Geografia economica corso avanzato - nbsp; economica e degli ambiti di studio affini ... â€Bignante E., Celata F., Vanolo A. (2014), Geografie dello sviluppo:

  • View
    218

  • Download
    2

Embed Size (px)

Text of Geografia economica corso avanzato - nbsp; economica e degli ambiti di studio affini ......

  • Geografiaeconomicacorsoavanzato

    http://www.memotef.uniroma1.it/node/6212

    FilippoCelata(filippo.celata@uniroma1.it)

    2Ottobre 20Dicembre2017Luned,Marted eMercoled 1113

    Obiettividelcorso

    Illustrareipi recentiavanzamentiteoricidellageografiaeconomicaedegliambitidistudioaffini

    Familiarizzareipartecipantiallutilizzodialcunideiprincipalistrumentiapplicativiperlaricercageografica,inclusiisistemiinformativigeograficielanalisispaziale

    Fornirestrumenti(teoricieapplicativi)utiliperavviarericerchegeograficoeconomichedirilevanzaattualeeinternazionale

    Favorireuninterpretazionecriticadelfunzionamentogeograficoespazialedelleconomia

    BignanteE.,CelataF.,VanoloA.(2014),Geografiedellosviluppo:unaprospettivacriticaeglobale,UTET:Cap.1;5;6;7(finoa p.276);8(finoap.306).

    Articoli(provvisorio)

    Geografia:

    rappresentazionecartograficadelmondo

    esplorazionigeografiche

    Lageografiaumana:studiareilrapportotraambienteantropicoeambientenaturaleperdescrivereecomprendereleformeegliesitidifferenziatichetalerapportohainciascunaregione.

    Lanuovageografia umana:spiegarelalocalizzazionedeglielementiantropicisullospaziogeograficosullabasedellelororelazioni,deiprincipiedeiprocessi(economiciesociali)che lhannodeterminata.

    Geografiaeconomica

    Lorganizzazionegeografica

    delleconomia

    Ladistribuzionegeograficadei

    fenomenieconomici

    Lalocalizzazionedelleattiviteconomiche

    Losviluppoeconomicoregionale

    eurbano

    Lepoliticheeconomicheterritoriali

  • Programma

    1.Modelliclassicidilocalizzazione

    Lagglomerazioneindustriale.Lediversetipologiedieconomieesterne.Distancedecay,gravitazioneeaccessibilit.Gliindicidiconcentrazioneedipolarizzazione.Localizzazionedeiservizialconsumatore,areedimercatoeteoriadellelocalit centrali.Renditaurbanaemodellidiusodelsuolo.

    Programma

    2.Modellidiagglomerazioneesvilupporegionale

    Teoriadelleinterdipendenzeesviluppopolarizzato.Causazionecircolarecumulativa.Convergenzaedivergenzadelledinamichedisvilupporegionale.Nuovageografiaeconomica.Politichediindustrializzazioneeriduzionedeglisquilibri.LapprocciospatiallyblinddellaBancaMondiale.

    Programma

    3.Isistemilocalidiproduzione

    Transizionepostfordistaespecializzazioneflessibile.Lateoriadeicostiditransazione.I"nuovispaziindustriali".DistrettiindustrialimarshallianieTerzaItalia.Lateoriadeicluster.Specializzazione,diversit esvilupporegionale.

    Programma

    4.Lebasinoneconomichedellosvilupporegionale

    Lanuovaeconomiaistituzionalista.Ilcapitalesociale.Nuovasociologiaeconomicaeradicamentodell'agireeconomico.Ilnuovoregionalismo.LepolitichedisviluppolocaleinItalia.L'approccioplacebasedelepoliticheeuropeedisvilupporegionale.

  • Programma

    5.Isistemiregionalidiinnovazione

    .Iclusterhightech.Interdipendenzenondimercatoelearningregion.Conoscenzetaciteerelazionifacetoface.Creativit esviluppourbano.L'analisideiknowledgespillover.Le"prossimit relazionali".Ilparadigmadellamobilit.Lageografiaeconomicaevolutiva.Politicheterritorialiperl'innovazione.

