Click here to load reader

… Andate e evangelizzate ogni creatura …Io sono con voi L Evangelizzazione nanni.unisal.it

  • View
    218

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of … Andate e evangelizzate ogni creatura …Io sono con voi L Evangelizzazione nanni.unisal.it

  • Slide 1
  • Andate e evangelizzate ogni creatura Io sono con voi L Evangelizzazione nanni.unisal.it
  • Slide 2
  • Ges, soggetto, fonte, oggetto, energia (con il suo Spirito) CRISTO, il primo e il pi grande evangelizzatore (Giovanni Paolo II) .il mistero nascosto da secoli e da generazioni, ma ora manifestato ai suoi santi. A loro Dio volle far conoscere la gloriosa ricchezza di questo mistero in mezzo alle genti: Cristo in voi, speranza della gloria. lui infatti che noi annunciamo, ammonendo ogni uomo e istruendo ciascuno con ogni sapienza, per rendere ogni uomo perfetto in Cristo. Per questo mi affatico e lotto, con la forza che viene da lui e che agisce in me con potenza. (Colossesi, 1, 26-29)
  • Slide 3
  • Lorizzonte e il fine dellevangelizzazione perch i loro cuori siano consolati. intimamente uniti nellamore, essi siano arricchiti di una piena intelligenza per conoscere il mistero di Dio, che Cristo: in lui sono nascosti tutti i tesori della sapienza e della conoscenza (Colossesi 2, 2-3 ) perch per mezzo di lui e in vista di lui siano riconciliate tutte le cose, cielo e terra(Colossesi,1, 20)
  • Slide 4
  • La Chiesa evangelizz a con la Predicazione Comunione = da come vi amerete Liturgia = celebrando e attualizzando il mistero *Primo annuncio *Iniziazione cristiana alla vita cristiana (non solo ai sacramenti della iniziazione cristiana Catechesi e catecumenato *cura/ formazione mistagogica) per tutte le et, e stati e condizioni di vita, di tutte le dimensioni della vita personale, individuale, comunitaria, collettiva, in tutte le situazioni di vita Carit = nel fare bene, nellamare si vede concretame nte Cristo e la forza del Vangelo
  • Slide 5
  • LA SOSTANZA DELLA EVANGELIZZAZIONE 2. Fare tutto perch luomo creda e si ritrovi in Cristo 1. Annunciare il Vangelo 3. Immergersi in Cristo per comunicarlo ai fratelli 4. Lavorare per il Regno di Dio 5. Divinizzare la cultura umana
  • Slide 6
  • accresci in noi la fede (LC 17,5) Prima parte EVANGELIZZAZIONE E FORMAZIONE
  • Slide 7
  • donec formetur Christus in vobis (Gal.4,19) necessit PER LEVANGELIZZAZIONE della formazione e di una vita personale e comunitaria che profumi di Vangelo Come dunque avete accolto Cristo Ges, il Signore, in lui camminate, radicati e costruiti su di lui, saldi nella fede come vi stato insegnato, sovrabbondando nel rendimento di grazie (Colossesi, 2,6-8) . Condizione per essere evangelizzatori/trici autentici/che .Per noi: sentire la gioia di essere salvati, grazie al fatto di essere stati evangelizzati
  • Slide 8
  • CERCARE CRISTO IMPARARE CRISTO (Ef. 4.20) AMARE CRISTO i livelli del cammino formativo
  • Slide 9
  • = chiamati ad una profonda conversione, ad una veritiera e verace revisione della nostra vita, ad una terapia di autenticit del nostro essere battezzati, del nostro essere cristiani, del nostro credere Ci credo veramente? Quanto? Fino a che punto? Abbiate fede in Dio e abbiate fede in me (Gv 14, 1)
  • Slide 10
  • di impulsi e intenzionalit volute (inconscio e conscio) come il palo a cui si legano le gondole a Venezia (una parte al sole, colorata, laltra parte sotto, nellacqua, nella melma, al buio, ma d solidit e forza alla parte che sopra) La prospettiva soteriologica integrale cristiana Cristo disceso nei nostri inferi e li ha salvati! Ha salvato tutto luomo!non solo lanima o lo spirito . ma senza paura e ossessione.. Nellamore non c timore (1Gv 4,10) Ubi amatur, non laboratur; et, si laboratur, labor ipse amatur, (santAgostino, De bono vid. 21, 26) In eo quod amatur, aut non laboratur, aut et labor amatur.
