of 48 /48
Periodico d’informazione locale. Anno XXI n. 16 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, NE/PD www.lapiazzaweb.it del Delta Promozione CASA COMPLETA + + + 2 finestre 1 anta su misura fino a 80 X 140 2.640, 00 +iva 2 finestre 2 ante su misura fino a 120 X 140 2 portefinestre 1 anta su misura fino a 90 X 240 n°1 blindato 90 X 210 10 ANNI di GARANZIA CENTRO LAVORAZIONE AUTOMATICO di SERRAMENTI Serramenti a prezzo di Fabbrica -65% Forniti e Montati con euro 2.640,00 6 serramenti + 1 blindato PRODUZIONE ITALIANA PROFILO TEDESCO SERRAMENTI spessore 70 mm Uf k= 1.3 Vetro basso emissivo con gas Ug k= 1.1 . Ribalta + Microarezione(microribalta). Minimo 4/6 punto di chiusura antiefrazione. Pvc classe “S”. Pvc ad alto spessore classe “A” . PVC bianco in massa. PROMOZIONE VALIDA PER UM MASSIMO DI 10 ABITAZIONI. PROMOZIONE NON CUMULABILE DA PARTE DEL MEDESIMO CLIENTE. PROMOZIONE VALIDA SOLO PER ACQUIRENTI PRIVATI. PER I PARTICOLARI DELLA PROMOZIONE CONTATTARE UN NOSTRO TECNICO. IVA AGEVOLATA E RECUPERO FISCALE USUFRUIBILI NEI LIMITI DI LEGGE. ProFin s.r.l. p.iva 01449680295 Materiale visionabile presso s.s. ROMEA 309 N° 43 TAGLIO di PO fax 0426 661640 / socprofi[email protected] / tel. 328 3579895 BLINDATO classe 3. Cilindro europeo. Pannello esterno pantografato (ampia gamma). Pannello interno liscio. Telaio testa di moro. Kit termico. RECUPERO FISCALE = 924 , 00 +IVA PROGETTO FINESTRA + KOMMERLING 88 PLUS SERRAMENTO dallo SPESSORE complessivo di 112 mm SERRAMENTI a PREZZO di FABBRICA

Delta febb2014 n16

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Delta febb2014 n16

Text of Delta febb2014 n16

  • Periodico dinformazione locale. Anno XXI n. 16 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/PD www.lapiazzaweb.it

    del Delta

    PromozioneCASA COMPLETA

    +

    +

    +

    n2 finestre 1 anta su misura fino a 80 X 140

    2.640,00+iva n2 finestre 2 ante su misura fino a 120 X 140

    n2 portefinestre 1 anta su misura fino a 90 X 240

    n1 blindato90 X 210

    10AN

    NI di

    GARA

    NZIA

    CENTRO LAVORAZIONE AUTOMATICO di SERRAMENTI

    Serramenti a prezzo di Fabbrica

    -65%

    Forniti e Montati con euro 2.640,00

    6 serramenti + 1 blindato

    PRODUZIONE ITALIANA

    PROFILO TEDESCO

    SERRAMENTI spessore 70 mm Uf k= 1.3 Vetro basso emissivo con gas Ug k= 1.1 . Ribalta + Microarezione(microribalta). Minimo 4/6 punto di chiusura antiefrazione. Pvc classe S. Pvc ad alto spessore classe A . PVC bianco in massa.

    PROMOZIONE VALIDA PER UM MASSIMO DI 10 ABITAZIONI. PROMOZIONE NON CUMULABILE DA PARTE DEL MEDESIMO CLIENTE. PROMOZIONE VALIDA SOLO PER ACQUIRENTI PRIVATI.

    PER I PARTICOLARI DELLA PROMOZIONE CONTATTARE UN NOSTRO TECNICO. IVA AGEVOLATA E RECUPERO FISCALE USUFRUIBILI NEI LIMITI DI LEGGE.

    ProFin s.r.l. p.iva 01449680295Materiale visionabile presso s.s. ROMEA 309 N 43 TAGLIO di PO

    fax 0426 661640 / [email protected] / tel. 328 3579895

    BLINDATO classe 3. Cilindro europeo. Pannello esterno pantografato (ampia gamma). Pannello interno liscio. Telaio testa di moro. Kit termico.

    RECUPERO FISCALE

    = 924,00+IVA

    PROGETTO FINESTRA

    +

    KOMMERLING 88 PLUS SERRAMENTOdallo SPESSORE complessivo di 112 mm

    SERRAMENTIa PREZZO

    di FABBRICA

  • Serramenti a prezzo di FabbricaPROGETTO FINESTRA

    ProFin s.r.l. Materiale visionabile presso s.s. ROMEA 309 N 43 TAGLIO di PO

    fax 0426 661640 / [email protected] / tel. 328 3579895

    PRODUZIONE ITALIANA

    PRODUZIONE ITALIANA

    Soglia a taglio termico con tenuta acqua / aria / vento. Soglia ribassata, unitamente a kit di coibentazione anta e guarnizioni maggiorate garantiscono livelli di trasmittanza fino a 0,91 W/m2k, un risultato eccezionale adatto a case in classe A.

    Molteplici soluzioni per la personalizzazione esteti-ca e tecnica del prodotto, in base ai gusti personali, allarredamento e allo stile dell abitazione.

    PORTE BLINDATE

    Porte blindate con diverse classi di antiefrazione per diverse esigenze di sicu-rezza.

  • Elezioni comunali, prime candidature per il municipio

    Porto Viro

    pag. 8

    Riaprir in tempo per la stagione estiva 2014, lo storico Ostello. Il

    momento storico, - ha commentato lassessore Fioravanti si riparte dopo

    un lungo periodo di chiusura

    LOsteLLO di GOrinO suLLam riapre i battenti a primavera

    pag. 25

    Grande tifo e la squadra la spunata con la Spal

    Delta 2000

    pag. 38

    pagg. 14

    Il commissariato di polizia a rischio chiusuraDelta in allarme, a rempetaglio la sicurezza

    Dopo la battaglia sul presidio ospeda-liero di Porto Viro, il Delta si mobilita per salvare il commissariato di polizia di Porto Tolle. Lo storico presidio infatti a rischio chiusura, almeno cos lascia pen-sare il piano di riorganizzazione nazionale del dipartimento di Pubblica Sicurezza. A rischio anche lesistenza della locale squa-dra nautica. A lanciare lallarme per primo stato il SAP (Sindacato Autonomo di Po-lizia) di Rovigo attraverso il suo segretario Fabio Ballestriero: Esprimiamo tutta la nostra contrariet a un progetto che porte-r inevitabilmente ad una diminuzione del

    gi basso livello di sicurezza nel territorio e lungo il litorale presidiato dal personale del commissariato di Porto Tolle e dal per-sonale della Squadra nautica. Disperdere un patrimonio cos importante di esperienze e conoscenze attinenti un territorio cos parti-colare com il nostro Basso Polesine, un lusso che crediamo la nostra popolazione non possa permettersi. Questo non porte-r a unottimizzazione, ma ad una vera e propria diminuzione del livello di sicurezza in quelle aree, anche perch non dato sapere e non vi sono conferme attendibili che siano rinforzati adeguatamente gli or-

    ganici degli altri presidi delle altre forze di polizia presenti nei dintorni. La questione arrivata fino alla scrivania del prefetto di Rovigo Francesco Provolo, che in occasione della riunione del Comitato per lordine e la sicurezza pubblica ha ascoltato le obiezioni del sindaco di Porto Tolle Claudio Bellan. Il primo cittadino ha ovviamente espresso preoccupazione in merito alle prospettive di chiusura del commissariato e ha ovviamen-te chiesto di mantenere attivo il presidio nel Comune.

    Il Veneto deve risolvere i suoi problemi con lacqua

    Maltempo

    pag. 4-5

    Aumentano le tasse e diminuiscono i servizi. Questo, in sintesi, il ragionamento

    che sta facendo arrabbiare parecchi cittadini portotollesi e non solo. Il riferimento

    al saldo della Tares, giunto nelle ultime settimane in quasi tutte le case del Delta

    raccOLta rifiuti, bOLLette care e serviziO dimezzatO

    pag. 14

    Periodico dinformazione locale. Anno XXI n. 16 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/PD www.lapiazzaweb.it

    del Delta

    10%

    40%50%30%

    30%50%50%

    20%

    20%

    10%

    10%

    30%

    20%60%

    40%

    60%

    COUPON del risparmioCogli le migliori

    offerte della tua zona!

    EDITORIALEAd ogni pioggia intensa il nostro Veneto va in crisi di Nicola Stievano

    Ormai un dato di fatto, una tendenza confermata anno dopo anno. Ogni pioggia intensa, in qualsiasi periodo dellanno, si trasforma il allerta meteo con la concreta possibilit che il sistema dei nostri fi umi entri in crisi in pi punti contem-poraneamente, provocando allagamenti tanto nei centri urbani quanto in aperta campagna. Lultimo episodio la prova che ormai il nostro territorio non pi in grado di reggere lurto delle precipitazioni sempre pi concentrate e intense. Se fi no a qualche anno fa in queste occasioni si parlava di evento eccezionale, ora siamo di fronte se non alla norma, a fenomeni che si ripetono cono una certa frequenza, almeno due - tre volte nel corso dellanno. Un fatto del quale bisogna prendere atto, evitando di trincerarsi dietro allineluttabilit del clima. Del resto le responsabilit delle emergenze continue e dellormai evidente dissesto idrogeologico non possono essere scaricate esclusivamente sulle avverse condizioni meteo, ma vanno individuate sullimpatto di decenni di espan-sione urbanistica, per molti aspetti selvaggia o quantomeno poco controllata, di sviluppo di infrastrutture che non andato di pari passo con gli interventi su una rete idraulica e di scolo rimasta ferma agli inizi del Novecento, quando non addirittura peggiorate.

    continua a pag. 3

    continua a pag. 8

    LIntervento

    Sulla difesa idrogeologica del territorio, il Veneto si gioca il proprio futu-ro. Lerrore politico, culturale, in ogni caso storico, compiuto puntualmente da chi ha governato e gover-na il Veneto da ventanni, stato quello di considerare questo capitolo di bilancio come un investimento a fondo perduto.

    Sulla difesa idrogeologica la Regione ha speso male

    *Capogruppo PD in Consiglio regionale

    di Lucio Tiozzo*

    Con Dentalcoo

    p

    la convenienza

    per tutta la

    famiglia

    Aperti

    anche il

    sabato

    Programma

    Prevenzione

    45

    Prima visita, igi

    ene dentale,

    panoramica (su i

    ndicazione medi

    ca)

    Sbiancamento

    dentale 230

    70

    Otturazione se

    mplice estetic

    a

    395 Corona

    ceramica

    575 Impian

    to endosseo

    (escluso monc

    one)

    UNIT DI OCC

    HIOBELLO (RO

    ) tel. 0425 750

    481

    PRENOTA

    SUBITO

    LA TUA

    VISITA

    Aperti anche

    il sabato

    OCCHIOBEL

    LO

    Via Eridania

    Via Eridania

    Via dellAr

    tigianato

    Via dellIndustria

    Mercatone U

    no

    SR6

    SR6

    A13

    AUTO

    STRA

    DA

    BOLO

    GN

    A-PA

    DO

    VA

    Via del C

    om

    mercio

    Via

    Eur

    opa

    Via Germania

    OCCHIOBEL

    LO

    OUTLET

    VILLAGE

    Uscita

    Occhiobello

    OCCHIOBELLO

    Via Germania,

    1

    45030 Occhiob

    ello (RO)

    tel. 0425 75048

    1 fax 0425 1662

    019

    Autorizzazione

    Sanitaria n 8

    6/12

    Direttore Sanit

    ario Dott. Marc

    o Calzavara

    Iscrizione Ord.

    Medici Odont

    oiatri di Padov

    a n.1367 Iscriz

    ione Ord. Med

    ici di Padova n.

