Arctic Frontiers Il tesoro Artico - .L'oceano artico infatti non è solo acqua, ma un gigantesco page 1
Arctic Frontiers Il tesoro Artico - .L'oceano artico infatti non è solo acqua, ma un gigantesco page 2

Arctic Frontiers Il tesoro Artico - .L'oceano artico infatti non è solo acqua, ma un gigantesco

  • View
    214

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Arctic Frontiers Il tesoro Artico - .L'oceano artico infatti non è solo acqua, ma un gigantesco

ProgettiFrontiere Esperienze

10 Il Sole 24 Ore Nva24 n. 575 5 febbraio 2017

Arctic Frontiers Territori inesplorati Riscaldamento climatico

Il tesoro Articoche tuttirivendicanoIl Polo Nord gravementemalato. Ma anzich prestaresoccorso, gli Stati guardanoalle sue preziose risorse ea come accaparrarsele

diAlessandra Viola

a Sono passati settantanni da quandolitaliano Umberto Nobile e il norvegeseRoald Amundsen avvistarono per la primavolta ufficialmente il Polo nord a bordo deldirigibile Norge. Era il 1926 e il ghiaccio ar-tico allora aveva unestensione del 40%maggiore rispetto a oggi. Si sarebbe forsedovuto dire a quei tempi, invece solonell'ultimo anno che l'Artico diventatoufficialmente uncharted territory, terri-torio inesplorato.

Su questo punto, gli oltre cento ricerca-tori e politici giunti da ogni dove a Troms,in Norvegia, per partecipare alleventoscientifico Arctic Frontiers, sono tutti dac-cordo. Dalle condizioni dell'Artico dipen-de il clima mondiale: dalla Florida al Medi-terraneo, il riscaldamento dell'emisferosettentrionale del pianeta dovuto alla ri-duzione del ghiaccio artico - spiega PaulWassmann, docente di Biologia ambienta-le presso l'Institute of Arctic and MarineBiology delluniversit di Troms - Per lascienza importante distinguere le causedagli effetti, il centro dalla periferia. Siamoabituati a pensare che Roma, Parigi o NewYork siano il centro del mondo. Ma per ilpianeta il centro sta ai poli. E l sta cambian-do tutto: il Jet Stream, la corrente a gettopolare, non pi regolare e la sua variabili-t porta instabilit climatica in tutto l'emi-sfero settentrionale. Anche la corrente delGolfo sta modificando il suo percorso, al-lungandosi verso la Siberia e sgelando ilpermafrost, che a sua volta rilascia gas ser-ra amplificando i cambiamenti climatici.Cambiano le correnti, diminuisce l'albedo,grandi masse di acqua dolce si versano inmare: gli effetti sono imprevedibili.

Nel nord del pianeta i cambiamentistanno avvenendo circa due volte e mezzapi rapidamente che in qualsiasi altro luo-go (dati Nooa e World meteo organiza-tion), il volume del ghiaccio continua a di-minuire (meno 70% negli ultimi trent'an-ni), la temperatura dell'aria continua adaumentare e l'acqua oltre a riscaldarsi (inalcune regioni salita anche di 5 gradi ri-spetto alla media 1982-2010), si sta acidifi-cando. Per studiare e correlare tra loro fat-tori cos complessi, la scienza punta sullacooperazione internazionale, ma la Guer-ra fredda l'ha gi interrotta una volta e oggirischiano di fare altrettanto le brame deglistati del Nord che si contendono il Polo ge-ografico e - soprattutto - le immense ric-chezze che nasconde.

All'interno del Circolo polare vive solo lo

0,05% della popolazione mondiale, ma so-pra il sessantaseiesimo parallelo (che nesegna il confine meridionale) si nascondecirca il 13% dei giacimenti di gas e petrolioancora da sfruttare, e poi oro, argento, fer-ro, uranio, diamanti. Secondo la Conven-zione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Unclos), ogni paese pu formulareuna rivendicazione sull'Artico e tentare diestendere la propria sovranit fino a tuttala piattaforma continentale a cui lo statoappartiene, estendendo cos i propri sullerisorse presenti sul fondale e nel sottosuo-lo dell'area riconosciuta.

Norvegia, Russia, Canada e Danimarcahanno gi finanziato progetti per la raccol-ta di dati in grado di sostenere le loro riven-dicazioni e la Commissione ha gi rigettatouna volta la richiesta russa chiedendo unapprofondimento dei dati. Nel frattempoper l'occupazione dell'artico gi partita,anzi sarebbe pi giusto dire che da oltrecinquant'anni non si mai fermata. Il Con-siglio artico, in cui siedono gli otto stati i cuiterritori ricadono nel circolo polare, cercada vent'anni di mediare tra gli interessi deisuoi membri, ma la recente virata america-na (l'America presiede il Consiglio fino allafine del 2017) sul tema dei cambiamenti cli-matici rischia di segnare una brusca svoltaanche in questi orientamenti. DonaldTrump, ribadendo nei fatti le posizioni ne-gazioniste gi varie volte espresse, ha gidato un chiarissimo segnale delle sue in-tenzioni nominando segretario di Stato ilnumero uno della compagnia petroliferaExxon Mobil, una delle sette sorelle delpetrolio. L'oceano artico infatti non soloacqua, ma un gigantesco giacimento. Ingrado per di portarci alla catastrofe cli-matica. Abbiamo raccolto dati dai tropicial Polo, sotto e sopra le acque: ci sono cam-biamenti ovunque e in particolare nell'oce-ano artico - dice Carl Gustaf Lundin, diret-tore del Global Marine and Polar Program-me dell'Iucn, l'Unione internazionale perla conservazione della natura - Quando sipensa alla necessit di limitare l'effettoserra, si pensa in genere alla deforestazio-ne, che riduce l'assorbimento dellanidridecarbonica. Senza considerare che la quotadi gran lunga maggiore di questo gas, circal'83%, stata finora assorbita dagli oceani,in particolare da quelli freddi e con pH pielevato. Se non fosse per la fondamentalefunzione che svolgono, si calcola che latemperatura mondiale sarebbe 36 gradipi elevata: il pianeta sarebbe inabitabilein vastissime regioni. Il pH dell'oceano ar-tico per sta scendendo anno dopo anno, econ esso la sua capacit di assorbire CO2.Siamo abituati a pensare a processi lineari,in cui un valore scende o sale sempre un po'di pi. Il problema che il riscaldamentoglobale non funziona cos. Ci sar un puntooltre il quale le cose saranno drasticamen-te diverse da come sono oggi: un'avven-tura dagli esiti incerti e pericolosi.

