Click here to load reader

Disegno Tecnico Aerospaziale L (A-L) Disegno Tecnico ... · PDF fileDISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L) Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

  • View
    253

  • Download
    5

Embed Size (px)

Text of Disegno Tecnico Aerospaziale L (A-L) Disegno Tecnico ... · PDF fileDISEGNO TECNICO...

Alma Mater Studiorum Universit di Bologna

Seconda Facolt di Ingegneria con Sede a Cesena

Disegno Tecnico Aerospaziale L (A-L) Disegno Tecnico Industriale L (A-L)

Anno Accademico 2006/2007

Docente: Ing. Alessandro Ceruti

[email protected]

Modalit di Esame

Lesame consiste in una prova di disegno (estrazione di particolare da complessivo) e in una serie di

domande teoriche inerenti argomenti svolti a lezione ed elencati nel programma del corso. Prima di

sostenere la prova di disegno occorre avere svolto le Tavole elencate nelle seguenti pagine. Le

tavole possono essere corrette al termine delle lezioni o a ricevimento (contattare via mail il docente

per fissare appuntamento). La votazione che si consegue viene data dalla somma dei punteggi

ottenuti nellesecuzione delle tavole (max 4 punti), nella prova di disegno (max 15 punti ) e nelle

domande di teoria (max 12 punti). Il punteggio dato dalla somma dei voti conseguiti nelle singole

prove: a 31 corrisponde il voto 30 e lode.

Strumenti di disegno consigliati

Riga da 50 cm, Squadra da 45, Squadra da 30, Compasso, Curvilinei, Mascherine con fori di vario

diametro, Matita tenera (es. HB), Matita dura (es. F), Fogli da disegno squadrati formato A3 e A4,

Gomma tenera.

Consigli per disegnare correttamente

Ricordarsi che le linee di tipo A devono essere 4 volte lo spessore delle linee di tipo B.

Soprattutto se a mano libera, disegnare i particolari abbastanza grandi in modo da non lavorare nei

piccoli spazi dove pi facile commettere errori.

Cercare di occupare uniformemente il foglio senza lasciare spazi vuoti e altri con disegni troppo

ravvicinati.

La tabella deve essere compilata a biro: indicare Nome, Cognome, Data di esecuzione del Disegno,

Numero della Tavola ed eventuale scala utilizzata (quando richiesta).

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N1

Eseguire con gli opportuni strumenti le seguenti costruzioni geometriche:

Divisione di un segmento in sette parti uguali (strumenti: squadre, compasso)

Costruzione della bisettrice di un angolo a partire dai segmenti secanti entro cui compreso

(squadre e compasso)

Raccordo di due rette secanti lunghe 40 e 70 mm (squadre, compasso e curvilineo).

Costruzione di una evolvente a partire da un cerchio di diametro di 50 mm (squadre,

compasso e curvilineo)

Divisione di un cerchio di 60mm di diametro in 5 parti uguali e costruzione del pentagono

equilatero risultante (squadre e compasso)

Utilizzare le linee di tipo A per contorni, linee di tipo B per linee di costruzione e linea di tipo G per

linee dasse. Ove non specificato prendere a piacimento le misure: si fa solo notare che pi

piccolo il disegno pi risulta difficile la sua esecuzione, motivo per cui conviene adottare

dimensioni adeguate, soprattutto agli inizi. Visto che nella Tavola 1 si devono riportare parecchi

disegni potrebbe risultare pi comodo dividere la tavola in due: Tavola 1 e Tavola 1bis. In

questultimo caso si consiglia di adottare un foglio di formato A3 ed uno A4. o al limite due fogli

A3. Se si vuole utilizzare solamente un foglio A3 occorre prestare molta attenzione alla

distribuzione dei singoli disegni per sfruttare al meglio lo spazio.

Divisione di segmento

Bisettrice di un angolo

Raccordo fa due linee

Evolvente

Divisione del cerchio in 5 parti: pentagono

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N2

Eseguire le proiezioni ortogonali del seguente particolare in scala 1:1. In accordo con le norme

utilizzare per gli spigoli in vista la linea di tipo A, per le linee di costruzione la linea di tipo B e per

gli assi la linea di tipo G.