    2429

    [email protected]

    dentalcoop.it

    UNIT LOCALI

    DENTALCOOP

    :

    Le nostre

    convenzioni:

    Prenotala tua v

    isita

    ANCONA Pro

    ssima apertura

    AVELLINO Pro

    ssima apertura

    BARI Prossim

    a apertura

    BELLUNO SED

    ICO tel. 0437 85

    3391

    BRESCIA tel.

    030 3545278

    BOLOGNA P

    rossima apertu

    ra

    CAGLIARI Pr

    ossima apertu

    ra

    CALTANISSET

    TA tel. 0934 59

    8922

    CASALECCHI

    O (BO) Prossim

    a apertura

    CESENA Pross

    ima apertura

    CHIOGGIA (VE

    ) tel. 041 55402

    22

    CREMONA te

    l. 0372 431881

    DARFO BOAR

    IO TERME (BS) t

    el. 0364 531905

    FIRENZE tel 0

    55 413535

    FONTANAFR

    EDDA (PN) tel.

    0434 997994

    GROSSETO te

    l.0564 453846

    JESI tel. 0731

    209406

    LATINA Pross

    ima apertura

    LEGNANO (M

    I) tel. 0331 4400

    11

    MANTOVA te

    l. 0376 245687

    MARTINSICU

    RO (TE) tel. 086

    1 711647

    MIRANO (VE

    ) tel. 041 41005

    2

    MODENA tel.

    059 303190

    MOGLIANO (T

    V) tel. 041 5903

    586

    MONTEBELLU

    NA (TV) tel. 04

    23 303291

    MONTECASS

    IANO (MC) tel. 0

    733 290556

    OCCHIOBELL

    O (RO) tel. 042

    5 750481

    PADOVA tel.

    049 8751943

    PAVIA tel. 038

    2 559606

    PERUGIA tel.

    075 5292962

    PIETRA LIGU

    RE (SV) tel. 019

    610294

    POTENZA Pro

    ssima apertura

    RAGUSA Pro

    ssima apertura

    REGGIO EMIL

    IA tel. 0522 305

    583

    ROMA tel. 06

    66515626

    SALERNO tel.

    089 381723

    SAN DON DI

    P. (VE) tel. 042

    1 307034

    SAVONA tel.

    019 807545

    SCHIO (VI) tel

    . 0445 576626

    SPRESIANO (T

    V) tel. 0422 881

    130

    TORINO tel. 01

    1 2462107

    TREVIGLIO (B

    G) tel 0363 493

    10

    TREVISO tel.

    0422 421927

    UDINE tel 043

    2 1698034

    VERONA tel.0

    45 500108

    VIGEVANO (P

    V) tel. 0381 785

    87

    VILLAFRANC

    A (VR) tel. 045 6

    302199

    Da pag 19 a pag 22 trovi linserto Dentalcoop UNIT DI occHioBello (ro)

    Competenza, trasparenza, seriet al tuo servizio.

    Acquistiamo oro e argento al miglior prezzo di mercato. Pagamento immediato!

    Vendiamo gioielli in argento, orologi e articoli da regalo. Venite a trovarci!

    Chioggia Calle S. Giacomo, 677- Tel. 041-405949 aperto dal luned al sabato: 9:30-13:00 15:30-18:30

    SPACCIO DI FABBRICAVIA DEL COMMERCIO, 12 - ROVIGO Loc. BORSEA

    AREA COMMERCIALE LA FATTORIA - TEL. 0425 [email protected] - www.dormiflex.it

    Delta Sorriso s.r.l.Ambulatorio Odontoiatrico

    ADDIO ALLA DENTIERA!denti fissi in giornata senza bisturi, tagli e punti di sutura

    Tel. 0426 379442

    Aperto anche il sabato Direttore sanitario: OSTI Dott. STEFANO

    info e dettagli a PAG. 4-5

  • ARREDA LA TUA CASAwww.patio.it

    ARREDA LA TUA CASAwww.patio.it

  • ARREDA LA TUA CASAwww.patio.it

    ARREDA LA TUA CASAwww.patio.it

  • AUTO INTELLIGENTEPAGHI MENO LA POLIZZAE VIAGGI PI SICURO

    SCEGLI IL TUO MIGLIOR COMPAGNO DI VIAGGIO

    Divisione

    Con Super Easy in caso di incidente la Centrale Operativa si mette in contatto con te per vericare se hai bisogno di aiuto e attivare lintervento pi appropriato.

    Scegli Top se desideri il massimo di protezione. Se cercano di rubare la tua Auto, viene bloccata laccensione e allertata la Centrale Operativa.

    Se desideri maggior tutela scegli la formula Full. In caso di furto, la Centrale Operativa a tua disposizione per la ricerca immediata del veicolo e per attivare il recupero.

    ASSISTENZA CRASH

    AU

    TO

    INT

    ELL

    IGE

    NT

    E

    abb

    inat

    o a

    NU

    OVA

    1a

    GLO

    BA

    L, p

    rodo

    tto

    di U

    nipo

    lSai

    S.p

    .A. V

    ia S

    talin

    grad

    o, 4

    5 -

    4012

    8 B

    olog

    na.

    Prim

    a de

    lla s

    otto

    scriz

    ione

    legg

    ere

    il Fa

    scic

    olo

    Info

    rmat

    ivo

    Nuo

    va 1

    a G

    lob

    al

    e di

    A

    UT

    O IN

    TE

    LLIG

    EN

    TE

    pu

    bblic

    ati s

    ul s

    ito w

    ww

    .uni

    pols

    ai.it

    e d

    ispo

    nibi

    le p

    ress

    o le

    Age

    nzie

    .

    Installa gratuitamente il tuo box satellitare AUTO INTELLIGENTE e hai subito il 20% di sconto sulla tua RC Auto. Scegli poi la formula che pi interessa in base ai servizi che desideri. Quanto costa? Meno di un euro al giorno. Vuoi saperne di pi? Chiedi al tuo Agente!

    CRASH+RICERCA VEICOLO CRASH+RICERCA VEICOLO+ANTIFURTO.

    Agenzia Generale Via ROMEA VECCHIA N.96di ADRIA filiale di TAGLIO DI PO 45019 TAGLIO DI PO ( RO )

    Agente Generale 042622475SIMONE CHIEREGATO 0426900827

    [email protected]

  • Delta Provincia RegioneviaGGi

    pag. 6

    Quatro ciclisti hanno pedalato fino alla fine del mondo

    rOsOLina

    pag. 23

    Elena Paganin, primo sindaco dei ragazzi

    taGLiO di pO

    pag. 27

    In Regione per la sicurezza idraulica del Po

    Clicca su Scarica giornali, scegli ledizione che ti interessa e sfogliala conLa Piazza la leggi anche sul web aggiornata con le ultime news!

    www.lapiazzaweb.it

    VeneziaPadovaRovigo Treviso

    un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto.Questa edizione raggiunge le zone di Rosolina, Porto Viro, Taglio di Po, Ariano, Porto Tolle per un numero complessivo di 15.457 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

    DIREZIONE - AMMINISTRAZIONEe ConCessionaria di PubbliCit loCale

    Padova, via Lisbona 10Tel. 049 8704884 Fax 049 [email protected]

    REDAZIONE:Direttore responsabileMauro GaMbin [email protected] Jovane [email protected]

    Chiuso in redazione il 27 febbraio 2014Centro Stampa: rotopreSS InternatIonalloreto, vIa breCCIa (an)

    Questo periodico associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

    un marchio registrato di propriet

    srldi

    Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin

    EDITORIALE

    Ad ogni pioggia intensa il nostro Veneto va in crisiGirando fra i centri invasi o minacciati dallacqua si sente spesso dire, per lo pi dagli anziani: Quando ero giovane vedevo scavare

    lungo i fi umi, adesso da molti, troppi, anni non si fa pi. Un luogo comune? In parte pu essere, ma un dato di fatto che i nostri fi umi sono stati lasciati in balia di s stessi e quelli pi fragili, come il Bacchiglione, per fare un esempio, ne risentono parecchio. Per non parlare di altri corsi dacqua, dal Muson dei Sassi al Fratta Gorzone, che presentano un regime quasi torrentizio.

    Lalluvione del novembre del 2010 ha insegnato qualcosa e ha spinto la Regione ad investire sulle opere di prevenzione del rischio, a monte come a valle, mettendo in cantiere, non senza diffi colt in questo periodo di grave crisi economica, lavori che dovrebbero portare a qualche benefi cio.

    La strada per ancora lunga e tutta in salita, come ha dimostrato lultima emergenza. Il nostro territorio, dalla pedemontana al litorale, dal Polesine ai Colli Euganei, martoriati dalle frane che inghiottono vigneti e strade, costellato da decine di criticit che possono avere conseguenze drammatiche durante le ondate di maltempo. Cos, ancora una volta, prima bisogna cercare i soldi per riparare i danni e magari riconoscere anche qualcosa a chi ha avuto lacqua in casa o ha riportato gravi conseguenze nella propria azienda. Di nuovo il denaro serve per intervenire dopo lemergenza, rendendo ancora pi impegnativo trovare le risorse per tutte le opere che dovrebbero invece servire a prevenire e a ridurre le calamit.

    Siamo comunque di fronte ad una maggiore coscienza civica su questo tema, dopo un lungo periodo di sostanziale indifferenza, perch ormai nessuno pu dirsi veramente tranquillo di fronte alle conseguenze del dissesto idrogeologico, nessuno pu chiamarsi fuori dalla responsabilit di tutelare il nostro territorio.

    segue da pag. 1

    di Nicola Stievano

    enti LOcaLi

    pag. 28

    Civitanova Polesine, il flop da imputare alla politica

    arte

    pagg. 36-37

    Guida alla mostra Lossessione nordica di Rovigo

    ambiente

    pag. 31

    Inquinamento sempre pi emergenza per il mare e la campagna

    Medie LoreoincOntrO

    cOn mauriziO preti

    Maurizio Preti stato ospite delle scuole medie di Loreo nellambito della inizia-tiva Un campione a scuola promossa

    dallassessorato allo Sport della Provincia, assieme ai Panathlon di Rovigo e di Adria.

    Preti ha corso pi di 1500 gare tra cui moltissime mezze maratone e maratone.

    Tra le pi prestigiose senza dubbio c quella di New York. Il momento che mi ha emozionato di pi ha spiegato

    stato quando ho fatto il tedoforo alle olimpiadi invernali di Torino del 2006. Pur avendo fatto tantissime gare, quando ho attraversato il Corso del Popolo a Rovigo, con la fiaccola in mano, avevo le gambe

    che mi tremavano per lemozioneOpuscolo turistico

    iL pOLesine e Le sue spiaGGe

    Un opuscolo che presenta le spiagge del Delta del Po, per un turismo balneare

    attenta alla quiete e alle tipicit dei luoghi, questo Il Polesine e le sue spiagge.

    Nellelaborato grafico trovano spazio le spiagge di Rosolina Mare, Albarella,

    Scanno Cavallari, Boccasette, Scano Boa denominata Il re del Delta e Barricata. Le spiagge polesane sono inserite ha

    detto lassessore Negri allinterno di un contesto particolare, il Parco del Delta del

    Po, e per questo lopuscolo ha lintento di focalizzare lattenzione del turista non

    sugli aspetti del divertimento ma bens su quelli naturali

    Ipsia Cristoforo ColomboinauGurata LauLa

    deLLa saLdatura

    AllIpsia Cristoforo Colombo di Porto Tolle stato inaugurato recentemente il centro tecnologico della mecanica nato

    per organizzare corsi di formazione base ed avanzati sulla saldatura. Laula

    ricavata nellistituto dotata della miglior tecnologia ed adeguata ai nuovi sistemi

    di saldatura. Favorir la formazione dei ragazzi ma consentir anche alle imprese

    di rinnovare il patentino al personale, senza lontane trasferte o pagare cifre importanti

    Pescaun miLiOne di eurO per Le LaGune

    Con lapprovazione della delibera regionale sono finalmente pronti a partire interventi per la vivificazione delle lagune per 2 milioni di euro, cos come stabilito dal bilancio dello scorso anno. A dare lannuncio il vicepresidente della quarta commissio-ne consiliare, Graziano Azzalin. I due milioni spiega sono equamente divisi fra laguna veneziana e laguna polesana. Il Consorzio Delta del Po, che lavorer di concerto con il Genio civile di Rovigo, ha invece individuato due interventi specifici: il primo, per un importo pari a 400mila euro, prevede i lavori di vivificazione della Sacca degli Scardovari nel comune di Porto Tolle mediante il dragaggio dei sedimenti per il ripristino della morfologia della bocca sud e la creazione di velme; il secondo prevede lavori di manutenzione e ripristino della parte nord dello Scanno Cavallari per la riduzione del moto ondoso allinterno della Laguna Marinetta, fra i comuni di Porto Viro e Rosolina, ed il consoli-damento delle bocche lagunari della Sacca del Canarin per un importo di 600mila euro.