    Programma

    6.Lorganizzazioneglobaledelleretidiimpresa

    Impresetransnazionali:logicheorganizzativeeeffettiregionali.Leretitransnazionalidiproduzione:globalcommoditychain,globalvaluechaineindustrialupgrading,globalproductionnetwork.Isistemiproduttivitransfrontalieri.Globalizzazione,citt eterritorio.

    Programma

    7.Laboratoriodicartografiadigitaleeanalisispaziale

    IltrattamentodidatispazialiegeodaticonilsoftwareEsriArcGIS.Sistemidicoordinate.Tecnichedigeoriferimento,geocodificaegeoprocessing.Associazionieselezionitabellariespaziali.Mappedidensit.Indicidiautocorrelazioneediclustering.Realizzazioneestampadicartetematiche.

    Lalocalizzazionedelleattivit economiche

    LocalizzazioneSpecializzazione

    regionale

    Sviluppoeconomicoregionale

    Approccioidiografico /geografiaregionale >descrizionedelleformedidifferenziazioneregionale

    Approcciomicroeconomico>spiegazioninaturalistiche (deterministiche)

  • Lalocalizzazionedelleattivit economiche

    Approcciomicroeconomico>(linadeguatezza)dellespiegazioninaturalistiche (deterministiche)

    Sonodiverselemotivazionicheinfluisconosullalocalizzazionedelleimprese;maleprincipalisonorelativeallecondizionifisichedeiluoghi,comelanaturadelclimaedelsuolo,lavicinanzaaminiereecaveolalorofacileraggiungibilit perviediterraoperviedacqua.Peresempioleimpresedilavorazionedelmetallosorgonoingenerevicinoaminiereoinluoghineiqualiilcarburante economico (A.Marshall,1890).

  • Lalocalizzazioneinunospazioastratto/geometrico Localizzazioneeareedimercato

  • Prezzo x il cons. Y (P = C +

    Ct)

    D(A) Luogo di produzione

    Distribuzione della popolazione

    (C) Costo di produz. (= prezzo f.o.b.)

    Y

    Costo del trasporto* (Ct)

    * Costo diretto del viaggio + costo opportunit = costo funzionale di trasporto

    D(A)

    C (P) 1

    Pm2 Pm1 S1 S2

    Riduzione del costo di produzione

    C (P) 2

    D(A)

    C (P) 1

    Pr2 Pr1 S

    Riduzione del costo di trasporto

    C (P) 2

    D(A)

    C (P)

    Portata Soglia

    Soglia e portata dei servizi (Christaller)

    D min

    D max

  • SOGLIA=ampiezzaminimadellareadimercatoaldisottodelqualeladomandanonremuneraicostidiproduzione:f(costifissidiproduzione/economiediscala)

    PORTATA=distanzamassimacheilconsumatore dispostoapercorrereperacquistarelediversetipologiediservizio:f(frequenzaacquisto,elasticit domanda,valore dellacquisto)

    E

    D(B) (A) (C)

    P

    Y X

    Lequilibrio con piproduttori

    Lelasticit delladomandaaumentaallaumentaredelladistanzadalpuntovendita

    Inassenzadibarriereallentrataleareedimercatodiequilibrio =allasoglia

    P

    D(B) (A) (C)

    C

    Y X

    Rimozione delle ipotesi di base:- I prodotti sono diversificati

    Leimpresechediversificanotenderannoaconcentrarsinelleareecentrali/Loffertainareepi periferiche maggiormenteomogenea

    E

    D(B) (A) (C)

    P

    Rimozione delle ipotesi di base:- La distribuzione della popolazione non

    omogenea

    Distribuzione della popolazione

  • E

    D(B) (A) (C)

    P

    Rimozione delle ipotesi di base:- Il territorio non isotropo

    E

    D(B) (A) (C)