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N3

Eseguire il disegno della puleggia riportata in Figura rispettando le indicazioni e le quote presenti.

Linee di tipo A per gli spigoli in vista, tipo B per linee di costruzione e di tipo G per assi. Porre il

diametro D pari a 130 mm. Per aumentare la leggibilit della immagine al massimo il disegno non

in scala: qualora siano necessarie dimensioni non quotate ricavarle facendo le proporzioni con

misure note (es. diametro che 130 mm).

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N4

Rappresentare, con il metodo della messa in tavola, il particolare sotto riportato.

Rilevare le dimensioni dal modello (scala 1:1).

Eseguire la tavola, con strumenti, a matita.

Scegliere, in accordo con UNI 936, il formato pi piccolo che permetta la necessaria

chiarezza, risoluzione ed economia.

Scegliere le viste necessarie e sufficienti per la comprensione del modello.

Usare linee secondo Normativa

Non quotare

Non rappresentare la griglia quadrettata

Non lasciare indicate le linee di costruzione.

Scala 1:1

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N5

Disegnare a matita e con lausilio di strumenti, in accordo con il metodo della messa in tavola, il

particolare sotto rappresentato a cui manca la terza vista.

Rilevare le dimensioni dal disegno.

Non quotare.

Lasciare indicate le linee di costruzione (linee di proiezione, linea di terra ecc, tutte di tipo

B).

Eseguire, su foglio a parte, uno schizzo a mano libera del solido tridimensionale risultante.

Scala 1:1

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N6

Rappresentare con il metodo della messa in tavola il particolare sotto riportato.

Rilevare le dimensioni dal modello (scala 1:1).

Eseguire la tavola con strumenti a matita.

Scegliere, in accordo con UNI 936, il formato pi piccolo che permetta la necessaria

chiarezza, risoluzione ed economia.

Usare linee del tipo A, G (ed eventualmente E o F).

Non quotare.

Non lasciare indicate le linee di costruzione.

Scala 1:1

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N7

Un cerchio di 40 mm di diametro genera, per rotazione attorno ad un asse, il toro sotto

rappresentato. Il centro del cerchio, nella sua rotazione di 360 attorno allasse, descrive una

circonferenza di diametro pari a 80 mm. Rappresentare in scala 1:1, in accordo con il metodo della

messa in tavola, la sezione del toro ottenuta con un piano ortogonale al piano verticale (P.V.) ed

inclinato rispetto al piano orizzontale (P.O.). il piano di sezione posizionato come indicato nel

prospetto.

Impiegare linee di tipo A, B, E o F, G.

Lasciare rappresentate le linee di costruzione.

Non quotare.

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N8

Rappresentare a matita e con lausilio di strumenti, in accordo con il metodo della messa in tavola,

il particolare sotto riportato. Rappresentare in vera forma, mediante ribaltamento sul piano verticale

(vista locale, secondo UNI 3970 pag. 3), la superficie relativa alla parte del pezzo inclinata di 45 in

corrispondenza della quale ricavato un foro passante.

I raccordi sono tutti di 3 mm.

Tutti i fori e le asole sono passanti.

Ottimizzare la disposizione delle viste e delle superfici in vera forma nel foglio.

Non lasciare rappresentate le linee di costruzione.

Utilizzare linee di tipo A, E (o F), G.

Scala 1:1

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIALE (A-L)

Docente: Ing. Alessandro Ceruti, [email protected]

Tavola N9

Eseguire la messa in tavola delloggetto di cui sono riportate le tre viste in proiezione ortogonale.

Disegnare in scala 1:1.

Impiegare linee di tipo A (ed eventualmente di tipo G).

Non lasciare rappresentate le linee di costruzione.

Non quotare.

Universit di Bologna II Facolt di Ingegneria Anno Accademico 2006-2007

DISEGNO TECNICO AEROSPAZIALE (A-L) e INDUSTRIAL