    Studio a campione su 1000 ragazzi c.r.e.s.c.e.r.e.

    Come crescono i ragazzi in un mondo in continua trasformazione e soggetto a sempre nuovi stimoli. Su questo tema la Fondazione Zancan di Padova in collaborazione con la De Leo Found onlus, con diverse ULSS padovane, con 83 comuni della Provincia di Padova e con il Comune di Rovigo, assessorato ai Servizi Sociali, sta approntando uno studio longitudinale C.R.E.S.C.E.R.E. su un campione di 1000 ragazzi dagli 11 ai 18 anni e le loro fami-glie. Lobiettivo monitorarne, nel tempo, la transizione dallinfanzia, alladolescenza e allet adulta. Lo studio nasce dalla necessi-t di capire cosa succede ai giovanissimi che vivono in un mondo in continua trasforma-zione sociale e tecnologica.

    sOciet

    pagg. 32-33

    Cyberbullismo, i giovani e le insidie della rete

  • 4 Argomento del mese

    neL padOvanO

    Assegnati 2 milioni di euro al Genio Civile

    E arrivata questanno parte dei fondi per le alluvioni del padovano del 2010. A gennaio infatti quasi due milioni di euro sono stati assegnati al Genio Civile di Padova per interventi urgenti fi nalizzati al ripristino di situa-zioni di particolare criticit, conseguenti ai danni provocati dallalluvione del 2010. Lassegnazione, disposta con un provvedimento della giunta regionale su

    relazione dellassessore alla difesa del suolo Maurizio Conte, rientra nel piano di as-segnazione delle risorse fi nanziarie ripartite con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 marzo 2013. Per il 2013 in tutta la Regione sono state destinate risorse per circa 10 milioni di euro per realizzare interventi in conto capitale nei ter-ritori colpiti dagli eventi alluvionali in Veneto che hanno determinato lesondazione di fi umi e torrenti, con conseguenti allagamenti di centri abitati e movimenti franosi, nonch gravi danni alle infrastrutture, agli edifi ci pubblici e privati e ai beni mobili, linterruzione di collegamenti viari. Per il superamento dellemergenza il governo aveva provveduto anche alla nomina di un Commissario delegato. E stata rinviata a successivi provvedimenti la programmazione delle risorse relative alle annualit 2014 e 2015. A.A.

    Alluvioni in Veneto, danni per centinaia di milioni di euro (oltre mezzo miliardo) con oltre 130 territori comunali coinvolti dallondata di maltempo. Questo il bilancio fatto nelle scorse settimane da comuni, protezioni civili e Regione a fronte di eventi che hanno messo in ginocchio tantissime aree della nostra regione, e che si sono sviluppati lungo un inverno nevoso in montagna e piovoso in pianura. Le zone colpite sono state tantissime: Veneto orientale, Bassa e Terme padovane, Pedemontana di Treviso e Vicenza, litorali veneziani e per il problema della neve la montagna bellunese. Ma ecco la conta dei danni nello specifi co presentata dal governatore Luca Zaia al Governo e al capo della protezione civile Franco Gabrielli, costo che si aggira sul mezzo miliardo di euro ma che al conto consuntivo sar superata di molto. Pesanti i danni alle rete di infrastrutture viarie e di servizio (145 milioni) e ancor pi quelli alla rete idraulica principale e secondaria (213 milioni di euro concentrati nel Veneziano e nel Padovano); quindi le famiglie e le attivit produttive colpite da nevicate ed esondazioni (73 mi-lioni); i dissesti idrogeologici (37 milioni); la rimozione di neve, lo smaltimento di rifi uti, gli interventi igienico-sanitari (15); le sofferenze dellagricoltura (10); le operazioni di soccorso pre-

    state dai vari corpi e dal personale civile (5). Tutto ci senza tener conto dei contraccolpi alla stagione turistica invernale e dei disagi subti dalla popolazione dellarea del bellunese a cau-sa di nevicate di 4 metri. In ginocchio anche la rete turistica in pianura, basti pensare alle decine di alberghi nellarea di Mon-tegrotto Terme, Terme Euganee e Tribano che sono stati messi direttamente fuori uso per settimane. E poi le alluvioni nel Portogruarese e le mareggiate sui litorali che hanno devastato chilometri di arenile a Jesolo e Sottomarina. Il governatore del Veneto sottolinea per che dal 2010 diverse cose sono state fatte. E piovuta molta pi acqua che nel 2010 - spiega Luca Zaia - quando fi nirono allagati 150 km quadrati di territorio. Per i 925 interventi puntuali di ripristino, consolidamento e realizzazione di interventi di difesa idraulica attuati in questo triennio si sono per ora dimostrati decisivi. Non abbiamo avuto stavolta crolli arginali come allora. Ma i danni sono altissimi.

    Gli allagamenti ci sono anche questa volta ma pi limitati, con centinaia di famiglie evacuate e aziende in sofferenza. Ma il vero problema ogni volta e sar anche nel futuro, la tenuta degli argini. Con il piano straordinario successivo allalluvione del 2010 la Regione ha erogato 24 milioni nel 2013 e ne

    stanzier ulteriori 100 milioni da qui al 2015. Noi abbiamo iniziato a lavorare sui primi bacini di espansione, ma per attuare integralmente un piano di messa in sicurezza ci servono 2 mi-liardi 700 milioni - spiega Zaia - a fronte dei quali come Regione riusciamo a reperire dai 50 ai 100 milioni lanno: troppo poco. Lo Stato deve intervenire, il governo deve dimostrare coraggio e volont di fi nanziare i grandi bacini di laminazione. Poi c anche un problema di burocrazia che risolvibile, dando ai Presidenti di regione pieni poteri in tema di lavori pubblici. I fenomeni atmosferici sono sempre pi intensi e violenti per i cambiamenti climatici e a questo va aggiunta la trasforma-zione del territorio. La cementifi cazione del territorio produce che a parit di piogge le acque superfi ciali sono di pi. Anche le piogge aumentano. E se questo colpa del clima, la trasfor-mazione del territorio opera delluomo. C da sottolineare inoltre che la rete di difesa idraulica quella del secolo scor-so. Gli ultimi interventi sono stati fatti durante il fascismo e prevedevano difese per un territorio agricolo. Nel frattempo i campi sono diventati unarea metropolitana, capannoni, villette e cemento. Il sistema non regge pi. Una rete pi moderna aiuterebbe a ridurre lemergenza.

    di Alessandro Abbadir

    Zaia: Per la messa in sicurezza del territorio

    ci servono 2 miliardi 700 milioni

    LAutorit di Bacino accusa: troppa

    cementifi cazione e un sistema di difesa

    idraulico fermo

    TERRITORIOLe zone colpite sono state

    tantissime: Veneto orientale, Bassa e Terme padovane, Pedemontana

    di Treviso e Vicenza, litorali veneziani e il bellunese a causa della neve.

    Pesanti i danni alle rete di infrastrutture viarie e di servizio (145 milioni) e alla rete

    idraulica principale e secondaria (213 milioni di euro concentrati nel Veneziano e nel Padovano).

    E piovuta molta pi acqua che nel 2010. Non ci sono stati crolli arginali Alluvioni, danni per oltre mezzo miliardo di euro

    Delta Sorriso s.r.l.Ambulatorio Odontoiatrico

    Via Romea Nuova 17/A RIV di Ariano nel Polesine 45012 ROVIGO

    Tel. 0426 379442

    PRIMA VISITA con telecamera endoraleRADIOLOGIA digitale e T.A.C 3D cone beam a bassa dose di radiazioniIMPLANTOLOGIA computer assistita SENZA BISTURI, SENZA TAGLI,SENZA PUNTI DI SUTURAORTODONZIA esteticaPROTESI SENZA METALLO

    Direttore sanitario: OSTI Dott. STEFANO

    [email protected]

    www.deltasorriso.it

    Aperto anche il sabato

    DELTA SORRISO TASSO ZERODelta Sorriso attenta alle esigenze economiche che hanno travolto il nostro paese e colpito molte famiglie in grado di proporre soluzioni di pagamento personalizzate:

    ALCUNI ESEMPI:

    1.000 da retituire in 24 mesi - rata mensile di 41,66

    2.000 da retituire in 24 mesi - rata mensile di 83,33

    3.000 da retituire in 24 mesi - rata mensile di 125,66

  • 5Argomento del mese

    di Nicola Stievano

    Sicurezza idraulica, piano quinquennale da 1,3 miliardi per il Veneto Consorzi di bonifi ca Il presidente Giuseppe Romano indica quali sono le opere indispensabili

    Un piano di investimenti da un miliardo e 350 milioni, con centinaia di cantieri lungo i corsi dei fi umi per i prossimi cinque anni, per la sicurezza idraulica in Veneto. Lo chiedono i consorzi di bonifi ca, ricordando che i progetti ci sono gi, ma necessario recuperare le risorse. Gi dal 2010 - ricorda Giuseppe Romano, presidente dellUnione Veneta Bonifi che - per garantire la difesa idraulica veneta i consorzi hanno presentato 629 progetti del valore di 1 miliardo e 350 milioni euro. E il pi grande piano di difesa idraulica della Regione, prevede opere infrastrutturali necessarie come il potenziamento e lammoderna-mento degli impianti idrovori, la realizzazione di casse di espansione per contenere le ondate di piena e di canali scolmatori o collettori, consolidamenti arginali e sistemazioni idrauliche; tutti interventi necessari la maggior sicurezza del nostro territorio. Il sistema idraulico veneto complesso e delicato, e oltre ai grandi fi umi comprende una rete di canali e corsi dacqua minori che solcano lintera pianura.

    Durante le allerte meteo sono almeno cinquecento uomini della bonifi ca impegnati a sorvegliare, 24 ore su 24, il livello dei fi umi, il funzionamento degli impianti e manufatti con limpiego di circa un migliaio di mezzi e macchine operatrici (trattori, escavatori, pompe idrovore mobili), lungo le reti idrauliche. Inoltre, 400 impianti idrovori, grazie alle loro 1000 pompe, muovono 1milione e mezzo di litri dacqua al secondo, continuando lincessante attivit di pompaggio per evitare la sommersione di ampie distese di territorio e per ripristinare le situazioni pi critiche. I consorzi, dopo lultima emergenza maltempo, ribadiscono la neces-sit di destinare risorse al settore della difesa idraulica per la realizzazione di un grande piano, che preveda la concretizzazione delle grandi opere e delle infrastrutture necessarie.