  • Slide 11
  • Letica della figliolanza = adeguare il proprio amore (la carit - agape) allessere di ciascuna realt, volendo bene, volendo il bene, volendolo bene, facendolo bene Figli/E nel Figlio Il MISTERO DELLA FORMAZIONE = vivere e crescere nella comune e diversificata figliolanza allinterno della vita e della comunicazione trinitaria
  • Slide 12
  • Nella crescita della fede fondamentale una una VITA COMUNITARIA ecclesiale (= la parrocchia comunit delle comunit) EVANGELICA realizzata nei 5 ambiti di Verona (relazioni, festa/lavoro, trasmissione culturale, fragilit e aspirazioni, cittadinanza
  • Slide 13
  • seconda parte: EVANGELIZZAZIONE E EDUCAZIONE nanni.unisal.it
  • Slide 14
  • Senza educazione, non c evangelizzazione duratura e profonda, non c crescita e maturazione, non si d cambio di mentalit e di cultura (Benedetto XVI al Capitolo dei Salesiani, 1.3.2008) Occorre preoccuparsi della formazione della sua intelligenza, senza trascurare quella della sua libert e capacit di amare. E per questo necessario il ricorso anche allaiuto della Grazia. Solo in questo modo si potr contrastare efficacemente quel rischio per le sorti della famiglia umana che costituito dallo squilibrio tra la crescita tanto rapida del nostro potere tecnico e la crescita ben pi faticosa delle nostre risorse morali (Benedetto XVI a Verona, 19 ottobre 2006)
  • Slide 15
  • educare cos? Relazione di aiuto (mediazione, stimolo, sostegno, promozione)[etero/auto] per la formazione delle capacit fondamentali della vita personale (individuale, di gruppo, comunitaria, collettiva) al fine di essere coscienti, liberi, responsabili e solidali, e vivere una vita umanamente degna e un esistenza storica aperta alla trascendenza e a una visione religiosa della vita ( cristianamente: vita buona secondo il Vangelo)
  • Slide 16
  • Carlo Nanni [email protected] Democrazia e diritti umani: la svolta mondiale del dopoguerra Tenere conto dei contesti
  • Slide 17
  • Fine anni 90 RIVOLUZIONE LIQUIDA (Bauman) degli STRUMENTI e dei MODI DI COMUNICARE: dal Web1.0 al Web2 +comunicazione + solitudine Le 4 ondate Inizi secolo XXI: GLOBALIZZAZIONE imprenditoria internazionale, mercato mondializzato..ma globalizzati anche cultura e vita: multiculturalismo, omologazione? Relativismo la RIVOLUZIONE SILENZIOSA dei COMPORTAMENTI (Inglehart) degli anni 70 Enfasi sui diritti soggettivi e su quelli di genere ed ecologici lautorealizzazione= religione dellIo? il noi, listituzione?, il bene comune? Crisi della famiglia, scuola, societ.. 1 2 3 le neuroscienze e le BIOTECNOLOGIE e lumano? post-umano? 4
  • Slide 18
  • 1 il DIALOGO e della COMUNICAZIONE TRA LE GENERAZIONI, tra luoghi e non luoghi, ai tempi del Web2.0 2 la formazione dellidentit e della progettualit personale in un MONDO FRAMMENTATO, multiculturale, relativistico/fondamentali stico, senza troppe speranze di futuroSENZA DIO?..Desertificazione? 3 L INTEGRAZIONE TRA RAZIONALIT ED EMOTIVIT, tra intelligenza ed affettivit, tra impulso e intenzionalit, tra potere tecnico e potere morale 4 4 nodi delleducare/evangelizzare essere figli, crescere e farsi persona oggi IN FAMIGLIA, difficolt materiali, assenza paterna, permissivismo, poco stare insieme, dialogo
  • Slide 19
  • CHE FARE ?
