1448 bcc bilancio 2017 - Bcc Scafati e Cetara cooperativi delle Bcc (Iccrea banca e Ccb - Cassa Centrale

  • View
    2

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of 1448 bcc bilancio 2017 - Bcc Scafati e Cetara cooperativi delle Bcc (Iccrea banca e Ccb - Cassa...

  • �������� � ������ � ����

    �� ��

    �� ��

    �� �� �

    ����������� ���� �������������������� ����������������

    ������������������ ����� �!��"��������#$!%����&

    ������������'��

    �($�����#�!)�����*+ ����������������

    ����������� ����,�-�� ���' ���..�� ��� �!��(�$ �������&�++�*���

    ����������� �����

    $ ($��� �/������+�0+� �������&�1*����

    ���������������'�'� ���� �(%����##� ����� ��������������+���

    ���������������� ������..�!� ������������*&��

    ����������� �����2�'�� �� ��'� ���� ��,����(�������1 ������������*��+

    ������������ ��� � 3������

    $ ($�3#/� %$� ����* �������&��*����

    ����������� ����� ����� �� �4 ���� ��5�%���+� �����������+1��&

    �������� �.�$!��6�!� ����7 � ���� ���������������������������������������

    ��� � ��� � ��� ��5�%���������������(�(%�!.���** ��5�%����������((�!� $���!.$!���1���$����%8�9�6!� ��5�%��:�$��� �!����% $;��������,����("� ������

    9$(�$ ���������� $%%$%�!%��� !�(%$� � ���$��*� ���$ ��� $ ($���6�!!���1� � ���!$������3#/� %$� ��� �6� $���:�$��� ����..� $;��������� $""$�����

    ��������� � �����

    ��������� ����

  • B IL

    A N

    C IO

    D I

    C O

    E R

    E N

    Z A

    2 0

    1 7

    1

    Bilancio di coerenza 2017

    Indice

    2 Organi sociali

    3 L’editoriale del presidente

    4 La storia “controcorrente” del Credito Cooperativo di Scafati e Cetara

    4 Un 2017 ricco di eventi e attività sociali

    13 I soci e i dipendenti premiati dall’Assemblea

    14 Sintesi dei principali valori del Bilancio 2017

    16 Il nostro Territorio... patrimonio da custodire

  • B IL

    A N

    C IO

    D I

    C O

    E R

    E N

    Z A

    2 0

    1 7

    2 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SCAFATI E CETARA

    Organi sociali

    CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

    Presidente Massimo Cavallaro

    Vicepresidente vicario Salvatore Gravina

    Vicepresidente Vincenzo Caputo

    Consiglieri Gabriele Acanfora Mario Capuano Angela Carotenuto Pasquale De Vivo Valerio Milano Maria Pisani Aniello Sicignano Francesco Tortora