    Alluvioni, danni per oltre mezzo miliardo di euro

    35Argomento del mese

    In provincia

    Maltempo Pi problemi al mare che agli orti Piogge abbondanti, ma buona la risposta della bonifi ca deltina. Nonostante il rischio che nelle ultime settimane ha fatto temere il peggio, le colture rosolinesi sono salve e non hanno riscontrato particolari problematiche. Merito, come fanno sapere da Coldiretti, della buona sinergia che si venuta a creare con il Con-sorzio di Bonifi ca, che ha permesso un fattivo monitoraggio della situazione e luso puntuale delle pompe di sollevamento. La produzione tipica rosolinese che risponde prevalentemente alla coltura del radicchio, non pagher i danni della pioggia ma subir solo un lieve ritardo a causa dellimpossibilit di procedere al trapianto delle piantine. A differenza di quello che accaduto per le campagne destinate al grano, messe in ginocchio a causa dellacqua che si fermata sui campi, il terreno sabbioso che caratterizza gli appezzamenti rosolinese non ha subito i danni tanto temuti. La conferma avvenuta dopo aver interpellato il presidente di zona della Coldiretti, Antonio Beltrame, che ha fatto il punto chiarendo come il buon risultato ottenuto fosse merito in gran parte del lavoro del Consorzio di Bonifi ca, in collaborazione con la Coldiretti, che ha evitato il peggio annullando i rischi derivanti dallacqua in

    eccesso nei campi. Unico problema ora ora sperare

    che smetta al pi presto la pioggia incessante per poter procedere con il trapianto delle piantine di radicchio che avrebbe dovuto cominciare gi dalla fi ne di gennaio. Salvo il radicchio in-

    vernale il cui ciclo giunto al termine, rischiamo di tardare con quello primaverile spiega Beltrame a causa delle continue piogge che impediscono di scendere nei campi per interrare le piantine. Ad ogni modo pare che leffettiva conta dei danni, che interessa principalmente le aree destinate a grano che interessano in minor misura Rosolina, si far pi in l. A destare la preoccupazione ci saranno di certo le spese per lelettricit utilizzata per le pompe di sollevamento e la saturazione dei terreni che renderanno diffi cile la lavorazione della terra.

    A pagare le conseguenze delle piogge copiose non sono per stati solo i cosid-detti orti di terra, ma quelli che a Rosolina vengono identifi cati come gli orti di mare, ovvero le lagune. Labbondante acqua dolce proveniente dai rami del Po ha infatti creato non pochi danni al mondo della pesca, in particolare modo di quello delle lagune, dove lequilibrio fatto di acqua salmastra stato messo alla dura prova, provocando morie dovute alla mancanza della giusta percentuale di salinit nellhabitat dei molluschi.

    El.Ca.

    Labbondante acqua dolce ha provocato la moria di mitili nelle lagune

    Delta Sorriso s.r.l.Ambulatorio Odontoiatrico

    Via Romea Nuova 17/A RIV di Ariano nel Polesine 45012 ROVIGO

    Tel. 0426 379442

    PRIMA VISITA con telecamera endoraleRADIOLOGIA digitale e T.A.C 3D cone beam a bassa dose di radiazioniIMPLANTOLOGIA computer assistita SENZA BISTURI, SENZA TAGLI,SENZA PUNTI DI SUTURAORTODONZIA esteticaPROTESI SENZA METALLO

    Direttore sanitario: OSTI Dott. STEFANO

    [email protected]

    www.deltasorriso.it

    Aperto anche il sabato

    DELTA SORRISO TASSO ZERODelta Sorriso attenta alle esigenze economiche che hanno travolto il nostro paese e colpito molte famiglie in grado di proporre soluzioni di pagamento personalizzate:

    ALCUNI ESEMPI:

    1.000 da retituire in 24 mesi - rata mensile di 41,66

    2.000 da retituire in 24 mesi - rata mensile di 83,33

    3.000 da retituire in 24 mesi - rata mensile di 125,66

  • 6 Porto Viro

    Hanno raggiunto lobiettivo e oggi possono rac-contare con orgoglio di quel viaggio volto alla scoperta della fine del mondo, oltre la Terra di fuoco. I Free Bikers sono tornati ricchi di nuove espe-rienze ed emozioni, tutte da raccontare, dallitinerario battezzato Patagonia, l dove comanda il vento. Il gruppo composto dai quattro amici Vincenzo Mancin, Vittorio Cacciatori, Mauro Garbin e Mario Mantovan grazie allultima impresa portata a termine con grande successo ha affrontato un viaggio nella natura incon-taminata della Patagonia, il tutto sulle due ruote. Un percorso che di certo non sar dimenticato n dai diretti interessati e n da chi in queste settimane ha avuto loccasione di ammirare le immagini e ascoltare i rac-conti ancora freschi e vivi di ricordi degli incontri e delle avventure dei cicloamatori. Il tragitto scelto dai quattro amici, che per loccasione sono stati accompagnati dal veranese Alexandre Pessin, ha avuto inizio dalla citt di Esquel, da cui i cinque hanno proceduto con lattraver-samento delle Ande per arrivare poi al Cile e proseguire lungo la Carretera Austral. Un viaggio diretto ai confini del mondo lungo1600 km e che ha previsto tappe pre-

    stabilite per permettere lincontro con alcune persone. Tra queste vi stato lappuntamento con Jorge Aliberti, appassionato ciclista di Esquel, con Raul Manco, discen-dente indios aonikenk Ehuelches meridionales e col direttore del turismo di Perito Moreno, Hctor Torres. A Coyaique i Free Bikers hanno invece avuto modo di

    incontrare il vescovo della regione di Aysn, impegnato in una battaglia contro la privatizzazione dellacqua e la costruzione di dighe in Cile. In segno di solidariet gli stata donata una maglietta firmata dal gruppo e da alcuni rappresentanti istituzionali polesani per sottoline-are la solidariet con il popolo cileno al motto di Pata-gonia senza dighe, lacqua un diritto umano. Infine, ad Ushuaia il giornalista Charly Lopez ha accompagna-to il gruppo nella visita del territorio e nei racconti della storia di Carlo Borsari, limprenditore giunto da Genova nel 1948 con gli operai bolognesi della propria ditta.

    di Elisa Cacciatori

    Vincenzo Mancin, Vittorio Cacciatori, Mauro Garbin e Mario Mantovan hanno percorso 1600 chilometri da Esquel, attraverso le Ande, il Cile, lungo la Carretera Austral fino alla Patagonia

    Esperienze Quattro Free Bikers portoviresi reduci dallAmerica Latina

    Viaggio alla fine del mondo

    La spedizione portovirese davanti al cartello di Ushuaia che indica la fine del mondo

    A Porto Viro attual-mente in corso una serie di interventi volti a riqualificare la rete pub-blica di illuminazione. Si tratta di un provvedimento che si sviluppa in linea con quanto disposto e approva-to in sede di una recente delibera di giunta comu-nale, secondo cui i lavori saranno effettuati fino alla fine del 2014 nellambito della convenzione Consip. Il Comune di Porto Viro, a partire dal 2013 ha di fatto stipulato un contratto relativo al servizio luce della durata di nove anni il cui importo complessivo previsto pari a una somma di 3.797.035 euro, Iva compresa. Laccordo prevede, tra le altre cose, che vengano ese-guiti lavori pari al il 10%, e corrispondenti a 269.557, 40 euro, dellimporto contrattua-le a totale carico del gestore e lavori facol-tativi corrispondenti al 20% del canone per 447.031,70 euro da realizzare a carico del Comune. Gli interventi previsti dal proget-to in questione trovano collocazione in tre specifiche categorie. Il progetto prevede tre diverse tipologie di interventi che dovranno essere effettuati nella rete di pubblica illu-minazione. Nello specifico si tratta nel pri-mo caso di andare a riqualificare dal punto

    di vista energetico la rete attraverso il depo-tenziamento e la sostituzione delle lampa-de, in seconda battuta si reso necessario ladeguamento normativo delle strutture e, infine, la manutenzione straordinaria degli impianti che si trovano allinterno del territorio comunale. Su proposta dello stesso fornitore, il 10% dellinvestimento previsto che risulta essere pari a 269.557, 40 euro, sar aumentato a sue spese sino al raggiungimento di 350.341,51 euro pi Iva. La giunta municipale volta a discutere in merito alla questione, ha approvato il progetto tecnico-economico degli interventi per la quota a carico del fornitore necessa-ria per compiere ladeguamento normativo e i lavori per il risparmio energetico degli impianti di illuminazione pubblica.

    ILLuMINAZIONE uN CANTIERE LuNgO uN ANNO

    El.Ca.

    Listituto tecnico eco-nomico di Porto Viro si qualifica alle finali nazionali di Young Busi-ness Talents, il concorso europeo che scopre i futuri manager. Gli studenti che hanno raggiunto il traguar-do, e che competeranno tra i migliori 75 team italiani a Milano, sono i ragazzi della 3^ A AFM con la squadra de I tre dellavemaria formata da Giuseppe Adamo, Serena Ponzetto e Elisa Rocca che, insieme ai loro compagni, raggruppati nei team Ciambelle con Vanda Primilova, Giulia Finotto, Fabio Esposito e i barufanti Bea-trice Vianello, Chiara Pozzato, Giovanni Moscatiello sono giunti alla fase finale del concorso. Il Young Business Talents come spiegano i ragazzi - il pi grande talent dEuropa dedicato al business, lo scopo di gestire virtualmente una multinazionale in tutte le sue decisioni e comportamenti grazie al simulatore dimpresa di 3 generazione attualmente utilizzato da alcuni dei pi grandi colossi industriali mondiali e dalle migliori busi-ness university internazionali. Da ottobre gli studenti dellistituto guidati dal professore di economia aziendale Sandro Secchiero si sono affrontati con i colleghi di tutta Italia in una competizione a pi livelli, regionale, nazionale e internazionale, che prevede premi per i migliori e provato sulla propria pelle cosa significa dirigere unazienda. La fase finale del concorso prevede un bottino di premi di quasi diciassette mila euro oltre al rilascio delle certificazioni che andranno ad arricchire il curriculum dei partecipanti.

    fOcus

    Young Business Talentsi futuri manaGer deLLa 3^ afm tra i miGLiOri 75 team itaLiani

    El.Ca.

    Tra gli interventi: la riqualificazione energetica attraverso il depotenziamento e la sostituzione delle lampade

    Hanno incontrato il vescovo di Aysn e fatto propria la battaglia contro la privatizzazione dellacqua

    PAGAMENTO IN CONTANTI

    CALLE MUNEGHETTE, 205 CENTRO DI CHIOGGIA CORSO DEL POPOLO (a fianco chiesetta San Francesco) tel 041 4968379

    VIA S: MARCO 1933/CSOTTOMARINA (VENEZIA) - tel 041 4968055

    a C h i o g g i a e S o t t o m a r i n a

    Da noi troverai accoglienza,onest,competenzae le migliori quotazioni !

    Ritiriamo ORO e Argento Ci occupiamo di disimpegno polizze

    SERIET E RISERVATEZZA CI CONTRADDISTINGUONO

    ORARIO:dal luned al sabato09:00 - 12:3015:30 - 19:00

  • di Elisa Cacciatori

    Linvestimento previsto per la realizzazione degli interventi pari a 220.000 euro

    Opere pubbliche La giunta comunale ha approvato il progetto preliminare

    Nuovo look per la sala dellEracle

    Al via il restyling della sala dellEracle di Corso Risorgimento, nel cuore di Porto Viro. La giunta comunale ha approvato il progetto preliminare che prevede la manuten-zione straordinaria delledificio per migliorarne comodit e funzionalit, andando ad aggiun-gere tutta una serie di servizi indispensabili alle attivit previste. Lo spazio interno, secondo la relazione descrittiva, prevede una nuova distri-buzione e un nuovo sistema impiantistico, elet-trico e antincendio per una maggior garanzia in fatto di sicurezza.

    Tra gli interventi previsti vi la sostituzione della copertura delledificio, un provvedimen-to che si ritiene necessario al fine di ottenere una maggiore dinamicit architettonica sia dal punto di vista strutturale, sia da quello relativo allacustica interna della struttura. La nuova copertura avr forma semicircolare e sostituir quella esistente conferendo alledificio notevoli perfezionamenti dal punto di vista costruttivo e dellisolamento termico e acustico. I lavori pre-vedono inoltre la rimozione di una scala in ac-ciaio e del relativo ballatoio per permettere lin-stallazione di una nuova struttura di larghezza maggiore in linea con i canoni della normativa antincendio. In linea con le normative vigenti, saranno sostituite le porte attualmente presen-ti con porte Rei.