  • Slide 20
  • cercando il punto accessibile al bene (don Bosco) dando voce: al desiderio di libert, di vita e di felicit di trascendenza, di spiritualit (di divino? di infinito?), = desiderium naturale videndi Deum alla ricerca di senso alle esperienze di amicizia e di amore, allimpegno volontario, fattivo e costruttivo, civile e ecclesiale per il bene Vedere i ragazzi (e le cose). con locchio buono del Vangelo vedere le sofferenze e le fragilit soli.. Nichilismo ospite inquietante passioni tristi assetati, nel disagio..e far gioco su essi
  • Slide 21
  • ..collegandoli alla PROPOSTA del VANGELO = del mistero di Ges e del suo Vangelo, perch abbiano la vita e labbiamo in abbondanza Vissuto e da ARRICCHIRE nel mistero della Chiesa sacramento e comunit di salvezza di salvezza per il mondo PORTARLO AD ALTEZZA degli adolescenti, giovani, gente del loro LINGUAGGIO, dei loro SOGNI.. delle loro RELAZIONI, della loro VITA far gioco su tali aspirazioni
  • Slide 22
  • 1.in mezzo ai giovani: accoglienza, dialogo 3. a casa propria = spirito di famiglia 2.Partendo dal punto accessibile al bene 7.senza di voipromuovere il protagonismo 5. Con ragione, religione, amorevolezza (anche nel rimprovero/castigo) 10.la guida, orientamento e accompagnamento educativo (lassistenza) exallievi 8. Avviare a far fare pratica= corresponsabilizzare 6. Indicazioni di senso: la proposta evangelica 9. Gestire il tempo= La quotidianit e la festa il progetto, il patto educativo, il regolamento Un processo, che quasi un decalogo. 4. Accendere con gradualit le potenzialit, le risorse
  • Slide 23
  • .. operare nei non luoghi giovanili
  • Slide 24
  • esperienze di feste e di incontri comunitari che celebrino la comunione ecclesiale la sua fondazione nella Parola di Dio; una liturgia che permetta la integrazione tra rito e espressivit giovanile, tra segno e mistero; momenti di riflessione di gruppo ma anche di solitudine-interiorit personale; pratiche caritative e di volontariato civile; ma anche utilizzando bene i tradizionali mezzi educativi della fede: il pellegrinaggio le GMG e quelle parrocchiali e diocesane
  • Slide 25
  • Loratorio ponte e laboratorio
  • Slide 26
  • (ad es. con i genitori, con le famiglie, con la scuola, con i luoghi e le agenzie locali del divertimento e dello sport) D. Ricerca delle ALLEANZE e operare IN RETE
  • Slide 27
  • come Ges maestro 1) si fa prossimo 2) accoglie personalmente 3) dialoga (cosa leggi?) 4) comprende, non condanna anche se non giustifica 5) stimola la libertpersonale verso il di pi, secondo i talenti di ognuno e le esigenze del Regno (la vocazione-missione):non peccare pi, fa questo e vivrai, vendi tutto vieni e seguimilascia le reti ti far pescatore di uomini. 6) Testimonia, beneficando, il Vangelo dellamore di Dio per il mondorischiando!!! 7) per loro santifico me stesso C onclusione 1
  • Slide 28
  • Conclusione 2
  • Slide 29
  • contemplare i misteri della Passione e della Croce, per diventare sequela del Cristo povero e crocifisso attraverso la testimonianza al mondo delle esigenze della conversione evangelica in spirito di dolcezza, di umilt, di abnegazione e mortificazione essere informata dello Spirito di Ges Cristo da farlo trasparire in ogni minima azione (cfr. Cs 1874) e cos far trasparire nel quotidiano il carattere distintivo delle Figlie Povere di San Pietro dAlcantara: la carit fraterna. Domande per lapprofondimento Come la comunit religiosa (con quali modi, atteggiamenti, iniziative, pu essere una risorsa a)per la crescita della fede nelle consorelle? b)per la evangelizzazione della gente? Cosa c da rinnovare, approfondire? Se e come rinnovare la presenza di carit operativa nella scuola, catechesi, pastorale giovanile, assistenza, vicinanza ai poveri, coadiuvare i parroci? Come (cor)rispondere alle nuove sfide del contesto alla trasmissione della fede?
  • Slide 30
  • educazione evangelizzazione GES CRISTO nello Spirito Vita dei giovani, della gente VITA nostra personale -comunitaria Un modello integrato di unit della vita e dellapostolato