    P1P2

    Rimozione delle ipotesi di base:- I costi di produzione non sono ovunque

    identici

    Lospaziogeografico/urbanizzato scarso/nonespandibile(Bp)Consumatoriguidatinonsolodaprezzo,madafattoriesogeninondiprezzo(distanzaemodelliinsediativipreesistenti)Lattritoimpostodalladistanzalimitalaconcorrenza=Concorrenzamonopolistica: leimpresecompetonosoloconquellepi prossime.Esistonoeconomiediscalaediscopo:alcresceredelnum.diclienti,limpresaottienerisparmipi cheproporzionali,epupifacilmentediversificare.Miglioramentideitrasporti,pesocrescentedelleeconomiediscala(tecnologielaboursaving)eilvalorecrescentedelladiversit,favorisconolampliamentodelleareedimercato.elaconcentrazionespaziale(lagglomerazione diservizi(diversi) unimportanteeconomiaesternadiscala(dallatodelladomanda),perch riduceilcostodelmovimentodeiconsumatori. Leimpresecondomandainelasticaebenidiversificatitendonoaconcentrarsi(Hotelling,principleofminimumdifferentiation)

    I centri commerciali naturali

    O artificiali

  • Ipatternspazialiidealididistribuzionedelleimpresediservizialconsumatoredibeniomogenei (inibitorio,shoppingmodels)edegli

    altritipidiimprese.(clusterizzato,shippingmodels)

    Lelogicheallabasedelcomportamentospazialedeiservizi:

    ilprodotto immateriale(erogazionediunaprestazione)

    illuogodiproduzioneequellodiconsumocoincidono.

    limitateesigenzedispazioomaterieprime

    costiditrasportoacaricodelconsumatore

    necessarioilcontattodirettoconilcliente

    Patterndidistribuzioneinibitorio(prodottiedistrib.dellapopolazione

    omogenei)

    Organizzazionescalare dellimpresa(alteeconomiediscalainternexlimpresavs.

    bassexilsingolositoproduttivo)

    Lalogicadellarendita(differenziale)

    Unarenditasideterminaquandorisorsescarsenonespandibili(nelbreveperiodo)godonodivantaggidifferenziali(es.fertilit*,centralit,risorsenaturali)

    Micro:remunerazionedelfattore(spazio,abitazione)cheeccede ilsuocostodiproduzione(costodelsuolo,dellacostruzione).

    Macro:laquotadireddito(nazionaleourbano)chedifferiscesiadalprofittochedalsalarioecheremuneracolorocheposseggonolarisorsascarsa(lospazio),perilsolofattodipossederla.

    *Ricardo(1809):iprezzi(eisalari)sideterminanosuiterreniultramarginali(dovelarendita nulla):ilsurplusneiterreniviaviapifertili (=maggioreproduttivit dellavoro) catturata dalproprietario.

    Lalogicadellarendita(2)

    Pro

    funzionacomedispositivoautonomodiregolamentazionedellaccessoallarisorsascarsa es.lospazio eimpedisceuneccessivacongestionedeglispazicentrali(regolaiconflittidiusodellerisorse)aumentandoneilprezzoeriducendoneladomanda.

    =illiberomercatoproducedipers unadistribuzioneeconomicamenteefficientedellospazioeunasuapropriastruttura spaziale(vs.pianificazioneurbanisticavincolistica).Es.anchenelleeconomiepianificateloStatodeveutilizzareunmeccanismodirendita.

  • Lalogicadellarendita(3)

    Contro

    Ilprezzodelbene(spazio) superioreaicosti,ancheincondizionidiequilibrio(vs.mercatoeefficienza),perch lofferta rigida(nonsolonelbreveperiodo).

    Larenditapuesseregodutadalproprietarioanchesenzaeffettuareinvestimenti(vs.profitto),ancheincondizionidiequilibriodiconcorrenzaperfetta( unredditononguadagnato)

    Iproprietariterrieri,peres.sioppongon