    Il progetto prevede inoltre interventi atti a realizzare nuovi servizi igienici per gli addetti alle manifestazioni che saranno posti in una zona adiacente ai camerini, oltre alla tinteggia-tura interna e la rimodulazione dellaltezza dei camerini con controsoffitti in cartongesso.

    E prevista anche la verifica, oltre alla rimodulazione, degli impianti elettrici. Giunge-ranno a completamento infine il palco, le luci e il sistema di gestione per lesposizione otti-male di spettacoli e manifestazioni in genere.

    Linvestimento previsto per la realizzazio-ne degli interventi, pari a 220.000 euro, rien-tra nel Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2013/2015 e sar finanziato con 92.476 euro derivanti dallavanzo di amministrazione 2011, con 20.000 euro dallavanzo di am-ministrazione 2012, con 57.523 dallavanzo di amministrazione presunto 2012 da svincolo vecchi fondi ALNG e con 66.000 nellambito del progetto integrato di valorizzazione com-

    merciale tra Comuni di Porto Viro, Taglio di Po, Loreo, Rosolina; capitoli di spesa che presenta-no la dovuta disponibilit.

    Una nuova copertura a forma semicircolare migliorer lisolamento termico delledificio

    Sauro Bos, Maria Rosa Crepaldi, Gabriella Burgato Dumas, Laura Fecchio, Silvana Maddalosso, Donatella Mangolini, Thomas Prearo, Stefano Zaia e Carluccio Zangirolami hanno potuto esporre alcune delle loro opere allevento inaugurato da Vittorio Sgarbi. Tanta laffluenza di pubblico, di critici darte, di persone dello spettacolo, di galleristi e di mercanti darte che han-no visitato gli stand dove hanno esposto pi di mille artisti selezionati nella scena internazionale. Le opere del sodalizio portovirese sono state molto apprezzate dallorganizzazione e dal pubblico e sono state scelte per una mostra che si terr a Monreale a cura della stessa organiz-zazione. Parole di elogio da parte della critica darte Francesca Biondolillo che ha sottolineato lastrattismo moderno di Bos, il segno deciso di Crepaldi, lu-niverso intimistico di Dumas, il mondo interiore di Fecchio, il fascino misterioso di Maddalosso, la fantasia pungente di Mangolini, la fluida spontaneit di Pre-aro, lessenzialit delle linee di Zaia, la plasticit delle figure di Zangirolami. Lassociazione nata nel 2005 che ha sede in piazza Repubblica, conta pi di 50 artisti.

    neWs

    gli artisti del Deltaun seGnO prOfOndO aLLa biennaLe deLLa creativit aL paLaexpO di verOna

    Giungeranno a completamento infine il palco, le luci e il sistema di gestione degli spettacoli

    El.Ca.

    9Porto Viro

  • 10 Porto Viro

    A Porto Viro si accendono i riflettori sulle ammini-strative di maggio. Tra chi ha scelto di venire su-bito allo scoperto e chi invece ancora attende e scruta con attenzione lambiente prima di compiere la prima mossa, cominciano a definirsi con una certa nitidezza gli scenari con cui si troveranno fare i conti i portoviresi alle elezioni che decreteranno la nuova amministrazione cittadina. La parole dordine, o se vogliamo semplicemente la pi abusata, con cui ci si sta battendo in questa campagna, pare essere giovani. Non c lista che non abbia specificato almeno una volta di essere composta da giovani che, forti della loro freschezza o gravati dal peso dellinesperienza, avranno il compito di portare aria nuova in politica. Il confronto gi cominciato.

    Non si pu certo dire che abbia saputo aspettare Thomas Giacon che ha dato modo di far parlare del suo Progetto Porto Viro gi dal 2013. Dapprima con un evento pubblico volto a introdurre il gruppo civico ad aprile 2013 e, in seguito, per voce dei candida-ti che ne hanno chiarito le linee programmatiche a dicembre.

    Tanti i giovani in senso stretto ma anche giovani rispetto alla politica che rappresentano la maggior parte dei candidati scelti da Giacon. Il mese di di-cembre 2013 stato il momento scelto anche dal candidato Doriano Mancin per dichiarare ufficialmen-

    te lintento di correre alle prossime comunali con una civica indipendente. Sin da subito la lista Mancin ha ricevuto lappoggio di Forza Italia, espresso dal gruppo regionale prima e direttamente dallo stesso Mauro Mainardi poi, giunto a Porto Viro in occasione dellinaugurazione del club di Forza Silvio. La lista Mancin conta, come lui stesso ha espresso, tanti gio-vani alla politica. Anche i pentastellati hanno dichia-rato di voler correre alle amministrative di maggio.

    Nel momento in cui si scrive non ancora stato reso noto il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle di Porto Viro ma il programma elettorale cos come la lista con cui prevista la discesa in campo sono gi stati preparati. Non da escludersi la pos-sibilit di una coalizione che, in caso, potr interes-sare le sole liste civiche pure, ovvero formate da cittadini che non hanno avuto mandati o tessera di partito nei due anni precedenti alle elezioni. Porto Viro pulita (PVp) la civica presentata da una com-pagine di imprenditori.

    Lintento di portare aria nuova in politica attra-verso giovani sia in senso stretto che in senso politi-co attraverso una serie di candidati portatori delle istanze degli imprenditori e una campagna che sar fatta in mezzo alla gente.

    Pure in questo caso ancora non si conosce lufficialit del candidato sindaco. In corsa anche il

    gruppo Decidiamo Insieme che fa riferimento a Maurizio Finessi e che, con Giuliano Zaia e Roberto Tortello, gi presente in consiglio. Non mancher anche a queste amministrative la presenza di An-tonino Tumiati col suo Partito del diritto al lavoro. Lattuale sindaco Geremia Gennari, pare ormai certo, torner in corsa per la poltrona di primo cittadino. Ma si tratta di una deduzione che il frutto dindi-screzioni. La scelta infatti pare essere quella di una strategia politica che non intende dar segno di voler scoprire le carte.

    di Elisa Cacciatori

    Amministrative Liste e candidati che si presenteranno al voto il prossimo 25 maggio

    Elezioni, iniziano le grandi manovre

    Il municipio di Porto Viro, il prossimo 25 maggio si voter per il rinnovo del consiglio comunale

    In lizza per la poltrona di sindaco ci sono gi lex primo cittadino Doriano Mancin, il consigliere di minoranza Thomas Giacon, Antonino Tumiati e Maurizio Finessi, mentre limprenditore Tiberio Tessarin ha presentato Porto Viro pulita e anche il M5s avr una propria lista. Nessuna certezza, invece, sulla candidatura dellattuale sindaco Gennari

    A poco meno di due anni dalla nascita lAs-sociazione Integrazione Migranti, meglio conosciuta in paese come Aim, conta 120 soci italiani e stranieri provenienti da 15 diverse nazionalit provenienti da tutto il mondo. Un motivo di orgoglio per il presidente del sodalizio Kadri Alushi, che descrive come fiore allocchiello delle attivit proposte il corso ditaliano comin-ciato lo scorso novembre e giunto in dirittura darrivo. Ogni marted il corso che si tiene allo-

    ratorio di San Giusto rappresenta un momento dincontro e di confronto che avvicina sempre di pi le persone alla comprensione della lingua italiana. Merito, come racconta lo stesso Alushi, delle insegnanti Leonilde Milani, Georgeta Isciuc e Simonetta Pregnolato. Ma tra le attivit pro-poste, hanno avuto un certo successo anche le lezioni di madrelingua per permettere agli italiani di imparare lingue sempre pi richieste dal mer-cato del lavoro quali il russo, il cinese e larabo.

    Non mancano, inoltre, le collaborazioni con altre realt di volontariato come il trasporto settimana-le con il gruppo famiglie di San Giusto di generi alimentari da Villaregia per la ridistribuire tra i bisognosi che si rivolgono alla parrocchia di Sca-lon. Di prossima attivazione, oltre al servizio di coordinamento per badanti, baby sitter e gover-nanti che sta prendendo lentamente piede, anche linnovativa diffusione di notizie radiofoniche in lingua originale per stranieri.

    fOcus LAssociazione Integrazione Migranti due anni di intensO LavOrO e di risuLtati

    Ma.Ce.

    segue da pag. 1

    Un errore fatale per due motivi. Da un lato perch lincuria e la scarsa manuten-zione hanno trasformato anche gli eventi atmosferici di media portata in una spada di Damocle calamitosa. Dallaltro perch si rivelata tremendamente miope la visio-ne di chi non ha mai considerato la tutela ambientale come risorsa, come garanzia

    di una tenuta economica e produttiva di un intero territorio: basti pensare a quante famiglie e aziende sono state irrimediabilmente messe in ginocchio a causa di unalluvione. Cambiare passo si-gnifi ca spostare le logiche di gigantismo che, fi sicamente, hanno intasato fi no allinverosimile la terra veneta in direzione dellunica, vera, grande opera che doverosamente deve essere ora compiuta, rendendo sicure, compatibili con lambiente ed ugualmente produt-tive le nostre terre. Questo lo si pu fare approvando una nuova legge regionale contro il consumo del suolo, proposta che il PD ha presentato da mesi. Ma anche puntando su norme urbanistiche, anche importanti per leconomia locale, come il Piano Casa, che non privino comunque le amministrazioni locali del loro compito di vigilare su ogni forma di speculazione dannosa per il territorio stesso. Di sicuro indispensabile mettere a disposizione le risorse: per la voce Tutela del territorio la Giunta Zaia aveva previsto per il 2014 uno stanziamento di 166,8 milioni. Praticamente gli stessi soldi del 2013 (165,9 milioni) e addirittura meno di quelli stanziati nel 2012 (175,6 milioni). E evidente che cos non va e che si debba fare uno sforzo straordinario per aumentare di molto questa cifra. Il PD ha proposto un piano di investimenti decennale: 100 milioni in pi, rispetto alla proposta della Giunta, nel 2014 e 50 milioni per ognuno dei successivi nove anni, da destinare esclusiva-mente ad opere infrastrutturali straordinarie di difesa permanente, che esulano dallordinaria manutenzione. Basti pensare ai bacini di laminazione, piuttosto che alle barriere subacquee per la tutela degli arenili, per i quali ormai la periodica attivit di ripascimento si rivela dispendiosa ed insuffi ciente. Il presidente Zaia non si limiti ad invocare fi nanziamenti statali, gli stessi che peraltro hanno consen-tito di realizzare una parte di interventi negli ultimi anni: decida di fare la propria parte e di investire per il futuro del Veneto.

    * Capogruppo PD in Consiglio regionale

    LIntervento

    di Lucio Tiozzo*

    Sulla difesa idrogeologica la Regione ha speso male e poco

    Pizzeria - Spaghetteria Dal Bambolodi Canato Michele

    Via N.Cattozzo, 45 ADRIA (RO)Tel. 0426 40671

    www. [email protected]

  • 2 Argomento del mese

    Pagina a cura dellamministrazione comunale

    Il sindaco Geremia Gennari, traccia il bilancio del suo mandato quin-quennale da primo cittadino della citt di Porto Viro: terza citt po-lesana per numero di abitanti e co-mune pi popoloso, che il prossi-mo 25 maggio andr alle urne per lelection day.

    Il primo tema trattato da Gennari quel-lo della gestione della macchina pubblica che dal livello nazionale a quello comuna-le rappresenta la principale artefice delle difficolt che tutti stiamo vivendo. Soprat-tutto in questo ultimo periodo. Per il conti-nuo aggravarsi della situazione, si registra quotidianamente il malessere dei cittadini, e le difficolt derivanti dallaver perso loc-cupazione e di conseguenza la disponibilit economica a pagare le utenze, laffitto e quantaltro. In questa situazione dobbli-go partire riportando le principali voci del bilancio comunale, per avere una visione chiara e concreta della nostra realt.

