of 26/26
COMMISSIONE VALUTAZIONE ESITI PROVE INVALSI 2010-2011 CLASSI PRIME e CLASSI TERZE Scuola Secondaria di I grado

ESITI PROVE INVALSI 2010-2011 CLASSI PRIME e CLASSI TERZE Scuola Secondaria di I grado

  • View
    214

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of ESITI PROVE INVALSI 2010-2011 CLASSI PRIME e CLASSI TERZE Scuola Secondaria di I grado

  • Slide 1
  • ESITI PROVE INVALSI 2010-2011 CLASSI PRIME e CLASSI TERZE Scuola Secondaria di I grado
  • Slide 2
  • Premessa Le prove INVALSI hanno lo scopo principale di misurare i livelli di apprendimento raggiunti dagli studenti italiani relativamente ad alcuni aspetti di base di due ambiti fondamentali: la comprensione della lettura e la matematica. In termini ancora pi espliciti, mediante le prove del Servizio nazionale di valutazione (SNV) si vuole giungere a una misura dei livelli di apprendimento nei suddetti ambiti, comunemente ritenuti condizione necessaria per un accesso consapevole alla cittadinanza attiva. Da ci segue immediatamente che gli ambiti oggetto di misurazione delle prove INVALSI non esauriscono di certo i saperi e le competenze prodotte dalla scuola. Le prove INVALSI si pongono come obiettivo di fornire alla scuola nel suo complesso misure solide e robuste e, soprattutto, utilizzabili in unottica comparativa.
  • Slide 3
  • Classi prime: prova di italiano Percentuale di risposte corrette
  • Slide 4
  • Classi prime: prova di matematica Percentuali di risposte corrette
  • Slide 5
  • Slide 6
  • Slide 7
  • Ripartizione della variabilit dei risultati allinterno delle classi : tanto pi basso il peso della variabilit tra le classi su quello totale, tanto pi omogenee tra di loro sono le classi medesime in termini di risultati conseguiti (E sintomatica una varianza superiore al 5-10 %)
  • Slide 8
  • Classi terze: prova di italiano Percentuali di risposte corrette
  • Slide 9
  • Classi terze: prova di matematica Percentuali di risposte corrette
  • Slide 10
  • Slide 11
  • Slide 12
  • Ripartizione della variabilit dei risultati allinterno delle classi : tanto pi basso il peso della variabilit tra le classi su quella totale, tanto pi omogenee tra di loro sono le classi medesime in termini di risultati conseguiti (E sintomatica una varianza superiore al 5-10 %)
  • Slide 13
  • Slide 14
  • Confronto tra il risultato di scuola e il risultato regionale e nazionale nelle diverse rilevazioni Prova di Matematica
  • Slide 15
  • ANALISI RISULTATI INCONTRO DI COMMISSIONE DEL 19 -01-2012 PROVE DI ITALIANO E MATEMATICA CLASSI PRIME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
  • Slide 16
  • PROVA DI ITALIANO
  • Slide 17
  • Aspetti della competenza di lettura presi in considerazione nella formulazione dei quesiti 1 Riconoscere e comprendere il significato letterale e figurato di parole ed espressioni; riconoscere le relazioni tra parole. 2 Individuare informazioni date esplicitamente nel testo. 3 Fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o pi informazioni date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore. 4 Cogliere le relazioni di coesione (organizzazione logica entro e oltre la frase) e coerenza testuale. 5a Ricostruire il significato di una parte pi o meno estesa del testo, integrando pi informazioni e concetti, anche formulando inferenze complesse. 5b Ricostruire il significato globale del testo, integrando pi informazioni e concetti, anche formulando inferenze complesse. 6 Sviluppare uninterpretazione del testo, a partire dal suo contenuto e/o dalla sua forma, andando al di l della comprensione letterale. 7 Valutare il contenuto e/o la forma del testo alla luce delle conoscenze ed esperienze personali (riflettendo sulla plausibilit delle informazioni, sulla validit delle argomentazioni, sulla efficacia comunicativa del testo ).
  • Slide 18
  • Difficolt maggiori riscontrate negli aspetti della competenza di lettura Testo narrativo: Ricavare informazioni implicite dal testo; (ASPETTO 3) Riconoscere e comprendere il significato letterale e figurato di parole ed espressioni; (ASPETTO 1) Rielaborare un testo per poterne comprendere la morale; (ASPETTO 6) Testo espositivo: Organizzazione logica entro e oltre la frase (cogliere relazioni di coesione); (ASPETTO 4) Estrapolare pi informazioni dal significato globale; (ASPETTO 5)
  • Slide 19
  • Ambiti grammaticali presi in considerazione nella formulazione dei quesiti
  • Slide 20
  • Difficolt maggiori riscontrate in ambito grammaticale Punteggiatura; (AMBITO 6) Sintassi: accordo tra aggettivo e nome o tra soggetto e predicato; (AMBITO 5) Uso del passato remoto; (AMBITO 2)
  • Slide 21
  • PROVA DI MATEMATICA
  • Slide 22
  • Ambiti e processi presi in considerazione nella formulazione dei quesiti
  • Slide 23
  • Difficolt maggiori riscontrate in ambito: NUMERI: Decodifica del testo; Traduzione del testo in linguaggio matematico; Interpretazione della simbologia specifica; Mancanza di precisione nelle risposte aperte. SPAZIO E FIGURE: Mancata conoscenza sullutilizzo di alcuni strumenti didattici (es. compasso); Mancata conoscenza dellasse di simmetria di una figura; Difficolt nel ragionare su figure geometriche non disegnate in modo standard.
  • Slide 24
  • Difficolt maggiori riscontrate in ambito: DATI E PREVISIONI: Analisi del grafico per risalire al dato. RELAZIONI E FUNZIONI: Utilizzo di processi logici; Utilizzo di modelli matematici per descrivere ed interpretare situazioni o fenomeni concreti e quotidiani.
  • Slide 25
  • NOTE Nel report dei dati INVALSI viene messo in evidenza che gli allievi della scuola secondaria di secondo grado hanno fornito risposte corrette a domande che fanno riferimento a contenuti sviluppati nella scuola secondaria di primo grado, come ad esempio i contenuti che fanno riferimento allinterpretazione dei grafici. E importante investire energie e sforzi nella continuit tra i diversi cicli di istruzione, perch ci produce nel medio - lungo periodo effetti positivi e, soprattutto, stabili.
  • Slide 26
  • PROPOSTE DI MIGLIORAMENTO Abituare i ragazzi, fin dalla scuola primaria, ad interrogazioni orali al fine di arricchire il bagaglio lessicale specifico delle varie discipline. Abituare i ragazzi, nellultimo biennio della scuola primaria, a svolgere compiti di apprendimento leggendo in autonomia le consegne di lavoro. Utilizzare mappe concettuali per la rielaborazione di testi ed insegnarne la costruzione. Introdurre nellinsegnamento della matematica sempre pi problemi legati a situazioni concrete e quotidiane, al fine di evitare la sola conoscenza delle regole, per prediligere la loro reale comprensione e, di conseguenza, la loro acquisizione stabile. Nella geometria svincolare le definizioni dalla loro rappresentazione figurata: il disegno aiuta a comprendere meglio il concetto, ma non lo deve sostituire. (Potrebbe essere daiuto accompagnare ogni nuovo argomento con pi figure) Inserire nella programmazione di matematica anche alcuni quesiti (pi o meno ludici) di logica, per abituare gli studenti a ragionare sui testi dei problemi o sulle consegne degli esercizi, troppo spesso lette con superficialit.