    COLLEGIO SINDACALE

    Presidente Vincenzo Abate

    Sindaci Effettivi Carmela Cascone Domenico Catalano

    Sindaci Supplenti Vincenzo Abenante Raffaele Criscuolo

    COLLEGIO DEI PROBIVIRI

    Presidente Gabriella Pelosi

    Probiviri effettivi Gino Coticelli Germana Pagano

    Probiviri supplenti Anna Rita Martone Filiberto Pasca

    DIREZIONE

    Direttore Generale Vincenzo Ferrara

  • L’editoriale del presidente

    La riforma del credito cooperativo italiano è ai nastri di partenza. Il percorsodi cambiamento è stato oramai tracciato. Il 2 maggio scorso è scaduto il ter-mine di presentazione dell’istanza alla BCE per la costituzione dei gruppi cooperativi delle Bcc (Iccrea banca e Ccb - Cassa Centrale banca, più uno provin- ciale proposto da Cassa centrale Raiffeisen). Sulla partita gioca un ruolo fonda- mentale il pressing di Bankitalia che punta a presentare, a Francoforte, “soggetti” con una governance adeguata e i conti in regola. Per questo, il quarto (Iccrea) e l’ottavo (Ccb) gruppo italiano saranno esaminati su un dossier contenente il con- tratto di coesione, il sistema di early warning e la struttura di governance del nuovo gruppo bancario. L’esame di “maturità” dovrebbe svolgersi, presumibil- mente, a fine 2018 o poco oltre. Al Forex a Verona, recentemente, il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, ha ribadito che Iccrea e Ccb, prima di essere valutate dalla Bce, subiranno, a Roma, un preliminare “esercizio di valutazione approfon- dita dei bilanci”, e che pertanto, dovranno predisporre adeguati piani di rafforza- mento del capitale, da attivare in caso di necessità. I tempi stringono, quindi, e lo stesso Visco, ha spiegato che eventuali “ritardi o resistenze al cambiamento fini- rebbero con il compromettere il successo di una riforma che può consentire alle Bcc di superare gli svantaggi della piccola dimensione e continuare a sostenere l’e- conomia locale, preservando i valori della cooperazione e della mutualità”. Fedeli ai principi fondamentali del credito cooperativo, noi amministratori della Banca di credito cooperativo di Scafati e Cetara, abbiamo deciso di intraprendere la strada del cambiamento aderendo al gruppo bancario proposto da Iccrea Banca, di cui il nostro istituto è azionista e con cui condividiamo da tempo percorsi e obiettivi. Siamo convinti che, solo attraverso un cammino da compiere insieme, è possibile realizzare pienamente quei valori di mutualità e cooperazione che ci sono stati tra- mandati dai nostri antenati. Solo così è possibile dar vita a quello che Papa Francesco, pochi mesi or sono, ha chiamato “un nuovo umanesimo economico”, quale unico modo per mettere fine all’economia dell’esclusione e dell’inequità, “all’economia che uccide, a sistemi eco- nomici in cui uomini e donne non sono più persone, ma sono ridotte a strumenti di una logica dello scarto che genera profondi squilibri”.

    C’è un solo modo per conoscere dove porterà il cambiamento: “proseguire il cammino insieme”.

    Scafati, 11 maggio 2018

    Il Presidente Massimo Cavallaro

    B IL

    A N

    C IO

    D I

    C O

    E R

    E N

    Z A

    2 0

    1 7

    3

  • B IL

    A N

    C IO

    D I

    C O

    E R

    E N

    Z A

    2 0

    1 7

    4 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SCAFATI E CETARA

    La storia “controcorrente” del Credito Cooperativo di Scafati e Cetara

    22 febbraio 1914 - Nasce la “Cassa Agraria di Prestiti di Scafati” ad opera di ses- santaquattro agricoltori nello studio del notaio Stanislao Langella, il primo Presidente del Consiglio di Amministrazione fu il Dr. Giuseppe Cirillo, che si avvalse dell’opera di altri sei consiglieri e del contabile della cassa signor Luciano Giuseppe.

    13 ottobre 1935 - L’assemblea straordinaria dei soci approva il nuovo statuto, adeguan- dosi alla nuova normativa e cambiando la denominazione in “Cassa Agraria di Scafati” 27 marzo 1938 - L’assemblea straordinaria della società modificò nuovamente lo statuto, adeguandolo al Regio Decreto del 26 agosto 1937 (testo Unico delle Casse Rurali ed Artigiane), ed assumendo la nuova denominazione “Cassa Rurale ed Artigiana di Scafati” 1947 - Gruppo di Soci della Cassa Rurale presso la sede di Via Montegrappa - Scafati

    Chiara De Palma, prima socia della Cassa Agraria di Prestiti di Scafati (dall’archivio del dott. F. Donnarumma)

  • 12 marzo 1950 - Viene eletto Presidente l’avv. Donato Nastri

    1963 - La Cassa partecipa, come socio fondatore, alla costituzione dell’Istituto di Credito delle Casse Rurali ed Artigiane

    1964 - Festeggiamenti per il 50° anniversario della Fondazione della Cassa Rurale.

    50° Anniversario della Fondazione dell'Istituto presso la Sala Venezia (Scafati)

    1971 - Inaugurazione della nuova sede di Via Pietro Melchiade, Scafati Enzo Badioli presidente di Federcasse e dell'Iccrea con Donato Nastri presidente della Cassa Rurale e Artigiana di Scafati 1984 - 70° anniversario della fondazione della Cassa Rurale e Artigiana di Scafati

    11 febbraio 1991 -Viene inaugurata la prima Filiale della Banca a S. Maria La Carità

    1 giugno 1991 - Viene inaugurata la seconda Filiale della Banca nel Comune di Pompei

    9 dicembre 1991 - La Banca d’Italia autorizza la nostra Banca, ai sensi delle legge n.1 del 2.01.1991, allo svolgimento dei servizi di intermediazione mobiliare

    B IL

    A N

    C IO

    D I

    C O

    E R

    E N

    Z A

    2 0

    1 7

    5

  • 1994 - Viene modifica la denominazione da “Cassa Rurale ed Artigiana di Scafati “a “Banca di Credito Cooperativo di Scafati”

    10 luglio 1994 - Viene inaugurata la filiale di San Marzano sul Sarno

    23 novembre 1996 - L’assemblea straordinaria dei soci delibera la fusione con la Cas