    Le indicazioni da seguire a livello nazio-nale per avere un bilancio sano quello di diminuire in primo luogo il debito pubblico, e nello stesso tempo razionalizzare, ridu-cendo e spendendo meglio le risorse pub-bliche disponibili. In questi cinque anni, per quanto riguarda i numeri del bilancio della citt di Porto Viro, ho lorgoglio di poter di-mostrare che lammontare del debito, a par-tire dal 2007 (anno in cui stato contratto lultimo mutuo) al 2014, stato ridotto da 16 milioni 328 mila euro a 11 milioni e 483 mila euro, corrispondente ad una diminuzio-ne di 4 milioni 845 mila euro. I parametri ministeriali, in questi anni, sono stati sem-pre tutti rispettati. Gli investimenti fatti in conto capitale, non hanno visto la necessi-t di accensione di nuovi mutui o prestiti di alcun genere. Relativamente alle entra-te da trasferimenti correnti dello stato, nel 2007 sono stati 3 milioni 474 mila euro, per passare nel 2013 a 1 milione 620 mila euro, con una diminuzione di entrate di 1 milione 854 mila euro. Abbiamo alleggerito lorgani-co del personale comunale di 11 unit, con un risparmio di circa 400 mila euro: posso tranquillamente asserire che ancora pos-sibile diminuire di qualche unit in alcuni settori, per in altri vi la necessit di fare delle integrazioni, tant che per il 2014 si dovr procedere ad assunzioni tramite mo-bilit di quattro persone (uno allanagrafe, uno allurbanistica, uno al corpo di polizia locale e uno allufficio segreteria). Sul fron-te delle entrate dirette, abbiamo diminuito di 150 mila euro il costo complessivo tra Tia e Tares, anche se stiamo affrontando altri problemi ancora aperti sotto laspetto del servizio. Per quanto riguarda lImu, lobiet-tivo stato quello di contenerne il peso con lapplicazione dello 0,8 per mille anzich del 1,06 per mille per le seconde case e le attivit produttive, con ci lasciando nelle

    tasche dei titolari 1 milione e 200 mila euro, e ci stato sicuramente positivo. Lultimo provvedimento in termini di abbassamento delle tasse quello relativo alla riduzione da 130 a 91 euro allanno, a favore della concessione dei pontili ai pescatori di Porto Levante. In questo ultimo periodo non sono state toccate le tariffe dei servizi a domanda diretta ai cittadini per lasilo nido, le scuole materne, la mensa, lo scuolabus, ecc. Per questo credo di poter dire, che la mia ammi-nistrazione stata virtuosa, oltre al fatto di aver rispettato il patto di stabilit. E anche se tutto ci rappresenta un granello di sab-bia nella complessa macchina nazionale che vede laumento del debito pubblico, della tassazione e tagli sempre pi gravosi verso gli enti locali, ritengo che abbiamo fatto il nostro dovere come amministratori.

    Sono stati mantenuti i servizi con una buona offerta e quindi stata garantita una gestione positiva della cosa pubblica. Siamo riusciti a sostenere con apposite convenzio-ni, una quota a sostegno di diverse realt, come lAuser, lOratorio San Giusto, la Co-operativa Don Sandro Dordi, e altre realt minori del volontariato, sportive, ricreati-ve, parrocchiali, culturali, sociali e del tem-po libero, che vivono grazie al grande cuore portovirese e alla disponibilit di tanti cit-tadini che sostengono concretamente e quo-tidianamente queste attivit. Nel contempo abbiamo provveduto in questi anni a realiz-zare una serie di investimenti: per asfaltatu-re e segnaletica stradale sono stati investiti 520 mila euro; per gli interventi della messa in sicurezza degli edifici scolastici 910 mila euro; per gli impianti sportivi comunali 520 mila euro; per larredo urbano, ciclabili e verde 250 mila euro, per i pontili a Porto Levante e posti barca a favore della pesca 250 mila euro; per piazza don Sandro Dor-di 584 mila euro; per lampliamento dell Ecocentro 475 mila euro, per un totale di

    3 milioni 509 mila euro. Come noto a tutti, stiamo vivendo in questo momento la nega-tiva vicenda collegata alla realizzazione del mega progetto, che prevede la realizzazio-ne di ben sei opere - piazza Garibaldi per 500 mila euro, riqualificazione del Colletto-re Padano per 2 milioni di euro, marciapiedi nelle vie Luigi Siviero e Malipiera per 500 mila euro, interventi per la rotatoria della pentavia per 580 mila euro, completamento del nuovo stadio per 600 mila euro e manu-tenzione delle strade per 400 mila euro, per un totale di 4 milioni 580 mila euro. Come sotto agli occhi di tutti, limpresa ha ab-bandonato improvvisamente e senza comu-nicazioni i lavori; sembra quasi certo che la medesima impresa abbia fatto la stessa cosa anche nel comune di Minerbio. Quello che certo, che questo comportamento ha creato disagio a tutti, e tutto ci non nato come qualcuno sostiene da responsa-bilit attribuibili allamministrazione, anzi, abbiamo pagato secondo il cronoprogramma i tre SAL (stati avanzamento lavori) allim-presa. Non esprimo il mio pensiero su que-sta vicenda perch allattenzione della Magistratura, oltre al fatto che la ditta ri-sulta nel portale dei fallimenti della citt di Pesaro. Siamo quindi impegnati a distri-care la matassa in tempi brevi per arrivare a riprendere e finire i lavori delle sei opere previste. I problemi maggiori derivano dalle asfaltature mancate e previste dal proget-to, per le quali i cittadini ne risentono in termini di disagio.

    Il sindaco Geremia Gennari affronta poi la questione delle opere e della progettua-lit che interesseranno la citt di Porto Viro affermando: In esecuzione del piano trien-nale delle opere approvate, stiamo proce-dendo con progetti gi avviati, approvati e laffidamento dei lavori; la manutenzione straordinaria della sala Eracle per 220 mila euro, la realizzazione dei marciapiedi di via

    Bilancio di fine mandato 2009/2014

    Tribano informaPorto Viro 3Argomento del mesePagina a cura dellamministrazione comunale

    ... Navi Romane per 135 mila euro; la manu-tenzione del Palazzo delle Associazioni per 150 mila euro, la realizzazione dellincro-cio tra via Cao Marina e via Rismondo per 60 mila euro; la manutenzione straordina-ria della struttura in pineta San Giusto per 150 mila euro; il rifacimento del fabbrica-to allinterno del sito dellassociazione Le Dune per altri 150 mila euro. Altri finanzia-menti sono previsti per sistemare la via di accesso del cimitero di Contarina e il fabbri-cato dei mini alloggi di piazza Matteotti, per interventi di messa in sicurezza di dissuasori e velobox in diverse strade cittadine, per una nuova rotatoria per la messa in sicurez-za dellincrocio di piazza Matteotti ed al-tri progetti per un importo previsto di 500 mila euro. In uno degli ultimi provvedimen-ti di giunta, abbiamo assegnato allIstituto Comprensivo di Porto Viro, 60 mila euro per la gestione diretta dellistituto scolastico, per tutta una serie di interventi straordinari urgenti. Ricordo anche il progetto per la ri-qualificazione dei centri storici che vede la citt di Porto Viro capofila, assieme a Taglio di Po, Rosolina e Loreo, per 450 mila euro; altri importanti investimenti interesseranno la rete della videosorveglianza e altri in pro-gramma. Molti altri provvedimenti sono stati assunti dal Consiglio Comunale, come lap-provazione del Protocollo dintesa della ci-clovia Ven.To (Venezia, Milano, Torino) lungo il Fiume Po; lordine del giorno a difesa della Casa di cura Madonna della Salute di Porto Viro; lapprovazione del Protocollo dintesa con Aipo per la sede della Protezione Civile nel fabbricato di via Argine Po. Fra gli al-tri provvedimenti il Protocollo dintesa tra lIstituto superiore C. Colombo ad indirizzo turistico e lEnte Parco per una concreta col-laborazione su progetti specifici in un percor-so di formazione, lacquisto di 26 computer e un contributo a sostegno del laboratorio di scienze per la scuola media di Donada, il voto contrario allestrazione di idrocarburi nel nostro territorio, il voto favorevole e la conseguente sottoscrizione alla candidatura ad area Mab Unesco del nostro comune che fa parte dellEnte Parco, il provvedimento per favorire il rilancio della Casa dei Polesa-ni e Veneti nel mondo. Ed ancora, lapprova-zione dellodg con il quale abbiamo chiesto al Consiglio Regionale di indire il referen-dum per lindipendenza veneta, ladesione al Patto dei sindaci, che prevede il raggiun-gimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto, e a questo proposito attraverso la Consip stata approvata la razionalizzazione del risparmio energetico nelle reti pubbliche e linstallazione di pannelli solari negli edifi-ci pubblici. Abbiamo in corso dopera un pro-getto che favorisca la mobilit in senso sud/nord nel nostro territorio, attraverso un ser-vizio sovracomunale pubblico di bus navet-ta, che colleghi Rosolina, Loreo, Porto Viro e forse Taglio di Po. Altri progetti sono lEco-museo, relativo alla ristrutturazione del Mu-seo della Corte di Ca Cappello, il Museo del

    Miele di Ca Cappellino, il Museo della caccia e pesca di valle di Ca Pisani, per un totale di 500 mila euro, il Centro di documentazio-ne cinematografica per 300 mila euro ed una pista ciclabile sullargine del Po di Maistra per 200 mila euro, progetti tutti realizzati con fondi pubblici ottenuti dallEnte Parco del Delta del Po. Fra i progetti da avviare anche la messa a norma della viabilit pub-blica (marciapiedi) con labbattimento delle barriere architettoniche, e la rivitalizzazio-ne di piazza Repubblica e piazza Caduti Trie-stini. A seguito di un corso organizzato della Camera di Commercio, Porto Viro metter a disposizione degli ambienti per favorire lav-vio di nuove imprese, attraverso startup. Per quanto riguarda Porto Levante in itinere la realizzazione della passeggiata sulla diga, dove saranno previste panchine e punti luce. Questa progettualit ed altra, sar realizza-bile, attivando ed inserendoci nella prossi-ma programmazione finanziamenti europei nellarco di tempo 2014/2020 e a questo proposito, proprio a seguito della capacit di attingere a finanziamenti europei, abbia-mo realizzato molte opere e manifestazioni importanti, tra le quali il progetto Lapis Lo-cal art & Food, ed il progetto di promozione turistica e marketing territoriale che si con-cluder per la fine di Marzo.

    Nel concludere il sindaco Gennari affer-ma: Sto chiudendo cinque anni di ammini-strazione e i ringraziamenti sono doverosi verso il grande esercito di volontari che si dedicano alle attivit del tempo libero e ri-creativo, come la Pro Loco di Donada pre-sieduta da Antonella Ferro, lassociazione Le Dune presieduta da Dismo Milani ed il Grup-po Iniziative per lAmbiente presieduto da Vincenzo Mancin, le societ sportive che con i loro risultati portano alto il nome di Porto Viro, a partire dai judoka pluricampioni ita-liani, europei e bronzo ai mondiali di Kyoto Andrea Fregnan e Stefano Moregola, e via via i risultati conseguiti dalle squadre porto-viresi in altre discipline sportive (il calcetto

    delle Murazze, la pallavolo maschile e fem-minile ecc.). Ed ancora la Protezione Civile e la Banda Musicale cittadina, ambasciatrice dentro e fuori i confini della nostra citt. Un grande impegno stato quello di dedicare tempo e risorse a quei cittadini che pi han-no bisogno, perch in questo periodo stanno vivendo il dramma della mancanza di un la-voro e di una casa: famiglie alle quali cer-chiamo di dare risposte, anche se incomple-te o non del tutto soddisfacenti. Da qualche tempo abbiamo acquistato due case mobili e a breve ne prenderemo altre tre, come solu-zioni tampone per quelle situazioni famiglia-ri pi drammatiche. A conclusione dei cinque anni di mandato dobbligo ringraziare tutti i dipendenti comunali, per i quali vado fiero, compreso loperato svolto dal corpo di Po-lizia Locale. Lesperienza politica di questi anni stata negativa perch dopo aver vinto le elezioni del 2009 con il 71,19%, dal gior-no dopo sono iniziate le manovre allinter-no della maggioranza per mandarmi a casa. Non ripercorro le varie fasi, ma ricordo che stato costituito un gruppo che mi ha tolto la fiducia, gruppo che ha dimostrato lassoluta pochezza delle motivazioni della loro scelta, e oggi stiamo assistendo ad una disgregazio-ne della maggioranza con la costituzione di liste concorrenti: una situazione assoluta-mente negativa e deleteria e motivata sol-tanto da appetiti non sempre giustificabili e legittimi. Io termino il mio mandato assi-curando i cittadini sulla buona salute della gestione pubblica in termini di bilancio, pur con le difficolt del momento. Abbiamo dato delle risposte a tutti, dalla scuola, alla sa-nit, allassistenza, e in termini di crescita della citt abbiamo realizzato e riqualificato molte infrastrutture, al punto che Porto Viro riconosciuta anche oltre i confini provin-ciali e regionali come un esempio di buona amministrazione. Penso in coscienza di aver fatto il mio dovere anche se tante problema-tiche devono essere ancora affrontate, con laugurio che la vita possa riservare a tutti pi soddisfazioni.