Ma forse, come diceva il grande esplora-tore Amudsen, l'avventura non esiste, solo cattiva organizzazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA Fonte: dati dell Arctic Report card 2016 della Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration Usa) - (GISS-NASA, 2017) - NOAA - ESA _ PROGETTO POLARIS

polo nordin bilicoLoceano meno conosciuto e studiatoal mondo oggi il fulcro di questioniclimatiche, energetiche, commercialie politiche che mettono a rischiolintero pianeta

LARTICO SI SCALDA 2 VOLTEPI VELOCEMENTE RISPETTOALLINTERO GLOBOLe temperature annuali a partiredal 1900 per lArtico e il pianeta,rispetto alla media 1981-2010.In gradi centigradi

Artico Globale

A nord del circolopolare articosono presenti:

LA SUARICCHEZZA

LET DEL GHIACCIOMARINOIl ghiaccio marinopluriennale (ghiacciocon et maggioredi 4 anni) passatoa unestensione dicirca 2 milioni di km2nel 1984 a circa0,2 milioni di km2nel settembre del 2016

In milioni di km2

In milioni di km2

0

0,5

1,5

2,5

2

1

0

0,5

1,5

2,5

2

1

1-2 2-3 3-4 4+

2016200019801960194019201900

1-2

Anni

Anni 2-3 3-4 4+

0 1 2 3 4+Anni

LA GEOPOLITICA DELLARTICO

km

Shangai

Rotterdam

Oceano Indiano

OceanoPacifico

Asia

Africa

NordAmerica

OceanoAtlantico

I giorni di navigazionerisparmiati passandodal Polo Nord, per andareda Rotterdam a Shangai

10

78%Il ghiacciocon menodi un anno

55%Il ghiacciocon menodi un anno

LA SCORCIATOIA POLARE

1984

2016

Media 1981-20100

2

1

-2

-2,5

-1,5

-1

-0,5

0,5

1,5

A partire dal 1990,l'aumento della temperatura

nell'artico aumentata2,5 volte pi rapidamente

della media

Osservatori permanentiITALIA (dal 2013)

Cina

Giappone

Coreadel Sud

Singapore

India

Partecipanti permanentiIn aggiunta ai paesi che fanno partedel Consiglio artico ci sono 6 Partecipantipermanenti: sei organizzazioni cherappresentano altrettanti popoli indigenidella regione artica:

AleutAthabaskanGwichin Inuit

SamiPopolazionidella Russiadel nord (riunite)

Consiglio articol'Artic Council (o Consiglio Artico) statoistituito nel 1996 con la Dichiarazionedi Ottawa. Il suo scopo garantire allaregione artica uno sviluppo sostenibiledal punto di vista ambientale, sociale,economico.

Ne fanno parte i paesi che hanno una partedel loro territorio che ricade nel Circolopolare artico, cio:

RussiaNorvegiaSveziaFinlandia

DanimarcaCanadaStati UnitiIslanda

22%Il ghiaccio

pi vecchiodi un anno

45%Il ghiaccio

pi vecchiodi un anno

+3,5L'aumento della temperatura dall'iniziodel 20 secolo, nell'Artico

La diminuzionedellestensionedel ghiaccio marinoin Artide misurataa settembre(minima estensione)rispetto agli inizidel 20 secolo

-40%

Rotta classica

11.300~Miglia nautiche

Rotta artica

Groenlandia(DANIMARCA)

CANADA

Alaska(STATI UNITI)

CircoloPolareArtico

RUSSIA

Isole dellaNuova Siberia

Strettodi Bering

Mardi Bering

SVEZIA

ISLANDA

IsoleFaroe

NORVEGIA

FINLANDIA

La superficiedell'Artico

la cui proprietrimane ancora

da decidere

mlndi km2

POLONORD

1

Superficiericoperta

dai ghiaccinel 1984

Superficiericoperta

dai ghiaccinel 2016

Confininazionalioffshore

Potenzialigiacimentidi petrolioe gas

Mardi Barents

Novaja Zemlja(Russia)

Groenlandia

Canada

Russia

Groenlandia

Canada

Russia

93%

Quota del riscaldamentoprodotto dall'uomoe dall'effetto serra,

assorbito dagli oceani,a partire dagli anni 70

7.700~Miglia nautiche

Il ghiaccio che ricoprela Groenlandia contieneabbastanza acquada alzare il livello globaledelle acque di 7 metri

30 - 40Laumento, in giorni, della durata dellastagione dello sciogliment