tutta la mattina, per prepararci bei pranzetti. Ve le

    presentiamo a modo nostro e peccato che non possiate sentire gli odo-rini che a volte riempiono la scuola e ci fanno venire lacquolina in bocca anzitempo!

    Prendiamo posto e, forchette alla mano, cominciamo: che

    bello mangiare in compagnia dei nostri amici!!!

    I tavoli sono apparecchiati, stiamo arrivando: siamo affamati!!!

    Clara ed Alessandra sono pronte ai carrelli ...

    Poi... in attesa di essere serviti, una chiacchiera e

    un sorriso con il nostro amico vicino. Ed ecco le fantastiche tre Tiziana, Alessandra e Clara sempre sorridenti e pazienti!!!

  • Noi... che cresciamo pag.5

    L inchiesta ( fra i tavoli del ristorante dei piccoli.)

    non mi piace,... non lo conosco, ...la mia mamma non me lo prepara mai,... quello della mia mamma pi buono, ... mi fa venire il mal di pancia, ... il dottore dice che

    non debbo mangiarlo, sono lergico ed altre mille cose ancora che depongono a favore della fantasia inesauribile e sconfinata dei bambini.

    Queste sono le scuse pi spesso addotte dai piccoli per non mangiare quello che la re-

    fezione offre e, allora, andiamo a scoprire quali sono gli alimenti pi graditi e quelli

    m e n o

    Frittata

    pasta in bianco

    Pasta al sugo

    Spinaci

    Patate

    Minestra di lenticchie

    Pollo arrosto

    Polenta

    Passato di verdure

    Insalata carote e pom.

    Fagiolini

    Piselli

    Pesce

    Carne

    Formaggio

    Medaglia doro: pasta in bianco . Bocciate: .. polenta e minestra di lenticchie

  • Noi... che cresciamo pag.6

    Maria, Isabella & Massimo ...

    Rimediano ai guai che combiniamo, ci aiutano se abbiamo biso-gno, ci fanno compagnia, ci tengono pulita la classe insom-ma sono insostituibili !!!

    Il nostro persona-

    le ausiliario

    molto presente

    con i bambini.

    Sono due figure

    molto importanti

    che essi ritrovano

    giorno dopo gior-

    no e su cui sanno

    di poter contare

    tranquillamente in

    ogni momento,

    anche in quelle

    situazioni vissu-te con un pochino

    di disagio.

    Sono le prime persone che incontriamo en-

    trando a scuola e ci accolgono sempre con un

    sorriso...

    Eccole, ..Maria la bruna e Isabella la

    bionda sempre eleganti , curate e tutte per

    noi...

    Suonano il campanello quando ora di andare a mangiare, cambiano i bimbi

    se per sbaglio si bagnano...

    ...Asciugano e spazzano se, per caso, abbia-mo bagnato per terra o lasciato cartacce e pu-

    liscono se,sempre per caso, abbiamo fatto un

    po di pasticci e, . tutto questo sempre con tanta pazienza

    E, poi, c Massimo che, al mattino, ci fa tro-vare pulita la scuola.

    Quando arriva nel pomeriggio, noi stiamo per uscire ma , prima ancora di tirare fuori

    dallo stanzino i suoi attrezzi da lavoro, si affac-

    cia sempre alla porta della classe e ci domanda

    come andata la nostra giornata, ... se siamo

    stati bravi con i maestri e con i compagni, ... se

    abbiamo imparato cose divertenti se siamo stati