    Bilancio di fine mandato 2009/2014

    Tribano informaPorto ViroMessaggio pubblicitario

  • 2 Argomento del mese

    Pagina a cura dellamministrazione comunale

    Il sindaco Geremia Gennari, traccia il bilancio del suo mandato quin-quennale da primo cittadino della citt di Porto Viro: terza citt po-lesana per numero di abitanti e co-mune pi popoloso, che il prossi-mo 25 maggio andr alle urne per lelection day.

    Il primo tema trattato da Gennari quel-lo della gestione della macchina pubblica che dal livello nazionale a quello comuna-le rappresenta la principale artefice delle difficolt che tutti stiamo vivendo. Soprat-tutto in questo ultimo periodo. Per il conti-nuo aggravarsi della situazione, si registra quotidianamente il malessere dei cittadini, e le difficolt derivanti dallaver perso loc-cupazione e di conseguenza la disponibilit economica a pagare le utenze, laffitto e quantaltro. In questa situazione dobbli-go partire riportando le principali voci del bilancio comunale, per avere una visione chiara e concreta della nostra realt.

    Le indicazioni da seguire a livello nazio-nale per avere un bilancio sano quello di diminuire in primo luogo il debito pubblico, e nello stesso tempo razionalizzare, ridu-cendo e spendendo meglio le risorse pub-bliche disponibili. In questi cinque anni, per quanto riguarda i numeri del bilancio della citt di Porto Viro, ho lorgoglio di poter di-mostrare che lammontare del debito, a par-tire dal 2007 (anno in cui stato contratto lultimo mutuo) al 2014, stato ridotto da 16 milioni 328 mila euro a 11 milioni e 483 mila euro, corrispondente ad una diminuzio-ne di 4 milioni 845 mila euro. I parametri ministeriali, in questi anni, sono stati sem-pre tutti rispettati. Gli investimenti fatti in conto capitale, non hanno visto la necessi-t di accensione di nuovi mutui o prestiti di alcun genere. Relativamente alle entra-te da trasferimenti correnti dello stato, nel 2007 sono stati 3 milioni 474 mila euro, per passare nel 2013 a 1 milione 620 mila euro, con una diminuzione di entrate di 1 milione 854 mila euro. Abbiamo alleggerito lorgani-co del personale comunale di 11 unit, con un risparmio di circa 400 mila euro: posso tranquillamente asserire che ancora pos-sibile diminuire di qualche unit in alcuni settori, per in altri vi la necessit di fare delle integrazioni, tant che per il 2014 si dovr procedere ad assunzioni tramite mo-bilit di quattro persone (uno allanagrafe, uno allurbanistica, uno al corpo di polizia locale e uno allufficio segreteria). Sul fron-te delle entrate dirette, abbiamo diminuito di 150 mila euro il costo complessivo tra Tia e Tares, anche se stiamo affrontando altri problemi ancora aperti sotto laspetto del servizio. Per quanto riguarda lImu, lobiet-tivo stato quello di contenerne il peso con lapplicazione dello 0,8 per mille anzich del 1,06 per mille per le seconde case e le attivit produttive, con ci lasciando nelle

    tasche dei titolari 1 milione e 200 mila euro, e ci stato sicuramente positivo. Lultimo provvedimento in termini di abbassamento delle tasse quello relativo alla riduzione da 130 a 91 euro allanno, a favore della concessione dei pontili ai pescatori di Porto Levante. In questo ultimo periodo non sono state toccate le tariffe dei servizi a domanda diretta ai cittadini per lasilo nido, le scuole materne, la mensa, lo scuolabus, ecc. Per questo credo di poter dire, che la mia ammi-nistrazione stata virtuosa, oltre al fatto di aver rispettato il patto di stabilit. E anche se tutto ci rappresenta un granello di sab-bia nella complessa macchina nazionale che vede laumento del debito pubblico, della tassazione e tagli sempre pi gravosi verso gli enti locali, ritengo che abbiamo fatto il nostro dovere come amministratori.

    Sono stati mantenuti i servizi con una buona offerta e quindi stata garantita una gestione positiva della cosa pubblica. Siamo riusciti a sostenere con apposite convenzio-ni, una quota a sostegno di diverse realt, come lAuser, lOratorio San Giusto, la Co-operativa Don Sandro Dordi, e altre realt minori del volontariato, sportive, ricreati-ve, parrocchiali, culturali, sociali e del tem-po libero, che vivono grazie al grande cuore portovirese e alla disponibilit di tanti cit-tadini che sostengono concretamente e quo-tidianamente queste attivit. Nel contempo abbiamo provveduto in questi anni a realiz-zare una serie di investimenti: per asfaltatu-re e segnaletica stradale sono stati investiti 520 mila euro; per gli interventi della messa in sicurezza degli edifici scolastici 910 mila euro; per gli impianti sportivi comunali 520 mila euro; per larredo urbano, ciclabili e verde 250 mila euro, per i pontili a Porto Levante e posti barca a favore della pesca 250 mila euro; per piazza don Sandro Dor-di 584 mila euro; per lampliamento dell Ecocentro 475 mila euro, per un totale di

    3 milioni 509 mila euro. Come noto a tutti, stiamo vivendo in questo momento la nega-tiva vicenda collegata alla realizzazione del mega progetto, che prevede la realizzazio-ne di ben sei opere - piazza Garibaldi per 500 mila euro, riqualificazione del Colletto-re Padano per 2 milioni di euro, marciapiedi nelle vie Luigi Siviero e Malipiera per 500 mila euro, interventi per la rotatoria della pentavia per 580 mila euro, completamento del nuovo stadio per 600 mila euro e manu-tenzione delle strade per 400 mila euro, per un totale di 4 milioni 580 mila euro. Come sotto agli occhi di tutti, limpresa ha ab-bandonato improvvisamente e senza comu-nicazioni i lavori; sembra quasi certo che la medesima impresa abbia fatto la stessa cosa anche nel comune di Minerbio. Quello che certo, che questo comportamento ha creato disagio a tutti, e tutto ci non nato come qualcuno sostiene da responsa-bilit attribuibili allamministrazione, anzi, abbiamo pagato secondo il cronoprogramma i tre SAL (stati avanzamento lavori) allim-presa. Non esprimo il mio pensiero su que-sta vicenda perch allattenzione della Magistratura, oltre al fatto che la ditta ri-sulta nel portale dei fallimenti della citt di Pesaro. Siamo quindi impegnati a distri-care la matassa in tempi brevi per arrivare a riprendere e finire i lavori delle sei opere previste. I problemi maggiori derivano dalle asfaltature mancate e previste dal proget-to, per le quali i cittadini ne risentono in termini di disagio.

    Il sindaco Geremia Gennari affronta poi la questione delle opere e della progettua-lit che interesseranno la citt di Porto Viro affermando: In esecuzione del piano trien-nale delle opere approvate, stiamo proce-dendo con progetti gi avviati, approvati e laffidamento dei lavori; la manutenzione straordinaria della sala Eracle per 220 mila euro, la realizzazione dei marciapiedi di via

    Bilancio di fine mandato 2009/2014

    Tribano informaPorto Viro 3Argomento del mesePagina a cura dellamministrazione comunale

    ... Navi Romane per 135 mila euro; la manu-tenzione del Palazzo delle Associazioni per 150 mila euro, la realizzazione dellincro-cio tra via Cao Marina e via Rismondo per 60 mila euro; la manutenzione straordina-ria della struttura in pineta San Giusto per 150 mila euro; il rifacimento del fabbrica-to allinterno del sito dellassociazione Le Dune per altri 150 mila euro. Altri finanzia-menti sono previsti per sistemare la via di accesso del cimitero di Contarina e il fabbri-cato dei mini alloggi di piazza Matteotti, per interventi di messa in sicurezza di dissuasori e velobox in diverse strade cittadine, per una nuova rotatoria per la messa in sicurez-za dellincrocio di piazza Matteotti ed al-tri progetti per un importo previsto di 500 mila euro. In uno degli ultimi provvedimen-ti di giunta, abbiamo assegnato allIstituto Comprensivo di Porto Viro, 60 mila euro per la gestione diretta dellistituto scolastico, per tutta una serie di interventi straordinari urgenti. Ricordo anche il progetto per la ri-qualificazione dei centri storici che vede la citt di Porto Viro capofila, assieme a Taglio di Po, Rosolina e Loreo, per 450 mila euro; altri importanti investimenti interesseranno la rete della videosorveglianza e altri in pro-gramma. Molti altri provvedimenti sono stati assunti dal Consiglio Comunale, come lap-provazione del Protocollo dintesa della ci-clovia Ven.To (Venezia, Milano, Torino) lungo il Fiume Po; lordine del giorno a difesa della Casa di cura Madonna della Salute di Porto Viro; lapprovazione del Protocollo dintesa con Aipo per la sede della Protezione Civile nel fabbricato di via Argine Po. Fra gli al-tri provvedimenti il Protocollo dintesa tra lIstituto superiore C. Colombo ad indirizzo turistico e lEnte Parco per una concreta col-laborazione su progetti specifici in un percor-so di formazione, lacquisto di 26 computer e un contributo a sostegno del laboratorio di scienze per la scuola media di Donada, il voto contrario allestrazione di idrocarburi nel nostro territorio, il voto favorevole e la conseguente sottoscrizione alla candidatura ad area Mab Unesco del nostro comune che fa parte dellEnte Parco, il provvedimento per favorire il rilancio della Casa dei Polesa-ni e Veneti nel mondo. Ed ancora, lapprova-zione dellodg con il quale abbiamo chiesto al Consiglio Regionale di indire il referen-dum per lindipendenza veneta, ladesione al Patto dei sindaci, che prevede il raggiun-gimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto, e a questo proposito attraverso la Consip stata approvata la razionalizzazione del risparmio energetico nelle reti pubbliche e linstallazione di pannelli solari negli edifi-ci pubblici. Abbiamo in corso dopera un pro-getto che favorisca la mobilit in senso sud/nord nel nostro territorio, attraverso un ser-vizio sovracomunale pubblico di bus navet-ta, che colleghi Rosolina, Loreo, Porto Viro e forse Taglio di Po. Altri progetti sono lEco-museo, relativo alla ristrutturazione del Mu-seo della Corte di Ca Cappello, il Museo del

    Miele di Ca Cappellino, il Museo della caccia e pesca di valle di Ca Pisani, per un totale di 500 mila euro, il Centro di documentazio-ne cinematografica per 300 mila euro ed una pista ciclabile sullargine del Po di Maistra per 200 mila euro, progetti tutti realizzati con fondi pubblici ottenuti dallEnte Parco del Delta del Po. Fra i progetti da avviare anche la messa a norma della viabilit pub-blica (marciapiedi) con labbattimento delle barriere architettoniche, e la rivitalizzazio-ne di piazza Repubblica e piazza Caduti Trie-stini. A seguito di un corso organizzato della Camera di Commercio, Porto Viro metter a disposizione degli ambienti per favorire lav-vio di nuove imprese, attraverso startup. Per quanto riguarda Porto Levante in itinere la realizzazione della passeggiata sulla diga, dove saranno previste panchine e punti luce. Questa progettualit ed altra, sar realizza-bile, attivando ed inserendoci nella prossi-ma programmazione finanziamenti europei nellarco di tempo 2014/2020 e a questo proposito, proprio a seguito della capacit di attingere a finanziamenti europei, abbia-mo realizzato molte opere e manifestazioni importanti, tra le quali il progetto Lapis Lo-cal art & Food, ed il progetto di promozione turistica e marketing territoriale che si con-cluder per la fine di Marzo.

    Nel concludere il sindaco Gennari affer-ma: Sto chiudendo cinque anni di ammini-strazione e i ringraziamenti sono doverosi verso il grande esercito di volontari che si dedicano alle attivit del tempo libero e ri-creativo, come la Pro Loco di Donada pre-sieduta da Antonella Ferro, lassociazione Le Dune presieduta da Dismo Milani ed il Grup-po Iniziative per lAmbiente presieduto da Vincenzo Mancin, le societ sportive che con i loro risultati portano alto il nome di Porto Viro, a partire dai judoka pluricampioni ita-liani, europei e bronzo ai mondiali di Kyoto Andrea Fregnan e Stefano Moregola, e via via i risultati conseguiti dalle squadre porto-viresi in altre discipline sportive (il calcetto

    delle Murazze, la pallavolo maschile e fem-minile ecc.). Ed ancora la Protezione Civile e la Banda Musicale cittadina, ambasciatrice dentro e fuori i confini della nostra citt. Un grande impegno stato quello di dedicare tempo e risorse a quei cittadini che pi han-no bisogno, perch in questo periodo stanno vivendo il dramma della mancanza di un la-voro e di una casa: famiglie alle quali cer-chiamo di dare risposte, anche se incomple-te o non del tutto soddisfacenti. Da qualche tempo abbiamo acquistato due case mobili e a breve ne prenderemo altre tre, come solu-zioni tampone per quelle situazioni famiglia-ri pi drammatiche. A conclusione dei cinque anni di mandato dobbligo ringraziare tutti i dipendenti comunali, per i quali vado fiero, compreso loperato svolto dal corpo di Po-lizia Locale. Lesperienza politica di questi anni stata negativa perch dopo aver vinto le elezioni del 2009 con il 71,19%, dal gior-no dopo sono iniziate le manovre allinter-no della maggioranza per mandarmi a casa. Non ripercorro le varie fasi, ma ricordo che stato costituito un gruppo che mi ha tolto la fiducia, gruppo che ha dimostrato lassoluta pochezza delle motivazioni della loro scelta, e oggi stiamo assistendo ad una disgregazio-ne della maggioranza con la costituzione di liste concorrenti: una situazione assoluta-mente negativa e deleteria e motivata sol-tanto da appetiti non sempre giustificabili e legittimi. Io termino il mio mandato assi-curando i cittadini sulla buona salute della gestione pubblica in termini di bilancio, pur con le difficolt del momento. Abbiamo dato delle risposte a tutti, dalla scuola, alla sa-nit, allassistenza, e in termini di crescita della citt abbiamo realizzato e riqualificato molte infrastrutture, al punto che Porto Viro riconosciuta anche oltre i confini provin-ciali e regionali come un esempio di buona amministrazione. Penso in coscienza di aver fatto il mio dovere anche se tante problema-tiche devono essere ancora affrontate, con laugurio che la vita possa riservare a tutti pi soddisfazioni.

    Bilancio di fine mandato 2009/2014

    Tribano informaPorto ViroMessaggio pubblicitario

  • 14 Porto Tolle

    di Alessandro Orlandin

    Il secco verr raccolto ogni due settimane, quando prima la raccolta era settimanale, e il vetro ogni due mesi. Lazienda che eroga il servizio ha deciso di non fornire pi i sacchetti

    Raccolta rifiuti Ecoambiente rivede i tempi di asporto, disagi per i cittadini

    Cittadini imbufaliti, bollette care e spazzatura in casa per mesi

    Aumentano le tasse e diminuiscono i servizi. Questo, in sintesi, il ragio-namento che sta facendo arrabbiare parecchi cittadini portotollesi e non solo. Il riferimento al saldo della Tares (Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi), giunto nelle ultime settimane in quasi tutte le case del Delta e alla contestuale riduzione della fornitura di sacchi e contenitori da parte di Ecoambiente, la societ pubblica che gestisce la raccolta differenziata in tutta la provincia di Rovigo. Le lamentele sono giunte da pi parti, tanto da imporre al vicesindaco di Porto Tolle, Mirco Mancin, un intervento per fare luce sulla questione: A Porto Tolle i calendari 2014 sono gi stati distribuiti e contrariamente ad altri Comuni abbiamo scelto di fornire ai citta-dini tutti e quattro i modelli di sacchetti. Saranno consegnati gi in questi giorni i venticinque per la plastica e lattine, i dieci del verde, ed entro un mese i cento dellu-mido e i venticinque del secco. Per quanto concerne invece i passaggi di raccolta, nei dodici mesi saranno trentasette per il ver-de, centoquattro per lumido, ventisei per plastica e secco, sette per il vetro e ven-tiquattro per la carta. Inoltre per i nuclei familiari con bambini, anziani e disabili che

    fanno uso quotidiano dei pannolini usa e getta, la frequenza di raccolta del secco non riciclabile potr rimanere settimanale solo previa registrazione al numero verde di Ecoambiente 800186622. Al di l dei numeri, il vicesindaco ha cos commentato la situazione: Certo, il sevizio di Ecoam-biente migliorabile, e siamo consapevoli di qualche lamentela, ma coprire giornal-mente un territorio vasto come il nostro e con 4.800 utenze da servire, avendo pochissime segnalazioni sintomo di una sostanziale positivit del servizio. Tuttavia Mancin deve anche difendersi dal fuoco delle opposizioni in consiglio comunale su questo tema. Infatti sia Roberto Pizzoli, sia Massimiliano Battiston hanno criticato lamministrazione circa la gestione dei rifiu-ti: A che serve fare la raccolta differenzia-ta se si paga sempre di pi? ha detto il rappresentante del Movimento 5 Stelle - e

    pi paghi e meno efficiente il servizio. Pizzoli: Mancin aveva rassicurato tutti sul-le sorti dellEcocentro, ma ancora i lavori non si vedono.

    Il disagio coinvolge praticamente tutti i comuni del Bassopolesine

    Un bando comunale per finanziare imprese messe in piedi da giovani di et compresa tra i diciotto e i trentacinque anni. Sulla carta uniniziativa che in molti casi potrebbe trovare sostegno unanime o quasi allinterno di un consiglio comunale, ma non a Porto Tolle, visto che il bando divenuto oggetto di scontro tra maggioranza e opposizione. Il bando deno-minato Giovani, lavoro e territorio mette a disposizione complessivamente 30mila euro per un finanziamento massimo di 5mila euro per ciascuna idea imprenditoria-le rivolta al territorio. Tuttavia due gruppi di minoranza (Pizzoli sindaco e Adesso per cambiare) hanno presentato una mozione che chiede la revoca del provvedimento. Se-condo i consiglieri c un concreto rischio di impugnazione del bando stesso e quindi un potenziale danno alla imprese beneficiarie dellagevolazione. Oltre a evidenziare un problema di carattere giuridico, Pizzoli e Bo-volenta hanno suggerito di utilizzare i fondi per forme diverse di sostegno alle imprese locali, magari degli sgravi sulla tassazione comunale. Critiche rispedite al mittente dal sindaco Claudio Bellan: Ci saremmo aspettati dalla minoranza contributi in termi-ni di idee per rendere pi efficace lazione che abbiamo messo in campo, ma ancora una volta dobbiamo constatare che leserci-zio di opposizione ha prevalso su linteresse dei cittadini.

    neWs

    Bando giovani, lavoro e territorioe scOntrO tra maGGiOranza e OppOsiziOne

    Al.Or.

    Pizzoli e Bovolenta

    * fi

    no a

    d es

    auri

    men

    to s

    cort

    e

    per chi acquistamateriale per una

    metratura superiore ai 40 mq.

    in omaggioun rosone del

    valore di .75,00*

    arrivatala primavera!

    ... da noifiorisconoi rosoni !

    www.ciottolidifiumesrl.it

    Bojon di Campolongo maggiore (Ve)III Strada Zona Artigianale, 2

    049 97 25 636

  • srlStufe - Caminetti - Caldaie - Legna - Pellets - Pannelli Solari

    PORTO VIRO (RO) Loc. Contarina Via Mazzini, 25 Tel. 0426 631214

    Rottamazione e ritiro usato

    DAL 20 MARZO AL

    20 APRILE oltre alla

    promozione abituale

    ULTERIORE

    SCONTO DEL 10%SU TUTTE LE

    STUFE ESPOSTE

    ASSISTENZA E RICAMBI - MANUTENZIONE

    Stufe e Caminetti a legna

    Stufe e Thermo-stufe a pellets

    CONCESSIONARIO PELLET delle migliori marche:

    Pellets Faggio a soli

    . 3,70Kg 15

    E915

    P937 P966 BRUNICO

    TALLINN

    IL CALOREPRENDE FORMAE927 M

    OPTI

    SCONTO 30%SU CANNE FUMARIE

    A PREZZI IMBATTIBILI

  • 16 Porto Tolle

    Un corpo senza vita e senza nome di una donna, ritrovato su una spiag-gia. Non la sequenza iniziale del celeberrimo Twin Peaks di David Lynch, ma quanto avvenuto per davvero sulla spiaggia di Boccasette lo scorso 8 febbraio. Quel giorno un uomo che stava passeggiando sul bagnasciuga ha notato il cadavere portato a riva dalle onde. servita una decina di giorni per capire a chi appartenes-se, visto che le condizioni del cor-po sono apparse fin da subito estremamente problematiche, come se fosse rimasto in acqua per setti-mane.

    Alla fine, grazie ai database incrociati dei vari commissariati di polizia del Veneto, si giunti allidentificazione: la donna si chiamava Lucia Francesca Dal Monte, ave-va 53 anni e viveva a Pressana, in provincia di Verona. I familiari hanno confermato li-

    dentit una volta presa visione degli effetti personali ritrovati con lei. Dal Monte era scomparsa da casa il 18 maggio 2013 e il suo caso era stato preso in esame anche dalla popolare trasmissione televisiva Chi lha Visto?. Le autorit, in base alle te-stimonianze raccolte, sembrano propende-re per lipotesi del suicidio. Infatti la donna

    era reduce da un difficile momento personale e nel giorno della scom-parsa non port con s alcun og-getto personale.

    Stando alla ricostruzione pi probabile, Lu-cia Dal Monte potrebbe essersi gettata nel fiume Fratta. Il Fratta, che diventa Gorzone nei pressi di Este, confluisce nel Brenta a Chioggia e quindi sfocia nel mare Adriatico. Da qui le correnti marine potrebbero aver condotto il cadavere fino a Porto Tolle, dove si poi arenato ed stato rinvenuto.

    CADAvERE RINvENuTO A BOCCASETTE LA DONNA RIPESCATA hA ORA uN NOME

    Al.Or.

    Lucia Francesca Dal Monte, aveva 53 anni e viveva a Pressana, in provincia di Verona. I familiari hanno confermato lidentit una volta presa visione degli effetti personali ritrovati con lei. Dal Monte era scomparsa da casa il 18 maggio 2013 e il suo caso era stato preso in esame anche dalla popolare trasmissione televisiva Chi lha Visto?

    Dopo la battaglia sul presidio ospedaliero di Porto Viro, il Delta si mobilita per salvare il commissariato di polizia di Porto Tolle. Lo storico presidio infatti a rischio chiusura, al-meno cos lascia pensare il piano di riorganizza-zione nazionale del dipartimento di Pubblica Si-curezza. A rischio anche lesistenza della locale squadra nautica. A lanciare lallarme per primo stato il SAP (Sinda-cato Autonomo di Polizia) di Rovigo attraverso il suo segretario Fabio